Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Archivio
<febbraio 2024>
lunmarmergiovensabdom
2930311234
567891011
12131415161718
19202122232425
26272829123
45678910
Mensile
febbraio 2024
gennaio 2024
dicembre 2023
novembre 2023
ottobre 2023
settembre 2023
agosto 2023
luglio 2023
giugno 2023
maggio 2023
aprile 2023
marzo 2023
febbraio 2023
gennaio 2023
dicembre 2022
novembre 2022
ottobre 2022
settembre 2022
agosto 2022
luglio 2022
giugno 2022
maggio 2022
aprile 2022
marzo 2022
febbraio 2022
gennaio 2022
dicembre 2021
novembre 2021
ottobre 2021
settembre 2021
agosto 2021
luglio 2021
giugno 2021
maggio 2021
aprile 2021
marzo 2021
febbraio 2021
gennaio 2021
dicembre 2020
novembre 2020
ottobre 2020
settembre 2020
agosto 2020
luglio 2020
giugno 2020
maggio 2020
aprile 2020
marzo 2020
febbraio 2020
gennaio 2020
dicembre 2019
novembre 2019
ottobre 2019
settembre 2019
agosto 2019
luglio 2019
giugno 2019
maggio 2019
aprile 2019
marzo 2019
febbraio 2019
gennaio 2019
dicembre 2018
novembre 2018
ottobre 2018
settembre 2018
agosto 2018
luglio 2018
giugno 2018
maggio 2018
aprile 2018
marzo 2018
febbraio 2018
gennaio 2018
dicembre 2017
novembre 2017
ottobre 2017
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
aprile 2011
marzo 2011
febbraio 2011
gennaio 2011
dicembre 2010
novembre 2010
ottobre 2010
settembre 2010
agosto 2010
luglio 2010
giugno 2010
maggio 2010
aprile 2010
marzo 2010
febbraio 2010
gennaio 2010
dicembre 2009
novembre 2009
ottobre 2009
settembre 2009
agosto 2009
luglio 2009
giugno 2009
maggio 2009
aprile 2009
marzo 2009
febbraio 2009
gennaio 2009
dicembre 2008
novembre 2008
ottobre 2008
settembre 2008
agosto 2008
maggio 2008
aprile 2008
marzo 2008
febbraio 2008
gennaio 2008
dicembre 2007
novembre 2007
ottobre 2007
settembre 2007
agosto 2007
luglio 2007
giugno 2007
feb9


09/02/2024 

1. Ancora e di nuovo una presa di posizione dell’AIW contro le solite “ciaspolate” che ogni inverno vengono ad interessare la delicata zona della Cicerana e la prossima foresta vetusta del Moricento. Un valore primario svenduto al turismo con la copertura di terminologie buoniste e giustificanti, come ad esempio l’aver definito una villetta costruita abusivamente anni or sono e mai smantellata nonostante le autorizzazioni anche giudiziarie di farlo, ed anzi poi restaurata e trasformata in rifugio-ristorante, ed infine “sanata” con l’aulica definizione di “EcoRifugio”. Ma non solo alla Cicerana, anche nell’altra foresta vetusta del Parco nota come Difesa di Pescasseroli, quest’anno si terranno due ciaspolate. Programmate per il 24 e 25 febbraio nell’ambito di una grande iniziativa turistico-culturale battezzata “Le ciaspolate poetiche” (ma in estate sarà “Le passeggiate poetiche”). Ed ovviamente quella della Cicerana farà capo al suddetto rifugio. Nell’opporsi all’iniziativa (almeno alle due ciaspolate), l’AIW non ha mancato occasione di far presente come le due suddette località dovrebbero essere lasciate nella loro integra solitudine per rispetto all’Orso marsicano e al suo habitat (la prima in quanto zona di tane, e la seconda anche zona alimentare). E invece, con la scusa di far visitare le foreste vetuste ogni anno sono un via vai di turisti (nella seconda addirittura per visitare opere d’arte appositamente espostevi!). Non già a numero chiuso come meriterebbero (ma anche chiuse del tutto almeno in certe stagioni), bensì a numero “accompagnato”: come se ciò fosse sufficiente per preservarne lo stato ambientale e di quiete che meriterebbero!

2. In Africa prosegue l’impegno di Survival International nel criticare e contrastare i programmi dei difensori della fauna che con questa motivazione trattano i popoli indigeni come nemici, e nel farlo sembra che non si premurino di rispettare i loro diritti civili ed umani. L’ultimo scandalo segnalato è quello che ha coinvolto il già fin troppo chiacchierato Principe Harry. Titola un comunicato di Survival: “Stuprati e picchiati: l’organizzazione del Principe Harry collegata a scioccanti abusi in Africa”. La notizia è stata pubblicata come “inchiesta in prima pagina dal giornale britannico Daily Mail. L’inchiesta ha rilevato prove di innumerevoli atrocità commesse dalla ‘milizia armata’ di African Parks contro i Baka locali. L’organizzazione sa degli abusi da anni, ma sono continuati senza tregua. Survival International ha lanciato una campagna per chiedere al Principe Harry, che si dichiara impegnato con la giustizia sociale, a dimettersi dal consiglio di African Parks prendendo le distanze dall’organizzazione di cui è direttore”. I Baka sono un popolo che viveva nelle terre da cui sono stati sfrattati per costituire il Parco Nazionale Odzala-Kokoua, nella Repubblica del Congo. La direttrice di Survival dice che i Baka “non possono più entrare nella foresta che un tempo chiamavano casa, mentre i cacciatori di trofei e le compagnie minerari, petrolifere e del taglio del legno vengono considerati ‘partner’ della conservazione e possono continuare a condurre i loro affari come sempre. African Parks, insieme ad altre grandi organizzazioni per la conservazione come il WWF, si approppriano della terra indigena per trasformarla in riserve o parchi militarizzati – e poi le loro guardie attaccano popoli come i Baka solo cercano di vivere la loro vita”. Ecco, non è così che si dovrebbe preservare il mondo selvaggio africano, anche perché quei popoli non solo ne fanno parte, ma ne sono i legittimi proprietari. Combattere gli eventuali abusi non deve essere motivo per delegittimarli dei loro diritti e della loro dignità.

3. Nell’impegno in difesa dell’Orso marsicano almeno questa volta l’AIW sta con gli animalista di AIDAA (Associazione Italiana Difesa Animali ed Ambiente). Ecco cos’ha diffuso ai media quest’ultima: «AIDAA vuole vederci chiaro e per le quali ha deciso l’invio di un esposto alla procura dell’Aquila per chiedere di riaprire o aprire le indagini sulle vere cause della sparizione dei tre orsi. Stiamo parlando degli orsi Gizio, ucciso a colpi di arma da fuoco nel 2014 e quindi ben 10 anni fa, e degli orsi Mario, scomparso nel 2019, e dell’orsa Peppina, scomparsa nel 2022. “Sia chiaro – spiegano gli animalisti di AIDAA – noi non formuliamo per il momento nessuna accusa, vogliamo però vederci chiaro sul numero esatto di orsi marsicani scomparsi in questi ultimi dieci anni perché abbiamo il sospetto che, oltre ai tre citati, ci siano altri orsi di cui si sono perse le tracce e vorremmo far luce sulle motivazioni delle loro sparizioni, a partire dall’accertamento che gli stessi non siano tutti stati eliminati per mano umana”.» E come non condividere, visto che su alcuni orsi spariti è bene che si faccia chiarezza, visto che sembra che non siano pochi e, soprattutto, visto che molti di essi era “monitorati” dai ricercatori. Un monitoraggio che evidentemente ha funzionato male o poco in certi casi. O l’opinione pubblica non è stata informata nonostante le centinaia di pagine dei famosi Rapporti annuali. Ad esempio, a parte quelli succitati da AIDAA, che fine ha fatto la famosa “Forchetta”, l’orsa menomata ad una zampa di cui le autorità hanno a lungo taciuto? E a cosa si doveva la sua menomazione? Mistero mai chiarito. E che dire degli altre tre cuccioli figli della famosa Amarena e fratelli e sorelle dell’altrettanto famoso Juan Carrito? Non sarebbe male se nei Rapporti si facesse chiarezza di queste omissioni. Chissà che l’AIDAA non ottenga quello che non ha ottenuto l’AIW.

4. Intanto in Trentino la Provincia ha autorizzato ed effettuato l’abbattimento dell’orso M90 resosi pericoloso con diversi casi di aggressioni a persone o evidenti e innegabili tentativi di farlo. In pratica la Provincia di Trento ha semplicemente agito come da sempre si fa negli USA ed in Canada, anche grazie alla loro lunghissima esperienza, con i loro orsi; peraltro senza suscitare alcuno scandalo sociale. Da noi il “potente” animalismo italiano preferisce negare questi fatti ed eventualità, nonostante il caso del povero Andrea Papi, ed anziché criticare l’errato modo con cui si è condotta l’operazione di “rinsanguamento” dell’antico originario orso trentino con orsi sloveni di carattere tutt’altro che docili (operazione che a suo tempo sostennero), pretenderebbe di mantenere il rischio o, al massimo, di un fine pena mai per questi animali nati liberi. Senza per questo assumersene la responsabilità, ed anzi pretendendo che se l’assuma la Provincia di Trento e nominalmente il suo presidente. E grave è anche il fatto che lo stesso Ministro dell’Ambiente sembra supportarli, anziché schierarsi con la Provincia: evidentemente i voti contano più della saggezza. Peccato che a rischiare siano gli abitanti rurali e i turisti della zona orso. Mentre nessun rischio di estinzione corre la specie orso bruno europeo (nelle cui terre d’origine ogni anno se ne abbattono non pochi per la stessa ragione, o anche per attività venatoria proprio al fine di evitare una crescita insostenibile delle loro popolazioni).

Tags:

Tuo Nome:
Titolo:
Commento:


172.70.34.232
Aggiungi un commento  Annulla 

1 commenti finora...

Re: Non solo orsi. Il punto dell'AIW

La storia dei Baka e' davvero incivile, scandalosa e deprecabile. Non soprende che di mezzo ci sia il WWF che ha perso completamente di vista i principi ed i propositi su cui era stata fondata.

da Flagg  11/02/2024
Cerca nel Blog
Lista dei Blog