Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | Foto | I Video | Sondaggi | Quiz | Forum | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Downloads | Fresco di Stampa | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Archivio
<settembre 2017>
lunmarmergiovensabdom
28293031123
45678910
11121314151617
18192021222324
2526272829301
2345678
Mensile
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
aprile 2011
marzo 2011
febbraio 2011
gennaio 2011
dicembre 2010
novembre 2010
ottobre 2010
settembre 2010
agosto 2010
luglio 2010
giugno 2010
maggio 2010
aprile 2010
marzo 2010
febbraio 2010
gennaio 2010
dicembre 2009
novembre 2009
ottobre 2009
settembre 2009
agosto 2009
luglio 2009
giugno 2009
maggio 2009
aprile 2009
marzo 2009
febbraio 2009
gennaio 2009
dicembre 2008
novembre 2008
ottobre 2008
settembre 2008
agosto 2008
maggio 2008
aprile 2008
marzo 2008
febbraio 2008
gennaio 2008
dicembre 2007
novembre 2007
ottobre 2007
settembre 2007
agosto 2007
luglio 2007
giugno 2007
ago30


30/08/2017 7.36 



Vi è mai capitato di avere un sogno recondito che si realizza? Vi ricordate le emozioni suscitate dall’evento? Sicuramente si…come a me è successo quando, diversi anni fa’, ho realizzato il desiderio di partecipare alla famosa Battuta dell’Assunta di Montepescali.
Il desiderio nasceva più di venticinque anni fa. Ero tanto giovane da non avere ancora la licenza ma già affetto da quella “patologia” dalla quale non si guarisce ma ci si ammala sempre più con il passar del tempo….la Caccia!!! In quegli anni vivevo in Calabria, mia terra d’origine, dove sicuramente a farla da padrone era la caccia alla migratoria. Ma era proprio quello il momento storico in cui iniziava in gran parte della penisola l’esplosione demografica del cinghiale e di conseguenza nasceva un maggior interesse tra i seguaci di Diana per il re della macchia. Proprio in quegli anni la Lugari Video® usciva con un filmato di caccia al cinghiale, girato durante la storica battuta di Montepescali; ricordo ancora oggi con assoluta precisione le varie scene di caccia e le emozioni che riusciva a trasmettermi quel piacevole “frastuono” ( che mi godevo ad alto volume della tv per la gioia dei miei vicini di casa) costituito da abbai a fermo, canizze, spari a salve, urla dei canai, etc., Ora non saprei dire se per la bestia nera Galeotto fu quel filmato, ma sicuramente il suo peso ce l’ha avuto….



 
Era il novembre del 2011 quando mi arriva l’invito per partecipare ad una grande battuta di caccia al cinghiale. Ebbene si…. si tratta proprio della battuta dell’Assunta di Montepescali.
Qualcuno di voi potrebbe pensare “Ormai dopo venti anni, con tutti i cinghiali che ci stanno e con tutti i cinghiali che avrà visto per l’Italia non gli farà ne caldo ne freddo!!!” Invece no… non mi vergogno a dirlo…anche se ormai a Montepescali non ci pensavo più, l’invito mi ha riportato indietro nel tempo e mi ha fatto tornare in mente il desiderio recondito di un quindicenne.

La braccata dell’Assunta di Montepescali si tiene all’interno della tenuta di proprietà del Conte Gualtiero Grottanelli e della moglie, la Contessa Isabella Venier, che sono anche gli organizzatori dell’evento. La battuta è organizzata da sempre l’8 dicembre in occasione dell’Immacolata. Il numero cospicuo di persone coinvolte nella battuta ( più di 140 cacciatori alle poste e circa cinquanta canai in azione) richiede una attenta e precisa organizzazione: l’impegno di Mario Fiorilli (il responsabile della battuta), di Mauro Lenzini (il capocaccia) e del nostro amico Giancarlo Franci (l’organizzatore dei canai), e il coordinamento del padrone di casa, il conte Grottanelli, garantiscono il divertimento e, soprattutto, la sicurezza ai numerosi invitati provenienti dai vari angoli d’Italia.




Una lunga fila di fuoristrada posteggiate ai bordi della strada mi segnalano l’arrivo al primo ritrovo della mattina che è il bar di Braccagni. E proprio al bar che incontro l’amico Giancarlo Franci. Seppur impegnato nel ricevere vari ospiti, Giancarlo mi da alcune indicazioni sullo svolgimento della giornata prima di dirigerci tutti al ritrovo all’interno della tenuta, da dove ben presto si partirà a piedi per la posta assegnata. La battuta che vede impegnati circa 150 cani, prevede 3 sciolte successive in 3 zone diverse: Poggio Fallita, Passonaie e Fosso delle Cannucce.

Le file di poste sono tre: quella detta de “I massetti”, quella  di “Santa Maria” e quella di “Petto a Paradiso”. Raggiungere una delle ultime poste di questa terza fila mentre continuo a rubare scatti con la mia reflex, è una “bella” passeggiata in salita, ma la vista dall’alto della tenuta e dello splendido territorio grossetano mi ripaga lo sforzo.




Neanche il tempo di riprendere fiato che il suono della corna segna l’inizio della battuta.
Spengo la radio perché voglio godermi a pieno quel famoso “frastuono” sognato in maniera recondita per circa venti anni. Passano pochissimi minuti prima che i numer
osi maremmani si mettano sulle tracce dei cinghiali.

Da quel momento in poi ha inizio uno splendido concerto polifonico in cui il coro è costituito da cani, canai e postaioli che, con abbai a fermo, canizze, urla e berci, spari a salve e spari sui cinghiali, mi fanno rivivere “dal vivo” le forti emozioni che provavo diversi anni prima davanti alla tv con il volume al massimo, con la differenza che questa volta …”c’ero anch’io!!”




E’ difficile spiegare in poche righe l’adrenalina che si respira in certi momenti. Il ritmo rimane serrato per circa due ore e l’abbattimento di un verro (il 49° cinghiale della giornata), seguito ad un abbaio a fermo di un maremmano durato circa un’ora, decreta la fine della braccata.

Dopo la braccata l’appuntamento per il pranzo è per tutti al campo che si trova immerso nel verde di un splendido bosco di sughere secolari. Qui si svolge una vera e propria festa organizzata dal Conte Grottanelli: parenti ed amici, donne, bambini ed anziani (più di 400 persone) che vengono ad accogliere i cacciatori dopo la battuta e a onorare ancora una volta questo evento, che non è una semplice braccata di caccia al cinghiale ma un momento di festa per Montepescali e la sua gente.

Non ci sarà stato più il “Viva Maria” che annunciava il rientro della squadra con “il cignale” abbattuto e l’attesa alle porte del paese da parte della gente di Montepescali, ma era assolutamente ancora viva la partecipazione di tutta la comunità alla forma di caccia più socializzante che esista.
 



Testo e foto di Vincenzo Frascino

Tags:

Tuo Nome:
Titolo:
Commento:


54.162.10.211
Aggiungi un commento  Annulla 

2 commenti finora...

Re: La braccata dell’Assunta

Emozioni e stati d'animo intrisi di tanti mix ,che solo chi pratica la braccata può capire
Complimenti.
Mi permetto una nota a mio avviso stonata ... quel 49 ci incastra male al resto del racconto.
saluti

da Massi  01/09/2017 13.55

Re: La braccata dell’Assunta

questa è la spazzzzzzatura delle caccia

da lll  31/08/2017 7.54
Cerca nel Blog
Lista dei Blog