Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Archivio
<giugno 2019>
lunmarmergiovensabdom
272829303112
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
1234567
Mensile
giugno 2019
maggio 2019
aprile 2019
marzo 2019
febbraio 2019
gennaio 2019
dicembre 2018
novembre 2018
ottobre 2018
settembre 2018
agosto 2018
luglio 2018
giugno 2018
maggio 2018
aprile 2018
marzo 2018
febbraio 2018
gennaio 2018
dicembre 2017
novembre 2017
ottobre 2017
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
aprile 2011
marzo 2011
febbraio 2011
gennaio 2011
dicembre 2010
novembre 2010
ottobre 2010
settembre 2010
agosto 2010
luglio 2010
giugno 2010
maggio 2010
aprile 2010
marzo 2010
febbraio 2010
gennaio 2010
dicembre 2009
novembre 2009
ottobre 2009
settembre 2009
agosto 2009
luglio 2009
giugno 2009
maggio 2009
aprile 2009
marzo 2009
febbraio 2009
gennaio 2009
dicembre 2008
novembre 2008
ottobre 2008
settembre 2008
agosto 2008
maggio 2008
aprile 2008
marzo 2008
febbraio 2008
gennaio 2008
dicembre 2007
novembre 2007
ottobre 2007
settembre 2007
agosto 2007
luglio 2007
giugno 2007
lug28


28/07/2016 8.21 

Dana e Medea in ferma chilometrica su starne
 
L’arte del cacciare insieme al proprio padrone è un atto d’amore che si apprende da piccoli, e che si traduce poi in buona pratica sul terreno. L’importanza del rapporto con il cucciolo

Non v’è dubbio sul fatto che sia impossibile, per chiunque, andare a caccia utilizzando un cane da ferma che, per quanto bravo, sia scollegato dal suo padrone-conduttore. A ben poco, se non a nulla, infatti, può valere la migliore potenza olfattiva, una cerca superlativa e la più solida delle ferme se l’intero agire del nostro ausiliare non muove da una condizione psicologica di fondamentale importanza: il cacciare, se non “al servizio di”, per lo meno “insieme a” qualcuno. Un qualcuno molto più lento di lui, che possiede due gambe anziché le sue quattro zampe ma senza il quale - ecco l’importanza del collegamento anche per il cane – sarà impossibile abboccare l’oggetto dei desideri, il selvatico con tanta fatica reperito e fermato.
 
E se nei cani da caccia di 40 anni fa si poteva anche tollerare una scarsità di collegamento, nei moderni ausiliari – specialmente quelli inglesi, ma non solo – votati alla cerca più ampia possibile, ai limiti dell’esasperato eppure l’unica in grado di far loro incontrare qualche selvatico – almeno sul terreno libero, il collegamento è condizione imprescindibile se si vuol pensare anche solo di uscire di casa per provare a sciogliere. Quante volte, in montagna, ci si imbatte in colleghi disperati alla ricerca del proprio cane da ferma, magari “migrato” a chilometri di distanza dietro a chissà che cosa…

Sotto questo aspetto la moderna tecnologia viene incontro agli appassionati dotati di sufficiente fiducia e portafogli disponibile: i radiocollari satellitari consentono di conoscere esattamente dove si trova l’ausiliare, sia esso in ferma, in cerca corretta o impegnato della più infame delle scorribande. Il risultato è che il padrone-conduttore eviterà patemi d’animo, denunce di smarrimento e giorni interi di ricerche, con il rischio concreto di non ritrovare più il proprio cane che nel frattempo si sarà certamente smarrito o – peggio ancora – potrebbe aver fatto brutti incontri. Costano un po’, è vero, ma al giorno d’oggi i satellitari consentono di affrontare meglio, a livello di stato d’animo, qualsiasi tipo di situazione “canina”.

Ovviamente la tecnologia è cosa recente, non per tutti e comunque non sostituirà mai l’addestramento: piuttosto, ci consentirà di verificare la bontà delle nozioni impartite con la tranquillità di chi è certo di non poter smarrire il proprio ausiliare. Ma l’insegnamento è tutt’altra cosa. E, nel caso del collegamento, parte da lontano.


La montagna, luogo ideale per invitare gli ausiliari ad aprire la cerca

La montagna, luogo ideale per invitare gli ausiliari ad aprire la cerca


La scuola del collegamento, infatti, comincia in età più che tenera, e fa rima con l’amore incondizionato che il cane nutre nei confronti del proprio padrone-capobranco. Si insegni innanzitutto il suo nome al proprio cane, fin dalle prime settimane di vita. Dopodiché, in cortile, lo si cominci a chiamare in maniera dolce ma decisa, accompagnando il suo nome dalla parola “qua”, “teh” o altri monosillabi, a seconda delle preferenze, purché se ne scelga uno e non lo si cambi più. Questo per abituare il cucciolo, perché di cuccioli si sta parlando, ad un suono della voce semplice e facilmente identificabile, che accompagna il proprio nome e al quale non si può resistere in alcun modo. Anche perché, non appena il cagnolo si sarà avvicinato a noi, riceverà ricchi e ghiotti premi insieme a infiniti complimenti, che gli renderanno molto più facile assecondare la nostra chiamata sin dalla seconda-terza volta. Durante gli esercizi appena descritti non guasterà, di quando in quando, tenere fermo per qualche secondo l’allievo, magari in posizione di seduto, accarezzandolo dolcemente per poi lasciarlo di nuovo libero di esprimere tutta la sua esuberanza. Nel corso dei giorni, progressivamente, si sostituirà la chiamata a voce con un breve fischio e poi un sussurro prolungato, fino ad ottenere l’arrivo rapido del cane in risposta ad una qualsiasi di queste sollecitazioni.


Una volta condotto sul terreno, le distrazioni e le tentazioni aumenteranno sensibilmente: occorre esserne consapevoli e cercare di non stressare troppo l’ausiliare con continue chiamate, il cui senso – peraltro – sarebbe difficilmente comprensibile per il cane che finirebbe con il recepire come inutili punizioni i nostri numerosi richiami. Meglio, molto meglio, nascondersi dietro un ostacolo naturale – per esempio un cespuglio – e poi chiamare una o due volte l’ausiliare. Anche il più cocciuto galoppatore, adeguatamente preparato con gli esercizi da cortile, finirà con il ritrovarsi solo e con l’accorrere verso la voce che non riesce a scorgere. Comincerà allora a cercare il suo capobranco con il suo senso più sviluppato: l’olfatto. Ed ecco la magia del collegamento: il cucciolone mette il naso sulla passata del suo padrone e ne risale la scia olfattiva, fino a ritrovarlo. A quel punto scene di giubilo, coccole, premi golosi e carezze, tante carezze, prima di rimettere il nostro cane prontamente in libertà, per un’altra scorreria. Signori, non ci si crederà, ma già a questo livello il 90% del lavoro potrà dirsi compiuto.

Ora non resta che condurre il nostro cucciolone a caccia, lasciarlo libero di esprimersi nel modo più naturale possibile e, soprattutto, fidarsi di lui. Certamente sbaglierà qualche selvatico, come del resto capita a tutti i cani, anche ai campioni di quando in quando; certamente il suo brio lo porterà ad allungarsi lungo il confine del fuorimano; ma se è davvero il nostro ausiliare, se cioè ha sviluppato quel legame affettivo e quel contatto continuo con la nostra mano sin dai primi giorni della sua vita, allora – grazie agli esercizi appresi e al condizionamento subìto – sarà lui, immancabilmente, a rimanere collegato con il suo conduttore, a cercarlo, a servirlo a caccia per lasciarsi poi servire al momento di concludere l’azione. Senza quasi mai aver bisogno di richiamarlo. Ma tutto, si ricordi, parte dall’amore e dall’intesa reciproca.

Un cane collegato, specialmente se di cerca molto estesa, può percorrere chilometri di montagna al posto nostro, andando ad esplorare anfratti e angoli che altrimenti non riusciremmo mai a setacciare, o almeno non tutti insieme in un’unica giornata di caccia. Un cane che caccia per e con il suo padrone è in grado di sparire per interi quarti d’ora, impegnato in estenuanti lacet alla ricerca del dolce effluvio tanto desiderato, per poi farsi vedere qualche secondo prima di lanciarsi nuovamente in esplorazione di nuovi ettari di terreno.
 
Insomma, è inutile dilungarsi: un cane collegato è capace delle prodezze più impensabili, degne dei racconti degli anziani. Celebre la storia, ad esempio, di un amico umbro che aveva una setter la quale, condotta a caccia con il solo campano al collo, in ferma su beccaccia usava scuotere brevemente il capo per far tintinnare il bubbolo di quando in quando, onde lasciarsi individuare dal proprio padrone; o ancora più incredibile, eppur vero, il comportamento di quel breton di un altro amico dai capelli bianchi che, dopo oltre mezzora di ferma senza essere ritrovato dal padrone, tornò indietro a cercarlo (avete letto bene) per poi riportarlo dove giaceva nascosta la beccaccia. Che a quel punto, come nei migliori libri di avventure, fu mirabilmente padellata. E così sia.
 
 
 
 
 
Lacet abbastanza profondo per la pointer Aria in montagna
 
Lacet abbastanza profondo per la pointer Aria in montagna

Tags:

Tuo Nome:
Titolo:
Commento:


108.162.241.148
Aggiungi un commento  Annulla 

6 commenti finora...

Re: IL COLLEGAMENTO: IL PRIMO AMORE NON SI SCORDA MAI

A vista per significare vicini,hai detto bene,seguirli anche con l'udito e l'udito non è quello di super man cioè significa che ti sta vicino,che lo controlli....che è collegato. Collegato invece con il satellite...è un altro tipo di collegamento che, con la caccia, non c'entra una beata fava. Quello è un espediente per sopperire a un comportamento di un cane galoppatore che,nella macchia, diventa un difetto. Hai voglia a dire di no ma è così, si è dovuti ricorrere alla tecnologia più sfrenata per correggere un difetto altrimenti ti perdevi il cane o lo ritrovavi quando pareva a lui. Dove si arriverà con questo modernismo non lo so e non mi piace. Fra un po si inseguiranno le beccacce con i droni e io non vorrò esserci.

da Carlo rm nord  20/08/2016 9.39

Re: IL COLLEGAMENTO: IL PRIMO AMORE NON SI SCORDA MAI

Certo se ti spariscono quarti d'ora è un po' troppo, ma controllarli a vista significa che sono molto corti (caccio in zone che vedere a 10 metri è tanto). intendevo cani che lavorano lunghi si ma che si fanno vedere o comunque sentire mentre corrono nella macchia, io per esempio il 60 percento del tempo lì seguo con l'udito, quando non li sento e il beeper non suona aspetto e o si fanno vedere o sentire nuovamente. solo poche volte ho aspettato molto tempo che il cane tornasse.

da Francesco90  18/08/2016 20.42

Re: IL COLLEGAMENTO: IL PRIMO AMORE NON SI SCORDA MAI

È vero nella macchia non lo vedi per questo ti deve stare vicino. Se sparisce un quarto d'ora....sai tu cosa sta facendo? E Dove? Che ci fai con un cane così?

da Carlo rm nord  16/08/2016 12.33

Re: IL COLLEGAMENTO: IL PRIMO AMORE NON SI SCORDA MAI

Non sono d'accordo sul collegamento a vista, a quel punto perderebbe un po' il senso del cane da ferma (si sovrappone ad uno da cerca); inoltre se caccio nella macchia il cane non è mai visibile ed a quel punto collegamento per me si intende un cane che non ti permette di richiamare ovvero periodicamente si porta a vista del padrone.

da Francesco90  11/08/2016 20.10

Re: IL COLLEGAMENTO: IL PRIMO AMORE NON SI SCORDA MAI

Come ho già detto in un altro commento simile, il collegamento è determinante per il successo. Però non capisco come l'autore di questo articolo possa essere felice nel dire, parole sue, " un cane che caccia per il suo padrone può sparire per interi quarti d'ora....." e che combina in quei quarti d'ora ? Se non lo Vedo? Alla faccia del collegamento! Per me essere collegati, significa non perdersi mai di vista, il mio cane deve setacciare ogni cm di terreno ma deve mantenersi dentro tiro o facilmente raggiungibile in pochi istanti. Quando devo applicare diavolerie elettroniche al collo del mio ausiliare per ritrovarlo, per me significa ricorrere a quei sistemi per vincere quel difetto che e' l'allontanarsi cioè SCOLLEGARSI....altro che collegamento e in questo, i galoppatori , sono insuperabili.

da Carlo rm nord  05/08/2016 15.37

Re: IL COLLEGAMENTO: IL PRIMO AMORE NON SI SCORDA MAI

"...ma tutto,si ricordi,parte dall'amore e dall'intesa reciproca"!Sono parole che non solo esprimono il senso di tutto l'articolo ma,credo,siano l'unico vero caposaldo da cui poi discenderanno tutti quelli che ci sembrano pregi del nostro ausiliare come,naso,ferma ecc..secondo me.

da Pietro 2  02/08/2016 16.40
Cerca nel Blog
Lista dei Blog