Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | Foto | I Video | Sondaggi | Quiz | Forum | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Downloads | Fresco di Stampa | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Archivio
<settembre 2017>
lunmarmergiovensabdom
28293031123
45678910
11121314151617
18192021222324
2526272829301
2345678
Mensile
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
aprile 2011
marzo 2011
febbraio 2011
gennaio 2011
dicembre 2010
novembre 2010
ottobre 2010
settembre 2010
agosto 2010
luglio 2010
giugno 2010
maggio 2010
aprile 2010
marzo 2010
febbraio 2010
gennaio 2010
dicembre 2009
novembre 2009
ottobre 2009
settembre 2009
agosto 2009
luglio 2009
giugno 2009
maggio 2009
aprile 2009
marzo 2009
febbraio 2009
gennaio 2009
dicembre 2008
novembre 2008
ottobre 2008
settembre 2008
agosto 2008
maggio 2008
aprile 2008
marzo 2008
febbraio 2008
gennaio 2008
dicembre 2007
novembre 2007
ottobre 2007
settembre 2007
agosto 2007
luglio 2007
giugno 2007
ago14


14/08/2008 

In questo periodo siamo sommersi da una valanga d'informazioni, considerazioni,commenti, che tendono a evidenziare come la gente si trovi sempre di più in balia della criminalità, organizzata e non. Ne consegue, purtroppo, una campagna di criminalizzazione generalizzata nei confronti di tutti coloro che possiedono armi, vanno a caccia, frequentano i campi di tiro. Salvo a dimenticare momentaneamente tutto, quando i nostri campioni tiratori, che quasi sempre sono cacciatori, impinguano il medagliere olimpico. Credo che sia l'ora di sfatare questo luogo comune che ci addita, anche noi cacciatori, con l'appellativo di sanguinari assassini. Intanto, per poter usare un'arma occorre essere cittadini modello. Basta una semplice denuncia per minacce (non a mano armata) per farsi ritirare il porto d'armi. Inoltre, checché ne dicano quelli della Lega Anti Caccia (vedi commento blog Barbara), ben altre sono le cause di morte violenta di cui la nostra opinione pubblica si dovrebbe preoccupare. Parlo in primo luogo delle morti per incidenti sul lavoro e per incidenti in casa. Dove, come è facile intuire, le armi da fuoco non c'entrano assolutamente. Poi c'è l'automobile. Il bilancio ferragostano di quest'anno (ancor prima di ferragosto) è a dir poco impressionante. Per quanto riguarda gli omicidi, infine, il record (nefasto, purtroppo) lo detengono mariti e mogli tradite, madri, padri, zie, nonni, nipoti, cognate, nuore e generi, amici e vicini di casa inclusi. Ma anche qui, di fucili da caccia se ne contano pochi. Poi, ovviamente, alla tremenda classifica, si aggiungono i crimini efferati di mafia, camorra, ndrangheta e affini. Infine, buoni ultimi, anche se ci si aggiungono i morti per infarto o cadute in crepaccio e simili (ma qui, se vogliamo, si dovrebbero ricordare gli incedenti che colpiscono alpinisti, cercatori di funghi, appassionati di trekking eccetera), arrivano i poveri cacciatori. Alla luce di questi dati (ne fanno fede le statistiche ufficiali: Min.Interni in testa), personalmente trovo disgustoso e comunque ingiusto che si continui a richiamare provocatoriamente l'attenzione dell'opinione pubblica sui troppi fucili (da caccia e da tiro) che circolano in Italia, quando ormai è chiaro che si vuole colpire l'anello più debole della catena, per distrarre l'attenzione da questioni più serie e più gravi, pur restando nel ristretto ambito della sicurezza. A mio avviso, sarebbe opportuno che le nostre organizzazioni e i nostri rappresentanti politici si facessero carico di questa doverosa azione di informazione, per ristabilire la verità. Voi che ne pensate?

Proposto da: Massimiliano Betti

Tags:

Tuo Nome:
Titolo:
Commento:


54.156.69.204
Aggiungi un commento  Annulla 

15 commenti finora...

Re: Armi, caccia e sicurezza

Giaggiolo: o si parla sapendo ciò che si dice o si tace che si fa più bella figura. Nell'attesa che ti documenti meglio ti consiglio la seconda opzione.
Davide: lo scemo del villaggio avrebbe saputo dire qualcosa di più intelligente di quanto abbia fatto tu.

da Inforziato  07/02/2011

Re: Armi, caccia e sicurezza

Scusate ma non vi sembra una vera scemenza vendere le armi ad aria compressa, liberamente, anche se si tratta di armi depotenziate? provate a spararci e vi accorgerete che fanno male, queste armi le posssono aquistare tutti!!

da santello  01/10/2010

Re: Armi, caccia e sicurezza

Lo voglio anch'io il fucile. Pum pum!!!
Come quando ero piccolo...
Che bei momenti... Che spensieratezza...
Ora potrei anche imbottire qualche animaletto...
FIGATA!
Dopo sai come mi gaso?

da Davide  06/04/2010

Re: Armi, caccia e sicurezza

Se seguite bene i fatti di cronaca parecchi omicidi casalighi avvengono con armi bianche di tutti i generi, con armi da fuoco, qualche volta è vero fucili da caccia ma la maggior parte dei personaggi che commettono omicidi sone ex plolizziotti, militari, gurdie giurate ecc. pochi molto pochi sono i cacciatori.

da Maremmano  16/02/2010

Re: Armi, caccia e sicurezza

Il Sig. Giaggiolo dice molte inesattezze:
1 - in America da anni le armi si vendono solo presso le armerie previa registrazione elettronica immediata con uno strumento simile a quello che sarà il nostro SPACE
2 - la maggior parte degli omicidi "casalinghi" avviene con l'uso del coltello

da Beppe  31/03/2009

Re: Armi, caccia e sicurezza

Il Sig. Giaggiolo dice molte inesattezze:
1 - in America da anni le armi si vendono solo presso le armerie previa registrazione elettronica immediata con uno strumento simile a quello che sarà il nostro SPACE
2 - la maggior parte degli omicidi "casalinghi" avviene con l'uso del coltello

da Beppe  31/03/2009

Re: Armi, caccia e sicurezza

bravo bettino, hai pienamente ragione. Anzi, io proporrei di vendere le armi anche al supermercato, come fanno in America. Tanto, chi le compra è sicuramente una persona retta e onesta, non ti pare??

da giaggiolo  18/03/2009

Re: Armi, caccia e sicurezza

ahahahah giaggio mi fai sbellicare... forse dimentichi che la maggior parte degli omicidi casalinghi avvengono tramite fucile da caccia... e a sparare non sono i bambini o le donne, ma i possessori di quelle armi, che guarda caso... sono cacciatori!!!!

da giaggiolo  13/03/2009

Re: Armi, caccia e sicurezza

Non risulta da nessuna parte che la causa delle morti violente nel nostro paese è da addebitarsi ai possessori di armi legalmente detenute,(leggi cacciatori). Chi abitualmente delinque, facendo uso di armi, certamente non si pone il problema della legalità. Quindi questi signori, che hanno come unico scopo nella loro vita, quello di combattere la caccia ed i cacciatori, ergendosi a custodi di ogni verità, possono dormire sonni tranquilli, finchè le armi le hanno i cacciatori.

da Giaggio  23/01/2009

|

buon giorno a tutti!!!
premetto che sono un cacciatore e che possiedo più di un 'arma da caccia e no.
tutte le cose scritte fino ad ora sono sacrosante verità e mi trovano perfettamente d'acordo ma qualcosa che non va nella nostra legislazione in materia di armi c'è.
pensate solo al modo di custodire le armi: la legge non è per niente chiara;dice che vanno custodite,è vero,ma il concetto di custodite lascia a mio avviso, troppe interpretazioni.
la visita per il rilascio del certificato anamnestico sia da parte del medico di famiglia che da parte dell'ufficiale sanitario,non vi sembra un po' troppo riduttiva?
non si fanno visite specifiche,controlli ,test niente! richiedere il porto d'armi è come richiedere il passa porto !
sono queste le motivazioni che portano coloro che non condividono la nostra passione a criticarci e ad attaccarci e secondo me...hanno un po' di ragione!!!!!!
ciao a tutti!!!!

da federico 2  02/10/2008

Re: Armi, caccia e sicurezza

Comunicazione per il Sig. Eligio.
Se vuole può inoltralci una mail tramite la sezione CONSIGLI. Provvederemo a darle i chiarimenti del caso.
Cordialmente.

da REDAZIONE BIG HUNTER  19/09/2008

Re: Armi, caccia e sicurezza

Salve, io ho un problema che desidererei risovere nel breve tempo possibile, sono stato "iniziato" alla Caccia da mio padre, come credo tanti di noi, fin qui tutto ok, la passione è cresciuta fino a diventare insaziabile. Nel 2002 causa studi universitari sono costretto a non svolgere il Servizio di Leva presso un Comando Militare ma bensì come Servizio Civile nella mia città.Nello stesso anno, conseguo l'Abilitazione Venatoria, suoerando l'esame e ottenendo così la sopsirata "patente". Il problema sorge nel momento in cui dovevo richiedere il Porto d'Armi per incongruenza co la mia scelta "civile" naturalmente, nel 2007 la bellissima notizia.......dopo 5anni dopoa aver svolto il Sevizio Civile, il soggetto può richiedere in via definitiva e non revocabile la rinuncia allo "status di obiettore", rendendosi così anche disponibile per impieghi bellici nell'eventualità essi si presentassero.. il mio problema vero nasce nel 2006, precisamente in giugno , quando a causa di "errori di gioventù" sono stato tratto in arresto per detenzine di sostanze stupefacenti (hascisc), ho patteggiato la pena assumendomene le responsabilità e ho ottenuto un beneficio che ha portato la condanna a 1 anno e 8 mesi con la condizionale, da quel momento in poi nessun fermo, nessuna segnalazione, nessun neo che possa farmi ritornare in quella situazione, nanche mai un posto di blocco in tre anni, nel frattempo la mia qualità di vita è migliorata notevolmente, ho acquistato una Tabaccheria che gestisco assieme alla mia compagna, ho contratto matrimonio con Lei nel 2007 e viviamo felicemente e a disposizione anche delle Autorità che volgiano vagliare la mia posizione. Premettendo che non risulto iscritto presso il Casellario Giudiziale dove risulta "NULLA" a mio carico, la mia preoccupazione maggiore, nel richiedere il Porto d'Armi è rappresentato dal Maresciallo dell'Arma che comanda la Stazione del Paese in cui vivo, La Questura, avendo bisogno di informazioni relative al comportamento di un soggetto al quale rilasciare il Porto d'Armi, chiede informative alla Locale Stazione di Carabinieri oppure al + vicino Commisariato di P.S., probbailmente anche avendo a mio carico molti e molti elementi che sottolineano e accertano il mio buon comportamento dopo "il fattaccio" non vedo per quale motivo mi si debba rifiutare o rischiare di farlo, il Porto d'Armi Uso Caccia . Volevo una Consulenza Legale in merito e avrei bisogno di sapere se esistono vincoli ostativi alla mia richiesta, se mi conviene attendere altri due anni affinchè il reato vada in prescrizione o se posso attuare un piano di riabilitazione o quello che è possibile per poter ottenere una concessione che mi permetta di essere ancora + lontano da quelle situazioni che possono provocare dei danni alla mia persona.Ringrazio quanti possono essermi d'aiuto e colgo l'occasione per fare a tutti un Augurio speciale per l'annata che arriverà.
Grazie mille
Eligio

da Eligio  19/09/2008

Re: Armi, caccia e sicurezza

Sono pienamente d'accordo con lei. Ha fatto un resoconto preciso e veritiero dell'attuale situazione in Italia. Solo come ha detto lei e come succede per tutte le altre cose in questo paese, si colpisce sempre l'anello più debole per sviare l'attenzione da questioni ben più importanti. Si associa la figura del cacciatore a quella di un assassino, quando invece è realmente un cittadino modello, che pondera le sue reazioni e il suo comportamento, e lo deve essere necessariamente se non vuole vedersi ritirare il porto d'armi. E un cacciatore che ama la caccia sa cosa significa doverne fare a meno. Sinceramente mi hanno stufato che ogni qualvolta succede qualcosa nell'ambito della caccia, subito pronti a darci addosso. Se c'è un braccoiniere o uno stupido, non significa che allora tutti i cacciatori sono stupidi o bracconieri. Se in Italia c'è gente che rapina e ammazza, non credo che tutti gli italiani siano ladri e assassini. Esistono persone giuste come cacciatori giusti e rispettosi delle leggi e della natura.
Basta pensare che anche nei parchi (aree di tutela faunistica) esistono piani di abbattimento per regolare il sovrannumero delle specie ed evitare gravi danni all'ambiente. Sono i consigli di amministrazione degli stessi parchi a stabilirlo.
Bisogna smettere di accusare sempre il cacciatore. Il cacciatore ama la natura e tutto ciò che la popola. Quello che fa, lo fa alla luce del sole e di personale addetto ai controlli. Non è che chiudendo la caccia si risolvono i problemi della fauna. La lotta va fatta contro i bracconieri e chi non rispetta le leggi.
Gli animalisti che colpiscono sempre e solo il cacciatore, scusate ma vuol dire che ancora non hanno capito niente di ciò che rappresentano.

da Federico  19/08/2008

Re: Armi, caccia e sicurezza

Sono completamente daccordo con lei. Se è vero che gli interessa la vita dell'uomo allora perchè non chiudono discoteche? perchè non chiudono gli stadi? perchè non fanno chiudere il commercio dell'alcool e delle sigarette?
Semplice, queste cose gli piacciono, e per questo non si toccano.
Mi è capitato di finire nel sito "Caccia il cacciatore" che come tesi fondamentale utilizza proprio questa dei morti e feriti dovuti alla caccia. Il sito conteggia 52 morti, molti dei quali, questo però non lo dicono, morti mentre andavano a caccia, ma che con la caccia non centrano niente: molti sono morti di infarto, alcuni scivolando hanno battuto la testa e un paio anno cappottato col fuoristrada, alla fine sono solo 2 le mori dovute veramente alla caccia.
Queste persone, che utilizzano qualsiasi mezzo, anche quello del mentire, pur di perseguire i loro scopi, sono persone che non hanno neanche diritto di essere ascoltate, per il semplice fatto che non sono affidabili.

da Bartolo  16/08/2008

Re: Armi, caccia e sicurezza

Pienamente daccordo con lei. Mi ritornano alle mente, sulla stessa falsariga, ricordi di Andreottiana memoria, quando per risolvere i problemi della mafia si paventò addirittura il sequestro delle "doppiette" in alcune regioni. L'Italia è il paese dei polveroni sospinti per interesse, l'importante è accecare la verità. La sicurezza è un problema da risolvere ma non passa certo ne dai nostri fucili ne dalle nostre cartucce. In bocca al lupo a tutti.

da Luigi da Genova  14/08/2008
Cerca nel Blog
Lista dei Blog