Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Archivio
<ottobre 2020>
lunmarmergiovensabdom
2829301234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930311
2345678
Mensile
ottobre 2020
settembre 2020
agosto 2020
luglio 2020
giugno 2020
maggio 2020
aprile 2020
marzo 2020
febbraio 2020
gennaio 2020
dicembre 2019
novembre 2019
ottobre 2019
settembre 2019
agosto 2019
luglio 2019
giugno 2019
maggio 2019
aprile 2019
marzo 2019
febbraio 2019
gennaio 2019
dicembre 2018
novembre 2018
ottobre 2018
settembre 2018
agosto 2018
luglio 2018
giugno 2018
maggio 2018
aprile 2018
marzo 2018
febbraio 2018
gennaio 2018
dicembre 2017
novembre 2017
ottobre 2017
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
aprile 2011
marzo 2011
febbraio 2011
gennaio 2011
dicembre 2010
novembre 2010
ottobre 2010
settembre 2010
agosto 2010
luglio 2010
giugno 2010
maggio 2010
aprile 2010
marzo 2010
febbraio 2010
gennaio 2010
dicembre 2009
novembre 2009
ottobre 2009
settembre 2009
agosto 2009
luglio 2009
giugno 2009
maggio 2009
aprile 2009
marzo 2009
febbraio 2009
gennaio 2009
dicembre 2008
novembre 2008
ottobre 2008
settembre 2008
agosto 2008
maggio 2008
aprile 2008
marzo 2008
febbraio 2008
gennaio 2008
dicembre 2007
novembre 2007
ottobre 2007
settembre 2007
agosto 2007
luglio 2007
giugno 2007
feb16


16/02/2017 16.10 

Infrazioni comunitarie Italia

Negli scorsi giorni abbiamo dato notizia del fatto che l'argomento caccia non è nemmeno stato sfiorato nella relazione che l'Europa  ha sottoposto all'Italia per risolvere i casi di infrazione aperti e quelli in divenire sul fronte della protezione della natura e della biodiversità. Nel recentissimo report sulle decisioni di febbraio 2017 della Commissione Ue relativo allo stato di infrazione dei diversi Paesi, l'Italia spicca per il numero di richiami in materia ambientale. Si tratta purtroppo di problemi molto seri che non riguardano solo il nostro territorio, ma soprattutto la nostra salute. Tutti questi casi potrebbero sfociare in sanzioni milionarie. Vediamoli:

INQUINAMENTO DELL'ARIA

Anzitutto la qualità dell'aria che respiriamo, visto che il nostro Paese è tra i 5 stati richiamati dall'UE per le persistenti violazioni dei limiti di inquinamento atmosferico, insieme a Germania, Francia, Spagna e Regno Unito. Questi paesi hanno omesso di intervenire – dice la Commissione Ue – per risolvere le ripetute inadempienze dei limiti previsti per il biossido di azoto, che, dice sempre la Commissione Ue, rappresenta un grave rischio per la salute pubblica.  La legislazione dell'UE sulla qualità dell'aria ambiente (direttiva 2008/50/CE) stabilisce valori limite per gli inquinanti atmosferici, tra cui il biossido di azoto. In caso di superamento di tali valori limite gli Stati membri sono tenuti ad adottare e attuare piani per la qualità dell'aria che stabiliscono provvedimenti per porvi rimedio nel più breve tempo possibile. Il parere motivato contesta all'Italia il persistente superamento dei limiti in 12 zone tra cui Roma, Milano e Torino. Se gli Stati membri non interverranno entro due mesi, la Commissione potrà decidere di deferire la questione alla Corte di giustizia dell'UE.

RIFIUTI

La Commissione ha nuovamente esortato l'Italia ad adottare e aggiornare i piani per la gestione dei rifiuti conformandoli agli obiettivi della legislazione dell'UE in materia di rifiuti (direttiva 2008/98/CE) e ai principi dell'economia circolare. Tali piani sono destinati a ridurre l'impatto dei rifiuti sulla salute umana e sull'ambiente e a migliorare l'efficienza delle risorse in tutta l'UE. Gli Stati membri sono tenuti a rivalutare i loro piani di gestione dei rifiuti almeno ogni sei anni ed eventualmente a riesaminarli. Diverse regioni italiane (Abruzzo, Basilicata, Provincia autonoma di Bolzano, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Liguria, Piemonte, Sardegna e Sicilia) hanno omesso di riesaminare i loro piani di gestione dei rifiuti adottati nel 2008 o prima di tale data. La Commissione invia pertanto un parere motivato. Se le autorità italiane non interverranno entro due mesi, il caso potrà essere deferito alla Corte di giustizia dell'UE.

SPERIMENTAZIONE ANIMALE

La Commissione europea, come per altro già fatto in passato, ha invitato l'Italia a conformare pienamente la sua legislazione nazionale alle norme UE sulla protezione degli animali utilizzati a fini scientifici (direttiva 2010/63/UE). Tale direttiva, che doveva essere recepita nel diritto nazionale entro il 10 novembre 2012, garantisce che il livello di benessere degli animali resti elevato pur salvaguardando il corretto funzionamento del mercato interno. Essa mira altresì a ridurre al minimo il numero di animali utilizzati a fini sperimentali e impone di ricorrere ad alternative ogniqualvolta possibile. Sebbene l'Italia abbia recepito la direttiva nel marzo 2014, alcune non conformità devono essere risolte. Da un lato gli standard di benessere degli animali previsti dalla normativa italiana restano inferiori a quelli stabiliti dalla direttiva, mentre dall'altro gli standard ritenuti dall'Italia più elevati possono in realtà ostacolare il corretto funzionamento del mercato interno. Ad aprile 2016 la Commissione ha inviato una lettera di costituzione in mora. Poiché permangono problemi sostanziali di conformità, la Commissione invia ora un parere motivato. Se le autorità italiane non interverranno entro due mesi, il caso potrà essere deferito alla Corte di giustizia dell'UE. Il Governo italiano come ha reagito? Mettendoci una pezza e prorogando per tre anni con un emendamento al Decreto Milleproroghe, in via di approvazione nei prossimi giorni, la possibilità per i ricercatori di utilizzare le cavie da laboratorio, come per altro prevede la Direttiva UE. Il che rimanda il problema di una norma solo italiana, approvata su pressioni animaliste, che appare sempre più antiscientifica e spropositata nella sua applicazione pratica, con il risultato di frenare la ricerca su importanti malattie.

ACQUE REFLUE URBANE

Su questo fronte l'Italia rischia molto. Stiamo parlando 189 milioni di euro l'anno di sanzioni per non aver garantito che le acque reflue urbane vengano adeguatamente raccolte dal sistema fognario, al fine di evitare gravi rischi per la salute umana e per l'ambiente. La causa con l'Europa si trascina dal 2012, quando all'Italia furono contestati i sistemi fognari di 109 agglomerati (città, centri urbani, insediamenti). A distanza di quattro anni la questione non è ancora stata affrontata in 80 agglomerati, che contano oltre 6 milioni di abitanti e sono situati in diverse regioni italiane: Abruzzo (1 agglomerato), Calabria (13 agglomerati), Campania (7 agglomerati), Friuli Venezia Giulia (2 agglomerati), Liguria (3 agglomerati), Puglia (3 agglomerati) e Sicilia (51 agglomerati). La mancanza di adeguati sistemi di raccolta e trattamento in questi 80 agglomerati pone rischi significativi per la salute umana, le acque interne e l'ambiente marino. La Commissione a dicembre scorso ha chiesto alla Corte di giustizia dell'UE di comminare una sanzione forfettaria di 62.699.421,40 euro, oltre ad una sanzione giornaliera pari a 346.922,40 euro qualora la piena conformità non sia raggiunta entro la data in cui la Corte emette la sentenza. La decisione finale in merito alle sanzioni spetta alla Corte di giustizia dell'UE. Garantire che tutte le aree urbane dispongano di strutture per il trattamento delle acque reflue correttamente funzionanti può comportare considerevoli vantaggi per i cittadini dell'UE, poiché le acque non trattate pongono notevoli rischi per la salute umana e l'ambiente.

Tags:

Tuo Nome:
Titolo:
Commento:


172.69.63.225
Aggiungi un commento  Annulla 

3 commenti finora...

Re: ITALIA VICINA ALLE MULTE PER ACQUE REFLUE, INQUINAMENTO, RIFIUTI E ANIMALI

E magari il periodo estivo ci mettono pure la bandiera di legambiente oltre quella blu.

da agostino  21/02/2017 18.20

Re: ITALIA VICINA ALLE MULTE PER ACQUE REFLUE, INQUINAMENTO, RIFIUTI E ANIMALI

ai nostri politici non gliene può fregar di meno, per loro l'importante è arrivare a fine legislatura, per avere diritto al vitalizio e buona notte ad aria sporca ,rifiuti, acque reflue e sperimentazione, tanto paga il popolino e comunque sarà colpa della caccia.

da fausto  17/02/2017 22.20

Re: ITALIA VICINA ALLE MULTE PER ACQUE REFLUE, INQUINAMENTO, RIFIUTI E ANIMALI

e si continuiamo cosi'...passa il tempo e i problemi invece di diminuire aumentano...vorrei capire come pensano i nostri politici di risolvere soprattutto il problema acque reflue in poco tempo...senza parlare degli altri...con un d.l.,un emendamento o altro ?

da roby pistoia  17/02/2017 10.54
Cerca nel Blog
Lista dei Blog