Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Archivio
<ottobre 2021>
lunmarmergiovensabdom
27282930123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031
1234567
Mensile
ottobre 2021
settembre 2021
agosto 2021
luglio 2021
giugno 2021
maggio 2021
aprile 2021
marzo 2021
febbraio 2021
gennaio 2021
dicembre 2020
novembre 2020
ottobre 2020
settembre 2020
agosto 2020
luglio 2020
giugno 2020
maggio 2020
aprile 2020
marzo 2020
febbraio 2020
gennaio 2020
dicembre 2019
novembre 2019
ottobre 2019
settembre 2019
agosto 2019
luglio 2019
giugno 2019
maggio 2019
aprile 2019
marzo 2019
febbraio 2019
gennaio 2019
dicembre 2018
novembre 2018
ottobre 2018
settembre 2018
agosto 2018
luglio 2018
giugno 2018
maggio 2018
aprile 2018
marzo 2018
febbraio 2018
gennaio 2018
dicembre 2017
novembre 2017
ottobre 2017
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
aprile 2011
marzo 2011
febbraio 2011
gennaio 2011
dicembre 2010
novembre 2010
ottobre 2010
settembre 2010
agosto 2010
luglio 2010
giugno 2010
maggio 2010
aprile 2010
marzo 2010
febbraio 2010
gennaio 2010
dicembre 2009
novembre 2009
ottobre 2009
settembre 2009
agosto 2009
luglio 2009
giugno 2009
maggio 2009
aprile 2009
marzo 2009
febbraio 2009
gennaio 2009
dicembre 2008
novembre 2008
ottobre 2008
settembre 2008
agosto 2008
maggio 2008
aprile 2008
marzo 2008
febbraio 2008
gennaio 2008
dicembre 2007
novembre 2007
ottobre 2007
settembre 2007
agosto 2007
luglio 2007
giugno 2007
ago22


22/08/2016 7.24 

In un'altra nota ho avuto occasione di ricordare che un tempo (prima degli anni '80) i cuccioloni dovevano subire un tirocinio addestrativo preliminare alla caccia pratica, mentre oggi essi sono in grado di svolgere un buon lavoro già dopo le prime esperienze senza alcuna pressione didattica o addestrativa.

Questo grande progresso è il frutto di una lungimirante pressione selettiva che è riuscita a rendere genetiche nel cane tutte le principali qualità venatorie, incluso il collegamento con il cacciatore.

A questa precocità naturale dei cuccioli, che ne consente l'immediato utilizzo, si deve l'abitudine ormai diffusa dei cacciatori di allevarli, tenerli in casa e iniziarli personalmente alla caccia.

Ho constatato (con una certa sorpresa) che la convivenza del cane con il cacciatore svolge un ruolo positivo nella formazione del cane da lavoro (in sinergia con la dotazione genetica e con l'ambiente faunistico di iniziazione), perchè anzitutto il cucciolone è stimolato assai più in casa che in canile, e poi si adatta spontaneamente al modo di cacciare del padrone con il quale "fa sistema" (che è garanzia di successo).

Poichè al cane da lavoro si richiede più che la correttezza la "resa venatoria" (che non si può insegnare perchè ogni cane la "costruisce" in base al suo talento), è quasi sparita la professione di addestratore di cani per la caccia e nessuno più conosce i vecchi strumenti di addestramento (lo "strozzone", la "corda di ritegno", il fuciletto "Flobert", ecc.).

In questa situazione la necessità del dressaggio è ormai circoscritta ai casi limite di soggetti riluttanti a collaborare con il cacciatore (che spesso non convivono con lui) e comunque si è ridotta ad una semplice educazione all'obbedienza al richiamo.

Quando il dressaggio è fatto prima dell'iniziazione venatoria (con il "lavoro di cortile") non presenta difficoltà se il cucciolo convive con il cacciatore perchè ha metabolizzato la dominanza del padrone ed ha fiducia in lui.

Se il cucciolone ha già fatto una stagione venatoria, allora il dressaggio richiede una esperienza e competenza specifica.

Secondo la mia esperienza, per ottenere l'obbedienza dal cane occorre tenere presente che il suo meccanismo mentale è del tutto diverso da quello dell'uomo, sia nella struttura che nel modo di funzionare.

L'uomo ha un pensiero intelligente, le sue azioni sono sorrette da coscienza e volontà, e la sua forma di comunicazione è il linguaggio verbale.

Le reazioni del cane agli stimoli sono istintive, automatiche, ereditarie, improntate ad opportunismo, socialità, gregarietà e capacità di adattamento.

Il cane non capisce il significato delle parole del padrone ma ne "legge" il linguaggio del corpo e ne interpreta i toni, i volumi, i timbri della voce.

L'uomo, spesso deviato dall'antropomorfismo, attribuisce (a torto) al cane intelligenza e senso morale e questo equivoco crea un problema di comunicazione che è alla base delle difficoltà dell'addestramento.

L'educazione all'obbedienza tende ad imporre al cane, a comando, un comportamento che è estraneo alle sue pulsioni istintuali (per esempio deve interrompere l'inseguimento di una lepre o di un gatto) e per ottenere ciò non ci si può affidare alla sua capacità di comprensione del comando (che è carente), ma occorre sfruttare i suoi istinti fondamentali (la predazione, la socialità, l'appetito, il gioco) per indurlo progressivamente ad obbedire.

Ad esempio il cucciolo è ansioso di stare con il padrone e di giocare con lui: se gli si tira un oggetto, corre ad afferrarlo e torna spontaneamente dal padrone (per ripetere il gioco): bisogna sfruttare questa occasione per formulare il comando e dargli il premio.

La ripetizione assidua e ferma di questa sequenza (per un tempo più o meno lungo secondo il carattere del cane) porta a radicare nel cane un "riflesso condizionato" memorizzato, per cui l'obbedienza al comando scatta meccanicamente senza più collegamento con il premio.

L'esercizio va ripetuto fino a quando il riflesso scatta anche in condizioni di eccitazione del cane, ed è un errore comune sospenderlo troppo presto, sul presupposto che il cane abbia "capito" (nel senso proprio del termine) ciò che vuole il padrone; mentre invece il cane non è in grado di stabilire un nesso razionale tra comando ed obbedienza, ma fa associazioni elementari spesso improprie, perchè basate solo su legami temporali. Perciò se c'è un piccolo intervallo di tempo tra azione e rinforzo il cane non sapendo più perchè viene premiato o punito può perdere la fiducia in se stesso e nel padrone con il quale difficilmente farà "sistema".

In sostanza va ricreata artificialmente la sequenza comportamentale naturale che si articola su "stimolo" (il comando); "reazione indotta" (il comportamento); "premio" (rinforzo positivo per la corretta esecuzione); "punizione" (rinforzo negativo per l'errore).
   
Concludo questa nota introduttiva al dressaggio, aggiungendo che esso può essere basato su due sistemi, premiale o punitivo, ma quest'ultimo (reso ormai agevole dall'avvento dei collari elettronici) presenta rischi che possono penalizzare proprio le potenzialità venatorie del cane, e che occorre saper evitare.



Enrico Fenoaltea

Tags:

Tuo Nome:
Titolo:
Commento:


108.162.219.122
Aggiungi un commento  Annulla 

1 commenti finora...

Re: Introduzione al dressaggio non professionale

Possiedo un seter femmina di 9 anni ha sempre cacciato in compagnia della sorella di 2anni più vecchia, ma solo quando l'altra fermava lei si dava da fare facendo un bel filo e ferma spettacolare senza però mai riportare. Ora è rimasta sola e a fatica cerca e quando sente un filo non ha più quella caparbietà di prima. Ho qualche speranza oppure no

da Lino  08/09/2016 21.10
Cerca nel Blog
Lista dei Blog