HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | Foto | I Video | Sondaggi | Quiz | Forum | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Downloads | Fresco di Stampa | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
  Cerca
Archivio
<maggio 2017>
lunmarmergiovensabdom
24252627282930
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930311234
Mensile
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
aprile 2011
marzo 2011
febbraio 2011
gennaio 2011
dicembre 2010
novembre 2010
ottobre 2010
settembre 2010
agosto 2010
luglio 2010
giugno 2010
maggio 2010
aprile 2010
marzo 2010
febbraio 2010
gennaio 2010
dicembre 2009
novembre 2009
ottobre 2009
settembre 2009
agosto 2009
luglio 2009
giugno 2009
maggio 2009
aprile 2009
marzo 2009
febbraio 2009
gennaio 2009
dicembre 2008
novembre 2008
ottobre 2008
settembre 2008
agosto 2008
maggio 2008
aprile 2008
marzo 2008
febbraio 2008
gennaio 2008
dicembre 2007
novembre 2007
ottobre 2007
settembre 2007
agosto 2007
luglio 2007
giugno 2007
gen 3


03/01/2017 16.09 

Dopo la splendida avventura che avevo vissuto lo scorso anno sulle meravigliose montagne che circondano Cuneo, non vedevo l’ora di poterci ritornare. Fremevo di rivedere i fortunati amici che vivono in quelle Valli incantate, ma soprattutto desideravo praticare di nuovo la caccia più bella del mondo, quella al camoscio in alta quota, cosa che auguro a tutti di poter praticare almeno una volta nella vita. Alla vigilia di ogni importante spedizione di caccia, le cose da ricontrollare sono molte, ma visto che io, Pietro e suo figlio Andrea siamo tutti dei veterani di questa tecnica di caccia, ci preoccupammo soltanto di verificare la cosa più importante: la taratura delle nostre armi.
 
Ormai per la caccia al camoscio uso esclusivamente una carabina Weatherby Mark V Ultralight in acciaio inox, con il calcio in polimeri e con la canna fluted scanalata in calibro 270 Magnum. L’ho corredata con un 25 x 52 P con correttore di parallasse e reticolo balistico BRi,  un compromesso eccezionale tra qualità, prestazioni, peso e ingombro. Pietro non si separa mai alla sua Weatherby Vanguard calibro 257 corredata di un 12 x 56, mentre Andrea non vedeva l’ora di collaudare la sua nuovissima Remington 700 SPS, sempre in acciaio inox e polimeri, in calibro 7 mm RM con sopra un vecchio, ma sempre validissimo,  18 x 50 P. Dopo aver controllato che i “ferri” erano a posto, non rimase altro da fare che affidarsi alla clemenza del dio del tempo, perché due settimane di pioggia quasi ininterrotta avevano messo in ginocchio l’intero Piemonte.
 
Nonostante le previsioni del tempo fossero pressoché perfette, avevamo un po’ di apprensione, ma quando giungemmo a destinazione ci rendemmo conto di esserci preoccupati invano perché trovammo a darci il benvenuto un cielo tempestato da un milione di stelle. Il primo bersaglio, il più importante, era già stato colpito! Poi, come di sovente accade quando la comitiva è nutrita ed esigente, ci gustammo una abbondante cena tipica in compagnia degli amici del posto, fantasticando sull’indomani. Avremmo praticato la caccia alla cerca in quota, dove la poca neve caduta in precedenza avrebbe dovuto contribuire allo spostamento dei branchi più in basso, sotto i duemila metri di altitudine. Sarebbe stato più difficoltoso avvistare i camosci tra la fitta vegetazione, ma anche meno faticoso. Inoltre, visto che la riserva di caccia che ci ospitava è molto ricca di animali, eravamo comunque molto ottimisti sull’esito della caccia.
 
Il mattino seguente, dopo aver fatto una leggera colazione alla casa di caccia, ci accomodammo su due fuoristrada e prendemmo direzioni diverse. Io avrei affrontato i ripidi sentieri a ovest accompagnato da Damiano, un cacciatore molto esperto della zona, mentre Pietro e Andrea avrebbero cacciato con Mario e Giuliano, le loro guide storiche, in tutt’altra direzione. Viaggiammo per qualche chilometro su ripide stradine di montagna, sicuramente vecchie mulattiere, poi dopo aver parcheggiato in prossimità di una vecchia baita, zaini e carabine in spalla, euforici iniziammo la caccia inoltrandoci a piedi lungo un sentiero semi nascosto dai rami di larici ed abeti spolverati di neve.

 
Erano appena le sette del mattino, il sole non era ancora sorto e la temperatura sfiorava i due gradi sotto zero. Fui felice di quel bel freschetto ristoratore, ma non mi feci troppe illusioni. Infatti, dopo meno di mezzora di cammino, ero già fradicio di sudore. Mentre stavamo facendo una piccola sosta per binocolare avvistammo finalmente due camosci! Un brivido mi percorse la schiena perché quello a sinistra sembrava proprio il maschio che stavamo cercando, quello che rientrava nel nostro piano di abbattimento. Mentre lo guardavo attraverso le limpidissime lenti del mio  8 x 42 HD automaticamente lanciai anche l’impulso laser per conoscere la distanza: 340 metri.
 
Non erano certo tantissimi ma neanche pochi. Oltretutto c’era anche da considerare che i camosci si trovavano molto al di sopra di noi e se Damiano avesse autorizzato il tiro, avrei dovuto tenere conto di un angolo di sito molto pronunciato. Come se mi avesse letto nel pensiero, il mio accompagnatore pronunciò solo poche parole: “E’ quello buono, preparati!”. Ed ecco che mi si poneva il solito, eterno dilemma: dove avrei dovuto mirare? Al poligono, praticamente sul livello del mare, con munizioni ricaricate con palle Hornady Spire Point da 130 grani e spinti da una generosa dose di Norma MRP, la mia Weatherby Ultralight ricama rosate di tre colpi in venti millimetri a duecento metri; a trecentoquaranta il calo non avrebbe dovuto superare i quindici–venti centimetri, così decisi che avrei potuto tranquillamente tenermi nel centro del bersaglio nonostante il fortissimo dislivello.
 
Regolai il correttore di parallasse, misi l’ingrandimento sui 18–20x per avere un buon campo visivo nel caso il selvatico si fosse dato alla fuga, cercai un buon appoggio sia per i piedi sia per i gomiti, armai lo stecher e quando mi sembrò che fosse tutto a posto sfiorai il grilletto… Né io né Damiamo vedemmo dove impattò la palla, ma di certo non colpì il bersaglio dove avrei voluto. Chiaramente dovevo averlo volato passandogli sopra. Mi maledissi per l’ennesima volta perché, nonostante la distanza, non ero ancora riuscito a convincermi di tirare molto basso, praticamente a filo pancia. Perché dovrei negari i miei limiti? E non ammettere con me stesso che ho una limitata esperienza di tiri lunghissimi in forte pendenza? Purtroppo non ho molte occasioni di fare pratica sia nelle mie abituali zone di caccia sia nell’immensa pianura ungherese.
 
Vedemmo il robusto camoscio correrci incontro per fermarsi poco dopo. Sarebbe stato ancora a tiro e forse addirittura meglio di prima ma Damiano, valutandolo con più precisione, mi pregò di non sparare perché era un capo promettente e noi la nostra occasione l’avevamo già avuta. Per me sbagliare un camoscio è sempre traumatico. Non è come fallire un cinghiale, un capriolo o un daino, perché ben so che presto o tardi si presenterà un’altra occasione per rifarmi. Ma l’aver sbagliato quel colpo mi rodeva parecchio. Specialmente perché per dare la caccia al signore delle vette mi preparo un anno intero, come una vera e propria ossessione. Riprendemmo il cammino con il morale sotto la suola degli scarponi raccomandandomi al buon cuore della dea bendata che quel giorno sembrava che si fosse dimenticata di me. Avvistammo tantissimi selvatici ma di camosci degni di nota ben pochi. Procedevamo in fila indiana in un silenzio ovattato, con Damiano avanti ed io dietro a pochi passi di distanza.
 
Ogni dieci–venti minuti ci fermavamo ad ascoltare e binocolare verso il sottobosco o contro le rocce a parete e più ci abbassavamo più l’aria si faceva calda. Camminare in quelle condizioni era piacevole ma anche pericoloso perché nelle zone in ombra c’era sempre il rischio di mettere un piede sopra ad una roccia coperta da un sottile strato di ghiaccio. A mezzogiorno consumammo un frugale pranzo a base di pane, formaggio e salame, ci fermammo giusto il tempo per riprender fiato, poi riprendemmo il cammino. La giornata era bellissima, da manuale. Nessuno si sarebbe mai immaginato che il tempo sarebbe stato così dopo l’alluvione dei giorni precedenti. Purtroppo anche la stanchezza stava facendosi sentire, sicuramente anche a causa dell’insuccesso del mattino. Mi ero illuso di realizzare subito e positivamente l’uscita, ma evidentemente m’ero sbagliato.
 
Come succede per tutti gli ungulati, anche nel caso del camoscio le speranze di avvistare un buon capo durante le ore più calde e assolate della giornata sono remote. Avevamo tentato di tutto sperando nel classico colpo di fortuna che invece non ci fu. Alle sedici la situazione era la seguente: avevamo incontrato sul nostro cammino diversi caprioli, qualche femmina di camoscio con i piccoli e due yearling, alcune cotorne e addirittura sei galli forcelli, ma considerando che eravamo ai primi di dicembre con i camosci ancora in estro, non potevamo certo ritenerci fortunati. A malincuore decidemmo di arrenderci, di dichiarare forfait, perché la speranza di fare un buon incontro, e quindi di potermi rifare della “padella” mattutina era ormai ridotta al lumicino. Vibrò il mio cellulare, era Andrea. Voleva comunicarmi che sia lui sia suo padre Pietro erano già al Bar del paese a rifocillarsi e a brindare con gli amici perché avevano già abbattuto due bei capi. Mi disse che anche loro avevano avvistato pochi animali e “sparato qualche colpo più del dovuto”, ma nonostante ciò la giornata s’era conclusa piuttosto bene.
 
Felice del successo ottenuto dai miei carissimi amici feci il punto tirando le somme di quella che era stata pur sempre bellissima giornata, ma proprio in quel momento nel costone opposto vedemmo uscire dal bosco in una radura un bel camoscio. Si muoveva furtivo come un capriolo quando esce al crepuscolo nei prati in Maremma! Damiano impugnò subito il binocolo, io …. la Weatherby! In un attimo aprii il bipiede e mi sdraiai in terra pronto col dito sul grilletto. Il camoscio era a circa 160-170 metri in posizione perfetta, aspettavo solo il via, il semaforo verde per poter sparare. C’era talmente poca luce che ebbi quasi il timore di non riuscire ad eseguire un tiro sufficientemente preciso. Fortunatamente Damiano fu veloce a darmi l’ok, così quel giorno riuscii a guadagnarmi un meritato capo anch’io. Come si dice? Proprio in zona Cesarini! In vita mia credo che non mi era mai capitato di tirare ad un camoscio così tardi, quasi a notte fonda e in condizioni simili. Raccogliemmo veloci le nostre cose e quando raggiungemmo il camoscio con una certa difficoltà fui doppiamente felice sia per come s’era svolta la caccia sia per la qualità del trofeo. Era una vecchia femmina di circa quattordici anni, forse il motivo per cui era sola senza piccolo al seguito.


 
La onorammo con il Weidmannsheil, scattammo qualche foto col flash e con calma valutammo il trofeo, davvero molto bello. La eviscerammo alla luce dei telefonini poi Damiano se la caricò sulle spalle e ci avviammo verso dove avevamo lasciato il fuoristrada. Stremati, raggiungemmo gli amici che era quasi l’ora di cena e tra tutti i cacciatori il più raggiante, neanche a dirlo, non potevo che essere io.. Nel patio antistante c’erano tre bei camosci agganciati per le corna ed il più bello, non a caso, era una femmina. M’incuriosì molto sapere come s’era svolta la caccia di Pietro e di Andrea che non si fecero certo pregare per raccontarmelo. Anche loro avevano patito prima il freddo mattutino poi il caldo durante il giorno, avevano avvistato pochi animali ma in compenso tutti sparabili. I miei compagni d’avventura mi dissero di aver azzardato qualche tiro e di averne messi a segno due buoni. Andrea aveva avuto qualche piccola difficoltà ad adattarsi allo scatto diretto della sua nuova Remington, sbagliando un camoscio da breve distanza, ma alla fine il tutto si era risolto positivamente.
 
Pietro invece aveva forse avvistato più capi di tutti, ma la conformazione del territorio gli aveva spesso impedito di tirare, non tanto per problemi inerenti le difficoltà di tiro od altro, quanto alla reale impossibilità di poter recuperare il capo una volta abbattuto. In quelle zone di caccia esistono dei valloni e degli anfratti talmente impervi e remoti dove un uomo può arrivarci soltanto se è un abilissimo scalatore, molto pratico di montagna e di arrampicate e con l’ausilio di alcuni compagni e di una scorta di robuste corde. Ancora una volta sono stato molto felice di costatare che Pietro e Andrea, i miei amici fraterni, con i quali sto condividendo molte avventure venatorie sia in Italia sia all’estero, ancora una volta hanno sapientemente messo a frutto teoria, tecnica, pratica ed esperienza, come dovrebbero fare tutti i cacciatori appassionati di caccia a palla ogni qualvolta prevedono di cacciare prede importanti e di dover tirare a distanze sensibilmente lunghe.

Ricordate che, indipendentemente dalla distanza, se non siete certi di essere in grado di colpire un selvatico con un’altissima percentuale di successo, è meglio non azzardare il tiro e rimandarlo ad un’occasione migliore. Poi, ricordate che la bravura nel tiro in alta montagna dipende da quanto si è allenati e da quante verifiche si fanno sul terreno di caccia, perché un conto è sparare al poligono un altro è farlo contro un selvatico.

 

Marco Benecchi


 

Tags:

Tuo Nome:
Titolo:
Commento:


23.20.157.174
Aggiungi un commento   Annulla 

13 commenti finora...

Re: CACCIA AL CAMOSCIO “Grandi emozioni dall’Alba al Tramonto”

Amici, perdonatemi ma per una volta vorrei fare un
Piccolo annuncio pubblicitario...
Per un mio carissimo amico che "causa trasferimento" vuole dare una alleggerita alla sua collezione di armi...
Vende un EXPRESS SIACE YUKON EXTRA LUSSO (veramente MOLTO bello)
calibro 30.06 CANI ESTERNI
Riporti in oro, incisioni a rilievo etc.
Cannocchiale Swarovski Z4ì 1 - 4 x 24 illuminato attacchi Contessa a sgancio rapido
SECONDA COPPIA di canne calibro 20 magnum.
Con seconda astina
Anche loro con riporti in oro e dediche sulle canne...
Valigetta
L'Arma è Come nuova Tenuta in collezione.
PREZZO???
Di realizzo
4500 Euro ovviamente Non trattabili
Per chi fosse interessato può contattarmi sul Blog o attraverso la Redazione.
Grazie a tutti
Un caro saluto
Marco

da Marco B x Tutti gli amici del Blog   21/01/2017 20.50

Re: CACCIA AL CAMOSCIO “Grandi emozioni dall’Alba al Tramonto”

Il pezzo è già in Redazione...
Dovrebbe essere pubblicato a breve
Saluti
Marco

da Marco B x Francesco   10/01/2017 12.43

Re: CACCIA AL CAMOSCIO “Grandi emozioni dall’Alba al Tramonto”

Scusa Marco ma aspettavamo il confronto docter sight vs aimpoint

da Francesco   10/01/2017 10.56

Re: CACCIA AL CAMOSCIO “Grandi emozioni dall’Alba al Tramonto”

chi caccia in montagna senza telemetro con calcolo dell'angolo di sito SBAGLIA.

da Pedro   10/01/2017 8.49

Re: CACCIA AL CAMOSCIO “Grandi emozioni dall’Alba al Tramonto”

Credo che su animali piuttosto delicati come il capriolo (vedi cosa ho detto x volpe e "poscastri") le Extreme "potrebbero" essere un po' troppo distruttive.
RIPETO, io ho SEMPRE parlato in base alle mie esperienze personali...
Quindi, non avendole utilizzate sul Folletto dei boschi non posso pronunciarmi...
Sul fatto che un capriolo possa allontanarsi ferito dopo essere stato colpito (anche male!) da una Extreme Point calibro 308...
Bhe credo sia più facile che io diventi donna.....
Un caro saluto
Marco

da Marco B x Pippo Winchester..   10/01/2017 7.40

Re: CACCIA AL CAMOSCIO “Grandi emozioni dall’Alba al Tramonto”

Ti ringrazio per la veloce risposta! Domani andrò subito in armeria e prenderò 4 scatole così per un pò di tempo sono a posto! Un'unica cosa: quando dici che andrebbero provate sul capriolo intendi che potrebbero rivelarsi troppo distruttive ( la cosa mi preoccuperebbe il giusto...io sono della vecchia scuola "dove mangia il fucile mangia il cacciatore")? Oppure alludi allo stopping power e il capriolo potrebbe allungare (se colpito a breve distanza)? Ti ringrazio di nuovo e ti saluto
pippo

da Winchester extreme point   09/01/2017 22.08

Re: CACCIA AL CAMOSCIO “Grandi emozioni dall’Alba al Tramonto”

WMH, ma troppa tecnologia!
7x64 e 6 fisso!!!! e mestiere nell'avvicinamento.

da vecchio cedro   09/01/2017 22.06

Re: CACCIA AL CAMOSCIO “Grandi emozioni dall’Alba al Tramonto”

Caro Pippo,
Io al cinghiale, utilizzando tre calibri diversi (per collaudare meglio la munizione!) 308, 30.06, 300 WM
Ora uso solo le nuove Winchester Extreme Point ed ho visto che sono...
Terrificanti....
OGGI, posso dirti che sul cinghiale (ne ho fatti ultimamente, tra sabato e domenica, TRE da 120, 70, 35 kg e una volpe!) non hanno eguali,
Ma sono decisamente "esuberanti" se capisci cosa intendo.
Il porcastro e la volpe, sono stati letteralmente vaporizzati dal 30.06....
Ma non fanno allungare nessun selvatico..
Il solengo un colpo, la scrofa un colpo
Considera che come concezione sono DIAMETRALMENTE opposte alle Sako che usavi prima
Sono MOLTO espansivi e altamente invalidanti
Forse sarebbero da provare a dovere sul capriolo, ma per le altre specie vai tranquillo......
Anzi, tranquillissimo
Saluti
Marco

da Marco Benecchi x Pippo   09/01/2017 20.56

Re: CACCIA AL CAMOSCIO “Grandi emozioni dall’Alba al Tramonto”

Ciao Marco! innanzi tutto complimenti per l'abbattimento! Spero anche io prima o poi di poter avere la possibilità di insidiare il re delle vette! Ti scrivo per un consiglio: pratico esclusivamente la caccia di selezione a capriolo e daino e, ormai da diverso tempo, adopero con grande soddisfazione questo binomio : tikka t3 hunter in 308. e munizioni sako super hammerhead da 150 grani. Ci ho abbattuto caprioli,daini, muflone e cervo e, quasi tutti, non hanno fatto un passo, cadendo sull'ombra. Ti scrivo perchè, sono a fine del lotto di cartucce sako e, dovendo scegliere quale commerciale acquistare nuovamente, mi hanno incuriosisto le winchester extreme point da 150 grani a cui ho visto hai dedicato un articolo in riferimento al cinghiale in battuta. La domanda che ti faccio è la seguente: quello che io cerco in una munizione è un abbattimento fulmineo senza che l'animale mi allunghi e debba poi ricorrere al cane da traccia. Queste extreme point possono andare bene per un selvatico come il capriolo, ancorandolo al suolo immediatamente, sia a breve che a lunga distanza? O c'è il rischio che, essendo concepite per il tiro a lunga distanza, nel caso io tiri un capriolo a breve distanza (20-40 metri) mi allunghi con tutta la serie di problemi che ne deriva...? Ti ringrazio e spero in una tua risposta esaustiva.
I miei migliori saluti ed auguri affinchè questo 2017 si rilevi un'ottima annata venatoria!
Pippo

da Winchester extreme point...si o no?   09/01/2017 18.45

Re: CACCIA AL CAMOSCIO “Grandi emozioni dall’Alba al Tramonto”

Io HO TUTTO E NON HO NIENTE....
Quel che mi "manca" è un certo allenamento con i tiri verso l'alto e verso il basso con degli angoli di sito impossibili.
Praticamente come tirare da quota 1000 metri a quota 2000...
Quasi in verticale.
Purtroppo di tiri cosi non ne faccio moltissimi.
Sulla mia Weatherby ho uno Swarovski Z5 5 - 25 x 52 con reticolo balistico BRI-i, ma non è la stessa cosa che sparare e sparare e ancora sparare SUL TERRENO DI CACCIA.
Caro Old, te l'ho detto migliaia di volte...............
Non ho nessuni problema a fare centro a tutte le distanze (vedi Ungheria!), almeno fino a 350 - 400 mt...
Sparando in PIANO!
Ma quando tiri dal basso verso l'alto è un altro mondo..
Mi ci sono voluti tanti anni per abituarmi a tirare FUORI del selvatico SOPRA la schiena,
Ora dovrò abituarmi a tirare al selvatico mirando fuori..
Ma abbondantemente sotto il filo pancia....
Una volta in montagna a camosci un mio accompagnatore mi dissi..
Mira ai piedi!!
Ed aveva ragione!
Salutoni
Marco

da Marco Benecchi x Old, Filippo & Bansberia   06/01/2017 10.14

Re: CACCIA AL CAMOSCIO “Grandi emozioni dall’Alba al Tramonto”

Reticoli balistici, Marco, reticoli balistici ...
E un po' di calcoli. Prima !
Comunque sia, Buon Anno, anche se un po' in ritardo.
Un abbraccio da Walter

da OLD_Hunter   06/01/2017 0.59

Re: CACCIA AL CAMOSCIO “Grandi emozioni dall’Alba al Tramonto”

Solo per mandare al mio fratellino Marco un abbraccio forte, lui sa perché. Tanta salute e felice 2017 a tutti
PS: ciao Bans; cercare di convincere MB a usare un po' più di tecnologia è tempo perso...

da Filippo 53   04/01/2017 18.26

Re: CACCIA AL CAMOSCIO “Grandi emozioni dall’Alba al Tramonto”

Weidmannsheil Marco! Un buon abbattimento e una bella storia.
Permettimi una domanda: perchè non usi un telemetro che indica la "distanza balistica virtuale", con la correzione per il sito? Non ti fidi dei raggruppamenti di calibri fatti dai costruttori?
Buon Anno.

da bansberia   04/01/2017 9.04
Cerca nel Blog
Lista dei Blog