Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Archivio
<maggio 2022>
lunmarmergiovensabdom
2526272829301
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
303112345
Mensile
maggio 2022
aprile 2022
marzo 2022
febbraio 2022
gennaio 2022
dicembre 2021
novembre 2021
ottobre 2021
settembre 2021
agosto 2021
luglio 2021
giugno 2021
maggio 2021
aprile 2021
marzo 2021
febbraio 2021
gennaio 2021
dicembre 2020
novembre 2020
ottobre 2020
settembre 2020
agosto 2020
luglio 2020
giugno 2020
maggio 2020
aprile 2020
marzo 2020
febbraio 2020
gennaio 2020
dicembre 2019
novembre 2019
ottobre 2019
settembre 2019
agosto 2019
luglio 2019
giugno 2019
maggio 2019
aprile 2019
marzo 2019
febbraio 2019
gennaio 2019
dicembre 2018
novembre 2018
ottobre 2018
settembre 2018
agosto 2018
luglio 2018
giugno 2018
maggio 2018
aprile 2018
marzo 2018
febbraio 2018
gennaio 2018
dicembre 2017
novembre 2017
ottobre 2017
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
aprile 2011
marzo 2011
febbraio 2011
gennaio 2011
dicembre 2010
novembre 2010
ottobre 2010
settembre 2010
agosto 2010
luglio 2010
giugno 2010
maggio 2010
aprile 2010
marzo 2010
febbraio 2010
gennaio 2010
dicembre 2009
novembre 2009
ottobre 2009
settembre 2009
agosto 2009
luglio 2009
giugno 2009
maggio 2009
aprile 2009
marzo 2009
febbraio 2009
gennaio 2009
dicembre 2008
novembre 2008
ottobre 2008
settembre 2008
agosto 2008
maggio 2008
aprile 2008
marzo 2008
febbraio 2008
gennaio 2008
dicembre 2007
novembre 2007
ottobre 2007
settembre 2007
agosto 2007
luglio 2007
giugno 2007
nov9


09/11/2021 10.26 

 
Ogni volta che ho il piacere di sentire al telefono il mio carissimo amico Frédérick Colombiè, l’Amministratore Delegato della Browning–Winchester Europa, lui esordisce sempre allo stesso modo: “Come sta il mio amico Marco, Il detentore del record di abbattimenti durante una battuta di caccia al cinghiale?” Lo dice per scherzare, lo so, ma a forza di sentirlo dire mi è venuto un piccolo dubbio... Non è che per caso il buon Frédérick ha ragione? In effetti ho abbattuto 7 cinghiali con 9 colpi in…diciamo 20–30 secondi, forse anche meno! Così mi sono permesso di “riproporre” questo vecchio racconto per fare una specie d’indagine con i miei amici lettori, per sapere se conoscono qualcuno che abbia fatto una cosa simile negli anni passati… quando ancora i caricatori maggiorati erano consentiti.. Riporto la cronaca fedelissima di cosa accadde quel giorno.. Il giorno che entrai nella leggenda!
 
A cinquantaquattro anni suonati, dopo aver praticato la caccia al cinghiale per quasi quaranta, credevo ormai di aver visto di tutto. Dopo mezzo secolo di “cacciarelle”ero convinto di aver vissuto ogni esperienza possibile o immaginabile, dal cacciare i grossi solenghi con i cani da ferma agli abbattimenti in battuta a lunghissima distanza. Invece mi sbagliavo. Perché quello che accadde in quell’uggioso, fantastico giorno di novembre, né io né nessun altro avremmo mai potuto prevederlo e mi domando se a qualcun altro è capitato di vivere un’avventura simile. L’episodio che mi appresto a raccontarvi è talmente incredibile, che mi sono dovuto fare coraggio per scriverlo. E se non fosse stato per i testimoni che hanno assistito alla fulminea scena in “diretta”, non avrei avuto l’ardire di raccontarlo per il timore di essere preso per uno sbruffone raccontaballe. Era da parecchio che Marchetto, un mio carissimo amico d’infanzia, continuava a ripetermi di andare a caccia con lui e con la sua squadra di cinghialai sui monti che confinano col fiume Fiora. Avevo sempre declinato l’offerta perché, forse con l’avanzare dell’età, ormai preferisco cacciare il più possibile vicino casa. Non tanto perché mi pesa guidare per un’ora e mezza o percorrere cento e più chilometri al mattino presto, quanto perché ormai so che il rientro alla sera è tutta un’altra cosa. Ma un bel giorno Marchetto riuscì a convincermi. Evidentemente era destino!
 
 
 
Così un bel mattino partimmo che ancora era buio pesto, alla volta dei monti e delle valli che si trovano a cavallo tra il meraviglioso paesino di Manciano e quello, molto più famoso, di Saturnia. Faceva caldo per il periodo e grossi e scuri nuvoloni incombevano minacciosi nel cielo. In macchina eravamo in tre, io, Marchetto e Alfonso, che oramai da alcuni anni è il mio inseparabile compagno di avventure. Alfonso era ancora “vergine” con i cinghiali, ed io non so cosa non avrei dato per fargliene tirare uno. Da quel che mi aveva accennato Marchetto, sapevo che nella sua squadra le poste si sorteggiavano, ma io mi proposi ugualmente di scambiare la mia con quella di Alfonso, semmai fosse servito a favorirlo. Giunti a Poggio Murella dove si trovava il rialto, il luogo del raduno, mi accorsi con piacere che già conoscevo bene o di vista un buon terzo dei membri di quella ben amalgamata squadra di arcigni cinghialai. Perdemmo pochi minuti per i saluti e per le presentazioni d’obbligo, ci segnammo nella lista dei partecipanti alla battuta, pagammo sia la quota per la squadra sia quella per l’ATC e poi, mentre Alfonso s’accollava l’onere di accendere il fuoco, io, Marchetto e Giorgio il capocanaio, partimmo alla ricerca di tracce fresche. Quando Giorgio chiese se fossi abbastanza pratico nel tracciare, gli rispose Marchetto: “Da bambino Marco andava ad assestare i cinghiali con mio nonno!!” Rassicurato, Giorgio mi lasciò lungo l’argine del fiume Fiora e mi chiese di tenere sia il cellulare sia la radiolina accessi per mantenerci in contatto. Salutai gli amici con un “in bocca” poi mi avviai con un timido sole che cercava invano di far capolino tra le nuvole plumbee. Sperai vivamente di non pentirmi di aver lasciato l’ombrello in macchina. Camminai silenzioso e attentissimo come un pellerossa per più di due ore, e quando raggiunsi il luogo prestabilito per il ritrovo, avevo la maglietta completamente fradicia di sudore. Feci immediatamente rapporto, ma con scarso entusiasmo perché avevo tracciato pochi animali e quasi tutte le “piedate” che avevo visto uscivano dalla zona che intendevamo battere. In compenso trovai le tracce fresche di un lupo ed anche le sue fatte: un grosso cilindro di feci nere miste a pelo di cinghiale. Mi sembra superfluo ricordare che la presenza dei lupi in Maremma è ormai diventata preoccupante. Sia Marchetto sia Giorgio si complimentarono con me per il preciso resoconto, mi ringraziarono per l’impegno e mi rassicurarono dicendomi di non preoccuparmi perché altri compagni di caccia avevano avuto più fortuna di noi in un’altra zona. Intorno al fuoco venimmo a sapere che un grosso branco di cinghiali aveva bazzicato in un fitto bosco poco distante e che, stando alle tracce, non doveva esserne uscito. Le probabilità di riuscire a chiuderlo nella battuta erano molto alte.
 
 

Come si dovrebbe far sempre tutte le volte che ci si appresta ad andare di posta, salimmo su pochi fuoristrada per arrecare il minor disturbo possibile al territorio. A me era toccata la posta 69, a Alfonso la 70 e ad un simpaticissimo, anziano signore la 71. Su indicazione di Giancarlo, il vice capocaccia, ci schierammo ai margini di un prato talmente piatto e pulito da poter essere utilizzato come campo da golf. Era lungo più di duecento metri e largo forse una novantina e noi avremmo dovuto presidiarlo in tre (?!). Anche se Alfonsino è un discreto tiratore col 12, non aveva mai sparato ad un cinghiale e con i suoi settantatre anni non potevo certo pretendere che mi sbalordisse con qualche scatto fulmineo. Ipotizzai che anche l’altro signore dovesse essere addirittura più anziano di lui, ma a chi importava? Mi consolai ammettendo che se il destino aveva voluto così, noi ci saremmo dovuti arrendere ad esso. L’importante comunque era che il tempo reggesse, visto che le previsioni erano tutt’altro che buone. Giancarlo mi fece giustamente notare che la mia posta era la migliore perché più vicina al bosco, poi ci salutò augurandoci di trascorrere una buona giornata. Prima che si allontanasse, gli chiesi se sarebbe stato possibile cambiare la mia posta con quella di Alfonso perché se si fosse presentata una buona occasione di tirare, sarei stato più felice che fosse Alfonso a cercare di sfruttarla. Giancarlo acconsentì, dicendo che per lui non faceva differenza a patto di attenersi scrupolosamente a tutti i criteri di sicurezza imposti. “Ricordatevi invece di parare i cani se padellate”, furono le sue ultime raccomandazioni.
 
 

Come un padre che accompagna il figlio il primo giorno di scuola, indottrinai per la millesima volta il mio amico su come comportarsi alla posta, gli caricai addirittura la carabina Browning BAR calibro 30.06 con 5 cartucce da 165 grani, poi mi accertai anche che il suo Docter 2 fosse acceso. Ci accordammo sui reciproci angoli di tiro ed infine andai a scambiare due chiacchiere anche col vicino di posta che avevo sulla mia destra ad un centinaio di metri di distanza. Fatte tutte le raccomandazioni del caso, finalmente mi appostai anch’io. Dato che eravamo in un campo aperto, improvvisai un modesto riparo con quattro rami di ginestra, poi tolsi dal fodero la carabina. Considerando l’amore che ho per le mie armi e per la mia attrezzatura, non mi andava di vederli bagnati o rovinati dall’acqua, così, a malincuore, avevo deciso di lasciare a casa la vecchia HK 770 calibro 308 per prendere la mia nuova BAR Long Trac “ognitempo”, con il calcio in materiale sintetico in calibro 30.06. La caricai con cinque cartucce alternando palle Hornady SST da 165 grani e RWS TIG, ora ID Classic da 150, che in quell’arma si sono dimostrate precise e micidiali. Mi sedetti sullo sgabellino, adagiai l’arma di traverso sulle gambe e mi rilassai in attesa dell’inizio della battuta. Mentre studiavo con occhio critico la zona ipotizzando alcune possibili situazioni, mi venne da ridere. In tre avremmo dovuto impedire ad un cinghiale di attraversare quel campo lanciato a tutta velocità? Con il signore alla mia destra armato con una doppietta modello Tiburzi e con Alfonso, più moderno come potenza di fuoco, ma non certo agile come un ballerino? E pensare che al rialto m’era stato addirittura detto che quelle dove eravamo erano delle “poste bone”! Per un secondo mi balenò un’idea: e se davvero dovesse arrivare un cinghiale? E se noi non riuscissimo a prenderlo? Quello avrebbe potuto trascinarsi dietro l’intera muta di cani fuori cacciata! E noi tre poi, saremmo stati ricordati (io in particolare) come degli incapaci novellini nella caccia al cinghiale. Decisi che se ad un cinghiale fosse venuta la malaugurata idea di attraversare qual campo avrebbe dovuto farlo a suo rischio e pericolo. Così, per stare più tranquillo, preparai a portata di mano un altro caricatore. Rassicurato da quel semplice gesto, allungai una mano verso lo zaino per prendere un panino con il salame e una bottiglietta d’acqua. La camminata del mattino mi aveva smosso un certo languorino allo stomaco, ma come diedi il primo morso, proprio davanti a me udii l’inconfondibile rumore provocato da un fuoristrada munito di carrello carico di cani che abbaiavano impazienti di essere liberati. Mancava soltanto che ci fosse anche una strada davanti a noi. Fu allora che mi convinsi definitivamente che in quel campo un cinghiale non ci sarebbe venuto neanche da morto….
 

Invece, mai considerazione si rivelò più sbagliata. Finii il panino con gusto, bevvi mezza bottiglietta d’acqua, salutai Alfonso per controllare se stava in allerta, feci un gesto anche all’altro nuovo amico. Poi presi il cellulare per telefonare a casa all’adorata mogliettina per ricordarle di accudire i cani, in particolare Lara, la mia giovane Jagd Terrier che era incinta e prossima a partorire. La santa donna mi rispose come sempre: “Tanto chi ci pensa anche quando sei a casa?”. Mentre stavo ancora sorridendo per il giusto rimprovero ricevuto, nel bosco udii un rumore rovinoso, come se stesse arrivando un altro fuoristrada di corsa. Il solito ritardatario pensai. Non avendo ancora sentito il suono del corno d’inizio battuta ipotizzai che la bracca non avesse ancora sciolto i cani. Questa volta però il rumore nel bosco non lo sentii parallelo al prato, ma come se venisse progressivamente verso di me. Allorché mi venne un sospetto. Mi alzai lesto dallo sgabellino, controllai che l’arma fosse carica con la sicura disinserita, ebbi appena il tempo di rimuovere il coperchietto-interruttore dal Docter 3 che davanti agli occhi mi si presentò lo spettacolo più bello che un cacciatore di cinghiali potesse mai immaginare di vedere almeno una volta nella vita: un branco di grossi cinghiali che correvano verso di me per cercare di attraversare il campo!
 

Stai calmo, mi dissi. Non è certo la prima volta che vedi un branco di cinghiali. Non devi fare altro che seguire gli insegnamenti del nonno e assecondare l’istinto. Falli entrare bene nel prato per impedire che tornino indietro, poi assicurati di abbattere la scrofa capobranco in modo da sbrancare gli animali per dare modo di sparare anche gli altri. Così, quando il primo animale fu a una sessantina di metri, posizionai il Red Dot in mezzo agli occhi della grossa femmina e deciso strinsi il grilletto. La scrofa morì ancor prima di toccar terra e una volta privati della loro capobranco, i cinghiali che la seguivano si aprirono in un meraviglioso ventaglio grigio scuro. Da buon mancino, mi venne spontaneo tirare prima a quelli che avevo sulla mia destra, poi cercai il solengo che avevo intravisto arrivare per ultimo e l’inchiodai con un preciso colpo al collo. Veloce cambiai caricatore mi spostai a sinistra e continuai imperterrito a sparare. Richiamato dalle grida di un verrotto ferito alla mia destra, mi voltai di nuovo e lo finii con un altro colpo. Infine mi accorsi che nel campo non c’erano più cinghiali che correvano ed anche che la mia BAR era ormai scarica e con l’otturatore aperto. La prima cosa che feci fu sostituire il caricatore vuoto con uno pieno che avevo in tasca, poi andai a controllare se in terra ci fosse ancora qualche animale sofferente per dargli il colpo di grazia. Quel che vidi mi lasciò letteralmente senza fiato! Nel bel mezzo del prato c’erano solo cinghiali morti. Ne contai sette ed io avevo tirato nove colpi. Tutta l’azione di caccia doveva essersi svolta in non più di 10–20 secondi. Ancora oggi, dopo molte notti insonni trascorse a cercare di ricordare cosa successe effettivamente quel giorno, ho una certa difficoltà ad aver ben nitido l’episodio. Ricordo bene come s’inginocchiò la scrofa, il ruzzolone rovinoso del solengo e l’ultimo cinghiale che per abbatterlo mi ci vollero due colpi, perché col primo l’avevo colpito male un po’ dietro. Tutto il resto dovetti farmelo raccontare da Alfonso e da Virgilio, i miei due, diciamolo pure, altrettanto fortunati compagni di posta. Alfonso mi confidò di non essersi mai divertito tanto, mentre Virgilio ammise di non aver mai visto niente di simile né di aver mai sentito dire che qualcun’altro avesse fatto una cosa del genere. In casi come quelli Radio Macchia e Radio Maremma sono velocissime. In men che non si dica la notizia fece il giro della provincia. Qualcuno ebbe anche l’ardire di rimproverarmi che “per tradizione” qualche padella avrei dovuto farla, oppure che mi sarei dovuto accontentare di abbatterne tre o quattro e di lasciar passare gli altri. Un altro mi accusò di aver sparato troppi colpi. Forse avevano ragione e forse in qualche modo ho davvero sbagliato in qualcosa, chissà, ma ormai quel che era stato fatto era stato fatto.
 
 

Da quel giorno un pensiero mi assilla … perché Diana o Sant’Umberto, hanno voluto farmi vivere un’avventura simile? Perché hanno voluto farmi quel dono? Mi sono quasi convinto che forse devo averlo meritato per tutti gli anni che ho dedicato alla caccia al cinghiale e per l’infinita devozione con cui l’ho sempre praticata. Sono stato fortunato? Certo, come negarlo, però c’è da dire anche che ho saputo affrontare la situazione come andava affrontata, con freddezza, professionalità e soprattutto tecnicamente preparato. Ero armato con un’arma affidabilissima, dotata di un puntatore elettronico di ultima generazione, valido, montato a regola d’arte su degli attacchi geniali e perfettamente tarato. Inoltre ho usato un calibro adeguato con munizioni ricaricate molto prestanti e potenti ed ammetto di essere un buon tiratore molto allenato che spara migliaia di cartucce l’anno. Non so come sarebbe andata se per abbattere ogni animale ci sarebbero voluti due o più colpi. Quando la sera giunsi a casa con in volto il mio sorriso più bello, mia moglie, prima ancora che aprissi bocca, mi disse: “Come mai sei così felice? Lo hai già saputo? Te l’ha già detto Giuliano? Sei diventato Nonno! Lara ha partorito. Ha fatto cinque meravigliosi cuccioli”…

Era il 29 di Novembre!



Marco Benecchi
 
 
 
 

Tags:

Tuo Nome:
Titolo:
Commento:


172.70.230.44
Aggiungi un commento  Annulla 

11 commenti finora...

Re: Che sia davvero un record?

non capisco perchè siate gli unici a poter usare la mitraglia. Perchè piu di tre colpi? dove sta scritto ? sono misteri della fede?? Comunque, 7 morti meritano sempre i complimenti. Bravo

da Franco  23/11/2021 14.55

Re: Che sia davvero un record?

Un anno fa sui monti della sabina ne ho fatti 5, 3 caduti filminati altri due impanciati per recuperarli c'e' voluto tutto il giorno ,sui monti di leonessa girano cinghiali spaventosi ne ho preso uno pesato 192 kg. qualcuno mi dia una spiegazione ? era la prima volta che ne vedevo uno cosi' in italia

da Andrea c.  20/11/2021 20.19

Re: Che sia davvero un record?

Una volta mi è capitato di fare una tripletta sui cinghiali; avevo ancora due cartucce nella mia BAR in 30-06, e speravo di continuare (mi stava sfilando di fronte un branchetto di sette forse otto animali, tutti sui 50 kg). Non ci crederete, ma al quarto tentativo la carabina non ha sparato, e i superstiti se ne sono andati a razzo. Ma la colpa non era dell'arma, bensì della munizione: capsula difettosa, cartuccia commerciale (non mi ricordo, forse Hirtemberger). Così più di una tripletta non sono mai riuscito a fare. Forse però è meglio così: ne avessi fatti cinque con cinque colpi sarei diventato un po' fanatico...

da Filippo 53  19/11/2021 18.53

Re: Che sia davvero un record?

Se c'ero mi' li ciappa' tutti sei

da Salvini  18/11/2021 15.36

Re: Che sia davvero un record?

OGGI, poche ore fa..
Durante la battuta ad un mio amico - collega di caccia sono usciti..
6 CINGHIALI,
Più o meno come uscirono a me quel giorno
BAR 308..
5 colpi... un solo morto....
C'è da dire tacca di mira e mirino...
Poi ha innocentemente ammesso che il branco gli ha "riempito gli occhi"
E che non si è concentrato nel tiro..

Solo per la cronaca..
M

da Marco B x ROBY e x Tutti gli amici del Blog  17/11/2021 19.09

Re: Che sia davvero un record?

tripletta sicuro ,parola! tripletta di cinghiali lo fatta 308 w benelli

da Paolo  16/11/2021 18.25

Re: Che sia davvero un record?

Grazie dei complimenti,
Ma NON credo di essere il migliore,
Magari un gran fortunato...
Almeno quel giorno!
Come mi è capitato di essere il più sfortunato quando mi si sono presentati i cinghiali con la carabina in sicura. E' accaduto anche quello! Sono cose che succedono a chi va a caccia....

La mia intenzione era quella di conoscere "qualche collega" che ha avuto più o meno una esperienza come la mia...
Ho abbattuto 3 - 4 - 5 - anche 6 cinghiali durante una battuta ma
UNA SOLA VOLTA tutti insieme 7 e in così breve tempo..
Ora con i caricatori maggiorati fuorilegge sarà impossibile replicare azioni simili
Quel che è successo a me quel fatidico giorno fu una micidiale combinazione di fortuna e ottime variabili positive!
Gli animali "scanati" che venivanoo bene, al pulito, arma super tarata cartucce perfette, buon allenamento....
Spara 365 gg l'anno...
Anche stamattina sono stato al poligono con vento e pioggia....
Ma per gli amici si fa questo ed altro..
Speriamo che il tempo si rimetta
Un caro saluto
M

NB sabato con la squadra 1 e ieri....ZERO!

da Marco B x Roby  15/11/2021 18.24

Re: Che sia davvero un record?

per me 7 cinghiali è un record... poi se alcuni muoiono di invidia , perche non sanno sparare e òa butano sull'etica ( e qui rido ) pazienza. Sei il migliore MB !

da Roby  15/11/2021 17.05

Re: Che sia davvero un record?

Benecchi, non ti accorgi che non hai seguito? Racconta storie più umane oppure passa alle favole, con Cenerentola che sgozza sorellastre, matrigna, principe e fata. Forse avresti più successo.

da Eugenio  15/11/2021 12.03

Re: Che sia davvero un record?

Ma mi faccia il piacere..................

da Totò  15/11/2021 7.41

Re: Che sia davvero un record?

"In effetti ho abbattuto 7 cinghiali con 9 colpi in…diciamo 20–30 secondi, forse anche meno!"
Azzo, proprio roba di cui vantarsi!

da Mica da ridere  12/11/2021 19.48
Cerca nel Blog
Lista dei Blog