Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Archivio
<aprile 2021>
lunmarmergiovensabdom
2930311234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293012
3456789
Mensile
aprile 2021
marzo 2021
febbraio 2021
gennaio 2021
dicembre 2020
novembre 2020
ottobre 2020
settembre 2020
agosto 2020
luglio 2020
giugno 2020
maggio 2020
aprile 2020
marzo 2020
febbraio 2020
gennaio 2020
dicembre 2019
novembre 2019
ottobre 2019
settembre 2019
agosto 2019
luglio 2019
giugno 2019
maggio 2019
aprile 2019
marzo 2019
febbraio 2019
gennaio 2019
dicembre 2018
novembre 2018
ottobre 2018
settembre 2018
agosto 2018
luglio 2018
giugno 2018
maggio 2018
aprile 2018
marzo 2018
febbraio 2018
gennaio 2018
dicembre 2017
novembre 2017
ottobre 2017
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
aprile 2011
marzo 2011
febbraio 2011
gennaio 2011
dicembre 2010
novembre 2010
ottobre 2010
settembre 2010
agosto 2010
luglio 2010
giugno 2010
maggio 2010
aprile 2010
marzo 2010
febbraio 2010
gennaio 2010
dicembre 2009
novembre 2009
ottobre 2009
settembre 2009
agosto 2009
luglio 2009
giugno 2009
maggio 2009
aprile 2009
marzo 2009
febbraio 2009
gennaio 2009
dicembre 2008
novembre 2008
ottobre 2008
settembre 2008
agosto 2008
maggio 2008
aprile 2008
marzo 2008
febbraio 2008
gennaio 2008
dicembre 2007
novembre 2007
ottobre 2007
settembre 2007
agosto 2007
luglio 2007
giugno 2007
mar23


23/03/2021 

 
 
 
Le risorse idriche del pianeta sono il presupposto per l’esistenza degli esseri viventi, quindi dell’uomo e di tutta la biodiversità. L’acqua, bene primario, è il parametro su cui si fonda la sopravvivenza delle specie e la qualità della vita di uomini, piante e animali. Tutelare questa risorsa non è solo importante, ma vitale per la conservazione di tutte le forme di vita e per assicurare un futuro favorevole alle generazioni future. 

Il tema è troppo ampio e complesso per trattarlo nella sua interezza. Come Federcaccia e come fruitori degli ambienti naturali vogliamo focalizzare l’attenzione sulla gestione dell’acqua in Italia e su quanto sia importante cambiare passo nella gestione delle risorse idriche interne: fiumi, laghi, lagune, zone umide grandi e piccole.

Molto è stato fatto negli ultimi anni per quanto riguarda la qualità delle acque interne, un tempo sicuramente più inquinate di oggi da scarichi industriali o fognari, attualmente soggetti a rigide norme di tutela, con obblighi di depurazione e purificazione da contaminazioni chimiche prima di essere reimmessi in circolo. Moltissimo resta però ancora da fare, in particolare per i problemi di eutrofizzazione e di qualità di molti bacini idrici, spesso non gestiti secondo una precisa analisi delle caratteristiche e del valore biologico, che porta a trascurare ad esempio le biocenosi viventi e le priorità per la conservazione.

Di grande importanza e da noi particolarmente sentito per i suoi risvolti sul benessere delle popolazioni, dell’ambiente in generale e della fauna, è il ruolo delle zone umide, così come efficacemente descritto dall’organizzazione internazionale Wetlands International.

•   Prosperità: le aree umide sono spesso legate all’economia delle popolazioni che le abitano.

•   Mantenimento di acque pulite: in un mondo in cui la domanda di acqua cresce velocemente, la conservazione e il ripristino di aree umide consentono di salvaguardare la richiesta idrica per agricoltura e consumo umano.

•   Ricchezza di cibo: adeguando l’acqua e le pratiche agricole nelle zone umide e incorporando queste ultime nei paesaggi agricoli, è possibile garantire la sicurezza alimentare a lungo termine e migliorare la biodiversità.

•   Protezione dalle calamità: circa il 90% delle calamità naturali o di origine umana è connessa all’acqua. La conservazione di aree umide permette di ridurre gli impatti dei danni causati da questi eventi (es. casse di espansione, mantenimento dei delta fluviali e lagune costiere).

•   Stoccaggio di carbonio: le zone umide sono tra le più grandi riserve di carbonio, mantenendo queste aree si contribuisce alla riduzione delle emissioni di CO2 e a rallentare il riscaldamento globale, migliorando la biodiversità, la sicurezza e il benessere dell’uomo.

•   Salvaguardia della Natura: le zone umide supportano una Natura abbondante e unica, ma la biodiversità dell’acqua dolce è diminuita drasticamente dagli anni’70. È urgentemente necessaria un’azione concertata da parte di singoli, gruppi della società civile, Istituzioni e settore privato per invertire questa tendenza.

La necessità più urgente, in particolare in Italia, è legata al “consumo di suolo”, che è direttamente connesso alla gestione delle acque. Infatti la cementificazione, dovuta alla crescente costruzione di infrastrutture e insediamenti umani (strade, abitazioni, capannoni, aree industriali etc.) procura l’impermeabilizzazione del suolo con conseguente canalizzazione delle acque piovane, che non arricchiscono più i terreni naturali o agricoli. A livello generale le acque dolci sono convogliate sempre di più in canali a scorrimento veloce che impoveriscono le aree non cementificate, e spesso in caso di piogge abbondanti non sono in grado di assicurare la portata delle piene. Anche molti fiumi sono privi delle cosiddette “casse di espansione” in cui le acque possono defluire in caso di aumenti della portata e evitare danni a cose e persone.

Un altro problema riguarda le zone umide costiere, sottoposte in passato a vere e proprie distruzioni, ma ancora oggi sotto pressione per la costruzione di strade, villaggi turistici, abitazioni etc., dimenticandone completamente il valore biologico, spesso a vantaggio di abusivismo e attività illegali. Le foci di molti fiumi in Italia centro-meridionale sono assediate dal cemento e spesso sono state canalizzate, impedendo il naturale deflusso delle acque dolci in mare e la diffusione dell’acqua dolce nei terreni circostanti, con conseguente aumento del cuneo salino dei terreni sottostanti, che causa poi un impoverimento anche dei terreni agricoli.

Purtroppo fino ad ora nessuno dei Governi italiani ha legiferato efficacemente in materia di consumo di suolo né di tutela specifica delle aree umide, se non con interventi più di facciata che di sostanza. 

Anche su questo tema, sempre più fondamentale, Federcaccia chiede un cambio di passo, con la creazione di un tavolo tecnico di analisi della gestione delle acque interne e del consumo di suolo, al fine di trovare soluzioni a breve per non perdere quello che ancora abbiamo di prezioso nel campo della biodiversità legata all’acqua del nostro Paese.

Ufficio Studi e Ricerche Faunistiche e Agro-Ambientali Federcaccia


Tags:

Tuo Nome:
Titolo:
Commento:


162.158.63.248
Aggiungi un commento  Annulla 

Cerca nel Blog
Lista dei Blog