Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Archivio
<settembre 2021>
lunmarmergiovensabdom
303112345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930123
45678910
Mensile
settembre 2021
agosto 2021
luglio 2021
giugno 2021
maggio 2021
aprile 2021
marzo 2021
febbraio 2021
gennaio 2021
dicembre 2020
novembre 2020
ottobre 2020
settembre 2020
agosto 2020
luglio 2020
giugno 2020
maggio 2020
aprile 2020
marzo 2020
febbraio 2020
gennaio 2020
dicembre 2019
novembre 2019
ottobre 2019
settembre 2019
agosto 2019
luglio 2019
giugno 2019
maggio 2019
aprile 2019
marzo 2019
febbraio 2019
gennaio 2019
dicembre 2018
novembre 2018
ottobre 2018
settembre 2018
agosto 2018
luglio 2018
giugno 2018
maggio 2018
aprile 2018
marzo 2018
febbraio 2018
gennaio 2018
dicembre 2017
novembre 2017
ottobre 2017
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
aprile 2011
marzo 2011
febbraio 2011
gennaio 2011
dicembre 2010
novembre 2010
ottobre 2010
settembre 2010
agosto 2010
luglio 2010
giugno 2010
maggio 2010
aprile 2010
marzo 2010
febbraio 2010
gennaio 2010
dicembre 2009
novembre 2009
ottobre 2009
settembre 2009
agosto 2009
luglio 2009
giugno 2009
maggio 2009
aprile 2009
marzo 2009
febbraio 2009
gennaio 2009
dicembre 2008
novembre 2008
ottobre 2008
settembre 2008
agosto 2008
maggio 2008
aprile 2008
marzo 2008
febbraio 2008
gennaio 2008
dicembre 2007
novembre 2007
ottobre 2007
settembre 2007
agosto 2007
luglio 2007
giugno 2007
set7


07/09/2021 14.43 

 
Una delle prime cose che ho imparato sin da giovanissimo cacciando con la carabina, è che se non tiri con un buon appoggio ne metti ben poca di selvaggina in pentola! Non voglio annoiarvi descrivendovi le innumerevoli posizioni di tiro consigliate dalle enciclopedie, dai manuali, dalle riviste e dagli innumerevoli neo o pseudo esperti figli dei social, ma vorrei soffermarmi soltanto su quelle che, in base alla mia esperienza, ritengo veramente valide. Le tecniche di caccia a palla in Italia le ho praticate e ri-praticate più o meno tutte, inoltre ho girovagato parecchio anche nelle foreste europee, del Nord America ed asiatiche. In poche parole “qualche colpo l’ho tirato”.

In tanti anni dedicati a correre dietro a selvatici, molto spesso più furbi di me, le posizioni di tiro che mi hanno dato le soddisfazioni maggiori sono state sostanzialmente tre: il tiro con un treppiede alto regolabile portatile, quello dall’altana e stando appoggiati sullo zaino o con l’ausilio di un bipiede tattico. Sono convintissimo che esistono dei cacciatori talmente bravi da saper sparare a mano libera (beati loro) in ginocchio, con due bastoncini uniti da un elastico, appoggiati ad un coltello piantato ad un albero, sulle robuste spalle dell’accompagnatore o addirittura sul binocolo ma è fuori discussione che la massima precisione si ottiene con l’arma ben ferma su un solido appoggio. Un treppiede metallico regolabile in altezza è indubbiamente un valido compagno del cacciatore a palla; è indispensabile durante la “Pirsch”, dove spesso si deve sparare veloci a breve distanza e in terreni coperti, come si faceva una volta con l’Alpenstock.
 
 

Il tiro dall’altana sopraelevata non è facile come sembra. Le riserve di caccia che gestisco o con cui collaboro sono tutte attrezzate con delle ottime postazioni fisse ma è proprio da quei comodi capanni che ho assistito alle più clamorose padelle, perché spesso esperti cacciatori di montagna e/o di pianura, abituati come sono a tirare appoggiati sugli zaini o con i bipiedi, hanno avuto grosse difficoltà a mantenere ferma la loro arma sull’unica, esile traversina. Dall’altana tutto sembra più facile: come l’avvistamento e la valutazione dei capi da abbattere, gli immancabili scambi d’opinione con l’accompagnatore ed infine il tiro, ma credetemi, non sempre è così. I selvatici “veri” lo sanno che dove c’è un appostamento potrebbe esserci anche un cacciatore. Quindi quando usciranno in pastura o saranno costretti ad attraversare uno tratto aperto nelle sue vicinanze lo faranno con molta cautela e circospezione. Il tiro allora dovrà essere abbastanza veloce e preciso ed il cacciatore dovrà stare molto attento a non urtare con la carabina le pareti dell’altana, a posizionare correttamente l’astina (né troppo avanti né troppo indietro) e a trovare un buon appoggio anche al calcio dell’arma. Non mi stancherò mai di ripetere che nel tiro a lunga distanza l’appoggio posteriore ha la stessa importanza di quello anteriore.
 
 
 
Ad un selvatico si deve tirare con l’arma perfettamente immobile, non dico come quando l’abbiamo tarata in poligono sul cavalletto o sul “Rest” ma che ci vada almeno molto vicino. Tra la calciatura ed il bordo della feritoia è sufficiente metterci il cappello, la giacca o un semplice panno e non la mano debole (quella che non impugna l’arma), che vedrei meglio nell’aiutarci a sorreggere il calcio piuttosto che l’astina. Se siete destri dovrete trovare dove appoggiare saldamente il gomito destro, mentre se siete mancini cercherete di fare viceversa sul lato opposto dell’appostamento. Ho lasciato per ultima la posizione di tiro che ritengo migliore, quella che usano (o che dovrebbero usare) tutti quelli che si apprestano a tirare a lunghissima distanza: appoggiati ad una roccia o completamente sdraiati in terra, con l’arma ben affossata in un morbido zaino o con l’ausilio di un bipiede tattico. E’ la posizione di tiro che garantisce i risultati più soddisfacenti e su questo credo di trovarci finalmente tutti d’accordo. Consente alla nostra arma una stabilità quasi assoluta e se è precisa, se conosceremo esattamente la distanza che ci separa dal bersaglio e se sapremo dominare l’emozione, ben difficilmente falliremo il colpo.
 

Personalmente, da diversi anni ho abbandonato la posizione di tiro sullo zaino a favore di quella con il bipiede tattico. Ognuna delle due tecniche di tiro ha i suoi pro ed i suoi contro, tocca a noi scegliere quale utilizzare in base alle nostre esigenze, alle nostre abitudini e alle nostre preferenze. Sparare con l’arma appoggiata sullo zaino è molto comodo e di facile acquisizione; spesso è sufficiente il solo zaino a fornire all’arma sia l’appoggio anteriore sia quello posteriore, ma purtroppo non è perfettamente stabile al cento per cento. A volte può essere sufficiente il nostro respiro (per non dire l’affanno) a muovere leggermente l’arma.
 
Il bipiede invece è più impegnativo come sistemazione e come regolazione, è penalizzante se dobbiamo sparare verso l’alto e, proprio in funzione alla sua rigidità, può farci perdere dei secondi preziosi per “livellare” il reticolo. Se trascuriamo questi piccoli difetti e impariamo ad usarlo correttamente, il bipiede è un accessorio veramente eccezionale e insostituibile. L’appoggio anteriore è garantito saldo ed immobile dal piccolo accessorio metallico, mentre per quanto riguarda il posteriore possiamo mettere sotto al calcio uno spessore di fortuna (come una pietra, un pezzo di legno, un provvidenziale rialzo del terreno, ecc) oppure il pugno della mano libera che, a secondo di quanto lo stringiamo o lo rilassiamo, alza o abbassa la linea di mira.
 
 

Chi ha avuto la fortuna di cacciare in Slovenia, in Croazia o meglio ancora in Ungheria, sarà sicuramente rimasto impressionato dal numero di altane presenti sul territorio. Percorrendo l’autostrada da Lubiana a Budapest se ne contano a centinaia! Io, quando le vedo, sorrido sempre! Capisco che il Centro–Est Europa è un po’ la culla della caccia a palla nel mondo, ma noi in Maremma, per quanto riguarda gli appostamenti, siamo molto più pratici ed oserei dire anche un pochino più furbi. Più pratici perché costruire una robusta altana e mantenerla in perfetto stato comporta un grosso impegno sia fisico sia economico. Più furbi perché è difficile pretendere che un selvatico venga in pastura proprio davanti al nostro appostamento fisso, anche se predisposto di governi, mangiatoie e/o saline. In Maremma abbiamo inventato le “Altane Maremmane!”. Le splendide, meravigliose, insuperabili, pratiche, economiche: rotoballe di paglia. Niente di meglio per sparare a tutte le distanze, e da posizionare strategicamente dove vogliamo, quando servono e dove abbiamo avvistato dei selvatici in precedenza; dulcis in fundo, si integrano perfettamente con l’ambiente circostante, essendo totalmente ecosostenibili.
 
 
 
Personalmente ritengo le rotoballe come il miglior appostamento-appoggio per cacciare caprioli, daini e cinghiali in Selezione. Offrono la giusta copertura sia visiva sia olfattiva e poi consentono un appoggio per sparare, degno di un vero e proprio bancone da poligono di tiro. Sono ormai da tanti anni che i proprietari dei terreni dove abitualmente caccio hanno preso la splendida abitudine di lasciarmi sui loro campi (sempre su mia indicazione!) una o più rotoballe da utilizzare per scopi venatori, anche perché, se poi avrò successo nella caccia, anche loro avranno la loro giusta ricompensa!
 
Per concludere vorrei ricordare che è nostro dovere ricontrollare spesso anche la taratura dell’arma, abituarci a tirare nelle diverse condizioni di vento e di luce e fare la necessaria pratica a sparare in tutte condizioni che potrebbero presentarsi sul terreno di caccia.

Marco Benecchi
 
 

Tags:

Tuo Nome:
Titolo:
Commento:


108.162.219.48
Aggiungi un commento  Annulla 

16 commenti finora...

Re: Le altane ... "Maremmane"!

Ma che vai cercando?Maria per roma?

da Paolo per el vicchiun  17/09/2021 10.55

Re: Le altane ... "Maremmane"!

el piscium? Paolo ? el porcellum? ma qual'è il tuo nome? ma smettila con le tue uscite da maleducato e poco preparato. Saluti MB

da Roby  15/09/2021 10.35

Re: Le altane ... "Maremmane"!

A parte delle postazioni soprelevate "pre confezionate" non esiste nessuno schema valido su come costruirle.
Ogni altana dovrebbe essere una storia a se...
In primis..
Per cacciarci cosa?
Capriolo? Daini? Cervi? Cinghiali? Orsi?
Mi hanno detto che qualcuno ha tirato anche dei camosci dalle altane.
Ci sono altane rasoterra come altre diversi metri...
In Ungheria, Slovenia Croazia ce ne sono a milioni!
Tutte posizionate secondo la conformazione del territorio e spesso tenendo presente anche il tipo di cultura in atto..
E' ovvio che una altana piazzata vicino ad un granturcheto dovrà essere un pochino più alta di una che sovrasta una stoppia o un erbaio..
L'altana è molto personale...
Io preferisco 10000 volte più una "rotoballa" con la sola esclusione della caccia all'orso!

m

da Marco B x Paolo  14/09/2021 12.29

Re: Le altane ... "Maremmane"!

Piuttosto voglio domandare a Marco su quale criterio si sceglie l'altezza o quanto deve essere alta e larga una altana ,se vuole rispondere ,scusate per la battuta sotto.

da Paolo  13/09/2021 18.45

Re: Le altane ... "Maremmane"!

E la madona addirittura, per una battuta nemici ma andate per piacere! roby devi essere un vecchiozzo per non scherzare su una battuta cosi' Saluti Grande Marco , nessuno ce la con te .

da el pisciun  13/09/2021 16.15

Re: Le altane ... "Maremmane"!

Caro Roby...
E che ne so????
Come diceva quel tizio:
"Tanti nemici tanto onore?"
A me certe cose mettono una tristezza infinita perchè penso ai loro amici (se ne hanno!) e alle loro famiglie che devono sopportarli!

Poi...." Purtroppo l'EDUCAZIONE non si compera al mercato"
O l'hai avuta buona altrimenti.....
Pazienza!
Un caro saluto
Marco

da Marco B x Roby  13/09/2021 15.38

Re: Le altane ... "Maremmane"!

il solito maledecuato è arrivato. ma cosa gli hai fatto di male MB?

da Roby  12/09/2021 19.47

Re: Le altane ... "Maremmane"!

come al solito, che squallore con certi individui
un caro saluto a marco filippo e redazione salute a tutti

da carlo48  12/09/2021 12.27

Re: Le altane ... "Maremmane"!

ma dimmi, dove sono le piane i queste foto?

da Raffaele  12/09/2021 6.34

Re: Le altane ... "Maremmane"!

Spero tu sia ben assicurato caro Raffaele.
Se mai dovessi venire in campagna in codeste zone ci verrei solo il martedì o il venerdì.
Fidarsi è bene ecc ecc

da Antonio  10/09/2021 16.45

Re: Le altane ... "Maremmane"!

discussione , inutile, da incompetente totale in materia. MA DOVE SONO LE PIANE???

da Raffaele  10/09/2021 14.08

Re: Le altane ... "Maremmane"!

Non era mia intenzione offendere nessuno né tanto meno te, ma "Anche tirando al volo col fucile liscio" un tiratore mediocre con un pizzico di buon senso lo capisce dove e quando sparare....
Io, ad esempio, non ho MAI sparato con la carabina ad un selvatico su un "crinale" con la sagoma in bella vista sullo sfondo,
Ma non la vedo una cosa molto difficile sparare in sicurezza...
Ci si riesce molto bene anche cacciando nella Pustza ungherese!

da Marco b x Antonio  09/09/2021 15.33

Re: Le altane ... "Maremmane"!

Si vede che io non sono degno.
Ma mi va benissimo così.

da Antonio  09/09/2021 13.01

Re: Le altane ... "Maremmane"!

Tranquillo Antonio,
OGNI cacciatore degno di questo nome LO SA dove e quando deve sparare...
MB

da Marco B x Antonio  09/09/2021 12.38

Re: Le altane ... "Maremmane"!

caro antonio e' perche' sei un poveruomo pauroso e timoroso

da Paolo  09/09/2021 11.48

Re: Le altane ... "Maremmane"!

Sparare con la carabina in quelle piane illustrate dalle foto sopra riportate secondo me è davvero pericoloso.
In quei posti senza altana ad almeno due metri di altezza io non avrei il coraggio di sparare e caprioli cinghiali e daini potrebbero morire di vecchiaia.

da Antonio  09/09/2021 8.05
Cerca nel Blog
Lista dei Blog