Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Archivio
<marzo 2024>
lunmarmergiovensabdom
26272829123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031
1234567
Mensile
febbraio 2024
gennaio 2024
dicembre 2023
novembre 2023
ottobre 2023
settembre 2023
agosto 2023
luglio 2023
giugno 2023
maggio 2023
aprile 2023
marzo 2023
febbraio 2023
gennaio 2023
dicembre 2022
novembre 2022
ottobre 2022
settembre 2022
agosto 2022
luglio 2022
giugno 2022
maggio 2022
aprile 2022
marzo 2022
febbraio 2022
gennaio 2022
dicembre 2021
novembre 2021
ottobre 2021
settembre 2021
agosto 2021
luglio 2021
giugno 2021
maggio 2021
aprile 2021
marzo 2021
febbraio 2021
gennaio 2021
dicembre 2020
novembre 2020
ottobre 2020
settembre 2020
agosto 2020
luglio 2020
giugno 2020
maggio 2020
aprile 2020
marzo 2020
febbraio 2020
gennaio 2020
dicembre 2019
novembre 2019
ottobre 2019
settembre 2019
agosto 2019
luglio 2019
giugno 2019
maggio 2019
aprile 2019
marzo 2019
febbraio 2019
gennaio 2019
dicembre 2018
novembre 2018
ottobre 2018
settembre 2018
agosto 2018
luglio 2018
giugno 2018
maggio 2018
aprile 2018
marzo 2018
febbraio 2018
gennaio 2018
dicembre 2017
novembre 2017
ottobre 2017
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
aprile 2011
marzo 2011
febbraio 2011
gennaio 2011
dicembre 2010
novembre 2010
ottobre 2010
settembre 2010
agosto 2010
luglio 2010
giugno 2010
maggio 2010
aprile 2010
marzo 2010
febbraio 2010
gennaio 2010
dicembre 2009
novembre 2009
ottobre 2009
settembre 2009
agosto 2009
luglio 2009
giugno 2009
maggio 2009
aprile 2009
marzo 2009
febbraio 2009
gennaio 2009
dicembre 2008
novembre 2008
ottobre 2008
settembre 2008
agosto 2008
maggio 2008
aprile 2008
marzo 2008
febbraio 2008
gennaio 2008
dicembre 2007
novembre 2007
ottobre 2007
settembre 2007
agosto 2007
luglio 2007
giugno 2007
apr19


19/04/2023 

 
"Volete degli orsi? State sereni, dopo aver abbattuto i 3 problematici, ne abbiamo altri 70 da spostare: per chi vuole, siamo a disposizione, venite a prenderli". Questo è lo sfogo del presidente della Provincia, Maurizio Fugatti, che è sbottato in conferenza stampa contro le associazioni animaliste e gli esperti “da salotto”.

La morte del runner ventottenne è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso. Il Trentino che, un po’ per motivi turistici e un bel po’ per le solite pressioni degli animalisti da salotto, cominciò nel ’99 a immettere una coppia di orsi sloveni grazie al progetto “Life Ursus”, ora si trova in un mare di guai.

Guai faunistici, ambientali e soprattutto di ordine e sicurezza pubblica, derivanti da una popolazione di oltre 100 plantigradi che sono il doppio di quel numero “ottimale” stimato inizialmente dal “vecchio” INFS in circa 50 esemplari. Ma non finisce qui, perché tutti gli esperti sono concordi nel dire che in dieci anni ci saranno più di 300 orsi in un territorio meraviglioso ma anche fortemente antropizzato, specie dal punto di vista turistico, estivo e invernale, come quello trentino.

Si è ripetuto, anche se per motivi diversi, lo stesso fenomeno che ha caratterizzato la popolazione del lupo che ormai, secondo alcuni ricercatori, si aggira intorno ai 5000 esemplari, un numero assolutamente insostenibile per un Paese come il nostro. Si pensi che in Svezia, che ha una superficie quasi doppia dell’Italia, sono stati censiti circa 460 esemplari che il governo e gli scienziati hanno ritenuto eccessivi decidendo di abbatterne almeno 75 per mantenere un livello tollerabile.
Nel caso del lupo non c’è ancora scappato il morto ma se non verranno presi seri provvedimenti, questa sarà un’eventualità non così remota, mentre a piangere sono gli allevatori e anche i proprietari di animali di affezione che sono sempre più nel mirino dei grandi predatori.

Nonostante tutto ciò, a dettare legge sono ancora le frange più oltranziste dell’animalismo duro e puro che ignora del tutto la parola “gestione” che prevede sì catture e spostamenti vari ma – come nel caso degli orsi problematici –anche degli abbattimenti.

La lezione che ci arriva dall’Europa è semplice: “Il medico pietoso fa la piaga puzzolente” e quindi alcune specie selvatiche vanno, appunto, gestite, mantenendole entro limiti tollerabili non solo per la sicurezza pubblica ma proprio per il benessere degli stessi selvatici.

Ma ai nostri valorosi animalisti da salotto gli esempi che provengono un po’ da ogni parte, e le lezioni severe di gestione faunistico-ambientale che ci vengono impartite, non piacciono proprio e continuano a gridare istericamente “Giù le mani dall’orso” oppure “Nessuno tocchi i lupi”.

Qui non si tratta di aprire la caccia all’uno o agli altri: nessun cacciatore italiano lo chiede. Si tratta solo di essere doverosamente e rigorosamente pragmatici, senza che l’ideologia abbia la meglio, e bene ha fatto il presidente della provincia autonoma di Trento Maurizio Fugatti a parlare con una chiarezza encomiabile e rara per gli amministratori e i politici di casa nostra.



Paolo Sparvoli

Tags:

Tuo Nome:
Titolo:
Commento:


172.70.34.107
Aggiungi un commento  Annulla 

4 commenti finora...

Re: Un Paese che non vuole imparare lezioni

Fate un bel referendum in Trentino ( solo per i residenti ) e chiedete se vogliono tenere gli orsi o no !! E quanti ? In base al risultato , agite , senza curarvi di chi parla a vanvera da altre regioni e da altri Stati .
Non è difficile .

da Ugo  22/04/2023

Re: Un Paese che non vuole imparare lezioni

Sandro, sei incompetente e un pessimo esempio sia per gli orsi che la caccia.

da Orso  20/04/2023

Re: Un Paese che non vuole imparare lezioni

Vanno abbattuti non ce ne deve essere piu' uno !!!!!! ANCHE DUE SOLI ESEMPLARI SONO PERICOLOSI! MA SIAMO DIVENTATI MATTI! Ci sono voluti secoli per eliminare queste bestiacce pericolosissime e adesso le reintroduciamo? siamo proprio alla follia umana.

da Sandro  19/04/2023

Re: Un Paese che non vuole imparare lezioni

Ma scherziamo?? Un uomo che non puo' fare piu' una sana passeggiata nei meravigliosi boschi del trentino con la paura di essere sbranato da una di queste bestiacce nate per farne prosciutti e spezzatino.

da Sandro  19/04/2023
Cerca nel Blog
Lista dei Blog