Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Archivio
<giugno 2024>
lunmarmergiovensabdom
272829303112
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
1234567
Mensile
giugno 2024
maggio 2024
aprile 2024
marzo 2024
febbraio 2024
gennaio 2024
dicembre 2023
novembre 2023
ottobre 2023
settembre 2023
agosto 2023
luglio 2023
giugno 2023
maggio 2023
aprile 2023
marzo 2023
febbraio 2023
gennaio 2023
dicembre 2022
novembre 2022
ottobre 2022
settembre 2022
agosto 2022
luglio 2022
giugno 2022
maggio 2022
aprile 2022
marzo 2022
febbraio 2022
gennaio 2022
dicembre 2021
novembre 2021
ottobre 2021
settembre 2021
agosto 2021
luglio 2021
giugno 2021
maggio 2021
aprile 2021
marzo 2021
febbraio 2021
gennaio 2021
dicembre 2020
novembre 2020
ottobre 2020
settembre 2020
agosto 2020
luglio 2020
giugno 2020
maggio 2020
aprile 2020
marzo 2020
febbraio 2020
gennaio 2020
dicembre 2019
novembre 2019
ottobre 2019
settembre 2019
agosto 2019
luglio 2019
giugno 2019
maggio 2019
aprile 2019
marzo 2019
febbraio 2019
gennaio 2019
dicembre 2018
novembre 2018
ottobre 2018
settembre 2018
agosto 2018
luglio 2018
giugno 2018
maggio 2018
aprile 2018
marzo 2018
febbraio 2018
gennaio 2018
dicembre 2017
novembre 2017
ottobre 2017
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
aprile 2011
marzo 2011
febbraio 2011
gennaio 2011
dicembre 2010
novembre 2010
ottobre 2010
settembre 2010
agosto 2010
luglio 2010
giugno 2010
maggio 2010
aprile 2010
marzo 2010
febbraio 2010
gennaio 2010
dicembre 2009
novembre 2009
ottobre 2009
settembre 2009
agosto 2009
luglio 2009
giugno 2009
maggio 2009
aprile 2009
marzo 2009
febbraio 2009
gennaio 2009
dicembre 2008
novembre 2008
ottobre 2008
settembre 2008
agosto 2008
maggio 2008
aprile 2008
marzo 2008
febbraio 2008
gennaio 2008
dicembre 2007
novembre 2007
ottobre 2007
settembre 2007
agosto 2007
luglio 2007
giugno 2007
set1


01/09/2023 

Orsi. La notte scorsa, a San Benedetto, paese della Marsica fucense, dove di foreste e montagne non ne esistono più da centinaia di anni, hanno sparato e ucciso l’orsa “Amarena”, la mamma di Juan Carrito e di tanti altri orsi da lei educati non più alla vita nel mondo selvaggio, ma alle piazze e vie dei paesi ad elemosinare come barboni nei cassetti delle immondizie, nei pollai, nelle conigliere e nelle stalle. Ora ancora e di nuovo lacrime di coccodrillo! Ora quelli che stanno piangendo si scateneranno contro l’uccisore, un cittadino che eccedendo per rabbia ed ira ha deciso di difendere i propri interessi, sparando: un atto riprovevole che non andrebbe mai fatto, né verso un animale né tanto meno verso le persone. Ma che in questo strano nostro Paese succede sempre più spesso, dove il cittadino si vede costretto a prendere quei provvedimenti che non prendono le autorità. Autorità a tutti i livelli, che siano di destra o di sinistra, che nel caso degli orsi e dei lupi, sono succube degli animalisti: perché sono tanti e votano sia a destra che a sinistra! Così l’orso marsicano in quanto specie animale ha perduto un’altra fattrice! E la colpa la daranno alla persona colpevole di aver sparato, perché non ce n’era alcun bisogno, visto che Amarena, come già Juan Carrito e come gli ormai tanti individui e di orsi marsicani a spasso per i paesi d’Abruzzo, “non aveva mai creato alcun tipo di problema all’uomo”, come dicono le autorità, mistificando i fatti per coprire i loro errori o mancanze. E, al solito, nessuno vorrà andare alla VERA RADICE del problema, e che già portò alla morte Juan Carrito: FAME! Ecco, sul quel banco degli imputati, ancora una volta sarà seduto il colpevole, ma non i “mandanti” indiretti! Sarà punito, condannato, dovrà pagare danni ingenti, forse anche agli stessi animalisti che si costituiranno parte civile – danni che mai sono riconosciuti “ingenti” (100% reale) quando a subirli non è la “società” ma il singolo cittadino! Poi tutto proseguirà come prima, gli altri orsi, forse anche i figli di Amarena, proseguiranno a frequentare strade e piazze, cassonetti, pollai, conigliere e stalle di paese. E nessuno vorrà chiedersi PERCHÉ, quel perché che porterebbe alla RADICE DEL PROBLEMA e ai veri responsabili, se non  altro per mancato intervento e, cosa assai più grave, NONOSTANTE GLI AVVISI E LE PROPOSTE sul cosa da decenni si doveva fare per evitare che l’Orso marsicano lasciasse le sue foreste e montagne: coltivazioni a perdere (e “Recinti Finamore”!), sostegno alla pastorizia ovina, blocco al turismo escursionistico nelle aree più delicate, chiusura e smantellamento dei rifugi con effetti impattanti sulla loro vita, abbattimenti casuali di cervi e cinghiali a scopo alimentare per orsi e lupi. Invece, dovremo assistere allo scandalismo mediatico, alle raccolte fondi pro orso marsicano, a nuovi studi, ricerche, catture e monitoraggi, a nuove richieste di ampliamento dei Parchi. Ecco, almeno “Amarena” non avrà più bisogno di essere monitorata: sapremo tutti dove sarà stata messa la sua carcassa! Almeno “Amarena” non produrrà più altri cuccioli da educare alle piazze e alle strade dei paesi. E non sarà una vittoria! Ma sarà considerata tale, questa sì, la condanna che verrà inflitta al cittadino di San Benedetto per aver difeso le sue proprietà (cittadino che magari è anche una brava e tranquilla persona, solo esasperata come lo sono i tanti abruzzesi che in questi ultimi anni si sono visti gli orsi entrare nei loro pollai, stalle e finanche case)! E sarà una vittoria di Pirro per tutti, dagli ambientalisti, alle autorità, alla popolazione dell’orso marsicano!

Lupi. Luigi Boitani, al solito, si auto-smentisce! Non è la prima volta che gli succede. E, purtroppo per lui, sono cose che capitano quando non si raccontano i fatti per quello che realmente sono, o ci si fa condizionare dalle proprie idee preconcette. L’altro giorno sul sito de La Repubblica ha scritto che “In passato, il lupo si è mangiato molti uomini, anche in Italia, soprattutto anziani o giovani pastorelli, come testimoniato dai registri di nascite e morti tenuti dalle parrocchie dei secoli passati”. Peccato che per decenni sia stato anche lui, come tutti i protezionisti, ad attestare che tutte le notizie di predazioni del lupo sull’uomo erano da ritenersi inattendibile, né più né meno di favole. E questo soprattutto durante la famosa campagna (e retorica!) per salvare il lupo, nota come “Operazione San Francesco” (Boitani 1976: “smitizzare e demistificare la figura di quello che era un feroce predone nelle storie tradizionali, per farlo tornare un nostro compagno nella natura”)! Boitani nascose la verità a fin di bene, direbbe oggi, ma resta il fatto che, allora lo ha fatto, mentre oggi smentisce quel buonista pensiero unico! Purtroppo per Boitani, per difendere una causa giusta non si dovrebbe mai nascondere i fatti e men che meno mentire! Boitani prosegue poi asserendo che “Negli ultimi due secoli, gli attacchi mortali in tutto il mondo sono stati rarissimi; negli ultimi 20 anni si contano solo due attacchi, entrambi in Alaska, nessuno in Europa”. E qui si smentisce di nuovo, avendo egli fatto parte di un equipe di studiosi internazionali di 18 paesi con popolazioni di lupi, che, nel 2002 , per conto del Ministero dell’Ambiente norvegese (quindi incarico autorevole) hanno steso una relazione in cui quanto sopra dichiarato non lo si afferma affatto, ed anzi si citano i diversi casi di predazioni su bambini avvenuti in Spagna ancora negli anni ’70 del secolo scorso, con tanto di nomi e cognomi, date e località degli eventi. Dove ha ragione Boitani, è quando afferma che “il rischio di un attacco non è zero ma è talmente basso che è perfino impossibile definirlo con un facile numero, certamente inferiore al rischio di morire per la puntura di una vespa, o uccisi dal proprio cane”. Peccato che lui dimentichi che la paura atavica dell’uomo verso il predatore non la si possa eliminare citando dati statistici, perché è il tipo di morte che fa paura, e che anche se abbassassimo il rischio, nessuno vuole comunque correrlo: ci sono morti che fanno orrore, e quelle da predazione da parte di animali feroci è una di queste. Ecco che quindi si arriva al vero problema che Boitani non affronta, ovvero al fatto che per ridurre veramente al lumicino il rischio di aggressioni, bisogna semplicemente tenere basso il numero dei lupi. Ma, si ripete, questo Boitani non lo dice! Ed anzi, quasi lascia credere che possiamo pure tenerci i branchi di lupi che scorrazzano per tutta Italia. Un argomento che neppure sfiora nel suo articolo, forse perché non vuole farsi troppi nemici lupofili e vuole cavalcare il loro pensiero unico modaiolo per i quali il lupo resta un tabù (si noti bene, non un animale a rischio estinzione, ma un totem, un tabù appunto!). Ma questo non è da serio studioso della biologia animale! Infatti, in quanto al numero dei lupi e sulla necessità di ridurne il numero, se non altro per i danni che essi arrecano al bestiame (cosa che Boitani riconosce) egli asserisce che in Italia ci sarebbe “una popolazione di qualche migliaio di esemplari”. Questo, quando, proprio in quanto massimo esperto della specie, sa benissimo che non di “qualche migliaio” si deve parlare, ma diverse migliaia, certamente oltre i 5.000 esemplari. Ovvero, si vuole smentire la realtà dei numeri per adattarla alla teorica stima dei lupofili, finanche celati tra le autorità!

 
Franco Zunino
Segretario Generale AIW

Tags:

Tuo Nome:
Titolo:
Commento:


172.70.174.229
Aggiungi un commento  Annulla 

1 commenti finora...

Re: Orsi e lupi d'Abruzzo. Solite lacrime di coccodrillo!

i lupi AMICO MIO fanno cassa , sono soldi, euro a pioggia per i VERDI NULLAFACENTI E PER L'ISPRA CHE HA ORGANIZZATO UN CENSIMENTO DA DEMENTI!!! Però, e mi dispiace, nessuno parla della distruzione delle specie capriolo che si sono estinti in alcune zone d'Italia come la mia maremma SPARITI , ANNIENTATI , NON SE NE VEDE PIU UNO! alla faccia dei lupofoli idioti ! QUESTO E' un PAESE DI IDIOTI VERDI! Capisco perchè i giovani se vanno

da LUPO  02/09/2023
Cerca nel Blog
Lista dei Blog