Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Archivio
<dicembre 2018>
lunmarmergiovensabdom
262728293012
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31123456
Mensile
dicembre 2018
novembre 2018
ottobre 2018
settembre 2018
agosto 2018
luglio 2018
giugno 2018
maggio 2018
aprile 2018
marzo 2018
febbraio 2018
gennaio 2018
dicembre 2017
novembre 2017
ottobre 2017
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
aprile 2011
marzo 2011
febbraio 2011
gennaio 2011
dicembre 2010
novembre 2010
ottobre 2010
settembre 2010
agosto 2010
luglio 2010
giugno 2010
maggio 2010
aprile 2010
marzo 2010
febbraio 2010
gennaio 2010
dicembre 2009
novembre 2009
ottobre 2009
settembre 2009
agosto 2009
luglio 2009
giugno 2009
maggio 2009
aprile 2009
marzo 2009
febbraio 2009
gennaio 2009
dicembre 2008
novembre 2008
ottobre 2008
settembre 2008
agosto 2008
maggio 2008
aprile 2008
marzo 2008
febbraio 2008
gennaio 2008
dicembre 2007
novembre 2007
ottobre 2007
settembre 2007
agosto 2007
luglio 2007
giugno 2007
gen12


12/01/2018 17.22 

 
Sono sempre stato un fervido sostenitore della massima pronunciata del grande Adelio Ponce De Leon nel suo bel libro “Dall’allodola all’elefante”, con la quale ritiene, a ragione, che sono ugualmente belle ed emozionanti tutte le forme di caccia da quella al piccolo volatile al grande portatore d’avorio. Ma la caccia al cervo in bramito, credetemi, è tutta un’altra cosa. Può capirlo soltanto chi ha avuto l’occasione di provarla almeno una volta nella vita. Vuoi per la bellezza del territorio dove si pratica, vuoi per la maestosità del selvatico, la caccia al cervo durante il periodo degli amori è davvero un’esperienza esaltante e indimenticabile. Inoltre, credo che anche tutta la cultura venatoria che solitamente fa da contorno, contribuisce a renderla unica e inimitabile. Anche se per il momento non avevo previsto di ritornare in Ungheria per cacciare il cervo, dietro la pressante insistenza di un gruppo di amici ero capitolato, acconsentendo ad accompagnarli, ma a patto che la partenza fosse fissata per la fine di settembre. L’organizzazione di tutta la spedizione fu affidata come al solito al grande Làszlò Keresztes, il patron di tutte le mie avventure in terra magiara. Làszlò fu felice di provvedere coi preparativi, ma ci raccomandò di partire molto presto, almeno verso la metà del mese, quando i selvatici sarebbero stati in pieno estro. Purtroppo invece, chi come me ama praticare anche altre forme di caccia e nel canile ha una bella muta di cani da ferma che aspetta impaziente, non può e non vuole rinunciare all’apertura generale in Italia, cosi decidemmo di partire qualche giorno dopo, quando i grossi maschi stavano quasi esaurendo il periodo di frega. Mi permetto di dare un consiglio a tutti gli amici e colleghi cacciatori appassionati di caccia a palla: prima di intraprendere una spedizione di caccia importante o meno che sia, sarebbe SEMPRE auspicabile verificare l’efficienza delle nostre attrezzature. Cosi Mauro, Alvaro, Danilo ed io, un bel pomeriggio ci recammo al poligono per ricontrollare la funzionalità e la precisione delle nostre armi. La mia carabina da cervi preferita è la mitica Steyr Mannlicher, modello S calibro 8 x 68 Shuler, corredata di ottica  12 x 56 con reticolo illuminato HD e di munizioni Originali Brenneke con palla TIG da 198 grani che, raggiungendo i 900 m/s, riescono ad erogare un’energia cinetica di circa 550 chilogrammetri. Per cacciare i grossi selvatici europei uso molto spesso la Steyr 8 x 68 S perché è una combinazione classica mittleuropea a cui sono molto affezionato e con la quale posso affrontare qualsiasi selvatico esistente, con la sola eccezione dei pachidermi. Mauro aveva con sé una bella carabina Sako 85 Bavarian in calibro 7 mm Remington Magnum equipaggiata con il mio stesso modello cannocchiale, che ritengo insuperabile quando occorre tirare praticamente in condizioni di luce estreme. Per l’occasione gli avevo preparato un lotto di munizioni ricaricate con palle Nosler Accubond da 160 grani, che si sono dimostrate micidiali, come vedremo più avanti. Anche ad Alvaro avevo montato in fretta e furia un 12 x 56 HD sopra ad una semiautomatica Browning BAR Zenith in calibro 300 Winchester Magnum, perché era la sola arma rigata registrata al momento nella sua Carta Europea. Avevo eseguito un ottimo lavoro, utilizzando i funzionali attacchi a sgancio rapido ideati dai fratelli Alessandro e Andrea Contessa e poi tarato il tutto con munizioni ricaricate con la nuovissima palla monolitica slovena Fox Bullet Classic Hunter da 165 grani. Danilo invece volle strabiliarci perché, nonostante la sua ricca collezione d’armi, aveva scelto di utilizzare uno splendido Kipplauf Blaser “Black Edition” camerato in un calibro, diciamo piuttosto “modesto” per cacciare il Re delle foreste danubiane: il 6,5 x 65 R caricato con palle Nosler Partition da 125 grani. Un bel cannocchiale 18 x 56 su attacchi originali completava il tutto. Quattro robusti ragazzoni come noi, con i rispettivi bagagli occupano un bel po’ di spazio, cosi optammo di partire con due SUV per viaggiare più comodi.

Lasciammo la nostra amata Maremma alle cinque del mattino e dopo neanche una decina di ore di viaggio ci ritrovammo nella reception di un piccolo, ma confortevole hotel situato nella periferia della cittadina termale di Zalakaros a sud est del lago Balaton. Con Làszlò non si perde mai tempo. Lui valuta i cacciatori in base alla velocità con cui si muovono a caccia e non, e da quanti, …. alcolici bevono. Per questo motivo il mio caro amico ungherese ha sempre detto che io, che sono quasi astemio, non potrò mai essere davvero un buon cacciatore!

dice un vecchio proverbio? “Il buon giorno si vede dal mattino”! Infatti, anche se era pomeriggio inoltrato, come inizio non potevamo sperare di meglio. Il tempo era eccezionalmente buono sotto tutti i punti di vista. Soltanto una splendida luna piena ci fece storcere il naso perché avrebbe troppo favorito i selvatici durante gli spostamenti notturni a discapito nostro, che invece avremmo potuto appostarli soltanto al mattino presto e la sera all’imbrunire.



Làszlò ci aveva prenotato quattro giorni di caccia in una riserva molto esclusiva sapientemente gestita da un competente gruppo di cacciatori locali. La zona poteva vantare la stessa densità di selvatici caratteristica delle riserve statali, ma a prezzi decisamente più abbordabili. Quando si caccia all’estero l’imperativo è non perdere tempo prezioso, così decidemmo di fare subito una prima uscita quella sera stessa, tanto per prendere confidenza con le nostre guide e con il territorio. Dopo essere stato in Ungheria decine di volte, posso confidarvi che per me il top per visitarla è andarci in autunno, quando i colori e i profumi dei prati, delle culture e dei boschi ti riempiono il cuore.

La caccia al cervo in terra magiara si pratica in due modi: all’aspetto serale e alla cerca mattutina, così io e Zoltan, il mio accompagnatore, salimmo sopra ad una altana, posizionata strategicamente in mezzo ad una vera e propria foresta impenetrabile. Zoltan, che somigliava in modo impressionante ad Adolf Hitler, prima volle conoscere il calibro della mia arma poi, soddisfattissimo, cominciò a richiamare i cervi imitandone il bramito, soffiando in un corno di mucca. Quel suono mi fece venire i brividi. Era arcaico e bellissimo. Ogni volta che Zoltan soffiava nel corno avevo dei picchi di adrenalina che mi facevano tremare dall’emozione. Possibile che a cinquantasette anni suonati e dopo aver abbattuto decine e decine di cervi, riuscivo ancora ed emozionarmi così tanto?

Chi sa dirmi come si capisce se una guida è più o meno valida? Ve lo dico io: da quante volte controlla la direzione del vento e… da quante volte controlla l’orologio! Io ero come Alice nel paese delle meraviglie, non mi saziavo mai di ammirare col binocolo e senza, tutto quello che ci circondava, mentre Zoltan non faceva altro che fumare una sigaretta dietro l’altra per sondare, secondo lui, la direzione del vento. Alle 18,50, come se stessimo per far tardi ad un appuntamento, mi sollecitò di raccogliere lesto le mie cose e di seguirlo di corsa. Ma come!, pensai, dovevamo andarcene proprio adesso che era l’ora buona? Non protestai, anzi, sorrisi, perché avevo ben chiaro quale fosse il piano di Zoltan. Da perfettissimo conoscitore del luogo e dei selvatici che vi abitano, Zoltan aveva deciso che se a quell’ora i cervi non erano ancora usciti nel prato, saremmo dovuti andare noi a cercarli altrove. Percorremmo veloci, quasi di corsa, un centinaio di metri e raggiungemmo silenziosi un’altra altana dove salimmo più o meno come avevamo fatto con l’altra. Zoltan, mi precedeva e come sporse la testa dal parapetto di legno pronunciò una sola parola : “Hirsch”, che in tedesco significa Cervo! Mi affiancai a lui e contemporaneamente alzai e puntai la Steyr nella direzione che la mia guida mi stava indicando. In un angolo remoto della radura, a circa centocinquanta metri di distanza, s’intravedevano nella penombra quattro grosse sagome scure. Con il mio 8 x 42 vidi distintamente che erano tre femmine adulte ed un imponente maschio. Zoltan mi sollecitò a tirare subito perché gli animali, che sicuramente dovevano aver percepito qualcosa, erano nervosi e stava calando anche la notte. Avevo già armato il primo grilletto dello schneller ed illuminato il reticolo dell'ottica così, come riuscii a sovrapporlo sulla possente spalla del grande maschio, non ebbi nessuna esitazione e lasciai partire il colpo. Quelli sono i momenti che ringrazio Diana e Sant Humberto di avermi consigliato di usare un grosso calibro con la munizione adeguata. Il cervo, colpito perfettamente dove avevo mirato, era crollato di schianto sul posto! Dall’altana s’intravedeva soltanto il suo imponente trofeo immobile seminascosto dalla vegetazione. Zoltan, per festeggiare l’abbattimento, si accese credo la cinquantesima sigaretta della giornata! Valutò il trofeo tra i sette e gli otto chilogrammi.. splendido, anche se mi sarei accontentato di molto meno!



Quel che seguì fu tradizione pura. Il rito del Weidmannsheil, le foto d’obbligo, il corretto trattamento della spoglia e il provvidenziale arrivo di tre aiutanti che ci diedero una mano a caricare il grosso selvatico sul cassone di un fuoristrada. Solo allora mi accorsi di non aver udito altri spari né vicini né in lontani. Al rientro al nostro hotel, venni a sapere che per i miei amici la prima uscita si era conclusa con un nulla di fatto! Mi fecero comunque dei sinceri complimenti e dopo una cena leggera, programmammo le nostre sveglie per l’indomani e ci coricammo speranzosi.

Il mattino seguente, come da copione, cambiammo zona. Zoltan parcheggiò il fuoristrada all’interno di un bosco fittissimo che lui stesso definì: “Vietnam”. Ci addentrammo lungo uno stretto sentiero simile ad un vero e proprio tunnel nella vegetazione. Era talmente buio che quando Zoltan si fermava per sentire da quale direzione bramissero i cervi, io gli finivo addosso. Udimmo pochi maschi lanciare i lori richiami, ma accelerammo il passo ugualmente. Ad un tratto mi sembrò d’intravedere una flebile luce davanti a noi, segno che il sole stava sorgendo e che stavamo per uscire dalla foresta. Ci affacciammo in una radura paradisiaca, di una bellezza mozzafiato, completamente avvolta da una nebbia sottilissima che si diradava proporzionalmente all’aumentare della luce. Fui io il primo a vedere gli animali, anche perché il mio binocolo  è sensibilmente più luminoso del vecchissimo binocolo di Zoltan. “Hirsch” bisbigliai puntando un dito verso sinistra. Tre-quattro sagome scure sembrava che nuotassero nella fitta bruma mattutina. Il terreno era fradicio di rugiada gelida. Se durante il giorno la temperatura sfiorava i venti gradi, di notte e all’alba era vicina allo zero barometrico. Senza pensarci un attimo mi sdraiai sull’erba e presi a valutare i capi direttamente attraverso le limpidissime lenti dell'ottica. Identificai bene tre maschi, tutti giovani con i lori classici trofei “Spitzer”. Zoltan mi diede il via al tiro solo se avessi avuto la visuale libera. Dopo alcuni secondi decisi che l’ultimo maschio sulla mia destra era quello che si presentava meglio così, dopo aver utilizzato una provvidenziale pietra come appoggio posteriore al calcio della Steyr, eseguii un tiro perfetto da quasi centottanta metri di distanza. Il “Good Shissen” pronunciato alle mie spalle, fu veramente ben accetto.

Anche per caricare quel giovane maschio dovemmo farci aiutare, ma alle otto del mattino ero già disteso nel mio letto impaziente di conoscere l’esito della caccia dei miei tre compagni di avventura. In sole due uscite avevo avvistato quasi una decina di cervi abbattendone due e completando definitivamente il piano di prelievo che mi ero prefissato di eseguire. Purtroppo però, non fu così per i miei amici. Quando nel tardo mattino li vidi rientrare, sembrava che fossero stati ad un funerale. Anche se con poco entusiasmo mi fecero di nuovo i complimenti, si fecero raccontare com’era andate l’azione di caccia per filo e per segno poi, fatta una ricca colazione, ce ne tornammo tutti a dormire.

Quel pomeriggio decisi di accompagnare Alvaro, ma sempre con scarso risultato. Di cervi ne sentimmo bramire molti ma nessuno osò farsi vedere. Ipotizzai che i selvatici uscissero nei prati e nelle radure soltanto a notte fonda, aiutatati da una luna al top del suo splendore. Il mattino seguente uscii invece con Mauro ed il suo accompagnatore. Avvistammo decine di caprioli e molte femmine di cervi e di daini, ma nessun maschio. Tramite W App venimmo a sapere che Alvaro aveva rotto il ghiaccio abbattendo un bel palancone. Fui felicissimo per lui ed anche un pochino per me per averlo ben equipaggiato con l’attrezzatura giusta. Danilo aveva il morale sotto la suola dei suoi scarponcini.



Questa mia fedelissima cronaca di una battuta “tipica” a cervi in Ungheria vuole anche dimostrare che, a differenza di quel che si crede, la caccia all’estero non è assolutamente né facile né scontata, con i selvatici che ti aspettano legati o come se fossero sopra ad uno scaffale del supermercato! Un buon trofeo devi sapertelo guadagnare con bravura e con una buona dose di sana fortuna, né più né meno di come va fatto praticando la selezione in Italia.

La mattina del terzo giorno di caccia ci riunimmo a colazione tutti leggermente demoralizzati, io forse più degli altri perché mi sentivo, chissà perché, un pochino in colpa per i loro insuccessi. Avevo fatto due capi io ed uno Alvaro, mentre Mauro e Danilo non avevano ancora tirato un colpo. Decisi di insistere con Mauro accompagnandolo nelle uscite, anche perché è il mio amico più caro, quello di vecchia data. Gli proposi di sostituire il suo accompagnatore con Zoltan, che avevamo soprannominato bonariamente zio Adolf. Zoltan, inutile sottolinearlo, aveva davvero una marcia in più. Se non fosse stato per il fatto che fumava come una ciminiera era davvero perfetto. Non a caso, la prima altana che raggiungemmo fu quella dove ero salito io il primo giorno. Quindi conoscevo ogni anfratto della radura che sovrastava e sapevo in anticipo tutte le distanze possibili di tiro. Come prese ad albeggiare il magiaro si esibì col solito corno, ricevendo in risposta il richiamo di ben tre maschi. Mauro era pronto e ben messo. Trascorsero pochi minuti ed ecco che nel campo apparve un cervo maestoso. Era bellissimo. Aveva ancora il fiatone ed una ferita in un coscio evidentemente inflitta dalla cornata di un altro maschio. “Good Hirsch! Shissen!” sussurrò forse un po’ troppo forte Zoltan, e lo sparo non si fece attendere. Perdonatemi la falsa modestia, ma io sono un professionista, quindi i miei occhi erano già ben incollati al binocolo con i miei gomiti ben puntellati sui fianchi. Vidi distintamente la potente palla impattare tra il collo e la spalla del magnifico selvatico, ma il cervo, invece di cadere, fece un balzo in avanti inoltrandosi nel folto. Non avevamo nessun dubbio sull’esito della fucilata. Ci scambiammo abbracci e complimenti, Zoltan si accese l’ennesima sigaretta e dopo che l’ebbe fumata tutta fino al filtro, ci invitò a seguirlo.

Trovammo il cervo immediatamente, non aveva percorso più di venti–trenta metri. Alla luce del giorno nascente era davvero imponente. Sembrava il gemello del mio, con un trofeo un po’ più largo e forse un mezzo chilo in più di peso. Ripensandoci ora, credo di non aver mai visto una persona più felice di Mauro! Era al settimo cielo, perché, oltretutto, quello ai nostri piedi era il suo primo cervo! Quando glielo feci notare, scherzando ma non troppo, mi disse che non si sarebbe fatto battezzare come le altre volte. Come no, gli dissi, mentre già preparavo il bastone! Smacchiare il grosso selvatico non fu certo facile. Ci vollero sei robuste persone per portarlo fino al fuoristrada e per caricarcelo. Mentre verificavo il perfetto colpo alla spalla, il lavoro svolto dalla Nosler Accubond da 160 grani, la possente mole del selvatico e l’entità del trofeo non udii altri spari. Più tardi Alvaro e Danilo mogi mogi ci raccontarono di non aver avuto ancora fortuna, ma che avrebbe ritentato la sorte quella sera e, se fosse stato necessario, anche il mattino seguente prima della partenza.

Il battesimo di Mauro fu un evento memorabile, ricco di sonore risate come di occhi lucidi. Per tutto il giorno respirammo un’aria di cameratismo più unica che rara, davvero molto intima e profonda. Fu davvero un gran giorno che rimarrà impresso nei nostri cuori per molto tempo. Mi sarebbe piaciuto raccontarvi anche di come Alvaro e Danilo riuscirono ad abbattere un bel cervo e dei loro rispettivi “battesimi”, ma purtroppo non posso. La sorte fu davvero avara con loro. Strano ma vero, come se fossero stati beffati dal destino, Alvaro e Danilo a differenza di me e di Mauro avevano visto moltissimi capi, ma purtroppo non rientravano nel piano di abbattimento.

Questa è la Caccia, quella con la C maiuscola. La nostra è stata una bellissima avventura in Ungheria, in un Paese che è ancora in grado di dare tante ed entusiasmanti emozioni agli appassionati di caccia a palla. Mi sembra doveroso ringraziare Mauro, Alvaro e Danilo per avermi accompagnato e il caro amico Laszlo per la sua ospitalità. Grazie a tutti amici miei! Alla prossima.

Marco Benecchi
 
 

Tags:

Tuo Nome:
Titolo:
Commento:


162.158.79.93
Aggiungi un commento  Annulla 

20 commenti finora...

Re: CACCIA AL CERVO AL BRAMITO “Ottimi trofei di fine stagione!”

Grazie Marco per i tuoi sempre interessanti racconti.

da 100%cacciatore  20/01/2018 19.41

Re: CACCIA AL CERVO AL BRAMITO “Ottimi trofei di fine stagione!”

....gabbiano di scogliera.....

da Antelop  17/01/2018 20.54

Re: CACCIA AL CERVO AL BRAMITO “Ottimi trofei di fine stagione!”

....gabbiano di scogliera.....

da Antelop  17/01/2018 20.54

Re: CACCIA AL CERVO AL BRAMITO “Ottimi trofei di fine stagione!”

cervo a primavera

da Leon  17/01/2018 20.49

Re: CACCIA AL CERVO AL BRAMITO “Ottimi trofei di fine stagione!”

Assolutamente no. Alla estero non tocco quasi mai il coltello. Giosto in inverno alle femmine che, visto i numeri, dai una mano. No io lavoro le carni in Italia. M

da Marco B x Lando  17/01/2018 13.15

Re: CACCIA AL CERVO AL BRAMITO “Ottimi trofei di fine stagione!”

Ma davvero ti sei macellato da solo il cervo del racconto? Stento a crederlo

da Lando  16/01/2018 21.32

Re: CACCIA AL CERVO AL BRAMITO “Ottimi trofei di fine stagione!”

Che strana politica editoriale ....boh.....

da Franco  16/01/2018 20.57

Re: CACCIA AL CERVO AL BRAMITO “Ottimi trofei di fine stagione!”

Per una politica "editoriale" vengono spesso censurate le marche dei prodotti
TUTTI NOI: io, Mauro e Alvaro sulla BAR 300 avevamo lo stessissimo cannocchiale
KAHLES CBX 3 - 12 X 56 HD con reticolo illuminato...
INSUPERABILE per cacciare in condizioni di luce proibitive.
Credo che dopo il CBX viene il visore notturno
Saluti
Marco

da Marco B x FRANCO  16/01/2018 19.14

Re: CACCIA AL CERVO AL BRAMITO “Ottimi trofei di fine stagione!”

Dimenticavo
e TUTTI avevamo anche lo stesso binocolo
Ovviamente LEICA GEOVID HD 8 x 42

da Marco B x FRANCO  16/01/2018 19.14

Re: CACCIA AL CERVO AL BRAMITO “Ottimi trofei di fine stagione!”

Concordo con quel che dici,
Ma IO, personalmente, non mangio cacciagione da 40 anni,
Da quando ho cominciato ad ucciderli io e a macellarli io i selvatici..
Stessa cosa con il pesce quando praticavo la pesca subacquea..
Mi spiace ma questo è quanto!!!!

Preferisco una salciccia ogni tanto e parecchio pollo..
Almeno non li ho visti morire
Nessuno è perfetto
M

da Marco B x Lando  16/01/2018 19.12

Re: CACCIA AL CERVO AL BRAMITO “Ottimi trofei di fine stagione!”

Per una politica "editoriale" vengono spesso censurate le marche dei prodotti
TUTTI NOI: io, Mauro e Alvaro sulla BAR 300 avevamo lo stessissimo cannocchiale
KAHLES CBX 3 - 12 X 56 HD con reticolo illuminato...
INSUPERABILE per cacciare in condizioni di luce proibitive.
Credo che dopo il CBX viene il visore notturno
Saluti
Marco

da Marco B x FRANCO  16/01/2018 19.09

Re: CACCIA AL CERVO AL BRAMITO “Ottimi trofei di fine stagione!”

Che marca è l'ottica 12x56 HD?

da Franco  16/01/2018 18.13

Re: CACCIA AL CERVO AL BRAMITO “Ottimi trofei di fine stagione!”

Io metterei una regola ferrea: chi abbatte un animale ((dalla allodola all'elefante) deve recuperarlo, portarselo a casa, pulirlo conservarlo e mangiarselo da solo o (al massimo) con l'aiuto della propria famiglia...

da Lando  16/01/2018 18.07

Re: CACCIA AL CERVO AL BRAMITO “Ottimi trofei di fine stagione!”

grazie mille a marco e filippo ciao e salute a tutti

da carlo48  16/01/2018 13.12

Re: CACCIA AL CERVO AL BRAMITO “Ottimi trofei di fine stagione!”

basta metterla nel punto giusto e cade anche con la palla in alluminio!!! ahahah

da Sic  16/01/2018 12.48

Re: CACCIA AL CERVO AL BRAMITO “Ottimi trofei di fine stagione!”

Conosco abbastanza bene la caccia narrata da MB. E non posso che confermare che si tratta di un'esperienza straordinaria. Tra l'altro garantisce le stesse emozioni indipendentemente dalle dimensioni del trofeo. Ma ciò che mi preme è salutare calorosamente Carlo, al quale è doveroso augurare ogni bene. Tanta tanta salute e un grande abbraccio

da Filippo 53  16/01/2018 8.07

Re: CACCIA AL CERVO AL BRAMITO “Ottimi trofei di fine stagione!”

Lascia stare i "mugolatori"
E ricorda che per uno come loro ce ne sono 100000 come Noi.
Spero che tutto vada bene e ti auguro una prontissima guarigione anche a nome di Filippo e di tutti i fedelissimi del Blog.

Poi: come sono le nuove munizioni Norma?

Ti rispondo così...
Una volta un vecchietto maremmano ad uno che gli chiese quale fosse la munizione migliore per i cinghiali rispose:
"E che ne so figlio mio...
Io ho poca esperienza, né avrò ammazzati solo una "millata"".

Quindi non posso darti il mio giudizio perché le tip stryke non l'ho mai provate e per provarle dovrei abbatterci almeno una decina di animali.
Non ho MAI fatto statistiche su una manciata di catture.

Un caro saluto
Marco

da Marco B x Carlo 48  15/01/2018 6.38

Re: CACCIA AL CERVO AL BRAMITO “Ottimi trofei di fine stagione!”

ciao a marco e il mio vecchio e saggio filippo.
sono tornato dopo mesi di isolamento x trapianto e DH , che ti trovo sul blog????
il solito muuuuu haaaaa ecc. ecc. ... il solito scemo di guerra in tempo di pace. ciao e salute a tutti . PS
la norma adesso carica tip stryke in 7x64 160 gr con 9oomt. di Vo e 4300 J circa. sò che gia le caricava in 308 e 30.06 e vorrei sapere se possibile, che palla è? balisticamente su animali come cinghiale daino e capriolo
come si comporta?? scusate la mia ignoranza e grazie. auguri in ritardo di un buon anno a tutti.G.C.

da carlo48  14/01/2018 13.52

Re: CACCIA AL CERVO AL BRAMITO “Ottimi trofei di fine stagione!”

Carissimo
CREDIMI
L'unica cosa davvero vietata in Ungheria è...
Andarci senza soldi
Per il resto......
Va bene tutto
Tutto è "quasi" ammesso
Qui ci vorrebbero un po di faccine gialle con l'occhiolino.
Un abbraccio
Marco

da Marco B x Bansberia  13/01/2018 18.41

Re: CACCIA AL CERVO AL BRAMITO “Ottimi trofei di fine stagione!”

Weidmannsheil! Buon cevro e bel racconto.
Ma le carabine semiauto non sono vietate in Ungheria?

da bansberia  13/01/2018 10.07
Cerca nel Blog
Lista dei Blog