Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Archivio
<agosto 2018>
lunmarmergiovensabdom
303112345
6789101112
13141516171819
20212223242526
272829303112
3456789
Mensile
agosto 2018
luglio 2018
giugno 2018
maggio 2018
aprile 2018
marzo 2018
febbraio 2018
gennaio 2018
dicembre 2017
novembre 2017
ottobre 2017
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
aprile 2011
marzo 2011
febbraio 2011
gennaio 2011
dicembre 2010
novembre 2010
ottobre 2010
settembre 2010
agosto 2010
luglio 2010
giugno 2010
maggio 2010
aprile 2010
marzo 2010
febbraio 2010
gennaio 2010
dicembre 2009
novembre 2009
ottobre 2009
settembre 2009
agosto 2009
luglio 2009
giugno 2009
maggio 2009
aprile 2009
marzo 2009
febbraio 2009
gennaio 2009
dicembre 2008
novembre 2008
ottobre 2008
settembre 2008
agosto 2008
maggio 2008
aprile 2008
marzo 2008
febbraio 2008
gennaio 2008
dicembre 2007
novembre 2007
ottobre 2007
settembre 2007
agosto 2007
luglio 2007
giugno 2007
mag11


11/05/2018 8.20 

 
Alla conclusione, dovuta all'anagrafe, della mia esperienza di allevatore e addestratore di cani da ferma (utilizzati a caccia), iniziata nel 1953, per pura passione, ho maturato alcune opinioni frutto di un'esperienza individuale.

Ho cacciato prevalentemente starne nelle sterminate pianure dell'Est Europa che, a mio avviso, restano per il cinofilo allevatore l'unico vero laboratorio per i confronti e le verifiche dei suoi esperimenti, ed ho potuto osservare che fino a 20/25 anni or sono, gli effetti della pressione selettiva sui cani si potevano osservare già dopo due o tre generazioni, mentre da allora gli sforzi tesi ad ottenere miglioramenti genetici risultano sostanzialmente sterili.

L'allevatore amatoriale è obbligato dalla limitazione dei mezzi disponibili a seguire criteri empirici, ma se pensiamo all'allevamento dei cavalli da corsa degli emiri arabi, nei quali le risorse finanziarie, scientifiche, dimensionali e organizzative sono praticamente illimitate, constatiamo che anche li i campioni sono rari come sempre, e che la velocità di punta dei migliori è rimasta invariata da molti anni.

Del resto anche in natura la selezione naturale ha per scopo una stabilizzazione conservativa ma non migliorativa.

Tutto ciò mi porta a pensare che la pressione selettiva del cane da ferma abbia raggiunto il suo "picco evolutivo", cioè il limite biologico che rende difficile e poco significativo ogni ulteriore progresso.

La cinofilia venatoria si propone di incrementare la "resa venatoria" del cane da lavoro, che è frutto della sinergia tra dotazione genetica e stimoli dell'ambiente faunistico di iniziazione, e perciò esaurite le potenzialità della selezione non resta che accertare se dal processo di maturazione del cucciolone possano emergere margini compensativi di miglioramento, ancora non sfruttati completamente.

Se riflettiamo sul processo formativo della tecnica venatoria da parte del cucciolone, constatiamo che mentre in natura i cuccioli dei predatori imparano questa dalla madre o dai membri esperti del branco, il cane non è in grado di apprenderla per imitazione degli altri.
Ma la selezione in compenso ha reso l'apparato neuronale del cucciolone "plastico", nel senso che durante il suo periodo sensibile (che va dagli 8/10 mesi ai 24/30) per effetto degli stimoli esterni la sinaptogenesi è in grado di autodeterminare le strutture e le funzioni che presiedono ai processi di omeostasi sensoriale del cane e alla costruzione della sua capacità di apprendimento, quella che presiede alla registrazione degli stimoli esterni, alla loro metabolizzazione e alla conseguente elaborazione di specifiche reazioni congrue, che per effetto della stabilizzazione sinaptica selettiva, si fissano in quei comportamenti non più modificabili, che costituiscono la tecnica venatoria del cane.

Perciò la "resa venatoria" del cane maturo viene a dipendere direttamente ed in misura determinante dagli stimoli dell'ambiente faunistico di iniziazione, in quanto il "programma venatorio" del cane (senso del selvatico, facilità di incontro, capacità di fermare il selvatico alla distanza "giusta" per impedirgli la fuga di piede senza obbligarlo all'involo) si adegua alle difficoltà incontrate durante l'iniziazione. Osservando ciò che comunemente avviene nel mondo dei cacciatori, trovo conferma di queste ipotesi.

Oggi i cacciatori allevano, tengono in casa e iniziano i loro cuccioli nell'ambiente e sulla selvaggina che sono soliti cacciare, e i loro cani automaticamente si conformano a ciò che è richiesto da questo ambiente di iniziazione e ciò con piena soddisfazione dei loro padroni.
Sul piano pratico una regola facile da applicare per avere un cane adatto al proprio modo di cacciare, è iniziarlo nell'ambiente faunistico simile a quello nel quale si dovrà utilizzarlo.
 

Enrico Fenoaltea

Tags:

Tuo Nome:
Titolo:
Commento:


173.245.52.113
Aggiungi un commento  Annulla 

Cerca nel Blog
Lista dei Blog