Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | Foto | I Video | Sondaggi | Quiz | Forum | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Downloads | Fresco di Stampa | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Archivio
<settembre 2017>
lunmarmergiovensabdom
28293031123
45678910
11121314151617
18192021222324
2526272829301
2345678
Mensile
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
aprile 2011
marzo 2011
febbraio 2011
gennaio 2011
dicembre 2010
novembre 2010
ottobre 2010
settembre 2010
agosto 2010
luglio 2010
giugno 2010
maggio 2010
aprile 2010
marzo 2010
febbraio 2010
gennaio 2010
dicembre 2009
novembre 2009
ottobre 2009
settembre 2009
agosto 2009
luglio 2009
giugno 2009
maggio 2009
aprile 2009
marzo 2009
febbraio 2009
gennaio 2009
dicembre 2008
novembre 2008
ottobre 2008
settembre 2008
agosto 2008
maggio 2008
aprile 2008
marzo 2008
febbraio 2008
gennaio 2008
dicembre 2007
novembre 2007
ottobre 2007
settembre 2007
agosto 2007
luglio 2007
giugno 2007
ago22


22/08/2017 

Eliminazione Parco Alpi Liguri Si sono lamentati in tanto per quanto è successo in questi giorni di luglio/agosto sui pascoli di Campo Imperatore del Gran Sasso con affollamenti impressionanti di turisti sotto tutte le forme possibili (dai semplici escursionisti, a vere e proprie tendopoli di campeggiatori, a piazzalate di camper e roulotte, scorribande di biker motorizzati o meno) finanche a mercatini e all’incendio che ha “devastato” (si fa per dire) una parte dei pascoli e, soprattutto, tratti di pinete: almeno questo ci hanno fatto vedere Internet, social network e televisioni.

Ovviamente su tutto questo ambaradan si sono scatenati gli ambientalisti, soprattutto con attacchi feroci all’Ente Parco Nazionale del Gran Sasso-Laga, finanche con richieste di dimissioni dei vertici. Un “urlo” di protesta ben comprensibile, ma forse non del tutto giustificato visto che all’origine del “male” ci siamo anche noi ambientalisti, che per ragioni partitico-politiche e animaliste abbiamo spinto la politica a scelte sbagliate. Infatti nessuno ha saputo centrare il vero problema, che è poi il vero problema di tutti i Parchi italiani ormai “malati d’uomo”, ovvero che già con l’approvazione della legge quadro 394 del 1991 (tutta di ispirazione ambientalista) che avrebbe dovuto disciplinare l’istituzione delle aree protette si è creato il vulnus che sta all’origine di quanto ogni estate succede in tutti i nostri Parchi, ovvero l’assalto, praticamente indisciplinato del turismo di massa; assalto peraltro non solo favorito, ma anche invogliato dagli stessi enti gestori: l’aver creato quell’ibrido obbrobrioso tra un “vero” Parco con finalità di conservazione ed un’area ricreativa, con l’inevitabile prevalenza della seconda finalità sulla conservazione del bene Natura. Gli USA, che sono, che piaccia o meno, la vera Nazione madre dell’Idea Parco, se ne sono ben guardati, e sebbene queste istituzioni abbiano anche una funzione turistica, hanno messo e continuano mettere paletti ovunque per controllare il turismo, anche contro l’interesse turistico. Giustamente, ha recentemente tenuto saggiamente e con buon senso a precisare un manager di uno di questi Parchi, che «ogni iniziativa deve essere valutata affinché non interferisca con i processi naturali, il Servizio Parchi deve consentire i processi naturali e preservare i caratteri della Wilderness, non le azioni umane». E per soddisfare il turismo hanno invece creato altre forme di Parchi, le cosiddette Aree Ricreative e le Spiagge Nazionali dove alla difesa del Bene Natura prevale invece l’interesse turistico.

Il secondo errore, che è poi la madre di tutti gli errori dei nostri Parchi, è la pretesa di imporre vincoli ai detentori dei diritti privati (siano essi singoli o comunali, sia di uso e/o costumanza sia di vera proprietà dei suoli) senza rimborsarli mediante l’acquisizione dei terreni o la loro presa in gestione dietro congruo compenso: si sperperano di milioni di euro in ricerche “ecologiche” di ogni tipo (spesso inutili!) ed altrettanti e di più in progetti e finanziamento di iniziative turistiche, per non dire in amministrazione (stipendi a non finire ed altre amenità della classica burocrazia italiana – si pensi solo ai loro parchi automezzi!) ma per legge non si trovano i soldi per conservare allo Stato (o chi per esso) i beni pubblici che si vuole proteggere: in pratica si fa pagare a pochi l’onere della tutela di beni che appartengono a TUTTA la collettività, e si pretende di reiterare questa ingiustizia!
E allora ecco che i gestori devono per forza essere di manica larga con gli abitanti locali ed i Comuni, ai quali appartengono i suoli dei Parchi.

Il terzo errore, se così lo vogliamo chiamare, ma sarebbe più giusto definirlo errata pianificazione della cosiddetta “zonizzazione” che se pure prevede delle fasce a riserva integrale ed altre a riserva generale, non prevede la designazione di Aree Wilderness dove assolutamente il controllo turistico deve essere contigentato affinché non vi si verifichino quegli affollamenti di cui si dice e dove a prevalere debbano essere gli interessi del bene Natura e quello degli uomini che in questo bene cercano non sfogo ludico-fisico o mera ricreazione fisica bensì la solitudine ed il silenzio, che sono i beni caratteristici che anche un Parco deve assicurare. Questo sì, applicabile mediante accordi e compromessi con i Comuni, se si assicurano loro quei diritti legittimi che le comunità locali si vedono lesi dai vincoli a loro imposti dai Parchi.

C’è poi un altro aspetto tipicamente italiano ed europeo, ovvero quello di aver deciso di istituire Parchi enormi pur non avendone, i territori, le caratteristiche; anche questo un vulnus conseguente alla distorta visione di avere parchi ibridi con aree di ricreazione, per cui si è giunti ad inserire nei Parchi anche vasti territori urbanizzati e/o antropizzati e finanche paesi proprio per favorire il turismo, ritenuto dal mondo politico e dai politici in genere il VERO bene primario di un Parco (hanno istituito Parchi così come avrebbero creato un’industria: ultimo esempio quello di Lampedusa!). Ovvero, per dirla tutta, Parchi troppo grandi, che andrebbero ridotti all’osso e limitati alle vere aree naturali da proteggere, sulle quali poi poter applicare quelle severe norme che invece oggi si richiedono anche per aree che non lo meritano.

In poche parole, se il Gran Sasso quest’estate è stato “assaltato” dalla gente (che lo ha poi vandalizzato come si è detto) bisogna risalire alla matrice del male, e vano è criticare una gestione che comunque la si attui, finirebbe sempre per scontrarsi con gli errori che stanno all’origine dei nostri Parchi. Quando si dice “è il sistema che va cambiato”! Infatti, la cosa grave è che anche nella recente ed ancora in itinere revisione della citata legge 394/1991 nessuna delle due Camere parlamentari ha previsto che si cambi questo stato di fatto! Purtroppo, si sa, lo dice il proverbio, perseverare è diabolico! Perché? Semplice, cambiare il sistema significherebbe due cose che gli ambientalisti italiani non accettano: ridurre il numero dei Parchi e ridurre le loro estensioni alle aree che realmente meritano di essere Parco. Ormai lo slogan creato per il “lupo delle Alpi” che vale per gli orsi del Trentino vale anche per i Parchi: un Parco qualsiasi pur che sia Parco! Saremmo capaci finanche di proporre all’UNESCO un Parco Nazionale Italia, se l’UNESCO potesse assicurare alla politica un bel gettito di soldi da gestire: nessun Partito di nessuna tendenza politica si tirerebbe indietro, né tanto meno gli animal-ambientalisti nostrani!

E allora, eccoci a piangere sull’estivo assalto al Gran Sasso! E piangeremo ancora a lungo fino a che ambientalismo e politica non si decideranno a governare una seria politica dei Parchi a difesa dei veri nostri patrimoni pubblici, con lo sguardo rivolto all’odiata America anziché all’illusoria Europa, e un po’ meno ai soldi e all’immediato e un po’ più alla Natura e alle generazioni future.

Murialdo, 20 Agosto 2017
 
 
Franco Zunino
Segretario Generale Associazione Italiana Wilderness


Tags:

Tuo Nome:
Titolo:
Commento:


54.144.21.195
Aggiungi un commento  Annulla 

3 commenti finora...

Re: Assalto al Gran Sasso: un motivo di riflessione sul concetto tutto italiano di Parco

il problema sono gli italiani , gente senza scrupoli sporchi e maleducati piu scendi più e peggio piu sali ( Milano ecc) peggio del sud ! Facciamo gli snob e siamo dei super maleducati senza nessuna nozione di educazione civica! il paragone con gli USA non regge la mentalita statunitense è molto differente dalla nostra e il wilderness una normale forma di campeggio che TUTTI DICO TUTTI praticano in parchi , dove è consentita caccia e pesca ma ATTNEZIONE LORO le regole le rispettano noi NO ! forse tra 1000 anni saremo una nazione seria anche noi ma per il momento è il CAOS totale in ogni dove ! Onestamente, per me, il parco d'abruzzo fa veramnete schifo come è gestito , inoltre aleggia una miseria attorno da far paura uno squallore da terzo mondo . Unica vera nota positiva l'orgoglio degli abruzzesi che fa la differenza. Potrebbe chiuederlo domani e gli orsi e camosci triplicherebbero il numero senza tutti quei rompi scatole pseudo ambinetalsiti che si alzano alle 10 della mattina con la giachetta della nord face , palestrati fino al midollo, con fasce nei capelli e colori di giacche sgargianti e ridicole. Al circo i pagliacci sonio vestiti meglio.ma questo è il bussiness!! che ridere

da Pino dei palazzi  29/08/2017

Re: Assalto al Gran Sasso: un motivo di riflessione sul concetto tutto italiano di Parco

Il problema dell' Italia è la mafia. Mafia intesa come modo di essere ormai stampato indelebilmente nella genetica alla specie homunculus italicus. Questo spiega perché non va mai niente bene....

da Flagg  26/08/2017

Re: Assalto al Gran Sasso: un motivo di riflessione sul concetto tutto italiano di Parco

Il problema che, a mio parere, si trova a monte di tutti o quasi tutti gli "scempi" causati ai Parchi è che la legge, anche se non perfetta o addirittura mal scritta, non viene solitamente attuata. Questo accade, per dirla tutta, in molti altri ambiti. Non è prioritario scrivere altre leggi o migliorarle, ma è prioritario attuare quello che di buono ogni legge contiene! Tra favoritismi, biechi scambi di voti, promesse, qualunquismo, vigliaccheria, menefreghismo, mazzette e altre storture del genere, nei Parchi si concede tutto e non si dice mai no! Il nulla osta emanato dagli enti non è e non deve essere un semplice pezzo di carta, ma un atto che realmente valuta l'impatto ambientale e risponde con un sì o con un no! Questo non accade e spesso si dice sì a tutto!
Questo è il cancro da estirpare. Se il Parco del Gran Sasso avesse detto di no ad alcune delle manifestazioni che poi, invece, si sono svolte, avrebbe tutelato l'ambiente. Vale, in senso lato, per i motoraduni, per le rassegne di ovini, per i nuovi impianti sciistici, per le gare di ogni tipo e in ogni dove, per le edificazioni, per le manifestazioni tradizionali con fuochi d'artificio e così via. Quindi, d'accordo con Zunino... ma ben prima CHE I PARCHI APPLICHINO CON INTRANSIGENZA LE LEGGI E NON SI FACCIANO PORTAVOCE DI ISTANZE INCOMPATIBILI.

da arctos  22/08/2017
Cerca nel Blog
Lista dei Blog