Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | Foto | I Video | Sondaggi | Quiz | Forum | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Downloads | Fresco di Stampa | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Archivio
<dicembre 2017>
lunmarmergiovensabdom
27282930123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031
1234567
Mensile
dicembre 2017
novembre 2017
ottobre 2017
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
aprile 2011
marzo 2011
febbraio 2011
gennaio 2011
dicembre 2010
novembre 2010
ottobre 2010
settembre 2010
agosto 2010
luglio 2010
giugno 2010
maggio 2010
aprile 2010
marzo 2010
febbraio 2010
gennaio 2010
dicembre 2009
novembre 2009
ottobre 2009
settembre 2009
agosto 2009
luglio 2009
giugno 2009
maggio 2009
aprile 2009
marzo 2009
febbraio 2009
gennaio 2009
dicembre 2008
novembre 2008
ottobre 2008
settembre 2008
agosto 2008
maggio 2008
aprile 2008
marzo 2008
febbraio 2008
gennaio 2008
dicembre 2007
novembre 2007
ottobre 2007
settembre 2007
agosto 2007
luglio 2007
giugno 2007
nov21


21/11/2017 16.26 



Per molti altri cacciatori residenti nell’Alto Lazio, la piccola cittadina balneare di Santa Severa, o meglio i boschi che le fanno da anfiteatro, sono sempre stati sinonimo di Caccia al cinghiale. Basta soltanto sentir pronunciare quel nome che subito ti viene in mente quella piccola cresta di colline che fa parte dei famosi Monti della Tolfa, dove è nata la Cacciarella Laziale, praticamente “Dove tutto ebbe inizio!” dove fu schierato il primo grosso spiegamento di cacciatori, dove furono liberate le prime grosse mute di cani e dove germogliò l’antica tradizione della caccia al cinghiale in battuta. Per me in particolare, le Macchie di Santa Severa sono molto importanti perché sono i luoghi dove ho trascorso molta della mia infanzia e diciamo tutta l’adolescenza. E’ dove ho abbattuto il mio primo cinghiale e dove prima di me lo abbatterono anche mio padre e mio nonno.
 
La “Caccia poverella”, come usavano chiamarla gli anziani, perché spesso poteva capitare di star fuori giorni e giorni al freddo, all’acqua e al vento senza riuscire a racimolare neanche un pezzo di carne per fare il ragù, è nata proprio su quei monti. Sono stati in molti ad avanzare la paternità della caccia al cinghiale in Italia ma, credetemi, i veri padri sono stati i cacciatori laziali di fine ottocento. Anzi, ad esser sinceri, sono stati i nobili romani e viterbesi, quando decisero di organizzare delle grandi battute a cinghiali, daini e caprioli nelle loro immense riserve private, principalmente come occasioni mondane per radunarsi, per incontrarsi, dove principi, marchesi, duchi, conti ed alti prelati potevano approfittarne per raccontarsi i pettegolezzi di palazzo o per tendere oscure trame politiche! Questo accadeva nel “triangolo d’oro” composto dai comuni di Bracciano, Tolfa e Cerveteri, che da soli possono vantare un territorio di centinaia di migliaia d’ettari di meravigliosi boschi mediterranei.



 
Le Macchie di Santa Severa come: Monte Rosso, i Monti, la Schiassa, il Poggettone, la Chiesaccia, Monte Fagiolano, l’Uliveto, Lerceta e Lercetina, la Castellaccia, Monte Grande, le Bucacce, l’Olmara e tante altre fanno parte del comprensorio di Tolfa che guarda il versante lato mare. E’ quella la vera terra dei butteri, dei giganteschi tori dalle caratteristiche corna a forma di lira e dei puri cinghiali maremmani, dove convivono, a volte in armonia a volte in disaccordo, con allevatori e contadini sin dalla notte dei tempi. Tradizione vuole che tutte le domeniche, dal primo di novembre al trentuno di gennaio, la quasi totalità dei cacciatori residenti vadano a caccia in quei boschi vestiti con dei bellissimi completi in fustagno o in “pelle di diavolo”, spesso bardati con cosciali di capretto o vitellino e con tanto di cravattino sulla camicia candida! Su quei Monti io ho mosso i miei primi passi da cacciatore: è dove ho ricevuto il Battesimo di Sangue, dove ho abbattuto il primo merlo al chioccolo, il primo tordo allo schizzo, la prima beccaccia sotto ferma del cane e dove ho fatto le prime drammatiche padelle!



 
Poi, si sa, i tempi cambiano. Nel giro di pochi anni, forse neanche un ventennio, quelle zone sono diventate molto aride di selvaggina. Il motivo? Secondo me va ricercato nella pessima gestione del territorio da parte dei politici d’allora che, troppo permissivi e superficiali, consentivano l’allevamento brado e selvaggio di bovidi e suidi e il taglio indiscriminato dei boschi. Così decisi di migrare, mi toccò prendere zaino, cani e fucili e chiedere la residenza venatoria in Toscana, una regione che ha praticamente insegnato la Gestione Venatoria a tutte le altre.

Ma i primi amori non si scordano mai, nelle macchie di Santa Severa ho lasciato il cuore, ancora oggi le conosco come le mie tasche. So dove andare a fare il trapasso ai tordi, dove trovare beccacce, dove balzellare una lepre e dove appostarmi quando soffia la Tramontana per tirare ai colombi, e indipendentemente dalla macchia che s’è deciso di battere, so dove passano i cinghiali e dove sono le lestre e le rimesse. Insomma, per molti anni i Monti della Tolfa–Santa Severa sono stati la mia palestra e il mio oratorio sin da giovanissimo. E un bel giorno ho deciso di ritornarci, d’iscrivermi di nuovo nella squadra di caccia al cinghiale del comprensorio per vedere cos’era cambiato in tutti questi anni.


Comunque, a parte la nostalgia, c’è stato anche un altro motivo che mi ha spinto a ritornare sui miei passi, alle mie origini: nel corso del tempo la situazione s’è davvero capovolta. E’ successo che in Toscana ci siamo ritrovati come diversi anni prima eravamo nell’Alto Lazio. La tanto odiata specie cinghiale era stata drasticamente ridotta. Vuoi per la caccia di selezione vuoi per gli abbattimenti indiscriminati in art. 37 tutto l’anno, la specie ne ha risentito drasticamente e di conseguenza anche le squadre. Mi sono ritrovato con i “vecchi” compagni Laziali che a fine stagione abbattevano il doppio dei cinghiali di quelli presi da una buona squadra in Toscana. Quando presentai la domanda, Cesare, il presidente storico della riserva consorziale disse una sola parola: “Bentornato”! Poi, prendendomi a braccetto, mi confidò che avevano proprio bisogno d un “buon fucile”. Lo ringraziai per l’accoglienza e per i complimenti dandoci appuntamento per la domenica successiva alle otto alla casa di caccia all’Ormaretta!




Quando arrivai fu come se il tempo si fosse fermato ad almeno quindici anni prima. Fu sbalorditivo rivedere tanti vecchi amici con “tanti anni sulle spalle”. Chi aveva i capelli grigi come chi invece non ce li aveva più. Riconobbi a stento qualcuno che era diventato più robusto come Alessione, che invece s’era addirittura dimagrito di ottanta chili! Cose da non credere. Per il resto mi sembrò che il tempo si fosse fermato a prima dell’avvento dell’euro! Trovai diversi cacciatori già radunati intorno al fuoco. Alcuni erano volti noti, mentre altri non li conoscevo, tutti comunque visibilmente animati dalla stessa passione. Mentre annotai il numero del mio porto d’armi sulla lista dei partecipanti, qualcuno alle mie spalle mi porse pane e salciccia con un bicchiere di vino talmente scuro che sembrava inchiostro (alle otto del mattino. Mi voltai per ringraziare l’inatteso benefattore e con piacere riconobbi Franco, che era stato un caro amico addirittura di mio nonno! Classe 1930!! Mentre attendevamo che Cesare e i Capocaccia rientrassero dalla tracciatura, ci raccontammo le nostre ultime avventure e di come lui aveva da poco compiuto ottantasei anni. Poi, forse per farmi partecipe nel discorso, mi chiese che arma avessi dietro quel giorno, se sempre la Heckler & Kock 770 a canna corta in calibro 308 Winchester. No, gli risposi, perché ultimamente stavo cacciando con una coppia di Browning BAR 30.06, una calciata in legno e con il castello inciso con scene di caccia per il tempo buono e una con la calciatura in sintetico per il tempo cattivo. Lo dissi scherzando ma non troppo, perché effettivamente era così. Franco ha usato tutta la vita con una vecchissima doppietta Beretta, ma a malincuore mi confidò che gli mancavano troppo i pallettoni, specialmente ora che i riflessi e la vista non erano più quelli di una volta.


Finii il panino appena in tempo per il raduno delle poste. I tracciatori erano rientrati e tra non molto saremmo partiti per i “dolci sentieri”. Fu deciso di battere la Castellaccia, così li vidi organizzarsi su come piazzare una decina di poste in una stretta attaccatura tra due macchie, mentre tutte le altre si sarebbero schierate nei campi. Tra Cesare ed un suo vice ci fu un impercettibile scambio di sguardi, ammiccando verso la mia direzione, ed io immaginai di cosa stessero parlando. Non sapendo di quale dei due schieramenti avrei fatto parte, presi dalla macchina lo zaino e la carabina ed aspettai paziente d’esser convocato. L’attesa durò poco perché un Elio, ragazzone che non conoscevo, mi fece segno di seguirlo. Assieme al nostro gruppo camminammo in salita per un buon quarto d’ora ed appena raggiungemmo un bosco fittissimo cominciarono a fermarsi i primi i cacciatori. Dopo una curva a gomito nel sentiero, il giovane aiutante sgranò una posta dopo l’altra equidistanti, lungo quel breve tratto strategico. Fece fermare anche me in un buon punto augurandomi di divertirmi. Persino un novellino avrebbe capito che, se il vento si fosse mantenuto buono, lungo tutta la cessa avremmo avuto delle ottime probabilità di tirare. Come un automa eseguii le stesse operazioni che ripeto ormai da quarant’anni. Piazzai lo gabellino, controllai che la pila del mio “punto rosso”  fosse carica, feci scorrere nella canna della mia BAR Eclipse Gold mancina una palla TIG Original Brenneke da 150 grani, poi, con la roncola e con le forbici da potatore, diedi una pulita davanti agli ipotetici passi per avere una visuale migliore. Per ultimo controllai anche dove erano i miei due vicini di posta.





La macchia della Castellaccia è molto vasta e soprattutto piuttosto lunga, così l’avvio della battuta arrivò per radio. Dopo neanche una mezzora sentii scoppiare il finimondo. Spari, berci e canizze da tutte le parti. Che musica pensai, e quando mai l’avevamo sentita una cosa simile in passato. E’ proprio vero... i tempi cambiano. Ipotizzai che i primi a tirare dovessero essere le poste messe a vento buono nella larga e così fu. In seguito venni a sapere che in due sole poste avevano tirato a più di quindici animali.


I segugi Maremmani di Bruno, detto Yoghi per l’impressionante somiglianza che ha con il simpatico orso della Disney, li riconobbi immediatamente. Erano famosi in tutto l’Alto Lazio non solo per la loro bravura, ma anche per il loro coraggio e l’aggressività; stavano forzando i cinghiali verso di noi veloci come fulmini. Sopra di me tirarono una bella scarica e subito dopo sentii alcuni cani oltrepassare la linea delle poste. Pensai che chi aveva tirato doveva essere proprio una testa di legno: quante volte i Capocaccia si sono raccomandati di parare sempre i cani e di rimetterli in cacciata quando un cinghiale viene padellato? Ma per fortuna gli animali erano più d’uno. La giornata era piuttosto mite, nel bosco si sarebbe sentita camminare anche una merla, infatti riconobbi subito il rumore provocato da un cinghiale in avvicinamento. Veniva zitto zitto, così alzai la BAR nella classica posa al petto e mi concentrai sui trottoi che m’erano stati assegnati. Dopo pochissimi secondi concentrato verso quella direzione, tra il lentisco ed il corbezzolo intravidi la sagoma di un bel cinghiale, lo inquadrai nel Red Point e deciso strinsi il grilletto. Il cinghiale, centrato perfettamente nel collo, fece una capriola degna di una lepre andando a finire dietro ad un cespuglio. La muta arrivò subito dopo e glielo lasciai mordere, ma solo un poco. Era un bel verro di una settantina di chili, e da come puzzava sospettai che andasse già a scrofe in calore. Rimpiazzai la cartuccia sparata, raccolsi il bossolo usato e mi rimisi in attesa.


La cacciata ha tutto un’altro sapore quando hai già abbattuto un bel cinghiale, vero? Dai suoni che mi giungevano era chiara la metamorfosi che c’era stata negli anni. Quando, ad essere fortunati, si trovava una “scrofata” di quattro–cinque cinghiali in una macchia di cinquecento ettari. Ero proprio contento di essere ritornato alle mie origini: dove tutto era iniziato! Ad un tratto percepii il solito, famigliare rumore in avvicinamento così alzai di nuovo la BAR e puntai il Docter Sight III in quella direzione. Un cinghiale, più o meno delle stesse dimensioni del primo, s’ affaccio nello stradello e come i nostri sguardi s’incontrarono per lui fu troppo tardi. Avevo lasciato quei magnifici boschi pochi anni dopo aver ricevuto l’ambito premio come “LA MEJO CANNA” con ben quattro cinghiali ed una volpe abbattuti in una stagione, mentre ora ne avevo presi due in un solo giorno. Fui felice di constatare che i tempi erano davvero cambiati e per una volta in meglio. La Battuta durò ancora un’ora, poi il suono risolutore del corno ne decretò la fine. Il tableau finale fu di diciotto capi, tutti belli, dai quarantacinque chili in su. Un paio di porchetti li presero i cani ma ci si poté stare.


Ecco, questo è stato il mio ritorno a casa. Si perché quei boschi hanno e continuano a rappresentare molto per me. Le origini non si dimenticano mai, in tutti i campi. L’attuale gestione della Riserva Consorziale è molto valida, la dirigenza è composta da persone preparate che sono tutte anche dei Selecontrollori abilitati per la specie cinghiale. Alle vecchie tradizioni s’è finalmente aggiunta anche una nuova, vincente cultura venatoria. E questo, secondo me è davvero un gran bel risultato.

Marco Benecchi

 



Tags:

Tuo Nome:
Titolo:
Commento:


54.145.51.250
Aggiungi un commento  Annulla 

11 commenti finora...

Re: CACCIA AL CINGHIALE SANTA SEVERA: “Dove tutto ebbe inizio”

In alcuni luoghi le poste vengono assegnate come le poltrone dei nostri politici, altro che massoneria!
Ancora dei capi posta non hanno capito il significato vero di SQUADRA.
Salute a tutti
Fabio

da Fabio  07/12/2017 14.36

Re: CACCIA AL CINGHIALE SANTA SEVERA: “Dove tutto ebbe inizio”

A Santa Severa le poste le mette il Capocaccia a suo insindacabile giudizio.
Alternando carabine e fucili. In altri posti si usa conta, numero, e altri modi..
Squadra che vai usanze che trovi.
A Capalbio c'è una squadra che secondo la macchia che si fa, ogni posta è assegnata ad un determinato cacciatore e gli altri zitti...
Saluti
Marco

da Marco B x Gianni  06/12/2017 19.11

Re: CACCIA AL CINGHIALE SANTA SEVERA: “Dove tutto ebbe inizio”

una domanda: ma l assegnazione delle poste come viene effettuata?mediante estrazione a sorte con numeretto, con conta o con il vecchio metodo consistente che decide il capocaccia o chi per lui?

da gianni  06/12/2017 18.53

Re: CACCIA AL CINGHIALE SANTA SEVERA: “Dove tutto ebbe inizio”


LARGO AI GIOVANI

https://www.youtube.com/watch?v=ACYDfjKI8eA&t=22s

Comunque il Vostro amico Marco SABATO ha colpito ancora e.. diciamo bene

7 colpi comunque
3-2-2

Per fare TRE Grossi capi diciamo 80-70-60
Un verro e due scrofe.


Saluti
Marco

da Marco B x Gli Amici!!!  04/12/2017 14.15

Re: CACCIA AL CINGHIALE SANTA SEVERA: “Dove tutto ebbe inizio”

Qualche capo in selezione si puo anche tirare specialmente dove fanno danni..ma le mattanze che stanno facendo in toscana sicuramente faranno cambiare e di molto la tipica braccata..ho amici che cacciano in toscana che mi dicono che sono passati da una media si 10/12 cinghiali a battuta a 3/4..mah! X MB..il lavoro me l'ha fatto Romeo della Sam Custom..una piccola officina in Friuli..é poco conosciuto ma ti garantisco che é un esperto meccanico di armi.

da little john  23/11/2017 20.28

Re: CACCIA AL CINGHIALE SANTA SEVERA: “Dove tutto ebbe inizio”

Mi viene i lucciconi agli occhi e il tremolio alle dita nel/per darTi ancora una volta ragione Marco ..
una vera e propria "sentenza di morte" decretata in Toscana per la Braccata al cinghiale..

La chiami Selezione ?

...siamo seri almeno noi nel chiamarla col suo vero nome.

da Massi  23/11/2017 15.02

Re: CACCIA AL CINGHIALE SANTA SEVERA: “Dove tutto ebbe inizio”

Qui da noi è così,
Non solo nella Riserva di Santa Severa, ma in tutto il comprensorio....

Credo che in TOSCANA,
La caccia di selezione al cinghiale decreterà la fine delle braccate...
Speriamo che mi sbagli.
M

Ma non mi hai ancora detto chi ha fatto il lavoro sulla MS

da Marco B x Little  23/11/2017 14.02

Re: CACCIA AL CINGHIALE SANTA SEVERA: “Dove tutto ebbe inizio”

Bello questo racconto..un ritorno alle origini..quindi se non ho capito male ora la situazione cinghiali in questa afv consorziale é migliore di certe realtà toscane?

da little john  23/11/2017 13.36

Re: CACCIA AL CINGHIALE SANTA SEVERA: “Dove tutto ebbe inizio”

Bello questo racconto..un ritorno alle origini..quindi se non ho capito male ora la situazione cinghiali in questa afv consorziale é migliore di certe realtà toscane?

da little john  23/11/2017 13.34

Re: CACCIA AL CINGHIALE SANTA SEVERA: “Dove tutto ebbe inizio”

E il cinghiale sulla macchina (così si portavano in paese i cinghiali una volta) l'ho abbattuto con i setter!!!!
Ovviamente a pallettoni.....

uno dei tanti.....

da Marco B x TUTTI GLI AMICI  21/11/2017 17.26

Re: CACCIA AL CINGHIALE SANTA SEVERA: “Dove tutto ebbe inizio”

L'anno del "premio" cacciavo con l'HK 770 in calibro 308 con palle TIG da 150 grani....
Saluti
M

da Marco B x TUTTI GLI AMICI  21/11/2017 17.24
Cerca nel Blog
Lista dei Blog