Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Archivio
<ottobre 2020>
lunmarmergiovensabdom
2829301234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930311
2345678
Mensile
ottobre 2020
settembre 2020
agosto 2020
luglio 2020
giugno 2020
maggio 2020
aprile 2020
marzo 2020
febbraio 2020
gennaio 2020
dicembre 2019
novembre 2019
ottobre 2019
settembre 2019
agosto 2019
luglio 2019
giugno 2019
maggio 2019
aprile 2019
marzo 2019
febbraio 2019
gennaio 2019
dicembre 2018
novembre 2018
ottobre 2018
settembre 2018
agosto 2018
luglio 2018
giugno 2018
maggio 2018
aprile 2018
marzo 2018
febbraio 2018
gennaio 2018
dicembre 2017
novembre 2017
ottobre 2017
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
aprile 2011
marzo 2011
febbraio 2011
gennaio 2011
dicembre 2010
novembre 2010
ottobre 2010
settembre 2010
agosto 2010
luglio 2010
giugno 2010
maggio 2010
aprile 2010
marzo 2010
febbraio 2010
gennaio 2010
dicembre 2009
novembre 2009
ottobre 2009
settembre 2009
agosto 2009
luglio 2009
giugno 2009
maggio 2009
aprile 2009
marzo 2009
febbraio 2009
gennaio 2009
dicembre 2008
novembre 2008
ottobre 2008
settembre 2008
agosto 2008
maggio 2008
aprile 2008
marzo 2008
febbraio 2008
gennaio 2008
dicembre 2007
novembre 2007
ottobre 2007
settembre 2007
agosto 2007
luglio 2007
giugno 2007
lug20


20/07/2018 16.38 

 
Quando si pratica la caccia all’estero, imperativo è mettere subito in “salvo” il viaggio, riuscendo ad abbattere almeno un capo di quelli che ci siamo prefissati di catturare, “senza se e senza ma”. Ne so qualcosa io, quando sono andato a caccia di alci in British Columbia, dall’altra parte del mondo. Dopo aver fatto diciotto ore di aereo mi trovai subito a tiro un bellissimo capo, addirittura durante la prima uscita, la prima ora di caccia. Il primo selvatico avvistato era quello giusto, quello desiderato, quello che stavamo cercando! Ma la mia guida canadese (furbissima, visto che il capo era già stato pagato perché rientrava in un “pacchetto”), mi consigliò di non tirare perché era il primo alce che avevamo avvistato e ne avrei visti chissà quanti altri. Io, forse perché ancora stordito dalle sei ore di fuso orario, dal jet-lag, gli diedi ascolto e non sparai. Volete sapere come andò a finire? Che dopo quell’alce non ne vedemmo più una, in una lunga e tediosa settimana di caccia. Dopo d’allora sono diventato un fervido sostenitore del motto: “Meglio un uovo oggi di una gallina domani” così, quando sono lontano da casa e con poco tempo a disposizione, non faccio troppo lo schizzinoso e cerco di abbattere subito quel che la fortuna mi offre. Cosa che feci l’ultima volta che mi recai a caccia di cervi in Ungheria. Catturai subito un bellissimo cervo durante la prima uscita e un altro il mattino successivo. Con poche ore di emozionantissima caccia avevo esaurito sia i miei desideri sia il mio budget. M’ero ritrovato a dover fare il turista con tre giorni di caccia pieni ancora a disposizione.

Ma se c’è una cosa che in Ungheria non manca di certo è la selvaggina. Decisi di organizzarmi al meglio. Per prima cosa misi via la Steyr Manllicher 8 x 68 da cervi e mi feci prestare da Danilo, un mio compagno di caccia, la sua Remington BDL in calibro 308 Winchester, dotata di ottica  12 x 50 “Customizzata” con un bellissimo calcio in materiale sintetico della Hogue, molto più indicata per il tipo di selvaggina che mi ero prefissato ora d’insidiare. Come nostra abitudine, per usufruire degli sconti offerti dall’Agenzia di caccia di Laszlo: “Perle 99 Lesli Club”, eravamo andati a caccia di cervi a fine settembre, quasi a bramito concluso, con i grossi maschi che si fanno sentire molto meno di quando sono in pieno estro. L’indomani sarebbe stato il giorno della chiusura della caccia al capriolo maschio ed il giorno seguente si sarebbe aperta la selezione alle femmine. Chiesi a Laszlo se la riserva avesse ancora qualche capriolo da abbattere e lui, col suo abituale sorriso contagioso, mi rispose di si, ma che ne avevano ancora uno soltanto. Decidemmo di uscire insieme, come ai vecchi tempi, con la speranza d’individuare un capo tirabile prima che la caccia al capriolo chiudesse.



Sia come conformazione geografica sia come clima l’Ungheria non è proprio uguale all’Italia, ed anche i selvatici che ci vivono hanno dei comportamenti abbastanza diversi dai nostri. I caprioli ungheresi ad esempio sono attivi praticamente tutto il giorno, non occorrono né levatacce né trattenersi fino a notte inoltrata per incontrarne uno. Mantenemmo ugualmente la sveglia che avevamo impostato per la caccia al cervo, ma ce la prendemmo davvero molto comoda. Dopo una colazione ”ridicola”, come definisce Laszlo cappuccino e brioche, partimmo su un fuoristrada preso in prestito dalla riserva che ci ospitava e cominciammo a girovagare tra foreste e spazi immensi.

Come ci fu luce a sufficienza avvistammo subito diversi capi, ma non tantissimi. Una fastidiosa nebbia c’impedì di binocolare come e quanto avremmo voluto, almeno fino all’orizzonte, che in Ungheria è di una bellezza struggente in tutti i periodi dell’anno. Laszlo ed io ci conosciamo da molti anni, quindi lui ben sa che non ho molta simpatia per la caccia “dalla macchina”. Dopo aver percorso meno di un chilometro, parcheggiammo il pick up e dopo aver recuperate le nostre attrezzature iniziammo subito una salutare cerca a piedi.

Quel giorno mi colpì l’insolita mancanza di selvaggina stanziale, cosa piuttosto rara in Ungheria, dove la caccia a piedi è spesso inficiata dall’enorme quantità di selvatici che si involano e/o corrono disturbati dal nostro passaggio. A volte ce ne sono talmente tanti che è quasi impossibile tentare l’avvicinamento di un capriolo, di un daino o di un cervo senza trovarsi tra i piedi lepri e fagiani spaventati. Praticamente seguimmo la stessa tecnica della caccia al cervo al bramito, avanzando silenziosissimi tra boschi e radure, salendo e scendendo di volta in volta da un’altana all’altra. Nel giro di neanche un’ora credo che ne visitammo quattro o cinque.



Quando scalammo l’ultima, traballante torre di tavole e tronchi, rimpiansi di non essermi portato dietro un bel panino! Ad est il sole nascente stava dissipando la nebbia, concedendoci il piacere di una visuale migliore. A circa cento–centotrenta metri di distanza vidi una grossa chiazza bianca nel bel mezzo del prato. Ebbi un sospetto su cosa fosse, che Laszlo mi confermò subito dopo. Era un mucchio di scarto della lavorazione del mais (cucorizza in Ungherese), che i cacciatori portavano nei prati e nei boschi col doppio scopo di dare un aiuto alimentare alla selvaggia e di attirarla allo scoperto. Sul bordo del bosco un fugace movimento attirò la nostra attenzione. Una sagoma rossastra appariva e scompariva tra la fitta vegetazione ignara della nostra presenza. Laszlo, che è un professionista a trecentosessanta gradi, non perse tempo e in pochi secondi aveva già bell’e pronta la “scheda” d’abbattimento del selvatico. “E’ un buon maschio di capriolo di circa tre–quattro anni. Corpo esile e trofeo scadente. Sui duecentocinquanta–duecentosettanta grammi. Perfetto da Abbattere!”.

Avendola tarata io, sapevo benissimo come sparava la Remington di Danilo, così non persi tempo a fare troppi calcoli. Cercai invece di trovare un buon appoggio (cosa quasi impossibile sopra ad una altana ungherese!) e quando mi sembrò che il reticolo dell'ottica  fosse “quasi fermo” sulla spalla del piccolo cervide, sfiorai il grilletto. Per l’occasione avevo usato una cartuccia Original Brenneke 308 W con palla TIG da 150 e devo ammettere che si è comportata molto bene, sia come letalità sia come danneggiamento della spoglia. Sono quasi quarant’anni che uso sia le TIG sia le TUG sempre con ottimi risultati. Ma il bello doveva ancora venire! Non feci neanche in tempo a ricaricare l’arma che Laszlo, con gli occhi incollati al binocolo mi sussurra: “Poco dietro c’è anche la femmina. Te la senti di anticipare l’apertura?”

 Praticamente fu come poter chiedere ai miei jagd terrier se avessero voglia di andare ad una esposizione felina! Per una volta feci la chiusura e l’apertura contemporaneamente, non m’era mai successo prima. Svolti i riti del caso e fatte le dovute foto, eviscerammo i selvatici, poi raggiungemmo i nostri tre amici che dovevano aver trascorso la mattinata dedicandosi a prede ben più importanti. Alla casa di caccia venimmo a sapere che Alvaro aveva abbattuto un grosso daino, molto forte come corporatura, ma con un trofeo modesto anche se parecchio frastagliato. Dato che era il suo primo daino ricevette il battesimo di sangue secondo l’usanza mitteleuropea, pronunciando frasi solenni e relative bastonate sul “culetto”, come lo chiama Làszlò. Ad Alvaro vennero gli occhi lucidi e dagli abbracci che ci diede mi venne da pensare che un episodio simile avrebbe davvero faticato molto a dimenticarlo.
 


Senza farsi pregare, ci raccontò eccitato la sua avventura, di come lui e il suo accompagnatore, dopo aver seguito il bramito di ben tre cervi, avevano deciso di appostarsi sopra ad una altana posizionata strategicamente sul confine di un’ampia radura all’interno di un bosco fittissimo. Strano ma vero, era stato proprio il nostro amico ad avvistare per primo l’imponente animale fermo immobile sul limitare del folto. Avuto l’ok dalla sua guida lo aveva abbattuto con un preciso colpo nella parte anteriore della spalla. Alvaro mi confidò che il colpo aveva fatto immediatamente effetto ed io ne fui doppiamente felice, per l’ovvia ragione di non aver fatto soffrire la sua preda e perché la munizione 300 WM da lui impiegata gliel’aveva ricaricata il sottoscritto con la nuovissima palla slovena Classic Hunter monolitica della Fox Bullets da 165 grani. La sua felicità fu così contagiosa che … fece addirittura “evaporare” una bottiglia intera di Unicum.

Questa è la famosa Febbre della Caccia a Palla e può capirla soltanto chi l’ha già contratta. Per concludere vorrei ricordare che la caccia in Ungheria fa parte della tradizione nazionale e dalla quale dipende il sostentamento di molte famiglie. Si pratica più o meno tutto l’anno ed è talmente ben gestita che la tutte le specie, in particolari quelle ungulate, godono di ottima salute. Secondo me, le forme di caccia più belle sono senza dubbio quella al cervo al bramito e quella al capriolo al “fischio”, ma anche cacciare in pianura fagiani, lepri anatre ed oche con serietà ed impegno può essere fonte di grande soddisfazione.



Marco Benecchi
 
 
 

Tags:

Tuo Nome:
Titolo:
Commento:


162.158.63.208
Aggiungi un commento  Annulla 

43 commenti finora...

Re: Caprioli di fine - inizio stagione

Tieni duro, un passo dopo l'altro e si arriva... anche dopo, te lo assicuro!!! :)) :)) WH

da tiroler x Marco  31/07/2018 7.25

Re: Caprioli di fine - inizio stagione

"Le corse sono una cosa....
Le salite .. un'altra!"

Buona giornata a tutti

M

da Marco B x Tiroler  31/07/2018 6.02

Re: Caprioli di fine - inizio stagione

58, beh, dai, sei ancora in piena corsa :) Weidmannsheil!

da tiroler  30/07/2018 14.30

Re: Caprioli di fine - inizio stagione

tanti auguri Marco.. buon proseguimento a caccia.io sono ormai a fine corsa sono 52 licenze
e l'età........ ciao e salute a tutti

da giancarlo48  30/07/2018 12.55

Re: Caprioli di fine - inizio stagione

Auguri.sinceri di buon compleanno, Andrea

da Andrea  30/07/2018 9.47

Re: Caprioli di fine - inizio stagione

TANTI TANTI AUGURI MARCO dalle terre di Siena.........

da Massy  30/07/2018 6.49

Re: Caprioli di fine - inizio stagione

Tanti auguri di buon compleanno! Weiannsheil!

da Little John  30/07/2018 6.11

Re: Caprioli di fine - inizio stagione

Cari AMICI oggi sono.....
58 anni che percorro sentieri polverosi e fangosi..
E a ottobre dovrei festeggiare la mia 42° licenza...

Spero di essere sempre stato all'altezza di ogni situazione...
Nel Bene e nel Male come si dice davanti al prete!

Un abbraccio a tutti coloro che hanno avuto la forza e la pazienza di sopportarmi per tutti questi anni

il Vostro Marco

da Marco B x TUTTI  30/07/2018 6.06

Re: Caprioli di fine - inizio stagione

... volevo dire che "il peso di un buon Bock É del tutto accettabile"!!!

da tiroler x filippo60  27/07/2018 7.29

Re: Caprioli di fine - inizio stagione

Assolutamente d'accordo. L'orologio e gli impegni sono i limiti alla nostra passione... almeno fino quando non si va in pensione ... :) . Io ho la fortuna di poter gestire il mio tempo in ottobre/novembre con grande elasticità, ma non tutti possono. WH

da tiroler x fabio  27/07/2018 7.27

Re: Caprioli di fine - inizio stagione

Marco ne sa sicuramente più di me e sarà sicuramente più esaustivo, ma guarda che il peso di un buon Bock non è del tutto accettabile, qualcosa in più di un Kipplauf. Se il 7x65r - 12 non ti piace, puoi optare su un altro super classic 6,5x57... assolutamente devastante fino a 200 m., anche sul cervo Non prenderei in considerazione l' 8x57, né il 6x62r(troppo "leggero" e non puoi andare al cervo). Pensieri personali, sia chiaro. WH

da tiroler x filippo60  27/07/2018 7.22

Re: Caprioli di fine - inizio stagione

vedi Tiroler è questione di tempo. C'è chi ha più tempo e chi non ne ha , cosi si limita alle brevi uscite che , nel 90% dei casi, sono le più remunerative. Certo, la montagna "andrebbe" vissuta ogni secondo e tutta la giornata. Io non vivo in montagna ma al mare. Però mi sento più montanaro che bagnino e per un fortunato caso della vita sono socio in una riserva di caccia dove vado solo al camoscio. Uno o due capi all'anno che me li faccio durare una stagione di caccia. A volte , anche se ho la possibilità di sparare, rinuncio per poter ritornare. è bellissimo tagliare una fetta di salame e con pezzo di pane nero assieme ad un amico come appisolarsi al sole con la testa sul sacco. Tornare a notte , con la zaino vuoto, e la pila sulla fronte felice di essere parte di questo INCREDIBILE mondo. Weidmannsheill Tirler

da fabio  27/07/2018 7.18

Re: Caprioli di fine - inizio stagione

come sempre condivido in pieno tiroler e Marco!

da vecchio cedro  27/07/2018 6.35

Re: Caprioli di fine - inizio stagione

Scusate l'ora, ho finito tardissimo col lavoro. Bella l'idea del combinato ma dite che si superano i tre kg? Magari con un 20/76-8x57jrs o 7x57R o 6x62R o......vedete voi che conoscete bene quest'arma il peso potrebbe rientrare nei tre kg?

da Filippo60  27/07/2018 0.03

Re: Caprioli di fine - inizio stagione

Sai cos'è Marco? Che ormai quasi tutti i cacciatori praticano poco questo tipo di caccia, anche da noi: sono, siamo rimasti qualche nostalgico. Ormai si sale, si arriva in posta, sia aspetta, se va bene si spara... e poi giù ritorna a valle per la quotidianità. Quanti di noi dopo aver atteso l'alba, si rimettono in spalla lo zaino e pian piano, scrutano una valletta, proseguono di qualche passo e guardano dietro il crinale, con pazienza, attenzione? Quanti hanno tempo e voglia di fermarsi nel bosco, in montagna, mangiare un boccone sotto un cirmolo, magari schiacciare un pisolino avvolti nella mantella e poi riprendere il lento movimento fino all'attesa serale? Anche perché, da un punto di vista strettamente statistico, l'aspetto mattutino e serale è più "producente" . Ma, lasciando perdere per un attimo la "produzione", vuoi mettere trovarti a 80 metri da un cervo che non ti ha sentito, piuttosto che mirarlo a 400 m(se bastano), dietro a un cannocchiale da 24 ingrandimenti? Un caro saluto. WH

da tiroler X Marco  26/07/2018 15.29

Re: Caprioli di fine - inizio stagione

GIURO su Dio...
Anche io avrei voluto rispondere "A quel punto meglio un COMBINATO"

Ma poi non ci saremmo più stati con il peso................

Credo che in tutta ITALIA siamo rimasti in pochissimi ad amare quella che, secondo me, è una delle armi più versatili del mondo!!
Io l'ho sempre avuto in rastrelliera sin dall'inizio...
E tuttora ne ho due.
Un caro saluto

Marco

da Marco B x Tiroler e Vecchio Cedro  26/07/2018 14.52

Re: Caprioli di fine - inizio stagione

... veloce, leggero, subito in mira e fermo nell’immagine. Fino a 200 m con l’alpenstock!

da tiroler X vecchio cedro  26/07/2018 10.32

Re: Caprioli di fine - inizio stagione

Perfettamente d’accordo... su tutta la linea. Schioppo da vero cacciatore. È il classico e intramontabile abbinamento da Pirsch, ancor meglio se Bock(7x65 - 12), così se c’è l’occasione va bene anche per la lepre. Intramontabile anche l’ottica 6x42. WH.

da tiroler X vecchio cedro  26/07/2018 10.30

Re: Caprioli di fine - inizio stagione

Per Franco:

basculante (possibilmente ferlacher) 7x65 R con ottica 6 fisso.
Non c'è storia.

Binocolo 7x42

da vecchio cedro  26/07/2018 6.58

Re: Caprioli di fine - inizio stagione

Ero da solo a fine pomeriggio mi è capitato in fondo a un querceto, mi sono spostato 500 metri per aspettarlo più vicino a uno stradello percorribile con difficoltà dal fuoristrada...purtroppo lo devo rivedere; se dovesse ricapitare sparo ma per recuperarlo ci faccio mattina

da Franco  25/07/2018 13.05

Re: Caprioli di fine - inizio stagione

Io ad un PALANCONE avrei tirato anche se fosse stato vicino alla fossa delle Marianne....

Si vede che dalle tue parti se ne vedono molti.....

da Marco B x Franco  25/07/2018 12.08

Re: Caprioli di fine - inizio stagione

Infatti devo alleggerire tutta l'attrezzatura. La carabina completa di ottica e attacchi dovrà essere intorno ai 3 kg, il binocolo non più di 300/400. Per ora vado al capriolo è sto abbastanza fermo. Ma entro ottobre devo trovare nuovi assetti. Ci sono dei punti da uno dei quali ho dovuto rinunciare al tiro al Palancone dato il dislivello che avrei dovuto superare per il recupero che avrei dovuto portarlo via a pezzi!!

da Franco  25/07/2018 11.33

Re: Caprioli di fine - inizio stagione

Non capisco perché vuoi prendere un'ottica da battuta..
Perché non un classicissimo 3 - 12 x 50-56
Oggi ci sono anche i 2 - 12 o gli 1,7 - 10

Un'ottica da BATTUTYA sopra ad una bolt in 270 mi sembra un pochino "inadatta"
A parte quelle che arrivano a 6 - 8 ingrandimenti, ma che comunque non sono state progettate per il tiro a lunga distanza..
Tu devi "rivedere" tutta la tua attrezzatura.
MANTENERE quello che hai per le cacce di APPOSTAMENTE, ma se invece decidessi di continuare con la CERCA allora, oltre alla carabina dovresti sostituire anche il binocolo..
un 8 x 56 per la cerca credo che lo usavano i dannati in un girone dantesco......

Buona
M

da Marco B x Franco  25/07/2018 8.37

Re: Caprioli di fine - inizio stagione

La mia CZ è in cal 270 ed è il modello Scandinavia, ottica Svaro 8x50. Direi perfetto tutto salvo il peso: si sfiorano i 5 kg tutto compreso. Alla soglia dei 60 anni davvero troppi per scarpinare in Appennino zona Futa Raticosa e se poi aggiungiamo i 900 grammi del binocolo Svaro 8x56 ti renderai conto che dopo un paio di ore fa male la cervicale le braccia e le spalle. Devo per forza e presto alleggerire più possibile tutto. L'alternativa è smettere o cambiare zona. Ah, mi sono dimenticato il nome: mi chiamo Franco. Dimenticavo : secondo te una ottica da battuta ad esempio 1-6x 24/32 sempre di marche primarie potrebbe andare? Vedo che sono molto leggeri....Grazie ciao

da X Marco Benecchi  25/07/2018 5.52

Re: Caprioli di fine - inizio stagione

CHE DICO???
Confermo quello che ho SEMPRE detto da una vita,
O almeno da quando sono cominciati a venirmi i capelli bianchi...

Arma: Leggera, Corta, Compatta, maneggevole..
Ecco perché preferisco calibri più tranquilli dei soliti mostri di potenza...

Cerca SUBITO un qualcosina di SINTETICO in calibro:
25.06, 270, 7 x 64 308 30.06

CI FAI TUTTO dal capriolo al cinghiale!!!

COME TU BEN DICI diffidiamo delle armi offerte a "due lire"
C'è un limite a tutto o almeno dovrebbe esserci...

Vediamo cosa consigliarti..
Roessler (ci caccio io!)
Tikka T 3
Sako A3
Winchester XPR
Browning A-Bolt o X-Bolt
Remington 700
Bergara carabina (non monocanna) P 18
Sabatti Rover o Saphyr
E similari

Nei calibri indicati sono tutte offerte sotto i 3 kg....

Vedi tu

E fammi sapere

Mi incuriosisce sapere in che calibro è ora la tua CZ

Per il cannocchiale la scelta è... oscena!
Per me ne girando davvero TROPPI!

A me non interessa la precisione dei CLICK che dovrebbe essere scontata
Quanto la LUMINOSITA' e la DEFINIZIONE
Devi sapere a cosa spari e a dove spari, non alle ombre indistinte!

Se vai sulle GRANDI MARCHE non sbagli mai...
Io ho una NETTA predilezione per:
KAHLES
SWAROVSKI
Smidth & Bender
e ora sto utilizzando anche un KITE 2,5 - 15 x 56 che ha un eccezionale rapporto qualità prezzo!

M

da Marco B x Cacciatore Toscano  25/07/2018 4.25

Re: Caprioli di fine - inizio stagione

Marco volevo chiedere un parere a te. Per praticare la caccia di selezione ALLA CERCA in Toscana (capriolo e daino e se capita cinghiale) in territorio libero sto usando una ca 550 pesantissima: siamo intorno ai 5 kg!! Per alleggerire cosa consiglieresti a prezzi abbordabili? Ho visto delle carabine low-cost con canne 18" e di peso (ottica e attacchi esclusi) di circa 2,7 kg lunghe 94/98 cm...Ma non mi fido della qualità ...siccome caccerei di mattina e di giorno vorrei montare un variabile leggero anche lui magari da battuta di prezzo non eccessivo la cui dote principale sia la precisione dei click...Che mi dici?

da X MARCO BENECCHI (consiglio)  24/07/2018 17.23

Re: Caprioli di fine - inizio stagione

Ma passiamo ad altro....
VIVA LA CACCIA IN OGNI SUA FORMA


"Dall'Allodola all'Elefante"

come diceva il compianto Adelio Ponche De Leon!!!!

Comunque questa massima è molto significativa per me perché non ho mai abbattuto un Elefante (anche se non è ancora detto...) e NON HO MAI cacciato le allodole nei metodi classici: giostra, civetta, etc..
Ma ne ho abbattute molte con la DIANA 27 a fermo!
Era una delle mie cacce preferite da bambino...
M

da Marco B x Francesco  24/07/2018 13.51

Re: Caprioli di fine - inizio stagione

Caro Francesco,
IO sto passando guai per un mio amico che è... diventato uno straccio, un rottame
E la vuoi sapere l'ultima?????

LEI lo ha apertamente minacciato...
Gli ha IMPOSTO di assecondare ogni sua richiesta altrimenti lo va a denunciare per minacce e gli fa togliere il porto d'armi!!!

Da non credere Vero???

da Marco B x Francesco  24/07/2018 13.48

Re: Caprioli di fine - inizio stagione

e non è finita Marco... perché questi famosi LATIN LOVER da est Europa o estremo oriente rogitano l'appartamento alla concubina e questa dopo due ore li scarica in mezzo alla strada per ADDESCARE un altro LATIN LOVER da WC !!! ah ah ah .... i soliti che a donne non hanno mai tolto un ragno dal buco!!!

da Francesco  24/07/2018 12.52

Re: Caprioli di fine - inizio stagione

Per me chi confonde il Sacro con il Profano,
Non è "pratico" né dell'uno né dell'altro...
Chi va a caccia all'estero come "alibi" per la moglie ha dei serissimi problemi esistenziali...

Non pretendo di trovare la "selvaggina" che cerca Gulag 89 in tutti i paesini,
ma nelle cittadine ce né a scatafascio...
Anzi è concorrenziale, per quant'è forte l'offerta............

Quindi chi la cerca all'estero è perché è TERRORIZZATO di avvicinarla in Italia e pochissimo appassionato di caccia!
Alla moglie potrebbe dire di andare ad un convegno per lavoro, senza stare a portarsi dietro armi e bagagli.
Questa è una cosa che mi ha sempre suscitato MOLTA tristezza...
Come i duemila amici che ho, che da ragazzi erano degli imbranati ora sono diventati tutti dei Latin Lover perché hanno delle "compagne" Rumene, russe, albanesi, filippine etc....

da Marco B x Francesco  23/07/2018 18.36

Re: Caprioli di fine - inizio stagione

in Ungheria si organizzano per far divertire il cliente nel migliore di modi. Sono bravissimi , educati e professionali. Ma la caccia migliore sono gli UNGULATI il resto è un accomodamento a parte le oche e le lepri che sono organizzati. Io sono un poco più giovane di te ma mai mi sarei sognato di andare a tortore in Ungheria a qui tempi ( 19 anni) le cacciavo in Spagna e all'isola di Lampedusa ( la legge era poco chiara si andava ma non si poteva andare ... ) . Poi è arrivato il Marocco ed è stata la fine ... per le tortore . Gulag 89 se uno deve fare 12 ore di macchina o ore di aereo per andar a mignotte quando dietro casa ha il mondo o scemo o stupido! ahahah

da Francesco  23/07/2018 15.38

Re: Caprioli di fine - inizio stagione

ma perché non si sa che molti anzi tutti vanno per fjia altro che caccia le tortore le buttano nel secchio.

da Gulag 89  23/07/2018 14.19

Re: Caprioli di fine - inizio stagione

Oramai di vero selvatico e' rimasto ben poco, ci si diverte a sparare su animali tonti e buonaccioni che si farebbero pigliare anche con le mani.

da Gulag 89  23/07/2018 14.17

Re: Caprioli di fine - inizio stagione

Io ho 57 anni e ci sono andato dal 1985 al 1989. Ho sempre cacciato SOLO africane appena hanno provato a bidonarmi con quelle dal collare e piccioni ho smesso. Così come ho smesso di andare ai Germani quando invece di alzavole fischioni e codino hanno provato a farmi cacciare germani reali cioè anatre germanate domestiche. Le donne che la offrivano A PAGO le ho sempre rifiutate. Se sono a caccia vado a caccia se sono a fare altro faccio altro. Due cose insieme non mi riesce.

da Matteo  23/07/2018 13.54

Re: Caprioli di fine - inizio stagione

Francesco che ti devo dire? Io ho 56 anni e ci sono andato fino al 1988 io ho sempre cacciato le tortore africane; appena hanno provato a portarmi su quelle dal collare ho smesso. Così come ho smesso di andare i germani quando da quelle vere (alzavole, codoni, fischioni) hanno provato a farmi cacciare i germani reali (anatre germinate). Le donne venivano da sole ma io andavo a caccia e non a zoccole. Poi ognuno è libero di credere quel che gli pare. Questo per dire che all'estero (anche all'estero) cercano spesso di dare le fregature e vendere ottone per oro...

da Matteo  23/07/2018 13.50

Re: Caprioli di fine - inizio stagione

le hanno sempre sparate con il collare e anche i piccioni assieme alle africane. Ci andava mio babbo oggi 85 anni e le vedevo perché le riportavano a casa. Allora o tu sei matusalemme oppure non sei mai stato dove le tortore ci sono per davvero. Riguardo le donne non era ASSOLUTAMETE rivolto a te ma conosco bene il paese ... forse troppo.

da Francesco  23/07/2018 13.43

Re: Caprioli di fine - inizio stagione

Poche centinaia di metri da casa?
Perché avrai voluto strafare...
Avresti potuto faticare anche meno...
Oggi te la portano a casa...

M

da Marco B x Matteo  22/07/2018 7.01

Re: Caprioli di fine - inizio stagione

Francesco quando hanno cominciato a far sparare a quelle dal collare ho smesso, anzi ho interrotto il viaggio. Fino a metà anni '80 le tortore africane in Ungheria nei girasolai erano uno spettacolo. Poi man mano sono diminuite fino a che hanno cominciate a fare i furbi con quelle dal collare. Chi non ci è stato in quegli anni non può capire. Il resto (figa) l'ho sempre cacciata a poche centinaia di metri da casa.

da Matteo  21/07/2018 13.12

Re: Caprioli di fine - inizio stagione

Francesco quando hanno cominciato a far sparare a quelle dal collare ho smesso, anzi ho interrotto il viaggio. Fino a metà anni '80 le tortore africane in Ungheria nei girasolai erano uno spettacolo. Poi man mano sono diminuite fino a che hanno cominciate a fare i furbi con quelle dal collare. Chi non ci è stato in quegli anni non può capire. Il resto (figa) l'ho sempre cacciata a poche centinaia di metri da casa.

da Matteo  21/07/2018 13.11

Re: Caprioli di fine - inizio stagione

andavi a tortore dal collare e qualche africana ( quelle vere) in Ungheria non ci sono mai state molte tortore come in Marocco o Spagna ma era una meta ambita per altre cose!!!

da Francesco  21/07/2018 12.15

Re: Caprioli di fine - inizio stagione

Caro Matteo, nella Mittleuropa la caccia alla piuma non riscuote molto interesse
Tolte le Oche, le anatre e i tetraonidi dove presenti, non hanno molta passione per le "sparatorie!"

Tu dici le tortore? Io andando spesso in settembre - ottobre ho viste nugoli di Colombacci, Cesene e tordi!!!

Tanti da farmi venire qualche voglia anche a me che tolto il decennio Sardo (76 - 86 o giù di lì) non sono mai stato uno sparatore incalliti!
Ho sempre preferito il CANE all'appostamento fisso!

Saluti
Marco

da Marco B x Matteo  21/07/2018 6.23

Re: Caprioli di fine - inizio stagione

Caro Benecchi in Ungheria andavo a tortore nella seconda metà degli anni '80 del secolo scorso. Ecco quella specie non è stata ben gestita. Come le starne polacche (ora tutte di lancio recente). Ungulati invece ottimi e abbondanti, ma li non c'è merito.

da Matteo  20/07/2018 19.32

Re: Caprioli di fine - inizio stagione

Caro Benecchi in Ungheria andavo a tortore nella seconda metà degli anni '80 del secolo scorso. Ecco quella specie non è stata ben gestita. Come le starne polacche (ora tutte di lancio recente). Ungulati invece ottimi e abbondanti, ma li non c'è merito.

da Matteo  20/07/2018 19.31
Cerca nel Blog
Lista dei Blog