HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | Foto | I Video | Sondaggi | Quiz | Forum | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Downloads | Fresco di Stampa | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
  Cerca
Archivio
<giugno 2017>
lunmarmergiovensabdom
2930311234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293012
3456789
Mensile
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
aprile 2011
marzo 2011
febbraio 2011
gennaio 2011
dicembre 2010
novembre 2010
ottobre 2010
settembre 2010
agosto 2010
luglio 2010
giugno 2010
maggio 2010
aprile 2010
marzo 2010
febbraio 2010
gennaio 2010
dicembre 2009
novembre 2009
ottobre 2009
settembre 2009
agosto 2009
luglio 2009
giugno 2009
maggio 2009
aprile 2009
marzo 2009
febbraio 2009
gennaio 2009
dicembre 2008
novembre 2008
ottobre 2008
settembre 2008
agosto 2008
maggio 2008
aprile 2008
marzo 2008
febbraio 2008
gennaio 2008
dicembre 2007
novembre 2007
ottobre 2007
settembre 2007
agosto 2007
luglio 2007
giugno 2007
mar 28


28/03/2017 8.01 

 
A gennaio la stagione è al termine. In tutta la Toscana le battute si susseguono con ritmo incalzante, ma troviamo volentieri un’occasione per tornare a caccia con gli amici di Monteti. Ci troviamo nella più antica AFV di Capalbio che prende il nome dal colle che domina il paese alle sue spalle: Monteti. Quella di Monteti è una realtà compenetrata nella vita del paese: la strada che vi accede attraversa le ultime case del paese e durante le cacciate non è difficile sentire le canizze stando seduti su una panchina della piazza principale.

 La battuta odierna, detta Il Felciaio, non è stata mai fatta in questa stagione (a parte una fugace passata a novembre prematuramente interrotta per le pessime condizioni metereologiche). Le poste oggi sono veramente tante, manca poco a cento! Anche i canai sono numerosi e tra tutti si contano circa centoventi cani.



 
“Questa battuta è molto grande e il territorio, vedrai, molto variegato” spiega Andrea mentre raggiungiamo in fuoristrada il punto di smistamento delle poste, “ci sono zone con bosco ad alto fusto, più giù una macchia fitta con scopi e corbezzoli, poi anche delle zone aperte sui campi”. Dalle sue parole s’intuisce la profonda conoscenza e il legame di Andrea con questo territorio. Lui, insieme a Mario e Tiziano, disporranno le poste, ognuno in una zona. Proprio in funzione dell’estesa superficie da battere, la sciolta dei cani avviene molto presto: prima delle nove del mattino si sentono già i primi abbai a fermo nei rogaioni sotto le nostre poste. Quando siamo arrivati, sentivamo distintamente i cinghiali grugnire nel fitto di quella macchia. Dopo pochi minuti di abbai violenti rivolti al muro di rovi, finalmente parte la prima canizza. L’inseguimento non dura molto: il cinghiale buca le poste e si porta dietro parecchi cani.

Lo sconforto viene prontamente rimpiazzato dal vigore di un nuovo abbaio a fermo. Ancora una canizza annuncia che il cinghiale ha lasciato la lestra. “Attentiii! Parate, parate che il cinghiale vuole venire giù!” urla Ringo [alias Massimo, ndr] dal fondo del fosso in cui sono rimasti i canai dopo la sciolta.

Le poste sono a vento cattivo, sicuramente il cinghiale ci ha avventati e, piuttosto che dirigersi verso il nostro fuoco, devia verso il basso e compie una circumnavigazione della battuta, riuscendo ad uscire dalla cacciata illeso, ma con dietro buona parte dei cani rimasti.

Il disappunto di Ringo, che tiene la regia della cacciata, non lascia spazio alla fantasia nelle parole snocciolate nella radio. I cani sono usciti dalla battuta dietro a due cinghiali nel giro di mezz’ora. Restano in cacciata solo pochi ausiliari, quasi tutti cuccioloni. “Come siamo messi, canai?” chiede per radio Ringo, con la voce tremante per la rabbia. “Quelli della prima canizza ce li ho a 2,5 km, questi di ora a 1,3 km” risponde Veleno, facendo eco con le sue bestemmie a quelle lanciate poco prima da Ringo, che conclude per radio “Quest’anno il Felciaio è maledetto!”.



 
“Orlando, tu hai sciolto?” riparte Ringo subito dopo, pieno di carica, “No, ho i cani nel carrello”. “Dai prendi i cani e cerca di andare a vedere sotto il rogaione dove c’erano prima i cani a fermo, di sicuro ci saranno altri animali!”. La regia di Massimo non ammette esitazione.

Nel momento di calma che precede la sciolta dei cani freschi, un grosso verro, che fino a quel momento aveva tenuto la lestra sotto il fuoco incrociato degli abbai dei maremmani, tenta di defilarsi sgattaiolando dal forteto verso le poste alla mia destra. Come spesso accade ai solenghi più forti e furbi, anche questo ha trovato una fine indegna: Stefano dalla posta alla mia destra, esplode un colpo. L’animale colpito non si ferma subito, e comincia a rotolare giù nel cuore della macchia. Lo troveranno i canai accorsi su un insistente abbaio a fermo.

Turbo e Scintilla vanno a dare man forte a Orlando nel cuore della macchia fitta, dove i pochi cani rimasti si soffermano in un abbaio a fermo non troppo convinto, come se si trattasse dell’usta degli animali sgusciati via.

I canai di Capalbio sono il prototipo del canaio maremmano: spesso vestiti con i tipici cosciali da buttero, in pelle di cavallino per far fronte alle insidiose spine di marruche, cavaocchi e stracciabraghe. Son muniti di doppiette e sovrapposti dalle canne corte e dai legni segnati dai rovi della fitta macchia, caricati quasi mai a piombo, salvo dover soccorrere uno dei propri ausiliari alle prese con le acuminate difese di un animale incattivito.

Mentre dalla nostra parte della battuta ci troviamo in stallo, in attesa che qualche cane rientri e scovi qualche altro animale, dalla parte delle poste degli “zoppi”, un verro scanato viene fermato da Mauro.



Dopo qualche minuto di noia davanti a noi sfila una canizza: corre parallela alle nostre poste, siamo tutti con le carabine imbracciate in preda a una febbrile tensione. Ognuno di noi, quando sente le voci dei maremmani tuonare, è convinto in cuor suo che è finalmente giunto il momento di un faccia a faccia con la bestia nera. Due poste alla mia sinistra una grossa scrofa viene fermata da Pacione (Simone, ndr), decretando la fine della braccata.

Le azioni di questa cacciata si sono susseguite senza una continuità, tra cani usciti di battuta e poi rientrati. Nonostante l’accurata cronaca di Ringo e di Andrea, non è stato semplice ricostruire le vicende di questa estesa cacciata, e così, giunti alla capanna, ci ritroviamo tutti un po’ stupiti, ma compiaciuti, del bel carniere odierno. A terra ben otto animali, di cui due splendidi verri: i verri del Felciaio.
 
 

Testo e foto di Vincenzo Frascino
 
 


Tags:

Tuo Nome:
Titolo:
Commento:


54.224.86.148
Aggiungi un commento   Annulla 

2 commenti finora...

Re: La braccata del Felciaio

Non esistono solo i cinghiali, per fortuna (!), ma rappresentano senza alcun dubbio la selvaggina principale ormai. Questa e' la realta' dei fatti.

da Thank you   18/04/2017 12.21

Re: La braccata del Felciaio

che stress con questi cinghiali ! sembra che esistano solo loro. Evolviti please!

da Please   28/03/2017 14.47
Cerca nel Blog
Lista dei Blog