Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | Foto | I Video | Sondaggi | Quiz | Forum | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Downloads | Fresco di Stampa | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Archivio
<settembre 2017>
lunmarmergiovensabdom
28293031123
45678910
11121314151617
18192021222324
2526272829301
2345678
Mensile
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
aprile 2011
marzo 2011
febbraio 2011
gennaio 2011
dicembre 2010
novembre 2010
ottobre 2010
settembre 2010
agosto 2010
luglio 2010
giugno 2010
maggio 2010
aprile 2010
marzo 2010
febbraio 2010
gennaio 2010
dicembre 2009
novembre 2009
ottobre 2009
settembre 2009
agosto 2009
luglio 2009
giugno 2009
maggio 2009
aprile 2009
marzo 2009
febbraio 2009
gennaio 2009
dicembre 2008
novembre 2008
ottobre 2008
settembre 2008
agosto 2008
maggio 2008
aprile 2008
marzo 2008
febbraio 2008
gennaio 2008
dicembre 2007
novembre 2007
ottobre 2007
settembre 2007
agosto 2007
luglio 2007
giugno 2007
mar8


08/03/2017 10.35 

La cinofilia venatoria è una patologia insidiosa a decorso progressivo (e incurabile). Ho iniziato ad allevare ed addestrare i cani nel 1953 (prima licenza) andando a caccia con i cani (inglesi) di mio padre, che poi (bontà sua!) mi ha consentito di allevare e addestrare i cani nella sua riserva.

Da allora, per pura passione, ho allevato circa 300 cani, che in gran parte ho addestrato e utilizzato per la caccia. L'aspirazione di ogni cinofilo-allevatore è quella di migliorare le doti venatorie dei cani da lavoro, e questi sono il frutto della sinergia tra doti genetiche e qualità dell'ambiente faunistico di iniziazione.

L'allevatore amatoriale di cani da lavoro deve per necessità oggettive (mezzi finanziari e strutture limitate) seguire criteri empirici, facendo accoppiare i soggetti migliori di cui conosce gli ascendenti, e controllare i risultati nei discendenti.

Questo sistema empirico, a mio avviso, può dare buoni risultati se ricorrono alcune condizioni (non facili da conseguire). Anzitutto occorre che l'allevatore conosca direttamente i cani da far accoppiare (cosa che può fare se ha i riproduttori in canile e ha sperimentato sul campo almeno due o tre generazioni di ascendenti).

    Inoltre, per accertare le qualità di un cucciolone occorre un ambiente faunistico di iniziazione di alta qualità e poi, quando il cucciolo ha superato l'anno, una riserva nel quale provarlo ripetutamente a confronto con altri. Fatta la scelta, per accertare se il maschio è un riproduttore, occorrono altri due anni per valutare i suoi discendenti.
 
E' intuitivo come tutto ciò richieda tempi lunghi, costi elevati, e la disposizione di ambiente faunistici idonei. Questo insieme di circostanze, se opportunamente sfruttate, riescono ad assicurare nel tempo soggetti abbastanza omogenei e con pochi scarti.
 
Ma nell'allevamento nessun risultato è mai definitivo e incroci e inincroci devono essere alternati con continua accortezza, per evitare le conseguenze "collaterali" di una pressione selettiva impropria. Del resto anche nell'ippica dove mezzi finanziari e strutture non soffrono limitazioni, un Ribot o un Varenne sono eccezioni.

Tornando al tema centrale del miglioramento qualitativo della resa venatoria del cane da lavoro, occorre prendere atto che la selezione attuale ha raggiunto a mio avviso un livello (elevato) che solo in tempi lunghi e con grandi sforzi potrà subire qualche modesto incremento. Del resto anche in natura la selezione naturale ha un risultato conservativo e non migliorativo.

L'ambito nel quale a mio avviso l'allevatore può ancora indirizzare i suoi sforzi sono anzitutto trovare l'ambiente venatorio migliore possibile nel quale iniziare i cuccioloni, perchè esso è determinante per sollecitare lo sviluppo di tutte le potenzialità genetiche del cucciolone, e poi per potere provare e confrontare sul campo i vari soggetti.

Altro elemento importante per lo sviluppo delle potenzialità venatorie del cane, sta nell'evitare che nel periodo di acquisizione della tecnica venatoria, il padrone interferisca con pressioni didattiche o addestrative sul cucciolone, che possono solo nuocere e non giovare (si può insegnare al cane il senso del selvatico?). Accenno infine ad un nuovo aspetto (molto suggestivo) che mi riservo di sviluppare in un'altra occasione.

In una conversazione con un grande cacciatore (e illustre clinico), questi mi ha ricordato che un esperimento fatto negli USA sui topi, proverebbe che le informazioni (e i comportamenti) appresi dai genitori con l'esperienza diretta, possono trasmettersi ai discendenti (che tali esperienze non hanno fatto) per via biologica.

E' questa una novità di enorme interesse, perchè fino ad oggi si era ritenuto che solo il patrimonio genetico potesse essere trasmesso dai genitori per via ereditaria, e non l'esperienza da loro acquisita.

Trovo che si tratti di una chiave interpretativa nuova e assai interessante per comprendere i comportamenti dei cuccioloni, altrimenti non spiegabili.
                    
 

Enrico Fenoaltea

Tags:

Tuo Nome:
Titolo:
Commento:


54.156.58.187
Aggiungi un commento  Annulla 

1 commenti finora...

Re: ALLEVAMENTO AMATORIALE DEL CANE DA LAVORO

Trasmettere l'esperienza....mi pare molto audace ma non mi sento di escluderlo. Davanti a tanta esperienza nel campo dell'allevamento alzo le mani, io avevo appena un anno...nel 1953. E'un ipotesi affascinante ...mi piace crederci.

da Carlo rm 1  28/04/2017 10.25
Cerca nel Blog
Lista dei Blog