Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Archivio
<dicembre 2022>
lunmarmergiovensabdom
2829301234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930311
2345678
Mensile
dicembre 2022
novembre 2022
ottobre 2022
settembre 2022
agosto 2022
luglio 2022
giugno 2022
maggio 2022
aprile 2022
marzo 2022
febbraio 2022
gennaio 2022
dicembre 2021
novembre 2021
ottobre 2021
settembre 2021
agosto 2021
luglio 2021
giugno 2021
maggio 2021
aprile 2021
marzo 2021
febbraio 2021
gennaio 2021
dicembre 2020
novembre 2020
ottobre 2020
settembre 2020
agosto 2020
luglio 2020
giugno 2020
maggio 2020
aprile 2020
marzo 2020
febbraio 2020
gennaio 2020
dicembre 2019
novembre 2019
ottobre 2019
settembre 2019
agosto 2019
luglio 2019
giugno 2019
maggio 2019
aprile 2019
marzo 2019
febbraio 2019
gennaio 2019
dicembre 2018
novembre 2018
ottobre 2018
settembre 2018
agosto 2018
luglio 2018
giugno 2018
maggio 2018
aprile 2018
marzo 2018
febbraio 2018
gennaio 2018
dicembre 2017
novembre 2017
ottobre 2017
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
aprile 2011
marzo 2011
febbraio 2011
gennaio 2011
dicembre 2010
novembre 2010
ottobre 2010
settembre 2010
agosto 2010
luglio 2010
giugno 2010
maggio 2010
aprile 2010
marzo 2010
febbraio 2010
gennaio 2010
dicembre 2009
novembre 2009
ottobre 2009
settembre 2009
agosto 2009
luglio 2009
giugno 2009
maggio 2009
aprile 2009
marzo 2009
febbraio 2009
gennaio 2009
dicembre 2008
novembre 2008
ottobre 2008
settembre 2008
agosto 2008
maggio 2008
aprile 2008
marzo 2008
febbraio 2008
gennaio 2008
dicembre 2007
novembre 2007
ottobre 2007
settembre 2007
agosto 2007
luglio 2007
giugno 2007
nov7


07/11/2022 

1. Il 12 novembre a Roma, presso la Sala Margana, sarà presentato un libro sul centenario del Parco Nazionale d'Abruzzo: The Painted Park (Il Parco dipinto), formato da opere originali di 16 artisti del gruppo Ars et Natura, tra i quali noti ambientalisti italiani quali Fabrizio Carbone e Fulco Pratesi. Curioso il fatto che ad averlo finanziato e/o almeno sponsorizzato non è stato il Parco Nazionale d'Abruzzo (Lazio e Molise) ma una fondazione svizzera (Fondazione Segrè)! Ma non solo, anche il fatto che a presentarlo non ci saranno le autorità del Parco, ma noti giornalisti ed ambientalisti, quali Luigi Boitani e Fernando Spina. La ragione? E' molto semplice, anche nel caso di altri organismi, e quindi non solo dell'AIW, l'ente Parco, pur contattato, spesso si "dimentica" di rispondere o ignora il dovere di farlo; ed è grave, specie quando si tratta di argomenti attinenti alla vita del Parco (che, si ricorda, è nazionale, ovvero appartiene a tutta la Nazione e, quindi, soprattutto a quei cittadini che della difesa della Natura si occupano). Purtroppo, non è la prima volta che in Italia i personaggi che giungono ai vertici e al potere di certi organismi se ne sentano poi "proprietari" e non già servitori; e questo succede non solo nel campo della conservazione della natura. Un malvezzo che dura da tempo e che è legato al fatto che in Italia non esiste ancora un sistema democratico liberale COMPIUTO. Unica pecca del libro, che sarà quanto prima recensito anche dall'AIW, l'uso del termine wilderness al posto di natura.

 

2. Ci risiamo, o gli italiani sono i più intelligenti e saggi, o lo sono gli svizzeri (ma non solo, anche gli americani, i canadesi, i norvegesi, i francesi, i russi, gli sloveni, gli svedesi, i finlandesi, gli spagnoli, e via ancora per ogni nazione in cui viva una popolazione di lupi). Mentre in Piemonte hanno catturato un ibrido (e che ibrido!) e lo hanno poi liberato, in Svizzera, nei Grigioni un guardiacaccia ha provveduto ad abbattere uno dei lupi su ordine delle autorità (peraltro abbattuto mentre stava divorandosi un'altra pecora). Ora sono alla caccia del secondo. Intanto è stato autorizzato anche l'abbattimento di un altro lupo nel Canton Ticino dopo che questi, nell'agosto scorso, aveva sbranato due mucche (abbattimento da farsi anche con l'aiuto dei cacciatori). In Italia invece non solo non si uccidono lupi, ma neppure quelli che stanno sempre più inquinando geneticamente la specie "alpina" (perché prima o poi il pot-pourri genetico dei lupi che vivono dalla Francia al Friuli, non avendo il coraggio di ammettere che le loro origini “naturali e spontanee” sono molto discutibili, sarà inevitabilmente "scientificamente" identificato in una nuova sottospecie: si propone di definirla alpinus! Stiamo ovviamente scherzando... ma forse neppure troppo)! Lieti i lupofili italiani che intanto a sporcarsi le mani (e la fedina penale!) siano pastori, allevatori e cacciatori che per tenere bassa la popolazione rischiano sulla loro pelle, mentre lo Stato tace passivamente. Perché questo è il risultato di uno stato di fatto; oltre a quello dell'aumento e/o rigenerazione del sentimento di odio verso il lupo che già in passato lo ha portato ad un passo dall'estinzione! Italiani brava gente, ma efficienza zero!

3. La filosofia Wilderness ed il suo Concetto di conservazione sono intrinsecamente legati al pensiero di tanti noti filosofi e conservazionisti americani: è lì che è si è formato il pensiero che ha poi spinto personaggi come Aldo Leopold, Robert Marshall, Howard Zahniser, ed altri, a fondare prima un movimento in difesa della Wilderness e poi alla storica ed unica legge mondiale che tutale in forma "assoluta" la natura selvaggia. Nessuna altra Nazionale al mondo l'ha mai fatto, ed è ovvio pensare che ciò sia conseguenza del libero pensiero liberale della democrazia americana: può dare fastidio a tanti, ma è la verità storica. Ora apprendiamo che il nostro Primo Ministro, Giorgia Meloni, sostiene di essere una seguace del pensiero di Roger Scruton, più ideologico che non filosofo; ma tant'è. A noi interessa piuttosto quello di Aldo Leopold, ma, almeno leggendo quanto ne hanno riportato i media, va riconosciuto che se non altro vicino a questo pensiero si era certamente avvicinato anche Scruton, e non ci sentiamo di negarlo, così come non intendiamo certamente con questo, schierarci politicamente. E' comunque interessante quanto vicino all'indirizzo politico-ambientale dell'AIW sia la sua visione degli argomenti a noi attinenti. Vediamoli, riprendendo quanto ne hanno scritto i media: «Bellezza. Scruton dà molta importanza a questo valore, facendone quasi come i Greci un valore morale. Solo gli uomini hanno il senso del bello ed esso è a loro indispensabile per “sentirsi a casa” nel mondo che sono chiamati ad abitare». «Caccia. La caccia, secondo Scruton, è sempre stata misurata e rispettosa degli equilibri naturali, tanto che i cacciatori sono stati i più profondi conoscitori e amanti degli animali e della natura. La caccia assume un valore quasi metafisico: il cacciatore è come se recuperasse la sua animalità sommersa e, in questo movimento, ritrovasse sé stesso». «Natura. Per conservare la natura secondo Scruton bisogna essere conservatori, cioè non bisogna porsi di fronte alla realtà, in questo caso quella ambientale, con un atteggiamento prometeico di radicale interventismo e trasformazione ma con un fatto di attenzione, cura e manutenzione e, solo in seconda istanza, di graduale miglioramento possibile. L’obiettivo è una “ecologia sociale” che ha al centro l’individuo nel suo ambiente inteso nel senso più largo possibile». 

4. Parchi: la democrazia liberale che avanza! La Corte Costituzionale ha emesso una nuova sentenza che stabilisce che non si possono istituire né modificare i confini dei Parchi senza che siano stati coinvolte le amministrazioni interessate. Il caso riguarda il Parco dell'Appia Antica, dove la Regione Lazio ne aveva modificato i confini senza sentire l'amministrazione comunale interessata. Sarebbe proprio il caso di dire, "è finita la pacchia" dei Parchi imposti per legge senza l’assenso dei Comuni. Il prossimo passo potrebbe essere che non solo gli enti preposti alla gestione del territorio devono essere sentiti (Province, Comunità Montane, Comuni) ma anche i privati. Purtroppo, servirà magari prima una modifica della Costituzione, segno che forse oggi è meno “bella” di quanto si fa credere!

5. Avere il beneficio del dubbio è sempre cosa saggia. Raramente esiste una sola verità, e spesso è meno assoluta di quanto si crede. E la storia e ulteriori ricerche (storiche e scientifiche) spesso hanno dimostrato che certe verità date per assodate, assodate non erano affatto. Quindi, crederci, ma fino a prova contraria. Ecco, come è possibile non avere il beneficio del dubbio sulle ragioni del surriscaldamento globale del pianeta, quando tra gli stessi studiosi della materia esistono non poche contraddizioni? Se a questo attuale abnorme periodo annuale di caldo eccessivo, addirittura al sopra della norma, che i media ci fanno tutti (o quasi) credere sia colpa di quello che l'uomo non sta facendo (Greta Thunberg, tra i primi) per farlo ridurre, ci abbiniamo la notizia che il famigerato buco d'ozono al Polo Sud si sta restringendo come non mai, come ce lo spieghiamo il processo causa effetto? Leggiamo cosa hanno scritto nei giorni scorsi nell'inserto "Specchio" del quotidiano La Stampa del 6 novembre: "Il buco nell'ozono al Polo Sud sta continuando a contrarsi e tra il 7 settembre e il 13 ottobre ha raggiunto un'area media di 23,2 milioni di Km quadri. Un buona notizia che dà conto dei risultati ottenuti grazie alla riduzione delle sostanze dannose per l'ozono prevista dal Protocollo di Montreal. (...) Il buco si forma a causa del cloro e del bromo che immettiamo nella stratosfera e che attaccandosi alle nubi polari ad alta quota, distruggono l'ozono." Ma come? Non ci avevano detto che quello che l'uomo ha fatto finora per ridurre la CO2 non era sufficiente? E come si spiega che mentre nello stesso periodo in cui si è ridotto il "buco" in tutto il mondo si è registrato un aumento abnorme della temperatura terrestre? Ecco, qualcosa non quadra. E forse pensare che le attività dell'uomo, che certamente inquinano e non poco, con il surriscaldamento del pianeta forse non c'entra nulla. Forse ne sa qualcosa il Padreterno. Solo che combattere il Padreterno non ha senso. E allora ecco che si combatte l'uomo e, con la scusa, si fanno cambiamenti epocali che non pochi milioni di euro e di dollari fanno girare. Equando girano euro e dollari c'è qualcuno che si arricchisce! Allora forse è bene avere il beneficio del dubbio, fino a prova contraria.

6. Uno dei personaggi mitizzati dall'universo mondo animalista è stato ed è ancora il grande etologo studioso del comportamento animale, Conrad Lorenz. Non c'è animalista che non sia convinto che egli stato un anticaccia. Eppure Conrad Lorenza non è mai stato un anticaccia, ed anzi aveva grande stima dei cacciatori etici.Ecco cosa Lorenz rispose alla seguente domanda del giornalista Gualtiero Strano durante un intervista apparsa nel settimanale EPOCA dell’ottobre 1980: «Parliamo di animali, professore. In Italia si sono raccolte le firme per un referendum sull'abolizione della caccia: lei che ne pensa?» Ed ecco cosa rispose Lorenz: «Della situazione italiana so molto poco, posso invece dirle qualcosa sulla caccia in Austria e in Germania. Noi abbiamo molti cacciatori, ma proprio queste persone sono quelle che difendono la natura. Sembra un assurdo, eh? E invece è proprio così.» Ovvio che Lorenz si esprimeva su una caccia, per così dire, etica (come è in Germania ed Austria). Resta però il fatto che, se etica, la caccia Lorenz l'accettava (ammise anche d’aver ucciso un Pavone, per cibarsene). D'altronde, un altro personaggio che gli animalisti hanno aggiogato al loro carro è Henry David Thoreau, il noto filosofo della Wilderness, che non era affatto anticaccia come essi fanno continuamente credere. Solo per non avere l'onestà intellettuale di riconoscere che l'attività venatoria fa parte del nostro essere animale fin dagli albori della comparsa dell’uomo sulla Terra.


    

 
Franco Zunino
Segretario Generale AIW


Tags:

Tuo Nome:
Titolo:
Commento:


172.70.174.68
Aggiungi un commento  Annulla 

2 commenti finora...

Re: Problemi e riflessioni

Il riscaldamento terrestre, se non per inero, e' principalmente dovuto all' uomo. Il problema piu' grande e' che non c'e' una vera soluzione tecnica/teconologica. Vogliamo parlere di auto elettriche o ibride, per esempio? Il livello d' inquinamento che queste provocano non e' drasticamente inferiore a quello delle auto che abbiamo usato fino ad oggi come qualcuno vuole far credere. L' apparente paradosso si spiega considerando l' intera catena, cioe' non solo l' auto in se' ma tutto il ciclo produttivo e di riciclo dei materiali. Se si tiene conto di tutto, l' auto ibrida, benzina + batterie, e' la piu' ecologica ma non di molto (circa il 20% di emissioni in meno rispetto alle auto con motore termico). Per quanto possa sembrare brutto, antipatico etc...c'e' troppa gente sulla faccia della terra. Un' antropizzazione globale che definerei selvaggia! Fino a quando la popolazione mondiale continuera' a crescere, l' inquinamento crescera' e cosi' pure le temperature....fino al punto di non ritorno.

da Flagg  09/11/2022

Re: Problemi e riflessioni

Premetto che stimo moltissimo il dot. Zunino, non mi trovo completamente d’accordo sul punto 5.
Ovviamente il beneficio del dubbio deve essere sempre garantito ma, almeno fino ad ora, le prove a favore della causa antropica del cambiamento climatico sono molto più numerose e concrete delle altre. Il buco dell’ozono c’entra poco (anche se proprio ai poli il fenomeno di surriscaldamento è molto più accentuato), esso varia ciclicamente di dimensioni e la quantità di anidride carbonica in atmosfera è irrilevante. Sono alcuni composti alogeni, molto più utilizzati in passato, a dare luogo a reazioni radicaliche a catena, in cui una sola molecola di alogenuro porta alla scissione di migliaia di molecole di ozono. Con la riduzione dell’uso di questi composti la situazione è migliorata notevolmente. Non serve rifugiarsi nel pensiero di causa divina, anzi prima si supera questa idea e meglio si campa. La vita è fine a sé stessa, non ha uno scopo e non fa parte di un disegno divino; ogni organismo vivente è, brutalmente, un sistema aperto che è momentaneamente in grado di ridurre l’entropia al suo interno consumando energia e creando ordine, in perfetto accordo con le leggi termodinamiche.

da Fabe  08/11/2022
Cerca nel Blog
Lista dei Blog