Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Archivio
<dicembre 2019>
lunmarmergiovensabdom
2526272829301
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
303112345
Mensile
dicembre 2019
novembre 2019
ottobre 2019
settembre 2019
agosto 2019
luglio 2019
giugno 2019
maggio 2019
aprile 2019
marzo 2019
febbraio 2019
gennaio 2019
dicembre 2018
novembre 2018
ottobre 2018
settembre 2018
agosto 2018
luglio 2018
giugno 2018
maggio 2018
aprile 2018
marzo 2018
febbraio 2018
gennaio 2018
dicembre 2017
novembre 2017
ottobre 2017
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
aprile 2011
marzo 2011
febbraio 2011
gennaio 2011
dicembre 2010
novembre 2010
ottobre 2010
settembre 2010
agosto 2010
luglio 2010
giugno 2010
maggio 2010
aprile 2010
marzo 2010
febbraio 2010
gennaio 2010
dicembre 2009
novembre 2009
ottobre 2009
settembre 2009
agosto 2009
luglio 2009
giugno 2009
maggio 2009
aprile 2009
marzo 2009
febbraio 2009
gennaio 2009
dicembre 2008
novembre 2008
ottobre 2008
settembre 2008
agosto 2008
maggio 2008
aprile 2008
marzo 2008
febbraio 2008
gennaio 2008
dicembre 2007
novembre 2007
ottobre 2007
settembre 2007
agosto 2007
luglio 2007
giugno 2007
giu25


25/06/2014 9.06 

I cacciatori selecotrollori sono pochi o sono troppi? Secondo alcuni la schiera dei cacciatori abilitati al contenimento della selvaggina ungulata e di quella cha fa danni è ormai completa, mentre secondo il parere di altri, come qualche esponente regionale e diversi ATC, i selecotrollori sono ancora troppo pochi. A chi dar torto e a chi ragione? A tutti e a nessuno, perché se in qualche Ambito tutti gli anni i piani di abbattimento vengono eseguiti puntualmente e correttamente, ci sono anche alcuni distretti dove non si riesce mai a superare il 50–60 % del prelievo previsto. Sta di fatto che, in buona parte della nostra bella Penisola, i corsi per diventare Selecontrollori si tengono ancora regolarmente e la lista degli aspiranti è piuttosto lunga. Per gli appassionati di caccia e di natura le lezioni sono sempre interessanti ed esaurienti, i docenti sono oltremodo preparati e cordiali e gli esami, sia teorici sia pratici, sono veramente alla portata di tutti. In poche parole c’è sempre un buon numero dei neo-selecontrollori, abilitati pronti a “scendere in campo” per praticare con passione, e credo anche con successo, questa bellissima quanto utile caccia. Qualcuno di loro sicuramente già possedeva una carabina e forse aveva anche una certa esperienza di caccia a palla, ma indubbiamente ci sono anche quelli chi si trovano per la prima volta alle prese con una canna rigata. Desidero rivolgermi proprio a questi ultimi, a quelli che dopo aver ottenuto il tanto agognato attestato, si recano entusiasti in armeria per acquistare la nuova attrezzatura, magari senza essere stati debitamente consigliati. Esistono delle armerie veramente ben fornite, ma purtroppo sono piuttosto rare e non sempre si trovano vicino alla nostra residenza. Inoltre l’Euro ed il carovita ha costretto i commercianti “medi” a lavorare esclusivamente su catalogo non potendo (o non volendo) spendere dei capitali per riempire le vetrine ed i magazzini. Personalmente, una carabina, un’ottica da collegarci, gli attacchi, voglio soppesarli bene, esaminando più di un modello, prima di scegliere. Presumo che il neo-selecontrollore sia già un cacciatore e che quindi non dovrò certo consigliargli abbigliamento e calzature, ma credo che non sia male dargli un piccolo aiuto nella scelta di tutta l’altra attrezzatura più specialistica e che forse non ha mai avuto l’occasione di provare prima. Gli “attrezzi da lavoro” fondamentali del selecontrollore sono i seguenti: un’arma rigata accessoriata con un’eccellente ottica montata con attacchi in acciaio, un buon binocolo, uno o meglio ancora due coltelli robusti ed affilati, uno zaino da “caccia”, un telemetro, un cannocchiale da osservazione a forte ingrandimento (Specktive) e, a chi piace, anche un bipede tattico. La scelta dell’arma è allo stesso tempo semplice e complicata. La scelta diventa molto semplice quando l’armiere che ce la vende è onesto e competente, perché può tranquillamente consigliarcela lui stesso, mentre può diventare complicata quando dovremo far tutto da soli e con un budget limitato. Cominciamo con le armi che “potrebbero” essere idonee alla caccia di selezione, sottolineo “potrebbero” perché, se pur esistono delle buone armi in grado di fare bersaglio a cento metri, sinceramente ho una certa difficoltà ad annoverarle come “specifiche” per questo tipo di caccia. Una decina di anni fa, quando venne istituita la caccia di contenimento nella provincia di Grosseto, davo una mano ad un amico armiere nel montaggio e nella taratura delle ottiche. Ne preparavo sei–sette al giorno e, tenetevi forte, ho montato dei cannocchiali persino su armi come i Mauser K 98, gli Enfield, i Garand, i MAS e dei vecchi Carcano! Chiusa questa simpatica parentesi, indubbiamente le armi migliori per la caccia di selezione sono: le carabine ad otturatore, i monocanna rigati kipplauf, i combinati e, al limite, anche le carabine semiautomatiche purché in calibro adeguato. Mi perdonino i puristi se ho incluso anche le “semiauto”, ma credetemi, non ho potuto farne a meno, perché conosco talmente tanti “cinghialai” che adoperano quelle carabine anche per la caccia al capriolo ed al daino, che sarebbe sembrato indelicato non coinvolgerli. Purtroppo dobbiamo riallacciarci al discorso di prima, quando i soldi sono pochi (e detto tra di noi anche il tempo e la passione) con una sola arma si cerca di fare tutto, magari equipaggiandola (almeno questo) con un’ottica di ottima marca montata su attacchi in acciaio e amovibili a sgancio rapido.

La carabina ad otturatore è senza dubbio l’arma “classica” del cacciatore selecontrollore. Se ne trovano di “più che oneste”, dai 500–600 Euro in su, tutte già predisposte per il montaggio dell’ottica, ben calciate e la maggioranza di esse possiede degli scatti regolabili o dotati di stecher. Le carabine bolt action, salvo rarissimi casi, sparano tutte bene e se non lo fanno possono essere accuratizzate con pochissime e facili operazioni. Adottano caricatori fissi o amovibili da tre a cinque colpi e se hanno anche le mire metalliche, toglietele o fatele togliere subito, perché tanto non servono a niente, anzi a volte danno fastidio quando si usa un’ottica a bassissimo ingrandimento o quando si estrae o si ripone l’arma nella custodia. Il funzionamento di tale armi è sempre impeccabile e con un minimo di pratica è possibile duplicare il colpo anche con una certa celerità. Chi acquista una buona carabina ad otturatore, economica o super rifinita di gran marca, sicuramente fa la scelta giusta.
Il monocanna kipplauf è un’arma particolare, destinata ai cultori del “colpo solo” ed a chi si è lasciato stregare dalla sua leggerezza, dalla sua praticità e diciamolo pure dal suo fascino. Esistono dei modelli che eguagliano in precisione le carabine bolt action, ma credetemi, per spararci bene necessitano di un buon allenamento, perché con la loro leggerezza e con le loro esili astine non è facile tenerli fermi sullo zaino.
Il combinato è un buon fucile per il neo–selecontrollore. E’ più o meno un kipplauf con l’aggiunta di una canna liscia, che a volte può tornare molto utile per praticare altre cacce (come quella ai nocivi e la battuta al cinghiale). E’ sufficientemente preciso e vista la sua somiglianza con un comune sovrapposto, potrebbe essere la scelta ideale per chi vuol praticare la caccia a palla ma ancora non riesce a digerire la carabina. Semmai decidiate di acquistare un combinato, controllate bene che sia già predisposto per il montaggio dell’ottica e che siano facilmente reperibili gli attacchi nelle due canoniche misurazioni: da 1” e da 30 millimetri.
Chi invece già possiede una carabina semiautomatica e non può o non vuole comperare un’altra arma, la utilizzi pure, niente in contrario, ma che almeno non sia in calibro Magnum o Short Magnum. Onde evitare periodici ricontrolli della taratura dell’ottica, consiglio vivamente di montarci sopra un’ottica con dei robusti attacchi a pivot come gli stracollaudati Apel EAW o gli italianissimi POLI Nicoletta. Esistono delle carabine semiautomatiche veramente molto precise, in grado di ricamare delle ottime rosate anche intorno ai 150 metri. Per la scelta del calibro, del peso e del tipo di palla ci vorrebbe un articolo a parte, ma in base alla mia modesta esperienza ritengo che i calibri più idonei alla caccia di selezione al capriolo ed al daino sono tutti quelli compresi dal 243 Winchester al 7 mm Remington Magnum, inclusi il 308 W, il 30.06, il 30 R Blaser e l’8 x 57 JS (JRS). Se nei piani di abbattimento saranno compresi anche il cinghiale ed il cervo amplierei la rosa fino ai .300 Magnum e all’8 x 68 Shuler.


La caccia di contenimento si pratica spesso all’alba ed al tramonto con poca o pochissima luce, quindi l’ottica da mira dovrà essere di gran marca, impermeabile, robusta, meccanicamente perfetta ed inoltre dovrà possedere delle ottime qualità ottiche come contrasto, definizione e luminosità. Non voglio dilungarmi sulla scelta dei modelli, quel che importa è che gli ingrandimenti non siano inferiori ai 6 x e che l’obiettivo sia almeno di 42 millimetri. Personalmente ho una netta predilezione per le ottiche fisse come il 6 x 42 e l’8 x 50–56, ma devo riconoscere che in certe occasioni strumenti variabili come i 2,5–10 x o i 3–12 x possono tornare utili. Permettetemi ancora di darvi un prezioso consiglio sui reticoli; se in poligono le migliori prestazioni si ottengono con i reticoli fini od extrafini, a caccia e tassativo poter disporre di un reticolo facilmente individuabile in cattive condizioni di luce e/o quando si mira contro la fitta vegetazione. In Europa vanno ancora molto di moda i reticoli N° 1, quello con le tre barre grosse e ben marcate, ma nel nostro caso possono andar molto bene i N° 4, 4A, 7 e 8. Diamo la giusta importanza al triade arma-ottica-munizione ma non dobbiamo dimenticarci di darne anche agli attacchi e a chi s’incarica del loro montaggio. Gli attacchi in alluminio posso ancora ammetterli per montare dei particolari modelli di “Punto Rosso”, ma in un’arma destinata al tiro di precisione e meglio ancora alla caccia, li vedo proprio come il fumo negli occhi. Sulle carabine ad otturatore preferisco sempre gli attacchi fissi, anche perché non capisco a cosa possano mai servire quelli amovibili in un’arma del genere. Nei kipplauf, che sono fucili concepiti per essere trasportati smontati nello zaino, ci vedrei bene montati degli attacchi a sgancio rapido che, oltre ad impreziosire l’arma, ne gratificano anche il lignaggio. Mi raccomando però che siano di ottima qualità e che siano montati a regola d’arte. Per i combinati vale lo stesso discorso fatto per i kipplauf, ma sicuramente le ottiche andranno tolte e rimesse con maggiore frequenza. Diffidate degli armieri che vi offrono il montaggio dell’ottica gratis, perché per eseguire un’operazione corretta anche coi modelli avvitati ci vogliono una–due ore. Esigete un buon lavoro e pagatelo il giusto prezzo. Il binocolo è per importanza il terzo accessorio del selecontrollore. Credo sia impensabile praticare la caccia di selezione senza l’ausilio di un eccellente binocolo. Se io fossi un responsabile incaricato al rilascio degli attestati di abilitazione, prima di consegnarli agli “studenti” meritevoli, pretenderei di vedere con che tipo di binocolo hanno intenzione di praticare la caccia di selezione! Non soffermiamoci su cosa si vede in giro, dobbiamo sopportare ed avere pazienza, ma cerchiamo invece di consigliare il modello che più si addice al nostro fabbisogno. I moderni binocoli da caccia, hanno di solito 7, 8 o 10 ingrandimenti. E’ cosa nota (credo) che ingrandimenti maggiori, se non stabilizzati elettronicamente, non sono gestibili a braccio libero. Indipendentemente dall’ingrandimento che sceglieremo, l’altra variante è il diametro degli obiettivi, ognuno espressamente concepito per un determinato scopo. Prendiamo ad esempio un binocolo con 8 ingrandimenti, esistono gli 8 x 30, gli 8 x 42, gli 8 x 50 e gli 8 x 56, maggiore è il diametro dell’obiettivo e maggiore è la luminosità del binocolo. Purtroppo proporzionalmente agli obiettivi aumenta anche l’ingombro e soprattutto il peso. Per la caccia al camoscio in alta montagna o per i safari africani un buon 8 x 30 è più che sufficiente, ma se vogliamo attendere di notte con la luna un orso o un lupo al carnaio, un cinghiale alla governa o “all’insoglio”, dovremo equipaggiarci con un massiccio 8 x 50–56. Il 7-8 x 42 può essere definito come il giusto compromesso e per la caccia di selezione è una buona alternativa ad entrambi. Se al momento dell’acquisto non siete molto “in vena” e potreste essere tentati di comperare uno strumento di scarsa qualità (non me ne vogliano i cinesi!), ritornate tranquilli a casa a mani vuote e cercate di fare come le formiche che si mettono da parte il mangiare per l’inverno. Quando sarete pronti ritornate in armeria ed allora, sono sicuro, farete un ottimo acquisto che, negli anni, si rivelerà un vero e proprio investimento. Appena intrapresi la carriera del selecontrollore, il mio Distretto pretendeva il prelievo di alcuni campioni biologici da allegare alle schede di abbattimento. Oggi quelle operazioni non sono più richieste, ma all’interno del Parco della Maremma (Uccellina) è fatto obbligo a tutti i cacciatori di pulire completamente il capo abbattuto. Il selecontrollore, per lavorare bene, come credo qualsiasi altro cacciatore, deve avere sempre con sé un buon coltello. Niente di eccezionale, né come dimensioni né come finiture, è sufficiente che sia di marca, che abbia un’ottima lama in acciaio inox o legato al carbonio tipo 440 C, ATS 34, AISI 420, ecc lunga 120-150 millimetri, un manico corto, robusto e ben grippabile e un fodero pratico e funzionale. Scegliete un modello che possa servirvi per lavorare all’interno della cassa toracica di un capriolo e che all’occorrenza sia sufficiente anche per sezionare un cervo.
Vi è mai capitato di vedere un selecontrollore con in spalla lo stesso zaino con cui il figlio va anche agli allenamenti di calcio? A me si! Perché spendere 100–200 Euro per uno zaino quando serve soltanto per tenerci il blocchetto delle uscite, una bottiglietta d’acqua ed un panino con la frittata? Tanto, se poi abbatto l’animale lo trascino, il binocolo lo tengo sempre appeso al collo, il coltello in tasca e le cartucce di riserva in una giberna sul calcio! Secondo il mio parere, lo zaino dovrebbe essere invece il miglior compagno di ogni cacciatore. Dentro dovremmo metterci poche cose ma tutte di vitale importanza, come un piccolo kit di pronto soccorso (io ci tengo anche una fiala di Bentelan perché sono allergico alle punture delle vespe!), un paio di coltelli, qualche metro di robusto cordino, il telemetro, una bottiglia d’acqua, buste di nylon, munizioni di riserva, le fascette per contrassegnare i capi abbattuti, il cellulare, biancheria di ricambio, un piccolo telo mimetico e quant’altro ancora potrebbe servirci. Lo zaino inoltre serve come appoggio per sparare, per trasportare il capo abbattuto ed anche, perché no, per confortarci. Quando abbatterete un capriolo caricatelo nel vostro capiente zaino per portarlo fino alla macchina, magari dopo averne vuotato tutto il contenuto in una delle buste di nylon.
Fino a pochi anni fa conoscere le esatte distanze di tiro era pressoché impensabile e impossibile. Esistevano dei rudimentali telemetri ottici a sovrapposizione d’immagine, ma avevano una tolleranza tale che, a volte, erano più precise le nostre stime ad “occhio” che le loro misurazioni. Da qualche tempo il mercato si è saturato di ottimi modelli di telemetri laser, in grado di misurare le distanze fin oltre il chilometro, con scarti di appena un paio di metri. Il telemetro non è un accessorio di fondamentale importanza nella caccia di selezione, ma è innegabile che a volte può tornarci molto utile. Come per stimare la distanza a cui si trova “proprio” il capo che stavamo cercando e non quello che avevamo davanti alla nostra altana a pochi metri. Ho avuto la fortuna di provare quasi tutti i migliori telemetri laser in commercio e devo dire che sia quelli di fabbricazione europea sia quelli di fabbricazione americana o giapponese misuravano tutti correttamente le distanze. La scelta, in questo caso, è dettata da quanto vorrete o potrete spendere e/o in funzione dei propri gusti personali; dovete però ricordare che se un prodotto costa meno di un altro c’è sempre un motivo!
Il cannocchiale da osservazione a forte ingrandimento, detto “Lungo” o Specktive, è un prezioso strumento ottico che va utilizzato sempre montato su un cavalletto-treppiede, perché è pesante ed ingombrante. Può essere ad ingrandimento fisso oppure variabile, da un minimo di 20 x ad un massimo di 60 x e a cosa serve? Serve ad identificare correttamente un selvatico che pascola ignaro della nostra presenza ad oltre cento metri di distanza. Prendiamo ad esempio un capriolo che all’alba o al crepuscolo esce dal bosco in mezzo ad un prato, con un buon binocolo 8 x 42 riusciamo a capire se è un maschio od una femmina, almeno se si trova entro una certa distanza, ma riusciamo a capire se è subadulto, adulto o vecchio in regresso? A duecento metri non riusciremmo a capire neanche se sia un maschio od una femmina. Con l‘aiuto del Lungo saremmo invece in grado di valutarlo con precisione e quindi di vedere se rientra nel piano di abbattimento oppure se è da risparmiare. Lo Specktive è anche molto utile in poligono come “Spotting Scope” per controllare il piazzamento dei colpi, peccato che le sue dimensioni non permettono di utilizzarlo come e quando vorremmo. Cacciando in coppia il Lungo potrebbe, anzi dovrebbe far sempre parte dell’attrezzatura del nostro compagno (o dell’accompagnatore), ma se usciamo da soli forse è più d’intralcio che d’aiuto. Conosco molti cacciatori che lo portano perennemente dentro lo zaino, come altri che lo usano soltanto durante i censimenti, ma ne conosco anche parecchi che non ne hanno mai visto uno. Che dire, se credete che uno strumento simile possa realmente servirvi e quindi deciderete di acquistarlo, mi raccomando che almeno sia di ottima marca  ed abbinato ad un cavalletto-treppiede adeguato.
Per ultimo ho lasciato un accessorio a cui sono molto affezionato e col quale mi trovo veramente bene da diversi anni: il bipede. Secondo il mio parere il bipede tattico ha rivoluzionato il tiro nella caccia a palla, perché se utilizzato correttamente consente di sparare con l’arma “quasi” perfettamente immobile. Con un minimo di pratica elimina (o riduce del 90%) i nostri errori dovuti all’emozione, all’affanno, allo scatto troppo duro e da tutto quello che al momento del tiro potrebbe far tremare noi e conseguentemente anche la nostra arma. Lo so, non a tutti piace, non tanto perché fa assomigliare la carabina ad una mitragliatrice (come dice il mio amico sloveno Jones), quanto perché ritenuto poco sportivo se non addirittura antietico. Ancora una volta lascio a voi la scelta se comperarlo o meno, ma se deciderete per il si, dopo averlo provato sicuramente mi ringrazierete. Ho scritto degli articoli, molto più tecnici e dettagliati, su ogni singolo accessorio menzionato in questo pezzo e vi anticipo la loro prossima pubblicazione, ma nel frattempo spero di essere stato di aiuto ai neo-abilitati che stanno aspettando l’apertura della caccia di Selezione come io da studente aspettavo la fine della scuola. Dateci sotto ragazzi, fatevi onore e un WAIDMANNSHEIL a tutti!

Marco Benecchi

Tags:

Tuo Nome:
Titolo:
Commento:


162.158.79.75
Aggiungi un commento  Annulla 

267 commenti finora...

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

E''' MORTO CASZZALEGIOOOOOOOO aleeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee''''''''''''''''''''''''''''

da Antigrilli  18/04/2016 16.13

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

ciao,
vorrei un giudizio su un'idea che mi sfrulla per la testa:
faccio la selezione al capriolo e al daino con un 308w ottica sw. 3-12 x 50 e va tutto ok.
se io cambio con un 7mm reminton magnum cosa cambia? mi complico la vita?
grazie.

da diego  10/09/2014 21.56

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Carissimo Flagg,
il problema è SEMPRE LO STESSO,
Anzi, il dilemma.
"CONSERVAZIONE DELLA SPOGLIA O ABBATTIMENTO ISTANTANEO??".
E' come la ricerca del santo Graal....
Io non ci sono ancora riuscito col cinghiale. ma con gli altri selvatici si.
Palla MOLTO VELOCE e SPICCATAMENTE ESPANSIVA tiro ai polmoni, 5 dita, un palmo dietro la spalla.....
Se il selvatico si allontana lo fa per pochi metri e 95% lo recuperi tranquillamente con torace tumefatto, 4 costole rotte e nessun'altro danno.
Ma i cinghiali al cacciatore appostato arrivano di PUNTA.
Chi gli spara di traverso non fa il suo dovere perchè il cinghiale evidentemente stava andando ad un'altro.... E lui gli ha "rubato il tiro".
CREDIMI, se te lo dico io che lo uso assiduamente dal lontano 1976, addirittura in carabina BAR, in fatto di letalità c'è una grande differenza tra le 130 e le 150 grani.
Ed ho anche un'ottima opinione delle Remingtio CL da 130...
Figurati che sono state quelle con le quali ho TRAPASSATO di lato una ROTAIA di un treno!!!!!!
Quando ero meno esperto (anni 70 - 80) ho usato anche diverse munizioni sia originali sia ricaricate in cal. 270 da 150 grani, anche da 154 e 160, ma non "spegnevano" comel e 130.
Assolutamente!!!!
RICORDATI BENE: la munizione - palla da cinghiale in BATTUTA buona è quella che FERMA i cinghiali di piccole - medie moli COLPITI MALI.
Classico esempio le "impanciature" o i colpi molto dietro. Quelle sono munizioni buona, che ti permettono di doppiare tranquillamente il colpo e di "assegnarti" il capo.
Ogni anno senti cacciatori che dicono di aver abbattuto un cinghialotto di 40 kg ma non ammettono che già lo avevano ferito altri 4 - 5 cacciatori.
E non è una questione di "GRANDE INCASSATORE", ma di palle dure e lente che colpiscono parti molli e/o non vitali.
100 m/s in più fanno la differenza Idrodinamica!!!!

Ciao
Marco
NB questo anno ho intenzione di ORGANIZZARE UNA BATTUTA ALLE FORANE di CAPALBIO per TUTTI GLI AMICI DEL BLOG.
OVVIAMENTE in libera!!!!!!!!!!!!!

da Marco B x Flagg  15/07/2014 11.39

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Temo che si stia parlando di due ambiti diversi.
Nel primo , ovvero la battuta al cinghiale ,territorio elettivo della semiautomatica, i tiri attingono spesso parti del selvatico non rapidamente invalidanti ( arti, pancia..). In questo caso la necessità fondamentale e un forte trauma immediato( stopping power). In caso contrario ... Cani morti, Animali persi e così via.
In questo ambito è difficile fare meglio del 308 , palla relativamente leggera e piuttosto morbida.
Altro discorso è il tiro da appostamento, qui le canne mediamente si allungano , il rispetto della spoglia diventa doveroso, il tiro più preciso e anche distanzae mediamente più lunghe. Quindi , volendo , si può usare un calibro più veloce , palle a deformazione controllata ( killing power).
Visto che il post comincia come " consigli al neo cacciatore" mi sembra opportuno far notare come lo stesso animale cacciato in ambiti diversi possa richiedere attrezzature diverse.
Un esempio: le palle citate dall' amico flagg le trovo talmente sensate che in ambito selettivo le sceglierei anche io .
Purtroppo sperimentate in battuta , purtroppo in 30-06 , purtroppo da 180 grani la vulkan, purtroppo da 184 grani la evo, mi riportano alla memoria un cinghiale impanciato con cane aperto da cima a fondo la prima, e un altro impanciato è ritrovato dieci giorni dopo a 10 km di distanza ( per la puzza) la seconda.
Due esempi solo per citazione , ma credetemi , in una casistica molto più ampia.( a Pistoia sono obbligatorie le rilevazioni biometriche sul cinghiale , e io sono coordinatore di un distretto con 4 squadre).

La cosa terribile è che riviste , armieri , supposti esperti , continuano a consigliare l'ultima carabina con canna da 47 , in 30-06 , palle da 180 a deformazione controllata.

Così i cani se ne vanno e i cinghiali ... Pure.

Visto che ci si rivolge a neo cacciatori , mi sembrava giusto dirlo. Per gli altri beh... Non vi arrabbiate ... Lo so che queste cose le sapete!

P.s. Credo che Marco B. Intendesse che il 270 w è "terribilmente" efficace e anche lesivo sul nobile suide .

da Cristiano montano  15/07/2014 11.24

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

PErche' dici che il .270 Win e' terribile? Basta usare proiettili tipo la Remington Core-Lokt semispitzer da 150 oppure la Norma Vulkan da 156 grani oppure la RWS Evolution da 154 grani oppure se ricarichi la Partition semispitzer da 160 grani. La velocita' sara' decisamente piu' bassa, piu' o meno intorno a 850 m/s in canna da 56-58 cm (ormai la piu' comune, purtroppo...) ed anche meno, intorno a 800-820 m/s, per la cartuccia RWS o Partition da 160 grani il che lo rende molto molto simile ad un .308. Certo continuano ad esserci delle differenze ma complessivamente il risultato e' quello. Difficile per un osservatore dire la differenza. Forse i piu' attenti saprenno dire qualcosa a bocce ferme analizzando la carcassa ma son dettagli! I proiettili di cui sopra sono molto efficaci ma non devastanti con quelli piu' tipici di tale calibro, naturalmente anche in conseguenza della velocita' piu' moderata.

da Flagg x Marco  15/07/2014 10.12

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Aspetta a vedere le foto del prossimo racconto......
Per me, ma credo anche per molti altri cacciatori nel mondo e/o militari, il calibro RE delle semiauto è il 308. HA SOLO PREGI E NESSUN DIFETTO.
Nessuno!!!!!!!
Poi, se camerato in armi come un HK 770......
Un giorno ti farò tirare 11 colpi in tre secondi con la mia HK....
Hai presente una 22 Beretta Olimpia?
Uguale
Ciao
M

da Marco Benecchi x Cristiano  15/07/2014 8.22

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Una semiautomatica in calibro superiore al 30-06 è un controsenso tecnico per almeno due motivi.
In primo luogo le corte canne di cui sono dotate non consentono ai calibri maggiori di esprimere le loro caratteristiche di velocità e energia , senza per altro ridurre il rinculo , e spesso con vampe di bocca al limite del fastidioso . Anche per la palla .
Io ho i miei dati sul decadimento velocitàrio del 300 wm in canna da 51 , ma non voglio farne regola universale , posso solo dire che è ... Sorprendente!
L'altro punto riguarda il fatto che di norma si utilizzano semiauto nelle cacce dove si prevede la necessità di ripetere velocemente il colpo , un calibro che fa spostare la volata di mezzo metro ogni volta limita moltissimo questa possibilità .
Questo è una dei motivi per cui conviene scegliere nei cal .30 palle da 150 gr., minor rinculo, "burn Rating" delle polveri adatto (specie in 308).
Senza contare la compattezza delle armi , affidabilità dei cinematismi...
Boh... Io continuo a dire che il 308 è sistematicamente sottovalutato, io non amo sparare lontano , però ci ho abbattuto ...l'impossibile.

da Cristiano montano.  15/07/2014 7.02

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

E lo dici a me che di orsi ne ho fatti tre, di alci 4 e di cinghiali quasi 400??????????????????????
Ma non DIMENTICARE che un cinghiale NON E' UN BUFALO CAFRO!!!!!!!!!!!!!!!!!
un cinghiale di un quintale., messo a pancia in giù per una foto ricordo, è LARGO neanche 50 cm!!!!!
Non due metri!!!!
Quì non si parla di marche meglio o peggio,
Oltretutto non stà bene fare paragoni per correttezza ed educazione.
Quì si tratta di CHIARIRE una volta per tutte, che anche se c'è gente che va a caprioli con il 300 RUM e a cinghiali con il 460 WM, per abbattere il povero suide con sicurezza BASTANO CALIBRI MOLTO, MA MOLTO MENO POTENTI.
Se vuoi ti faccio la lista dettagliata di quanti ne ho abbattuti PERSONALMENTE anche "giganteschi" con calibri come il 243 (che non solo li uccide, ma li devasta!), il 6,5 x 55, il 6,5 x 57 R, il 270 (terribile sul cinghiale!), 308, 30.06 etc..........

RIPETO: per la miliardesima vola.

NON CAPISCO IL MOTIVO di acquistare una semiautomatica da CINGHIALE in un grosso calibro.
Dopo aver cacciato 40 anni i cinghiali in tutti i modi possibili.
STOP.
M

da Marco Benecchi x RENZI  15/07/2014 6.18

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

zoli 30.06 VS sauer 300 non c'è termine di paragone. 300 Sauer 1000 volte meglio e benecchi :
Alce e orso sono molto MOLTO E ANCORA MOLTO meno coriacei dei cinghiali.

da Renzi  14/07/2014 15.00

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

come avevo scritto tempo addietro il mio amico, è una persona minuta adora calibri energici ma dopo averlo provato sia in poligono e 3 o 4 volte a caccia (le sue uscite in un annodi battuta) mi ha detto chiaro e tondo se la vuoi bene altrimenti PERMUTA.l ho provata al poligono x 3--4volte e d0p0 circa 80 -90 colpi l"ho presa. xlui ètroppo rabbioso come calibro x me e i miei 110 kg x 1,87 non è x niente rabbioso e per questo l"hopresa. PS si è gia preso una ZOli in 30-06 x questo voleva vendere sauer 300 vm. un salute a te e a tutti.

da carlox Marco  14/07/2014 13.01

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Fatti spiegare perchè ti ha ceduto il 9,3 x 62 per prendere un 308...
Sarei curioso di saperlo.
M

da Marco Benecchi x Carlo.  14/07/2014 10.46

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Condivido pienamente.
TUTTI i cacciatori professionisti che ho conosciuto: Canadesi, americani, croati, sloveni, rumeni, svedesi e norvegesi mi hanno "confidato" che i migliori calibri per la caccia al plantigrado sono il 308, l'8 x 57 Mauser e il 30.06.
M

da Marco Benecchi x BEAR  14/07/2014 10.44

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

grazie della gentile risposta. mi aveva quasi convinto ecome ho detto poco tempo fà x me bastano le armi che possiedo. la benelli me lha ceduta e lui si è preso: benelli in 308. x me il9.3 non è punitivo come si dice. perciò in battuta sono a posto, per il resto, ho sempre la mia cara 7x64 e i 5 lisci. grazie di nuovo e un salute a tutti.

da carlo48xMarco  14/07/2014 10.38

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

per l'orso è meglio il 30.06 qualsiasi tipo di orso.

da Bear  14/07/2014 10.33

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Caro Carlo,
credo che analizzando le tue domande dovresti esserti già risposto da solo.....
Ti sei domandato perchè questo tuo "AMICO" (che parolona Amico!!) ti rifila tutta quella roba????
Io, e dovreste esservene accorti tutti, vado un """POCHINO""""" a caccia da qualche annetto e di cinghiali in battuta ne ho fatti "qualche centinaio"
usando PREVALENTEMENTE il 308 con palle da 150 grani ed anche il buon 30.06 con la stessa palla.
STOP.
NON CAPISCO CHI USA O CHI INTENDE USARE calibri superiori....
Non dico che non li condivido.... solo che non capisco il perchè usarli.
OK?
Benelli 9,3 e Sauer 300?????????????????????????????
La Benelli dopo 15 anni di prove, rese in ditta, modifiche etc è "forse" riuscita a produrre soltanto ora una buona arma,
La Sauer (e posso dirvelo in confidenza dati i rapporti che ho con la Bignami) sta cominciando anch'essa ORA ad andare "benino".
I primi modelli credo che siano ritornati in ditta quasi tutti.
Mi domando: Perchè complicarsi la vita quando esistono 100 diverse versioni di ottime BAR.
Browning Automatic Rifle, dal nome del fucile mitragliatore, guarda caso in calibro 30.06.
Secondo me la Sauer è nata già "vecchia", con l'impossibilità di poter cambiare pieghe e vantaggi e di adottare un pessimo ATTACCO DEDICATO!!!
Che se vuoi montare un ottica o un punto R devi montarlo con il proprio attacco (che non è certo a buon mercato)

Vorrei rispondere anche a RENZI:
300 Sauer un must??????
Per far che cosa?
Per orsi ed alci in battuta... forse....
Saluti
Marco

NB leggetevi il PROSSIMO RACCONTO.
Lo pubblicheremo a breve....
Vi farà "meditare"

da MARCO BENECCHI x Carlo  14/07/2014 10.14

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

hai scritto bene- senza mandato popolare! 300 sauer un must.

da Renzi  14/07/2014 8.14

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

smettetela con la politica------sono là senza un mandato popolare, per gonfiare il loro portafoglio e se ne fregano di tutti e di tutto. la magistratura??? 2 pesi 2 misure bohoh. parliamo di caccia che è meglio. qualcu no ha provato le geco espress? neho una decina circa in 7x64 alcuni dicono che si equivalgono col 30,06, come CB è migliore il 7x64 154 gn. parliamo di queste cose e non di ladronerie varie e mascalzoni. un abbraccio a tutti!! e salute carlo. xMARCO, il 9,3 benelli come rinculo e cose varie non lo trovo punitivo almeno con cartucce rws tug 293g. e winchester 286 power point. l"amico che mi ha dato il 9,3 adesso vuole cedermi, e mi ha (quasi convinto), sauer 300 wm .(il calibro@@@@@@!!!!!! A. Sassone. salute c----.

da carlo  13/07/2014 13.19

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

ti accompagnano gratis o devi pagare un extra?

da D  12/07/2014 11.44

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Filippo, te la butto li.
A Pistoia lo scorso anno offrivano un " pacchetto " Femmina & piccolo a 530 euro totali.
Quota di accesso 250 euro + 180 la femmina + 100 il piccolo , però sei assollutamente in libera, senza nessuna garanzia .
Secondo me non è male perché ti permette con poche uscite di mettere in tavola almeno un animale con una cifr ragionevole .

Prova ogni tanto a dare un occhiata al sito a breve qualcosa dovrebbe uscire .

da Cristiano montano  11/07/2014 22.33

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

300/350 euro circa una femmina ... poco meno un piccolo ... emilia...romagna e toscana

da R  11/07/2014 15.57

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Vedo che continui a preferire la politica alla caccia, ma anche questa volta mi sembra che tu non abbia fatto centro (cosa grave per un cacciatore di professione).
Quando ho detto che "Lui può fare quello che vuole con i propri soldi" non intendevo, ovviamente, affermare che qualcuno possa ritenersi "legibus solutum", ma semplicemente che se il personaggio in questione decide di spendere grosse cifre in regali alle proprie amiche sono problemi Suoi che poco ci azzeccano con quelli legati ai costi di un capriolo per un cacciatore di selezione. Per cui la storia delle cene con le minorenni e le illazioni all'acquisto dell'immunità sono prospettazioni "gratuite" di un'idea rispettabile, ma fuori luogo in un discorso di caccia.
Mi sembra di capire dal tono degli interventi, inoltre, che più di qualcuno si sia sentito "toccato" dalle tue parole e questo non mi sembra giusto, anche in considerazione della posizione di direzione e controllo che tu dovresti avere in questo contesto, di sicuro da tenersi ben lontana da interventi provocatori.
Il fatto che io abbia, o meno, votato per la persona citata poco ha a che vedere con quanto detto sopra, che deve valere come regola di principio se si vuole mantenere il treno sui binari.
Infine la tua affermazione sul fatto che la caccia sarebbe uno sport per ricchi e che sempre è stato così e sempre lo sarà, mi lascia alquanto stupito per non dire allibito!
Qui stiamo parlando di caccia di selezione, che dovrebbe essere improntata al contenimento delle popolazioni di animali ed al controllo del territorio, questo, almeno, si insegna nei corsi propedeutici.
Il diritto di abbattimento dovrebbe, secondo la teoria scritta ed insegnata, essere commisurato al contributo che un cacciatore abilitato da al proprio ATC, mentre nella realtà questo settore è stato trasformato in un mercato ( non mi riferisco al mio ATC di appartenenza, dove mi sembra che si conservi un certo stile ed una certa serietà ed i volontari che lo fanno funzionare, presidente compreso, sono encomiabili e da ringraziare, ma alle altre situazioni che ho avuto modo di toccare con mano in giro per l'Italia), dove si tende a privilegiare il cacciatore di fuori zona per fare cassa, rispetto ai residenti che possono abbattere di diritto.
Per non parlare del proliferare delle cosiddette "aziende faunistico venatorie", che sorgono come funghi e vendono gli animali senza alcuna distinzione tra capi sanitari (che un selettore dovrebbe preferire) e capi con un bel palco (che vengono, di fatto, preferiti), sottraendo territorio, peraltro già molto scarso, ai cacciatori residenti nella zona, con il beneplacito delle Province, che così facendo si spogliano della responsabilità dei danni da fauna selvatica (che viene addossata all'ente, ATC; che si accolla la gestione del territorio ed i relativi guadagni).
Questo è un grosso problema Benecchi e ogni anno si aggiungono migliaia di selettori nuovi, per cui penso che il problema si ingrandirà sempre più e noi possiamo prenderne atto, ribellarci o tacere, ma non fare apologia di un sistema distorto che collega la fauna selvatica al ricavo economico che quest'ultima può dare, sostenendo che la caccia è per ricchi, ponendo come esempio una canzone di De Andrè che fa riferimento ad un noto abuso compiuto dalla monarchia nei secoli bui.

da wolf x Benecchi  11/07/2014 15.42

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

A proposito di costi, potrei sapere quanto costa un cervo (da mangiare, quindi femmina o giovane) cacciato (non in recinto)? Solo per poter evitare sovrapprezzi e/o fregature.
Grazie

da Filippo 53  11/07/2014 15.39

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

..si convengo..dall'ultimo tuo scritto ritengo proprio che pensiamo le stesse cose.

Forse sò leggere poco bene o di venerdì carpisco poco i signigficati "talebani"...@: e allora devon esser ripetuti !



da Massimiliano  11/07/2014 12.41

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Intendiamo la stessa cosa...
Il criterio cui fai riferimento e' corretto , ma prevede un prelievo assolutamente casuale, non considera l' umana vanità che spinge quasi tutti i cacciatori a cercare il capo più bello .
Nella zona dove caccio io pur essendo calata la consistenza la qualità media dei trofei è notevolmente peggiorata, perché purtroppo per troppi anni tra due capi si è sempre sparato a quello più bello.
Per questo anche la qualità dei capi va spalmata nel prelievo.
Se un allevatore di mucche decidesse di macellare tutte le più belle lo prenderesti per matto , se invece ne abbatte un po' e un po', nelle giuste proporzioni , manterrà lo standard corretto.

Ti posso garantire che è una procedura normale in quasi tutto il mondo venatoriamente civile.
L'approccio ISPRA che io in gran parte condivido non considera il fattore " umano".
Ma devi considerare che una parte della mia formazione è " Asburgica".

.. E che sono un po' talebano...

da Cristiano montano  11/07/2014 11.54

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Adesso mi avete stufato con sti costi di getsione MA QUALI COSTI D'EGGITO ? QUALI SONO QUESTI COSTI ? NON CI SONO COSTI LO VOLETE CAPIRE O NO?? NON SPETTA AI CACCIATORI PAGARE I DANNI I CACCIATORI DEVONO FARE GESTIONE A GRATIS IN CAMBIO DI CAPI! iL tecnico si paga con la quota dell'ATC i danni li paga la provincia con i soldi DI TUTTI NON DEI CACCIATORI. Il presdiente e i consiglieri invece di essere infialti dalla politica ( sopratutto di sinistra) devono essere eletti tra i cacciatori che pagano l'ATC. NON SU INDICAZIONE DEL PARTITO... la politica è la rovina della caccia tutta. Benecchi ma smettila con sta storia ridicola Silvio fa fatto santo subito.

da giovanni  11/07/2014 11.30

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Cristiano..permettimi di dissentire !
ecco cosa intendo io per buona gestione :
------------------------------------
"Criterio basato sulla struttura della popolazione"
Il piano di prelievo quantitativo viene ripartito nelle classi di sesso e di età predefinite in funzione della
struttura osservata durante i censimenti e della necessità di mantenerla o correggerla qualora si discosti da
quella ritenuta opportuna; nell’ambito di ciascuna classe il prelievo non tiene conto delle caratteristiche di
ciascun individuo (condizioni fisiche, tipologia e sviluppo del trofeo, stato della muta, ecc.). Un approccio di
questo tipo considera opportunamente la necessità di evitare gravi alterazioni della struttura naturale delle
popolazioni con le conseguenti ricadute sull’evoluzione delle stesse in tempi medi e lunghi, anche se i valori
di riferimento sono spesso difficili da determinare (quasi tutte le popolazioni sono sottoposte a prelievo) e
possono variare in funzione della densità e della fase demografica in cui si trova ciascuna popolazione
------------------
ti ho allegato sunto della dispensa su cui son stato formato nel 1994.
Altro "criterio" era sconsigliato da coloro che erano adibiti a formare con le lezioni

Altra cosa se poi le amministrazioni procedono a modo di intendere "personale"......

da Massimiliano  11/07/2014 11.25

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

AHAHAHAHHAHA i finti moralisti di sinistra !!! eddaaieeeeeeee
vorrei vedere se ti trovassi tètte a tètte (o se ti si presentasse l'occasione) con la "nipote di Mubark" se staresti lì a chiederle la carta d'identità.........

maddaiiiiiiiiiiiiiiii moralismo poco poco credibile

riparla di caccia che è meglio lì sei forte

da filippo geni  11/07/2014 11.17

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Il paradosso ,Massimiliano , è che non si deve inventare niente.
Basterebbe cominciare a fare caccia di"selezione " invece che caccia di " contenimento " come giustamente la definisce Marco B.
Bisogna essere pratici e comprendere che una buona gestione ha dei costi .
Dove si fa selezione vera si distinguono i capi eccellenti (Capital ) dai capi con scarse caratteristiche morfologiche (management deer) . Si chiede ai cacciatori gestori di prelevare in massima parte i secondi , a costi irrisori, e si vendono i "Capital" al prezzo di mercato agli ospiti che in questo modo pagano gran parte dei costi di gestione .
Questo però sarà possibile quando sarà chiaro che il ciclo di " caccia alta " si chiude nel piatto, non nel trofeo di cui vantarsi al bar , dovremmo vantarci di aver preso " un adulto con un palco di 15 centimetri" e gli amici dovrebbero dirci bravo.
Il trofeo importante per il cacciatore residente sarebbe un caso raro , un premio , però negli anni di capi importanti ne avremmo anche di più , oggi si spara a quello che viene ed è tecnicamente sbagliato.
Se aggiungi una buona filiera carni, i daily rate degli accompagnatori, il sistema diventa facilmente , come in gran parte del mondo civile , autosostenuto .
Ogni tanto lo faccio presente ma mi guardano come se parlassi di Marte !

da Cristiano montano  11/07/2014 11.08

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Caro Wolf
Allego quel tu hai testualmente detto
Ovviamente senza polemica. Ci mancherebbe!!

"""""""Lui può fare quello che vuole con i propri soldi, mentre un cacciatore ha diritto ad esercitare la caccia a condizione eque anche se non ha le possibilità economiche del personaggio citato, perchè la caccia non è, o meglio non dovrebbe essere, uno sport da ricchi e sostenere il contrario oltre che impopolare sarebbe sbagliato, il punto non sta nel fatto che qualcuno paghi cifre elevate per cacciare o per altri motivi, ma in quello che tutti dovrebbero essere messi in condizione di poter accedere al prelievo venatorio in condizioni eque.""""""""""""""""

Ti rispondo in ordine.
1) uno con i propri soldi NON PUO' FARE PROPRIO TUTTO. Come ad esempio non può comperarsi l'immunità.. Ci ha provato ed a volte ci è riuscito, solo politicamente!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!"""""""""""
POI, Visto che ci siamo,
Nè tanto meno ha il diritto di spenderli "per organizzare cene con delle Minorenni"
Sfortunatamente non ho figlie, ma la cosa mi è dispiaciuta ugualmente.
CHE LA CACCIA E' SEMPRE STATA, DICIAMO UNA PASSIONE per ricchi è RISAPUTO....
jORDIE, IL PROTAGONISTA DELLA CANZONE di De Andrè fu impiccato perchè cacciava i cervi del RE!

Giusto o sbagliato è SEMPRE STATO COSI' e sempre lo sarà.
Forse il buon Silv avrà anche una bella riserva privata chissà.
Ho visitato quella dei Ferruzzi-Gardini ed ancora mi devo riprendere.
Lo stesso Juan Carlos ha quasi abdicato per problemi "venatori".
Ogni tanto ci ricaschiamo con questo argomento,
LA CACCIA è UNA PASSIONE (non oso dire sport o hobby) che i ricchi sanno appagare meglio dei poveri!.
La mia, diciamo più o meno felice, battuta sul portare a SOLO a cena la cara Ruby e poi regalargli 1,5 milioni di euro, era un po' l'esttremismo del paragone con il nostro discorso.
Era come voler dire che Giovanni deve lavorare parecchio per guadagnare qualche centinaio di euro, mentre ci sono dei cacciatori che spendono 200.000 dollari per sparare il record di Marco Polo.
La similitudine mi è sembrata calzante.
Se poi ti ho offeso perche fan del pregiudicato- condannato (perchè quello è, e non si discute) allora me ne scuso.
Ma solo con te...
Saluti
Marco

da Marco Benecchi x Wolf  11/07/2014 10.46

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

àà Benèèèèèè hai fatto pipì fòri dal vaso con quell'esempioooooooooo
la gente che ti legge mica è tutta uniformata con il gulag-pensierooooo

da liberista  11/07/2014 10.42

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Assolutamente fuori luogo l'esempio di Benecchi sul noto pregiudicato.
Questo è un sito di caccia e la politica non deve entrarci.
Se Benecchi ritiene di avere questo diritto, dopo avere predicato spesso il contrario agli utenti che si sbilanciano in questo senso, sbaglia.
Oltretutto l'esempio non calza. Qui si è messa in discussione, da parte di qualcuno, l'equità del costo che certi ATC fanno pagare (nonchè le modalità con le quali questi pagamenti vengono richiesti) e sull'argomento si può pensare quello che si crede, pur nel rispetto di chi negli ATC ci lavora gratuitamente, ma nulla centra il fatto che il nostro ex Presidente del Consiglio, persona notoriamente benestante, abbia speso i propri soldi in questioni private.
Lui può fare quello che vuole con i propri soldi, mentre un cacciatore ha diritto ad esercitare la caccia a condizione eque anche se non ha le possibilità economiche del personaggio citato, perchè la caccia non è, o meglio non dovrebbe essere, uno sport da ricchi e sostenere il contrario oltre che impopolare sarebbe sbagliato, il punto non sta nel fatto che qualcuno paghi cifre elevate per cacciare o per altri motivi, ma in quello che tutti dovrebbero essere messi in condizione di poter accedere al prelievo venatorio in condizioni eque.
Come direbbe qualcuno l'esempio non ci azzecca e chi l'ha fatto ha usufruito di un argomento di natura diversa, oltretutto in un sito dedicato, al fine di proporre una battuta originata dalle proprie convinzioni personali rischiando di offendere persone che hanno votato il personaggio citato.
Benecchi deve sempre considerare che questo è un punto di scambio di opinioni e ciò deve avvenire nel rispetto reciproco, come lui stesso raccomanda. Oltretutto chi accede al sito è spinto dalla curiosità di conoscere le esperienze di una persona che caccia professionalmente e da questo punto di vista ha, sicuramente, qualcosa da insegnare ed entro questi confini si dovrebbe mantenere, anche perchè uscirne porterebbe in terreni "minati" che richiedono competenza e cultura specifiche che credo estranee al nostro "cacciatore".
Senza offesa nè polemica alcuna.

da Wolf  11/07/2014 10.21

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Ma figurati delle scuse !! può essere che abbia inteso male anche io ....
Per chi come noi,abituati a gestire la popolazione di ungulati (bene o male non spetta certo a me dichiararlo,anche se un'idea mia ce l'ho) in maniera "sociale" e non privatistica...sarebbe un cataclisma nel vero senso della parola.
Non oso pensare al dopo..........

buona giornata e domani mattina si riprova anche con la novità assoluta,per la nostra provincia,del cinghiale in selezione.


da Massimiliano  11/07/2014 10.01

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

No , no , Massimiiano , forse non sono riuscito ad essere chiaro.
Ho scritto " se" dovesse succedere , so benissimo che salvo Pistoia (troppo vicina all'Emilia ) ,nel resto della Toscana i capi non si pagano . Ma cosa succederebbe a Siena se domani decidessero di far pagare un capriolo 350 euro ?

E mi viene da ridere in maremma...

Scusa per l'equivoco.

da Cristiano montano  11/07/2014 9.15

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

...E poi ci sichiede perchè la caccia va come va e tutti ci danno addosso.
RIDICOLI!!!

da Mauro. D  11/07/2014 9.14

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Cristiano ..non generalizzare la Toscana.
Quì in provincia di Siena (ma espongo con la certezza del 99.9% anche le province limitrofe ,Grosseto Livorno e Pisa) gli ungulati gestiti in caccia programmata col prelivo selettivo, sul territorio libero e non (ZRV-ZRC),NON VENGANO pagati ASSOLUTAMENTE NULLA .

Ritengo furviante ed errante continuare a dare dritte generaliste,quando nella maggior parte dei casi NON è come te dici.

con rispetto per quanto altro dici,ti saluto cortesemente.

da Massimiliano  11/07/2014 9.05

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Spese per cosa??? i danni non li deve pagare l' ATC ?? li paga la provincia che prende parte dei soldi dalle licenze e dalla quota dell'ATC ... e dalle quote PAGATE IN ANTICIPO dei capi da abbattere come ha scritto Wolf ( perchè è vero). L' ATC è no profit i presidenti , i consiglieri ecc ecc dovrebebro lavorare GRATIS NEL TEMPO LIBERO non farne una professione. Molti lo fanno gratis e li ringrazio ma sono pochissimi. Guarda che alla voce ungulati non corrisponde nessuna spesa guarda alla voce fagiani, starne e lepri quanto spednono gli atc e questi MICA LO PAGANO IL PACCHETTO COME NOI...MICA LI FANNO I CENSIMENTI COME NOI...MICA SI FANNO UN CULO COME NOI CHE PER FARE UN CINGHIALE IN SELEZIONE DEVI FARE UNA VITA COME UN CANE... allora date le fascette per le lepri , i fagiani e le starne oppure la selezione deve essere gratis come è la caccia alla stanziale e migratoria ! pagato l'atc hai diritto ai tuoi capi come di lepri, fagiani,starne, tordi ecc.ecc. si deve smetterla con sta storia che si deve pagare PER COSA ?? i caprioli , i cerci, i cinghiali ,ecc. sono dei cacciatori. altrimenti date tutto in mano agli agricoltori.
Riguardo il pregiudicato , lascia perdere per favore un accanimento giudiziario senza precedenti e una accusa infamante a al più grande contribuente italiano.


da giovanni.  11/07/2014 8.34

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Mi espongo io ...
Se in Toscana fanno pagare i caprioli 350 euro , i caprioli durano 3 giorni...poi finiti i caprioli .
Qui saremo anche strani , ma se il cervo diventa dello sceriffo spuntano un monte di robin hood. Ma tanti!

I principio dovrebbe essere che chi gestisce non paga e chi paga non gestisce, punto.

Ragazzi , la vedo dura.

da Cristiano montano  11/07/2014 8.11

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Chiusa la parentesi politicizzata,
Mi pemetto di farti notare che l'atc di cui faccio parte: Grosseto 8
deve sostenere talmente tante spese di gestione da non saper come fare.
Specialmente in una zona dove tra cinghiali e lupi i danni da rimborsare sono inimmaginabili!
Capisco che "rode" pagare per andare a caccia, ma questo è quanto.
E' così dalla notte dei tempi.
Neanche io ho i beni al sole. Tolto un pezzetto di terra dove tengo i cani e una villetta fatta con mille sacrifici.
Ma se vuoi toglietrti qualche soddisfazione in più (vedi il Condannato definitiamente!) devi metter mano al portafoglio!!!!
Come in tutte le cose.
Mi figlio grandissimo appassionato di calcio, mi ha detto che i prezzi di una "curva" sono MOLTO DIVERSI" da quelli di una tribuna.
E' stato sempre cosi..
SEMPRE!
Marco

da Marco Benecchi x GIOVANNI  11/07/2014 8.06

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Ragazzi, stavo solo ricordando che c'è chi spende i suoi soldi in altri modi...
Per quanto riguarda il "soggetto in esame",
E' UN DATO DI FATTO INDISCUTIBILE quel che ho detto, e non mi sembra di essere stato "evasivo".
1,5 milioni di euro per "portare a SOLO ena una minorenne" è uno sfizio molto può dispendioso del pagare della selvaggina.
PUNTO!!!
Sul fatto che sia stato Condannato ingiustamente...
Mi asterrei dal sostenerlo.
Perchè tre gradi di giudizio non sono pochi...
Su , OK continuamo a parlar SOLO di caccia.
Marco Benecchi

Non ho capito il Topo in Bocca di SISTO........................

da Marco Benecchi x TUTTI gli amici  11/07/2014 7.58

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

bravo bravissimo Giovanni ! oltretutto parlare col topo in bocca è molto facile.
Ci siamo capiti vero ?!!

da sisto  11/07/2014 7.45

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Il pregiudicato di cui parli per me è una brava persona condannata ingiustamete ! e devi smetterla di scrivere queste cose che non tutti la pensano come te. Oltre a questo a me la gente che va a "gnocca" mi sta simpatica e se spende CHE PUO fa bene. Come chi puo spendere 350 per un capriolo fa bene ma rimane un autentico furto per animali dell' ATC che dovrebbe essere una associazione no profit mentre ci sono atc che mettono i soldi nei BOT dello stato! Cerca di entrare nella logica delle cose e capire per una volta che i cacciatori non devono pagare questi capi perchè svolgono un lavoro. La carne - per me - se la puo tenere anche l ' ATC e venderla. Anche perchè si trova a prezzi molto bassi in molti supermarket specializzati già pukita e sistemata in comodi pacchetti sottovuoto! 23 euro al Kg !!! trovo la carne a 6/7 euro al Kg. e i pezzi che voglio IO. quindi un capriolo vale al massimo 100 euro ! Il Trofeo ? Non siamo in Ungheria ma in Italia dove la caccia è pubblica il trofeo non dovrebbe avere nessun vaolre commerciale perchè l' ATC non è un azienda privata che paga tasse , irpef...ecc.... e noi svolgiamo un lavoro GRATIS anzi paghiamo.
Cerca di guardare le cose non dal tuo punto di vista che TU lavori con la caccia io no.

da Giovanni  11/07/2014 7.31

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

sig.Marco Benecchi,non porti sempre come esempio "il solito noto"......può pescare tranquillamente anche nell'altra sponda e il risultato cambia di poco se non di nulla !
Abbiamo capito da che parte stà non importa rimarchi ad ogni occasione .
Cordialità e continui a parlare egregiamente di caccia a palla e ungulati,che le se addice di più .

da federico rossi  11/07/2014 7.25

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Un certo PREGIUDICATO - Condannato definitivamente, non facciamo nomi che non sta bene,
Per "invitare a cena" senza nessun altro interesse, una certa Ruby Rubacuori, gli ha regalato, tra macchine, gioielli, centri estetici, etc, più di un milione e mezzo di euro......
E a te sembrano troppi 350 euro per abbattere un capriolo?
Che è più o meno il costo della buona carne che ti porti comunque a casa?
circa 15 kg puliti di pregiatissimo spezzatino di un animale che come diceva un mia grandissimo Maestro di Caccia: "Ha sempre mangiato quello che voleva Lui""

Ciao Giovanni , non te la prendere e buon Lavoro!!!
Marco

da Marco Benecchi x GIOVANNI  11/07/2014 6.42

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Puoi venire quando vuoi.
Ma credo dal 15 di agosto visto che il 15 luglio chiude da noi per gli amori.
Fammi avere una tua mail privata che ti mando tutto.
Oppure se vai su ARMI USATE, "viaggi di caccia in Italia" lì trovi la mia pubblicità.
Ieri sera fatto bellissimo maschio....
Un ragazzo di Roma di soli 22 anni. Ma grandissimo appassionato!
257 Weath da 180 metri!!! Bel tiro quasi a notte fonda!
Saluti
Marco

da Marco Benecchi x FABIO GUIDI "Grillo"  11/07/2014 6.37

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Questo è sicur flagg, se poi aggiungi che proprio grazie al diritto italiano anche un agricoltore che si sente sparare sotto casa ,a ore impossibili ,non ha nessun interesse a denunciare la cosa, la frittata è fatta .

Bon... Speriamo che le cose migliorino col tempo...

Ammesso di avere tempo.

da Cristiano montano  10/07/2014 20.58

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Vi racconto una storia ... Immaginaria eh..
C' era una volta , nel nord della Toscana, una ridente provincia in cui i censimenti al capriolo dicevano che la consistenza totale si attestava intorno a 8000 capi .
I bravi selettori abbattevano in quella provincia 5/ 600 caprioli agli anno , in luogo degli almeno 2000 che una popolazione del genere consente anche calcolando la mortalità naturale.
Ma nonostante questo la consistenza calava già da alcuni anni.

Ora il gioco è indovinare che fine fanno i 1500 capi che mancano all appello?

Forse sarà stato sbagliato qualcosa?

Ha ancora senso fare censimenti , fogli , misurazioni se poi i numeri sono questi?

Ma soprattutto , a qualcuno sta bene così ?

Ai posteri ecc. ecc.

da Cristiano montano  10/07/2014 17.01

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Ma onestamente, valgono questi soldi gli animali? 350 euro per un capriolo io devo lavorare una settimana intera dalle 8 di mattina alle sei di sera con una sosta per un panino e un bicchiere d'acqua e sono contento perchè ho il lavoro ma un capriolo non può valere più di 50 euro al massimo! ma dico gli atc sono aziende private o no-profit? a me sembra PROFIT ... e tutto per pagare quei beccamorti di consiglieri...presidenti ...e parassiti che girano attorno ai quattrini e se ne fregano della caccia! se la caccia è dello stato e i cittadini pagano gia le tasse E MOLTE perchè dobbiamo pagare la selvaggina che è nostra PERCHE NOI SIAMO LO STATO... spiegatemi questo. comunque io ho smesso con gli ungulati è diventato tutto troppo caro per le mie tasche e come me lo stanno facendo in molti perchè è un furto. parlo dell'Emilia Romagna la regione con piu tasse e balzelli al mondo.

da Giovanni  10/07/2014 16.26

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Se non abbatti i capi i soldi restano all'ATC e non sono rimborsabili.
L'anno successivo se vuoi cacciare devi pagare di nuovo in anticipo sperando di abbattere.
Il capriolo maschio costa €. 350,00, ma una volta abbattuto viene valutato il trofeo e se è da medaglia si paga ancora una somma aggiuntiva.
Per il cervo maschio si pagano anticipatamente €. 500,00 (che non vengono restituiti se non si abbatte) ed il saldo all'abbattimento a seconda del trofeo.

da Da wolf per Benecchi  10/07/2014 16.08

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

x motivi di salute sono 2 stagioni che non vado piu ma a settembre sperodi tornarci.la riserva è a pavia. agriturismo cascina legra.it un abbraccio e salute atutti.

da carlo48xmark  10/07/2014 15.52

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Da noi è sempre stato cosi. Poi la caccia non è sempre facile. a volte piove, se c'è la neve chiudono e questo anche in riserva privata ! ma Tu dove cacci Carlo nel Nord Italia ?

da mark  10/07/2014 15.23

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

se è cosi in emilia tanto vale andare riserva almeno pago quello che abbatto e vi garantisco che ne vale la pena. xmotivi di salute vado 2--o--3 volte l"anno e in base a quant o e cosa abbatti paghi senza uniformi che ronzano intorno. fusone e femmina daino euro 700 sqoiatura e porzionamento hofatto da me.un saluto a tutti. salute carlo.

da carlo48  10/07/2014 14.31

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

x marco benecchi:
ma se uno volesse fare una puntatina alle forane come dovrebbe comportarsi ?
si puo' avere un'idea dell'eventuale spesa per capo ?

grz et ciao

da fabio guidi alias grillo parlante  10/07/2014 13.44

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

A vete ragione ormai c'è qualcosa di patologico nel sistema e francamente non vedo esempi illuminati di soluzioni ottimali.
Penso siano proprio sbagliate le premesse , comunque in bocca al lupo a tutti , finché va...

da Cristiano montano  10/07/2014 13.01

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Cristiano per me tu hai ragione. Io non ho una grande esperienza di caccia alla grossa selvaggina a parte qualche cervo femmina a Bologna e Forlì dove i capi vanno pagati per intero prima addirittura anche l atc a parte!!! Certo sono tutti molto gentili ma hai sempre la Forestale alla calcagna al minino errore ti ingabbiano per questo MOLTI non ci vanno più! La gente vuole stare tranquilla , lavora tutta la settimana e quando va a caccia E PAGA vuole stare in pace e non essere scocciato dal fazioso agente di turno! MICA SIAMO DEI DELIQUENTI. questo succede da noi.

da Mark  10/07/2014 12.45

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

ASSURDOOOOOOO !!! SANTA SIENA......... invochiamo anche il federalismo venatorio........

da palio di Siena  10/07/2014 12.32

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Mi sembra corretto fare alcuni distinguo.
La premessa e' che i capi di grande selvaggina hanno un " valore di mercato " riconosciuto e riconoscibile in tutto il mondo . Affermare che si pagano i capi in anticipo significherebbe conferire all'ente gestore quel valore per intero , discorso diverso è se si deve pagare una quota di accesso alla gestione o agli abbattimenti il cui importo sia però molto lontano dal valore intrinseco del capo.
Un buon esempio è la provincia di Pistoia dove oltre alle normali tasse si pagano 51 euro per l' ATC, 50 euro per l'accesso agli abbattimenti di capriolo e daino indipendentemente dai capi assegnati.(ormai purtroppo 1 o 2)
Per il cervo la quota di accesso è di100 euro, eventualmente seguita dal saldo ad abbattimento avvenuto, cha può arrivare fino a 450 euro secondo classe di età e sesso.
Modalità discutibile , ma certamente non posso dire di pagare i capi in anticipo.
Il problema è che il cacciatore che fa una gestione impogativa come la nostra non vorrebbe anche pagare dopo, e di fatti molti si stancano e si allontanano e purtroppo non vuol dire che non prelevino... Anzi!

E se la cosa va avanti in questo modo tra un po' non ci sarà gran che da gestire...

da Cristiano montano  10/07/2014 11.32

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

in Emilia Romagna si sono sempre pagati prima e chi ti ha invitato aveva già pagato il capo. Se non li abbatti sono affari tuoi non ti restituiscono i soldi e neppure te li rendono l'anno dopo. Negli ATC vieni penalizzato con il decurtamento dei punti nella griglia di merito mentre nelle riserve non ti danno niente indietro .Infatti, consiglio a tutti di stare molto attenti quando si acquistano dei diritti di caccia in un azienda. Dove sono io ci sono dei veronesi e trentini che spesso non riescono a completare i capi e deve farlo la guardia dell'azienda. Non è giusto ma è cosi.

da Mark  10/07/2014 11.18

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Prendo atto delle Vostre inforemazioni,
E non le discuto,
Solo, RIPETO, è la prima volta in assoluto che sento una cosa del genrere.
Ovviamente in Appennino sono venuto sempre invitato. Per poi ricambiare in Maremma!!!
Non sapervo che i capi erano già stati "pagati prima"
Ora però la domanda sorge spontanea:
"E SE POI I CAPI UNO NON LI ABBATTE"?
Vanno al prossimo anno?
E se uno, malaugurantamente, non riesce ad andare anche il prossimo anno, come si fa?
Viene rimborsato oppure perde i soli.

Ripeto, è la prima volta che sento una cosa simile.
Non si finisce mai di imparare.

PER WOLF. Non dispiacerti per me.
A me interessa poco se Voi pagate prima o dopo.
Mi sembra soltanto MOLTO STRANO.
Anzi, stranissimo!
Comunque, paese che vai usanze che trovi.
Se Vi dovesse capitare di venire a caccia a CAPALBIO nella TENUTA LE FORANE, dove "lavoro" Voi paghereste SOLTANTO IL CAPO , ovviamente DOPO AVERLO ABBATTUTO.
Saluti
Marco

da marco Benecchi x Wolf e Mark  10/07/2014 10.52

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

la sako l"ho avuta per niente ma forse la dovrò rendere. la cosa è successa cosi, un parente ha minacciato gli zingari che si è trovato in casa che hanno sporto denuncia. suconsiglio non sò di chi, ha dato le armi a me e suo cognato prima che magari gle le sequestrassero. nelle condizioni in cui mi trovo ne avanzo delle mie aarmi. (5 lisce e 2 rigate) magari e lo spero, la storia finirà in una bolla di sapone. PS. avevo chiesto di detto cal. tantoxsapere essendo io un neofita. un grazie e salute a tutti. carlo PS. MARCO hai sempre da me una grande stima x le esaudienti risposte. di nuovo grazie.

da carlo48xmarco  10/07/2014 9.17

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

e bravo Wolf. anche noi in Emilia Romagna -dove il sig benecchi dice di aver cacciato ( forse opsite) paghiamo tutto prima e ATC e capi quest'anno tre caprioli 180 euro + atc 200 euro ma è da sempre cosi. Anche nelle AFV paghi tutto prima e se non abbatti ti arrangi. esempio 5 capi in una riserva ( 1 maschio adulto 1 maschio giovane 1 femmina 2 piccoli) variano dai 1000 ai 1500 euro! Per il danio e cervo molto di più. anceh negli Atc cervi e daini sono pagati prima e non a buon mercato. Unico a buon prezzo il cinghiale .

da Mark  10/07/2014 7.16

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

a Siena(ATC.17-18-19) non funziona assolutamente come menziona sig.wolf.
Qui NON si paga assolutamente nessun capo assegnato dopo censimenti e transetti di aprile
Adesso stiamo andando a capriolo maschio (adulto e sub.adulto) ma al di là della tassa regionale,statale,quota ATC (51 euro) e assicurazione,nessuna altra spesa viene espletata verso le competenze venatorie
ecche cavolo sennòò.........

da fox  10/07/2014 6.38

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Mi spiace per Marco Benecchi, ma confermo che a Reggio Emilia, dove caccio e del quale ATC faccio parte, i capi si pagano prima, si scelgono, si sceglie la zona dove cacciarli, poi si paga il bollettino inviato dall'ATC e solo dopo il pagamento (cosa precisata espressamente nella lettera accompagnatoria allegata al bollettino) vengono assegnati i capi e si può procedere all'abbattimento. Sto parlando del comprensorio di Reggio Emilia 4 montagna, dove ho esperienza diretta. Se fosse possibile allegherei anche la scannerizzazione della lettera accompagnatoria e dell'allegato bollettino che ho ricevuto e ricevo da molti anni all'inizio della stagione.
Solo in seguito al pagamento dei capi "acquistati", inoltre, l'ATC assegna, eventualmente, i capi di diritto che spettano a chi ha fatto i censimenti.
Quindi sono molto stupito che una cacciatore dell'esperienza di Benecchi ignori questa modalità nota a tutti coloro che cacciano nella zona succitata, devo ritenere che a lui sia stato riservato un trattamento particolare, forse in qualità di accompagnatore.

da wolf  09/07/2014 17.28

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Grazie mille flagg. Ora quadra tutto!
In pratica te privato fai quello che devi , se poi qualcosa non va intervengo io stato. Non sembra neppure tanto difficile , vero?


X Pietro.
Ma sei matto a parlare di tassazione sui terreni così come niente? guarda che Coldiretti vede tutto e ascolta tutto . Io per un po' non mi farei vedere tanto in giro...


Scherzi a parte , grazie a tutti e due.

da Cristiano montano  09/07/2014 15.20

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Grazie mille flagg. Ora quadra tutto!
In pratica te privato fai quello che devi , se poi qualcosa non va intervengo io stato. Non sembra neppure tanto difficile , vero?


X Pietro.
Ma sei matto a parlare di tassazione sui terreni così come niente? guarda che Coldiretti vede tutto e ascolta tutto . Io per un po' non mi farei vedere tanto in giro...


Scherzi a parte , grazie a tutti e due.

da Cristiano montano  09/07/2014 15.16

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Da un punto di vista pratico non credo che succedera' tanto facilmente. In primis c'e' l' aspetto economico: nella sola Scozia il giro d' affari compessivo (credo includendo anche le vanceze per la famiglia legate alla caccia etc....) supera i 100 milioni di sterline l' anno!!! Dall' altro lato ci sono sempre e comunque gli occhi delle istituzioni e dell' opinione pubblica a monitorare. Quindi se le cose vanno male le regole cambiano! In altre parole anche se di proprieta' privata in realta' la si tutela sempre come se fosse un bene pubblico.
Per un periodo, diciamo circa 20-25 anni, gli ungulati erano in drastico calo ed addirittura il cinghiale estinto. Ora il cinghiale sta crescendo ma ancora non inserito tra le specie cacciabili. Al massimo si tiene sotto controllo con permessi specifici rilasciati di volta in volta dalla polizia laddove c'e' bisogno di tenere un equilibrio. Per quanto riguarda gli altri ungulati, con l' impegno immediato ed il pragamtismo tipico dei britannici, oggi le cose vanno a gonfie vele. Dopo un aumento vertiginoso delle popolazioni di tutti i cervidi (6 specie in tutto tra autoctone e non) ora la situazione e' decisamente stabile anche se la popolazione in leggero aumento. Non conosco le cifre esatte, ma credo che ogni anno bisogna orami abbattere tra i 350000 ed i 400000 capi per mantenere l' equilibrio su una popolazione che e' prossima ai 2 milioni.

X Pietro.
Non sono tanto d' accordo. Magari per chi viene dall' estero costa di piu' perche' c'e' il viaggio di mezzo. Ma per chi vive in UK i prezzi sono piu' o meno quelli. Non e' che poi in Italia te la regalano e soprattutto se decidi di non andare a caccia non devi parage nessuna tassa fissa se non 15 euro annui per rinnovare il PDA....!! Il numero di cacciatori e' piu' o meno lo stesso che in Italia. Anzi forse pure un pochino piu' alto. Considera anche che lo stipendio medio e' piu' alto tenendo conto della valuta. Ad un cacciatore inglese 100 sterline equivalgono a 80-100 euro per te (inteso come italiano medio) mentre realmente per te che vieni da fuori quelle 100 sterline significano 120-125 euro.

da Flagg x Cristiano  09/07/2014 15.03

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Cris, la tassazione in UK sui terreni privati è pazesca e questo obbliga i proprietari terrieri a vendere la caccia o gestirla secondo la legge. Tutto è molto serio ma la caccia è un "lusso" per pochi non come in Italia.

da Pietro  09/07/2014 14.29

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Chiarissimo, ma qualcosa mi sfugge ...
In questo modo le specie cacciabili esistono finché esiste una domanda venatoria? Mi spiego meglio , se non ci fossero più cacciatori paganti e gli ungulati diventassero solo un costo , questi , potrebbero essere portati a densità zero a discrezione dei proprietari?
Non è biologicamente scorretto?
Sembra quasi che gli animali ci siano per i cacciatori , piuttosto che il contrario.

Scusa il disturbo , ma la cosa mi interessa parecchio.

da Cristiano montano x flagg  09/07/2014 13.22

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Molto semplice. La gestione della selvaggina e' una questione privata. La selvaggina non e' bene indisponibile dello Stato come in Italia ma e' di proprieta' del proprietario del terreno sui cui si trova. Per quanto riguarda la selvaggina tipica/nobile non si puo' fare nulla al di fuori dei calendari pero' questi sono enormemente piu' ampi che in Italia (ad esempio: il capriolo maschio si puo' cacciare dal 1 Aprile al 20 Ottobre in Scozia e dal 1 Arpile al 31 Ottobre in Inghilterra e Galles, la femmina per il tempo restante e cioe' da 21 Ottobre al 31 marzo in Scozia e dal 1 Novembre al 31 Marzo in Inghilterra e Galles). Per quanto riguarda la selvaggina dichiarata ufficialmente nociva dalle autorita' statali (come i conigli selvatici, le volpi, i colombacci etc..) si puo' cacciare tutto l' anno.
Ciao

da Flagg x Cristiano  09/07/2014 12.12

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Carissimo,
So che mi vuoi MOLTO BENE ed uno dei motivi che ti suscitano tale sentimento credo perchè sai che sono MOLTO SINCERO. Ma Partiamo dall'inizio...
Eredità? Se ti è stata donata - regalata? scherzi?
Allora tienila cara, ma io un arma in un calibro così non la comprerei mai e poi mai.
Non capisco assolutamente la necessità di prendere un 9,3 x 66 Sako!! Che ben conosco.
Per fare cosa? Gli preferirei mille volte il 375 per le specie più grandi oppure il 9,2 x 62 per quelle meno impegnative.
Ho avuto dei compagni di caccia che si sono portati dietro per il mondo un 9,3 x 62 e tutte le volte che "saliva l'adrenalina" erano preoccupati che il selvatico si presentasse a distanze elevate.
Per intenderci, caccerei meglio alce, orso, cervo, cinghiale, etc con un buon 300 o con l'8 x 68 che con un 9,3......
Se lo avessi avuto l'ultima volta che sono stato a cervi in Ungheria "al bramito" (dove in molti partono proprio con i due 9,3 più diffusi: 9,3 x 62 - 9,3 xd 74 R (poi c'è il mio preferito che il x 64 Brenneke!)
Avrei dovuto far troppi calcoli per sapere dove sarebbe andata ad impattare la mia Partition da 286 grani che di solito carico nei 9,3 oltre i 240 mt!
Fammi sapere.
Sulle carabine SAKO 75 - 85 non si discute...
Secondo il mio MODESTISSIMO PARERE credo che oggi sianio le migliori carabine commerciali sul mercato!!!!
Ciao
Marco

da Marco Benecchi x Carlo 48  09/07/2014 11.43

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Flagg mi devi scusare se ti uso impunemente come fonte di informazioni...

Ma in UK come gestiscono la problematica dei danni da selvaggina ?
Perché non credo che ci metteranno mano le istituzioni, ne potranno portare le densità a zero.

Grazie della cortesia.

da Cristiano montano  09/07/2014 11.19

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Nel secondo link scrive in maniera ancora piu' colorita di quello che sostengo circa i proiettili iperstabili (cioe' dove il passo di rigatura e' piu' veloce di quello che serve ed impartisce al proiettile piu' rotazione di quella che serve per stabilizzarlo completamente) che riporto pari pari:

" I proiettili iperstabili invece tendono a esaltare eventuali imperfezioni (es. differenza spessore del mantello in un punto, asimmetrie varie, ecc.) con conseguente ripercussione sulla precisione. Questa problematica non è comunque particolarmente importante quanto la prima, basti pensare che la maggior parte dei proiettili da pistola sono generalmente iperstabili. Miller per giunta afferma che la iperstabilizzazione è solo un mito [3]. "


Nella pagina di cui sopra, in cui parla della stabilta' pero' non piace molto perche' guardando alla pratica reale e' un discorso incompleto. con questo voglio dire che e' importante anche COME il proiettile viene accelerato. Quindi anche la carica (intesa come dose e tipologia di polvere + innesco), camera pressoria ed effettiva rigatura e costruzione della canna hanno importanza.

Un' ultima nota circa i proiettili iperstabilizzati. Oltre alle pistole TUTTI i grossi calibri africani per la caccia ai grossi pachidermi et similia sono sono iperstabilizzati. Basta mettere due numeri nella formula di Miller per rendersene conto. Ora con quei proiettili di solito non possono competere con carabine piu' comuni in termini di precisione (perche' in realta' non serve, viste le dimensione di quegli animali) pero' questa non e' poi tanto male con armi e munizioni di qualita'.....

Tornando al 7 mm. PErsonalmente ritengo che per calibri in 7 mm ad alta intensita' o magnum non troppo spinti come il 7x64, .280 Rem, .280 Rm Ackley Improved, 7 mm SAUM un passo di 1:9" sia l' ideale e va bene per tutti i proiettili da 120 a 175 grani. Il tradizionale 1:8.66" del 7x64 e' un po' piu' veloce ma non in maniera eccessiva. Per questo penso che i proiettili piu' leggeri da 120-130 grani possano andar bene. Conviene sempre fare la prova. Nel caso specifico della KS, visto che l' iperstabilizzazione tende a far risaltare i difetti costruttivi del proiettile, non avrei alcun dubbio. Lo standard qualitavivo RWS e' elevato.
Ciao

da Flagg x Walter  09/07/2014 11.06

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

cosa ne pensi della mia eredità sako 75 cal.9,3x66 aliax 370 sako (cal. proprietario sako) ottica meopta 3--12--56? un grazie e salute atutti.

da carlo48xMarco B.  09/07/2014 10.22

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

io non sono amico di chi scrive balle come te sui 400--500 mt. e poi cosa credi? di sparare 1000 colpi all"anno sugli ungulati??. io mi firmo col mio vero nome e classe, se serve metto anche tutti gli altri dati, se dovrei affrontare i (CACCIATORI DI QUESTO SIG. BLOG) che come vedi lihai contro tutti!!!!!!!!!!!! salute a tutti.. carlo

da carlo48xmartino  09/07/2014 10.07

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

La formula di Miller, appunto, non ha nessun limite superiore per il twist. E' una formula che ti da' il cosiddetto fattore di stabilita'. Se il fattore di stabilita' e' uguale o inferiore a 1 la palla e' instabile. Se e' maggiore di 1 ma inferiore o uguale ad 1.3 allora si dice che sara' marginalmente stabile (e per il tiro a segno ci puo' anche stare ma le condizioni atmosferiche hanno un' importanza molto maggiore del solito); se e' maggiore o uguale ad 1.4 la palla sara' totalmente stabile. Per la caccia in battua con tiri ravvicinati e' sempre consigliabile stare sopra 1.6 perche' la stabilizzazione completa in volo non avviene in maniera istantanea e puo' avere un' influenza su come avviene la pentrazione all' interno del bersaglio.
Il peso del proiettile apparentemente non entra nella formula ma in realta' devi mettere la densita' del materiale in ogni caso e quindi il peso esce fuori nel momento in cui specifichi le dimensioni.....
Nei calcolatori on-line pero' ti chiedono il peso perche' e' quello che conosci e puoi misurare con precisione, volendo, normalmente mentre la densita' effettiva (dato che in un proiettile di piombo ci c'e' sempre la camicia e ci possono essere cavita', puntalini in policarbonato etc... non e' cosi' banale. Anzi devi pure stare attento quando metti la lunghezza perche' se la punta e' in policarbonato la lunghezza "effettiva", oppure e' una hollow point la lunghezza effettiva non e' proprio quella che misuri.
I Twist adoperati dai costruttori sono legati all' utilizzo tipico.Ovvio che un .30-06 non lo faranno con twist 1:13 per spararci i proiettili Varmint e non essere poi in grado di tirarci una classica 180 grani. Chi lo compra?
Per quanto riguarda il 7x64 il passo tradizionale, specialmente nell' area mitteleuropea, e' 8.66" perche' 150-170 grani sono i proiettili piu' comunemente usati.

da Flaggx OLD Hunter  08/07/2014 16.35

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

dacci qualche indirizzo per la caccia in Scozia tu che vivi da quelle parti

da Fede  08/07/2014 15.59

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Flagg. devi bere meno the ti fa innervosire gli inglesi hanno quel vizziaccio che io non ho mai sopportato. Io non voglio parlare di niente con te . ma mi sarebbe piaciuto leggere altre castronerie sulla caccia inglese. Riguardo all'Italia ti ho già scritto o sei giovane o sei un fallito. Io sono arrivato con la verità che a te non piace ma è cosi. Adesso vado a farmi vedere forse hai ragione tu ho dei seri problemi. speriamo bene.

da Martino  08/07/2014 15.57

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Piano, piano .... :)
Quando parliamo di passi di rigatura, il discorso si fa molto delicato.
Esistono i passi "ottimali" (sulla carta) per UNA DETERMINATA PALLA (NON Calibro, attenzione ...) che è quello che fà fare alla palla il maggior numero di rotazioni senza che si inneschi il fenomeno della "traslazione" della punta del proiettile stesso. In altre parole, la "punta" della palla invece di star ferma sull'asse della traiettoria, comincia a roteare destabilizzando la traiettoria stessa fino ad arrivare al fenomeno della palla di traverso.
Questo fenomeno viene drasticamente accentuato se la velocità di rotazione è eccessiva, soprattutto in più, in meno ci sono fenomeni di destabilizzazione longitudinale più che ortogonale.
Lasciando stare che un passo decisamente troppo corto può portare addirittura alla distruzione della palla appena la stessa lascia la canna causa eccessivo stress strutturale (AK 74 docet ... !).
Però, ripeto, se vogliamo fare un discorso serio, il twist nulla ha a che fare col calibro, anche se, normalmente, le ditte fanno pochi passi di rigatura e lo adattano a vari calibri, per ovvii motivi di costo.
Solo restando nel calibro .30, vediamo che la stragrande maggioranza dei .308 Winchester ha un passo in 12', qualcuno in 11', rarissimi in 10', uno in 11.25'. Mentre per i vari 30/06, .300 Winc, Wea, ecc. ecc. il passo è praticamente sempre in 10'.
Perché ?
Perché il passo 10' consente (almeno teoricamente ...) di stabilizzare palle anche piuttosto pesanti o, per meglio dire, LUNGHE, perché quel che si deve tener conto non è il PESO della palla ma la sua LUNGHEZZA (vedi formula di Miller) : daltronde, è intuitivo che a parità di diametro, se vuoi una palla più pesante deve per forza essere più lunga. Ma provate a tirare una 123 grs. in un .300 e poi ditemi come và a finire ... !
Se a qualcuno interessa, possiamo continuare il discorso. Serenamente ed educatamente.
Un abbraccio da Walter

da OLD_Hunter x Flagg  08/07/2014 15.56

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Ma piu' o meno penso sia quello per quanto riguarda gli abbattimenti. Dove si risprarmia ssai sono le tasse fisse (statali, provinciali etc) che non esistono! Considera che il costo dell' ungulato di solito include solo l' abbattimento ed il trofeo ma non la carcassa che si paga a parte (di solito intorno a 1 sterlina al Kg). Per me personalmente e' meglio dato che non sapri cosa fare con 4-5 cinque animali. Troppa roba e comprare comunque la carne per poi rivenderla per farci un po' di soldi e' troppa grana per me personalmente anche se in molti lo fanno. Mi accontento da questo punto di vista e compro solo una parte della carne. Spesso e' un buon argomento con i contadini i quali vedono comunque un potenziale guadagno in piu'.....
Se ti interessa venire dall' Italia ti consiglio di andare in Scozia. Molto bella e' la parte ad ovest dove ci sono belle forste tipo quella di Ardgarten. Per un bel cervo maschio scozzese maschio dovresti spendere intorno 350 sterline tutto incluso (per la cacciata). Escluso e' solo il volo e l' alloggio.

In Molise non mi lamento per la caccia, molto per il resto. Li faccio al 90% la mia caccia preferita in assoluto: lepre con i segugi. Grazie soprattutto a mio zio che tiene e cura i cani altrimenti nisba....

Ciao

da Flagg x Cristiano  08/07/2014 15.50

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Io non denigro proprio niente. E' la realta'. Ogni volta che torno a casa e' sempre peggio. L' unica fabbrica che c' era nella mia citta', ed andava bene se non per la gestione di rubaiola, e' stata chiusa alcuni mesi fa lasciando tutti nella cacca. Impara a parlare di quello che sai invece di fare solo figuracce. Se io sono un fallito te lo lascio verificare quando vuoi ma ti devi presentare di persona!
Il modo in cui sei arrivato e' maleducato. Se te lo dicono TUTTI evidentemente e' cosi'. Ma la cosa piu' ridicola, non so davvero se ridere o piangere, e' che prima offendi poi vorresti parlare di qualcosa? Dico...ma ci sei o ci fai??? Ti consiglio di farti vedere perche' ha dei seri problemi....

da Flagg x Martino  08/07/2014 15.34

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Grazie flagg .
Così ora so che spendo di più io con la caccia "pubblica". E mi rode.

Che bello il Molise , ben gestito sarebbe una specie di paradiso.
Viva Maria.

da Cristiano montano  08/07/2014 15.23

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Flagg, non denigrare il tuo paese che non è come tu lo descrivi. Dall'Italia se ne vanno i giovani e i vecchi falliti suppongo che tu sia in giovane se no fai ridere. Benecchi , datti una calmata e leggi , rileggi, e rileggi e rileggi ancora NON C'E NULLA DI OFFENSIVO. certo se hai la coda di paglia.
Flagg, sulle Highland scozzesi si tira ben oltre i 200 metri sopratutto allo stalking alle cerve invernale, mi piacerebbe leggere qualcosa scritto da te di caccia inglese , uno che vive in U K !

da Martino  08/07/2014 15.01

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Filippo, la Sauer 90 purtroppo non la conosco. Conosco il modello successivo : la Sauer 202. Questa ha una canna "identica" alla Blaser e la Mauser attuali dato che fanno parte tutte dello stesso gruppo.....
In ogni caso vale sempre la pena provare e ti dico perche'. La teoria sulla stabilizzazione del proiettile impone solo e soltanto dei valori minimi al fine di avere una stabilita' totale in volo. Non c'e' un limite superiore dall' altra parte. Per questo motivo puoi provare perche' ci sono anche altri motivi, quali tolleranze e costruzione del proiettile, per esempio, che magari rimettono un po' le cose in equilibrio. Avere un twist troppo veloce e/o abbinato ad alte velocita' puo' portare a perdita di precisione e si puo' intuire semplicemente riflettendo su come la rotazione viene imposta al proiettile. Al contrario della canna liscia dove una volta ottenuta un' otturazione perfetta tramite la couvette o base della borra meno attrito c'e' e meglio e', nel caso della canna rigata l' attrito e' fondamentale, ineliminabile. L' entita' dello stress a cui e' soggetto il proiettile sia in senso rotazionale che di spinta longitudinale e' ENORME! Il gioco dei migliori tiratori e' proprio quello di ottenere la perfetta stabilizzazione col minimo stress.

da FlaggxFilippo53  08/07/2014 14.03

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Non solo in Scozia....l' uso del silenziatore e' diventato quasi la norma perche' spesso si caccia non troppo lontano dai centri abitati ed alla gente comune non piace udire gli spari. Come hai appena scritto alcuni gestori impongono l' uso del silenziatore che viene generalmente denominato "moderatore" in quanto quelli di qualita' migliore svolgono anche un ruolo non indifferente sulla balistica permettendo di recuperare e spesso migliorare la precisione. Molti poi l' hanno proprio adottato tout-court senza necessita' veramente reale legata al rumore. Un buon moderatore riduce il rinculo in maniera molto evidente! Un .308 Win diventa di fatto come un 6.5x55 non moderato, tanto per dare un' idea. Anche se devi accorciare la canna per mantenere un buon bilanciamento, tipicamente a 20 pollici (51 cm), la precisione la recuperi con una ricarica ad hoc naturalmente ed eliminando col moderatore la eventuale vampata residua. Personalmente mi trovo bene anche lasciando la canna a 56 cm. Questo rende l' arma decisamente sbilaciata in avanti per un uso senza appoggio, anche usando i moderatori piu' avveniristici e leggeri, ma personalmente la rende paradossalmente molto piu' stabile quando si spara con gli stick (bastoncini) basta che siano sufficientemente rigidi. L'unica neo e' che le velocita' sviluppate dai vari calibri, chi piu' chi meno, sono tutte piu' basse ma essendo le distanze di tiro normalmente entro i 150 metri la grande maggioranza delle volte non e' un problema. Capita piu' spesso che tiri a meno di 50 metri che non sopra i 150.....la caccia d'a vvicinamento e' molto piu' diffusa di quella dall' altana ma comunque le distanze d' ingaggio tipiche restano quelle. Solo sulle Highland scozzessi ed altre zone molto parte si superano i 200 m ognitanto.

da FlaggxTiroler  08/07/2014 13.49

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Mi dispiacerebbe se MB chiudesse il blog. E' vero che ci sono interventi un po' sopra le righe, ma pazienza... Invece nessuno mi ha risposto: una Sauer 90 Stutzen in 7x64 che passo di rigatura ha? e che cartucce potrebbero essere consigliate?

da Filippo 53  08/07/2014 13.47

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Volevo chiederti: è vero che in Scozia usano regolarmente il silenziatore sulle carabine, addirittura in certe zone è obbligatorio? WH

da tiroler x Flagg  08/07/2014 13.28

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Partendo da zero il costo iniziale si puo' considerare discretamente oneroso: corso + abilitazione (circa 4-500 sterline intutto), carabina con tutta l'attrezzatura del caso (come sai molto variabile), diverse sessioni settimanali al poligono (20 sterline ad ora con la Balser R93 + 20 euro a scatola di cartucce ricaricate ad hoc che pero' garantiscono rosate perfette) etc...poi una volta iniziati si spende molto meno. Piu' conosci e meglio e'. Il modopiu' economico e' quello di trovarsi un bella proprieta' da gestire ma questo ormai e' diventato molto molto difficile perche' abbastanza saturo. Tuttavia anche se non hai amici e/o favori, in base alle annate, trovi questo o quello abbastanza convenienti. Per esempio, lo scorso inverno c'era moltissima offereta per il daino. Un maschio aduto (non medaglia macchisenefrega....l' importante per me e' che sia un esemplare in ottima salute) si pagava anche solo 50 sterline (meno di 65 euro attuali). Se ne prendevi almeno 5 un ulteriore sconto.....etc...etc...

da FlaggxCristiano  08/07/2014 13.18

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Grazie flagg.
In Toscana siamo fortunati , abbiamo capi assegnati e tempi di prelievo piuttosto lunghi,purtroppo stanno calando in modo sensibile le popolazioni.
Almeno nel nord della regione.
Molto più di quello che dicono i numeri ufficiali.
Non so se in Italia quel modello gestionale sarebbe applicabile ,soprattutto per il grande frazionamento delle proprietà , ma qualche domanda dobbiamo farcela perché così proprio non funziona.

I costi sono esageratamente impegnativi per un residente?
Grazie mille

da Cristiano montano  08/07/2014 13.00

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Si certo Cristiano. Ho il PDA sia in Italia che in UK. In Italia, eccetto la caccia al cinghiale in battuta, non caccio altri ungulati perche' in Molise la caccia di selezione non esiste (anche se gli animali ci sono ed in netto aumento...). In teoria potrebbe bastare il PDA italiano, anche per la detenzione permanente delle armi ma poi....nella pratica a caccia nascono sempre grane perche' paese che vai usanze che trovi. Percio' ho tagliato la testa al toro e preso anche la licenza inglese. Il porto d' armi per arma liscia e rigata sono due cose separate. O meglio, prendi facilmente quello per canna liscia ma molto piu' difficilmente quello generale che include di fatto solo le carabine da caccia (pistole, armi di derivazione militare e tutte le semiauto a canna rigata ad eccezione di quelle in calibri a percussione anulare sono vietatissime!).
In linea generale, per la caccia agli ungulati, per il mio modo di vedere funziona meglio pero' c'e' da dire che questo e' anche farovito dal tipo di gestione (privata) e sarebbe piu' complicato anche se, sempre a mio avviso, non impossibile anche in Italia. In poche parole c'e' piu' assunzione di responsabilita' e gli ungulati si cacciano praticamente tutto l' anno, ora una specie e/o sesso ora l' altra, senza bisogno di doversi massacrare per portare un piano di abbattimento a termine in pochi giorni e senza la soltia pena di aspettare ogni anno il nuovo calendario visto che e' sempre lo stesso da anni e anni, al piu' piu' con lievi modifiche.

da Flagg x Cristiano  08/07/2014 12.50

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Certo che e' meglio per me vivere in UK. Il lavoro che faccio in Italia non e' possibile vista lo stato PENOSO in cui grava il paese, senza risorse e senza strutture. Decenni per costruire qualcosa di buono e pochi anni per distruggere tutto e passare ad un livello inferiore a quello della Cambogia e del Vietnam!! Ma tu cosa ne vuoi sapere? Tu scrivi LA verita' perche' CERTAMENTE sei Dio sceso in terra. Haha... Te l'ho detto e ripeto che non sei una persona intelligente primaditutto. Di conseguenza non capisci e non ti rendi neanche conto della tua maleducazione e presunzione!

da Flagg x Martino  08/07/2014 12.36

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

La verità non serve nel MIO blog.
Quella andrebbe raccontata nei tribunali.
Nel MIO BLOG serve l'EDUCAZIONE
RIPETO: EDUCAZIONE.
Ti hanno insegnato cos'è?
Mi chiedi
"""""ma cosa avrò scritto mai per farvi ingrossare la bile?"""""

ah ah ah .. quello che spara di piu qui dentro tira 10 capi all'anno!!! tutta tecnica e niente sugo. una palla la si conosce solo dopo cento abbattimenti a tutte le distanze ! tutto il resto è fufffa da libri .leggete meno e andate caccia di piu.

Ti sembra QUESTO un intevento educato??
Ti hanno insegnato ad iniziare una discussione seria con degli SGHIGNAZZAMENTI.
Se lo facesse mio figlio me ne vergognerei
MB

da MARCO BENECCHI x MARTINO  08/07/2014 12.09

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

ma cosa ti scaldi? per cosi poco. Sei partito con una marea di offese ( tu che ti reputi intelligente) io non ti ho mai offeso. Ho semplicemente scritto la verità. Se questo ti fa arrabbiare la smetto subito. Se scrivere le cose giuste è presunzione e maleducazione allora io lo sono. io in UK non ci vivrei neppure morto ho lavorato per anni con gli inglesi e non li amo per niente come loro non amano me e neppure te ( stai accorto ). Poi sono scelte. L'Italia è cosi, caro mio, incasinata. ma la colpa è anche nostra ( non tua ). In Vietnam e Cambogia hai ragione si sta meglio che in Italia ma l'Italia è l'Italia. la Toscana poi la più belle di tutte le regioni. Hai solo una fortuna : che sei italiano e puoi ritornare quando vuoi a godere della tua bella terra. NON DIMENTICARLO MAI. e W l'Italia!

da Martino  08/07/2014 12.04

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Marco B. purtroppo un blog libero si espone a questi rischi, basterebbe avere la capacità di non rispondere alle provocazioni . Pensa però in 180 post che quantità di informazioni sono state messe a disposizione di chiunque abbia " buon orecchio"
Difficile farlo in un forum chiuso .
A me hanno dato dello squilibrato...
E forse hanno anche ragione , ma chiudere questo blog sarebbe una perdita per tutti.

Flagg , ma vai a caccia anche in UK? Come funziona li?
Saluti.

da Cristiano montano  08/07/2014 12.00

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Certo che e' meglio per me vivere in UK. Il lavoro che faccio in Italia non e' possibile vista lo stato PENOSO in cui grava il paese, senza risorse e senza strutture. Decenni per costruire qualcosa di buono e pochi anni per distruggere tutto e passare ad un livello inferiore a quello della Cambogia e del Vietnam!! Ma tu cosa ne vuoi sapere? Tu scrivi LA verita' perche' CERTAMENTE sei Dio sceso in terra. Haha... Te l'ho detto e ripeto che non sei una persona intelligente primaditutto. Di conseguenza non capisci e non ti rendi neanche conto della tua maleducazione e presunzione!

da Flagg x Martino  08/07/2014 11.46

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Flagg sei il meglio. uno che vive in Uk è il meglio per forza. Si non sono un esperto dulla carta come te le armi le faccio preparare da chi lo sa fare io vado in Cambogia e vietnam !! Marco, ma cosa avrò scritto mai per farvi ingrossare la bile? forse scrivo la verità e quella non va mai bene a nessuno.

da martino  08/07/2014 11.35

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Caro Marco, purtroppo il malessere porta a questo. Evidentemente certe persone non hanno altri modi per sfogarsi. Mi iscrivo volentieri al tuo forum se ti fa piacere.

da Flagg x Marco Benecchi  08/07/2014 11.12

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Haha..eccolo il pappagallo che scrive banalita' lette di qua e di la'. Dipende! La tua ferraglia, ammesso che ce l' hai per davvero, ha bisogno di essere preparata. Adesso ho la certezza assoluta che ho ragione io. Lo hai appena dimostrato. Vieni qui in UK per davvero cosi' ti dimostro traquillamente che quanto hai scritto sopra non e' automaticamente vero.

da Flagg x Martino  08/07/2014 11.07

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Un BLOG specialistico come questo, frequentato per il 99% da persone degne, educate, sensibili e sincere,
180 visite....
E mi ci voleva il MARTINO di turno per farmelo maledire.......................

E dire che c'eravamo quasi riusciti a finirlo in armonia.

RIPETO
Appena avrò portato tutti GLI AMICI nella mia nuova RUBRICA
CHIUDERO' il BLOG.
Promesso

Mi spiace ma devo ammetterlo: HANNO VINTO LORO.
Chi sono non lo so. Come non capisco perchè lo fannno......

Marco B

da MARCO BENECCHI x TUTTI  08/07/2014 10.51

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Flagg, hai ragione tu. sono una nullità.

da martino  08/07/2014 10.40

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Carlo, per favore. io non ho offeso nessuno ho scritto la verità è tutta carta , libri e poca pratica . vedi amico , la ragione sta sempre nel mezzo cerca di capire. Riguardo il tuo cervo , se vai al bramitò puoi andare anche con la fionda in selzione , INVECE , dipende dove hai intenzione di sparare a 100 / 200 ( con la fionda) ma per i 300 / 400 / 500 metri devi usare un fucile serio "preparato" per questo lavoro. Quindi, se vai al barmito e tiri entro i duecento metri, quello che hai va benissimo oltre , lascia stare, non sparare.

da martino  08/07/2014 10.36

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Io non mi offendo se mi chiami principiante. C'e' molta gente con piu' esperienza di me con certezza assoluta. Tuttavia tu CERTAMENTE sei la solitas' nullita' tutta invidia e niente sostanza. sono la tua arroganza e supponenza il chiaro biglietto da visita! Non sei neanche un persona intelligente il che tiu classifica automaticamente.....
Facci vedere tu che cosa sai eche esperienza hai cosi' ridiamo per davvero. Ormai i frustrati da forum come li riconosce anche un bambino. Datti all' ippica cosi' almeno rosichi meno!

da Flagg x Martino....  08/07/2014 10.26

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

abbi rispetto pr le persone che partecipano a questo bellissimo blog. se verrà chiuso, sarà per colpa di provvocatori tuoi pari perciò cerca di essere un tantino educato erispetta se vuoi essere rispettato. salute atutti C.

da carlo 48 xmartino  08/07/2014 9.59

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

in 7x64 con RWS ks 162 gn- ho steso pulitamente un grosso palancone a 230 m- cnghiali a varie distanze e la ks non mi ha mai deluso. (salute permettendo) andrò al cervo con arma ereditata sako in 9,3x66 aliax 370 sako ottica meopta 3-12-56. PS.il7x64 è dotata di kalhes 3-12-56. uncaro saluto e salute a tutti- (che ne pensate?)

da carlo 48  08/07/2014 9.45

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

si infatti mi sono consumato la dentiera per rosicare! ah ah ah cresci ne hai bisogno. principiante !

da martino x flappp  08/07/2014 9.40

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Si impara anche andando a caccia con gli amici senza tirare il grilletto e gestendo gli ungulati, abbattimenti inclusi che vengono appunto venduti ad altri, su una bella proprieta' per conto di un contadino. Cosi' vedi come si moltiplicano i pani ed i pesci mentre tu continui a leggere quello che fanno gli altri e rosicare.....

da FLagg x Martino  08/07/2014 9.16

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

ah ah ah .. quello che spara di piu qui dentro tira 10 capi all'anno!!! tutta tecnica e niente sugo. una palla la si conosce solo dopo cento abbattimenti a tutte le distanze ! tutto il resto è fufffa da libri .leggete meno e andate caccia di piu.

da Martino  08/07/2014 7.41

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

In 7x64 (devo essere irrecuperabile) ho anche una Sauer 90 Stutzen. Sarà più indicata per la KS 123grs.? A prescindere dal calibro è un'arma molto bella (il grande MB gli ha dedicato un articolo qualche tempo fa) e mi piacerebbe trovare una cartuccia giusta.

da Filippo 53  08/07/2014 6.11

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Con la R93 non c'e' da meravigliarsi se la KS 123 non va molto bene. Ha un passo decisamente veloce (1:8.66") per quella palla cosi' leggera e corta. Non e' una regola ma le probabilta' sono altine. Una Sako o una Tikka in 7x64, che hanno 1:10", sono piu' indicate in linea di principio.

da Flagg x Filippo 53  08/07/2014 0.21

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Salve Tiroler, personalmente sulla mia R93 ho - purtroppo - notato che la KS da 123 grs. mi fa rosate deludenti. Invece con la Winchester SilverTip da 140 grs. ho partecipato ad una gara al poligono La Folce, piazzandomi terzo. A 100 metri ho fatto tre mouches e due dieci, non male per uno che non è tiratore di poligono. L'ho utilizzata su decine di caprioli, sempre con risultati ottimi. La stessa cartuccia anche sul daino mi ha dato risultati eccellenti, compreso un bel palancone (niente di eccezionale, ma oltre un quintale). La miglior rosata come ho già detto è stata fatta con la Hirtenberger Nosler Partition da 175 grani: tre colpi a cento metri un solo foro. Adesso che per il capriolo (e il daino) adopero il 270 e il 7 per il cinghiale mi piace usare palle più dure (EVO).

da Filippo 53  07/07/2014 21.55

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Ciao Marco in questi giorni sono nei dintorni di pienza,cavoli come si mangia e beve bene nelle tue terre!!! Oggi ho visto 3 caprioli e dove alloggio siccome è zrc un sacco di fagiani!!!
Davvero bello peccato nn essere qui a caccia!!

da Cla  07/07/2014 21.34

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Secondo me KS da 123 grani va bene per questo uso, che dovrebbe essere appunto quello originale inteso dalla casa, e tra le altre cose tutte le cartucce RWS con tale palla di solito risultano in una precisione almeno buona tanto che se quest' ultima lascia a desiderare mi preoccuperei degli attacchi, dell' ottica e della carabina, nell' ordine. Il 6.5 x68 non lo conosco se non per sentito dire. Ormai come sai ho poco interesse in questa tipologia di cartuccia.
Circa l' 8x68S comunque non intendevo sminuirlo. E' e rimane uno dei migliori per il cervo solo che il .300 Win Mag una volta non era proprio un' alternativa ed oggi si. giusto per riscriverlo in maniera diversa ma equivalente.

da Flagg x Tiroler  07/07/2014 20.10

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

allora, visto che sto imparando un sacco di cose a me completamente sconosciute, da vecchietto mi permetto di farvi un paio di domande. Ogni tanto vado alla Pirsch al capriolo con il 7x64 e uso, da sempre, la KS da 123 grani. Vi sembra giusto? Sul 6,5x68 invece, questa'anno e seguendo i consigli di Marco ho fatto ricaricare con le Nosler BT da 6,4 grammi. Mi sembra che siano andate molto bene, 2 bei tiri a c.a 300 m entrambi. L'unica cosa è che mi hanno devastato le bestie. E' il caso di usare un'altra palla?

da tiroler  07/07/2014 19.47

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Prova la Accubond da 140 grani invece della Ballistic Tip di pari peso. In 7 mm la Accubond e' di granlunga in migliore proiettile da 140 grani in circolazione da tutti i punti di vista: qualita' costruttiva, precisione, consistenza, efficacia ed aereodinamica. Va bene per tutto fino al daino palancone. E' bonded ma in realta' e' decisamente morbida per la categoria a cui appartiene e la sua capacita' di ritenere massa e' equiparabile alla Partition (quindi tra il 65 e l' 80% tipicamente) ma con doti aereodinamiche superiori. Rispetto alla Partition, ha un po' meno penetrazione, ma questo non e' assolutamente un problema se utilizzata su animali di mole inferiore ai 100 Kg.
La Ballistic Tip da 150 grani e' un po' meglio della 140 ma non tutte le ciambelle riescono col buco. In 7 mm preferisco la Hornady SST quale proiettile con caratteristiche equivalenti. In particolare quello da 154 grani. Per me e' piu' un problema di proiettile specifico (anche la marca) nel calibro specifico che di calibri in se'.

da Flagg x Marco B  07/07/2014 14.50

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Flagg,
Ci sarebbe da parlare per un anno....
E di dire tante belle cose!
Non sono mai stato in Africa e quindi non ho avuto l'occasione di usare l'8 x 68 sul bufalo (in quel caso avrei l'imbarazzo della scelta possedendo 375 HH, 378 e 416,
Però.....
Ho testimonianze dirette della lETALITA' del buon Shuler con la sua potentissima Vollmantel da 196 grani,
Praticamente la munizione chemi ha sopreso maggiormente per la sua penetrazione. Devo averne ancora una scatola da qualche parte. Hai mai visto una quercia secolare dal diametro di 70 - 80 cm TRAPASSATA come il burro?
Con il 338 ho fatto due orsi, qualche cinghiale e un daino.....
Ambedue gli orsi si sono fatti la solita corsetta i cinghiali no, il daino si...
Palle Hornady SP da 225 grani.
L'8 x 68 "piega tutto come un libro"
Come dicono i toscani!!!!
Ma sarà anche fortuna.
Sui cervi, in particolar modo, non mai visto niente di meglio.
E dire che ne ho visti tirare......

Ho tirato 5 caprioli col 7 x 64 cartucce originali Norma con palle Ballistic Tip da 140 grani recuperate 4 palle!!!!
In Ungheria a calvi di capriolo, "PURTROPPO" diverse volte mi è capitato di abbattere 2 caprioli con un colpo e MAI ho recuperato una palla di 270 W...........

Se poi da un determinato calibro vorrei una palla di peso maggiore,
Passerei ad un calibro Maggiore....
Per mia abitudine cerco di usare sempre la granatura "Media" per ogni calibro utilizzato.
Ciao
M

da Marco B x Flagg  07/07/2014 14.13

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Qualunque palla tu voglia usare per l' 8x68S, anche la Nolser Accubond da 200 grani, non sara' mai al livello di un' Accubond da 225 grani in .338.
Sull' efficacia in generale del .338 Win Mag c'e' uno studio scientifico di pochi anni fa dove si utilizzo' appunto tale calibro con una Nosler Partition da 250 grani su bufali africani! Lo studio e' in tutto e per tutto scientifico anche perche' l' analisi degli animali abbattuti fu effettuata da veterinari qualificati ed esperti in balistica terminale. Questa "curiosa" ricerca nacque dal fatto che qualcuno che usava "per caso" il .338 con la NP da 250 grani noto' che circa il 50% degli animali presi cadeva sul posto!! Lo studio rivelo' che quegli animali (statisticamente significativo) caduti sul posto, tutti tirati piu' o meno alle stesse distanze ed allo stesso modo, avevo una cosa in comune che gli altri non caduti sul posto non avevano: le vene principali che portano il sangue al cervello erano esplose. Ino gni caso il calibro con quel proiettile si rivelo' adeguato (anche se pur sempre non raccomandabile per i soliti motivi di pericolosita' del bufalo). La conclusione piu' plausibile (ma non definitiva o dimostrata con certezza) fu che questo dipedensse dall' attimo in cui il proiettile attingeva agli organi vitali in funzione del battito cardiaco. L'articolo dovrebbe essere on-line, se lo ritrovo lo posto.
Detto questo non credo che l' 8x68S sia capace di tanto.

Non sono tanto d' accordo circa diametri che uccidono meglio degli altri. Anzi a me il .270 non piace proprio. Preferisco il 7 mm perche', in impianti quali il 7x64 o il .280 Rem, fa le stesse cose del .270 Win ed in piu' puo' sfruttare per altri usi proiettili decisamente piu' pesanti senza avere troppe grane. In teoria un .270 win potrebbe utilizzare una palla da 175 grani ma quante carabine sarebbero in grado di farlo correttamente? Di quelle standard praticamente nessuna per via del twist, universalmente uguale 1:10" in .270 Win in tutte le carabine del modo, che non si addice. Quindi al massimo 150 grani oppure una semispitzer da 160 grani che non potra' mai competere neanche con una Partition Spitzer da 160 grani in 7 mm. Figuriamoci con quelle piu' aereodinamiche e/o piu' pesanti.
La questione del diametro e' semplicemente che all' aumentare della mole dell' animale e' necessario un proiettile di calibro maggiore, di peso e velocita' adegadati, per far in modo da non dissipare la maggiorparte della sua energia nella massa muscolare e conservarne a sufficienza per danneggiare il piu' possibile gli organi vitali. In tal senso il momento della quantita' di moto (ovvero massa x velocita') e' un fattore assolutamente da considerare accanto all' energia, e forse anche piu' importante, e spiega anche perche' per animali enormi un grosso calibro con palla pesante e velcita' moderata e' e rimane sempre la scelta migliore.

Ciao

da Flagg x Marco  07/07/2014 13.34

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Solo per la cronaca: se vado al cinghiale all'aspetto uso il 7x64; in due circostanze (per mera curiosità) ho usato l'8x68S (e il cinghiale rimasto sulla fucilata lo ha sventrato MB, ti ricordi da Mauro?). Se devo tirare un cervo coronato non uso certo Btip. Ho già spiegato che quella volta non ho avuto il tempo di usare una Partition che pure avevo con me. Alla fine non ho idee tanto diverse da quelle che leggo sul blog. Mi piace però essere educato, per quanto ci riesco.
Comunque una cosa è sicura: se dovessi andare all'orso e dovessi scegliere fra 7x64 e 270W, non avrei dubbi, e userei la palla più pesante e dura possibile nel caro e vecchio 7x64. Perfino MB difficilmente mi convincerà del contrario

da Filippo 53  07/07/2014 13.30

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Flag,
Io ho usato sia il 338 sia l'8 x 68 e devo dirti che sono MOLTI SIMILI!!
Mi hanno sevito bene in molte occasioni ma il vecchio Shuler surclassa il 338 sulle lunghe distanze,
Ovviamente.....................
con palle Americane!!!!!!
Con una Nosler Partition da 200 grani o una Hornady SPBT da 196 "credo" perchè non l'ho mai fatto....
Potresti atterrare un alce a 400 metri!! Se non oltre.
Nelle armi dame proovate l'8 mm ha una precisione mostruosa! degna di un 6,5!

QUEL CHE INFLUENZA NEGATIVAMENTE O POSITIVAMENTE UN CALIBRO è la scelta di palla in funzione del SELVATICO DA CACCIARE.
Vedi le "disavventure del buon FILIPPO!".
Cervo con 300 Weat e Ballistic Tip e cinghialotto su pastura da 30 metri!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
L'8 x 68 un animale simile non lo vede neanche!!!!!!!!
Mentre invece un tranquillissimo 7 x 64 con palla da 175 grani da il massimo!

Un brutto giorno mi regalarono 3 scatole RWS di KS da 96 grani calibro 243...
Dopo averne consumate 10 per la taratura tutte le altre 50 le ho tirate a caccia. Sui caprioli è stato rarissimo eseguire un abbattimento pulito perchè tutti mi facevano una "volatina" prima di cadere, mentre quando tiravi ad un cinghiale (anche di 130 kg) , un palancone o un muflone lavoravano eccezionalmente.

Se non le avessi usate anche su selvatici più duri, per me sarebbe stato d'obbligo catalogarle come pessime, invece......

Quante persone hanno visto allontanarsi cinghiali ben colpiti da palle dure calibro 308 o 30.06 da 200 - 220 grani.....
Quando le 150 - 165 si comportano come se invece avessimo un magnum?????
OD OGNIUNO IL SUO!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
Un caro saluto
Marco

Da buon ricaricatore ben saprai che ci sono "diametri" che uccidono meglio di altri.
Motivo per cui un 270 ucciderà sempre meglio di un 284 come un 257 meglio di un 264
Non faccio un segreto della mia poca simpatia per le palle europee perchè troppe volte mi hanno creato problemi.

da Marco B x Flagg  07/07/2014 13.02

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

A 300 metri l' energia residua di un .300 Win Mag e' nel peggiore dei casi uguale a quella di un 8x68S. Utilizzando i migliori proiettili per entrambi, il che significa che devi usare proiettili americani per l' 8x68S, non c'e' partita. Nessuna delle cartucce RWS e' in grado di arrivare a 300 KGM a 300 metri anche considerando la classica canna da 65 cm. Ovviamente l' 8 mm ha sempe quel mezzo millimetro in piu' di diametro. Pero' con un .338 Win Mag, che secondo un criterio moderno non e' neanche un vero magnum ma piuttosto una cartuccia standard ad alta intensita' (considerando il peso dei proiettili che lancia in funzione della capacita' del suo bossolo) non c'e' partita. Poi le scelte sono ersonali come sempre. Io non sono uno di quelli che deve per forza avere un calibro europeo per sentirmi soddisfatto. Scelgo sempre quello che mi soddisfa di piu' nella realta' senza guardare al paese d' origine.

da Flagg x Tiroler  07/07/2014 12.37

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Ci mancherebbe. Certamente l' 8x68S funziona bene per la caccia al cervo. Vista la critica insensata ho solo fatto un discorso basato sull' evoluzione che si e' avuta negli ultimi anni. L' 8x68S ha tratto molti meno benefici rispetto a molti altri calibri. E' in questo senso che io lo considero obsoleto.

da Flagg x Tiroler  07/07/2014 12.30

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Salve a tutti. Ancora una volta sottolineo il fatto che non mi sento offeso o insultato. Anzi trovo interessante discutere di queste cose. Perciò mi piace esprimere pareri di un vecchio cacciatore. Data la mia esperienza, sulla quale spero di essere creduto, mi sento di dire la mia. Parlo però esclusivamente dal punto di vista dell'utilizzatore, dato che non ricarico.
Ciò premesso tutti sanno che il 7x64 ha abbattuto migliaia di cervi. Ho parlato solo di quei due perché erano estremamente imponenti, per me i più significativi. Aggiungo che è il calibro minimo (anzi, il mimino è il suo omologo rimmed, il 7x65) per l'orso carpatico. Quindi l'esperienza (e il conseguente giudizio positivo) che riporto non è solo mia, ma anche di chi ha visto sparare centinaia di orsi al carnaio. Come sempre, esiste un meglio e un peggio di ogni cosa. Oggi quando vado al cervo non ho detto che porto il 7x64! Ma da qui a sostenere che è una chiavica ce ne corre. Io personalmente lo uso costantemente per il cinghiale all'aspetto, e non ho mai dovuto pentirmene. Mi restano sempre sul posto. Al poligono con una Hirtemberger 175 grs., Nosler Partition, a 100 metri con la mia R93 ho fatto un solo foro. Con l'8x68S ho tirato solo due cinghiali all'aspetto; in una circostanza l'animale è scappato, e prima di morire ha fatto un centinaio di metri. Dipende sempre dal punto d'impatto.
Una cosa è certa: non ho royalties sull'uso del 7x64. Invece ho tantissimi altri calibri, e se continuo ad usarlo dopo tanti anni di onorato servizio un motivo ci sarà. Forse è un pelo sotto dimensionato per il cervo maschio adulto, salvo ad essere eccellenti colpitori. Ma sul piano pratico pensate davvero che sia tanto diverso dal 30/06?
Una nota di colore: il 6x62 e il 240 WBY sono sovrapponibili...
In bocca a tutti

da Filippo 53  07/07/2014 12.22

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

FANTASTICI , SI POTREBBE SCRIVERE UN LIBRO CON TUTTI I VS COMMENTI !!

Alla faccia di chi dice che i Selettori non sono dei Cacciatori veri .

Marco Benecchi sei il n° 1.
Grazie

da albertoRoss  07/07/2014 12.19

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Caro Flagg, devo dire però che, empiricamente si intende ché io non ho alcuna esperienza tecnica(sparo sulle bestie 5/6 colpi all'anno), con il mio vecchi ferro Mauser 8x68 ho molte soddisfazioni anche di tanti che usano il 300(sia Win che Weath). Anche le case danno a, 300 m, un'energia superiore per il vecchio 8 rispetto ai giovani 300 e viene considerato, normalmente più performante(almeno questo è il parere del sito grurifrasca). Ripeto, non me ne intendo, parlo solo per quel poco di esperienza sul campo che ho e per quel poco che ho letto sull'argomento. Un forte WH!

da tiroler x Flagg  07/07/2014 12.14

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Bidone 7x64 in realta' tutte le tue scelte, cioe' 8x68S ed altri calibri weatherby, sono tutte OBSOLETE mentre il 7x64 ed altri vecchi calibri quali 8x57 o il 6.5x55 non lo sono. Tipico di chi e' a digiuno di balistica. Non e' una colpa ed alla fine non e' cosi' indispensabile ma e' un dato di fatto.
Adesso ti spiego perche'.
Cominciamo dall' 8x68S. In teroia potrebbe essere MOLTO meglio ma in pratica e' LIMITATO perche' da un lato c'e' il .300 Win Mag e dall' altro c'e' il .338 Win Mag che fanno meglio! Siccome i fabbricanti di proiettili europei si preoccuapno di realizzare proiettili efficaci a distanze normali (cioe' entro i 200-250 metri al messimo) i loro proiettili hanno TUTTI coefficienti balistici modesti nel migliore dei casi e mediocri in media perche' e' un parametro che si puo' sacrificare a favore della balistica terminale entro le distanze di cui sopra. I produttori americani avendo appunto il calibro .30 ed il .388, producono qualcosa in 8 mm ma niente di eclatante. Il .338 Win Mag e' (giustamente) di granlunga il "grosso" calibro piu' diffuso in Nord America. C'e' poco o niente spazio per gli 8 mm. A distanza a partire da 250 metri il .300 Win Mag e' SISTEMATICAMENTE meglio del 8x68S con qualunque proiettile, sia come traiettori sia come energia residua. Infatti qualunque cartuccia commerciale tu voglia considerare nessuna e' in grado di ritenere 300 KGM a 300 metri mentri il .300 Win Mag li supera sistematicamente con i migliori proiettili anzi arriva pure vicino ai 350KGM con le migliori 180-200 grani. Il .338 Win Mag in ogni caso mette a tacere qualunque quisquiglia.....

I calibri Weatherby sono obsoleti perche' sono esageratamente overbore. Questo non significa che Roy Weatherby era fesso. Ai suoi tempi, con le polveri a disposizioni, aumentare la capacita' del bossolo era l' UNICO modo per fare andare i proiettili piu' veloci. Oggi non e' piu' cosi'. Le prestazioni dei Magnum piu' classici quali il 7 mm RM, .300 WM, .338 WM sono comunque migliori e ci sono impianti balistici magnum pure piu' efficienti! Qualcuno come Remington a provato a fare peggio con la sua linea RUM ma dopo il FUMO iniziale piu' di qualcuno si e' reso conto degli scarsi vantiggi e dei TANTI limiti di tale idea, a cominciare dalla vita molto limitata della canna che dopo 500 colpi (neanche il tempo di prenderci la mano e fare l' abitudine a quel rinculo, fare un po' di pratica e trovare una buona ricarica) che e' da buttare!!


Calibri normali quali il 7x64, l' 8x57 etc invece continuano a vivere BENE perche' traggono solo benefici dalle polveri e proiettili di ultima generazione. Il 7x64 non e' un calibro per il cervo ma certamente una monolitica da 140 grani ad elevato coefficiente balistico come la GMX lanciata a 950 m/s sicuramente non e' bidone. A 200 metri avra' ancora 310 KGM di energia residua, eccelente penetrazione ed una velocita' superiore ad 820 m/s che ben sopra la soglia minima necessaria per lo shock idrostatico (non c'e' certezza, perche' dipende sempre dal piazzamento e dalla resistenza della preda, ma la probabilita' e' molto alta). Sotto la soglia degli 800 m/s la probabilita' di shock idrostatico tende velocemente a ZERO, indipendentemente dal calibro. Lo shock idrostatico e' una di quelle cosette che ti lascia l' animale sul posto.....Dai un' occhiata alle cartucce RWS e vedrai che l' 8x68S questa capacita' c'e' l' ha fino a 150 metri solo con le cartucce che usano i proiettili piu' leggeri. Con quelli medio pesanti la perde molto prima! Quindi prima di sparare a zero dovresti provare e potresti renderti conto che magari a distanze normali una buona cartuccia in 7x64 come la Hornady Superformanze con molitica da 140 grani e' in grado di abbatere pulitamente un cervo sopperendo con altri "trucchi" in parte alla minor capacita' lesiva per via del diametro minore del proiettile. In altre applicazioni piu' congeniali, cioe' animali di mole minore, la sua efficacia e' fuori discussione che ti piaccia o no.....

da Flagg x Bidone 7x64  07/07/2014 11.35

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Carlo il tuo risultato e' molto buono. La moneta da 2 Euro e' 25.75 mm. Se stai sistematicamente in 2 euro e mezzo vuol dire scarsi 4 cm. Considerando che la ottieni a 185 metri in termini di MOA a occhio e croce ottieni 3/4 di MOA che e' ottimo!

da Flagg x Carlo 48  07/07/2014 10.49

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Bravo Marco, hai fatto bene a mettere l' autorizzazione. Non credo ci sia altra soluzione.

da Flagg x Marco Benecchi  07/07/2014 10.32

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Leo, se mi dai ancora del SIGNORE mi offendo...
Di SIGNORE ce n'è stato uno solo e l'hanno... messo in croce.
Quì ci diamo tutti del tu...!!!
Il pezzo lo abbiamo già pubblicato.
Comunque te lo "ripropongo".
Un caro saluto
Marco

SELEZIONE: ATTREZZATURE: LO ZAINO da caccia.

Il mondo della caccia a palla è caratterizzato da talmente tanti accessori che, se seguissimo tutte le innovazioni tecnologiche, i nostri capricci e la “moda”, non riusciremmo mai ad avere una dotazione completa che ci possa soddisfare appieno. Inoltre sono convinto che, se proviamo a rovistare nelle rastrelliere e negli armadi di molti appassionati cacciatori, troveremo di tutto e di più! Io sono uno di quelli che appena gli “avanza” un Euro corre subito in armeria a comperarsi qualcosa, magari un piccolo accessorio che mi ha colpito in un modo particolare ma che magari non userò mai o che comunque avevo già copione nascosto da qualche parte. Cosa volete, non si vive di solo pane! La nostra scusa più ricorrente è che se qualche volta abbiamo fallito un abbattimento, è stato perché ci mancava proprio quell’accessorio particolare, come magari: i copri lenti Butler Creek, un telemetro più preciso, le magliette sganciabili, un caricatore maggiorato, le mire al Trizio, un bipiede snodato, ecc. C’è sempre qualcosa di materiale a condizionare inesorabilmente l’esito della caccia, mai e poi mai pensiamo che può dipendere dalla nostra abilità o esperienza! Se siamo onesti con noi stessi, dobbiamo ammettere che le attrezzature e gli accessori veramente indispensabili non sono poi molti: la carabina, l’ottica e le munizioni, il bipiede, il binocolo, a volte serve il “lungo” ed il telemetro, un buon coltello (meglio due), una piccola torcia Maglite, qualche metro di corda, dei sacchi di nylon, un attrezzino multiuso “Leatherman”, una bottiglietta d’acqua, un piccolo kit di pronto soccorso. Se il tempo minaccia pioggia è utile anche un poncho, una T-Shirt di ricambio e non dimentichiamoci l’immancabile macchina fotografica per immortalare le nostre conquiste. Ma tutta questa roba dove la mettiamo e soprattutto, come ce la portiamo dietro? La stipiamo con cura in uno zaino che poi caricheremo sulle nostre robuste spalle. Conosco alcuni cacciatori che trasportano tutti i loro averi, compresa la colazione, nelle capienti tasche della giacca “cacciatora” e quando camminano assomigliano all’omino della Michelen!! Come fanno a girare per i boschi, o peggio ancora, come riescono anche a sparare proprio non l’ho mai capito. Chi pratica la caccia seriamente e con impegno, conosce bene quanta importanza possa avere uno buon zaino da caccia (specifico da caccia perché quelli da turismo o da trecking hanno ben altre caratteristiche), riconoscendogli tutti i suoi molteplici pregi e praticamente nessun difetto. Fino ad alcuni anni fa, il mercato nazionale offriva ben poco, oggi per fortuna, sicuramente anche in funzione alla costante richiesta, le cose sono cambiate, tanto che moltissimi fabbricanti (industriali o artigiani) di accessori per lo sport, per il tempo libero e per la caccia, hanno in catalogo diversi modelli in grado di soddisfare ogni esigenza. Tanto per citare alcune delle marche più famose: Ravelli, Green Sport, Bailo, Suomi Riserva, Selvatico, Red Rock serie “camoscio”, Invicta modello Tiroler, tutto il nutrito campionario offerto dalla Kettner e dalla Franconia e la superba produzione dell’insuperabile Albino Odorizzi. Tutti i moderni zaini in commercio vantano un elevato standard qualitativo, messo al servizio di ogni clientela, compresi appunto i cacciatori. I modelli che ci interessano in particolare sono quelli che permettono di trasportare comodamente tutte le nostre attrezzature, e che all’occorrenza abbiano la capienza necessaria a contenere la spoglia intera di un selvatico della mole di un capriolo o di un camoscio adulto. Lo zaino deve avere una capacità di almeno 45 – 50 litri, per arrivare ad un massimo di 65 – 80. Zaini più piccoli o più grandi non sono certo l’ideale per il cacciatore di selezione e/o di montagna. Stesso discorso vale per gli accessori “Optional”. Una tasca interna va bene, due esterne sono ancora ammesse, ma tutte quelle cinghiette, lacci, occhielli, porta piccozze, porta racchette, porta sci ecc, oltre a non servirci ci appesantiscono e sono fonte d’intralcio durante gli spostamenti (specialmente in ambiente boschivo) e in fase di preparazione al tiro. Un buon zaino da caccia deve essere in nylon e/o in cordura antistrappo idrorepellente (quelli in cotone e in loden sono bellissimi, ma non fanno al caso nostro, per i motivi che vedremo in seguito). I fabbricanti seri hanno curato in modo particolare i materiali che meglio si adattano alle particolari condizioni d’impiego. La continua ricerca di nuove soluzioni tecniche risponde a requisiti che tengono conto del lavoro e dell’usura protratti nel tempo Lo zaino deve avere una bocca di carico ampia, delle cuciture resistenti (meglio se doppie sul fondo), delle fibbie in resina robustissime, degli schienali comodi, anatomici, indeformabili e con rinforzi di acciaio armonico in stecche di ottima qualità e degli spallacci sagomati ed imbottiti completi di asola poggia mento e di maniglie per le mani. Il tutto in meno di due chili di peso. Un mio carissimo amico ha comperato uno zaino dal buon Albino Odorizzi: non ha badato a spese ed ha scelto l’ultimo modello: il “Rucsaak Sloveno”, iperaccessoriato con finiture in corno e pellami pregiati. Quando me lo ha mostrato gli ho detto. “Dove ci vai con quello, tra gli spini e le marruche di Capalbio o nelle macchie dell’Argentario?”. Un zaino del genere e senz’altro uno degli accessori più belli che potresti regalare o regalarti, ma è effettivamente troppo ben fatto per poterlo utilizzare e “strapazzare” a dovere, oppure per vederlo imbrattato di fango, di sangue o di altri liquidi di natura organica! Il mio amico poteva tranquillamente acquistarne uno simile, ma in nylon e cordura antistrappo, meno rifinito, con meno tasche e con meno accessori. Sarebbe stato l’ideale per la caccia di selezione ed Albino non se la sarebbe presa più di tanto. E per piacere non venite a dirmi che più un’attrezzatura è usurata, stropicciata e mal tenuta e più bravo è il cacciatore che la porta!!! Io tutte le volte che rientro da una battuta, dedico le stesse cure sia agli scarponi che al fucile. Per non parlare poi degli ausiliari. Non faccio certamente come Jones, il guardacaccia sloveno che conosco ed ammiro da molti anni, che nel suo zaino ha ancora il sangue dell’ultimo camoscio che ha abbattuto insieme al Maresciallo Tito!! Se v’interessa saperlo posso confidarvi tranquillamente le mie scelte. Possiedo diversi zaini, tutti modelli semplici e funzionali; quelli che non lo erano con poco lavoro li ho modificati a mio piacimento e secondo le mie esigenze. Ho un ”Presanella” da 50 litri della Ravelli, un “Camoscio” medio della Red Rock e un “Odorizzi caccia”. Tutti e tre possono essere facilmente lavati e spazzolati e si asciugano in brevissimo tempo. Sono comodi, capienti, robusti e “Spartani”. Li ho usati per trasportarci di tutto, dal materiale per costruire o ristrutturare le altane, al sale e al foraggio per gli ungulati. Mi sono serviti sia come appoggi per tirare con la carabina sia come cuscini per riposare dopo estenuanti battute di caccia. Lo zaino, più che un’indispensabile attrezzatura è un amico fidato, a cui puoi chiedere di tutto, sicuro che non ti deluderà mai.

Marco Benecchi

Colgo l’occasione per salutare i miei amici e bravi artigiani Sergio Ravelli ed Albino Odorizzi.

da Marco Benecchi x LEONARDO  07/07/2014 10.14

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Per me "potresti essere perdonato"
Ma in FUTURO, ti pregherei dallo astenerti di essere troppo "colorito".
Non tanto per me, quanto per TUTTI GLI ALTRI lettori del Blog...
In particolare x chi usa e per i milioni di cacciatori che hanno usato in passato il 7 x 64 e/o altri calibri .....meno prestanti di altri!!!

Spesso mi chiamano a testare questo e quello in compagnia di altri colleghi giornalisti e 90 volte su 100 non condividiamo le scelte.
OTTIMO! Ma te lo immagini a star tutti ad inseguire la stessa donna? Il mondo è bello perchè vario o avariata a dir si voglia.
Tanto per fare un nome: Danilo Liboi... lui giura sul suo 7 x 64 io sul mio 257 o 7 mm RM......
Ma le scelte bidonistiche -chiavichistiche DEVONO essere SEMPRE rispettate.
Complimenti per la scelta del calibro: il 240 che amo molto anche se non lo possiedo.
Ho il 257, il 270, il 300 e il 378 Weath.. ma il 240 "mi manca!"
PER PATRIZIO... forse non sai che sul terreno di caccia il 240 non è molto diverso dal peggior calibro del mondo: il 6 x 62 F.

Un'ultima cosa: quanto ti sei tenuto alto tirando al capriolo da 367?
Peso palla?
Taratura?
Io con il mio 257 BALLISTIC TIP da 115 grani.
Taratura perfetta a 200 metri, FG di capriolo da 338 metri mi sono tenuto circa "tre dita" sopra il filo schiena. Colpita precisissima al centro corpo. Se mi fossi tenuto filo schiena forse l'avrei colpita bene ugualmente.
C'era però una leggerissima pioggerellina!
Tiro eseguito con bipiede HARRIS anteriore e Accushot posteriore...............
Saluti
Marco
e .... fai il bravo..

da Marco B x Bidone  07/07/2014 10.09

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

chiedo scusa, avevo promesso che ti facevo sapere come èriuscita la prova delle hornady GMX.come ho detto aflagg visto che parlava di monolitiche. 2 prove a 185 mt. palle impattate a 15--20mm. circa più alte2rosate praticamente uguali 3 colpi in 2euro mezzo foro fuori . penso sia un buon risultato, la Vo 950 come dichiarato da hornady. cosa ne pensi? un caro salute atutti. PS. non prendertela di provvocatori ce ne saranno sempre. ciao Marco tante belle cose.

da carlo48 x Marco B.  07/07/2014 10.04

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Flagg grazie ancora per la sua disponibilità.
Vorrei chiedere invece al signor Marco Benecchi se prossimamente avesse intenzione di pubblicare un articolo sui vari zaini da caccia:modelli,pregi e difetti,consigli ecc......
La ringrazio in anticipo per una sua eventuale risposta e le porgo cordiali saluti.

da Leonardo  07/07/2014 9.57

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

io proprio non capisco perché se uno come il sottoscritto esprime dei punti di vista VERI un po' coloriti debba essere attaccato come un guastatore.
io mi chiedo come non si può scrivere male di un calibro ciofeca come il 7 x 64 se non si nemmeno la più pallida idea di come funziona. E qui, chi fa le critiche ( esagero) avrà tirato 100 colpi di cui 60 al poligono !! Ora , e ti ringrazio, Marco anche tu hai scritto una verità "che neppure a te piace" lo sai perché? perché tu hai la possibilità di sparare migliaia di colpi ( come me) provare centinaia di carabine ( come me) e questo ti porta a criticare certe certezze da ZELIG!!! Ok non mi permetterò più di intervenire. Un ultima cosa, Cristiano , preso nel cuore. ( fortuna) spaccato nel mezzo. salto, fuga e dopo trenta metri è caduto. Ieri sera , a cento metri, stessa fine ma è caduto sul posto. Filippo, la tua esperienza è enorme sei un bravissimo cacciatore ma dammi retta il tuo 7x64 vendilo se no fa come credi. Riguardo i cervi, al bramito, in selezione, alla cerca, dalla macchina, a cavallo , ecc. 8x68 / 300 WM/ 300 Weatherby ( monto ottiche diverse ma non entro nelle ottiche se no è un putiferiooooo )divertitevi ESPERTI! Scusami marco sono un pochino "insolente" ma non sono cattivo.

da Bidone 7 x 64  07/07/2014 8.27

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Caro Marco,
Il tuo articolo sull'attrezzatura del selecontrollore è degenerato, per cause da te indipendenti, in una rissa su argomenti di balistica interna, esterna, terminale e primordiale (nel senso di raffinata come l'uomo di Neanderthal). Pochi sanno che si un esperto coltellinaio e quindi, tanto per cambiare che diresti di un articolo sui coltelli e sulle tecniche di affilatura? Ci sarà sempre qualcuno che attaccherà liti anche su questo, ma almeno assisteremo a liti nuove. Weidmannsheil!

da bansberia  07/07/2014 7.55

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Non ce l'avete proprio fatta a farmi finire un BLOG in santa pace................
Mi potete spiegare che soddisfazioni ci trovate nell'offendere le persone , nel denigrare i pareri degli altri e nell'essere volgari??
Poi, stando nell'anonimato è molto meglio. Ci si sente più forti.
PER QUESTO MOTIVO un giorno chiuderò il Blog..............................
COME QUALCUNO AVRA' GIA' VISTO ne ho aperto un'altro dove per accedervi bisogna essere autorizzati. Proprio per cercare di evitare queste spiacevolissime cose!
Almeno ci si mette "la faccia"................
TU BIDONE, mi spieghi il perchè di questo tuo accanimento?
Non ti piace il 7 x 64? Pazienza, a dir la verrità neanche a me.. è l'ultimo calibro che userei a caccia, ma non mi sognerei mai e poi mai di esprimermi come te.
"""""Oggi ho fatto questo... stasera farò quest'altro"
Ma che ti credi che gli altri stanno a dormire o ad aspettare che tu gli racconti le tue prodezze "sniperistiche"?
Se vuoi intevenire nel Bliog. fai pure, sei il benvenuto, ma fallo con EDUCAZIONE.
Puoi farmi questa cortesia? Ok?
Grazie
M

da MARCO BENECCHI x Bidoni e chiaviche  07/07/2014 6.36

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Aspetto con ansia le rivelazioni di bidone 7x64. Ormai non posso farne a meno. Comunque i cervi sono di opinione diversa. Così come le migliaia di cacciatori che lo hanno usato in un secolo.
Tanta salute

da Filippo 53  07/07/2014 6.28

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Magari la chiavica e' chi non lo sa usare.

da Chiavica 8x68  06/07/2014 20.50

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Filippo... il 7x 64 non è un bidone è una chiavica ! va meglio cosi? Due cervi ? e cosa sono due cervi? il nulla! Vi rispondo domani che devo andare a caccia questa sera. Weidmannsheilllll

da Bidone 7x64  06/07/2014 18.06

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Bravo, come sempre, Tiroler. Hai perfettamente ragione

da Filippo 53  06/07/2014 17.36

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Credo che il 7x64(o il suo omologo 7x65R) abbia abbattuto sulle Alpi e pulitamente, dalla sua apparizione ad oggi, più cervi di qualsiasi altro calibro. Certo molto dipende dalla distanza del tiro ma, da qui a dire che sia un bidone, ce ne passa. Possiedo uno Stutzen in questo calibro e, benché ormai da anni sia passato quasi stabilmente all' 8x68, di tanto in tanto esco per una Pirsch. Un mio amico vecchio va anche al camoscio, da sempre, con il 7x64(e un'ottica 4x) e la montagna glieli concede regolarmente. Poi, per amor di Dio, c'è sempre - e in tutto - di meglio. WH

da tiroler  06/07/2014 13.38

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Buongiorno bidone 7x64.
Posso chiederti che tipo di munizione hai utilizzato per il capriolo citato sopra , e se è possibile dove si trovano foro in entrata e uscita.

Solo come dato a uso personale.
Grazie mille.

da Cristiano montano  06/07/2014 12.27

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Premesso che sono calmissimo, e scrivo solo per partecipare alla discussione, mi chiedo perché qualcuno, avendo sbagliato e/o ferito qualche animale, si sente autorizzato a trinciare giudizi... Si parla di venditori di fumo, neofiti poco svegli, calibri centenari inutili... Come ho già detto, a me è capitato un cervo che con il 300 Wby è scappato, ma quella volta ho sbagliato io, se avessi atteso qualche minuto lo avrei trovato morto. E allora posso dire che il 300 Wby è un calibro inutile? Che io sappia il 7x64 è un calibro molto usato (io modestamente ci sparo 8/10 cinghiali all'anno, all'aspetto). Ovviamente l'8x68S (di cui possiedo una Blaser e una Steyr) è un'altra cosa, ma è come dire che una Maserati va meglio di una Panda. Personalmente posso dire che in Ungheria ho visto morire decine di cervi, quasi tutti imponenti. I due più belli abbattuti me presente erano un Kapital di 11 Kg, con 22 (!!!!!!!) punte, tirato con un magnifico Kipplauf (Franz Sodia) in 7x65R. Evidentemente quel cervo si sarà fatto un'opinione diversa da bidone 7x64. L'altro cervo, leggermente più piccolo come trofeo (poco oltre 10 Kg) ma che pesava (sventrato, senza testa e senza garretti) oltre 220 (!!) Kg è caduto con un modesto 270. Dev'essere stata una disgrazia...
Conosco persone che non si azzardano a partecipare a una cacciarella senza un 338 WM; e altri che usano il 300 WM dalla volpe in su. Se ci si trovano bene... Io non lo farei mai, ma non li considero degli incapaci, o clienti che si sono presentati all'armeria del paese con l'anello al naso.
Devo però ammettere che se non ci fossero personaggi come Patrizio e bidone 7x64 la discussione sarebbe meno intrigante... Secondo me sono d'accordo con MB!
Scherzi a parte, sarebbe bene rispettare l'opinione di tutti. Se uno vuole andare a caccia con l'obice, e non fa del male a nessuno se non agli animali che insidia, lasciamolo fare!

da Filippo 53  06/07/2014 9.43

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

il 7 x 64 è una carabina del tutto inutile sotto tutti i punti di vista. Un calibro per neofiti che credono al VENDITORE di fumo di torno. Carletto, tra venti anni , capirai. E non ti scaldare, se uno scrive la verità anche io ( 30 anni fa) mi ero comperato un 7x64 . Il solito venditore di FUMO , complice la mia giovane età, mi avevano convinto che per la caccia al cervo al bramito non vi era calibro migliore!!! cosi, dopo aver ferito e perso diversi cervi mi sono "passato" all 8x68 e di cervi non ne perdo più e neppure sbaglio. A parte questo, ma cosa ti serve un 7 x 64 in Appennino? A NIENTE. Questa mattina MI in Appennino . individuato ieri sera alle primi luci dell'alba ero già in posizione. il mio bel 240 , ottica Leika , capriolo a 367 metri . giù come birillo. Già bello e pulito nel frigo. Ora mi riposo. saluti e Buona Domenica.

da bidone 7x64  06/07/2014 8.54

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Salve Carlo io Hornady SF con GMX da 139 grani per la caccia in battuta in una Remington 742 Woodsmaster....tacca e mirino. Pero' ho anche degli ottimi attacchi di qualita' comprati all' epoca insieme alla carabina da mio padre e percio' le cartucce le testo con un' ottica 6x42 a 100 m. Ottengo regolarmente rosate di 3 colpi in 2-3 cm con buona pace di chi pensa che una semiauto non possa essere tanto precisa. Rispetto alle vecchie care Remington Core-Lokt Semi-spitzer da 165 grani sono piu' precise (queste ultime non fanno meglio di 4-5 cm) ma non ho fatto un paragone diretto della traiettoria ne' misurato la velocita'. L' altra cosa che mi ha impressionato positivamente e' il rilevamento contenuto dell' arma, segno che effettivamente questa polvere Superformance brucia in manera efficiente in canne piu' corte. La mia e' 56 cm. Probabilmente la V0 sara' piu' bassa di quella dichiarata dalla casa (valida per 61cm o 24 pollici che dir si voglia) ma sono ottimista sul fatto che non sia inferiore ai 900 m/s che basta ed avanza per l' uso che ne faccio.

da Flagg x Carlo 48  05/07/2014 16.13

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

siccome sono ottuso, uso il bidone in 7x64 come dice qualcuno che apre bocca solo per dare aria alla lingua e offendere il prossimo, ti chiedo come vanno sul campo le GMXHornadi 140 gn. nel 280 R. le ho provate stamani al poligono 185 mt. palle impattate 15 mm. più alte 3 colpi tirati a 10 minuti di distanza uno dall"altro, stanno in 2 euro mezzo foro fuori ripetuta praticamente uguale. con canna 61 sabatti ilcronografo ha registrato i 950 mt. di Vo dichiarati dalla hornady. un grazie e SALUTE a tutti.

da carlo 48 x flagg  05/07/2014 13.08

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Leonardo le uniche monolitiche che ho ricaricato sono le GS Custom. Le Hornady GMX le ho in .280 Rem ma sono le cartucce originali Hornady Superformance. Le ho comprate solo perche' obbligato dalle leggi attuali per la caccia al cinghiale nella mia regione e perche' sono le uniche che ho trovato in 280 Rem. Per fortuna vanno benone.
Volendo partire da zero, io proverei con la N560 e potrei cosi' partire con le stesse dosi intermedie della N160 e salendo per gradi.

da Flagg x Leonardo  04/07/2014 20.04

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Hai ragione, sono un po'(tanto) talebano, sarà la vecchiaia... ;) In ogni caso la caccia è bella perché ognuno la vive secondo le proprie emozioni e non con schemi precostituiti. Un forte Weidmannsheil anche a te!

da tiroler x Marco  04/07/2014 19.05

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

tiroler. tu sei un talebano ( per modo di dire , senza offesa) per il tuo sistema di andare a caccia e credi che sia l'unico GIUSTO. per me fai bene, hai ragione tu. ma non tutti la pensano cosi. Io compreso. riguardo i calibri , poi. io sono un fanatico dei calibri americani ma ho anche il mio bel 8x68 che non cambierei per niente al mondo. Ma ... c'è di meglio ... per me ovviamente! Weidmannsheill cacciatore di montagna!

da marco  04/07/2014 13.22

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

ha ragione per quanto riguarda la limitata esperienza, ma penso che ognuno abbia il diritto di esprimere il proprio sentire riguardo il modo di andare a caccia. Il tiro al bersaglio è un'altra cosa

da tiroler x Marco  04/07/2014 12.40

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Come già detto da Cristiano, la risposta "dovrebbe" essere lunga ed esaudiente, ma poi potrebbe risultare tediosa...
Posso dirti questo: tutto dipende dal calibro e dal peso della palla.......
Prendiamo per esempio il più "amato dagli italiani": il 30.06..
Che, sinceramente non capisco perchè lo CAMERANO IN ARMI A CANNA CORTA.
Molto meglio in quel caso sarebbero il 308 o il 7 mm-08!!!
560 mm di canna sarebbero appena sufficienti mentre con 510 o addirittura meno, il calo velocitario aumenta., non di molto ma si fa sentire.
Molto peggio con l'uso di palle pesanti, dai 165 - 168 grani in su perchè normalmente vengono caricate con polveri più progressive.
In caso di utilizzo di palle da 130 - 150 grani, il deficit velocitario è minore perchè si usano polveri molto più vivaci!! Ma vampa e botto maggiori!
Poi ci sarebbe il discorso RIGATURA. Ci sono armi con dei twist particolari che riescono a rendere buone velocità anche in canne relativamente corte. Il caso più comune sono le molte Bolt da Battuta di costruzione Scandinava camerate in calibri magnum (300, 338 W e 308 e 338 Norma) destinata al tiro in battuta a corta distanza con canne da 510 mm.
Per l'uso che normalmente ne vogliamo fare c'è sempre da cercare un buon compromesso tra prestazioni e/o maneggevolezza.
Io, ad esempio, una BAR Traquer non la prenderei mai e poi mai in 30.06. Al limite in 308!
Comunque, non è che con la canna corta una palla da 150 - 165 calibro 30.06 diventa un 7,62 x 39!!!
Per il povero cinghiale di turno non fa differenza!!!!
Saluti
Marco

da Marco Benecchi x Carlo 48  04/07/2014 11.47

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Grazie molte flagg allora cercherò di reperire n550 e n560, hai qualche dose da cosigliarmi con le gmx?

da Leonardo  04/07/2014 11.30

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

ma a che ti serve dico io?? leggi quello che ha scritto Cristiano che ti fa bene.

da C F  04/07/2014 10.55

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Buongiorno Carlo.
La risposta sarebbe articolata, la lunghezza della canna giova di più a calibri spinti e meno a calibri tranquilli.
Se ti basta un valore orientativo puoi calcolare circa 3 mt/ sec. Per ogni centimetro di canna , ma ripeto e solo un valore tanto per farsi un idea.
Saluti

da Cristiano montano  04/07/2014 10.54

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

da neofita chiedo parere a chi è esperto di armi rigate, quanto incide in velocità alla volata 50 mm. di canna in meno? (più o meno) stessa palla stesso peso. grazie esalute e salute atutti.

da carlo48  04/07/2014 10.35

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

E Bravo Filippo, chiaro,semplice e giusto. Quando ho letto dei tracciatori neri mi sono messo a ridere perchè , Cristiano ha ragione i cacciatori sono loro ma è cosi, non si possoo cambiare le regole la caccia in Africa è questa. Riguardo le ricarariche , che non amo, è interessante leggere sigle incomprensibili e nomi strani per chi, come me, non è addetto ai lavori. Riguardo le carabine però NO. leggere di ottusi , anti calibri americani, mi fa sorridere ancora perchè capisco la LIMITATISSIMA esperienza di chi scrive. In quanto alla caccia in Italia agli ungulati diciamo che è una vera propria "manna". Poi se volte fare come Cristiano arrivare più vicino possibile ( se si può è meglio) non sciupare la carne o come patrizio ( distanza record 523 mt. ammazza!!??) che spara a tutte le distazne , se ne fega della carne e caccia in altro modo. Poco importa . il mondo è bello perchè vario. Un Grazie a Cristiano( un vero sportivo ) grazie a Filippo per la sua chiarezza e grazie anche a Patrizio per "il pepe" che mette nei suoi interveti ma si capisce che è un bravo cacciatore. Ma un grandeeeeee grazie a MARCO BENECCHI per la sua pazienza , competenze e gentilezza!! Grazie anche al romagnolo per las ua umiltà.

da Marco  04/07/2014 9.27

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Evidentemente la discussione su calibri, ricariche, tabelle etc. Interessa gli appassionati, non certo i neofiti. Quanto all'approccio diciamo così "etico" suggerito da Cristiano sono d'accordo in parte. Certo occorre misura e equilibrio nei nostri comportamenti, ma perché disprezzare i cacciatori bianchi? In fondo grazie ai loro dollari si sono salvate diverse specie di animali, e molti di quei cacciatori neri non si trasformano in micidiali bracconieri proprio perché sanno che un branco di elefanti - ad esempio- rappresenta un capitale da gestire e non solo una minaccia dei loro raccolti. Anche l'avvicinamento al capriolo, siamo tutti convinti che sia emozionante e difficile, una specie di esame di maturità. Peccato però che in moltissime regioni la selezione al capriolo si possa fare solo da appostamento fisso. Se poi parliamo di camosci ecco che una solida base tecnica diventa necessaria, tenuto conto che si tira a distanze sempre notevoli. Cerchiamo di non assumere atteggiamenti troppo talebani...

da Filippo 53  04/07/2014 7.01

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Certo Tiroler , hai ragione , sono solo i più comuni.
Volevo solo dire che specie rivolgendosi a dei neofiti vorrei che l'ambito della discussione fosse incentrato più su altro che non armi , calibri, dosi , palle , polveri .
Sono solo convinto che il grosso del lavoro vada fatto su noi stessi.

Ma forse sbaglio io ...

da Cristiano montano  03/07/2014 21.19

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

è arrivato...

da C F  03/07/2014 20.41

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Mi piace il tuo approccio, solo non sono d'accordo sui calibri americani. Qui abbiamo tutti i calibri per cacciare al meglio(dal 5,6x50 al 416 rigby). La caccia secondo regole comportamentali e di rispetto l'abbiamo "inventata" noi europei, non certo i cow boys che reputano bizzarri e inutili tutti i riti che noi pratichiamo di tradizione(quand'anche li conoscano). Andare a caccia non è sparare o, meglio: sparare è solo il penultimo atto di un rito. WH

da tiroler x cristiano montano  03/07/2014 20.39

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Cristiano, ti chiedo scusa ma mi sembri uno squilibrato ! ma sei sicuro di stare bene? fai cosi , vai a nanna e domani mattina rileggi tutto con calma. Ok? Buona notte a ... io sto con l'uomo bianco!

da cercatore di funghi  03/07/2014 19.58

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Amico neo cacciatore selettivo provo a darti qualche personalissimo consiglio per cominciare questa nuova grande avventura che spero ti porterà grandi soddisfazioni.

In primis , ricorda che il fine ultimo di ogni azione di caccia deve essere il consumo alimentare e che tutto il resto altro non è che un mezzo per arrivare a questo , tradotto, se non lo mangi o non lo fai mangiare in condizioni ideali , lascialo vivere.
Compra una carabina in calibro adatto al selvatico che devi insidiare , i calibri del signor winchester , 243 , 308, 300, 270, sono sufficienti per tutto quello che si muove in europa, tutti gli altri , pur ottimi possono venire in seguito.
Spara! Frequenta un poligono con assiduità , abituati allo scatto, al rinculo, e trova le cartucce anche commerciali che la tua arma preferisce.
Hai bisogno di sparare costantemente nel Moa, almeno 3 cm a 100 metri, almeno 10 cm a 300 .
Considera che lo spazio utile per colpire un Capriolo è non più di 10 cm di diametro compreso tra la fine della scapola e l'inizio del rumine , che non andrà mai colpito!
Compra un buon coltello e impara subito ad affilarlo con cura, fatti insegnare subito a pulire tutto ciò che uccidi , prima con l'animale posto sulla schiena , solo dopo potrai farlo da appeso.
E' il modo migliore per conoscere l'anatomia interna degli animali , e vedere gli effetti della palla.
Sulle ottiche , fidati , nessun compromesso...
Cura l'abbigliamento , silenzioso , con un mimetismo adatto ai luoghi che frequenti, e impara ad usarlo.
Anche fuori dalla stagione venatoria , sei bravo se arrivi a 20 metri da un Capriolo senza farti avvertire , sei molto bravo se riesci a venire via da un Capriolo a 20 metri senza farlo fuggire.
Non cercare scorciatoie, non affidare alle armi abilità che non hai ancora.
Studia , impara la biologia, l'etologia, l'anatomia , quando spari devi sapere esattamente dove si trovano gli organi interni , in caso contrario , non sparare.
Tieni presente che con un Cervo adulto si fanno 1000 ( mille) hamburger di altissimo valore nutrizionale per una scuola, ma solo se hai fatto tutto bene.
Considera il trofeo una cosa importante ma ricorda che è un mezzo , per tutta una serie di valutazioni ed ti ricorderà momenti meravigliosi , ma non è mai il fine.
Quando un animale è a terra sii soddisfatto, ma non festeggiare , non c' e' niente di allegro in un animale morto. E non gioire sguaiatamente ,non hai fatto gol , non ha vinto nessuno
Scegli da che parte vuoi stare...
Hai presente i bellissimi video dei safari africani...tieni presente che i Cacciatori di solito sono quelli con la pelle più scura , gli altri , spesso, sono " gente che spara agli animali".
Per come la vedo io a volte valgono meno della loro preda.
Decidi da che parte stare...

da Cristiano montano  03/07/2014 18.43

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

aaahhh per me e' come se fosse antani con la supercazzola con scappelamento a sinistra bitumato per due !
pero' vedo che si divertono tanto !
Sono contento per il Benecchi che finalmente ha coronato il suo sogno .

p.s. .......e' tutta invidia, non ci fate caso !

da grillo parlante per cristiano  03/07/2014 14.20

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Salve Leonardo non mai provato la TTSX da 120 grani pero' ti posso dire che con la N160 ho ottenuto risultati molto altalenanti in base alla marca di proiettile. Per esempio, la Speer Hot-Cor da 120 grani andava molto bene con velocita' superiori ai 900 m/s e buona precisione mentre con la Ballistic Tip non sono riuscito a cavare un ragno dal buco. Rosate accettabili ma anni luce peggiori di quanto ottenuto con la IMR4350. Ho provato a modificare di tutto ma alla fine ho lasciato perdere.
Una cosa che notato con questo calibro e' che conviene avere due polveri della stessa marca e vicine come vivacita' in modo che se non ti soddisfa una l' altra andra' almeno bene. Nel tuo caso, visto che hai la N160, proverei una tra N550 ed N560. I miei accoppiamenti preferiti sono: Norma URP/MRP, VV N550/N560, IMR 4350/4831, Hodgson H4350/H4831sc. Magari prima di comprarne qualche Kg vedi se trovi qualcuno disposto a barattare un po' della tua N160 con altrettanta N550 o N560....

da Flagg x Leonardo  03/07/2014 14.19

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Flagg ti si legge volentieri perchè si sente (te come altri) che ne avete ad iosa di esperienza da "vendere".
Stà di fatto che solo grazie al sistema Mauser della bolt non ho preso tutto sul viso,mentre con la spitzer della Sierra tutto era sottocontrollo (visivamente)
Non ti riporto la dose "incriminata"....per senso di responsabilità e un pò di vergogna (con la vv140 il 270w-130gr è un'eresia anche con il proietto tradizionale )
Esperienza Esperienza e a volte non basta...ma 3-4 anni fà pensavo di "domare" il mondo !

ciao

da Massimiliano  03/07/2014 13.06

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Salve a tutti vorrei aprofittare della vostra esperienza per chiedere delucidazioni su alcune ricariche per il 6,5x55:
ho provato a caricare delle cartucce nel suddetto calibro sia con barnes ttsx che hornady gmx entrambe da 120grs ottenendo delle rosate orribili con entrambe le palle sia in una r93 che in una zkk600 , mentre con le tsx da 130 le rosate sono ottime.
Ho usato polvere n160 (ma ora non ricordo le dosi provate), bossoli lapua e inneschi federal gold medal.
Qualcuno ha provato queste palle in questo calibro?
Che risultati ha ottenuto? E con quali dosi?
Grazie infinite a chi vorrà rispondermi.

da Leonardo  03/07/2014 11.32

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Grazie ... :)

da OLD_Hunter x Flagg  03/07/2014 11.30

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Come puoi evincere dalle tabelle puoi usare le stesse dosi di partenza sia per la A-Frame che per la TSX. Ad esempio con la N550 puoi partire da 44-44.5 per entrambi e salire per gradi di 0.5.
La dose massima per la TSX e' piu' bassa ma devi sapere che la VV ha modificato pesantemente i suoi manuali nelle ultime due edizioni per tutti i proiettili, per alcuni tipi poco e per altri di piu', abbassando i dosaggi massimi senza annunciare alcun cambiamento di caratteristiche delle sue polveri. A loro non interessano le prestazioni che puoi ottenere tu ma solo vendere le polveri e non avere grane.........
I dati per le cariche massime sono, per mia esperienza, utili ed indicativi ma non sono una regola in quanto ci sono troppe variabili: capienza dei bossoli, preparazione dei bossoli, vivacita' effettiva del lotto di polvere, innesco, camera di cartuccia, lunghezza della cartuccia e modalita' di inserimento del proiettile nel bossolo, giusto per citare quelle principali.

da Flagg x Massimiliano  03/07/2014 11.02

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Io lo so da 40 anni....
Mi farebbe piacere che lo sapessero e RICORDASSERO tutti.
In particolare i principianti!
Ciao
M

da Marco x Flagg  03/07/2014 10.55

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

La capienza dei bossoli e la preparazione dei bossoli sono le prime e fondamentali cose. Conoscendo la capienza dei bossoli poi si puo' fare direttamente il paragone con le dosi di ricarica ufficiali in base alla cosiddetta densita' di caricamento. In particolare i produttori americani quali Nosler, Barnes etc. dichiarano sempre questo parametro.

da FlaggxMarco  03/07/2014 10.31

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Ha ...io rimango.
...non ho parole ..

da Cristiano montano  03/07/2014 10.01

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Grazie Carlo ... !
Hasler, adesso mi ricordo pure io ... Sai, l'età ... :)
Eddio, una 112 in un .270 WSM, altro che 1.000 m/s !!! Ne faccio serenamente 950 con una 140 grs, con una 112 penso che si potrebbero passare tranquillamente i 1.100 /1.150. Però penso che ci sarebbe parecchio da lavorarci su per trovare una carica giusta.
Mi chiedo, poi, che senso avrebbe : già di suo è un tiro tesissimo, per mia indole evito (se posso) tiri oltre i 300 mt ... Mi va già bene così !
Certo che hai stuzzicato l'animo dello sperimentatore, accidenti a te !!! :) :) :)
Provalo, il .270 WSM, a mio avviso è il più intelligente della serie short magnum.
E vedrai che non userai altro !

Eh, Marco, lo sappiamo entrambi che bisogna sempre inventarsi qualcosa di nuovo se si vuol "sopravvivere". E poi, il Vittorio è quello che io definisco amichevolmente "un simpaticissimo masnadiero", e dimmi di no, se ne hai il coraggio !!!

Un abbraccio a tutti da Walter

da OLD_Hunter  03/07/2014 8.16

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Old, Vittorio Giani (penso ti riferissi a lui) sul 7x47 usa palle hasler, in particolare le nuove "ariete", palle a espansione. La hasler produce palle monolitiche "sottocalibrate" con corone di forzamento, questo permette di usare polveri più vivaci ed aumentare le velocità tenendo comunque le pressioni sotto controllo. Pensa che nel 7x47 con palle da 112 gr. supera tranquillamente i 1000 m/s.
Pensa nel tuo 270 wsm, una palletta da 112 gr che missile diventerebbe......
Saluti........ comunque il 270 wsm intriga anche me, mi sa che prima o poi.........

da da Carlo x old  03/07/2014 7.39

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

11° Edizione
cal.270
gr 140 A-Frame Swift 82,0 3,228 N550 2,63 40.6 758 2487 3,08 47.5 859 2818
N560 3,12 48.1 789 2589 3,60 55.6 888 2913
N165 3,05 47.1 790 2592 3,59 55.4 867 2844

gr 140 TSX Barnes 81,5 3.209 N550 2,44 37.7 737 2418 3,01 46.5 860 2822
N560 3,12 48.1 798 2618 3,48 53.7 882 2894
N165 2,90 44.8 772 2533 3,42 52.8 862 2828

....un pò meno di polvere

da Massimiliano  03/07/2014 7.10

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Caro Walter il buon Vittorio, come gli dissi persopnalmente a Longarone con te presente, non è che ha scoperto "l'acqua calda".
Lui (e fa bene, perchè no!) è sempre alla ricerca di qualche novità da "vendere", ma ormai chedo che se nessuno è capace di inventarsi una palla ntelligente, magari filoguidata come un missile TOW (che usavo a militare) credo che le migliaia di munizioni sul mercato sono più che sufficienti per ogni essere vivente....
Vittorio ormai usa solo le Barbess TTSX, visto che gli pemettono di avere una GRANDE PENETRAZIONE da una palla relativamente leggera.
Questo è quanto!!!!

Un'altra cosa che NESSUNO DI VOI ha mai detto....
Un "piccolo" problema che nessun lettore ha mai sollevato......
Ma vi siete mai chiesti perchè le munizioni ricaricate possono essere MOLTO più potenti delle originali?
Vi siete mai chiesti se i tecnici-dirigenti di tutte le grandi case costruttrici di munizioni sapessero con esattezza in che stato sono le armi dove le loro munizioni andranno utilizzate???????

Si fa presto a dire a me è successo questo o quello....
Io chiederei: In che arma? Era in buon condizioni? la canna? L'azione? Era semiauto, ad otturatore o a leva?
Quando qualcuno viene da me è mi chiede di caricargli delle bombe amano, io mi faccio garantire in che fucile andranno tirate, perchè c'è una bella differenza tra la chiusura a tre tenoni di un Mauser K 98 da quella di una BAR a testina rotante da quella di un Browning BLR o di un monocanna Baikal.....
Come ad esempio ricaricare le 9,3 x 62 per tirarle in una CZ 550 FS o in una BAR in lega.....
Occhio!!!!
M

da Marco x Old  03/07/2014 6.25

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

ohhhh ragazzi....e un l'ho sognato il botto con la monolitica col "solco"(conservo sempre il bossolo esploso) : domani vi riporto dosi (da manuale ) con VITH.160 e le differenze di dosaggio a parità di proietto (grani) .
PS: i Bossoli erano i soliti ...Norma

un sò genio ma nemmeno bischero bischero @:))))))))))

da Massimiliano  02/07/2014 21.20

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

A proposito di monolitiche ...
Ti ricordi forse che palle monolitiche montava il Vittorio sul nuovo 7x47 ? Mica brutto, almeno come idea.
Eravamo assieme, a Longarone, mi sembravano interessanti, ma accidenti a me se mi ricordo quali fossero.
Tu che sei più giovane ed hai buona memoria ... :)
Un abbraccio grande
Walter

da OLD_Hunter x Marco  02/07/2014 21.15

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

A parte che la 4350 è una GRANDE polvere che adoro (e uso con parsimonia ... Non la trovo facilmente) devo darti atto sulle NUOVE Barnes, quelle coi solchi di forzatura, ma NON sulle vecchie Barnes, quelle "liscie", lì le pressioni salgono, eccome !!!
Così, nel dubbio, meglio ... mettere in guardia !
Io uso da tempo quel fantastico programma che si chiama Quick Load, che consiglio CALDAMENTE a tutti i ricaricatori : costicchia, non tantissimo, siamo sui 160 €, lo trovate purtroppo solo sul sito della Frankonia, ed è in inglese, ma è ecccccezzzziooonale, ti dà tutte le informazioni possibili, compresi i diagrammi delle pressioni.
Ebbene, se provi a inserire i dati per una palla "normale" e poi per una monolitica ... Vedrai che differenze ! Anche con le TSX.
Dove hai trovato le GS Custom ? Ne ho sentito parlare, ma non ho mai avuto l'occasione nemmeno di vederle.
Un abbraccio da Walter

da OLD_Hunter x Flagg  02/07/2014 21.10

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

I BOSSOLI SONO DA TENERE D'OCCHIO.
Non le palle.
OCCHIO alla capienza dei bossoli.
TUTTI QUELLI DI PRODUZIONE EUROPEA hanno spessori maggiori e quindi meno capienza e possono generare sovrappressioni pericolosissime con le dose massime.
Occhio agli RWS (i più critici) ai GECO, ai S & B ai Lapua, MEN, HP, etc.
Eccezione per i Norma
Tranquilli con WIch, Rem Federal, PMC.
Un saluto
Marco

da Marco BENECCHI x FLAGG e tutti i ricaricatori!!!!!  02/07/2014 20.51

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

RAGAZZI...
SE CONTINUATE COSI' MI FATE COMMUOVERE................................
Non è che per caso riamo riusciti a creare il Blog perfetto?
Fin'ora, almeno su questo pezzo, nessuna offesa e nessuna altra stupidaggine gratuita.
Incrociamo le mani.
Bravi!!!!
M

da MARCO BENECCHI X TUTTI  02/07/2014 19.39

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

BRAVISSIMO OLD !!!! ATTENZIONE AL DOSAGGIO MONOLITICO !!!!

esperienza mia personale su 270w - monolitiche da 130 grani TTSX con stessa dose di Spitzer Sierra sempre 130 grani...............meno male che il sistema Mauser è e rimarrà unico.
Potrei allegare foto del bossolo enormemente rigonfiato e relativo innesco espulso a giro nel sistema di otturazione con boom terrificante !!
Andata bene.Preso del bischero dal direttore di tiro del poligono ..ma tutto integro...Controllando dosi su catalogo Vithavuori,poi,da sciocco sciagurato neofita quale sono,ho appurato che le monolitiche richiedono 2-3 grani in meno di polvere.(Bastava un pò di ragionamento,essendo più lunghe per arrivare al peso,le mono,prendono più posto facendo diminuire la "camera" tra polvere e proietto )

da Massimiliano  02/07/2014 16.50

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

OLD_Hunter fidati. In questo caso SPECIFICO e' cosi'. La IMR4350 va bene con le stesse dosi a partire da 44-44.5 grani e salendo di volta in volta di 0.5 grani.
Quello delle alte pressioni era essenzialmente un problema delle vecchie Barnes X che non avevano i solchi per allentare la pressione. Le voci si propagano rapidamente in internet ma spesso si perde il messaggio originale.....
Anzi ti dico di piu' se ti prendi la briga di misurare con precisione le Barnes TSX moderne vedrai che oltre ai solchi sono anche lievemente sottocalibrate. Ad esempio, ho misurato la .308 da 150 grani essere effettivamente e costantentemente intorno a 0.3075". Mai veramante .308".
Con le recenti monolitiche le dosi di partenza possono eesere le stesse dosi intemedie specificate dai vari produttori nei loro manuali delle paripeso in piombo e solo nel caso peggiore la dose massima sara' lievemente piu' bassa.
Personalmente ho usato per un periodo le monolitiche africane GS Custom da 110 grani in 6.5x55 che invece sono l' esatto contrario!! Sviluppano pressioni piu' basse in TUTTI i casi rispetto alle pari peso in piombo. E' particolari nel disegno, ha un eccellente coefficiente balistico (migliore della BT da 120 pur essendo piu' leggere, con rivestimento antifrizione) e soprattutto disegnata appositamente per il 6.5x55 e non per i 6.5 mm in generale, tanto che e' lunga quanto una Partition da 140 grani e va benissimo con il passo di rigatura veloce della maggiorparte delle carabine in tale calibro. Le menziono giusto per la cronaca e non adagiarsi troppo su certi luoghi comuni....

Ciao

P.S.
Circa la Ballistic Tip da 120 grani in 6.5x55 voglio dire un' ultima cosa che ho visto nella pratica sui caprioli. Quando si ha un impatto a velocita' elevata e/o incontra immediatamente ossa robuste di solito il foro d' ingresso e' granadicello ma la penetrazione e' sempre totale ed il foro d' uscita davvero minimo.

Ciao

da Flagg x OLD_Hunter  02/07/2014 16.11

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

No, no ... ATTENZIONE !!!
Con le monolitiche BISOGNA SEMPRE ABBASSARE LA DOSE, e nemmeno di poco !
Esperienza personale, e c'è anche scritto da tutte le parti.
Un abbraccio da Walter

da OLD_Hunter x Flagg  02/07/2014 15.52

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Caro OLD Hunter, finalmente qualcosa di concreto!
Dunque: riguardo il 6 Frères mi sono sbagliato, sono undici e non dieci le stagioni di caccia che ci ho fatto. Avendo in casa una miriade di calibri (6,5x68, 270W, 300WM, 7x64, 8x68, 5,6x50R, 222, 7Remington, 257 e 300WBY, e forse ne ho dimenticato qualcuno) penso che se non mi avesse dato risultati eccellenti lo avrei messo a riposo... Proprio dalle tue parti (Tirolo italiano e austriaco) ne ho fatto un uso intenso e di grandissima soddisfazione. Nel mio leggerissimo K95 fa miracoli (almeno per un tiratore modesto come il sottoscritto). Non so se frequenti la Val Passiria (se preferisci, Passeiertal); il precedente Rettore della Riserva di Moso mi conosce bene, e sa quanto il calibro in questione si sia dimostrato efficace. Ovviamente parlo di camosci, e palle BTip o TMantel. Non so come si comporterebbe oltre i 350 metri (mio limite) ma fino a quella distanza non perdona. Per non parlare dei caprioli: in Ungheria ne ho tirati molti con il 6x62, e tutti sono caduti sull'ombra.
Palle Nosler: sono d'accordo in parte. Una Partition da 100 grs. in calibro 243 su un capriolo, colpito perfettamente, non gli ha impedito di fare un centinaio di metri, tanto che è rientrato nella macchia e abbiamo faticato non poco a trovarlo. Era stato colpito in piena cassa. Inoltre la Partition ha la punta in piombo esposta, e mi fa effetto tirare una cartuccia con la punta deviata... Trovo che la H Mantel sia molto simile e non ha questo difetto.
Per quanto riguarda il costo mi pare evidente che si tratti di un problema secondario, tenuto conto che nell'arco di una stagione gli ungulati (almeno per me, ed esclusi i cinghiali) difficilmente arrivano in doppia cifra. Dunque, salvo lunghe sedute al poligono, le spese saranno comunque trascurabili.

da Filippo 53  02/07/2014 15.43

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Ho trovato solo un punto d' impatto un pochino diverso in deriva ma in alzo sono equivalenti. Questione veramente di pochi millimetri di differenza tra i centri di rosata volendo spaccare il capello.
La polvere con cui ho ottenuto i migliori risultati, specialmente con la BT, e' la IMR 4350. In alternativa mi sarebbe piaciuto provare la Norma URP ma le polveri Norma non vengono importate in UK purtroppo, solo le cartucce! In Italia non si trova ovunque ma sono certo che viene importata.
Per la ricarica ho preso spunto dal (vecchio, 3 o 4 edizione non ricordo adesso) manuale Nosler ed ho finito per fare (o meglio, far fare perche' le ricarica un amico per mio conto): BT 120 sopra 45.5 grani di IMR4350 e cartuccia finita a 77 mm esatti. Nella mia carabina si incominciavano a vedere segni di alta pressione a 46.5 grani. 45.5. grani dovrebbe essere sicura in tutte le carabine moderne, se tutto il resto e' ok. Con 45.5 grani ho ottenuto la migliore precisione ed 890 m/s in media in canna da 60 cm. Con la Partition le dosi e le velocita' rimangono praticamente invariate (cioe' dose finale intorno a 45.5 grani e V0 circa 890 m/s) quindi puoi partire traquillamente da 44-44.5 grani di IMR 4350 a salire di mezzo grano per entrambi. La BT e' piu' precisa mediamente, con la carica migliore veramente si riesce a fare un buco nell' altro, ma la Partition non scherza affatto ed ho trovato non veritiera la diceria sulla sua scarsa precisione.
Per la caccia ai caprioli ed altre animali di peso inferiore a 60-70 Kg anche io ho trovato la Partition da 140 grani buona ma non entusiasmante. Viste le velocita' tipicamente non esuberanti del 6.5x55 con questa granitura e laq struttura tenace delle 140 grani tipo Partition o altre bonded penso sia normale. La cartuccia originale Norma con NP 140 grani e' sta la prima che ho usato ed e' eccellente sia come costanza che come precisione ma penso sia meglio per qualche cinghiale o palancone a distanze moderate, diciamo non oltre i 150-180 metri.

Personalmente con la BT mi e' cambiato tutto in meglio, davvero! Va bene, forse il foro d' uscita e' un pochino piu' grande di quello di una normale soft point con punta in piombo ma per il resto non ho visto vedo differenze. Questo appunto lo vedo rilevanante magari per chi vuole preservare il mantello ed imbalsamare ma in termini di carne rovinata non ho visto differenze degne di nota. La BT ha spesso la tendenza a causare ematomi sotto la cute ma si eliminano facilmente congelando quei pezzi di carne e rimuovendo facilmente i cubetti di sangue.

S&L ancora oggi produce. C'e' un nuovo proprietario da alcuni anni. Hanno rinnovato i macchinari ed il disegno dell' azione (ora usano mcchine a controllo numerico per fare l' azione che consente l' intercambiabilita' della canne con gli opportuni otturatori) ma i macchinari e metodi costruttivi delle canne sono sempre gli stessi: canne (lentamente) forate dal pieno (utilizzando il tipo d' acciaio piu' adatto a questa lavorazione) con lappatura tiratissima. Tanto che il costruttore sconsiglia vivamente l' uso di qualunque cosa di diverso da un normale olio per la pulizia. La ramatura e' davvero minima e la precisione notevole. Non mi e' mai capitato di ottenere rosate superiori ad 1.25 MOA anche le cartucce piu' economiche da allenamento.
Ciao

da Flagg x Marco  02/07/2014 14.47

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Ciao Marco. Appunto ti dicevo, mi sono fatto corrompere e mi sembra che vadano benissimo(sicuramente al bersaglio). Vedremo i risultati questo autunno sulla bestia(se il cacciatore è ancora buono). WH

da tiroler x Marco B  02/07/2014 14.12

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Le Solid Base non si trovano quasi più ed erano DIVERSE dalle BT, un po' più dure.......
A 100 metri trovi una sostanziale differenza di taratura tra le 120 BT e le 125 Partition?
Io, in diverse occasioni (calibro 7 mm e 308) ho visto che mantenendo uguali tutti gli altri componenti (bossoli, inneschi, dose polvere OAL) la taratura tra BT e P è più o meno identica!!!!
Io, il mio 6,5 x 55 l'ho tarato con le Partition da 140 grani, ma lo usato 2 - 3 volte a caccia.
Non mi entusiasma molto il calibro, gli preferisco sia il 243 sia il 270...........
Complimenti per la S & L...
Da veri intenditori. Mi sarebbe piaciuta in 7 x 61!!!

da Marco B x Flag  02/07/2014 14.07

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Il .270 WSM, a mio avviso, è la "medicina" universale per tutto quel che normalmente insidiamo in Europa. Forse escludendo l'Alce, non so, non ho avuto la fortuna di poterlo cacciare.
Ma, di sicuro, NON con una Ballistic Tip, di moderna o antica produzione che sia, resta troppo mobida. La sua palla di elezione, sempre a mio avviso, resta la Accubond da 140 grs : sufficientemente dura per il capriolo (che trapassa serenamente senza danni) quanto giustamente espansiva anche per il più grosso dei cervi. Ricordiamoci che è una cartuccia che in pratica duplica le energie del 7 Remington ma con un tiro più teso : tarata a 200 mt, a 300 cala solo di 16 cm (provata al Poligono) !!!
Quanto al 6x62, è un calibro "esotico", poco diffuso, ma non per questo ridicolo. Forse, se vogliamo, è un po' "ne carne ne pesce", i creatori hanno cercato di creare un 6mm ipertrofico per caccie alpine a lunga distanza, riuscendoci forse solo in parte.
Il 7x64 a me non piace, è un impianto balistico "vecchio" ma, se non gli si chiede l'impossibile quanto a tiri lunghi, fa benissimo il suo mestiere. Dalle mie parti, è diffusissimo.
Poi, un'altra considerazione, molto personale : a mio modestissimo avviso, le palle RWS, tanto decantate, non reggono il confronto con le pari peso/calibro della Nosler, che ritengo semplicemente insuperabili, anche se costose (ma non che le RWS te le regalino ...).
Un abbraccio da Walter

da OLD_Hunter x Filippo 53  02/07/2014 14.06

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Marco Benecchi ti ha cosigliato le NOSLER PATITION da 200 grani e non le BT.
Se ben ricordo...
Comunque le BT da 8,2 mm - 323" sono strutturalmente diverse dalle 7,62 - 308"
Tutto bene?
Prova le Hornady Interlockt SPBT da 196!!!!
Economiche e micidiali!
M

Per restare in tema CERVO come li ho visti andar giù con l'8 x 68 non li ho visti abbattere da nessun altro calibro.
Oltre ai miei ne ho visti abbattere anche con il 6,5 x 57 R, il 7 x 64, il 7 x 65, l'8 x 57 JRS, 308, 30.06, tanti col 7 mm rm, 9,3 x 62, 9,3 x 74 R 300 WM e 300 Weath M.
Quest'ultimo è quello che "ha sempre lavorato peggio!". Specialmente capi tirati entro i 100 mt trapassati senza nessuna esitazione facevano delle lunghe "volate" prima di cadere.
Troppa penetrazione e troppa velocità a breve distanza non serve.
Saluti
Marco

OGGI montaggio e taratura punti rossi su semiauto. tre, tutte in cal 308!!!!

da Marco B x Tiroler  02/07/2014 14.00

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Le Ballistic Tip in calibro .224, o meglio tutte quelle di calibro inferiore a 6 mm (.243) e le versioni piu' leggere in .243 e .257, non sono palle da caccia. Sono Varmint. Questo e' specificato chiaramente sulla scatola. Quindi gia' tra una BT da 80 grani ed una 90 grani in calibro .243 c'e' molta differenza, non solo i 10 grani di peso. La diversa costruzione si evince anche dalle immagini dello spaccato del proiettile. In primis le Varmint non hanno la cosiddetta solid base (ovvero la spessa base in rame, praticamente un minimonolitica). Solid Base era appunto il nome dell' antenata della BT che ha conservato questo dettaglio costruittivo. L' altra grande differenza tra le BT da caccia e le Varmint e' lo spessore della camicia. Nella versiona da caccia, la camicia aumenta di spessore man mano che si va verso la base. In sostanza c'e' molta differenza.
Riguardo alla BT da 120 grani in 6.5x55 le carabine con cui ho tirato io hanno un passo di rigatura piu' lento dei vecchi 8" (ed anche meno di 8 in alcuni casi). La Schultz & Larsen ha 8.25" e la R93 8.66". La S&H ha poi una canna molto particolare e di qualita' generale sia della canna che del bedding, a mio avviso, molto superiore alla media. Non esiste solo la versione di lusso ma anche quella base (costa come una Tikka T3, approx) tutta sostanza e niente fronzoli.
La Nosler Partition da 125 grani e' la mia alternativa alla BT da 120 in 6.5x55. E' un po' piu' flessibile (ha piu' penetrazione in media) ma costa quasi il doppio e non fa meno danni.

Ciao

da Flaggx Marco  02/07/2014 13.55

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

io credo che a un cervo faccia bene il buon, vecchio 8x68. Fino ad ora ho sempre usato KS o HM RWS8non mi sono mai lamentato), però da quando mi sono fatto corrompere dal Marco Benecchi, me le ricaricano con le ballistic. Crac! WH

da tiroler  02/07/2014 13.32

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Gli abbinamenti orrendi.... calibri ridicoli, altri (mitici) addirittura definiti bidoni.... Che tristezza. Ho detto che aspettavo suggerimenti, non critiche aprioristiche e - queste si - assolutamente ridicole. Quanto al fatto che giro troppo, se permette caro Patrizio mi sembrano affari miei. Se sparo poco che ne sa? Non siamo mai usciti a caccia insieme (e sinceramente non ne vedo la necessità). Ho avuto una volta una 270 Winchester short magnum. Palla BTip 130 grani. Ho tirato un capriolo che ha avuto non un foro, ma un cratere d'entrata. Con questo non posso certo dire che quel calibro, o quella munizione, siano da evitare.
Il 6x62 Frères (che uso da dieci anni) ha fatto morire (non credo dalle risate) diecine di animali, tra cui molti camosci, tantissimi caprioli, (compresi tre siberiani), cinghiali e daini. Lo possiedo (devo essere proprio irrecuperabile) sia in un Kipplauf Blaser (e quindi in versione R) sia in una bolt (una vecchia ma precisissima Blaser 850; su questa, grazie alle ricariche di mio fratello MB, ottengo rosate a 300 metri che hanno dell'incredibile).
Il 7x64 un bidone... IL grande Barnes, nel suo libro leggendario, a paragone del 7 Remington lo definisce "temibile".
Patrizio addirittura mi definisce un neofita. Magari... mi sono invecchiato su queste cose. Tra poco compirò 61 anni, e vado a caccia da quando ho potuto prendere la prima licenza. Ho comprato la prima arma rigata nel 1982.
Sempre disponibile ad accettare suggerimenti, vorrei però un po' più di serietà (e anche di umiltà, io non pretendo di insegnare niente a nessuno, mi limito a descrivere le mie esperienze).
Riguardo al cervo ungherese, debbo precisare che gli tirai una BTip non per mia scelta, ma solo perché fino a un minuto prima stavo insidiando un altro coronato che intravedevo (fra gli alberi) a circa 200 metri. Per quell'uso (ovviamente se fosse uscito al pulito) credo sarebbe stata perfetta. Avevo con me anche delle Partition, da utilizzare per tiri più corti (davano più o meno lo stesso punto d'impatto) ma non ho fatto in tempo a cambiare la cartuccia. Se le cose stanno come dice Flagg (ricordo che quel cervo l'ho tirato una quindicina d'anni fa) si spiegherebbero tante cose.

da Filippo 53  02/07/2014 12.33

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Caro Flagg,
TUTTO DIPENDE DA QUEL CHE SI COLPISCE.
Come già detto è la mia palla preferita, ma la conservazione della spoglia non è il suo forte.
Sono contento che tu sia riuscito a caricare le 120 grani nel 6,5 x 55. Nella mia Steyr Mannlicher io non ce l'ho fatta. Sotto ai 140 grani non fa rosata. Pazienza.
Per ritornare al 270 Weath, io lo uso con le Sp sia originali sia ricaricate e non è certo un "santo".
Nel 257 invece uso le Ballistic Tip per capriolo a lunga distanza e daino, ma se ho la certezza di poter eseguire un tiro preciso miro ai polmoni, molto dietro la spalla. Rompo 3 - 4 costole con abbattimenti fulminei e relativo poco danno. Ma se colpisci le spalle....
L'hai mai vista una BT tirata in un 22-250 o in un 5,6 x 50 RM?

Per quanto riguarda la velocità residua è sempre relativa perchè anche a "bassa velocità", che non saprei come calcolare, del mio 270 W con palle BT, anche se colpiscono un capriolo a 200 metri in una zona "dura" allora non è un bello spettacolo.
Che arma hai in 6,5 x 55? Twist lungo?
Ciao
M

da Marco x Flagg  02/07/2014 12.08

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Marco la ballistic tip non fa molti danni assolutamente se utilizzata alle velocita' d' impatto "corrette". Personalmente ho utilizzato parecchio la 120 grani in 6.5x55 su caprioli e daini (palanconi esclusi) a distanze normeli, entro i 200 metri, ed e' formidabile! I danni, alle velocita' del 6.5 svedese sono gli stessi di una normale soft point. Per velocita' d' impatto corretta intendo una range di velocita' ottimale in funzione essenzialmente della preda e della distanza. Alle distanze a cui spara Patrizio credo che non ci sia di meglio. Al limite si trova altro di equivalente tipo la Hornady SST. 250 metri minimo sono gia' parecchi ed anche in un calibro magnum com il .270 Wby e la velocita' residua sara' gia' scesa parecchio. A occhio, considerando il coefficiente balistico della BT da 130 grani essere 0.43 ed il minor attrito ad alta quota (1000-1500 metri), la velocita' residua sara' dell' ordine di 880 m/s a 250 m per una V0 di ben 1050 m/s!! A distanze supriori ancora meno....

da Flagg x Marco  02/07/2014 11.51

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Se il tuo 270 Weath con palle Ballistic Tip non devasta la spoglia di un camoscio, allora beato te....
Non so proprio cos'altro dirti....
Io il mio camoscio (raramente due l'anno) quando lo-li pulisco, mi vien quasi voglia di cambiare arma e calibro....
Stessa cosa quando ho usato il 257...
Devo ammettere che i miei capi cerco sempre di coplpirli "spalla piena" e non un po' "dietro la spalla".......

Ripeto: di BT ne ho tirate qualche milione e mi ci sono trovato sempre molto bene, ma.........
Guarda se conosci Laszlo l'ungherse, parla l'italiano meglio di me , ed il suo numero è su internet (Lesli Club) chiamalo e fatti dire cosa fanno "a volte" la Ballistic Tip nel normalissimo calibro 270 Winchester sui caprioli e sui cinghiali.....................
Il tuo 270 Weath "qualche etto di carne"?
Le mie nel 270 a volte 1/2 animale!!!
Saluti
Marco

da Marco B x Patrrizio  02/07/2014 10.56

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

devastano la spoglia!!!! a volte penso che voi a caccia di camosci non ci siate mai stati. ma quando mai? dove ? per un etto di carne? ma dico Benecchi vuoi scherzare? io sul mio 270 weatherby uso una BT da 130 e NON DEVASTO NIENTE! sparo a tutte le distanze mio record 523 metri. ma il tiro medio è dai 250 ai 350 metri. sparo da dieci anni la stessa palla ( ho cambiato tre 270 in 10 anni perchè li consumo) ma la palla MAI. e' la migliore di tutte , in tutte le situazioni di meglio non c'è niente se non le seghe mentali! ha scritto bene il simpatico romagnolo. dovete fare informazione ed è giusto cosi.
Filippo, lei gira troppo e spara poco. i suoi abbinamenti sono orrendi. ma degustibus. io ho fatto il mio orso da medaglia sempre con il mio 270 weatherby con palla da 130 BT secco sul posto! 60 metri!! dov'è la difficoltà? il 6x62 freres è tra i calibri più ridicoli al mondo! ( ma i neofiti ci cascano semrpe). il 7x64 un'altro bidone .il 9.3x74 per i leoni? fortuna che ha il perfetto 30.06 , 308 e il 300 WM ottimi calibri tutti e tre. ma sempre con palle della BT !!

da patrizio  02/07/2014 10.44

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Patrizio, spero possiamo darci del tu....
Volevo chiederti subito se anche a me definisci un TECNICO DA LABORATORIO, perchè in quel caso mi toccherebbe rielentarare (per l'ennesima volta) quante paia di scarponi ho consumato in 40 anni di caccia e circa 1200 colpi di carabina messe a segno su bersagli non cartacei.......
POI..........
Come ho scritto nel mio primo intervento di questo blog, la carabina in foto, quella con la calciatura "celestina" per intenderci è in calibro 270 Weatherby Magnum che uso ormai esclusivamente solo per il camoscio.
Visto l'OTTIMO TRINOMIO Carabina leggerissima Ultralight, calibro ottica.
Ma devo confidarti a malincuorei che a qualsiasi distanza compresa dai 150 ai 358 mt (il mio camoscio telemetrato più lungo!) le mie Spire Point normalissime da 130 grani "devastano la spoglia" sempre.
Non oso immaginare cosa possanmo fare le ballistic tip.....
Mandami qualche foto, per il mio album di esperienze vissute!!!!
Se tu mi avessi letto in passato, ti saresti accorto che le BT sono IN ASSOLUTO le mie preferite....
Ma a quelle velocità "dovrebbero essere proibite dalla convenzione di Ginevra".
Li uso nel 270 Winchester, con la loro bella Punta Gialla ed ogni tanto mi tagliano in due qualche animale.

PER ROMAGNOLO

Diamoci del tu...
Io MI ESPRIMO SEMPRE per ESPERIENZE PERSONALI, ma non ho pregiudizi.
Quando mai?
Ma perpiacere non venitemo a dare che una Ballistic tip eccelle in penetrazione e "non danneggia" perchè mi verrebbe dal torcermi dal ridere...
Sta di fatto che al caro Filippo con le BT il cervo è andato via soffrendo come una "bestia" per l'enorme ferita SUPERFICIALE che la BT deve aver provocato.
Poi, il cavallo vincente non si cambia??????
La Balistica applicata non è come l'ippica!!!
Non è che se uno un bel giorno abbatte un capriolo (è SUCCESSO!!) con un 375 HH M poi vuole usare solo quello.
Io uso ed ho usato (a migliaia!) le BT dal calibro 224 (punta Arancione) al 30.06 (verde) ma non me la sono sentita mai di andare oltre e di spingerle a grandissime velocità........
nel 243, nel 270 w, nei 7 x 64 e 7 x 65 R mi hanno dato grandi soddisfazioni. Per non parlare del 308 e del 30.06 sul cinghiale. Sono forse tra le prime tre palle chepreferisco, con le SST e le TIG ID Classic.
Ma se a te piacciano...
Come dice il proverbio: Cavallo vincente........????
Marco

da Marco Benecchi x Patrizio  02/07/2014 10.12

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

x OLD Hunter: ho sparato dall'altana, nella quale ero salito in fretta e furia, e quindi probabilmente il cervo mi ha sentito, era in pieno bramito e questo, unito alla sicura messa in allarme causatagli dal sottoscritto penso l'abbia reso ancora più pieno di adrenalina. Comunque l'animale era su un prato in mezzo al bosco, e non c'era nessun rametto che mi potesse ostacolare. Io penso che la palla sia esplosa per qualche dannata ragione.
x Romagnolo: io non penso che non avrei abbattuto il cervo con la BTip; solo che - per la mia personale esperienza di cacciatore giramondo - da allora (e sono passati quindici anni) preferisco usare altre palle. Se cambiassi i calzini come le EVO (che uso da quando sono uscite sul mercato) nessuno mi farebbe avvicinare, e la mia setter mi punterebbe come un vero selvatico.... Scherzi a parte, io da anni uso questi abbinamenti (lo dico solo per la curiosità degli appassionati, non perché ritengo di essere bravo, anzi aspetto suggerimenti):
6x62 Frères BTip / Tmantel, 95 grs.
7x64 RWS EVO
270 Winchester (che uso sul capriolo) H Mantel 130 grs.
7Remington Barnes con punta polimerica (non mi ricordo la sigla)
300WM EVO
9,3x74R EVO (con la quale ho fatto un orso medagliato, one shot one kill).
Per il 30.06 (che adopero solo in battuta al cinghiale) ho trovato eccellenti le TOG della Brenneke.
Detto questo, non ricordo di aver fatto feriti da almeno dieci anni. Invece lo scorso anno ho sbagliato un capriolo tirato con una BTip in 6 Frères, a causa di un fortissimo vento trasversale (animale a 270 metri, ho sbagliato proprio a tirare....)
WH a tutti

da Filippo 53  02/07/2014 9.48

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Grazie patrizio, troppo buono. Benecchi. lei prende tutto troppo seriamente e affermare che la BT non la userebbe per questo o per quello è un suo personale punto di vista ( per il sottoscritto sbagliato) . Il suo amico Filippo , pensa che non avrebbe abbattuto il cervo con la una palla da 180 BT ?? io con sta palla ci faccio tutto e nessun animale mi è mai andato via. Voi fate informazione ed è giusto scrivere un sacco di cose - per me inutili - ma complicate solo le cose. Per andare a caccia serve carattere anche nelle scelte. I cacciatori che cambiano palla come i calzini sono sopratutto quelli che feriscono e sbagliano! Come dice il detto " cavallo vincente non si cambia mai". Federico sfoglia internet e trovi tutto quello che ti serve una APP per la caccia al cervo ancora non esiste ma forse la faccio io.

da Romagnolo  02/07/2014 9.16

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Verissimo !!!
Magari per il .270 Wea sceglierei la sua sorellina Accubond, giusto un po' più dura, per non danneggiare troppo la spoglia. Forse ... O forse è solo una mia pippa mentale.
Comunque sia, NOSLER forever, non c'è al mondo marca migliore.
Un abbraccio da Walter

da OLD_Hunter x Patrizio  02/07/2014 9.10

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Caro Filippo,

Da appassionato di ricarica e balistica (soprattutto terminale) il tuo racconto mi ha molto incuriosito, e ci ho rimuginato su per un bel pezzo, perché c'è qualcosa che non mi quadra.
Lo scenario da te descritto sembrerebbe quello di un'animale colpito da una FMJ con scarsa energia che non da una Ballistic Tip sparata da un .300!
Allora, riepiloghiamo i fatti, innanzi tutto : tu affermi di aver sparato ad un Cervo ungherese medaglia di bronzo a circa 75 mt con una BalTip da 180 in un .300 Wea.
Quindi, diciamo che l'animale pesasse a vivo (e forse un po' in eccesso) circa 300 kg ?
Che la sua cassa toracica fosse larga circa 75 cm ?
Facendo quattro rapidi calcoli stando nella media, supponendo che la palla sia partita a 2950 ft/sec (900 mt/s) a 75 mt essa viaggia ancora a circa 2800 ft/sec, con una corrispondente energia di circa 430 Kg/m. Mica pochi ...
Con questi valori in gioco, se il colpo è davvero piazzato al cuore dell'animale, la palla non può non uscire.
Se avesse colpito in pieno una costola l'avrebbe trapassata e si sarebbe espansa producendo un "frullato" di cuore, polmoni e fegato, e di certo l'animale non si sarebbe rialzato ...
Ho usato estensivamente la BalTip nel .270 Winchester per il capriolo, e MAI mi è successo nulla di simile. Certo, parliamo di caprioli e non di cervi, ma facendo le dovute proporzioni di energie, velocità e masse in gioco, le situazioni sono comunque paragonabili.
Solo in un caso la BalTip non è uscita, lo ricordo ancora benissimo : un capriolo colpito in pieno petto leggermente angolato a cica 120 mt. Crollò sul colpo, all'interno non c'erano più organi ma solo poltiglia di tutto e i frammenti della palla li ritrovai sottopelle nella coscia controlaterale.
Quindi, per tornare al tuo caso, potrebbe essere stato un colpo che ha colpito la spalla decisamente in basso trapassando una parte molto dura, perdendo tanta energia ?
Forse, ma di fatto avrebbe spezzato una gamba anteriore, e non credo sarebbe partito come una freccia galoppando verso i bosco con un'anteriore spezzata !
Tu affermi che l'animale era stato colpito correttamente : se così fosse, PER FORZA ci sarebbe stato un foro d'uscita non solo nel caso di un colpo ortogonale (non esiste cervo di alcuna taglia che dissipi 430 kg in cassa ... !) ma anche nel caso di un colpo angolato che avrebbe prodotto una distruzione inetrna importante, incompatibile con la fuga prolungata.
Oppure la palla è esplosa all'impatto creando solo una ferita superficiale ?
Spiegherebbe la fuga e la mancanza del foro d'uscita, ma difficilmente la morte per emorragia dopo molte ore non essendoci stata penetrazione, e per quanto grosso possa essere stato il cervo, non vedo quale parte sia in grado di far "esplodere" una 180 grs ...
Però tutto questo ragionamento mi fa propendere per una teoria che potrebbe spiegare la dinamica : il dannato ramo !!!
Potrebbe essere andata così : prima di colpire l'animale, hai colpito un rametto (o un'altro ostacolo solido) che ha provocato una destabilizzazione della palla oltre ad una precoce quanto indesiderata espansione (o addirittura frammentazione) della stessa, che quindi va a colpire l'animale con assai meno energia, creando si danni interni tali da portare a morte ma uno shock idrodinamico molto limitato. Ecco la fuga iniziale, quella successiva, la morte ritardata, perché esso non è stato colpito da una palla integra ma da un pezzo della stessa.
Non vedo altri scenari che possano spiegare il fatto : se vogliamo fare una colpa alle eccellenti BalTip è che si espandono e frammentano in maniera tremenda, spesso danneggiando pesantemente la spoglia. Ma creando un tale shock tale che il 99,9% degli animali crolla fulminato sul posto !
Mi sarebbe piaciuto assistere all'"autopsia" di quel cervo, probabilmente avrei potuto darti una spiegazione esaustiva di questo "mistero". Che forse, mistero non è più ...
Un abbraccio da Walter

da OLD_Hunter x Filippo 53  02/07/2014 9.06

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

qui tutti tecnici da laboratorio. il Romagnolo è molto simpatico e devo dire che la BT è ottima e io la uso con successo su molte specie . Io caccio soprtautto in montagna camosci , caprioli e cervi con il 270 weatherby e uso la BT e non ho mai avuto nessu problema! Prescisssssissssima ! un buco dentro l'altro fino a 300 metri! trovatemi un'altra palla che lavori come questa a CACCIA. Romagnolo vai avanti cosi .

da Patrizio  02/07/2014 7.27

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Quoto assolutamente quel che ha scritto Marco.
Specialmente per quanto riguarda le BalTip in un .300 : un controsenso !
A meno che uno non preveda di far tiri a 500 mt (dove le BalTip si espanderebbero mentre le altre no) che è un controsenso ancor maggiore ... !
Un abbraccio a tutti da Walter

da OLD_Hunter  02/07/2014 7.09

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

"""""""""""""""""300 WM il miglior calibro al mondo e balistic tip tutta la vita."""""""""""
Romagnolo, mi puoi spiegare cosa significa?
Migliore al mondo per cosa???

Poi testualmente affermi:: """"""""""Vorrei ricordarti una solo cosa. non sono un esperto, non so ricaricare, non conosco nessun nome di attacchi , polveri, non conosco nessu prepratore di armi, le cartucce me le ricarica un caro amico e non so neppure cosa gli mette dentro, Sparo benino ( almeno credo) diciamo più o meno sono nella media dei cacciatori appenninci. quindi, non posso entrare nelle vostre discussioni tecniche. ma mi appassionano tutti questi differenti approcci.""""""""""""""""""

Almeno sei sincero.

Esistono e non esistono calibri migliori e peggiori invece esistono IMPIEGHI DIVERSI...........
Come per le macchine ad esempio... c'è a chi piacciono i SUV, le grosse berline, le sportive, i fuoristrada, le city car.. ogniuna con i suoi pregi e difetti, ma nessuno si sognerebbe mai di dire questo o quella è la migliore del mondo.
Cerchiamo di fare chiarezza: TUTTI i 300 Magnum SONO OTTIMI in determinati casi (300 HH, WM, Weat, Lazzeroni, Ultra, Blaser, 308 Norma etc...)
Come altri calibri lo sono in altre occasioni.....
Io che ho usato in tutta la mia vita dal 222 fino al 416 per cacciare, posso dirti di essermi trovato bene con certi calibri in determinate occasioni e male in altre......
NON DIMENTICHIAMO MAI che Tutti i calibri abbastanza sostenuti vengono camerati in armi più pesanti, più ingombranti, meno maneggevoli e RINCULO E VAMPA non sono cert piacevoli....
Però il BOTTO forte piace a tutti, il "grosso è bello" non smetterà mai di esistere. E poi vuoi vedere l'estetica, come dice un conoscente, di un 300 Weatherby con quella di una "misera" 270 W.
Brutta.......
Pazienza!
Per quanto riguarda le Balistic tip o Silvertip che sono la stessa cosa, cambia dolo il rivestimento "nero" in lubalon per favorire il passaggio della palla nelle canne e l'aereodinamicità, sono palle SPICCATAMENTE ESPANSIVE.
Io non mi SOGNEREI MAI di usarle in un grosso calibro destinato alla caccia alle grosse specie a pelle spessa.
E quì entra il mio CARISSIMO FRATELLO DUI MACCHIA e compagno di mille avventure Filippo,
Non mi risulta che gli vanno via i capi se usa cartucce ricaricate dal sottoscritto.
Io non mi sarei mai sognato di caricargli il 300 WM con le BT per mandarlo al cervo. Con delle NOSLER PARTITION, RWS TUG, Swift A-Frame, Bear Clawe, Barnes TX, Norma Oryx, Hornady Interloockt SPBT etc le cose sarebbero andate diversamente.......
Le BT servono per scricare tutta la loro energia SUBITO, su animali di medie dimensioni e a pelle tenera.
ECCO A COSA DOVREBBE SERVIRE IL NOSTRO BLOG..................................
Comunque, per ritornare al SINCERO Romagnolo, posso confidarti che al 300 WM preferisco l'8 x 68 e il 338 WM per i grandi selvatici, mentre per lamedia selvaggina (fino a grandi daini palanconi) preferisco il 257, il 270 e il 7 mm RM..... Ma sono gusti personali come dicevo prima......
Un saluto
Marco B

da Marco Benecchi x TUTTI in Particolare Romagnolo  02/07/2014 6.45

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Il primo cervo ungherese che ho tirato (molti anni fa) è stato sparato con una magnifica Colt - Weatherby, in calibro 300 Weatherby, che non è altro che una Sauer 90 marcata Colt.
La cartuccia era una Ballistic Tip da 180 grani, ricaricata. Bene, anzi male: il cervo, un animale magnifico (medaglia di bronzo), tirato a non più di 70/80 metri, sulla fucilata è partito come una freccia. Era al centro di una radura, e al galoppo ha raggiunto la foresta. Confesso che non ho saputo oppormi (come invece avrei dovuto fare!!!!!) al guardia che mi ha rassicurato, dicendo che l'animale era già morto. Così, invece di aspettare il canonico quarto d'ora, per lasciarlo morire in pace, siamo andati subito a vedere dove si era rimesso il cervo. Purtroppo però non solo non era morto, ma addirittura, approfittando della fitta vegetazione (e della quasi oscurità, era l'imbrunire) si è rialzato ed è fuggito di gran carriera senza che potessi tirargli di nuovo. Ho passato una notte d'inferno, come è facile intuire. Fortunatamente però al mattino seguente, con l'aiuto di uno strano bassotto (con un manto chiaro, tipo Labrador!) lo abbiamo ritrovato, stavolta morto per davvero. Tra la prima fuga (dopo la fucilata) e la seconda (quando si è rialzato) aveva percorso quasi un kilometro! Da allora uso le BTip solo su animali non più grandi di un camoscio. Invece per i cervi, ed in generale per la grossa selvaggina, sono passato al 300 Winchester Magnum con palla Evolution RWS.
Questa è la mia modesta esperienza.
Meditate gente, meditate....
PS: l'animale era stato colpito correttamente; non c'era foro d'uscita ed è morto per l'emorragia interna. Con questo si sconfessa anche il detto che se la palla esce non cede tutta l'energia. La mia BTip non è uscita, ma l'animale, che aveva ricevuto un 300Weatherby a poche decine di metri, non ha minimamente accusato il colpo. Misteri (almeno per me) della balistica terminale.
PPS: se chi li conosce vuol darmi i riferimenti precisi per il cervo che vorrei tirare glie ne sarò grato

da Filippo 53  01/07/2014 18.31

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

180 --- distanze 20 metri fino 400 metri --- tipo di terriotorio secondo la specie --- diciamo dalla pianura alle Alpi. Va benissimo su tutto. Vorrei ricordarti una solo cosa. non sono un esperto, non so ricaricare, non conosco nessun nome di attacchi , polveri, non conosco nessu prepratore di armi, le cartucce me le ricarica un caro amico e non so neppure cosa gli mette dentro, Sparo benino ( almeno credo) diciamo più o meno sono nella media dei cacciatori appenninci. quindi, non posso entrare nelle vostre discussioni tecniche. ma mi appassionano tutti questi differenti approcci. Buona serata

da Romagnolo  01/07/2014 16.03

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Chiedo scusa Romagnolo, vorrei qualche dettaglio in più riguardo l'accoppiata che ha appena citato, 300wm/ballistic tip .
Particolari tipo peso di palla , distanze di tiro , specie ingaggiate , tipo di territorio...

Ha ragione , il 300 wm è un impianto notevole.

Grazie .

da Cristiano montano  01/07/2014 15.20

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

300 WM il miglior calibro al mondo e balistic tip tutta la vita. Filippo, in tutti gli ATC citati è VERA CACCIA.


da Romagnolo  01/07/2014 14.44

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Era soprattutto una curiosità, non avendone mai sentito parlare prima.
Si, verso l'Austria era quel che immaginavo ...
Grazie, ma come sai i recinti ... mi interessano poco !!!
Un abbraccio
Walter

da OLD_Hunter x Marco  01/07/2014 12.38

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Al confine con l'Austria c'era un signore che aveva solo cervi...... Non tanti ma roba bella.
Se ti interessa mi faccio dare gli estremi da un mio amico che c'è stato.
M

da Marco x Old  01/07/2014 12.09

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Recinti in Slovenia ?
Dove ?
Non ne ho mai sentito parlare, sono curiosissimo : mi dai qualche indicazione sul dove ?
Grazie, un abbraccio
Walter

da OLD_Hunter x Marco  01/07/2014 11.01

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

per MB: dimenticavo di aggiungere, ma tu lo sai bene, che l'accoppiata 300WM / EVO mi ha dato risultati eccellenti in mezzo mondo (Alce - enorme! - in BC, Ibex in Kazakhstan, cervi ungheresi, mufloni, etc...). Una cosa invece debbo dirla: mi è capitato di tirarci una femmina di capriolo e, nonostante quanto sento dire (e leggo, anche su questo blog) l'effetto sulla spoglia è stato devastante, e ci sono rimasto davvero male.
Tanta salute

da Filippo 53  01/07/2014 9.10

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

x MB: se non ricordo male anch'io ero presente a quell'abbattimento di un giovane verro, e confermo che la palla non è uscita. Ma l'animale non ha fatto un centimetro... E' vero che era tranquillo, ma cosa chiedere di più ad una munizione? Tutti cerchiamo (o dovremmo farlo) di abbattere le nostre prede nella maniera eticamente più corretta, evitando inutili sofferenze, e curando, per quanto possibile, di limitare il danneggiamento della spoglia. Caro Marco, in quella circostanza sai bene che sia l'immediata morte, sia il modesto danno alla spoglia sono stati innegabili.
Quanto ai recinti, ho detto che volevo tirare un calvo di cervo, ma possibilmente in un'azione di caccia come si deve... In questo do ragione a MB: o parliamo di recinti di centinaia di ettari, oppure la carne la vado a comprare!!!!

da Filippo 53  01/07/2014 8.44

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Carissimi,
Chiariamo subito che ci sono recinti e recinti....
COME SPESSO ho ricordato e sottolineato, il recinto lo ammetto per il cinghiale in battuta con CAPI DI CATTURA come occasione "rara" di ritrovo tra amici e/o come evento mondano.
Non a caso i "recinti" sono nati proprio per questo, vedi le varie tenute presidenziali come CASTEL PORZIANO e SAN ROSSORE.
SONO ENORMI, .... MA PUR SEMPRE RECINTI.
Cacciare un capo dal Brunelli, che conosco e saluto, il buon Luciano, è come andare in un asilo a picchiare i bambini e poi sentirsi come un esperto di arti marziali.
Ci sono andato una volta con un amico arcere e ancora mi devo riprendere....
Non me lo fate descrivere per cortesia................

Ho accompagneto per 20 anni cacciatori alla Vacchereccia del grande Leonardo Chiri .
Selvatici presenti daini, mufloni e cinghiali. Era un recinto meraviglioso, ma di 500 - 600 ettari.
Potevi anche non vedere nessun animale in due - tre giorni di caccia.
Ma di "recinti" così credo che ce ne siano rimasti pochi.
Caro Filippo, se vuoi fare un vitello, da Perugia ti consiglierei di andare in un ATC italiano ricco di ungulati come appunto quelli suddetti, oppure recarti in Austria o Slovenia dove ancora ci sono dei recinti meglio organizzati.
Un caro saluto
Marco

NB Dimenticavo...
Ho accompagnato un carissimo amico, quasi "fraterno" una sera ad un aspetto "in libera" non recinto al cinghiale. Anche lui ha usato una Blaser in calibro 300 WM con palle RWS EVO.
E devo dire che non mi hanno molto entusiasmato, visto che il cinghiale colpito (circa 70 - 80 kg) ha trattenuto in cassa la palla in oggetto..........
Cosa non molto bella peruna munizione destinata a selvatici molto più grossi e coriacei...
Una buiona palla calibro 270 Winchester lo avrebbe trapassato 9 volte su 10!!!!!
Bho......

da Marco Benecchi x Filippo e Romagnolo  01/07/2014 8.21

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

ovunque in Emilia Romagna ( Bologna BO3) e (Forli FO5 ) Tsocana ( Pistoia 16) poi ci sono altre realtà che non conosco. Se è solo per la carne vai nel recinto da Brunelli vicino Firenze. Se no chiedi a Marco Benecchi lui ne saèrà molto di piu.

da Romagnolo  01/07/2014 7.07

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Salve a tutti. Non entro nel merito della discussione, già abbastanza accesa. Dico solo che qualche cervo l'ho tirato e per me il binomio 300WM / RWS EVO è eccellente. Un cervo è caduto a 286 metri, non riuscimmo ad avvicinarci di più. In un altro caso invece l'ho tirato a trenta metri e anche questo è caduto dopo pochi passi. Parlo di cervi ungheresi, in pieno bramito.
Vorrei tirare (ovviamente tra qualche mese) un calvo di cervo per scopo alimentare. Vivo in Umbria e ancora la consistenza dei cervi non ci consente il prelievo. Dunque chiedo cortesemente se esiste la possibilità di tirare una femmina o un giovane, nel prossimo autunno, in Appennino.
Grazie e in bocca al lupo a tutti

da Filippo 53  01/07/2014 6.40

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Parlando delle Winchester, onestamente penso che tu .... abbia avuto sfortuna !
A parte la mia che và da Dio, conosco tantissime persone che usano Winchester e Browning con grande soddisfazione.
Oddio, in effetti, alcuni anni fà (una decina ?) c'è stato un momento in cui esse non erano all'altezza, questo è vero, ma le ultime produzioni (da almeno 5/6 anni) sono assolutamente dignitosissime.
Poi, ognuno sa le sue e le racconta, il blog serve a questo.
Quanto alla CZ, nulla da ridire, l'avevo ben che dichiarato.
Sugli attacchi, possiamo litigare fino a domattina : non tanto per il prezzo, quanto per il fatto che, ribadisco, preferisco una bella base monopezzo dove l'ottica posso metterla esattamente dove voglio io, non ... dove mi stà !!! Cosa che, converrai anche tu, con gli attacchi in due pezzi spesso non è possibile.
Se tu mi dici che se ne trovano a volontà, non posso che crederti : sarà che io guardo altre tipologie di fucili e magari non li vedo. E poi, ho la mania di comprare sempre roba nuova. Forse sbagliando.
Quanto al discorso di Donna Nadia .... Beh, sai che da me troveresti sempre asilo politico !!!
Per finire, qui da me le cartucce in .222 davvero non le trovi facilmente, e sono care.
Le .223 te li tirano dietro, specie le ultime Fiocchi da 55 grs Full Metal, le porti via anche per meno di 25 euro la scatola da 50, e ti garantisco (per averne bruciate un bel po') che valgono ben più di quel che costano. Altrettanto non si può dire delle citate Barnaul o Ingman, questo è vero.
Questo sempre se non si ricarica, ovviamente.
Poi, se vogliamo "fare la punta alle matite", le canne del .222 hanno sempre passi piuttosto lunghi, che non stabilizzano palle pesanti (lo dici anche tu nel tuo speciale, se ben rammento ...) mentre i .223 recenti hanno tutti canne con passo in 9, che stabilizza benissimo anche una 69 grs. Se c'è un po' di vento, anche in poligono, la differenza si vede, eccome.
Si, è vero, di mestiere faccio l'informatico.
E per passione (come la tua di Armaiolo) studio ricarica e balistica.
Avevo pensato di mettermi a fare l'armaio, ma qui .... manca la materia prima !!!
Un grande abbraccio, come sempre
Walter

da OLD_Hunter x Marco  30/06/2014 19.03

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Caro Walter,
Cominciamo per ordine...
Delle suddette "vecchiette" ne trovi a GO GO...
Ed anche a prezzi buoni, potrei elencarti diverse armerie che le hanno tutte e in ottimo stato:
Piovanelli di Lonato, Paoletti di Arezzo, DIMAR di Arezzo, La Storica di Arezzo, Dal Balcon, Chemello di VI, Redolfi di Marcheno, La Balistica di Perugia, Excalibur di Milano, Rossetti etc...
Ti ho detto Krico, Anchutz, Tikka, Steyr Mannlicher etc perchè le ho VISTE ma non posso star sempre a comperare fucili altrimenti un bel giorno donna Nadia mi fa trovare fuori dal cancello di casa tutti gli altri 50, compresi i 6 cani e tutti i trofei!!!!!!!!!!!
La vedi la differenza che c'è tra me e te?
Che tu fai l'impiegato ed io invece l'ARMAIOLO, Come ben sai.
Gli attacchi ORIGINALI CZ iperdedicati costano in armeria PREZZO PIENO 70 - 75 euro, di solito te li lasciano anche a meno. Se per te è uno sproposito........
Io maneggio non so quante decine e decine di armi l'anno e devo dire che trovarne una che spari male è diventata una rarità. In tutta la mia vita, le peggiori (sarà stata una coincidenza) sono state proprio due Winchester. Una Fightwather e una Super Grade
Roba da spaccarle addossso ad un albero! Una 243!!!!!!!!!!!! e una 300 WM.
Mi hanno fatto impazzire, e mi sono dovuto arrendere, e cosa GRAVISSIMA, senza riuscire a capire il perchè delle loro rosate anomale.
Le CZ, con un minimo di "accuratizzazione" sono le MIGLIORI IN ASSOLUTO se rapportate al loro prezzo.
Fidati!!
Poi le 222 sono di difficile reperibilità?
Dove? Sulla luna? Se ne trovano di tutte le specie. L'unica nota a favore del 223 è un pizzico di potenza in più, che nel nostro caso specifico non serve, (poligono e Nocivi!) e che se ne trovano di origine militare o "quasi" (vedi Barnaul, Ingman, etc) a poco prezzoi, ma che valgono meno..........
Se c'è una cosa "positiva" di questa crisi tremenda è che con un po' di pazienza ed un pizzico di fortuna si possono trovare buone occasioni.
Un caro saluto
Marco

da Marco x Old  30/06/2014 17.59

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Se c'è una cosa che veramente apprezzo (e mi diverte) di questo Blog sono le eterne differenze tra me ed il Benecchi ... Che, peraltro, sia ben chiaro, apprezzo tantissimo come persona, eh ...
Cosa scegli tra CZ e Winchester ?
Marco : CZ
Io : Winchester
Fantastico !!!
Eppure, alla fine, i pensieri sono comuni e l'onestà intellettuale indiscutibile.
Questo è il bello : dire ognuno la sua opinione, comunque detta a ragion veduta e fondata sull'esperienza personale.
Poi, ognuno ha i suoi gusti, ed è giusto che sia così.
Marco ... Ma dove ca...o la trovi una Krico in condizioni decenti ? E' roba da collezionisti ed estimatori !!
Eccellente scelta anche la .222, nulla da eccepire, se non che fucili e, soprattutto, cartucce
1) sono di difficile reperibilità
2) costano il doppio (o più) che non il .223
Ah, dimenticavo : detesto gli attacchi dedicati della CZ. Proprio perché sono DEDICATI, così te li fanno pagare uno sproposito !!! Fortuna che la Warne fà anelli anche per la CZ.
Ma continuo a preferire una bella slitta monopezzo Weaver ... Questione di gusti, come si diceva.
Un abbraccio, con immutata stima ad affetto per il Benecchi, da Walter

P.S. Se non ci fosse il Marco, bisognerebbe inventarlo ...
Mi diverto troppo, con lui ... :)

da OLD_Hunter  30/06/2014 14.57

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Caro Pippo, come ti ha già detto Old il 243 non è un calibretto da poligono, comunque, se indovini la carica giusta, è molto preciso.
Volendo prendere un calibro Varmint-poligono allora non mi muoverei dal 222 Remington e per l'arma dovresti vedere in giro se riusciresti a trovare qualcosa di veramente valido come una vecchia Steyr L, una Anchustz, una vecchia Krico, una vecchia Tikka, etc......
Tra la CZ e la Winchester non ci penserei un minuto: CZ senza esitare.
Magari la 527 con caricatore amovibile e attacchi dedicati.
Sono forse quelle che hanno il migliore rapporto qualità prezzo.
Meglio con il calcio in legno, visto l'uso che vorresti farne ed il peso veramente esiguo.
Su "Armi Usate" si trovano molte occasioni in calibro 222 R. Diffida dei modelli a canna pesante e/o specificatamente sportive perchè non puoi sapere quanti colpi hanno sparato.
Tra le nuove, se hai disponibilità mi piaciono moltissimo la Sako 75 - 85!
un saluto
Marco

da Marco Benecchi x Pippo  30/06/2014 13.35

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Grazie ...
E' che il mio pseudonimo rispecchia (purtroppo ...) la realtà : i miei anni, li ho tutti ... Ecco perché "OLD", sono vecchierello, questa è la realtà.
Quanto al resto, lo so, lo so, quando ti vedi questo monumento della natura, magari nell'umidità del bosco che ogni volta che respira le nuvole di vapore sembrano fiamme di un drago ... E' sempre difficile mantenere il sangue freddo !!!
Comunque, grazie, ho mandato una mail all'ATC, vediamo se e cosa ne esce.
Magari si riuscisse a fare una bella compagnia anche col Benecchi, sarebbe mica male !
Un abbraccio da Walter

da OLD_Hunter x Cristiano  30/06/2014 13.09

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Posso dirti la mia, prima di Marco ?
Possiedo sia due CZ (per la verità, di quelle ancora fatte nella CZECH ... Delle ZKK 602, una in .300 e l'altra in .458) sia una Winchester 70 in .270 WSM.
Indiscutibile la qualità delle CZ, un classico intramontabile.
Ma alla fine, uso sempre la Winchester Shadow in .270 WSM. Pura plastica, niente di "classico" (se ami il legno e le bruniture, beh ... non è quel che cerchi) ma praticità allo stato puro, leggera, manutenzione ridotta al minimo e zero problemi. Di serie, ha uno scatto semplicemente abominevole, ma alleggerirlo è talmente banale che non ci credevo : è un lavoro che potresti fare anche da solo, ma se non hai dimestichezza è molto meglio che lo faccia un armaiolo.
Inoltre, a favore della Winchester, trovi eccellenti basi monopezzo (ti consiglio le Warne in acciaio, carriarmati a costi ragionevolissimi), cosa che non si può dire della CZ.
Però ...
Se vuoi divertirti al poligono e cacci veramente solo nocivi (al massimo, caprioli) io sceglierei il .223, più preciso, meno costoso e meno distruttivo : il .243 NON è un calibretto da volpi, tutt'altro !
Se invece pensi che prima o poi la userai anche per qualche caccia più impegnativa che i nocivi, vai sul sicuro col .243.
Trovi sia la CZ che la Winchester in .223, più o meno allo stesso prezzo.
Un consiglio, questo si : imbracciale, e vedi quale ti viene più "naturale".
Un abbraccio da Walter

da OLD_Hunter x Pippo  30/06/2014 13.05

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

ma , per me il tiro lungo è un po' come la favola dell'uva che c'è chi vorrebbe e non riesce cosi critica. La caccia al cervo a poche decine di metri la si può fare solo al bramito. Non conosco altre situazioni se non casuali ! Arrivare a dieci metri da un cervo è molto difficile. Se il Sig. Cristiano riesce è un grande accompagnatore. WEIDMANSHEILL,,,,




da Graziano Padova  30/06/2014 12.47

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Vorrei acquistare una carabina economica per divertirmi a caccia di nocivi ed al poligono.
Sono indeciso tra la cz 550 e la winchester 70, entrambi in 243 win.
Marco, potresti darmi dei consigli su cosa è maglio?
Saluti

da Pippo  30/06/2014 12.41

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Buongiorno Pietro.
Pistoia non è diversa da tutto il resto del mondo, nel bene e nel male.
Sparare con calibri molto performanti non è sbagliato di per se', anzi, se è un modo per ottenere buoni abbattimenti , ben vengano.
Il rAgionamento seguito fin qui partiva da una errata dicotomia di fondo, ovvero questa strana forma mentale per cui chi usa calibri importanti spara di fatto da troppo lontano, e chi non spara così lungo è perché non sa sparare.
Per me il consumo alimentare delle carni di selvaggina è davvero importante, per tutta una serie di ragioni delle quali forse avremo modo di parlare. E su questa base che sconsiglio calibri esagerati e tiri che non siano quasi esclusivamente ferite trans fosse in doppio polmone, possibilmente, dietro la scapola.
Se osservate una tabella balistica vedrete che anche un 300 ad alta energia ,ad una distanza di 450 metri, con un vento laterale di 10 metri al secondo sposta il colpo di quasi un metro!
In pratica all'aumentare della distanza aumentano geometricamente le variabili da controllare, quindi mi piacerebbe che quando si fa per necessità un tiro molto lungo ci si "dispiacesse"della cosa piuttosto che il contrario.
Io di quel 30/378 cui fai cenno ,purtroppo ho eviscerano è misurato un piccolo di cervo un po' di anni fa , e quel ricordo mi fa ancora male...

da Cristiano montano  30/06/2014 11.41

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Amico Old
Che bello pseudonimo...
Non ho ancora i piani per il prossimo anno ,ma la stagione scorsa non siamo riusciti a piazzare tutti i capi disponibili...
Ho notato che sul sito del Atc non ci sono più i prezzi, ma erano veramente onesti.
Ti consiglio di contattare l'ATC16 .
Ci sono accompagnatori che ti fanno sentire l'odore dei cervi prima di vederli...
E quando arrivi a poche decine di metri da un monumento della natura , tanto da sentirne il respiro ,scatta qualcosa dentro difficile da spiegare .
Ciao.

da Cristiano montano  30/06/2014 11.38

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Buongiorno Pietro.
Pistoia non è diversa da tutto il resto del mondo, nel bene e nel male.
Sparare con calibri molto performanti non è sbagliato di per se', anzi, se è un modo per ottenere buoni abbattimenti , ben vengano.
Il rAgionamento seguito fin qui partiva da una errata dicotomia di fondo, ovvero questa strana forma mentale per cui chi usa calibri importanti spara di fatto da troppo lontano, e chi non spara così lungo è perché non sa sparare.
Per me il consumo alimentare delle carni di selvaggina è davvero importante, per tutta una serie di ragioni delle quali forse avremo modo di parlare. E su questa base che sconsiglio calibri esagerati e tiri che non siano quasi esclusivamente ferite trans fosse in doppio polmone, possibilmente, dietro la scapola.
Se osservate una tabella balistica vedrete che anche un 300 ad alta energia ,ad una distanza di 450 metri, con un vento laterale di 10 metri al secondo sposta il colpo di quasi un metro!
In pratica all'aumentare della distanza aumentano geometricamente le variabili da controllare, quindi mi piacerebbe che quando si fa per necessità un tiro molto lungo ci si "dispiacesse"della cosa piuttosto che il contrario.
Io di quel 30/378 cui fai cenno ,purtroppo ho eviscerano è misurato un piccolo di cervo un po' di anni fa , e quel ricordo mi fa ancora male...

da Cristiano montano  30/06/2014 11.28

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Ehm, ci sarebbe un posticino anche per me ... :)
Conosco piuttosto bene Pistoia, ci ho lavorato, tanti anni fa, ed è un posto che mi è rimasto nel cuore.
In verità, pure nello stomaco ... Hai ragione, si mangia divinamente !!!
Un abbraccio

da OLD_Hunter x Cristiano montano  30/06/2014 10.14

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Ehm, ci sarebbe un posticino anche per me ... :)
Conosco piuttosto bene Pistoia, ci ho lavorato, tanti anni fa, ed è un posto che mi è rimasto nel cuore.
In verità, pure nello stomaco ... Hai ragione, si mangia divinamente !!!
Un abbraccio

da OLD_Hunter x Cristiano montano  30/06/2014 9.56

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Caro Marco.
Contrariamente a quanto affermi, il 6 PPC NON è vietato, salvo non lo sia per le solite "leggine" regional - provinciali scritte da chi di balistica ne capiscono la metà di chi non capisce niente.
Inoltre, ti pregherei di leggere quel che scrivo : evidentemente, ti è sfuggito il mio "l'importante è piazzare bene il colpo" ... !
Non so i tuoi "campioni di tiro", i di tutti i miei caprioli colpiti (bene) da una Partition da 85 grs (ma anche le Speer vanno benissimo) quello che ha fatto più strada ha fatto anche 10 mt. La stragrande maggioranza è crollata sul posto.
Certo, non sparerei mai ad un verro da 100 kg col 6PPC, ne ad un cervo lontano. Ma se fortuna volesse di averlo a 100 mt che pascola tranquillo, con un colpo ben piazzato al collo và giù anche lui, credimi. Daltronde, in giro per le Alpi c'è gente che a Cervi ci va col 5,6 x 52, e li ammazza pure, belli puliti. Beh, sicuro NON a 450 mt ...
Un abbraccio a tutti da Walter

da OLD_Hunter x Marco (non Benecchi, lui 'ste cose le  30/06/2014 9.53

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Caro Cristiano, a Pistoia non mi dica che non tirano cervi a 400 metri perchè non è vero e questo gia succedeva piu di diceci anni fa . Non mi metto a scrivere nomi perchè non è corretto ma cera gente che con il 30/378 ( preparato toresani) abbateva cervi senza tanti problemi. Bravi cacciatori , seri e preparati. Arrivedreci -

da Pietro Arezzo  30/06/2014 7.15

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Caro Cristiano, per me andrebbe bene, anche se poi il "nuovo" Marco,
Visto a che distanza gli tira, i cervi me li abbatterebbe prima ancora che io riuscissi a vederli.............
M

da Marco B x Cristiano  27/06/2014 16.57

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Se i piani di abbattimento sono quelli dello scorso anno ..c'è posto per tutti e due!

Il posto merita , gli animali pure , la gastronomia...che velo dico a fare..

da Cristiano montano  27/06/2014 16.36

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Non ho ben capito se l'invito l'hai fatto a Me o al nuovo Marco...
Io ci verrei di sicuro,
Tempo permettendo.
E non dirmi che dovrei pagarti il capo prima!!
Ciao
Marco

da Marco BENECCHI x CRISTIANO  27/06/2014 16.10

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Marco,
Non ho cacciato mai né nelle Marche nè in Romagna, ma MOLTISSIMO in Toscana dove ho la RESIDENZA VENATORIA GR 8 e in EMILIA, come già detto.
Sia in provincia di Parma, Bologna e Reggio Emilia.
e NON MI è MAI capitato di sentire qualcuno che ha pagato i capi PRIMA.
Se tu hai di questi problemi pazienza...
Ma mi sembra che "stiamo uscendo dal seminato"....
Il nostro discorso è iniziato (oserei dire MALE) dopo che tu hai scritto:

Ai cervi in Appennino si tira molto spesso sui 400/450 metri e il 30.378 ( usato tantissimo anche per il cinghiale) va piu che bene. Ma anche con il 300WM si ottengono gli stessi risultati.

Cosa che, come ben descritto sopra, non condivido.
PUNTO!!!!
Ripeto TESTUALMENTE
Ai cervi in Appennino si tira molto spesso sui 400/450 metri e il 30.378 ( usato tantissimo anche per il cinghiale)

Addirittura molto spesso......
Poveri noi, e poveri cervi.
Dimenticavo.. oggi girano più cani da traccia che cacciatori, ma di cani bravi in 40 anni di caccia ne avrò visti 5!!!!!!!!!!
Compresi i miei.............
M

da Marco BENECCHI x Marco  27/06/2014 16.09

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Si Nicoloso lavora ancora con noi , con la solita competenza e dedizione.
Per l'altra domanda ... Beh la verità sta un po' a metà ,i cacciatori che fanno la gestione pagano in anticipo una quota di accesso piuttosto modesta. Gli ospiti pagano ,a seconda del capo , più o meno la metà del suo costo finale .
In entrambi i casi siamo comunque lontanissimi dai prezzi di mercato di altre realtà europee.
Sul sito dell' Atc 16 ci sono i prezzi , non sono male.

Ancora saluti

da Cristiano montano  27/06/2014 16.08

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Sto assistendo alla diatriba tra Marco e Cristiano e devo dire che essa risulta abbastanza avvincente ed abbastanza educatamente portata avanti, anche se da posizioni diametralmente opposte.
Debbo però necessariamente schierarmi e lo faccio dalla parte di Cristiano, non solo per ragioni di etica ma anche di eta' (ho quasi sessant'anni) e per forza di cose provengo da un approccio venatorio piuttosto "antico".
Una parola mi viene da dire a Marco, ho parlato di educazione, ed in genere non esiste una datazione
particolare per un comportamento educato, non esiste un'educazione vecchia oppure giovane esiste
l'educazione come concetto generale, ed asserire che non si puo' piu' andare a caccia come negli anni 60/70, credendo nel frattempo di essersi evoluti,implica il fatto che anche quel tipo di educazione/etica che ci avevano insegnato i nostri nonni, non vada piu' bene, e questo secondo me e' l'errore piu' grave.
Cordialita'

da grillo parlante  27/06/2014 15.58

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Grazie Cristiano, mi sono sbagliato su di Lei e le chiedo ancora scusa. Ho gia un sacco di impegni ma se mi libero provo a farmi santire. Una volta la caccia era gestita da un bravo tecnico il Dott. Nicoloso è ancora cosi. Grazie ancora.
saluti
NB. mi faccia il piacere , dica a marco benecchi che i capi da voi si pagano prima come in gran parte degli appennini, credo?

da marco  27/06/2014 15.49

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Marco, lei è un cacciatore e come tale per me è importante.
Per il prossimo anno avevo deciso di non accompagnare al cervo in provincia di Pistoia per mere questioni regolamentari.(Mi assegnerebbero un capo incentivo che al momento sarebbe...di troppo.)
Sarei molto felice se dopo l'estate richiedesse di accedere al prelievo come ospite del Atc 16 e sarei onorato se richiedesse Cristiano come accompagnatore.

Magari è utile per entrambi.
Saluti.

da Cristiano montano  27/06/2014 15.27

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

marco benecchi. Non voglio mettere in discussione la tua esperienza ma da sempre gli animali si pagano ANTICIPATI . Ma sei mai stato a caccia in Emilia , in Toscana ,Romagna, Marche, ECC, ECC, le bestie le paghi prima! DI MA VUOI SCHERZARE? MA COSA CREDI CHE NO SO QUELLO CHE SCRIVO? INFORMATI PRIMA DI SCRIVERE COSE NON VERE. ( non nei recinti ma nelle AFV E ATC )
Caro marco , Io vado a caccia quanto posso non sono fortunato come te. Poi non hai letto bene, io ho scritto che se posso prefersico sparare a 100 metri ma se non ci sono le condizioni MI ADEGUO.
io i mei cervi li fulmino tutti con il mio 300WM non ho bisogno dio altri calibri.
Certo, anche io in Ungheria HO SPARATO UNA SOLA VOLTA al bramitò un cervo a 50 metri .
Mentre in selezione (sempre in Ungheria che costano meno) molti di piu ma anche oltre i 300 metri e non mi sono mai vergognato, anzi mi fanno tutti i complimenti! Riguardo gli armaioli altro che tozzo di pane sono tutti piuttosto ricchi ( di em sicuramente) e la richiesta di carabine a tiro lungo è sempre in costante aumento ma forse per sparare alla carta! Il Mondo va avanti, marco, siamo nel 2014 non possiamo pensare di andare a caccia come negli anni 60/70 non ha piu senso. Per me. ovvimanete. Voi fate quello che vi pare. Buon fine settimana di caccia a tutti.


da Marco  27/06/2014 14.57

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

scusa, Cristiano avevo letto male. Pero mi piacerebbe vederti inerpicarti per le piccole montagne appenninche tra cespugli di spine , piante, terreni scivolosi, fango e quantaltro. Ma forse tu sei molto piu bravo e fortuna che c'è gente come te a caccia. Noi mezzi cacciatori dobbiamo accontentarci della nostra limitata preparazione mentale e fisica! Io sparo a un cervo come a un cervo a seconda della sitruazione che mi si presenta. SEMPRE. Il foglio di carta serve in tutte le discipline per allenarsi io ho un poligono dietro casa ( è una vecchia cava in disuso dove i carabineri mi lasciano sfogare!!) dove sparo tutti i giorni dopo il lavoro . sono molto preparato. il suo approccio a me non mi piace per niente troppo blando e non molto remunerativo - per me ! Penso a come un Come possa stare fermo ad aspettare che lei si avvicini di 350 metri senza far ruomore, sottovento e in quanto tempo? Non sempre gli avvicinamenti sono possibili Cristiano e allora serve il "manico". Dimenticavo, ho il mio bel cane da traccia abilitato e ad ogni colpo sono sul posto. ma ad oggi, con me, lavora molto poco.

da Marco  27/06/2014 14.34

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Forse il mio italiano non è più quello di una volta, ho detto che mi avvicino "di" 350 metri.
Non esiste animale che obbliga a tirare a quelle distanze e il fatto che si abbia poco tempo , come tutti, non autorizza a fare cose sbagliate.

L 'idea che si spari a un cervo come se fosse un foglio di carta senza nessuna empatia con la preda , fosse anche solo per la gravità del gesto che si compie, mi fa rabbrividire.
Prendere una vita in natura è un privilegio che merita un diverso approccio ,fosse anche un merlo.

... E mi dispiace profondamente per chi non ha questo approccio .
...quanta strada da fare...ancora.

da Cristiano montano  27/06/2014 13.23

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Sono stato diverse volte a BOMBIANA - GAGGIO MONTANO.................
E se a quelli del posto gli dici che vuoi tirare ad un cervo non da 450 ma da 250 ti cacciano via a calci nel sedere.
Se non hai tempo per andare a caccia allora non ci andare.
Non è una scusa PER NESSUNO che poi "TU" devi andare a lavorare
Non è un obbligo. Poi, mai sentito che i capi si pagano prima!! Quando mai? Il capo si DEVE PAGARE dopo averlo abbattuto.
I famosi "pacchetti" fatteli fare al supermercato................
Quando vai a caccia nell'Appennino, specialmente se ACCOMPAGNATI da un locale, stai tranquillissimo che lui sapra metterti SEMPRE nel punto giusto!!!! E al momento giusto.
Ci sono dei cacciatori MOLTO PREPARATI da quelle parti.
Il 30 - 378 monta la stessa palla di un 300 WM?
Se è per quello monta la stessa palla di un 308 W!!!!!!!!!!!
Senti veramente bisogno di quella carica in più?
Lo hai mai visto un cervo di 270 - 280 kg FULMINATO da un 6,5 x 57 R, da un 7 x 64, da un 270 o un 25.06????
Io si!!!!!
Un vecchio cacciatore, ormai deceduto, mi diceva sempre" Marco per uccidere un cinghiale ci vuole una fucilata ben messa. Non una cannonata"
Ma che ne poteva sapere lui, che un giorno mi confidò di averne abbattuti una "millata" di cinghiali.

TUTTI I NOTI PREPARATORI che hai menzionato li conosco molto bene. Puoi chiederglielo,
Ma come tu stesso hai sottolineato sono degli armaioli professionisti che devono guadagnarsi il tozzo di pane. Ce ne sono di molto bravi che, volendo e dietro lauta ricompensa ovviamente, sarebbe in grado di prepararti un arma per tirare comodamente fino a 1000 metri.
Ma non mi risulta che le Alpi e l'Appennino siano le montagne dell'Afghanistan, dove tutt'ora si cimentano i migliori snipers del mondo per battere i vari record di uccisioni.
Due anni fa in Ungheria abbattei due cervi (forse avrai letto il racconto!) molto belli con il mio 8 x 68.
uno da 244 metri e uno da 260.
Ma invece di vantarmene me ne vergognai!!
Purtroppo non avrei potuto fare altrimenti. Avevo pochi giorni a disposizione, il tempo era brutto, di animali se ne vedevano pochi e la conformazione del terreno era terribile..
E sia per me, sia per l'accompagnatore, quelli che feci furono dei tiri MOLTO LUNGHI.
Tutte le altane che ho frequentato in quel bel Paese prevedevano tiri dai 100 ai 150 metri!!!

Per concludere.
Fermo restando che il NOSTRO blog è libero, non mi fa piacere né che si parli di tiri a lunga distanza nè che si inciti a farli.
Tutto quà
Buona G
Marco

da Marco Benecchi x Marco  27/06/2014 12.35

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Dibattito e posizioni su ottiche, calibri, bipede, ecc. molto "italiano". Oltralpe i "maestri" sono lontani anni luce da queste posizioni. C'è ancora molto da imparare ...

da vecchio cedro  27/06/2014 12.02

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Cristiano. Chiedo scusa. ma da 350 a 450 metri cosa cambia? poi , ci sono situazioni dove serve saper sparare lungo. Perché? Mo te lo spiego. Io non ho tutto questo tempo per andare a caccia. Non posso tornare 10 volte per un capo. Capisco che non va bene ma devo anche lavorare. Dove mi reco a caccia è distante ore e ore di macchina. quindi quando vado devo chiudere al più preso possibile. per questo mi sono attrezzato di conseguenza. CERTO AVERE RAGIONE VOI ... NON E' ETICO , NON E' GIUSTO, NON E' CORRETTO MA perché allora si pagano i capi in anticipo e non certo a poco? se non ci fosse questo problema io potrei anche desistere dal TENATARE . In fondo è un capo "pagato" no? Se no facciamo come all'estero che paghi le spese generali e il capo solo quando ha le gambe in alto! Cristiano. non è per fare il ganzo ma è una necessità. Ovvio, che sono preparato in giro per l'Italia abbiamo dei super preparatori di armi che quando gli dici 400 metri si mettono a ridere... e credimi sono cose alla portata di tutti. Certo, preferisco tirare a 100 metri , sicurezza del colpo al 100% . Ma non sempre è cosi.
Marco. dove cacci il cervo in Appennino? cosi per curiosità. Mi fa strano che non hai mai sentito dire di questi colpi sempre più frequenti. Riguardo il 30.378 perché troppo grosso? spara una palla da 180 come un normale 300 ma con molta più carica che , con i cervi e cinghiali, non basta mai. poi ognuno ha le sue idee e la verità sta nel mezzo, o no? il 6ppc però no... è un calibro da farci le gare o al massimo usare per i piani di controllo a corvi, cornacchie, nutrie e volpi...non per i cervidi! Ma ognuno fa quello che crede giusto. Ciao

da Marco  27/06/2014 11.47

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Io se vedo un cervo a 450 metri ... Mi avvicino di almeno 350.
In Appennino, sempre!
Se non fossi capace di farlo farei delle riflessioni su di me , come Cacciatore , che prescindono dai calabri.

Sono molto preoccupato del fatto che certe affermazioni si facciano su un blog pubblico,perché temo che si facciano anche in privato ,o al bar.
Se volete uccidere la caccia definitivamente, avete trovato la strada giusta.

da Cristiano montano  27/06/2014 9.11

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Caro Marco
Che sull'Appennino si tira MOLTO SPESSO sui 400 - 450 metri non lo sapevo.
E dire che ho cacciato abbastanza sul nostro bell'Appennino!
Come non mi risulta che il 30-378 sia usato "tantissimo" per la caccia al cinghiale.????????????????
Ho un carissimo amico Romagnolo che si chiama come noi "Marco" che ce l'ha, ma non mi risulta che lo usa tantissimo......
Chi ha le capacità (non certo l'occasione perchè quella potrebbero averla tutti) ed io oserei direi anche l'incoscenza, di effettuare tiri a quelle distanze, lo faccia, ma non lo dica in giro perchè c'è poco da vantarsene.................
Colpire un animale non certo raro come un capriolo, un daino o un cervo a 450 metri mi da tanto del tiro a segno contro una sagoma vivente a lunga distanza. Tanto amato dagli americani e strafilmato nei video di You Tube.
Non vedo il motivo di sparare così...............
E' sempre un azzardo e spesso può essere MOLTO difficoltoso verificare l'esito del tiro.
Si, perchè se il tiro dovesse fallire, poi sarebbe d'obbigo andare sull "anshuss" sul posto SEMPRE a verificare!
Le possibilità di colpire MALAMENTE il capo prescelto sono troppo alte!
Se si ha una buona esperienza di tiro , se si conosce la distanza esatta e se si conoscono le PERFETTE traiettorie delle palle alle rispettive distanze, in teoria non dovrebbero essere tiri troppo difficili, ma il fascino della caccia, CREDO, ne perderebbe parecchio.......
Diventerebbe più un fattore puramente "balistico"
Un'altro discorso sarebbe quello di "azzardare" un tiro simile su una montagna asiatica magari l'ultimo giorno di caccia ad un ibex o a una Marco Polo.
Allora lo ammetto, ma se il capriolo o il cervo quel giorno esce nel prato sbagliato, pazienza, lo incontreremo di nuovo domani, dopodomani o la settimana prossima.
Per quanto riguarda i "piccoli calibri"cerchiamo di non fare confusione.
un buon 243 - 6 mm, non è un piccolo calibro!!!!
Credo FORTUNATAMENTE che le armerie nostrane vendono più carabine calibro 25.06, 6,6 x 55, 270 W, 7 x 64, etc che 300 WM o 8 x 68........
Calibri superiori, come appunto il weath 30-370, il 300 RUM, etc li lascio a chi pratica la caccia all'estero a prede particolarmente impegnative ed agli amanti del : "Mi piace il botto!"
Che purtroppo ne conosco tantissimi!!!
Qualcuno ricorda il mio motto: "Ad ogniuno il suo".
Cerchiamo di usare il calibro adatta per ogni selvatico....
Saluti
Marco

da Marco Benecchi x Marco  27/06/2014 8.41

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

x Old. Ai cervi in Appennino si tira molto spesso sui 400/450 metri e il 30.378 ( usato tantissimo anche per il cinghiale) va piu che bene. Ma anche con il 300WM si ottengono gli stessi risultati. Riguardo il 6ppc ( vietato ) ne ho visti di campioni di tiro a segno fare delle figure ridicole. con caprioli che se ne vanno con la palla in cassa senza essere piu ritrovati. I piccoli calibri sono per il varmit non per i cervidi. Le regole nella caccia non le fa la balistica ma l'esperienza e il cacciatore.

da Marco  27/06/2014 7.20

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Ciao Marco. Come sempre chiaro ed esaustivo. Vorrei solo porre l'accento sull'importanza del telemetro, tanto più se ci riferiamo a persone che intraprendono per la prima volta la caccia agli ungulati. Per quel poco che posso dire io, le più brucianti sconfitte le devo addebitare ad un'errata valutazione della distanza... e sì che le ho girate le mie montagne. Ora, conoscendo a menadito la propria zona di caccia, si può anche farne a meno(per certi tiri), diversamente si rischia di fare valutazioni sballate. Molto dipende dalla conformazione del territorio. Nella nostra area dolomitica, piena di valli e vallette, sbagliare di 80/100 metri può sembrare impossibile ma, credimi, che è più facile di quanto si pensi, soprattutto con particolari condizioni di luce. Sai che sono un vecchio tradizionalista ma il telemetro è l'unica modernità che mi concedo. WH

da tiroler  26/06/2014 16.34

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Caro Marco

un GRAZIE grande come un/a .... fai Tu; sarà sempre poco cosa per la riconoscenza che ti devo.

Pietro

ps

posso permettermi di suggerire, senza togliere niente a tanti altri, un domani di pubblicare o comunque raccogliere i Tuoi e del Sig. Old Hunter interventi che ritengo semplicemente validissimi e competentissimi per chi, come me, è alle prime armi al riguardo ?

da Bopi  26/06/2014 14.40

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

siamo arrivati alle minacce. Quando non si hanno argomenti. Luis, vada a rileggere io ho scritto DOVREBBE essere obbligatorio e lei a travisato con quel fare da .... che io conosco molto bene. quindi, chiudiamola qua. Abbiamo due oppinioni diverse ma cacciamo entrambi in Toscana. Una sola cosa , non ho mai visto nessuno con il rest sull'altana ma la cosa è molto interessante e per me nuova. Potrei anche provarci . saluti a lei

da Bruno  26/06/2014 13.49

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

1. Il reato di diffamazione.

La diffamazione, così come l’ingiuria, consiste in una manifestazione del pensiero[i][1], che rileva, ai fini della consumazione del reato, nella misura in cui l’espressione offensiva venga a conoscenza di un’altra persona o comunque sia da altri percepita.
L’offesa è rivolta nei confronti della reputazione della persona - che al momento possiamo intendere come la “personalità sociale”, il valore sociale di un determinato individuo - che può essere lesa o messa in pericolo da chiunque attribuisca al soggetto interessato qualità o fatti in qualche modo disonoranti..............

da zanna  26/06/2014 13.26

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Ma davvero....
Non capisco perché non si possano usare questi spazi per un confronto più costruttivo?
Quello che mi dispiace è dover constatare che tra cacciatori di Caccia Alta manchi quella nobiltà d'animo che farebbe tanto bene a tutta la categoria, anche nel presentarsi verso l'esterno.

Forza ragazzi, si può fare di meglio.

da Cristiano montano  26/06/2014 13.16

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

consiglio spassionato : la finisca di offendere...........

da luis  26/06/2014 13.02

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Luis... uno che denigra il bipiede ( forcone ahahah) non conosce molto sul TIRO di precisione E BALISTICA APPLICA . oltre a questo il blog di Marco era rivolto ai PRINCIPIANTI e se permette PER CHI INZIA E' UN VALIDO AIUTO. Lei ha frainteso il mio modo di pormi facendo suo un concetto che non era il mio e io le sono venuto dietro perché mi diverte parlare con i principianti. Ma lei è troppo noioso , pesante e ... na palla!!! vada a caccia come vuole... da perfetto PRINCIPIANTE.... gasato!

da Bruno  26/06/2014 11.52

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Posso dire la mia sul bipiede ?
Lascio stare il discorso estetico (ognuno ha il proprio senso estetico) e parlo solo di praticità.
Poco so di caccia in Appennino, ci sono andato solo al cinghiale, ma sul discorso Alpi e, ancor più, Carso qualcosina di più ne so.
Il bipiede TATTICO (quindi parliamo di qualcosa di effettivo, solido) è innegabilmente un eccellente aiuto se puoi tirare disteso, meglio ancora se hai pure un appoggio posteriore, altrimenti è solo un impiccio.
E dalle mie parti (Carso) poter tirare distesi è cosa che accade davvero molto di rado, vuoi a causa della conformazione del terreno, vuoi a causa dell'erba altissima (in questo periodo mi arriva al petto ...).
Sulle Alpi è un po' lo stesso discorso, anche se l'erba mediamente è meno alta.
In altana, il bipiede è assolutamente inutile, molto meglio i sacchetti. Io uso sacchetti fatti di riso soffiato dentro una calza da donna, leggerissimi, si adattano perfettamente a qualsiasi calcio. Provate.
Quindi, volente o nolente, devo usare altri sistemi. Trovo un valido aiuto gli Hunting Stics, un "bipiedone" sul quale puoi appoggiare il fucile. Certo, NON sono stabili come un vero bipiede, ma aiutano, e non poco. Necessità fa virtù ...

E già che ci sono, parliamo anche di calibri ?
30-378 per il cervo ? Ma daii, potrei prenderlo in considerazione se dovessi sparare a 500 mt ad un animale da 300 e passa kg, altrimenti lo trovo fuori luogo. Inutilmente potente.
.300 Win Mag per il capriolo ? Vedi sopra, io li abbatto serenamente fino ad oltre 200/250 mt col 6 PPC, e vanno giù che è una meraviglia, il 95% crolla sul posto.
E siccome ognuno di noi ha la sua "fissa" sul calibro (vedi il .257 per Marco ... :) ), io ho la fissa del .270 Short Magnum, non eccessivamente distruttivo nemmeno sul piccolo di capriolo (passa senza espandersi) quanto assolutamente idoneo e performante per il Cervo anche di grossa taglia fino ai 300/350 mt. Certo, con PALLE IDONEE : io uso solo Nosler Accubond da 140 grs. in questo calibro, anche se mi tengo in tasca le Ballistic Tips (stesso peso, stessa carica, stesso punto di impatto) se dovessi essere costretto a fare un tiro oltre i 300 mt, ma solo perché è una palla più mobida che si espande anche a velocità inferiori.
E poi, l'importante è PIAZZARE BENE IL COLPO !!!
Un abbraccio a tutti da Walter

da OLD_Hunter  26/06/2014 11.15

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Bruno...ho da capire con quale metro di misura lei apostrofa e attribuisce appellativi denigranti e pittoreschi "...zaino e i calzoni in loden e pure il cappellino da puffo che tanto piace agli esaltati ..forse tirerai due o tre capi all'anno distanti al massimo 50 metri.... Inoltre, chi critica il bipiede NON E' UN TIRATORE ma un normale cacciatore ( come Lei) che non sa nulla del tiro e della balistica" a destra e manca, solo perchè una persona come lei,cacciatore con la stessa licenza sua,presumo fatto in carne ed ossa come lei.......contesta un suo personalissimo egoistico auspicio.

Le rammento che in tanti distretti di selezione toscani,la cerca NON è consentita,si spara da punti fissi,su di altane ben costruite(non importa che siano come quelle che si vedon in tv,riscaldate bibite ed eventuale presenza di geisha)su appoggi fatti nelle stesse,in maniera personale e pratica,su cui poter eventualmente apporre anche sacchetti di sabbia o/e leggerissimi rest di commercio (o fatti manulamente)comodissimi e trasportabili nello zaino.

Lei come si permette di criticare quando sicuramente non conosce a fondo le realtà dell'intero comparto toscano ?(altre province,non arroccate tra monti e poggi,praticano il prelievo selettivo)
Non penso che deve chiedere scusa a Marco ma a chi legittimamente ha il suo solito diritto di esporre i suoi pensieri..civilmente e senza apostrofare nessuno.

Le ricordo,per concludere,che nessuna (sottolineo nessuna) amministrazione provinciale Toscana,porta nei suoi regolamenti,la remota eventualità di dover usare quel "forcone"antiestetico ed inutile dalla nostre parti ,che tanto lei ha decantato (arrivando perfino ad auspicarne l'obbligatorietà).
Quindi rispetto innanzitutto e poi ognuno la pensi come vuole.
La saluto dandole ragione su un punto : la spassosità che ci contraddistingue...........

da luigi pistoia  26/06/2014 9.39

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

BRAVISSIMO........................
Ecco gli interventi che mi piacciono,
Se sei un mio "vecchio lettore" forse ti sarai accorto che il mio calibro preferito per il capriolo (ma che va bene anche per roba molto più grande e coriacea) è il 243!!!!!
Quando mi porto dietro simili "cannoncini" magnum è perchè spesso sono invitato in zone dove ho la possibilità di abbattere anche specie più grandi (daino, cinghiale, cervo!) e non conoscendo le zone non so a che distanze dovrò tirare.
La volta che avevo il 270 WM avevo l'opzione anche per il cervo.
Mentre quando avevi il 257 potevo tirare anche ad un palancone.
Ottima osservazione.
E non "abboccare" alle provocazioni anonime!!!
Un caro saluto
Marco

da Marco Benecchi x LUIGI PISTOIA.  26/06/2014 9.20

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

BRAVISSIMO........................
Ecco gli interventi che mi piacciono,
Se sei un mio "vecchio lettore" forse ti sarai accorto che il mio calibro preferito per il capriolo (ma che va bene anche per roba molto più grande e coriacea) è il 243!!!!!
Quando mi porto dietro simili "cannoncini" magnum è perchè spesso sono invitato in zone dove ho la possibilità di abbattere anche specie più grandi (daino, cinghiale, cervo!) e non conoscendo le zone non so a che distanze dovrò tirare.
La volta che avevo il 270 WM avevo l'opzione anche per il cervo.
Mentre quando avevi il 257 potevo tirare anche ad un palancone.
Ottima osservazione.
E non "abboccare" alle provocazioni anonime!!!
Un caro saluto
Marco

da Marco Benecchi x LUIGI PISTOIA.  26/06/2014 9.18

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

dovrebbe leggere tutto il mio intervento, a Pistoia , ho cacciato tante volte e mangiato divinamente ma la posso capire la conformazione del vostro terreno e i vostri regolamenti vi "costringono" a punti di sparo sull'altana e questo ( per me ) è troppo limitativo. ( non so se hanno cambiato i regolamenti ) Comunque, per il cervo ho visto oltre la meta dei cacciatori armati di del mitico 30-378 weatherby e dei bei bipiedi su quasi tutti i fucili. Ma lei al cervo andrà sicuramente con il 223 in legno di radica con lo zaino e i calzoni in loden e pure il cappellino da puffo che tanto piace agli esaltati che non hanno mai cacciato sulle Alpi e che con l'Appennino non centrano nulla se non a fare sorridere!! Lasci stare Albertone lei è più spassoso!!
Marco chiedo scusa.

da Bruno  26/06/2014 9.12

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

"..Inoltre, chi critica il bipiede NON E' UN TIRATORE ma un normale cacciatore ( come Lei) che non sa nulla del tiro e della balistica"..

.wowww...saccenza e supponenza ancora in essere da queste parti !!!!!!!

Lascio a lei sig.Benecchi le considerazioni del caso !

ps dovuto : per lei sig.Bruno,dopo quanto sopra si evince, vale ben un massima dell'Albertone nazionale : IO son IO e lei non è un...........

da luigi pistoia  26/06/2014 8.35

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

luigi, io caccio il capriolo con il 300 WM e faccio meno danni che il 222 ( che ho usato per anni e anni) con il tuo calibretto ridicolo il 50% dei caprioli se ne vanno a morire chissà dove . Ma tanto. c'è il recupertore che deve lavorare anche la domenica per tappare le falle dei " Fenomeni" che vanno a caccia con il flobert!! Io mi rifiuto di accompagnare al capriolo i cacciatori che usano calibri sotto il 243 che per me è già poco. Inoltre, chi critica il bipiede NON E' UN TIRATORE ma un normale cacciatore ( come Lei) che non sa nulla del tiro e della balistica. Il Bipiede in Appennino e NECESSARIO perchè le condizioni lo richiedono sulle Alpi ne possiamo fare pure a meno ( non sempre) ma se non porti i sacchetti i camosci oltre i 350 metri te li sogni come i caprioli. Ma forse non è il tuo problema visto che forse tirerai due o tre capi all'anno distanti al massimo 50 metri ... Contento tu !!!
Marco, non è per fare polemica ma come si fa a pensare all'estetica quando devi essere sicuro di ABBATTERE UN ANIMALE PULITO SEMPREEEEE !! ma l'etica dove .... é ???

da Bruno  26/06/2014 8.28

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

toni pacatissimi sig.Marco !
Solo dovute precisazioni a chi,per suo modo di vedere,vorrebbe IMPORRE ad altri un "optional "

Mi permette di obbiettare sull'uso di calibri Magnum sul piccolo cervide quando sarebbe già sufficiente un calibro molto molto meno esasperato ?
..oppure si rischia anche in questo caso di essere considerati "sovversivi" o "attaccabrighe" ?

(sarò attento nel seguire le sue validissime esplicazioni...sia ben chiaro)

in bocca al lupo

da luigi pistoia  26/06/2014 7.58

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Così cerchiamo di smorzare i toni sul bipiede.
Tanto ormai mi sono rassegnato all'idea che il mio Blog serve solo per litigare.
Questo è quanto.
Ci fosse stato qualcuno che invece mi avesse chiesto notizie sulle armi in foto...
Magari solo per curiosità
La prima è una Weatherby Ultralight calibro 270 WM ottica Swarovsky Z5 5 - 25 x 52
Palle ricaricate con Hornady Spire Point BT da 130 grani
La seconda è una Weatherby MKV SS calibro 257 WM ottica Swarovsky AV 6 - 18 x 50.
Palle ricaricate con Nosler BT da 115 grani.
Solo per la cronaca.................
Saluti
Marco

da MARCO BENECCHI X TUTTI  26/06/2014 7.16

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

"..dovrebbe essere obbligatorio...." mi pare che precedentemente la si avrebbe voluta addirittura imporre....alla faccia del pensier disgiunto ! quell'abberro nel sottomano di una bolt in legno !!!

da luigi pistoia  26/06/2014 6.28

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Eh, eh, eh .... Lo sapevo che finiva così :) :) :)
NON mi lancio (per carità cristiana) in quella disquisizione che potrei fare tra la precisissima misura del telemetro (indiscutibile) con il macroscopico errore umano dell'alzo "ad occhio".
Capisco che righette e pallini possano distrarre, l'ho detto che ci vuole assuefazione, ma, credimi, i risultati parlano da soli.
Comunque, non è che ti voglio meno bene per questo, figuriamoci.

Hai preso un Valmet ?
BRAVISSIMO ... ! Non credo esista qualcosa di meglio come automatico (con tutto il rispetto per le altre ottime marche) ma la meccanica Kala resta insuperabile per affidabilità.
Io, come ben sai, ho il "fratello Russo", il Saiga (sempre in 308), fatto nello stesso Arsenale che produce i Kala per l'Armata.
Brutto, sgraziato. Ma precisissimo (fino a 100 mt ...), rinculo ridottissimo, ripetizione del colpo fulminea. Ne sono assolutamente soddisfatto.
Ma il Valmet ... Beh, è un'altra cosa !
Un abbraccio grande da Walter

Accidenti, 4 uscite a capriolo e non vederne uno ... sparabile ! E pensare che a fine Aprile ne ho visti a bizzeffe. Sempre la stessa storia :)
Ma non dispero ...

da OLD_Hunter x Marco  25/06/2014 21.16

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Caro Giacomo. ne ho viste di "padelle" senza bipiede da farmi venire la nausea una anche domenica di un amico Trentino _ fissato per il tiro sullo zaino- che mi ha sbagliato un maschio di capriolo a 100 METRI ! Poi a me piace la carabina con il bipiede ( perché brutta???) fortuna che non ragioniamo tutti allo stesso modo.

da Bruno  25/06/2014 18.53

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Walter, Walter..........................

NON LE DIRE CERTE COSE Che poi mi scateni l'inferno!!!!!
Ma come si puù solo pensare di paragonare un reticolo TDS, Mil o come ti pare con un telemetro laser???????????????
Io, ha parte il fatto che uso un binocolo LEICA GEOVID HD 8 x 42 (vedi TUTTE LE MIE FOTO) con telemetro inorporato,
Oggi non saprei più farne a meno.
Ecco un'altra piccola cosa su cui non siamo d'accordo.
A me piacciono i reticoli PULITI, semplici e tradizionali!
Plex, 4, 4 A, il 60 della Zeiss, etc....
Poi , dopo aver CONOSCIUTO l'esatta distanza di tiro con il telemetro (che non perdona come precisione!) mi faccio i dovuti calcoli se tirare filo schiena, poco più alto o filo pancia....
Trappi pallini-dot e/o riferimenti strani mi distraggono...
Un caro saluto
Marco

NB ho preso una vecchia VALMET HUNTER in calibro 308!!! NUOVA.
La cercavo da molto tempo, Brutta è pesante, ma la sua meccanica Kala mi affascina non poco in una arma nata prettamente da caccia.
E' molto precisa a 50 mt con Docter e affidabilissima anche in lunghe sessioni di tiro.
Ora devo portarla a spasso in "maremma" poi ti dirò...

da Marco Benecchi x OLD Walter  25/06/2014 18.36

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

"Ragazzi",
Spero lo siate, almeno nello spirito...
Io in qualità di "CACCIATORE PROFESSIONISTA", nel senso che ho fatto e faccio tutt'ora il cacciatore "quasi" di professione accompagnando periodicamente decine di cacciatori l'anno,
Posso dirvi che nella caccia a palla a lunga distanza il fattore più DETERMINANTE IN ASSOLUTO è proprio l'APPOGGIO.
E' inutile avere un'arma potente e precisa (al poligono!!!!!)
Quando a caccia non si dispone di un buon appoggio!!!!
STABILSSIMO
Sacchetti di sabbia, rest, bipiede, ORRIBILI zaini imbottiti (conosco dei cacciatori che si portano dietro degli ingombrantissimi zaini da 50 litri pieni di stracci da usare come appoggio), vanno benessimo, purchè siano stabili.
RIPETO, la stragrande maggioranza delle "padelle" che ho visto fare, le ho viste fare sparando dalle altane!!!!
Col solo appoggio, spesso troppo rigido, anteriore!!!
Nelle altane che si rispettano, prevalentemente SLOVENE e CROATE assolutamente non ungheresi. tutte danno la possibilità di avere anche un appoggio posteriore al calcio, mediande delle traversine mobili.

Che un bipiede è brutto da vedersi sono d'accordo. Tanto che in passato lo toglievo quando dovevo fare delle foto. Ma la sua superiorità è indiscutibile. Io quando posso lo uso anche sull'altana.
Conosco MOLTII cacciatori di rionata fama che hanno dotato di bipiede tattico anche costosi e raffinati kipplauf!!!

Comunque TUTTO E' BENE QUEL CHE FINISCE BENE.

Se uno da fiducia al proprio modo di sparare, perchè cambiarlo?
Un caro saluto
Marco

da Marco Benecchi x Bruno e Giacomo  25/06/2014 18.27

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Assolutamente in disaccordo sul " bipiede obbligatorio "..degustibis etc etc.....ma improponibile come imposizione.Oltretutto l'occhio vuole la sua parte e in altana o in postazione fissa adibita al prelievo selettivo,e cioè con un'azione svolta per le regole (in tanti distretti è vietata la "cerca") il bipiede è del tutto inutile e altresì BRUTTO a vedersi.

da giacomo  25/06/2014 15.10

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

I reticoli mil-dot ( me lo lasci dire) sono del tutto inutili per il "mediocre" cacciatore di selezione italiano ( diciamo appenninico) oltre a questo NON SONO di certo PRECISI come un bel telemetro dedicato della zaiis...leika ...swa..ecc.ecc. Poi, non tutti hanno la passione del tiro ( perchè di tiro si tratta) e balistica applicata e con qusti reticoli ti complici inutilmente la vita! Però, degustibus. Ottimo il bipiede ( dovrebbe essere obbligatorio) è utilissssssimooo! Bravo Marco...

da Bruno  25/06/2014 13.52

Re: CACCIA DI SELEZIONE: Piccoli consigli sull’acquisto dell’attrezzatura del “Neo –Selecontrollore”

Bel pezzo, Marco ... Bravo !
Se mi permetti, posso fare una mia piccola chiosa personale sulle ottiche ?
Da molti anni, oramai, uso sempre e solo ottiche dotate di reticoli "telemetrici", tipo il famoso "Mil-Dot" (ma ce ne sono altri egualmente validi).
Perché, mi chiederai ?
Beh, prima cosa, mi evito di portarmi dietro il telemetro (questi reticoli sono nati proprio per stimare la distanza) e poi perché posso "piazzare" il colpo con maggior precisione che non stimando ad occhio di quanto devo alzare o abbassare la mira.
Certo, il loro uso comporta un periodo di assuefazione, bisogna capire la logica del loro funzionamento e conoscere le caratteristiche della traiettoria delle nostre munizioni, ma una volta che hai fatto questo percorso, diventano semplicemente impagabili.
E, cosa importantissima, oramai si trovano in quasi tutte le produzioni, dagli Zeiss al più mediocre dei cinesi (non prendeteli, sono soldi buttati, anche se pochi ...).
Un abbraccio a tutti da Walter

da OLD_Hunter  25/06/2014 12.38
Cerca nel Blog
Lista dei Blog