Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Archivio
<marzo 2021>
lunmarmergiovensabdom
22232425262728
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930311234
Mensile
marzo 2021
febbraio 2021
gennaio 2021
dicembre 2020
novembre 2020
ottobre 2020
settembre 2020
agosto 2020
luglio 2020
giugno 2020
maggio 2020
aprile 2020
marzo 2020
febbraio 2020
gennaio 2020
dicembre 2019
novembre 2019
ottobre 2019
settembre 2019
agosto 2019
luglio 2019
giugno 2019
maggio 2019
aprile 2019
marzo 2019
febbraio 2019
gennaio 2019
dicembre 2018
novembre 2018
ottobre 2018
settembre 2018
agosto 2018
luglio 2018
giugno 2018
maggio 2018
aprile 2018
marzo 2018
febbraio 2018
gennaio 2018
dicembre 2017
novembre 2017
ottobre 2017
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
aprile 2011
marzo 2011
febbraio 2011
gennaio 2011
dicembre 2010
novembre 2010
ottobre 2010
settembre 2010
agosto 2010
luglio 2010
giugno 2010
maggio 2010
aprile 2010
marzo 2010
febbraio 2010
gennaio 2010
dicembre 2009
novembre 2009
ottobre 2009
settembre 2009
agosto 2009
luglio 2009
giugno 2009
maggio 2009
aprile 2009
marzo 2009
febbraio 2009
gennaio 2009
dicembre 2008
novembre 2008
ottobre 2008
settembre 2008
agosto 2008
maggio 2008
aprile 2008
marzo 2008
febbraio 2008
gennaio 2008
dicembre 2007
novembre 2007
ottobre 2007
settembre 2007
agosto 2007
luglio 2007
giugno 2007
mar21


21/03/2017 16.39 

Carabina Sturm Ruger Deerstalker Calibro 44 Magnum
 
Fino ai primi anni Ottanta, di carabine semiautomatiche per la caccia al cinghiale ne esistevano veramente pochissime. C’erano le Browning BAR, le Remington 742 Woodmaster, qualche raro esemplare di Winchester modello 100 e di Harrington & Richardson Auto e le Ruger-Sturm Deerstalker Carbine calibro 44 Remington Magnum. E
 
secondo me quest’ultime erano forse quelle che meglio rispecchiavano le caratteristiche che dovrebbe avere un’arma da battuta, come essere a funzionamento semiautomatico, avere un buon volume di fuoco, essere compatta e maneggevole, precisa e sufficientemente potente. Fu proprio la presunta “scarsa” potenza del calibro 44 Magnum a decretare la prematura fine della piccola Ruger Deerstalker, quando invece non era l’arma ad avere colpe, bensì le case produttrici di munizioni che improvvisamente smisero di produrre munizioni “for Carbine”, specifiche per essere usate in armi lunghe.
 
Moltissimi possessori della simpatica carabina Ruger si adeguarono alla situazione continuando a cacciare il Re della Macchia con munizionamento da pistola, mentre altri abbandonarono l’arma a favore di qualcosa di nettamente più potente. Quando nel 1961 la Sturm-Ruger presentò la “Deerstalker”, la cartuccia .44 Remington Magnum era già sul mercato da alcuni anni, quindi fu poco sperimentata sul terreno di caccia. La decisione dei tecnici della ditta Southport di impiegarla in un’arma lunga semiautomatica da dedicare alla caccia ai selvatici di media mole in ambiente boschivo, fece si che le più accreditate case costruttrici di munizioni del momento come Remington, Winchester e Federal decidessero di confezionare delle cartucce più potenti per essere utilizzate ad uso venatorio.
 
La caratteristica principale delle corte e tozze palle calibro 44 Magnum è l’elevata predisposizione ad essere impiegate in armi lunghe semiautomatiche e che consentono organizzazioni meccaniche compatte, affidabilissime e dalle dimensioni contenute. Poi c’è da considerare anche un’abitudine tutta americana, quella di poter disporre di un’arma corta e di una lunga camerate nello stesso calibro. Il 44 Remington Magnum, sebbene costituisca anche il principale motivo di disaccordo nei giudizi dati sulla carabina, se non è proprio particolarmente idoneo a cacciare la grossa selvaggina nel folto possiamo considerarlo almeno sufficiente.
 
Proprio a tale riguardo, e alle critiche che spesso furono fatte alla sua balistica terminale, s’intuisce che la 44 Deerstalker sia stata un’arma poco capita, e paragonarla ad altre carabine semiautomatiche camerate in munizioni nettamente più potenti come la 308 Winchester e la 30-Springfield, ecc; conferma l’esistenza di una certa confusione di base. Al di là di queste considerazioni, la carabina Ruger Deerstalker è un interessantissimo esempio di organizzazione meccanica, nella quale spicca il processo di ottimizzazione del cinematismo a recupero di gas e in generale su tutte le soluzioni adottate. Infatti è proprio l’organizzazione meccanica quella che consente alla 44 Carbine di guadagnarsi l’appellativo di carabina semiautomatica da caccia più ergonomica e più maneggevole in assoluto.

La Meccanica: La carabina semiautomatica Ruger 44 è ovviamente ispirata alla Winchester M1 calibro 30 Carbine, e come questa il suo funzionamento si basa sul solito principio del prelievo di gas attraverso un foro posto sotto la canna. Il sistema adottato è quello ideato da un certo sig. Williams, ed è caratterizzato dalla presenza di un piccolo e tozzo pistone a corsa breve che agisce per tramite di una robusta asta di armamento sull’otturatore e al quale trasmette il moto retrogrado. Lo scatto è ottenuto mediante molla a spirale agente sul cane, sul quale interviene anche la sicura a perno. L’estrattore è a gancio ed è spinato all’otturatore, mentre l’espulsore è di tipo fisso, sagomato e solidale alla carcassa mediante vite esterna. La canna è lunga 470 mm ed è rigata con sistema “microgrove” con 12 principi destrorsi con passo di 8”. La carcassa è in acciaio e ad alta resistenza; è chiusa superiormente e lavorata internamente per asportazione di truciolo. Il gruppo scatto e il sottoguardia sono invece in lega leggera. Il serbatoio è tubolare come quello dei comuni semiautomatici a canna liscia e può contenere quattro cartucce. Sempre come molti semiauto calibro12, anch’esso svolge pure la funzione di tubo guida-molla e tutore dell’asta di armamento.

Carabina Sturm Ruger Deerstalker Calibro 44 Magnum
 
L’otturatore è rotante, con una singola aletta di chiusura sulla testa. Gli organi di mira sono costituiti da una tacca a foglietta abbattibile, regolabile in elevazione, e di un mirino fisso a laminata, dotato di grano di ottone fissato mediante incastro trasversale su zoccolo. I materiali impiegati sono l’acciaio al Cromo-Molibdeno per la canna e la carcassa, la lega leggera per il gruppo scatto e il sottoguardia e l’acciaio armonico per le molle e quello al Nikel-Cromo per l’otturatore, il pistone e la presa di gas. Al momento dello sparo, quando il proiettile sotto l’effetto della pressione generata dalla combustione lascia il bossolo, le fasi del cinematismo di sparo sono così descrivibili: dopo aver percorso 190 mm il proiettile oltrepassa il foro di prelievo, consentendo ai gas di passare attraverso uno spillamento e di operare l’arretramento del pistone, la cui escursione totale è di circa 8,5 mm.
 
Il movimento retrogrado è trasmesso dal pistone stesso all’asta di armamento, la quale posteriormente reca una piastra munita di appendice normale alla superficie, che alloggia nell’apposita loggia sagomata dell’otturatore. Di questi primi 8,5 mm di arretramento, 6,5 sono a “vuoto”, cioè non alterna in nessun modo lo stato della chiusura, a parte l’annullamento dell’effetto di spinta in avanti praticato dal mollone coassiale al serbatoio, mentre nei restanti due millimetri l’appendice impegna il piano inclinato della loggia sagomata dell’otturatore, provocando la rotazione del medesimo ed il parziale disimpegno dell’aletta di chiusura, operazione che completa nelle successive fasi di rinculo sotto la spinta diretta del fondello del bossolo sulla faccia dell’otturatore.
 
A rotazione ultimata dell’otturatore, l’estrattore viene a trovarsi esattamente allineato alla finestra di espulsione e quindi in posizione simmetrica rispetto all’espulsore, ancorata al fusto sul lato opposto alla finestra medesima mediante vite.
 
Negli ultimi tratti di corsa retrograda la slitta di armamento, mediante una apposita appendice a piano inclinato presente sul lato sinistro, impegna un elemento elastico laminare sollevandolo, liberando il gancio di arresto delle cartucce contenute nel serbatoio tubolare, che per opera della trazione di un secondo elemento elastico elicoidale ruota attorno al perno centrale e retrocede. A questo punto la cartuccia di testa del serbatoio è libera di uscire sotto la spinta della molla interna, che spinge la munizione sull’elevatore, che solleva la cartuccia pronta all’azione dell’otturatore, che poi lo spingerà in camera.

La Calciatura: La calciatura della Deerstaker è un inno all’efficienza e alla semplicità. E’ monopezzo ed è costruita in noce americano di buona qualità. Può essere rimossa dalla meccanica semplicemente allentando una cravatta metallica che la tiene solidale alla canna, com’è possibile fare anche sulla carabina Winchester M1. Non è presente nessun tipo di orpello né tanto meno di zigrino. Nella sua progettazione s’è pensato all’essenziale. Molto scomodo il calciolo in materiale metallico (alluminio) che non aiuta di certo quando si sparano cartucce abbastanza “toste” e/o quando s’indossano indumenti leggeri.

Lo smontaggio dell’arma è quindi sufficientemente agevole, intuitivo e consente di svolgere tutte le normali operazioni di pulizia necessarie senza sforzo. A tale riguardo va comunque detto che la prima operazione di pulizia interna deve essere fatta dopo molti colpi esplosi. Le operazioni di smontaggio devono necessariamente iniziare con l’arretramento dell’otturatore fino a che lo stesso non rimanga bloccato in apertura, operazione essenziale per ottenere la separazione dell’arma dalla calciatura, in quanto in posizione di chiusura la slitta di armamento, trovandosi avanzata, contrasta con la sagomatura del legno impedendo la separazione.
 
Sfilando la maglietta anteriore è possibile separare tutta la meccanica dalla calciatura semplicemente tirando verso l’alto la canna fino ad ottenere lo svincolo del rampone posteriore dalla loggia presente nella piastrina solidale al calcio. Dopo è necessario separare il blocco di scatto dalla carcassa agendo sul perno posteriore con un normale cacciaspine. L’operazione successiva è quella di rilassare il mollone elicoidale rimuovendolo dal serbatoio tubolare che funge da guida. Per separare dall’arma la slitta di armamento occorre arretrare l’otturatore e farlo ruotare sul proprio asse, permettendo al perno della piastra di svincolarsi dalla loggia sagomata. La leva dell’estrattore è asportabile agendo sulla vite a taglio sul lato destro della carcassa.


Carabina Sturm Ruger Deerstalker Calibro 44 Magnum

L’Impiego Pratico: Le potenzialità balistiche della carabina Sturm-Ruger Deerstalker calibro 44 Remington Magnum costituiscono l’aspetto più controverso di tutta la sua valutazione. Le critiche mosse al presente binomio riguardano essenzialmente il tipo di munizionamento usato. “Purtroppo” l’arma ha dimostrato di funzionare perfettamente con quasi tutti i tipi di cartucce originali, nella fattispecie quelle da pistola e addirittura da tiro, infatti qualsiasi munizione con palla da 240 grani capace di sviluppare almeno 450 m/s alla bocca è anche in grado di far compiere l’intero ciclo di sparo alla sua meccanica.
 
Quindi non c’è da meravigliarsi se qualche buontempone ha usato per la caccia al cinghiale in battuta delle munizioni progettate per far saltare i barattoli. Partendo dal fatto che la cartuccia cal. 44 Remington Magmum è un prodotto intrinsecamente preciso, l’arma viene accusata di scarsa capacità di raggruppamento anche a distanze esigue. Questa accusa è veramente falsa, perché (e posso testimoniarlo personalmente) con qualsiasi tipo di munizione commerciale e/o ricaricata, sparata in 470 mm di canna consente ottime rosate fino alla distanza di 70–80 metri, non male per un’arma destinata alla caccia in bosco, su prede di buona mole in movimento. Per le prove ho usato diverse munizioni originali, tutte “for Pistol” ed i migliori risultati li ho ottenuti con le Winchester JHP da 240 grani (denominati CXP2, per prede medio–leggere).


 Ma per cacciare il cinghiale, la cartuccia più prestante e potente l’ho ottenuta ovviamente con una ricarica così assemblata: bossoli Fiocchi, palla Hornady TXP Hollow Point da 240 grani 26 grani di polvere Vht. N 110 inneschi CCI Pistol Magnum. Ovviamente occorre una forte crimpatura. Come ho avuto occasione di dire spesso nei miei articoli sulla caccia al cinghiale, il 44 Magnum è sufficiente per animali ad di sotto del quintale di peso e ben colpiti. Le moderne palle da caccia calibro .44 millesimi di pollice (10,9 mm) hanno dimostrato una buona efficacia anche su capi di taglia sostenuta, e in particolare hanno mostrato i lavorare egregiamente sia contro grandi ossa sia contro grosse masse muscolari determinando vaste aree di influenza accompagnate da elevate percentuali di arresto. Purtroppo la penetrazione non è eccezionale ma consona all’uso che ne dobbiamo fare.
 
E’ un vero peccato che la casa di Southport non produca più questa piccola e scalpitante carabina, perché la semiautomatica Ruger Deerstalker è indubbiamente un esempio di funzionalità, razionalità ed efficienza e meccanicamente può essere considerata come uno dei prodotti armigeri statunitensi meglio riusciti. La sua affidabilità dipende ovviamente dalla munizione usata e come tutte le armi destinate alla caccia in ambienti coperti è dotata di un calcio cortissimo ed estremamente ben congegnato, che conferisce all’arma una prontezza difficilmente eguagliabile nel tiro mirato veloce. Inoltre, le modestissime sollecitazioni di sparo trasmesse al tiratore consentono il ritorno in mira con grande facilità. Sarebbe da ipocriti negare che per la caccia in battuta esistono calibri più adatti, ma il binomio Ruger Deerstalker – 44 Magnum è ormai entrato nella leggenda e andrebbe molto riconsiderato.


Marco Benecchi

 
Carabina Sturm Ruger Deerstalker Calibro 44 Magnum
 

SCHEDA TECNICA

Costruttore: Sturm Ruger & Co. Inc.
Southport Connecticut 06490 USA
Telephone: 603-865-2442 / Fax: 603-863-6165
www.ruger.it - [email protected]
Importatore – Distributore Bignami spa Ora (BZ)

Modello: Carbine 44 Deerstalker
Tipo: carabina a ripetizione semiautomatica
Impego specifico: caccia in battuta in ambiente molto fitto
Funzionamento: a sottrazione di gas ideato da Williams, con pistone a corsa breve
con sistema di chiusura stabile
Chiusura: otturatore a testina rotante con un solo risalto di chiusura
Calibro: 44 Remington Magnum (10,9 x 32 mm R)
Canna: in acciaio speciale termicamente trattato lunga 470 mm -18 ½ ”
con microrigatura destrosa a 12 principi con twist (passo) un giro in 8”
Sistema di percussione: indiretto, a mezzo cane interno su percussore flottante
Alimentazione: caricatore tubolare posto sotto la canna dalla capacità di 4 cartucce
Congegno di scatto: ad azione singola, diretto con peso variabile da 1500 a 2000 gr.
Estrattore: a gancio spinato sulla testa dell’otturatore
Espulsore: fisso laterale
Mire: tacca di mira abbattibile regolabile nei due sensi (altezza e deriva). Mirino su zoccolo
Castello: predisposto per il montaggio di ottica da mira, con 4 fori filettati 6/48” UNS
(due sulla culatta e due sulla canna)
Congegno di sicurezza: manuale a traversino che agisce direttamente sul grilletto
Calciatura: monopezzo in noce americano. Senza zigrino e con calciolo in metallo
Non sono previste magliette portacinghia
Peso: 2,800 kg ca.
Lunghezza totale: 940 mm
Materiali: culatta e meccanismo presa gas in acciaio legato. Otturatore in acciaio al Ni-Cr.
Gruppo scatto e sottoguardia in lega leggera
Prezzo: L’arma non è più in produzione. Se ne trovano sul mercato dell’usato, in ottime condizioni, a prezzi a partire da 400 Euro
 

Tags:

Tuo Nome:
Titolo:
Commento:


162.158.62.103
Aggiungi un commento  Annulla 

19 commenti finora...

Re: La carabina STURM - RUGER Deerstalker Calibro 44 Magnum - “La Regina del Bosco”

salve. possiedo due carabine ruger deerstalker in 44 magnum. nelle due ho trovato una notevole differenza sia esternamente con il ponticello gruppo grilletto diverso e sia la presa di gas, prometto che entrambi le carabine sono del 1979 con matricole assai diverse tra l una e l altra come da matricola sono state costruite circa 12000 esemplari.

da raniero  26/04/2020 22.03

Re: La carabina STURM - RUGER Deerstalker Calibro 44 Magnum - “La Regina del Bosco”

è un arma ottima, ottimo compromesso qualità prezzo da nuova e da usata in buone condizioni è tutto grasso che cola. in piedi sbracciato in tiro rapido a trenta metri fai 5 colpi in spazio grosso come il palmo di una mano . per risolvere il problema cartucce io ricarico, palla semiblindata da 240 grani con 24 gr di winchester 296 ....se non sei tu che sbagli a 40 50 metri il setoloso non va via. manegevole leggera che si vuole di più?

da aldo  04/09/2019 17.30

Re: La carabina STURM - RUGER Deerstalker Calibro 44 Magnum - “La Regina del Bosco”

Buongiorno, sono riuscito dopo un po di tempo a trovare la Ruger Deerstalker cal 44 M, che dire!!, a 50 mt senza appoggio sono riuscito a fare rosate da 15/20 cm, uno spettacolo, aspetto che apra la caccia per valutarne il maneggio in ambiente boschivo.

da andrea  28/05/2019 11.15

Re: La carabina STURM - RUGER Deerstalker Calibro 44 Magnum - “La Regina del Bosco”

E un'arma come dici molto precisa e affidabile, io personalmente la uso spesso anche da appostamento e devo dire che fin adesso i cinghiali sparati sono caduti sempre al primo colpo, se qualcuno e andato non è stato sicuramente per colpa della carabina, nel complesso è sicuramente un calibro sufficiente ad abbattere i cinghiali nel' arco dei 70 m ed anche più certamente con le cartucce giuste.

da Conti Nibali Giacomino  12/10/2018 14.20

Re: La carabina STURM - RUGER Deerstalker Calibro 44 Magnum - “La Regina del Bosco”

La Ruger 44 magnum carabina è adatta ai boschi,prettamente americana,potente e precisa a circa 70 m per tutti gli ungulati.

da Leonardo  10/08/2017 9.52

Re: La carabina STURM - RUGER Deerstalker Calibro 44 Magnum - “La Regina del Bosco”

La carabina è fantastica , corta , maneggevole e letale (Compratela, la versione con il serbatoio come un semi automatico Cal .12 ).
Ho presi cinghiali di ogni taglia compreso un verro di 130 Kg trapassato da parte a parte (E io vado alla posta) a distanze che arrivano a 40 m.
La palla che uso è(La mando a quasi 500 M/s):

Sierra Sport Master 240 Grs JHC coefficiente balistico .185 sopra i 1300 Fps (396,24 m/s) , è precisa e altamente letale (Palla ritrovata nella carcassa del verro , perfettamente affungata e il nucleo in piombo non si era distaccato da camiciatura).
I cinghiali che ho compreso anche in zone non immediatamente letali non si sono più mossi , dandomi la possibilità di finirli.

P.s Ci vuole la palla giusta (in tutti i calibri) , quella che si affunga cosi riesce a creare delle pressioni micidiali
che spostano i liquidi interni dell'animale creano lesioni ad arterie ,cuore , polmoni ecc....

da Stefano 76  13/07/2017 20.55

Re: La carabina STURM - RUGER Deerstalker Calibro 44 Magnum - “La Regina del Bosco”

a questo punto si può tranquillamente andare con un 4,5 libera vendita.

da carlo48  02/04/2017 13.38

Re: La carabina STURM - RUGER Deerstalker Calibro 44 Magnum - “La Regina del Bosco”

Bravo Benecchi...

Io con la piccola Ruger ho fulminato il mio verro più grosso 118 kg...

Horndy xtp da 240 grani caricata con 25 grani di H 110.... Colpo leggermente avanti alla spalla....

Spezzo però una lancia a favore del modello seguente, la Deerfield che ha il caricatore rotante e uno scatto molto più leggero...

da Paolo 79  28/03/2017 19.50

Re: La carabina STURM - RUGER Deerstalker Calibro 44 Magnum - “La Regina del Bosco”

Scusa Pablito...
Hai soltanto dimenticato di specificare BENE
"Per me"...
Perché per MOLTI ALTRI come il sottoscritto...
La RUGER 44 Magnum è Bellissima, la mia NON SI è MAI INCEPPATA..
Con le cartucce GIUSTE ovviamente "For Carabine"
POSSO GARANTIRTI che fino agli 80 kg i cinghiali li devasta.
Non solo li abbatte pulitamente.....
E' una delle semiauto più precise, specialmente se dotata di un sistema di mira idoneo..
Quella in foto a 50 - 60 metri mette 50 colpi in un diametro di 6 - 7 cm...
Che per un'arma da battuta non è certo male.
E questi sono FATTI, non opinioni personali..
Saluti
MB

da Marco Benecchi x Pablito  28/03/2017 18.04

Re: La carabina STURM - RUGER Deerstalker Calibro 44 Magnum - “La Regina del Bosco”

Dimenticavo.
In gioventù su Guns & Ammo vidi che ne avevano prodotta qualcuna anche con calciatura Stutzen alla bocca...
Non immagini cosa avrei dato per averne una così...
M

da Marco Benecchi x Pablito  28/03/2017 18.04

Re: La carabina STURM - RUGER Deerstalker Calibro 44 Magnum - “La Regina del Bosco”

Scusa Pablito...
Hai soltanto dimenticato di specificare BENE
"Per me"...
Perché per MOLTI ALTRI come il sottoscritto...
La RUGER 44 Magnum è Bellissima, la mia NON SI è MAI INCEPPATA..
Con le cartucce GIUSTE ovviamente "For Carabine"
POSSO GARANTIRTI che fino agli 80 kg i cinghiali li devasta.
Non solo li abbatte pulitamente.....
E' una delle semiauto più precise, specialmente se dotata di un sistema di mira idoneo..
Quella in foto a 50 - 60 metri mette 50 colpi in un diametro di 6 - 7 cm...
Che per un'arma da battuta non è certo male.
E questi sono FATTI, non opinioni personali..
Saluti
MB

da Marco Benecchi x Pablito  28/03/2017 18.02

Re: La carabina STURM - RUGER Deerstalker Calibro 44 Magnum - “La Regina del Bosco”

Inceppamenti e scarsa potenza imprecisa e brutta anche .

da Pablito  27/03/2017 18.47

Re: La carabina STURM - RUGER Deerstalker Calibro 44 Magnum - “La Regina del Bosco”

Questa carabina non vale un fico secco.

da Pablito  27/03/2017 18.46

Re: La carabina STURM - RUGER Deerstalker Calibro 44 Magnum - “La Regina del Bosco”

Ciao Fratellino; il calibro 10 auto è una bomba... Ha una potenza esagerata (in arma da pugno). Tu conosci mio figlio Francesco, che certamente è (beato lui) giovane, grande e robusto. Nonostante le doti fisiche quando usava in poligono la sua pistola in questo calibro doveva quasi per forza caricare da solo le cartucce, perché quelle originali erano una penitenza da sparare... Mi hai incuriosito, mi piacerebbe utilizzarlo su una carabina tipo la Deerstalker

da Filippo 53  27/03/2017 15.49

Re: La carabina STURM - RUGER Deerstalker Calibro 44 Magnum - “La Regina del Bosco”

Io addirittura in calibro 10 mm Auto..
L'ho provato in pistola ed è "terribile"
Saluti
M

da Marco B x Paolo 79  26/03/2017 18.26

Re: La carabina STURM - RUGER Deerstalker Calibro 44 Magnum - “La Regina del Bosco”

Io l'avrei riproposta sempre in un calibro americano e magari sempre da pistola...
Magari in 454 casull o addirittura 460 sw...
Sarebbe perfetta...

da Paolo79 x vecchio cedro  26/03/2017 17.44

Re: La carabina STURM - RUGER Deerstalker Calibro 44 Magnum - “La Regina del Bosco”

Bell'articolo e ottima recenzione....
Possiedo tutti e due i modelli... FANTASTICHE

da Paolo79  26/03/2017 17.30

Re: La carabina STURM - RUGER Deerstalker Calibro 44 Magnum - “La Regina del Bosco”

Nella macchia la mia doppietta beretta canne da 62 cm. cilindriche con palla brennekke non la batte nessuna carabina ,parlo come imbracciata rapida e per tiri sotto i cento metri la posseggo da quasi 20 anni non ricordo un solo cinghiale che si sia rotolato ferito li sdraia sul posto .Con la carabina moltissime volte il cinghiale se ne va a morire lontano

da jkj  23/03/2017 19.30

Re: La carabina STURM - RUGER Deerstalker Calibro 44 Magnum - “La Regina del Bosco”

Mi è sempre stata simpatica, l'ho anche usata in battuta da giovane con ottimi risultati. Perchè non riproporla con lo stesso impianto in 8x57? Era molto affidabile e non si inceppava mai. WMH!

da vecchio cedro  22/03/2017 9.33
Cerca nel Blog
Lista dei Blog