Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Archivio
<ottobre 2021>
lunmarmergiovensabdom
27282930123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031
1234567
Mensile
ottobre 2021
settembre 2021
agosto 2021
luglio 2021
giugno 2021
maggio 2021
aprile 2021
marzo 2021
febbraio 2021
gennaio 2021
dicembre 2020
novembre 2020
ottobre 2020
settembre 2020
agosto 2020
luglio 2020
giugno 2020
maggio 2020
aprile 2020
marzo 2020
febbraio 2020
gennaio 2020
dicembre 2019
novembre 2019
ottobre 2019
settembre 2019
agosto 2019
luglio 2019
giugno 2019
maggio 2019
aprile 2019
marzo 2019
febbraio 2019
gennaio 2019
dicembre 2018
novembre 2018
ottobre 2018
settembre 2018
agosto 2018
luglio 2018
giugno 2018
maggio 2018
aprile 2018
marzo 2018
febbraio 2018
gennaio 2018
dicembre 2017
novembre 2017
ottobre 2017
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
aprile 2011
marzo 2011
febbraio 2011
gennaio 2011
dicembre 2010
novembre 2010
ottobre 2010
settembre 2010
agosto 2010
luglio 2010
giugno 2010
maggio 2010
aprile 2010
marzo 2010
febbraio 2010
gennaio 2010
dicembre 2009
novembre 2009
ottobre 2009
settembre 2009
agosto 2009
luglio 2009
giugno 2009
maggio 2009
aprile 2009
marzo 2009
febbraio 2009
gennaio 2009
dicembre 2008
novembre 2008
ottobre 2008
settembre 2008
agosto 2008
maggio 2008
aprile 2008
marzo 2008
febbraio 2008
gennaio 2008
dicembre 2007
novembre 2007
ottobre 2007
settembre 2007
agosto 2007
luglio 2007
giugno 2007
ott8


08/10/2021 14.02 

 
 
Strano ma vero, il selvatico che preferisco cacciare di selezione in Maremma è il daino. Principalmente perché lo ritengo, almeno nelle zone che normalmente frequento, molto più scaltro e diffidente sia dei caprioli sia dei cinghiali, ma anche per la maestosità e il fascino del selvatico. A dispetto di quelli che definiscono i Dama Dama come dei Bamby, poco più che animali domestici, i daini sono dei selvatici verissimi con abitudini imprevedibili, furtive e molto particolari. Infatti, può capitare di vederli pascolare in un campo aperto a mezzogiorno per diverso tempo e poi, quando invece ti appresti a dargli la caccia, non riesci a vederne uno, magari per mesi, perché escono e rientrano dal forteto solo a notte fonda. Abbattere un daino ed in particolare un bel maschio da trofeo non è certo facile, credetemi. Per me, catturare femmine giovani o maschi, fusoni, balestroni e palanconi è sempre stato indifferente, quello che m’interessa maggiormente è l’azione di caccia. Oddio, sarebbe da ipocriti negare che il maschio portatore di trofeo è sempre più ambito e desiderato ma come spessissimo ripeto agli amici, l’emozione della caccia e del tiro è lo stesso sia se prendiamo di mira una giovane femmina sottile sia un imponente palancone.
 
 

I bollettini venatori di “Radio Maremma” diffusi dal passaparola tra i selettori non erano certo entusiasmanti, di daini se ne vedevano pochi e quei pochi avvistati erano quasi tutte femmine accompagnate dai piccoli dell’anno e da qualche sporadico fusone. Persino nelle zone migliori nessuno aveva avvistato grossi maschi, ma, si sa, la speranza è sempre l’ultima a morire ed io sono sempre stato fiducioso. Si fa presto a dire:”Gli animali non si vedono, che ci vado a fare? Meglio se resto a casa a dormire!”. No, quello mai, non diamo per scontato l’esito di una battuta di caccia a tavolino. Nel nostro distretto di caccia GR 7 Sud, la selezione al daino si pratica secondo un rigoroso calendario interno. Gli appostamenti sono limitati e quindi ci si può andare a rotazione solo seguendo un rigido calendario. Di conseguenza io, essendo stato fortunato lo scorso anno, avevo avuto un appostamento decente dopo un mese che la caccia era aperta, con le zone già ampiamente sfruttate e inquinate per lungo e per largo. Ma, come ho già specificato all’inizio, per me ogni uscita al daino è sacra, sempre! Non ci rinuncerei neanche se coincidesse col 1° di Novembre, con l’apertura della caccia al cinghiali in battuta! Così un caldissimo lunedì di fine settembre, invece di far uscire i miei tre setter al top della forma, che smaniavano nel canile e che avrebbero preferito scorrazzare a fagiani lungo l’argine di un fiume, decisi di tentare una uscita al daino. Era il mio turno nel capanno delle “Vasche”, chiamato così per il fatto che nelle vicinanze c’è un grossissimo allevamento ittico di piscicoltura. La zona è sempre stata molto buona per i daini perché arrivano facilmente dal vicino Parco della Feniglia, ma la vegetazione, essendo fittissima, non concede grandi avvistamenti. Una macchia mediterranea bassa, impenetrabile, fatta di lentischio, di corbezzolo, di cerro, di ornello, di crognolo, di leccio, di olivo selvatico ma anche di querce e sughere secolari, divenute, a ragione, un patrimonio culturale. Boschi intricatissimi, dove solo avvistare un selvatico è davvero molto difficoltoso. L’unico prato, se così possiamo definire una striscia di incolto lunga duecento metri per cento, è più una zona di transito che di pascolo, che comunque ti consente una certa visibilità. Nella caccia al daino il fattore più determinante è la direzione del vento. Se la brezza non è favorevole tanto vale starcene a casa.
 

Come raggiunsi la zone delle Vasche, la prima cosa che feci fu accendere l’accendino e quello che vidi non mi piacque per niente. La fiammella si spostava nella direzione sbagliata a quella che avrei voluto. A quel punto decisi di ricorrere al vecchio trucco di ritornare di corsa alla macchina e di fare un lungo giro per accedere al prato col vento a favore. Così facendo però persi del tempo prezioso che mi costrinse ad accelerare i preparativi. Tolsi di corsa dal fodero la mia carabina Bergara B 14 Green Hunter calibro 308 W, equipaggiata con uno cannocchiale  2,5 – 15 x 56 HD. Per il daino prediligo delle palle ricaricate con ogive Nosler Ballistic Tip da 165 grani che, come vedremo più avanti, si sono dimostrate micidiali. Ho sempre scelto di cacciare tutti gli ungulati al mattino presto, all’alba piuttosto che la sera tardi, per un motivo molto semplice. Cacciando al mattino vai incontro al sorgere del sole e quindi al far del giorno, mentre viceversa cacciando all’imbrunire vai incontro al buio, alla notte fonda. Immaginate di dover recuperare uno grosso selvatico di notte e magari da solo. Per non parlare poi di andarlo a cercare ferito. L’ho fatto centinaia di volte, se non migliaia.. e spero di continuare a farlo all’infinito perchè “veder sorgere l’alba in campagna” è un brivido davvero primordiale che mi emoziona ancora molto.
 
 

Oltre all’arma in assetto operativo ed al binocolo, avevo dietro due buoni coltelli: un pugnale ed un serramanico e nient’altro. Trascinarsi dietro zaini stracolmi di oggetti e appesantirsi portando nelle tasche accessori vari non è un bel modo per affrontare selvatici scaltri e diffidenti come i daini. Lo stesso vale per la scelta dell’orario. So di certi cacciatori che raggiungono la zona di caccia due–tre ore prima del sorgere del sole, con la convinzione di essere stati più furbi del selvatico che vogliono cacciare, senza sapere che l’uomo è un pessimo predatore diurno, figuriamoci quando decide di cacciare di notte. Il segreto del successo in questo genere di caccia è quello di riuscire ad arrivare in zona in quel breve arco di tempo che precede l’alba, possibilmente con il sole che sta sorgendo alle nostre spalle ed è auspicabile che il vento sia a favore. La prima ispezione delle zone di pascolo deve essere fatta - strumenti ottici permettendo (sia il cannocchiale montato sull’arma sia il binocolo) - appena si riesce a distinguere la sagoma di un selvatico. MAI prima, perché potrebbe capitare che mentre noi siamo convinti di guardare in un campo deserto, un numeroso branco di animali si è appena dileguato non visto. Bisogna fare “capolino” nelle zone di pastura con la massima cautela possibile e controllare meticolosamente tutto il perimetro, senza tralasciare nessun angolo o ombre sospette. Aspettai che ci fosse luce a sufficienza, poi mi affacciai nella strisca di prato incolto che si trova ad un tiro di schioppo dalla Laguna di Orbetello. Mi sdraiai in terra ai margini del campo e, dopo aver puntellato i gomiti e incollato il binocolo agli occhi, iniziai la perlustrazione. Riuscii a intravedere subito una sola sagoma degna di nota ma che dall’andatura poteva essere soltanto un istrice o un grosso tasso. Di selvatici importanti, a “zampa lunga” neanche l’ombra. Il fatto non mi stupì più di tanto, perché il prato non aveva molto da offrire ai daini come pastura. Strizzai gli occhi alcune volte per adattarli alla penombra poi presi a binoculare anche verso il bosco con l’intento di captare qualche movimento tra la fittissima vegetazione. Quello che invece attirò la mia attenzione fu un’ombra scura in un buco nel sottobosco. Sembrava proprio che avesse le dimensioni e le fattezze di un daino. Era ad oltre cento metri e col solo ausilio del binocolo  non capii se fosse un maschio balestrone o palancone oppure una grossa femmina o un fusone. Per accertarmene meglio usai direttamente il cannocchiale che avevo sulla carabina per sfruttare gli ingrandimenti maggiori, ma il risultato fu lo stesso. Comunque non ebbi più dubbi. Si, per me era proprio un daino, immobile come una statua, anzi no, come uno di quei bersagli che riproducono la sagoma del selvatico a grandezza naturale, perché era davvero messo molto bene, a “cartolina”. Chissà, forse doveva aver avvertito la mia presenza perché dalla sua postura sembrava che mi stesse guardando. Decisi di non perdere altro tempo prezioso e di prepararmi subito al tiro. Quando c’è da tirare in condizioni di luce precarie, permettetemi di darvi un prezioso consiglio. Al mattino presto, appena la luce è sufficiente per una corretta identificazione del capo e quindi anche per eseguire il tiro, tentate SUBITO l’abbattimento, non perdete troppo tempo, perché per esperienza so che i selvatici che pascolano tranquilli e sereni possono diventare sospettosi e allarmati in pochi secondi con l’aumentare della luminosità.
 
 

Con la mia Bergara B 14 Green Hunter tarata a 200 metri non fu il caso di fare molti calcoli. Decisi di tenermi col reticolo leggermente sotto la linea immaginaria di mezza spalla e quando il piccolo dot illuminato fu perfettamente immobile, sfiorai il delicatissimo grilletto. Il modesto rinculo del 308 e gli ingrandimenti del cannocchiale non molto alti (di solito caccio sui 10–12x), non mi permisero di conoscere ugualmente l’esito della fucilata direttamente attraverso l’ottica, ma il rumore della palla quando impatta contro qualcosa di solido che mi giunse di rimando fu confortevole. Ricaricai veloce ma, invece di rimanere in punteria, lasciai l’arma adagiata sul bipiede per vedere col binocolo ed anche per ascoltare se il selvatico si stava allontanando ferito o se stava scalciando sul posto. Zero assoluto. Niente rumori e nessun movimento. Una volta scomparso l’eco dello sparo nella zona era ritornato un silenzio tombale. L’esperienza acquisita in tanti anni di caccia ai grossi selvatici m’impose di aspettare che facesse giorno per bene,  per avere la luce giusta per individuare delle tracce. Volete sapere cosa mi manca cacciando da solo? Un amico, un collega o un semplice accompagnatore che sappia darmi delle indicazioni da lontano quando devo lasciare il punto di sparo per recarmi sull’Anchuss, sul punto dove è stato colpito il selvatico. Spessissimo parto talmente di fretta ed ottimista che poi non riesco più ad orientarmi. Sono cose che succedono anche dopo anni ed anni di caccia, nessuno è perfetto! Specialmente quando tiri da buona distanza e sull’albeggiare una volta entrato nel bosco perdi l’orientamento.
 

Come accadde a me quel giorno. Mi toccò ritornare sul punto dove avevo sparato due volte, fare delle triangolazioni strane coi monti circostanti e poi riprendere la cerca. Finalmente mi sembrò di aver individuato lo spiraglio dov’era il daino al momento del tiro perché vedevo il punto dov’ero appostato, ma sul terreno non trovai niente, né sangue né pelo, né un raspare frenetico di zampe. Mannaggia! Quanto mi dispiaceva non trovare quell’animale, eppure ero certissimo di averlo colpito. Per una volta nella vita sentii il bisogno di un buon cane da traccia! Lo ammetto, anche se non mi sono mai piaciuti molto, cosa avrei dato per averne uno, magari il mio Jagd Terrier. Fui quasi tentato di chiamare qualche amico conduttore di cani da sangue ma poi ci ripensai perché cominciarono a venirmi dei seri dubbi che avessi davvero fallito il colpo. Sono cose che succedono, ma a me dispiaceva moltissimo perché ero curioso di sapere a che animale avessi sparato. La sagoma m’era sembrata massiccia, ma poteva essere stata anche una grossa femmina. Mi sedetti su una pietra per fare il punto della situazione. Ricapitolando le cose stavano cosi: il daino non poteva essere venuto verso il campo perché altrimenti avrei dovuto vederlo, non era andato né verso destra né verso sinistra perché altrimenti avrei dovuto sentirlo, l’unica strada che poteva aver preso era quella verso il monte, praticamente dritta a me. Era l’unica direzione che non avrei potuto controllare. Col morale sotto la suola degli scarponi decisi di farmi forza e di continuare a cercare meglio. Fu così che vidi un piccolo sentiero tra i rovi e decisi di seguirlo. Non ebbi il tempo di fare neanche venti passi che intravidi subito una grossa sagoma rossiccia. “Ammazza che bella femminona che ho preso” gridai ad alta voce! Ancora oggi, a freddo, non capisco perché mi venne da pensare in quel modo, ma quando poi andai a guardare meglio rimasi letteralmente senza fiato. Presi a ridere da solo come un matto. Fu davvero un momento d’intensa, intimissima felicità. Ma guarda che regalo m‘era stato fatto! Avevo abbattuto un daino palancone meraviglioso, davvero eccezionale per quella zona.
 
In seguito, dopo che ebbi spedito i dati biometrici e alcune fotografie all’ATC, anche il loro tecnico faunistico mi fece i complimenti per averlo abbattuto. Da dove aveva ricevuto il colpo a dove era caduto aveva percorso forse trenta metri. Praticamente lo spazio di un paio di salti che se non fossi stato insistente e molto fortunato sarebbero bastati per farmi perdere una preda stupenda. Indipendentemente dal calibro usato, le Nosler Ballistic Tip non mi hanno mai deluso e non l’hanno fatto neanche stavolta, ma quel daino superava abbondantemente il quintale ed era molto robusto! Anche se non esagerato, il suo trofeo era perfetto, bello, pulito e con un ottimo colore. Fu davvero una giornata di caccia meravigliosa che ricorderò per sempre e che conserverò gelosamente nell’album delle catture più importanti. Perché quel giorno fui doppiamente baciato dalla fortuna: quando individuai il selvatico nel varco del bosco e soprattutto perché riuscii anche a trovarlo. Per recuperare il maestoso animali dovetti farmi aiutare dall’amico Gelso. Anzi, voglio cogliere l’occasione di ringraziarlo pubblicamente, non solo per l’impegno dato quel giorno ad Ansedonia, ma anche per la sua disponibilità, la sua infinita pazienza e per essere riuscito ad imparare bene a fare delle fotografie decenti col telefonino!



 
Marco Benecchi
 
 
 

Tags:

Tuo Nome:
Titolo:
Commento:


172.70.134.166
Aggiungi un commento  Annulla 

15 commenti finora...

Re: Caccia al daino: finalmente il palancone!

Comunque, per la cronaca LUNEDI' sera ho abbattuto un altro palancone
Altrettanto bello se non di più di quello del racconto che aveva intricati tra i palchi una moltitudine di corde, sicuramente provenienti dai fili delle rotoballe!
Trofeo interessantissimo...
Spero di riuscire a prepararlo integro con tutto quello che c'era sopra!
M

da Marco Benecchi x TUTTI GLI AMICI  20/10/2021 18.14

Re: Caccia al daino: finalmente il palancone!

SONO ITALIANO e non tedesco quindi..
Per forza di cose devo accontentarmi di quello che passa il convento...
Comunque paragonare le crudeltà perpetrate dagli italiani con quelle fatte dai tedeschi mi sembra eccessivo...
Specialmente chi, come noi, ha subito Sezzana, Marzabotto, Fosse Ardeatine, etc etc etc....

Ma parliamo di caccia che è meglio....
M

da Marco Benecchi  20/10/2021 18.11

Re: Caccia al daino: finalmente il palancone!

..già mentre sappiamo tutto da sempre sulle foibe. vero ? Non le han fatte studiare per anni alle scuole dell'obbligo e anche oltre...............

da Massy x Ernesto  20/10/2021 11.28

Re: Caccia al daino: finalmente il palancone!

Peter, non nego i crimini slavi, ma i crimini di guerra italiani sono un dato di fatto sconosciuto ai più.
Due cose sbagliate non fanno una cosa giusta.

da ernesto per peter  20/10/2021 8.45

Re: Caccia al daino: finalmente il palancone!

se leggi cosa hanno fatto i comunisti slavi agli italiani in Croazia la smetti anche tu

da Peter  20/10/2021 6.08

Re: Caccia al daino: finalmente il palancone!

Benecchi, se leggi cosa hanno fatto gli italiani in Albania, Grecia e Iugoslavia smetti di parlare anche in italiano.

da Ernesto  19/10/2021 12.41

Re: Caccia al daino: finalmente il palancone!

Cala che vendi.......

da Tutto a 50 cents  12/10/2021 16.47

Re: Caccia al daino: finalmente il palancone!

Caro ROBY, ti ringrazio!
Perchè da un po' di tempo apprezzo di più il Viva Maria del Weidmansheil...
Per un semplice motivo...
Che dopo aver "Rivisto" in modo dettagliato su molti documentari su SKY cosa hanno fatto i tedeschi durante la II GM non ho più voglia di ispirarmi a loro,
Neanche per i riti venatori mittleuropei...
Saluti
M

da Marco B x ROBY  12/10/2021 11.46

Re: Caccia al daino: finalmente il palancone!

W MARIA !

da Roby  12/10/2021 8.13

Re: Caccia al daino: finalmente il palancone!

Mi è piaciuto il racconto ..
forse perchè anche a me il daino suscita quel qualcosa i più....poi i palanconi (non i velluto sia ben chiaro @@@@ ***)

Bravo Marco....

da Massy  11/10/2021 14.12

Re: Caccia al daino: finalmente il palancone!

Sicuramente le NORMA e le FEDERAL,
Ma io fossi in te andrei subito spedito sulle WINCHESTER PREMIUM
con palla Ballistic Silvertip da 150 o 168 grani che sono la stessa cosa!
Saluti
M

da Marco B x Alfredo  11/10/2021 11.00

Re: Caccia al daino: finalmente il palancone!

Ciao marco. In cerca di consigli, Chiedo, quali sono le cartucce commerciali che anno la palla nosler ballistic tip. Grazie anticipatamente. Dimenticavo, cal.308

da Alfredo 64  10/10/2021 19.40

Re: Caccia al daino: finalmente il palancone!

Waidemansheil!!! complimenti

da Mario  09/10/2021 18.33

Re: Caccia al daino: finalmente il palancone!

WMH!!!
Bel racconto come al solito!!!

da Vecchio cedro  08/10/2021 18.14

Re: Caccia al daino: finalmente il palancone!

WMH!!!
Bel racconto come al solito!!!

da Vecchio cedro  08/10/2021 16.22
Cerca nel Blog
Lista dei Blog