Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Archivio
<ottobre 2020>
lunmarmergiovensabdom
2829301234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930311
2345678
Mensile
ottobre 2020
settembre 2020
agosto 2020
luglio 2020
giugno 2020
maggio 2020
aprile 2020
marzo 2020
febbraio 2020
gennaio 2020
dicembre 2019
novembre 2019
ottobre 2019
settembre 2019
agosto 2019
luglio 2019
giugno 2019
maggio 2019
aprile 2019
marzo 2019
febbraio 2019
gennaio 2019
dicembre 2018
novembre 2018
ottobre 2018
settembre 2018
agosto 2018
luglio 2018
giugno 2018
maggio 2018
aprile 2018
marzo 2018
febbraio 2018
gennaio 2018
dicembre 2017
novembre 2017
ottobre 2017
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
aprile 2011
marzo 2011
febbraio 2011
gennaio 2011
dicembre 2010
novembre 2010
ottobre 2010
settembre 2010
agosto 2010
luglio 2010
giugno 2010
maggio 2010
aprile 2010
marzo 2010
febbraio 2010
gennaio 2010
dicembre 2009
novembre 2009
ottobre 2009
settembre 2009
agosto 2009
luglio 2009
giugno 2009
maggio 2009
aprile 2009
marzo 2009
febbraio 2009
gennaio 2009
dicembre 2008
novembre 2008
ottobre 2008
settembre 2008
agosto 2008
maggio 2008
aprile 2008
marzo 2008
febbraio 2008
gennaio 2008
dicembre 2007
novembre 2007
ottobre 2007
settembre 2007
agosto 2007
luglio 2007
giugno 2007
set4


04/09/2015 10.05 

Come già detto altre volte con ogni soggetto bisogna attenersi a regole non-regole. Nel senso che ognuno di essi ha il suo carattere e quindi potrebbe richiedere un trattamento d'eccezione. Sta al singolo addestratore studiarne le caratteristiche e insistere o intensificare gli allenamenti,spesso invece dovrebbe rallentarli per farli interiorizzare meglio e farne trarre maggior profitto. In questo caso si parla di soggetto ancora immaturo. Le caratteristiche psichiche non sono purtroppo sempre uguali.

Ci sono soggetti precoci e soggetti lenti o duri ad apprendere; ciò comunque non vuol dire che gli uni siano sempre meglio degli altri. Anche se quello precoce colpisce di più il conduttore e il padrone. Non è detto però che diventi il crack della nostra vita di cinofili. Ne ho avuto un paio che mi hanno fatto tribolare molto e hanno abusato della mia pazienza prima di piegarsi a fermare la selvaggina. Però sono quelli che ho amato di più. Ma solo quando avevano assimilato le lezioni.

Ogni forma di allenamento comunque chiede una dose di attenzione, meglio farla con continuità ma mai con troppa intensità. Il soggetto deve essere recuperato e portato alla macchina prima che si sia stancato troppo, prima che si sia annoiato, prima che abbia rinunciato ad una cerca ardente e vogliosa. Trattiamo il cane con giudizio  pensando di farne un campione non un modesto scansa ortiche.

Nel caso non si operasse come detto non si raccoglierebbe un frutto  veramente gustoso anzi diventerebbe controproducente. Quindi occhio alla misura specie se si allena con troppo caldo, con scarsità d'acqua e altre condizioni di terreno o clima pesanti: vegetazione alta, spinai folti e intricati,bosco fitto e vastità eccessive,arati e gerbido rigoglioso.

A proposito vi invito caldamente a portare con voi acqua per il cane, con relativa fiasca di pelle o plastica per pompargliela nella commessura labiale e poterlo bagnare almeno sulla testa e le orecchie onde tenerlo ben fresco. La natura del cane risente molto dei colpi di calore. Ricordatevi che il cane non ha pori nel mantello che lascino andare il sudore ma suda per via linguale. La sua bava è il segno della fatica e della calura che ha sopportato, aiutatelo a difendersi dal colpo di calore che sarebbe fatale.

Tornando a noi, quando avremo fatto un paio d'incontri è ora di lasciare il terreno. Una minestra buona e sostanziosa è meglio se è poca e dosata altrimenti diventa indigesta. Bisogna lasciare l'allievo sempre col rimpianto mai con la sazietà.

Col tempo potremo farlo sfogare anche per periodi più lunghi ma avrà già capito la lezione, doserà meglio le energie e sarà anche più accorto per non incorrere in errori di esuberanza. Stiamo costruendo il cane perfetto per ottime giornate di caccia.

Per coloro che avranno optato per l'iniziazione con quaglie di allevamento si pone la questione di cosa fare quando l'obbiettivo di vedere il cane ben disposto e messo bene sull'animale è stato raggiunto e dovrà passare a selvatici veri. Le alternative sono due: diventare bracconieri di odori o trovare un compiacente riservista.

Nel primo caso fate come me. Levatevi all'alba, raggiungete una zona di ripopolamento, una bandita privata, un posto dove sapete che alberga qualche capo di buona selvaggina e sciogliete sul fare del giorno. Fate uno o due incontri e poi legate il cane e scappate a casa. Sperate di non incappare nelle guardie perché sono implacabili. Il portafoglio deve essere sempre ben fornito..ma ne vale la pena. D'altra parte se voi lo affidaste ad un dresseur dovreste pagare, no? Allora fate da soli e preventivate la spesa. I periodi migliori sono quelli della primavera ma anche il pre apertura va benissimo. Le covate sono eccellenti per offrirle ad un giovane soggetto e lui ne approfitterà meravigliosamente.

Non occorre aggiungere nulla per coloro che possono usufruire di amicizie che lo mettano in condizioni di allenare, lo stesso dicasi di altri che sono a conoscenza di riserve che offrono il servizio a pagamento. Se ci sono animali buoni è il caso di approfittarne perché il cane si costruirà tutte le malizie necessarie alla prossima apertura di caccia.

Interventi,come ripeto, pochi; né con la voce né col fischietto. Aspettate il cane anche se rincorre. Tornerà. La rincorsa è una mano santa per il cane. Lo corrobora e gli da fiducia e sagacia, lo tiene vibrante e vigile; non sciupa la ferma del cane anzi lo convince ad aspettarvi perché presto capirà, da solo, che non riesce a correre tanto forte da arrivare addosso ad animali forniti di ali.

I più duri e recidivi sfrullatori vengono curati con tanta selvaggina vera. Corri corri che poi vediamo come va a finire. Prima o poi capiscono e bloccano. Intanto  l'esercizio costruirà il carattere del cane e lo renderà roccioso, deciso, mai domo. Quello che ci vuole per fare poi ottime battute di lunga durata.

MI accorgo solo ora che non ho parlato di fermare il cane sul frullo dell'animale o sulla fucilata. Sono orpelli che vanno benissimo per i cani da prove ma per i cani da caccia diventano pleonastici. Io non mi sono mai dedicato più di tanto su soggetti “solo” per caccia, voi invece fate come credete. Però, se volete intervenire, fatelo quando il cane è maturo e siete convinti che fa bene il suo lavoro. Personalmente consiglio la corda di ritegno, non seguite mai i consigli di chi vi parla di fucilate nel deretano o di collari elettrici. Sono cose che non mi piacciono e, se c'è la necessità, lasciatelo fare ad autentici professionisti se non volete rovinare un soggetto o,perlomeno, ridurre la sua iniziativa.

Visto che abbiamo parlato di fucile allora vediamo quando e come cominciare ad usarlo. Ovviamente quando il cane sarà stato ottimamente scozzonato. Il che vuol dire che fa già tutto  bene sull'animale proposto. Ecco che potrete portarvi in un campo di allenamento oppure in una riserva con sparo armati e decisi al passo decisivo.

Premetto, non sciogliete mai il cane assieme ad altri soggetti, sparate un solo colpo al selvatico alzato. Nella stessa giornata,se tutto va bene, non più di due tre volte a breve termine. Ponetevi nella condizione di fare fermare il cane, avvicinatelo con calma, caricate il fucile con una sola cartuccia (onde evitare la tentazione), fate guidare o accostare e sparate mirando con precisione l'animale dopo che si è allontanato convenientemente e non sopra la testa del cane. Se siete buoni tiratori, freddi e precisi, fate da voi altrimenti portatevi un amico e lasciate a lui il compito.

Io parto dalla presunzione che, se voi avrete fatto tutto ciò che io ho consigliato nelle mie note precedenti, il vostro cane partirà giocondamente ad inseguire la preda che ormai lo sta aspettando sul terreno. La cercherà avidamente, spesso fermandola, e l'abboccherà con decisione. Quello è il momento di mantenere la calma. Non andategli incontro, non chiamatelo o fischiatelo, non sollecitatelo in alcun modo. Allontanatevi e fate uno o due fischi e qualche cenno della mano. Se non vi segue subito nascondetevi dietro un cespuglio e fischiate deciso uno o due volte ancora comandando “porta” deciso,secco e ben comprensibile. Niente altro, aspettate e il cane vi raggiungerà. Prendetegli il selvatico e premiatelo con molte moine e carezze, se lo avete dategli un bel biscottino. Solo però in fase di allenamento/insegnamento, in seguito basteranno carezze e paroline dolci. Non vorrei che abituandosi al regalino poi prendesse l'abitudine di abbandonare la selvaggina prima di raggiungervi.

Tutto quanto sopra presuppone che voi abbiate seguito i miei consigli di allenamento e iniziazione graduale alla vita in comune e la immissione del cane nel consorzio umano con lenta, graduale e intelligente modalità. Il vostro compito ne sarà agevolato in pieno. Un mio vecchio maestro diceva che insegna più il guinzaglio di ogni parola. Voleva dire che il cane deve fare coppia con voi sempre e dappertutto, in ogni luogo dove voi andate portatelo con voi e prenderà tratti umanoidi. Finirà per capire le parole essenziali alla vostra convivenza. Non il senso ma il significato pratico, specie se aggiungerete alla parola secca e chiara un gesto eloquente.
 
Per le eccezioni faremo (forse) un ultimo capitolo a parte. Perché forse? E' semplice. Molte cose sono frutto di anni di osservazione, molte sono segreti carpiti ai più grandi dresseur o allevatori italiani,altri sono atti che possono fare solo persone molto equilibrate e che sanno cosa stanno facendo. Proprio come i medici quando prescrivono il cortisone, solo loro  e sotto la personale responsabilità, possono propinarlo al malato  perché ne conoscono le controindicazioni.

Comunque vi anticipo che la sola cosa che ritengo attrezzo compatibile con l'addestramento del cane è la corda lunga e il frustino. La prima per legarla al collo del cane e poterlo gestire meglio e a distanza. Dovrà essere di una trentina di metri, leggera e forte e va attaccata al collare saldamente facendola trascinare al cane in azione.
Il secondo dovrà essere impugnato dal conduttore non per fare male ma per raggiungere il cane come una “lunga mano”, proprio dove e quando lui non se l'aspetta. IL tocco deve essere leggero e secco, al pointer sempre sul torace al setter sempre sulla groppa. Il motivo è evidente. Il primo potrebbe accosciarsi e assumere una posa assolutamente non consona alla razza, il secondo invece per il motivo esattamente opposto.
 

Tags:

Tuo Nome:
Titolo:
Commento:


162.158.62.37
Aggiungi un commento  Annulla 

Cerca nel Blog
Lista dei Blog