Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Archivio
<aprile 2024>
lunmarmergiovensabdom
25262728293031
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293012345
Mensile
aprile 2024
marzo 2024
febbraio 2024
gennaio 2024
dicembre 2023
novembre 2023
ottobre 2023
settembre 2023
agosto 2023
luglio 2023
giugno 2023
maggio 2023
aprile 2023
marzo 2023
febbraio 2023
gennaio 2023
dicembre 2022
novembre 2022
ottobre 2022
settembre 2022
agosto 2022
luglio 2022
giugno 2022
maggio 2022
aprile 2022
marzo 2022
febbraio 2022
gennaio 2022
dicembre 2021
novembre 2021
ottobre 2021
settembre 2021
agosto 2021
luglio 2021
giugno 2021
maggio 2021
aprile 2021
marzo 2021
febbraio 2021
gennaio 2021
dicembre 2020
novembre 2020
ottobre 2020
settembre 2020
agosto 2020
luglio 2020
giugno 2020
maggio 2020
aprile 2020
marzo 2020
febbraio 2020
gennaio 2020
dicembre 2019
novembre 2019
ottobre 2019
settembre 2019
agosto 2019
luglio 2019
giugno 2019
maggio 2019
aprile 2019
marzo 2019
febbraio 2019
gennaio 2019
dicembre 2018
novembre 2018
ottobre 2018
settembre 2018
agosto 2018
luglio 2018
giugno 2018
maggio 2018
aprile 2018
marzo 2018
febbraio 2018
gennaio 2018
dicembre 2017
novembre 2017
ottobre 2017
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
aprile 2011
marzo 2011
febbraio 2011
gennaio 2011
dicembre 2010
novembre 2010
ottobre 2010
settembre 2010
agosto 2010
luglio 2010
giugno 2010
maggio 2010
aprile 2010
marzo 2010
febbraio 2010
gennaio 2010
dicembre 2009
novembre 2009
ottobre 2009
settembre 2009
agosto 2009
luglio 2009
giugno 2009
maggio 2009
aprile 2009
marzo 2009
febbraio 2009
gennaio 2009
dicembre 2008
novembre 2008
ottobre 2008
settembre 2008
agosto 2008
maggio 2008
aprile 2008
marzo 2008
febbraio 2008
gennaio 2008
dicembre 2007
novembre 2007
ottobre 2007
settembre 2007
agosto 2007
luglio 2007
giugno 2007
dic18


18/12/2023 9.23 

 
 
“Se la montagna non viene da Maometto, Maometto va alla montagna”. Si dice sia la frase pronunciata dal Profeta in occasione del suo miracolo ma è  quello che è successo anche a due abilissimo scultori del Trentino Alto Adige: Giuseppe Rumerio di Ortisei e Davide Zeni, il suo promettente allievo di Andalo, perché hanno avuto l’incarico  di scolpire il tronco di un albero secolare che era quasi impossibile, o almeno troppo  dispendioso, trasportare.
 
Il committente, proprietario di una bellissima Azienda vicino Bibbiena, ha scelto Giuseppe e Davide per farsi fare un scultura in legno che secondo noi ha un significato molto profondo, per non dire addirittura triste: un branco di cinghiali inseguito da un lupo!  Come se avesse voluto dare un testimonianza tangibile, reale del dramma che stiamo vivendo in Italia, in balìa dei predatori carnivori, e per farlo abbia deciso di rivolgersi ad uno dei più bravi scultori in legno mai esistiti: Giuseppe Rumerio.

Giuseppe lavora il legno, dalle sue mani escono delle opere d’arte talmente belle che è difficile immaginare che provengano da un semplice blocco di legno. Giuseppe è timido, schivo, ma al contempo disponibile,  gentilissimo  e, a modo suo,  anche aggressivo quando impugna mazzuolo e scalpello. Dopo aver visto di cosa è capace, mi sono sentito in dovere di approfittare delle nostre pagine per presentarvi un artista tanto bravo quanto unico nel suo genere, che merita veramente di essere conosciuto meglio. Giuseppe Rumerio è nato il 1 giugno del 1949 a Cittiglio, in provincia di Varese, da padre muratore e madre cuoca.
 
 
 
Una famigliola normale, se non fosse stato per il fatto che la mamma, nativa di Ortisei, era una diretta discendente della prima stirpe di scultori di tutta la Val Gardena. A soli quattro anni Giuseppe giunse finalmente nella terra che gli è più congeniale, dove inizia ad amare uno dei suoi prodotti più caratteristici: il legno di cirmolo. Chiunque dimostra tanta abilità nell’arte è perché è nato con un dono della natura. Al piccolo Giuseppe infatti, veniva più facile ricavare un angioletto o un capriolo da un pezzo di legno che dare quattro calci ad un pallone. Dopo aver imparato tutti i trucchi del mestiere ed aver acquisito padronanza e maestria nel maneggio degli utensili, Giuseppe Rumerio decise che era ora di mettersi a lavorare seriamente e di dedicarsi alla difficile  ed esclusiva creazione di oggetti sacri, come statue di santi e crocifissi, oggetti molto richiesti dai turisti di tutta Europa, che ogni anno a migliaia visitano la splendida valle altoatesina e che difficilmente la lasciano senza aver preso un bellissimo e profumato souvenir in legno. Rumerio col tempo ha conseguito  anche il diploma di Maestro Artigiano che sapientemente è riuscito ad abbinare all’esperienza ed al suo irresistibile estro per creare sempre opere nuove sia in legno sia in bronzo.
 
 
 
Oggi tutte le sue sculture sono esclusivamente ed integralmente fatte a mano e tutelate da un marchio e da un certificato di garanzia. Chi lo conosce bene, sa che ormai nelle vene di Giuseppe non scorre più il sangue, ma trucioli e resina! Artisticamente parlando, è completamente autodidatta e tutto quello che sa fare e la magica ed insuperabile arte che esprime l’ha imparata da solo nel piccolo laboratorio che suo papà gli aveva costruito tanti anni addietro nella loro bella casa tra i monti. Giuseppe Rumerio si definisce un uomo felice e sereno, perché, oltre ad avere una meravigliosa famiglia, la sua unica attività è sempre coincisa con la sua grande passione: la scultura in legno. Basta recarsi nella sua casa ad Ortisei,  oppure visitare il suo sito su internet, per rendersi conto se ciò che dico è vero. Credetemi, la sua arte è insuperabile, indipendentemente dal soggetto scelto.  Se ti trovi davanti ad una sua scultura, capisci al volo che l’ha fatta lui. Possiede una genialità ed una cura dei dettagli difficilmente riscontrabile in altri artisti. Giuseppe le sue opere in legno, ma anche in bronzo, le crea di sana pianta, le modifica le rifinisce e le abbellisce a suo piacimento o su richiesta del committente, sempre con le proprie mani.
 
 
 
Alcune sue sculture riescono veramente a toglierti il fiato. Giuseppe, a differenza di molti altri scultori ed artisti, non ha un atelier vero e proprio dove espone le sue opere. Lui lavora in casa, in un piccolo locale profumato di legno e resina, arredato spartanamente e con le pareti arricchite da tanti trofei di caccia. Si, perché Giuseppe è anche un appassionato e bravissimo cacciatore di montagna. Visitando dove opera abbiamo visto pochissime sculture finite, ma molte ancora in fase d’ultimazione ed altre ancora che risalgono addirittura a quando, giovanissimo, scoprì il suo innaturale talento. Per Giuseppe il legno non ha praticamente segreti e lavorarlo è una sfida a cui non sa resistere. Dalle sue mani è uscito e può uscire di tutto. Ritratti, statue con sembianze umane e di animali, paesaggi, scene di caccia e scene sacre come crocifissi, vie crucis e natività.
 
 
 
Come si possono descrivere le sue opere? Personalmente definirei Rumerio come un moderno Michelangelo, che invece di lavorare il marmo ha scelto il legno pregiato. Giuseppe è forse noto più all’estero che in patria. Ha partecipato a moltissime  mostre a Treviso, Firenze, Milano, Torino, Monaco di Baviera, Francoforte, Amburgo, Parigi, Lione, Innsbruk,  ed anche in America, dove ha suscitato un grandissimo interesse sia di critica sia di pubblico. Alle normali incisioni, intagli, intarsi ecc, Giuseppe sa coniugare la conoscenza e l’abilità della semplice lavorazione del legno, con l’originalità dell’invenzione e dell’arte. Crea personaggi possenti nella struttura, tra il popolare ed il mitico, come galoppanti e frementi cavalli, voli di germani, paesaggi da favola, animali selvatici montani come caprioli, cervi, aquile e camosci, ma anche bufali, leoni ed elefanti.
 
 
 
Una sua scultura a grandezza naturale che riproduce un puma ha vinto un importante e prestigioso trofeo negli USA, dove lo scultore di Ortisei gode di una grandissima fama. Giuseppe Rumerio, da buon valligiano, risente particolarmente dalla natura che lo circonda, dove l’antico animo del cacciatore si tramuta in acutezza d’osservazione degli animali e dei vegetali, che trasforma nelle sue inimitabili opere. Quando ho avuto l’occasione di conoscerlo personalmente, con gli occhi che gli brillavano per l’eccitazione, ha voluto mostrarmi una cosa. Mi aspettavo di vedere un bel camoscio scolpito, una tavola con una scena di caccia al cinghiale, una statua raffigurante un santo ed invece mi ha mostrato una piccola scultura di un capriolo maschio sdraiato su un fianco alto non più di sette – otto centimetri. Un oggetto raffinatissimo degno più dell’arte orafa che opera di uno scultore in legno.  “Un cliente mi ha offerto per questo piccolo oggetto...” e spara una grossa cifra. “ma non gliel’ho dato. L’ho regalato tanti anni fa a mia moglie e non lo venderei per niente al mondo”.
 
Mi sono sentito in imbarazzo ed onorato per aver avuto la fortuna di toccare ed ammirare una miniatura così bella. Ecco, se proprio dobbiamo trovare un difetto al mago del mazzuolo e dello scalpello di Ortisei, è, paradossalmente, proprio l’eccessiva bellezza dei suoi lavori, perché sembra impossibile che possono essere fatti esclusivamente a mano. Date retta a me, se vi dovesse capitare di passare per la Val Gardena, fate una piccola sosta ed andate a trovare Giuseppe Rumerio. State certi che non ve ne pentirete. 

                                                                 
Marco  Benecchi

GIUSEPPE RUMERIO    
SCULTORE - SCULPTER
[email protected] – www.rumerio.com

Fattorie di Celli 
[email protected]  www.fattoriecelli.it

 
 


Tags:

Tuo Nome:
Titolo:
Commento:


172.70.42.94
Aggiungi un commento  Annulla 

10 commenti finora...

Re: Scultori in trasferta: dalla Val Gardena ai Monti Casentini

ma che bravo esto scultoreddu

da sellero  06/01/2024 23.44

Re: Scultori in trasferta: dalla Val Gardena ai Monti Casentini

Beddu edu ma Mauro corona e .megghiu

da Don vito cannavjese  04/01/2024 1.35

Re: Scultori in trasferta: dalla Val Gardena ai Monti Casentini

Buon anno ,niente tregua domattina vado a caccia.

da Antico  31/12/2023 22.15

Re: Scultori in trasferta: dalla Val Gardena ai Monti Casentini

Bellissimo gruppo, bravissimo lo scultore!

da Vecchio cedro  29/12/2023 18.34

Re: Scultori in trasferta: dalla Val Gardena ai Monti Casentini

auguri Marco

da antico  29/12/2023 12.34

Re: Scultori in trasferta: dalla Val Gardena ai Monti Casentini

Tantissimi AUGURI di BUON NATALE e per un Felicissimo ANNO NUOVO
spero ricco di grandi soddisfazioni venatorie
Un caro Abbraccio a Voi Tutti
Marco

da MARCO BENECCHI X TUTTI GLI AMICI DEL BLOG  24/12/2023 18.11

Re: Scultori in trasferta: dalla Val Gardena ai Monti Casentini

Mirkuccio youuuu''' uu'' amore mio non rispondi piu' ?

da Massy  23/12/2023 16.50

Re: Scultori in trasferta: dalla Val Gardena ai Monti Casentini

x Mirko , siccome sul blog di Marco scrivono anche persone per bene e normali

magari un minimo di distinguo e un pò di rispetto per loro , poteva anche lasciarlo intravedere.

Altrimenti cencio dice male di straccio....vien da dire !

da massy  19/12/2023 8.26

Re: Scultori in trasferta: dalla Val Gardena ai Monti Casentini

L'ho sempre detto che, per fortuna....
l'ARTE non è per tutti!

Saluti
Marco

da Marco B x Tutti  18/12/2023 13.59

Re: Scultori in trasferta: dalla Val Gardena ai Monti Casentini

Grande Marco!! Finalmente uno scritto sul bello del mondo. Ma a giudicare dai commenti dei buzzurri che leggono il tuo blog è come dare le perle ai porci!!! Certa gente si lava una volta l’anno quando va al mare!!

da Mirko  18/12/2023 12.22
Cerca nel Blog
Lista dei Blog