Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Archivio
<novembre 2021>
lunmarmergiovensabdom
25262728293031
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293012345
Mensile
novembre 2021
ottobre 2021
settembre 2021
agosto 2021
luglio 2021
giugno 2021
maggio 2021
aprile 2021
marzo 2021
febbraio 2021
gennaio 2021
dicembre 2020
novembre 2020
ottobre 2020
settembre 2020
agosto 2020
luglio 2020
giugno 2020
maggio 2020
aprile 2020
marzo 2020
febbraio 2020
gennaio 2020
dicembre 2019
novembre 2019
ottobre 2019
settembre 2019
agosto 2019
luglio 2019
giugno 2019
maggio 2019
aprile 2019
marzo 2019
febbraio 2019
gennaio 2019
dicembre 2018
novembre 2018
ottobre 2018
settembre 2018
agosto 2018
luglio 2018
giugno 2018
maggio 2018
aprile 2018
marzo 2018
febbraio 2018
gennaio 2018
dicembre 2017
novembre 2017
ottobre 2017
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
aprile 2011
marzo 2011
febbraio 2011
gennaio 2011
dicembre 2010
novembre 2010
ottobre 2010
settembre 2010
agosto 2010
luglio 2010
giugno 2010
maggio 2010
aprile 2010
marzo 2010
febbraio 2010
gennaio 2010
dicembre 2009
novembre 2009
ottobre 2009
settembre 2009
agosto 2009
luglio 2009
giugno 2009
maggio 2009
aprile 2009
marzo 2009
febbraio 2009
gennaio 2009
dicembre 2008
novembre 2008
ottobre 2008
settembre 2008
agosto 2008
maggio 2008
aprile 2008
marzo 2008
febbraio 2008
gennaio 2008
dicembre 2007
novembre 2007
ottobre 2007
settembre 2007
agosto 2007
luglio 2007
giugno 2007
dic22


22/12/2015 17.33 

Il 19 aprile del 1969 a Kevelaer (Germania), nei favolosi terreni ricchi di starne e di troppo fagiani, venne disputata una memorabile edizione di Coppa Europa.
La squadra italiana, selezionata dall'avv. Giovanni Radice, era composta dai setters Arno di Valdidice del dott. Malagola condotto da Botto e da Trueba della Fagiana di Chiostrini condotta da Sinibaldi, e dai pointers Clastidium Clark e Falstaff del Cinghio, condotti dai rispettivi proprietari F. Grassi e M. Marcheni. Alla vigilia, Falstaff infortunato venne sostituito dal compagno di scuderia Gip 14°. nel collegio arbitrale, il giudice italiano era il Sig. De Angelis.

Per Arno fu un trionfo. In un terreno difficile, con vento gelido, pioggia, grandine e nevischio, gli riuscì di fornire una prova da grandissimo trialer, “con l'autorità e la classe che tutti gli riconoscono”, aggiudicandosi il primo posto col CACIT nella classifica individuale. Nella classifica a squadre, prima l'Italia davanti alla Svizzera.
Due anni dopo, la 21° edizione di Coppa Europa si corse il 4 aprile 1971 a Cigliano, nel Vercellese. Organizzazione perfetta, magnifici terreni ricchi di selvaggina e con giusta vegetazione.

La squadra italiana, selezionata da Giuseppe Fassio, era composta da Arno di Valdidice, Crismani Dick, Gip 14° e Clastidium Islo. Due setters e due pointers, come da tradizione.
Gli appassionati che non c'erano, hanno poi sicuramente letto la relazione di Ernesto Coppaloni, membro italiano della giuria, pubblicata sul numero di maggio del periodico Enci. “Giornata gloriosa: risultato magnifico, entusiasmante, non tanto per la radiosa vittoria italiana, a cui siamo abituati, ma soprattutto perché lo spirito della grande cerca è stato interpretato al più alto livello!”

Effettivamente, in quella “giornata gloriosa” Arno, con un turno strepitoso, vince la sua seconda Coppa Europa e diventa famosissimo.
Quello fu davvero un bel periodo per tutta la cinofilia. Anche in campo internazionale la nostra rappresentativa continuava a imporsi e l'entusiasmo era al massimo.
Poi all'improvviso, nel numero di maggio della rivista “Caccia e Pesca” esce un articolo-sassata a firma Gibi – Gianni Baldi, notissimo giornalista, allora ex direttore di Epoca, appassionato cacciatore e cultore della razza pointer, a proposito di certe manifestazioni va proprio giù di brutto: “Questo Arno, considerato un fuoriclasse, è uno dei più brutti setters che si siano mai visti, uscito quasi per caso da un allevamento che ha dato poco o nulla. È alto sulle gambe, sta nel quadrato come un pointer, ha i gomiti scollati, il pelo ruvido del cane da pagliaio e una testa rozza. L'addestratore Grandi, proprietario di Val d'Idice, per sdebitarsi con un dresseur di Ravenna, lo scelse da una cucciolata nata da una sua cagna, in un cascinale della Val D'Idice. E scelse il cucciolo più brutto e più 'bastardo', perché non voleva pagar caro il debito. Il dresseur cominciò a presentarlo a qualche garetta di caccia; un giudice d'occhio fino lo notò e lo segnalò all'attuale proprietario. Col nuovo padrone e l'addestratore Botto, cominciò per Arno una nuova vita, quella del campione”.

Quindici giorni dopo Adelio Ponce de Leon, da avvocato, difese il direttore della rivista in tribunale, dove l'aveva portato il sig. Malagola, proprietario di Arno. Poi, per fortuna, grazie alla sportività del sig. Malagola, la cosa fu risolta con una stretta di mano, ma rimasero invece pesanti strascichi polemici che, oltretutto, non fecero apprezzare quello che di veramente importante era stato scritto nello stesso articolo a proposito della velocità.
Baldi, infatti, fu il primo a tirare in ballo il problema di sempre: “la velocità, come intesa oggi, frenetica, forzata, spinta all'estremo, la velocità per la velocità, è a nostro parere un criterio sballato. Si finisce per selezionare levrieri e non cani da ferma. Degli idioti da corsa. Ci sembra che la cinofilia si sia messa su questa pendenza, lungo la quale rischia di rotolare”.

Inevitabilmente fu polemica accesa. Gibi e il giornale furono anche accusati, ingiustamente, di denigrare una grande vittoria italiana in Coppa Europa.
Quanto agli “idioti da corsa” venne anche fatto notare, in questo caso giustamente, che i triallers non erano necessariamente tutti idioti. Il commento fu: non tutti, certo,ma c'erano anche quelli. E più di qualcuno.
In proposito è anche difficile rendersi conto di quanti anni sono passati.

Tags:

Tuo Nome:
Titolo:
Commento:


172.68.50.30
Aggiungi un commento  Annulla 

1 commenti finora...

Re: COME ERAVAMO. OVVERO: Arno di Val d'Idice era davvero un bastardo?

era un grande setter bastardi cosi ne vorrei avere avuti

da mauro tirinnanzi  26/03/2020 12.21
Cerca nel Blog
Lista dei Blog