Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Archivio
<gennaio 2021>
lunmarmergiovensabdom
28293031123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031
1234567
Mensile
gennaio 2021
dicembre 2020
novembre 2020
ottobre 2020
settembre 2020
agosto 2020
luglio 2020
giugno 2020
maggio 2020
aprile 2020
marzo 2020
febbraio 2020
gennaio 2020
dicembre 2019
novembre 2019
ottobre 2019
settembre 2019
agosto 2019
luglio 2019
giugno 2019
maggio 2019
aprile 2019
marzo 2019
febbraio 2019
gennaio 2019
dicembre 2018
novembre 2018
ottobre 2018
settembre 2018
agosto 2018
luglio 2018
giugno 2018
maggio 2018
aprile 2018
marzo 2018
febbraio 2018
gennaio 2018
dicembre 2017
novembre 2017
ottobre 2017
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
aprile 2011
marzo 2011
febbraio 2011
gennaio 2011
dicembre 2010
novembre 2010
ottobre 2010
settembre 2010
agosto 2010
luglio 2010
giugno 2010
maggio 2010
aprile 2010
marzo 2010
febbraio 2010
gennaio 2010
dicembre 2009
novembre 2009
ottobre 2009
settembre 2009
agosto 2009
luglio 2009
giugno 2009
maggio 2009
aprile 2009
marzo 2009
febbraio 2009
gennaio 2009
dicembre 2008
novembre 2008
ottobre 2008
settembre 2008
agosto 2008
maggio 2008
aprile 2008
marzo 2008
febbraio 2008
gennaio 2008
dicembre 2007
novembre 2007
ottobre 2007
settembre 2007
agosto 2007
luglio 2007
giugno 2007
lug24


24/07/2015 

Porto fucileQuesta riflessione, perché di riflessione personale e senza presunzione si tratta, arriva a qualche mese di distanza da un altro mio post in cui osservavo incuriosito e speranzoso il fermento in atto intorno all'attività venatoria. Speravo finalmente che quei moti, più o meno rivoluzionari, si traducessero in una nuova stagione dell'attivismo associativo e "sindacale" italiano. Molte associazioni spontanee, alcune proposte di confederazioni, il rinnovato spirito di unione di alcune riconosciute, politici (o aspiranti tali) pronti a cavalcare l'onda emotiva dei cacciatori, malcontento diffuso tra i nembrotti, annunciata marcia su Roma...insomma, c'erano tutte le premesse perché venisse giù un bell'acquazzone.

E invece? Invece stiamo morendo di caldo e le quattro gocce arrivate non hanno rinfrescato l'aria quanto avremmo voluto.
Mi ha spinto a questa riflessione una telefonata ricevuta ieri. Da un attivista della caccia. Uno al servizio dei cacciatori, dei suoi associati e della causa. Solo per passione. Mi diceva che nei mesi passati aveva organizzato incontri, ospitato oratori assai attivi in quei giorni sui social e non solo. Persone sulle quali aveva puntato, non soltanto lui, ma che alla lunga hanno pagato lo sprint iniziale, mal gestito, scomparendo all'orizzonte.

Mi ha fatto pensare questa telefonata. Mi ha fatto pensare che, effettivamente, viste le premesse, forse si è persa come al solito una occasione. L'occasione di fare qualcosa di più, di mettere le associazioni venatorie di fronte ad un bivio: o vi svegliate o vi svegliamo. E invece no. Passate le elezioni politiche, passata la brutta stagione, tutto è scomparso o quasi. Le minacce urlate ai quattro venti in previsione della stesura dei calendari venatoria si sono trasformate in recriminazioni sui calendari ormai già pubblicati. Della marcia su Roma e dei presidi annunciati è rimasto il ricordo di una piacevole giornata umbra tra cacciatori, per chi ha partecipato, e qualche discussione contro chi invece ha, legittimamente, disertato.
 
Bicchiere mezzo pieno o mezzo vuoto? Mah, direi vuoto per tre quarti e ogni anno in calo. A mio avviso le associazioni si sono leggermente riavvicinate ai cacciatori, anche perché sempre più minacciate dalle associazioni “coca cola”, più o meno prive di riferimenti nazionali e con assicurazioni private, nate dal territorio e legate ai problemi dello stesso. Ma nonostante questo i problemi restano. Resta l'atteggiamento ostile di gran parte dell'opinione pubblica, della stampa che ci ignora, dei politici che ci snobbano nel migliore dei casi o altrimenti ci attaccano. Restano ATC gestiti male e conseguentemente i territori lasciati morire. Restano calendari venatori sempre più penalizzanti. E restano le polemiche interne, le divisioni, la mancanza di coesione nel combattere battaglie che, non riesco proprio a capire perché, sembra non siano comuni a tutti noi. Resta una comunicazione frammentata e le tante, troppe parole che, io in testa, diciamo sull'argomento senza fare, forse, abbastanza. Eppure, vi assicuro, nelle associazioni, sui territori, c'è tanta gente preparata e in gamba, molta più di quanta tutti noi possiamo immaginare. Un gran peccato disperdere così questi valori.

Ma perché poi questo titolo? Perché tutto questo mi ricorda quei film dei Vanzina, quelli sulle vacanze estive e invernali. Quelli in cui ci si ritrovava tutti, anno dopo anno, più o meno nella stessa situazione, a parlare delle stesse cose dell'anno prima. Ma con qualche capello bianco in più che, con grande malinconia, segna il passare del tempo.


Mauro Proietti 

Tags:

Tuo Nome:
Titolo:
Commento:


162.158.63.160
Aggiungi un commento  Annulla 

41 commenti finora...

Re: E come in un film dei Vanzina, ci ritroviamo, anno dopo anno...(sempre peggio)

Ma per favore...hai perfettamente ragione. Il fatto è che, ripeto, questo non è piazzale montecitorio ma un sito che ravvoglie blog e riflessioni. Come tale, questa mia fa il punto di vista personale su ciò che poteva accadere negli ultimi mesi e che invece non è accaduto. Perché? Percheé le associazioni veantorie hanno continuato a sbagliare mosse, perché chi (a differenza mia) prometteva di ritrovarsi a roma invece è andato a fare campagna elettorale altrove e perché, esempio del tuto persnale e in risposta ad alcuni che hanno scritto qui, al posto degli stefano de vita continuano a sedere negli atc politicanti ciarlatani. Quando deciderò di portarvi a roma a protestare e non lo farò, quandoi vi tessererò e poi metterò un [email protected]@@@ne in atc, etc. etc. allora si che potrete darmi dello [email protected]@@@o, per ora se volete discutere, dare sugerimenti, dire la vostra o invitarmi a partecipare a qualche iniziativa che, al contrario, state organizzando, allora scrivete pure! ;-)

da Mauro Proietti  03/08/2015

Re: E come in un film dei Vanzina, ci ritroviamo, anno dopo anno...(sempre peggio)

Per Marco - io me lo godo quello che rimane - ci puoi scommettere - però mi [email protected]@@@o maggiormente quando proprio (come giustamente scrivi) l'ignoranza della nostra categoria è un valore aggiunto per la nostra fine. il problema è che quei pochi capaci non hanno forse i mezzi ed il supporto per scendere in campo - oppure i capaci forse non li vogliono proprio -

da Stefano De Vita  03/08/2015

Re: E come in un film dei Vanzina, ci ritroviamo, anno dopo anno...(sempre peggio)

All’italian maniera è sempre l’anello più debole della catena “il cacciatore di strada” che ci rimette e gli si scaricano tutte le colpe. Non c’è niente da fare siamo italiani. C’è solo da stabilire se i “ colti luminari” hanno veramente la staffa e volontà di mettersi in piazza o se preferiscono ciarlare solo per sentirsi vivi. Quando l’ignorante folla è inferocita, per raggiungere il palco bisogna sgomitare, e quale arma è più efficace se non quella di attribuire le colpe a chi ne ha veramente? I padri fondatori della 157 i loro sudditi hanno tali e tanti scheletri nell’armadio da far accapponare la pelle però per i “coraggiosi colti” è più eroico gettare il sasso e nascondere la mano piuttosto che fare nomi e cognomi dei veri responsabili e mandanti. Per guadagnarsi la stima e avere supporto e seguito bisogna metterci la faccia,dire pane al pane e vino al vino e questo comporta ripudiare certe amicizie che POTREBBERO SEMPRE SEVIRE. Difficile scelta lo capisco. L’ignoranza della plebe non va sottovalutata anzi è proprio un valore aggiunto perché questo è un trampolino di lancio in quanto più ignorante si presente la folla più è manipolabile. Federarci docet. A meno che questi “ colti luminari” siano convinti del contrario e all’ora a questo punto ognuno razzoli nella la sua ignoranza senza farsi beffa della restante sventurata ignorante folla.

da Pan per focaccia  03/08/2015

Re: E come in un film dei Vanzina, ci ritroviamo, anno dopo anno...(sempre peggio)

Grandiosi Stefano De Vita, Mauro Proietti e tutti quelli che scrivono editoriali che ci danno uno spaccato di una situazione che è lo specchio di quello che sta accadendo. Grazie sapete non ce ne eravamo accorti!!!!. O forse e in tempi non sospetti circa 1990

da Ma per favore  02/08/2015

Re: E come in un film dei Vanzina, ci ritroviamo, anno dopo anno...(sempre peggio)

A Ste se siamo i questa situazione è esclusivamente colpa della Politica e dell ' ignoranza che regna sovrana nella nostra categoria. Il problema è uno quei pochi CAPACI non scendono in campo per avere a che fare con una massa di IGNORANTI senza confine. Ste , rassegnati sEI grande goditi quello che rimane NON CAMBIERA' MAI NULLA IN MEGLIO...IN PEGGIO SI.!!

da Marco  02/08/2015

Re: E come in un film dei Vanzina, ci ritroviamo, anno dopo anno...(sempre peggio)

Che tristezza - e poi ci domandiamo perchè la caccia è finita - Mauro Proietti fa uno spaccato di una situazione che è lo specchio di quello che sta accadendo ed ecco che tutti contro tutti. Il grande Totò diceva...........ma mi faccia il piacere e con tristezza purtroppo dico. Per alcuni non vale la pena spendere energie per difendere la caccia.

da Stefano De Vita  02/08/2015

Re: E come in un film dei Vanzina, ci ritroviamo, anno dopo anno...(sempre peggio)

Ma bla bla bla......ma non cambia niente.Bisogna mettere persone competenti per ogni settore,caccia lavoro ecc.ecc. allora si che comincerebbe a cambiare qualcosa nell'interesse di tutti.A dimenticavo,ma poi tutti sti vagabondi che abbiamo a comandare cosa ne facciamo?.........Amen!!

da setter '63  01/08/2015

Re: E come in un film dei Vanzina, ci ritroviamo, anno dopo anno...(sempre peggio)

Ferdinando è vero solo in parte. Alcuni di noi si scagliano l’uno contro l’altro è c’è sempre un perché, vuoi rivalità politiche, venatorie, scelte di caccia che ledono la libertà di altre forme etc etc .tutte plausibili visto come si/ci siamo fatti indottrinare e plagiare. Altri si scagliano contro ciarlatani, cialtroni , magnoni che hanno portato la caccia a questo livello è questo lo trovo molto più importante e costruttivo indipendentemente dalla risate più o meno valide degli anticaccia. Bisogna sputtanare e buttare nella pattumiera tutte le mele marce della cesta caccia se vogliamo avere un futuro meno frustrante. Perciò ben vengano le liti verso la cricca moderando al contempo quelle della sana base.

da Luigi  30/07/2015

Re: E come in un film dei Vanzina, ci ritroviamo, anno dopo anno...(sempre peggio)

Amata x chi gode dei privilegi o delle grazie dell ATC il resto vivacchia con fatica caro mio

da Paride  30/07/2015

Re: E come in un film dei Vanzina, ci ritroviamo, anno dopo anno...(sempre peggio)

Che desolazione sentire sempre litigare ! Ci attacchiamo come veri nemici dimenticando la cosa più importante.....la nostra amata caccia ! Se io fossi un anti caccia ci godrei come un matto ...leggendo!

da Ferdinando  30/07/2015

Re: E come in un film dei Vanzina, ci ritroviamo, anno dopo anno...(sempre peggio)

nel pubblico NON SI LAVORA anzi non si E' MAI LAVORATO grazie ai sindacati, politici, vagabondi di turno oltre a questo nel pubblico dovrebebro andare persone con handycap invece di essere emarginati ho devono essere i privati a farsi carico mentre nel pubblico c'è gente con una salute di ferro che potrebeb andare in miniera a lavorare invedi non fare NIENTE A SBAFFOOOOOO

da Pino  30/07/2015

Re: E come in un film dei Vanzina, ci ritroviamo, anno dopo anno...(sempre peggio)

Ezio, ho lavorato molto nel pubblico, interagito con le istituzioni e ne conosco mti aspetti. La riflessione è semplice: se Pompei fosse in mano a privati ci sarebbero tutti i disservizi che crea il pubblico? Poi traslate e lo stesso vale per la corruzione.

da Mauro Proietti  29/07/2015

Re: E come in un film dei Vanzina, ci ritroviamo, anno dopo anno...(sempre peggio)

Marcello 64 concordo come hai potuto leggere.
Anti...che devo dirti, evidentemente leggi ma non capisci il significato. Non mi lamento delle coca cola visto che con qualcuna collaboro, non faccio sermoni e non insegno nulla a nessuno, magari cerca la differenza tra sermone e riflessione e capirai. Per quanto riguarda il togliersi dalla tastiera e prendere carta e penna per scrivere alle associazioni, te lo risparmio. Le stesse cose che scrivo, con il mio nome e la mia faccia a differenza di altri, le ho dette di persona a Berlato in diverse occasioni quando ho creduto che potesse essere una soluzione anche fuori dal Veneto e ultimamente alla dirigenza libera caccia con la quale ci siamo incontrati. Quindi, ancora una volta toppi! E alla grande! Ma nel l'anonimato te lo puoi permettere, non preoccuparti.

da Mauro Proietti  29/07/2015

Re: E come in un film dei Vanzina, ci ritroviamo, anno dopo anno...(sempre peggio)

Mauro una riflessione in più sull'assunto: "nel pubblico c'è più corruzione che nel privato" io al posto tuo
la farei. Se diciamo che c'è una illegalità diffusa corroborata da una burocrazia asfissiante per gli onesti e da un'altrettanta impunità per i disonesti, a beh allora...sono d'accordo.

da Ezio  29/07/2015

Re: E come in un film dei Vanzina, ci ritroviamo, anno dopo anno...(sempre peggio)

VAI A LAVORARE ... VAGABOBNDO

da DINO  29/07/2015

Re: E come in un film dei Vanzina, ci ritroviamo, anno dopo anno...(sempre peggio)

Dino io non ti ho offeso perciò vagabondo e ladro ci sara tu pezzo di merda .

da Anti bla bla bla  29/07/2015

Re: E come in un film dei Vanzina, ci ritroviamo, anno dopo anno...(sempre peggio)

Antonio ha ragione. Le avv rappresentano il vecchio. La politica è' indifferente ed incapace.

da Vecchio cedro  29/07/2015

Re: E come in un film dei Vanzina, ci ritroviamo, anno dopo anno...(sempre peggio)

anti sei un idiota vai a lavorare VAGABONDO E LADRO!

da Dino  29/07/2015

Re: E come in un film dei Vanzina, ci ritroviamo, anno dopo anno...(sempre peggio)

Piccola rettifica" leggo, la rileggo e se trovo qualcosa che non mi garba, esterno la mie idee e il mio disappunto (all'interessato) esattamente come faccio nel comparo caccia".

da Anti bla bla bla  29/07/2015

Re: E come in un film dei Vanzina, ci ritroviamo, anno dopo anno...(sempre peggio)

Mi sembri più che un giornalista di seconda scelte, come ti definisci, un piccolo capetto di “stato” dove spara nel mucchio, mette in evidenza i problemi che assillano il paese, ma non si impegna a risolverli. Nazione it docet. Viaggi sui portali di caccia ad insegnare cosa? Guarda che qui con gli sputtananti di azioni, personaggi, aa.vv, atc, ca, forme di caccia assistite, sponsorizzate e quant’altro, abbiamo tutti compreso l’andazzo e toccato con mano il degrado della caccia e della gestione. Se nonostante ciò , ognuno di noi ha fatto le proprie scelte e rimasto nelle tali, non saranno certo i tuoi sermoni a farci cambiare idea. Pretendere questo sarebbe da presuntuosi non credi? Queste tue riflessioni dovrebbero essere spedite tramite posta elettronica o manuale a “personaggi dell’alta società politica e venatoria” , alla plebe tramite carta stampata e ai veri vecchietti tuoi assistiti tramite voce perché qui come scrivevo sopra e tempo perso. Ha fatto una stupidaggine la Libera caccia (una a caso)? Prendi carta e penna o la tastiera e digli quello che pensi e cosi con altre aa.vv. riconosciute e non, presidenti, gestori, politici, capipopolo,ecc..questo è produrre ricchezza per la categoria non fare il giornalista di periferia nei siti di caccia. Leggo che spari a desta e manca, ti lamenti dei mancati appuntamenti, delle tradotte perse, della coca cola , assicurazioni private , sindacato, partiti e partitini pro caccia e da giornalista, politico e cacciatore ancora non sei venuto a capo del perché tutto questo accade? Te lo rivela il sig. nessuno cacciatore di lungo corso quasi analfabeta perché ci siamo rotti i [email protected]@@ delle ciance e prese per il [email protected]@@ delle sviolinate”fruttifere” delle puntate surreali, dei riporti superlativi, di palchi capre e porci, carnieri da “favola” pubblicizzati, dell’orchestra canora ingabbiata, albe e tramonti mozzafiato con dietro l’albero l’impagliato luccicante e già che ci siamo anche pentole e fischietti, della demagogia, della poesia, dei 23 lunghissimi anni di angherie e soprusi e un’infinità di altre puttanate che nessuno di questi perditempo che razzolano e MANGIANO nella caccia se ne siano presi cura e corsi ai ripari. Fatti e non pugnette caro Proietti e C. Meno seghe mentali e riflessioni più o meno ad alta voce ma soprattutto chi afflitto da visibilità produca fatti concreti e spendibili subito altrimenti abbia il pudore di restare silente. N.B. A proposito di giornali, giornalai,fumettisti, mozze seghe, imbrattacarte ecc..vivo in una società e conseguentemente ogni notizia mi interessa , la leggo, la rileggo e se trovo qualcosa che non mi garba, esterno la mie idee e il mio disappunto esattamente come faccio nel comparo caccia.

da Anti bla bla bla  29/07/2015

Re: E come in un film dei Vanzina, ci ritroviamo, anno dopo anno...(sempre peggio)

cleopatra bere ti fa male. ma da dove salta fuori questo pagliaccio??? redazione intervenire please

da Rino  29/07/2015

Re: E come in un film dei Vanzina, ci ritroviamo, anno dopo anno...(sempre peggio)

Ma che dici?!?!! In Idaglia i privati hanno corrotto tutto e sparso veleni dappertutto per non pagare il regolare smaltimento. FACCIAMOLA finita con la prosopopea filo liberista fatta da evasori fiscali conclamati che dichiarano meno reddito dei loro dipendenti. Presto, prima di quanto immaginate, verranno a prendervi uno a uno e vi faranno il processo di Norimberga. Andatevene negli USA dove mangiano carne agli ormoni e formaggio fatto senza latte e bevono vino fatto senza uva. Privato? No grazie!

da Cleopatra  28/07/2015

Re: E come in un film dei Vanzina, ci ritroviamo, anno dopo anno...(sempre peggio)

cleopatra sei un dirigente ATC ? un impiegato statale ? un presidente di atc politicamente eletto? PRIVATO E [email protected]@@ ! MAZZO! LAVORARE! RISCHIARE ! NON DORMIRE NON STAR MALE NON GUADAGNARE SUBITO MA DILUITO NEL TEMPO SE NON FAU [email protected]@@@E!! termini di cui neppuri conosci il significato è la gente come te che ha rovinato l'Italia e la caccia, fai bene a stare dietro al monitor ..di piu non sai fare!

da Antonio  28/07/2015

Re: E come in un film dei Vanzina, ci ritroviamo, anno dopo anno...(sempre peggio)

E' vero i film dei vanzina fanno g....

da Momo  28/07/2015

Re: E come in un film dei Vanzina, ci ritroviamo, anno dopo anno...(sempre peggio)

Caro Proietti,se ci sono associazioni "coca-cola" e ass.private,forse e dico forse,non sarà per caso perchè ci siamo rotti i [email protected]@@@@ e stanchi di essere presi in giro dalle GRANDI ass.ven.con in testaFIDC,ARCI.ANLC e chi più ne a più ne metta,perchè è vero che ci sono "circoli"che funzionano alla grande,ma che poi non vengono ascoltati dai dirigenti di cui sopra...e allora di cosa stiamo parlando.Basta vedere quello che hanno combinato quì nel lazio,uno SCHIFO senza VERGOGNA e ancora che insistete con le ass.ven.....mhà.N.B. intanto la beccaccia e i tordi x 11 gg ce li hanno levati,GRAZIE ASS.VEN.questo èil vostro modo di fare il bene x i cacciatori.........

da MARCELLO64  28/07/2015

Re: E come in un film dei Vanzina, ci ritroviamo, anno dopo anno...(sempre peggio)

Mauro e Antonio uno che si firma cleopatra si commenta da solo! non perdete tempo non lo merita

da Gino  28/07/2015

Re: E come in un film dei Vanzina, ci ritroviamo, anno dopo anno...(sempre peggio)

Cleopatra, io la cacci ala lascerei pubblica ma il problema è che nel pubblico la corruzione è più presente che nel privato. Se un'azienda gestisse un atc tuti coloro che ci lavorano dovrebbero lavorarci seriamente e in maniera produttiva altrimenti calci nel [email protected]! nel pubblico non è così...

da mauro proietti  28/07/2015

Re: E come in un film dei Vanzina, ci ritroviamo, anno dopo anno...(sempre peggio)

Grande Anti...ma devi dare il giusto valore alle cose. INon mi sembra tu abbia letto mie promesse elettorali per la caccia, oppure l'organizzazione di iniziative mancate (alle quali mi riferisco nel post). Se così fosse stato avresti tutto il diritto di darmi del ciarlatano perché non vi ho portato a Roma o le tessere che vi ho fatto fare non hanno ottenuto risultati. Semplicemente, da giornalista di seconda categoria quale sono, e da curioso osservatore, mi limito a dei post (non a caso inseriti nella sezione blog) che fanno chiarezza, dal mio punto di vista, quindi dal blog personale, su quanto accade. Per quanto mi riguarda non sono mai stato a capo di nessuna associazione se non portando la confavi nel lazio salvo poi lasciarla subito (ma in buone mani) a causa dell'incompatibilità con gli amici veneti. Poi ho fatto il presidente di una associazione comunale per permettere ai nostri anziani amici di non aver problema con l'organizzazione e questa è andata benissimo, ho aiutato alcuen associazioni locali che mi hanno ringraziato ma senza neanche apparire, ho aiutato alcuni amici in difficoltà burocratiche, come vedi qualcuno ogni tanto mi chiama per dirmi la sua...e basta. Quindi non capisco le tue di chiacchiere ma, da curioso che sono, mi piace approfondire i problemi della gente come te. Comunque, a parte tutto, se sfogli un giornale e leggi un articolo che non ti piace, la colpa non è del giornalista che può pensarla diversamente da te, ma è tuo che puoi evitare di leggerlo. Qui è ancora più semplice...poi resto sempre in attesa di conoscere il cuor di leone che si cela dietro i vari nik che usi...

da mauro proietti  28/07/2015

Re: E come in un film dei Vanzina, ci ritroviamo, anno dopo anno...(sempre peggio)

Antonio in Idaglia privato significa mazzette ladrocinio lavoro nero furberie. Vattene negli USA e restaci!

da Cleopatra  28/07/2015

Re: E come in un film dei Vanzina, ci ritroviamo, anno dopo anno...(sempre peggio)

Perchè i tuoi si??? e soprattutto utili? SONO ANNI CHE BLATERI E I RISULTATI CHE HAI OTTENUTO SONO UGUALI A ZERO. MA PER FAVORE

da Anti bla bla bla  28/07/2015

Re: E come in un film dei Vanzina, ci ritroviamo, anno dopo anno...(sempre peggio)

Antonio hai ragione...peccato che non si realizzerà mai tutto ciò...
Anti...aspettavo con ansia il tuo commento, inutile, come sempre, ma illuminante per capire il vuoto che ci ha portati a tutto questo e che non ci permetterà di realizzare i sogni di Antonio...

da Mauro Proietti  28/07/2015

Re: E come in un film dei Vanzina, ci ritroviamo, anno dopo anno...(sempre peggio)

Mi ero ripromesso di non intervenire più nei pistolotti di Proietti e C ma come sottrarsi nel non applaudire il saggio Antonio!!!!

da Anti bla bla bla  28/07/2015

Re: E come in un film dei Vanzina, ci ritroviamo, anno dopo anno...(sempre peggio)

ma basta BASTA la caccia deve essere gestita dal PRIVATO . basta volontari servono PROFESSIONTI MANAGER preparati basta con il "fai da te" ridicolo che non porta a nulla ANZI GUARDATE DOVE CI HA PORATATO nelle me..a! TUTTO IN MANO AL PRIVATO . basta la politica e i politici da trapazzo, uffici caccia in mano alla WWF , Lipu , Lega anti caccia , ma si potrà essere piu stupidi! UNA AZIENDA PRIVATA CHE PUO ANCHE FALLIRE SE NON GESTITA BENE. non come adesso che abbiamo tutti gli atc falliti e continuano a fare quello che vogliono con edegli stupidi che COMANDANO ... a questi incapaci che sono tutti mezzi falliti o impiegati statali in pensione voglio dire COMADARE O DIRIGERE E' UN MESTIERE CHE NON SI IMPARA IN UN ATC MA SOLO DOPO ANNI E ANNI DI DURO LAVORO NEL PRIVATO DOVE RISCHI DI TUO E NON DEL SUO! basta con sti volontari CHE VADANO AD AIUTARE I VECCHI E MALATI NEGLI OSPEDALI A NOI SERVONO MANAGER!!!

da Antonio  28/07/2015

Re: E come in un film dei Vanzina, ci ritroviamo, anno dopo anno...(sempre peggio)

Mah...per mia abitudine non metto in discussione la buona fede e la passione di chi sta a capo (visto che lo avete citato) del sindacato venatorio italiano. Ma le soluzioni sono altre...non si può ridurre tutto a parlare male degli altri (le tanto, troppo citate sorelle) e poi lasciare che tutto scorra e vada avanti senza fare nulla o quasi.

da Mauro Proietti  27/07/2015

Re: E come in un film dei Vanzina, ci ritroviamo, anno dopo anno...(sempre peggio)

Quella gente là, il sindacato, l'ennesimo, mi pare che abbia a "quore", più che a cuore, la caccia. Perchè? Ma perchè difetta anche dell'ABC più elementare per fare politica (la grande assente nei discorsi da armeria). Perchè, se non l'avete ancora capito, a noi manca un leader o - meglio - una nuova classe diriegente che sappia fare....politica. Che non è aderire a un partito o a un'ideologia. E' vivere in comunità, individuare i bisogni della gente, tradurli in PROPOSTA. Politica, ovviamente, per farsi capire dagli altri e - se la proposta è buona - acquisire consensi. E quando dico così, intendo - per la caccia - trovare la mediazione giusta per far capire i problemi e le soluzioni per la migratoria. Perchè per la grande stanziale (la piccola l'abbiamo già distrutta da soli) la soluzione c'è di già, e sta incalzando a grandi passi. Ma non l'abbiamo individuata noi. Ce la stanno imponendo, gli agricoltori e il mondo della politica, che è sensibile ovviamente a chi la sollecita su un problema evidente anche ai ciechi.

da Niccolò M.  27/07/2015

Re: E come in un film dei Vanzina, ci ritroviamo, anno dopo anno...(sempre peggio)

Mauro con soggetti come lo SVI più che sulla spiaggia ,ci si ritrova irrimediabilmente spiaggiati!!!Lasciamo perdere poi la comunicazione, i comunicatori ,per non parlare dei portavoce

da pensierino di metà pomeriggio  27/07/2015

Re: E come in un film dei Vanzina, ci ritroviamo, anno dopo anno...(sempre peggio)

Buongiorno, il riferimento alle associazioni "Coca Cola" non è affatto dispregiativo, è solo per dire che non sono ufficiali ma usano altri nomi. Per il resto non c'è dubbio che se si è arrivato ad una moltiplicazione di questi soggetti, con alcuni dei quali ho collaborato nella mia piccolezza, un motivo c'è e lo conosciamo tutti. Ale, sai quanto ti stimo e ritengo che la caccia dovrebbe fare molto più affidamento su persone come te e sui tanti amici che mi hai presentato e che hanno grandi capacità e competenze. Però come sai sono anche molto scettico su questo progetto moderno. ho la bacheca piena di chiacchiere che tali sono rimaste. Dalle minacce si è arrivati alle recriminazioni. Passando per le elezioni politiche naturalmente. Va sempre bene quando la gente si espone, il problema è che i cacciatori sono una categoria facilmente eccitabili ma ai pensieri poi dovrebbero corrispondere delle azioni. Altrimenti, come nei film di vanzina, ci si ritrova sula spiaggia, anno dopo anno...

da Mauro Proietti  27/07/2015

Re: E come in un film dei Vanzina, ci ritroviamo, anno dopo anno...(sempre peggio)

Non è esatto Mauro,c è un piccolo gruppo di "carbonari" che si chiama SVI e che sta lavorando per far si che quella spinta e quall'iniziativa non si perda e non vada a finire.Nei prossimi giorni pubblicheremo un comunicato stampa dove SVI indica a quelle assoziazioni,riconosciute e non riconosciute le linee guida ed il manifesto programmatico per difendere e far vivere ancora la caccia in Italia.Un progetto moderno in cui spero si riconosceranno tutticoloro che hanno a cuore la difesa della caccia e non quella del proprio orticello,cose che quesi sempre non coincidono.

da alessandro pani  25/07/2015

Re: E come in un film dei Vanzina, ci ritroviamo, anno dopo anno...(sempre peggio)

La rotta è tracciata anche la loro perchè saranno loro finalmente a risarcire i danni e le premiate ditte dei porcari e affini andranno in rosso molto prima che se ne rendano conto con o senza il vedo degli animaliri e politici protettori dei bamby.

da Nostradamus  25/07/2015

Re: E come in un film dei Vanzina, ci ritroviamo, anno dopo anno...(sempre peggio)

La caccia, certa caccia (migratoria), va combattuta: questo è l'orientamento politico degli ultimi lustri. L'altra caccia (ungulati) va incentivata e anche questo è chiaro. Il resto sono CHIACCHERE da armeria: tempo perso.

da La rotta è tracciata  25/07/2015

Re: E come in un film dei Vanzina, ci ritroviamo, anno dopo anno...(sempre peggio)

"le associazioni coca cola con assicurazioni private. Mi sembra abbastanza chiaro il riferimento. Beh volesse il cielo che "quell'associazione" che associazione non è, potesse essere anche lontanamente paragonata alla coca cola, non per la qualità s'intende, (è schifezza liquida) ma per il successo e il potere economico che esprime. Se così fosse ad ora staremmo parlando delle defunte associazioni nazionali. Se quella lattina resterà, (e lo resterà) ancora vuota e del tutta anonima nell'aspetto esterno, è sempre grazie ai cacciatori. Questo significa che, o la maggioranza se ne frega, oppure gli garba come vanno le cose, e per giunta hanno piccoli interessi personali da difendere. Purtroppo per tutto quello che ci sarebbe bisogno di fare ci vogliono soldi, e come si dice; senza soldi non si cantano messe. E di certo quel piccolo gruppo di persone, per lo più operai e impiegati con l'aggiunta di qualche modesto professionista, che hanno creduto e ancora credono di poter fare qualcosa, non hanno la possibilità di portare avanti azioni con il loro solo contributo economico. A me tutto questo fa venire in mente non un film, ma una novella del grande Pirandello... Così è (se vi pare)

da Pasquale Cinquegrana  24/07/2015
Cerca nel Blog
Lista dei Blog