Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Archivio
<ottobre 2021>
lunmarmergiovensabdom
27282930123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031
1234567
Mensile
ottobre 2021
settembre 2021
agosto 2021
luglio 2021
giugno 2021
maggio 2021
aprile 2021
marzo 2021
febbraio 2021
gennaio 2021
dicembre 2020
novembre 2020
ottobre 2020
settembre 2020
agosto 2020
luglio 2020
giugno 2020
maggio 2020
aprile 2020
marzo 2020
febbraio 2020
gennaio 2020
dicembre 2019
novembre 2019
ottobre 2019
settembre 2019
agosto 2019
luglio 2019
giugno 2019
maggio 2019
aprile 2019
marzo 2019
febbraio 2019
gennaio 2019
dicembre 2018
novembre 2018
ottobre 2018
settembre 2018
agosto 2018
luglio 2018
giugno 2018
maggio 2018
aprile 2018
marzo 2018
febbraio 2018
gennaio 2018
dicembre 2017
novembre 2017
ottobre 2017
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
aprile 2011
marzo 2011
febbraio 2011
gennaio 2011
dicembre 2010
novembre 2010
ottobre 2010
settembre 2010
agosto 2010
luglio 2010
giugno 2010
maggio 2010
aprile 2010
marzo 2010
febbraio 2010
gennaio 2010
dicembre 2009
novembre 2009
ottobre 2009
settembre 2009
agosto 2009
luglio 2009
giugno 2009
maggio 2009
aprile 2009
marzo 2009
febbraio 2009
gennaio 2009
dicembre 2008
novembre 2008
ottobre 2008
settembre 2008
agosto 2008
maggio 2008
aprile 2008
marzo 2008
febbraio 2008
gennaio 2008
dicembre 2007
novembre 2007
ottobre 2007
settembre 2007
agosto 2007
luglio 2007
giugno 2007
gen24


24/01/2017 16.48 

Ph Marco Miatton Ph: Marco Miatton


I cuccioli, specialmente se allevati in casa dai cacciatori (come ora è d'uso), sono autodidatti, non hanno più bisogno dell'addestramento preliminare alla caccia ma devono solo essere educati all'obbedienza, cosa che può fare chiunque abbia tempo, pazienza, e una certa conoscenza dei meccanismi mentali del cane, troppo spesso assimilati a quelli dell'uomo per un erroneo giudizio antropomorfico.

Occorre non dimenticare che il cucciolo non possiede intelligenza né ha capacità di sentimento (nel senso proprio di questo termine), ma il motore delle sue azioni è l'istinto (ereditato dal suo predecessore ed in parte modificato dalla selezione), cioè un insieme di moduli di comportamento geneticamente fissati in funzione di sopravvivenza.

L'istinto di autoconservazione spinge il cane a fare ciò che gli procura una sensazione di benessere (alimentazione, sesso, dominanza, caccia) e paura e dolore sono il deterrente che lo dissuadono da azioni rischiose.

E' dunque l'istinto che spinge il cane all'opportunismo, alla capacità di adattamento, alla socialità, alla gregarietà.

Questo meccanismo che presiede al comportamento di tutti gli animali, nel cane si arricchisce di una peculiarità, "il "riflesso condizionato", ed è questo che consente al cane di acquisire la tecnica venatoria e al padrone di educarlo all'obbedienza.

Il riflesso condizionato è un meccanismo che rende automatica (cioè svincolata dalla volontà) la reazione (il comportamento) allo stimolo (il comando) quando il cane associa la reazione allo stimolo con un premio (come avviene con l'addestramento o, per esempio nella ferma, con l'estasi dell'emanazione del selvatico).

Questa associazione consegue da una sequenza ripetuta un certo numero di volte e quando si è consolidata non è più modificabile per effetto di una stabilizzazione sinaptica selettiva (un fenomeno cui il cucciolo è soggetto nel "periodo sensibile" che va dai 7/8 mesi ai 24/30 mesi).

Per stabilizzare il riflesso condizionato occorre iniziare con il "sistema premiale" (cioè premiare il cucciolo quando obbedisce al comando perchè questo sfrutta l'inclinazione del cucciolo al gioco e ad avere l'attenzione del padrone).

Solo quando il riflesso condizionato è stato interiorizzato, si può passare al "sistema punitivo", utile per controllare il cane anche nei casi in cui è fortemente eccitato (si pensi all'inseguimento di una lepre).

In sostanza il sistema premiale ha lo scopo di indurre il cane ad obbedire per avere il premio, mentre il sistema punitivo lo induce a non disubbidire per evitare il castigo.

Nel sistema punitivo la prima regola che si deve avere cura di osservare è quella di punire il cane solo al momento in cui sbaglia, perchè se c'è un qualunque intervallo di tempo il cane non riesce a collegare la punizione con il malfatto.

La seconda sta nel non punire il cane che disubbidisce se non si è certi che il riflesso condizionato si è stabilizzato, e quindi il cane è in grado di collegare con sicurezza la punizione con l'errore.

Quanto l'osservanza di dette regole sia importante, dipende dal fatto che il cane non riesce a distinguere gli effetti dalle cause e non riesce a stabilire tra due fatti un collegamento razionale, perchè riesce ad associarli solo in base ad una stretta prossimità del loro accadimento (e quindi in modo arbitrario).

Se il riflesso condizionato non è stabilizzato e la punizione non segue immediatamente l'errore, quest'ultima ha solo l'effetto di mortificare il cane che perde la fiducia nel padrone e può diventare timoroso, insicuro, nevrotico con penalizzazione delle qualità (iniziativa, curiosità, fiducia in se stesso, avidità) necessarie per acquisire la tecnica venatoria.

L'uso di collari elettronici, da usare con cautela a causa della loro straordinaria efficacia, merita una apposita trattazione per evitare "effetti collaterali".

L'iniziazione venatoria che avviene durante il "periodo sensibile" del cucciolone è il momento più importante per la formazione del cane da lavoro.

Infatti in questo periodo gli stimoli di un ambiente faunistico adatto sollecitano lo sviluppo della sinaptogenesi e del sistema neuronale del cucciolo, e da questi dipenderanno le sue capacità cognitive, necessarie per acquisire un'efficace tecnica venatoria.

Occorre considerare che mentre in natura i cuccioli dei predatori imparano la tecnica venatoria osservando in azione la madre o i membri esperti del branco, il cane non è in grado di apprendere la tecnica venatoria nè per insegnamento nè per imitazione.

In compenso, grazie anche alla selezione, l'apparato neuronale del cucciolo è in grado di automodellarsi in proporzione alla qualità e alla quantità degli stimoli dell'ambiente faunistico di iniziazione.

Questa facoltà consente al cucciolo di sviluppare tutte le potenzialità genetiche attraverso un processo individuale, regolato e diretto solo dal suo talento, il chè gli consente di registrare e metabolizzare le esperienze trovando le reazioni più congrue e così costruendo la sua tecnica venatoria.

I comportamenti elaborati durante l'iniziazione, per effetto di una stabilizzazione sinaptica selettiva diventano non più modificabili nell'età adulta (sia nel bene che nel male, si pensi alla paura dello sparo).

Dai postulati discendono alcuni corollari che ritengo utili per evitare pregiudizi al processo di apprendimento del cucciolone.

Poichè quest'ultimo dipende esclusivamente dalla sinergia tra il talento del cane e le esperienze dell'ambiente faunistico, occorre che l'uomo eviti ogni interferenza che possa garantire la concentrazione richiesta dall'apprendimento cognitivo.

L'opportunità di educare il cucciolo all'obbedienza prima dell'iniziazione venatoria, è dovuta al rischio che la coercizione (insita nel dressaggio) se esercitata durante l'attività venatoria possa interferire con l'apprendimento venatorio, cioè la punizione inflitta per la disubbidienza può essere imputata dal cucciolone ad un fatto del tutto diverso da quello che voleva il padrone.

Un esempio tra i tanti: un cucciolone punito dopo la ferma per renderlo corretto al frullo, poi rifiuta la ferma perchè attribuisce ad essa il castigo.

Inoltre le punizioni inflitte al cucciolone durante la caccia possono avere l'effetto di renderlo timoroso, insicuro, penalizzando l'istinto venatorio.

Il compito che deve svolgere il cane da caccia è il frutto di un difficile equilibrio tra la compressione dell'indipendenza che richiede la soggezione collaborativa con il padrone e l'autonoma e libera iniziativa necessaria per la tecnica venatoria.

Nessuna pressione didattica può insegnare al cucciolone come acquisire il senso del selvatico, la facilità di incontro o la distanza "giusta" alla quale fermare il selvatico (per fermarlo evitandone l'involo).

In questa ottica anche la generale convinzione che sia opportuno obbligare il cane ad incrociare in modo regolare la "cerca" sul terreno, può essere valida solo se il cacciatore conosce il terreno da esplorare e sa dove in genere stazionano i selvatici.

Ma il condizionamento all'incrocio diventa un "handicap" se si caccia in terreni ampi, con selvaggina rara e irregolarmente distribuita, perchè in quest'ultimo caso la resa venatoria sarà assicurata solo se il cane possiede il senso del selvatico, quel misterioso talento che gli fa concentrare l'esplorazione nelle zone più adatte a trovare il selvatico.


                   
Enrico Fenoaltea

Tags:

Tuo Nome:
Titolo:
Commento:


108.162.219.122
Aggiungi un commento  Annulla 

Cerca nel Blog
Lista dei Blog