Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Archivio
<luglio 2020>
lunmarmergiovensabdom
293012345
6789101112
13141516171819
20212223242526
272829303112
3456789
Mensile
luglio 2020
giugno 2020
maggio 2020
aprile 2020
marzo 2020
febbraio 2020
gennaio 2020
dicembre 2019
novembre 2019
ottobre 2019
settembre 2019
agosto 2019
luglio 2019
giugno 2019
maggio 2019
aprile 2019
marzo 2019
febbraio 2019
gennaio 2019
dicembre 2018
novembre 2018
ottobre 2018
settembre 2018
agosto 2018
luglio 2018
giugno 2018
maggio 2018
aprile 2018
marzo 2018
febbraio 2018
gennaio 2018
dicembre 2017
novembre 2017
ottobre 2017
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
aprile 2011
marzo 2011
febbraio 2011
gennaio 2011
dicembre 2010
novembre 2010
ottobre 2010
settembre 2010
agosto 2010
luglio 2010
giugno 2010
maggio 2010
aprile 2010
marzo 2010
febbraio 2010
gennaio 2010
dicembre 2009
novembre 2009
ottobre 2009
settembre 2009
agosto 2009
luglio 2009
giugno 2009
maggio 2009
aprile 2009
marzo 2009
febbraio 2009
gennaio 2009
dicembre 2008
novembre 2008
ottobre 2008
settembre 2008
agosto 2008
maggio 2008
aprile 2008
marzo 2008
febbraio 2008
gennaio 2008
dicembre 2007
novembre 2007
ottobre 2007
settembre 2007
agosto 2007
luglio 2007
giugno 2007
set2


02/09/2016 8.11 



Educare il proprio ausiliare a riportarci in mano la selvaggina significa farne un soggetto avvezzo alle obbedienze. Ecco come, e perché.

E’ spesso snobbato dai cinofili più “in”, che magari ottengono il cartellino con ausiliari che non hanno mai abboccato selvaggina. Ma a chi con i cani da caccia ci va, appunto, a caccia per davvero, il riporto interessa eccome, dato che dalla sua corretta esecuzione può dipendere l’esito di un’intera uscita. Vale sia sotto il profilo tecnico sia sotto l’aspetto etico e morale: un selvatico ferito deve essere oggetto di ogni sforzo, da parte di cane e cacciatore, per il suo rapido recupero e incarnieramento; allo stesso tempo, merita di subire le minori sofferenze possibili. Tutte queste considerazioni si traducono in un unico concetto: recupero – se necessario – e riporto devono essere solleciti, funzionali e senza indugi.

Ecco, è proprio questo il punto. Perché moltissimi cani, di riportare, proprio non ne vogliono sapere. Molti, per la verità, manifestano sin da cuccioli una spontanea attitudine all’abbocco e al riporto di oggetti, palline, bastoni o stracci. Si tratta di atteggiamenti per lo più giocosi, nei quali ancora non c’è manifesta alcuna attitudine alla predazione. Tuttavia, quasi sempre, questi soggetti che inizialmente riportano “per gioco” cambiano del tutto il proprio comportamento non appena condotti sui terreni di caccia, mostrando disinteresse o – nei casi più sfortunati – repulsione nei confronti della selvaggina abbattuta, peggio ancora se ferita.

E allora sia chiaro questo punto: mentre il recupero è un atto di puro istinto - vale a dire ciò che spinge l’ausiliare a cercare, reperire l’usta del selvatico ferito, seguirla e infine abboccare la preda mentre ancora cerca di sottrarsi -, il riporto, quando è sollecito e soddisfatto, è la dimostrazione massima di sottomissione da parte del cane nei confronti del suo conduttore. Questo primo concetto basti a far comprendere come, nel 90% dei casi, anche un ottimo recuperatore possa bastare per andare a caccia, a patto che si disponga di buone gambe e ci si sappia accontentare; ma è soltanto con un cane capace di riportare a puntino che si potranno battere boschi e montagne sicuri del fatto proprio, senza la paura di perdere la coturnice nel dirupo oppure la beccaccia nel roveto, per non parlare del fagiano nel torrente o della quaglia nel ginepro o ginestreto. E direi che no, non è proprio la stessa cosa.

Anche perché, a voler approfondire l’argomento “riporto”, un cane che riporta in mano correttamente e con rapidità è un cane che si presterà molto più volentieri ad assecondare i nostri desideri venatici, andando ad esplorare meglio questo o quell’angolo da noi desiderato, oppure restando collegato anche se dotato di auspicabile intraprendenza e cerca molto ampia. E’ una questione di attitudine al lavoro, di sottomissione e volontà di collaborare. In altre parole: il cane che riporta ha riconosciuto il proprio capobranco e, per questa ragione, sarà molto più facile, piacevole e redditizio cacciare in sua compagnia.
Deviazioni tipiche del riporto sono il dente duro, il vizio di nascondere la preda, masticarla rovinandola o ingoiarla – nei casi di animali piccoli, come ad esempio la quaglia –, il non consegnarla subito al padrone, lo strusciarvisi sopra ripetutamente senza raccoglierla e altri difetti sgraditi, in varia misura, al cacciatore.

Al di là dei problemi legati all’equilibrio mentale dei singoli soggetti, sui quali è inutile soffermarsi dato che ne precludono, molto spesso, l’utilizzo a caccia e certamente la riproduzione, la maggior parte dei vizi legati al riporto denuncia una mancanza di educazione da cortile e sottomissione alla volontà del padrone-conduttore-capobranco. I moderni dresseur utilizzano a volte metodi tecnologici sofisticati per interagire con il cane, fissando nella sua psiche alcuni divieti o comandi. A proposito del riporto, tuttavia, ritengo da scartare ogni supporto tecnologico-elettronico, in quanto si corre il rischio di eliminare completamente l’abbocco del selvatico dall’indole del cane. Il che, per alcuni, potrebbe già essere un punto di equilibrio (cane che non abbocca non nasconde/mastica/ingoia la selvaggina); ma certamente non rappresenta l’obiettivo che si vuole raggiungere. Inoltre, è sempre preferibile e più efficace il metodo premiante a quello punitivo, sia per la dolcezza dell’intervento sia per la durata ed efficacia degli insegnamenti impartiti.

Come scriveva il saggio Felice Delfino nel suo “Addestramento del cane da ferma”: “Si può considerare che la sola educazione al riporto, condotta con saggia progressione di esercizi, raggiunge un grado di addestramento sufficiente per l’esercizio della caccia”. Chiaro il concetto, no? Persino un cane quasi privo di olfatto, o addirittura un animale diverso dal cane, qualora sia stato addestrato correttamente al riporto è in grado di seguire il suo padrone e fargli mettere nel carniere dei capi di selvaggina abbattuti. A maggior ragione ciò deve valere per i moderni soggetti da caccia, frutto di molti decenni di selezione e di numerose generazioni canine. Ma non solo. Il cane addestrato al riporto sarà un ausiliare estremamente sottomesso e premuroso nei confronti del suo proprietario, il che ne delineerà l’assoluta affidabilità sul terreno di caccia e anche in altre situazioni, come ad esempio l’ambiente domestico. Educare al corretto riporto il proprio ausiliare significa, in sintesi, insegnargli a comportarsi bene nella stragrande maggioranza delle situazioni, anche al di fuori dell’attività venatoria.

Il discorso si fa ancora più interessante a proposito di quei cani dal temperamento cocciuto, spavaldo o caparbio, caratteristiche spesso presenti nei soggetti dotati di grossi patrimoni genetici, inesauribili purosangue con una volontà ferrea e fondo smisurati, votati alla corsa e alla prestazione fisica per ore ed ore: in pratica, per quei soggetti che fanno sognare il cacciatore cinofilo, conducendolo per mano lungo il bordo sottile che separa l’Olimpo dalla follia. Ebbene, riuscire ad educare al riporto questi magnifici esemplari comporta, ancor prima dell’utilità derivante dall’atto pratico in sé, il farne delle vere e proprie macchine da guerra per l’esercizio venatorio, lavoratori instancabili e corretti che saranno nostri compagni e protagonisti di tante stagioni insieme.

Il metodo migliore per inculcare non il comando, ma il desiderio del riporto consiste in una serie progressiva di esercizi mirati a condurre il cane nelle condizioni di abboccare un determinato oggetto – straccio, pallina, bastone, stozza di pane – per poi prelevarglielo dalla bocca dopo pochi secondi, accompagnando il gesto con la parola “porta” e un immediato premio particolarmente gradito al nostro amico, ovviamente una piccola leccornia. Dopo le iniziali resistenze, nel giro di qualche giorno o settimana, a seconda della frequenza con la quale si ripete l’esercizio – io consiglio, se possibile, non meno di due volte al giorno per una decina di minuti per sessione –, sarà lo stesso ausiliare ad aprire la bocca per agevolare l’ingresso dell’oggetto da noi prescelto, onde poi ricevere prima possibile il premio. A quel punto gran parte del lavoro sarà già stata portata a termine. Nota di assoluta importanza: durante tutte le operazioni l’addestratore deve mantenere un atteggiamento positivo e mai di rimprovero, senza lasciarsi scoraggiare dalle iniziali rimostranze dell’ausiliare, che potrebbe sputare immediatamente l’oggetto, voltarsi di lato per impedire al padrone di aprirgli la bocca, oppure adottare la resistenza passiva sdraiandosi a terra sulla schiena. Calma, calma e ancora calma: tante coccole, amore, le giuste pause ma anche risolutezza. I primi esercizi andranno ovviamente condotti in ambienti circoscritti, in maniera tale che l’allievo non possa fuggire dalla lezione.

Una volta ottenuta la collaborazione “al chiuso”, si conduca l’ausiliare in campagna e si lasci cadere, oppure si lanci a pochi passi da lui, l’oggetto da riportare. Dopo le iniziali titubanze e i primi tentativi che forse andranno a vuoto, il cane raccoglierà e riporterà l’oggetto, associandolo all’imminente premio che, immancabilmente, deve arrivare. Ormai il gioco è quasi completato. Si proceda allora con il nascondere o lanciare gli oggetti sempre più lontano dall’ausiliare, meglio ancora se al di là di fossi od ostacoli che ne rendano più complicato il recupero… In breve avremo in mano un eccellente recuperatore, che si diverte mentre lavora e riporta felice l’oggetto del proprio lavoro. Cosa state aspettando per andare a caccia?! Prossimamente il recupero e riporto dall’acqua.
 

Daniele Ubaldi

Tags:

Tuo Nome:
Titolo:
Commento:


162.158.78.200
Aggiungi un commento  Annulla 

8 commenti finora...

Re: Recupero e riporto: l’ultimo atto dell’azione di caccia ma anche stile di vita

Non mi ritengo un dresseur ma un suggerimento voglio dartelo. Premesso che il mio non mi ha mai dato problemi però da piccolo, 7/8 mesi anche lui raccoglieva i tordi e se erano vivi, li lanciava in aria...insomma ci giocava. Invece di insistere nell'esortarlo a riportare, lo ignoravo. Quando prendeva il tordo, mi giravo e me ne andavo, tenendolo d'occhio, sicché vedendo che non ero interessato ai suoi giochi, mi correva dietro sempre con il tordo in bocca. Quando lo avevo a portata di mano, mi giravo di scatto e lui era costretto a darmelo, 1, 2, 3 volte e ha smesso. Prova, può darsi che funziona anche con te. Saluti.

da Carlo rm nord  14/09/2016 12.22

Re: Recupero e riporto: l’ultimo atto dell’azione di caccia ma anche stile di vita

ANCH'IO HO UN BRETON MASCHIO DI 4 ANNI E QUALCHE MESE , QUINDI VI CHIEDO QUALCHE CONSIGLIO ...
DA CUCCIOLO GLI HO INSEGNATO IL RIPORTO CON IL GIOCO , LA PALLINA LA CALZA CON LE PIUME ECT.... CON ESITI POSITIVI
DOPODICHE' HO PASSATO ALL'ANIMALE MORTO E CON LO STESSO RISULTATO .
PERO ' NON CAPISCO PERCHE QUANDO LO PORTO A CACCIA NON NE VUOLE SAPERE DI RIPORTARE L'ANIMALE ,LO TROVA E POI CI GIOCA SUL POSTO TENENTOLO O SPINGENDOLO IN BOCCA.
QUINDI A VOI TUTTI VI CHIEDO :CHE COSA SIGNIFICA TUTTO CIO' ?
DOVE HO SBAGLIATO ???
AH!!!!DIMENTIVCAVO ALL'APERTURA QUEST'ANNO MI HA RIPORTATO UN COLOMBACCIO CADUTO IN ACQUA ....UN CASO ????
CHIEDO CONSIGLI ANCHE PERCHE' E UN OTTIMO FERMATO
GRAZIE PER LE VOSTRE RISPOSTE
CORDIALMENTE

da BRICK  13/09/2016 14.53

Re: Recupero e riporto: l’ultimo atto dell’azione di caccia ma anche stile di vita

Anch'io,ho un BRETON,e come dice Carlo,quelli feriti,non li fa tribolare troppo,mi riporta dall'allodola alle anatre e senza di lui non esco mai,se hanno l'istinto della caccia,fanno quasi tutto loro,gli devi insegnare di stare a capanno e uscire quando deciti tu,un saluto.

da MARCELLO64  07/09/2016 7.51

Re: Recupero e riporto: l’ultimo atto dell’azione di caccia ma anche stile di vita

HO sbagliato...devi digitare "olracify"...li trovi 6 video ...se vuoi vederli. Saluti

da Carlo rm nord  05/09/2016 12.44

Re: Recupero e riporto: l’ultimo atto dell’azione di caccia ma anche stile di vita

Sarò, guarda, per esperienza ti dico che con il Breton devi lavorarci poco, almeno a me è successo così. Il mio è della linea keranlouan e, pur essendo maschio, già a 6 mesi si comportava come un cane esperto. Lo vedi su YouTube a tre mesi fermo su quaglia....digita "il mio Spino".....Saluti

da Carlo rm nord  05/09/2016 12.26

Re: Recupero e riporto: l’ultimo atto dell’azione di caccia ma anche stile di vita

Verissimo tutto quanto...solo che più che definire l'atto di riporto sottomissione, lo definirei principalmente di collaborazione con il capobranco, come giustamente è stato anche definito. Infatti io ho avuto dei soggetti che nulla avevano di atteggiamento di sottomissione, maschi e nevrili, ma che una volta sul terreno diventavano estremamente collaborativi. Per ultimo voglio ricordare un grandissimo Bracco italiano della Croccia, che nei primi due anni mi ha fatto impazzire ingoiando e dilaniando la selvagina, tanto che avevo pensato di eliminare l'istinto di riporto, ma che poi con i giusti accorgimenti, si è rivelato un soggetto eccezionale nel recupero e nel riporto tanto che mi riportava vive le quaglie ferite.
Adesso ho un bretoncino di tre mesi, provo a lavorarci e spero riesca bene...

da Saro  05/09/2016 10.17

Re: Recupero e riporto: l’ultimo atto dell’azione di caccia ma anche stile di vita

.....ah, aggiungo, non sono d'accordo su chi sostiene che il proprio cane deve riportare solo selvaggina di taglia....per me deve riportare tutto anzi più riporta le piccole taglie senza rovinarli e più e' bravo....per me.

da Carlo rm nord  04/09/2016 11.42

Re: Recupero e riporto: l’ultimo atto dell’azione di caccia ma anche stile di vita

Concordo, se un cane non recupera e riporta per me non serve o serve a poco. Personalmente ho avuto diversi ausiliari in 45 anni di attività da purosangue a meticci ma tutti hanno avuto queste doti più o meno eccelse. Quest'ultimo poi, Breton in purezza, li batte tutti e senza che io ci abbia perso tempo....all'inizio con la palletta ma poi ha fatto tutto da solo. Adesso a 7 anni quando mi riporta e non gli do ascolto me li deposita ai piedi e se ne disinteressa...e senza torcergli una penna...se sono vivi però gli abbrevia la sofferenza .Devo dire però che abituato così non sono più capace di cercarmi un tordo da solo.

da Carlo rm nord  04/09/2016 11.20
Cerca nel Blog
Lista dei Blog