Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Archivio
<gennaio 2020>
lunmarmergiovensabdom
303112345
6789101112
13141516171819
20212223242526
272829303112
3456789
Mensile
gennaio 2020
dicembre 2019
novembre 2019
ottobre 2019
settembre 2019
agosto 2019
luglio 2019
giugno 2019
maggio 2019
aprile 2019
marzo 2019
febbraio 2019
gennaio 2019
dicembre 2018
novembre 2018
ottobre 2018
settembre 2018
agosto 2018
luglio 2018
giugno 2018
maggio 2018
aprile 2018
marzo 2018
febbraio 2018
gennaio 2018
dicembre 2017
novembre 2017
ottobre 2017
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
aprile 2011
marzo 2011
febbraio 2011
gennaio 2011
dicembre 2010
novembre 2010
ottobre 2010
settembre 2010
agosto 2010
luglio 2010
giugno 2010
maggio 2010
aprile 2010
marzo 2010
febbraio 2010
gennaio 2010
dicembre 2009
novembre 2009
ottobre 2009
settembre 2009
agosto 2009
luglio 2009
giugno 2009
maggio 2009
aprile 2009
marzo 2009
febbraio 2009
gennaio 2009
dicembre 2008
novembre 2008
ottobre 2008
settembre 2008
agosto 2008
maggio 2008
aprile 2008
marzo 2008
febbraio 2008
gennaio 2008
dicembre 2007
novembre 2007
ottobre 2007
settembre 2007
agosto 2007
luglio 2007
giugno 2007
ott4


04/10/2016 10.41 

(Nella foto, gentilmente concessa dal sito www.epagneulbretonsardegna.com, l'epagneul breton Solo Du Clos D'Arthèmone, campione del mondo classe lavoro - Croazia 2008 - in un'azione di riporto dall'acqua)

 
Contrariamente a quanto avviene in cinofilia, il riporto dall’acqua non si conclude con l’uscita del cane dall’elemento liquido con il selvatico in bocca: vediamo perché


Abbiamo  affrontato in precedenza le caratteristiche peculiari per il riporto e l’addestramento progressivo che conduce alla sua corretta esecuzione. Questa fase, conclusiva della singola azione di caccia, deve essere necessariamente preceduta dal recupero del selvatico abbattuto, specialmente nei casi in cui esso va a cadere, peggio se ancora vivo, in punti scomodi quali dirupi, siepi, anfratti rocciosi ed altre asperità. Anche nel caso del recupero, sarà l’istinto – adeguatamente stimolato dall’addestramento – ad istruire propriamente il nostro cane, che affronterà l’operazione di recupero come propedeutica al coronamento del successo, con l’abbocco del selvatico ed il successivo riporto in mano al cacciatore-conduttore.

Il discorso non è dissimile per quanto concerne il riporto dall’acqua, dove per acqua si intende l’acqua alta, vale a dire un invaso o fiume che obbliga il cane a nuotare per affrontarlo nello svolgimento dell’azione. In questo caso, si può tranquillamente affermare che l’acqua esalta le doti dei recuperatori, anche nel caso dei cani più scorretti.

Un esempio? Si pensi ad un cane che non riporta affatto ma che, al contempo, è dotato di forte istinto predatorio: non esiterà a lanciarsi in acqua per recuperare il selvatico abbattuto. Ovviamente, una volta raggiunto e abboccato l’oggetto dei suoi desideri, l’acqua alta non consentirà all’ausiliare di fermarsi sul posto e procedere alle scorrettezze del caso, come ad esempio ingoiare la preda o sciuparla. Sarà pertanto costretto a nuotare a riva, dove lo attenderà il conduttore per togliergli di bocca il capo abbattuto.

Spesso si assiste a prove di riporto dall’acqua che si svolgono proprio nel modo appena descritto, senza cioè che avvenga il vero e proprio riporto da parte dell’ausiliare, vale a dire il raggiungere a piedi il proprio conduttore e porgergli docilmente il selvatico affinché lo incarnieri. Esistono schiere di cani dotati di brevetto di riporto dall’acqua che in realtà non ne vogliono sapere di riportare, ma hanno ottenuto il cartellino grazie alla presenza a riva del loro conduttore.

Ma il riporto dall’acqua è un’altra cosa. Una volta abboccato il selvatico nello specchio d’acqua, infatti, il cane deve nuotare fino a riva, salire sulla terraferma e poi muoversi sollecito verso il suo conduttore, che lo aspetterà a non meno di 15-20 metri di distanza, meglio se 50 o anche più. Perché si richiede tutto ciò? Tanto per cominciare, perché un cane in grado di eseguire tutte queste operazioni in addestramento, sarà un recuperatore e riportatore impeccabile pressoché in ogni situazione che si potrà verificare a caccia; in secondo luogo, non meno importante del primo, perché l’ausiliare capace di tuffarsi, nuotare, abboccare il selvatico, nuotare fino a riva, uscire dall’acqua e percorrere alcune decine di metri per portarlo, trionfante, al suo conduttore, è un animale che ha sviluppato un legame molto più che saldo con il proprio padrone, caratteristica – questa – che tornerà utile in qualsiasi altro momento della sua esistenza, a caccia come a casa, a spasso in città o in altre mille situazioni.

Come si raggiunge, tecnicamente parlando, un buon riporto dall’acqua? Per prima cosa si scelga uno specchio d’acqua non troppo complicato: siamo ancora gli inizi, dunque è bene aiutare il nostro amico a quattro zampe scegliendo invasi quasi del tutto privi di vegetazione subacquea e che non presentino rive troppo scoscese. Alcuni cani gradiscono la presenza dell’acqua; di sicuro durante l’estate, ma è possibile che ciò si verifichi anche in inverno. Questi soggetti sono molto più predisposti degli altri, e nel giro di poche sessioni di addestramento diverranno recuperatori e riportatori provetti anche dall’ambiente liquido. Altri cani, dotati di minore intraprendenza e acquaticità, avranno bisogno di maggiore pazienza da parte dell’addestratore, ma con un po’ di costanza tutti gli ausiliari prenderanno confidenza con l’acqua, scoprendo il piacere del nuoto.

Una volta verificata la disponibilità, da parte dell’allievo, ad entrare in acqua, si proceda con dei semplici esercizi, in tutto simili a quelli eseguiti per addestrare il cane al riporto sulla terraferma. Fagotti di varie dimensioni, palline, ossi di gomma galleggianti, ciuffi di piume legati insieme, corde; sono tutti oggetti utili allo scopo. Importante sarà sempre il modello premiante basato sul concetto di azione-reazione: complimentarsi con l’allievo all’esecuzione per lo meno quasi perfetta dell’esercizio è di fondamentale importanza, meglio ancora se si accompagna la voce morbida e le coccole con qualche piccola leccornia. Ma si ricordi: condizione imprescindibile per la riuscita dell’esercizio è il non lasciare cadere a terra l’oggetto una volta raggiunta la terraferma. Il cane, giova ripeterlo, non deve trovare il conduttore sulla riva ad aspettarlo, ma dovrà anzi percorrere alcuni metri prima di raggiungerlo e consegnargli il “pacchetto” prima di poter considerare conclusa la prestazione.

Conclusi questi esercizi fondamentali, saremo pronti a far trovare al nostro allievo un surrogato di selvatico, ad esempio un’anatra disalata. In questo modo il cane avrà il suo bel da fare prima di poter abboccare il volatile. Questa situazione, del tutto nuova per il giovane ausiliare, dovrebbe esaltarne l’istinto per la predazione e stimolarne l’impegno al recupero. Non appena abboccata l’anatra, il cane dovrà riportarla sollecitamente a riva e consegnarla al suo conduttore. Ed ecco, infine, spiegato il motivo per il quale il riporto dall’acqua non si può considerare concluso al raggiungimento della riva da parte dell’allievo. A caccia, in molti casi, il conduttore non sarà in grado di raggiungere la riva del fiume o del lago, ad esempio perché troppo ripida o perché completamente avvolta dai rovi. Si immagini un cane da caccia che si tuffa in acqua, agguanta il selvatico ferito, lo porta a riva e poi lo lascia lì dov’è: non credo ci sia bisogno di aggiungere altro.

Un soggetto di media intelligenza, portati a termine con successo i primi esercizi in acqua e vissute le prime esperienze con anatre disalate, sarà felice di avvicinarsi all’elemento liquido ogni qual volta se ne presenterà l’occasione. Sarà allora possibile insegnargli anche l’ultimo degli esercizi funzionali alla caccia nelle zone umide: la cerca meticolosa lungo le rive. Si tratta di un esercizio nel quale i tedeschi sono maestri, come del resto lo sono per molte altre attività cinofile. Il cane, in sostanza, dovrà battere minuziosamente la vegetazione palustre che costeggia il torrente o il corso d’acqua, senza inutili e frettolose fughe in avanti, ma a contatto stretto con il suo conduttore. Molti selvatici frequentatori delle zone umide, ad esempio i rallidi, vengono spesso saltati dagli ausiliari per eccessiva foga nel battere il terreno. Altri, vale a dire i palmipedi, reggono la ferma per brevissimo tempo, il che ne rende impossibile l’abbattimento in presenza di un cane che allunga in palude.

L’esercizio della cerca nella vegetazione lacustre rappresenta forse l’apice del collegamento tra cacciatore e cane, specialmente se si tratta di un soggetto di razza inglese, abituato generalmente ai grandi spazi e alle immense aperture di lacet. Osservare cani da ferma, instancabili galoppatori a starne come a beccaccini, rallentare di ritmo e farsi guardinghi in presenza di rii e laghetti, è uno spettacolo di rara emozione cinofila. L’andatura si fa quasi di sospetto, al galoppo impetuoso si sostituisce il trotto o addirittura la filata attenta: il nostro Ribot caccia anche con il cervello. Ed è proprio questo, unitamente all’imprescindibile fattore “C”, che alla fine della giornata potrà fare la differenza. Ma sia a tutti ben chiaro: per raggiungere un risultato ottimale in quest’ultima prova occorre, oltre alla sensibilità dell’addestratore, anche un importante livello di intelligenza del nostro cane. E quella, di certo, non possiamo insegnargliela noi.


Daniele Ubaldi

Tags:

Tuo Nome:
Titolo:
Commento:


172.69.63.169
Aggiungi un commento  Annulla 

3 commenti finora...

Re: Riporto dall’acqua: quello vero è molto più di una nuotata

In queste doti menzionate il drahthar è un fantastico recuperatore.

da agostino  21/10/2016 21.23

Re: Riporto dall’acqua: quello vero è molto più di una nuotata

io ho sempre avuto setter che mi portano fuori dall'acqua anatre colpite a morte oppure recuperate ferite. Addestrarli non so io ci gioco insieme d'estate e ogni tanto lanciavo un bastone in acquq per gioco cosi si buttavano a riprenderlo e ogni volta sempre più lontano.Poi dipende dal cane stesso se gli piace l'acqua bisogna involgliarlo.Ciao

da setter '63  19/10/2016 1.08

Re: Riporto dall’acqua: quello vero è molto più di una nuotata

Qui si stà rubando (per modo di dire) il lavoro dello Springer.

da springers  11/10/2016 8.09
Cerca nel Blog
Lista dei Blog