Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Archivio
<dicembre 2020>
lunmarmergiovensabdom
30123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031123
45678910
Mensile
novembre 2020
ottobre 2020
settembre 2020
agosto 2020
luglio 2020
giugno 2020
maggio 2020
aprile 2020
marzo 2020
febbraio 2020
gennaio 2020
dicembre 2019
novembre 2019
ottobre 2019
settembre 2019
agosto 2019
luglio 2019
giugno 2019
maggio 2019
aprile 2019
marzo 2019
febbraio 2019
gennaio 2019
dicembre 2018
novembre 2018
ottobre 2018
settembre 2018
agosto 2018
luglio 2018
giugno 2018
maggio 2018
aprile 2018
marzo 2018
febbraio 2018
gennaio 2018
dicembre 2017
novembre 2017
ottobre 2017
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
aprile 2011
marzo 2011
febbraio 2011
gennaio 2011
dicembre 2010
novembre 2010
ottobre 2010
settembre 2010
agosto 2010
luglio 2010
giugno 2010
maggio 2010
aprile 2010
marzo 2010
febbraio 2010
gennaio 2010
dicembre 2009
novembre 2009
ottobre 2009
settembre 2009
agosto 2009
luglio 2009
giugno 2009
maggio 2009
aprile 2009
marzo 2009
febbraio 2009
gennaio 2009
dicembre 2008
novembre 2008
ottobre 2008
settembre 2008
agosto 2008
maggio 2008
aprile 2008
marzo 2008
febbraio 2008
gennaio 2008
dicembre 2007
novembre 2007
ottobre 2007
settembre 2007
agosto 2007
luglio 2007
giugno 2007
lug19


19/07/2017 

Latte. Etichetta d'origine Il latte di soia è una truffa. O meglio una fuffa. Non esiste. Non è latte, semplicemente. E' spremuta di soia. E così anche tutti gli altri latti vegetali finora commercializzati. A ribadirlo è stata una recente sentenza della Corte di Giustizia europea, che altro non ha fatto che condannare un produttore tedesco che aveva utilizzato quella dicitura riferita alla bevanda alla soia, contravvenendo alla legge, che già vieta di utilizzare le denominazioni delle categorie di uno specifico elenco (allegato VII del regolamento UE 1308/2013) riferite ad alimenti.

Da ora, comunque, dev'essere chiaro una volta per tutte che spacciare per latte qualcosa che latte non è, è un illecito. La cosa vale anche per tutti i prodotti caseari e per il miele. Così come dovrebbe esserlo attribuire a impasti di semi e germogli nomi evocativi come mortadella, cotoletta e via discorrendo. Ma non lo è. Almeno non per gli alimenti non protetti dalla denominazione tipica, ma in questo ogni paese fa a sé. L'Italia tutela alcuni prodotti, come il salame e il prosciutto stagionato, e altri no.

Nella maggior parte dei casi basta aggiungere “vegano” ed il gioco è fatto. Così se il ricordo della mortadella ti perseguita, puoi sempre farti un panino con un surrogato dell'affettato, fatto di fagioli e spezie, almeno finché qualcuno non deciderà di vietarlo. Come hanno chiesto gli eurodeputati italiani De Castro e La Via in una interrogazione presentata alla Commissione Ue a novembre 2016, nella quale si chiede di “fare chiarezza a livello Ue sull'utilizzo commerciale di nomi come 'Veggie mortadella', 'Meatless meatballs' (polpette di carne senza carne), 'Vegetarian bacon' o 'Gran chorizo vegan', Bresaola e Fiorentina vegan”.
 
I prodotti in questione, dice l'interrogazione, "si avvantaggiano di denominazioni chiaramente riferibili a prodotti a base di carne". Il che vuol dire che le leve emotive che muovono verso l'acquisto accomunano i vegani più estremisti agli stessi “mangiatori di cadaveri” (così vengono definiti dai più rosiconi), attratti dallo stesso genere di prodotto, con la sola differenza che uno è vero e l'altro è un fake dal contenuto eticamente rassicurante.

Non è un caso che proprio ora si cerchi di dare un freno a questa deriva. L'industria food negli ultimi anni si è accorta dell'enorme potenziale di questo settore, che proprio ora conosce una crescita esponenziale. I vegani, grazie soprattutto ad una precisa scelta del mercato che ha visto in questo filone facili guadagni (pensate a quanto sia molto più redditizio vendere al prezzo della carne ciò che carne non è) sono di moda e di moda è inventarsi sempre più prodotti accattivanti, che in qualche modo possano far dimenticare a questi elitari consumatori di fagioli, di essersi privati, per scelta, di qualcosa di succulento e di indiscutibilmente buono.
 
Qualcosa che il nostro cervello fa fatica a dimenticare. E' ormai nel nostro dna dopo centinaia di migliaia di anni di collegamenti libidinosi che le papille gustative dei nostri antenati hanno registrato, adattandosi al percorso di una specie che ha smesso di vivere di raccolta di frutti eoni fa, per dedicarsi alla caccia e all'allevamento, e prosperare, finalmente. Il latte è con noi da un tempo immemore. E così le uova, la carne, il formaggio, il miele (già perché i vegani non mangiano nemmeno quello) e via così.

Il fatto che il successo di tali prodotti sia dovuto in larga parte proprio all'evocazione di altri, di origine animale, dimostra in realtà che c'è qualcosa di irrisolto nella scelta di queste persone. Che, probabilmente non sono in grado di rinunciare del tutto alle loro ataviche origini, a tal punto di dover simulare di mangiare ciò che si sono proibiti. Il che da un punto di vista psicologico li rassicura. In fondo sono convinti che se hanno accesso a della carne alternativa, non si sono persi nulla. Basta crederci. 
 
 
Cinzia Funcis

Tags:

Tuo Nome:
Titolo:
Commento:


162.158.63.116
Aggiungi un commento  Annulla 

4 commenti finora...

Re: L'invidia vegana e l'industria alimentare

E lo sono talmente, invidiosi, che vorrebbero che il consumo di carne e derivati fosse vietato a tutti.
Dar retta ai vegani significa buttare alle ortiche alcune centinaia di migliaia di anni di evoluzione umana ed iniziare un percorso a ritroso. Queste scelte di solito la Natura le punisce severamente, leggasi estinzione.

da MarioP  07/08/2017

Re: L'invidia vegana e l'industria alimentare

BRAVA LA CINZIA. QUANDO AFFRONTAUN ARGOMENTO LO FA CON UNA VISIONE D'INSIEME CHE DENOTA UNA PROFONDA CULTURA E UNA GRANDE SENSIBILITA'. COSA CHE DA' A QUESTO PORTALE CARATTERISTICHE UNICHE NEL NOVERO DI QUELLI DEDICATI ALLA CACCIA. NONS AREBBE MALE CHE NE TENESSERO CONTO TUTTI COLORO CHE PRETENDONO DI RAPPRESENTARE UNA FONTE DI CULTURA VENATORIA. TANTO PIÙ I SAPUTELLI, MARCHIGIANI O FRIULANI CHE SIANO, TANTO PER DIRE. LA CACCIA HA BISOGNO DI ELEVATE DOTI ETICHE, DI CONOSCENZE NON ESCLUSIVAMENTE SPECIFICHE, DI CAPACITA' DI COMUNICAZIONE CHE RIESCA A PORTARE IL VERBO, OLTRE CHE IN CASA PROPRIA, ANCHE NEI SANTUARI DELLE "CIVILTA" CONTEMPORANEE.

da UMBERTO  21/07/2017

Re: L'invidia vegana e l'industria alimentare

Cinzia fatti i fatti tuoi. Lasciali nelle loro ignoranza e con le loro leccornie e ti accorgerai che tra qualche anno ne avremo molti meno che andranno contro la caccia. Un abbraccio

da onnivoro  20/07/2017

Re: L'invidia vegana e l'industria alimentare

Sempre estremamente efficace, Cinzia! L'utilizzo di termini mediati da altre situazioni più accattivanti è ampiamente diffuso in questa umanità, che ha demandato totalmente a pochi manipolatori l'utilizzo delle propria connessioni neuronali. Potremmo fare lunghi e tediosi riferimenti. Il rischio, o la consapevolezza se volete, è che, in un futuro non tanto lontano, il loro barbecue col "muscolo di grano", alcuni lo andranno a mangiare, con i propri pargoli, in un rassicurante "parco eolico"!

da Sergio Ventura  20/07/2017
Cerca nel Blog
Lista dei Blog