Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Archivio
<dicembre 2020>
lunmarmergiovensabdom
30123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031123
45678910
Mensile
novembre 2020
ottobre 2020
settembre 2020
agosto 2020
luglio 2020
giugno 2020
maggio 2020
aprile 2020
marzo 2020
febbraio 2020
gennaio 2020
dicembre 2019
novembre 2019
ottobre 2019
settembre 2019
agosto 2019
luglio 2019
giugno 2019
maggio 2019
aprile 2019
marzo 2019
febbraio 2019
gennaio 2019
dicembre 2018
novembre 2018
ottobre 2018
settembre 2018
agosto 2018
luglio 2018
giugno 2018
maggio 2018
aprile 2018
marzo 2018
febbraio 2018
gennaio 2018
dicembre 2017
novembre 2017
ottobre 2017
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
aprile 2011
marzo 2011
febbraio 2011
gennaio 2011
dicembre 2010
novembre 2010
ottobre 2010
settembre 2010
agosto 2010
luglio 2010
giugno 2010
maggio 2010
aprile 2010
marzo 2010
febbraio 2010
gennaio 2010
dicembre 2009
novembre 2009
ottobre 2009
settembre 2009
agosto 2009
luglio 2009
giugno 2009
maggio 2009
aprile 2009
marzo 2009
febbraio 2009
gennaio 2009
dicembre 2008
novembre 2008
ottobre 2008
settembre 2008
agosto 2008
maggio 2008
aprile 2008
marzo 2008
febbraio 2008
gennaio 2008
dicembre 2007
novembre 2007
ottobre 2007
settembre 2007
agosto 2007
luglio 2007
giugno 2007
nov6


06/11/2020 11.20 

 
Desidero precisare che la nostra rubrica si occupa esclusivamente di caccia e di tutto quello che gravita intorno al suo mondo. Per questo motivo ho sempre cercato di trattare armi e munizioni specifiche per un impiego venatorio. Questa volta però devo fare un’eccezione, perché voglio dedicarmi ad un calibro nato e “deceduto” come militare, che soltanto in rare occasioni è stato camerato in armi sportive da caccia. Mi sono sentito in dovere di dedicargli il nostro tempo perché è stato il protagonista assoluto di ardue esplorazioni, di grandi colonizzazioni e di mille battaglie per quasi un secolo. Questo calibro è il 303 British.

Il 303 British merita tutta la nostra attenzione perché, assieme all’8 x 57 JS Mauser e al 30.06 Springfield, è una delle munizioni che in assoluto ha abbattuto più selvatici al mondo. Dal Polo sud al Polo nord, dalle savane africane alle giungle indiane e in tutti gli angoli del globo, sotto i suoi colpi sono caduti un’infinità di animali selvatici, anche pericolosi, e persino i pachidermi. Dai primi del novecento la stragrande maggioranza dei cacciatori utilizzava, per scelta o per opportunità, armi di origine militare piuttosto che quelle neonate sportive, molto più care e di difficile reperibilità. Il .303 inglese è stato il fedele compagno dei soldati e dei cacciatori anglofili per almeno tre generazioni, fin dove è arrivata la tentacolare espansione coloniale del Grande Impero britannico. Verso la seconda metà dell’ottocento le famose Giubbe Rosse di Sua Maestà erano tutte armate con i Martini–Henry calibro .450.
 
 
Quei fucili monocolpo con chiusura a blocco cadente si erano dimostrati abbastanza affidabili per le tecniche di guerra di allora, avendo sconfitto molti eserciti e contribuito alla decimazione sistematica delle tribù africane degli Zulù e dei Matabele, ma con la comparsa delle armi a ripetizione manuale a più colpi e delle munizioni in calibro ridotto e veloci, le mediocri prestazioni del Martini calibro .450 costrinsero gli inglesi a sviluppare un armamento individuale più valido e moderno. I tecnici incaricati dal governo britannico focalizzarono il loro interesse sul calibro d’ordinanza elvetico: il 7,5 Schmidt & Rubin, e lavorando su quel modello impiantarono alcuni prototipi di munizioni con diversi tipi di propellenti e di palle fino ad arrivare al definitivo calibro .303 British (.311 millesimi di pollice pari a 7,89 millimetri). La nuova munizione aveva un bossolo cilindrico conico Rimmed con collarino lungo 56 millimetri ed era in grado di spingere una palla da 215 grani a testa tonda con incamiciatura in rame-nikel alla velocità di 600 metri al secondo. Correva l’anno 1892 quando il .303 British divenne il calibro d’ordinanza del regio esercito.
 
 
Dopo ben quattro anni di studi e di modifiche, era finalmente pronto il nuovo impianto balistico che avrebbe armato per decenni tutti i soldati britannici ed i loro alleati. Nel 1914 fu ancora migliorato, portando il peso di palla a 174 grani e riuscendo a spingerla alla ragguardevole velocità di circa 744 m/s. Quel caricamento con polvere vermicolare nota come “Cordite” venne denominato MK VII.

Una delle munizioni più discusse in calibro .303 British fu senz’altro quella progettata in India nell’arsenale di Dum Dum. La famosa palla espansiva dai noti effetti terrificanti venne prima costruita con una piccola porzione di piombo esposto e successivamente con la punta bucata Hollow Point. Le cartucce “Dum Dum” furono distribuite in tutta fretta ai reparti inglesi per porre rimedio ad una serie d’inconvenienti manifestati durante la repressione dei ribelli Thugs. Alcune testimonianze riportate sui libri di storia raccontano che quando quei fanatici barbuti armati di scimitarra s’avventavano contro i nemici, magari anche corroborati da massicce dosi di sostanze stupefacenti, spesso erano necessari quattro o cinque colpi di 303 incamiciato per riuscire a fermarli! Con le nuove munizioni espansive il risultato fu ben diverso, ma esse furono proibite abbastanza velocemente dalle comunità internazionali per lo scempio che facevano sui corpi dei caduti.
 

Il primo fucile d’ordinanza calibro .303 British fu il Lee-Metford, su progetto dell’americano James Paris Lee, ma fu ben presto sostituito da un nuovo modernissimo fucile costruito negli arsenali Enfield, dotato di caricatore bifilare da dieci colpi, di una rigatura della canna particolarmente accurata e dall’azione più veloce mai concepita. I fucili Lee-Enfield sono stati prodotti in diverse varianti (gli SMLE: Short magazine Lee Enfield, n° 1 MK III, n° 1 MK V n° 4 MK I e I (T), MK II, n° 5 MKI Jungle Carbine) in milioni d’esemplari, ed hanno armato tutti i soldati del Regno Unito, del Commonwealth e del neonato Stato d’Israele fino al 1957, anno in cui il .303 fu sostituito dal 7,62 NATO (alias 308 Winchester).
 
Il “British” rientra come prestazioni nella categoria dell’8 x 57 JS Mauser e del 30.06 Springfield, e, analogamente, in buone mani si è fatto ben valere anche sul terreno di caccia. E’ stato largamente usato nei caricamenti Eley-Kynoch espansivi (con palle da 150 grani spinte a 823 m/s e con palle da 215 grani spinte a 625 m/s) contro tutte le specie selvatiche del continente africano, di quello indiano e del Nordamerica. Impiegando munizioni militari perforanti sono stati abbattuti anche bufali, rinoceronti ed elefanti. Uno dei più grandi cacciatori professionisti della storia, il famoso “White Hunter” Alexander Lake, nei suoi libri di caccia grossa racconta di aver sempre utilizzato per tutte le cacce il suo fidatissimo Enfield calibro .303 con ottimi risultati e senza che gli abbia mai fatto rimpiangere calibri superiori. Va comunque ricordato che Lake era un tiratore eccezionale e che poteva contare su tutti i dieci colpi contenuti nel caricatore del suo n°1 MK V.
 
 
Attualmente viene usato ancora soltanto da alcune guide canadesi, australiane e sudafricane, mentre in Italia non credo esista qualcuno che vada in giro per i boschi armato con un calibro simile. Il .303 ha una certa popolarità soprattutto per l’enorme quantità di fucili ex ordinanza in ottimo stato che ancora è possibile reperire nelle armerie. Sono stati distribuiti oltre quattro milioni d’esemplari di fucili Lee-Enfield e per questo motivo molte case produttrici di munizioni hanno tuttora in catalogo il .303 British.

Come già accennato, esistono pochissime carabine sportive che non siano derivate in qualche modo dalle vecchie ordinanze. La Remington costruì qualche carabina ad otturatore scorrevole–girevole in questo calibro, la Winchester ci camerò il modello 95 a leva, belle armi vennero costruite dalla Parker Hale e grandi nomi dell’industria armigera inglese come Holland & Holland, Lancaster, Armi & Navy e Manton crearono addirittura dei pregiatissimi express in .303. Oggigiorno il glorioso calibro inglese ha soltanto un valore prettamente storico, non è più idoneo né per un impiego venatorio né per quello sportivo. D’altronde il fascino che suscitano i vecchi SMLE allo sparo, con le loro belle calciature alla bocca e i loro lunghissimi alzi per il tiro fino a 1300 iarde (1183 metri!!), è innegabile. Quindi sono convinto che chi ha la fortuna di possederne uno in ottimo stato, si diverta parecchio a bruciarci qualche scatola di cartucce, che purtroppo non sono certo a buon mercato. Le munizioni commerciali attualmente reperibili sono quasi tutte configurate per un ipotetico impiego venatorio e quindi utilizzano materiale di primissima scelta.
 

Il caricamento originale più potente è l’Hornady Light Magnum con palla da 150 grani SP che raggiunge gli 860 metri al secondo. Chi ha intenzione di utilizzare il suo Enfield frequentemente, magari di produzione H. & H., è bene che ricorra alla buona ed economica ricarica casalinga. Dies e Shel holder sono comunemente reperibili, i bossoli nuovi li distribuiscono ancora la Winchester, la Remington e la Norma. Se ne trovate qualcuno di origine militare è bene che abbia l’innesco unifocale (Boxer) e non bifocale (Berdan), altrimenti si corre il rischio di rompere l’ago decapsulatore del Die. Per gli inneschi sono sufficienti i Large Rifle Standard. La scelta di palle calibro .311-.312” non è certo eccezionale ma comunque sufficiente: se ne possono trovare di peso variabile dai 100 ai 215 grani e in diverse configurazioni. Per un uso sportivo o semi agonistico (per le gare di ex ordinanza) degne di nota sono le ottime Sierra Match da 175, grani, le Hornady FMJ da 174 grani e le Woodleigh Weldcore PP da 174 grani. Come nostra abitudine elencheremo alcune dosi di ricarica estrapolate dai migliori manuali specializzati. Mai come in questo caso devono essere considerate come MASSIME, perché non possiamo conoscere a priori quali sono le condizioni dell’arma nella quale verranno provate. Chi volesse usarle per uno studio proprio è bene che parta da dosi inferiori di circa il 10%.
 
 
 Sulla diffusione della caccia a palla in Italia non si discute. Quattro cacciatori su cinque hanno in rastrelliera una carabina, e questo è un bene. Quel che sarebbe ancora meglio è che tutti mantenessero anche un certo allenamento nell’uso della canna rigata. Io sono convinto che per prendere familiarità con questo genere di armi, una bella ed onestissima ex ordinanza, con i suoi costi veramente contenuti, potrebbe esserci veramente di aiuto.


Marco Benecchi

Tags:

Tuo Nome:
Titolo:
Commento:


172.68.65.122
Aggiungi un commento  Annulla 

15 commenti finora...

Re: BALISTICA: il calibro 303 British

Oh de maremma ane !! Ha scoperto il Pard specificando l’A, Dio bono, sai tutto ma non sai che il precedente l’era molto meglio.... te tu sei arrivato tardi

da Solvey  25/11/2020 7.43

Re: BALISTICA: il calibro 303 British

Se ne hai la possibilita' comprati una bella carabina come si deve spendi un po di piu' e ti durera' mezzo secolo. cosa cxx vuoi pretendere da un fucile da 700 euroi?

da ma vattinn x vincenzo  21/11/2020 19.18

Re: BALISTICA: il calibro 303 British

si e tienitela tu!!!

da ma vattinn  21/11/2020 19.16

Re: BALISTICA: il calibro 303 British

Una domanda: hai detto che usi con successo e in continuazione un a carabina bergara in 308 w. Perché non in 30-06, vista la tipologia di arma? Una prova??????????
BRAVO
Dopo aver cacciato per oltre 40 anni, anzi per quasi 50, con altri calibri, spesso più radenti e con dei "spesso veri macigni!" (vedi Weatherby) ho deciso di ripiegare su un arma:
CORTA
MANEGGEVOLE
PRECISISSIMA
PRATICA
MODERNA
AFFIDABILE
In un calibro tuttofare 308 con palle Ballistic Tip da 165 grani...
Non mi far descrivere cosa c'ho fatto in 4 - 5 mesi di caccia!
Uso un DELTA TITANIUM 2,5 - 15 x 56 HD illuminato e all'occorrenza un PARD NV 007 A
M

da Marco B x Filippo  19/11/2020 17.36

Re: BALISTICA: il calibro 303 British

Se mi dai ancora del Lei non ti rispondo più..
OK?
Ora passiamo alle cose serie..
Lo sai qual è stato il mio ultimo acquisto (si fa per dire perché "ho fatto sconto lavori" con una armeria!)
Una MERAVIGLIOSA ZASTAVA SAFARI calibro..458 WM
Dovessi vedere com'è fatta? Semplicemente ottima, per non dire stupenda.
Vecchia azione Mauser Magnum LUSSO, canna e legni da non fare invidia a nessuno..
Anche se poi l'ho "Custonizzata" stile..Rigby...
Però "Ti sei risposto da solo"!
L'arma è perfetta per il tipo di caccia che devi fare, ma un pochino pesante e relativamente ingombrante,
Specialmente se dovessi cacciare da una altana
Un BERGARA in 308 è poco più di una grossa pistola, anche come peso..
Io cosa farei?
PRENDEREI LA ZASTAVA
Ad occhi chiusi, anche perché è già
Chiavi in mano
Pronta caccia
Usala per un paio di stagioni e poi ne riparleremo
ECCEZIONALE la munizione scelta
Saluti
M

da Marco B x Vincenzo  19/11/2020 17.27

Re: BALISTICA: il calibro 303 British

Grazie x il commento. Ero molto stupito che in illinois non permettano l'uso di armi rigate x la caccia quantomeno al cervo coda bianca. Una domanda: hai detto che usi con successo e in continuazione un a carabina bergara in 308 w. Perché non in 30-06, vista la tipologia di arma? Una prova? Saluti e grazie x la disponibilità.

da Filippo 60  19/11/2020 14.55

Re: BALISTICA: il calibro 303 British

Salve sig. Benecchi, le scrivo per un consiglio. Vorrei acquistare una carabina in calibro 30.06.
Ci faccio il cinghiale in selezione ed all'aspetto.
La mia scelta è proprio tra la Bergara (nuova) e un usato, una Zastava con sopra un Meopta 3x10x50, venduta allo stesso prezzo della Bergara con in più l'ottica.
Il sig. che la vende me l'ha fatta provare con le Hornady 165 sst al poligono.
A 200 metri tira in poco più di una moneta da due euro!! Ed io non sono un gran tiratore!!!
Cosa ne pensa? Quale dovrei scegliere? A me la Bergara piace moltissimo, ma sono rimasto altresì colpito dalla precisione della Zastava (anche se arma un poco pesante ed ingombrante) e dal suo fascino old style.
Grazie

da Vincenzo  19/11/2020 14.29

Re: BALISTICA: il calibro 303 British

Di esperienza devi averne MOLTA di più della mia...
Perché io invece ho fatto il contrario di te..
Proprio per esperienza!
Ho MOLTISSIME CARABINE (più di 50) Mauser Steyr Weatherby BLASER, Remington etc etc
Eppure ORA caccio con una BERGARA GREEN HUNTER in 308..
Solo in pochi mesi ho fatto più di 30 capi tra cinghiali caprioli e daini..
DI NOTTE E DI GIORNO con distanze di tiro da 100 a 300 mt...
E...tieniti forte....Non ho accusato NESSUNISSIMO PROBLEMA..
Ora, obiettivamente, anche grazie alla tua grande esperienza mi, anzi CI, dovresti far sapere che differenza c'è tra una 308 (che ovviamente deve sparare bene, la mia Bergara in fatto di precisione le surclassa tutte!) da 800 euro ed una da 3000, a parte il prezzo e il nome ovvio...
Aspettiamo
grazie
MARCO BENECCHI Cacciatore!

da Marco BENECCHI x esperienza insegna  19/11/2020 6.52

Re: BALISTICA: il calibro 303 British

Una bella 308 w ma non da 850 euro... pagatela 2500 e non ve ne pentirete per il resto della vostra vita ! ve lo dice uno scemo che ha commesso l'errore di credere che una carabina da 800 euro possa fare lo stesso servizio sul terreno di caccia come una da 3000 !!!!!! non commettete questo errore!

da L'esperienza insegna  18/11/2020 13.39

Re: BALISTICA: il calibro 303 British

Caro Filippo,
La Balistica terminale NON è una scienza esatta...
Su questo non ci piove!
Ognuno di noi potrebbe raccontare decine e decine di episodi inspiegabili sia nel bene sia nel male..
Io cerco SEMPRE di parlare in prima persona di descrivere e discutere quello che ho provato in diretta e sulla mia pelle...
Cosa posso dirti del tiro portentoso col 20?
Proprio pochi giorni fa ho visto un grosso cinghiale incassarne ben 5 di colpi a palla calibro 20 prima di morire e nel frattempo ha ucciso anche un cane!
C'è da dire che un cervo coda bianca non ha la cotenna di un grosso solengo,
Ma ho VISTO CON I MIEI OCCHI che le palle tirate con i fucili a canna liscia perdono velocità (e quindi anche energia!) molto facilmente oltre i 50 - 70 mt!......
Non è mia abitudine "Non credere!",
Mi piacerebbe analizzare tutto il contesto, ma non sempre si può fare..
Ovvio,
Noi godiamoci le nostre semiauto in 308 e in 30.06 che in battuta, CREDIMI, non fanno prigionieri
Un saluto
M

da Marco B x Filippo 60  17/11/2020 6.30

Re: BALISTICA: il calibro 303 British

Guarda che con un buono slug non italiani di sicuro.. fai dei tiri spaventosi anche a 100 mt ,ma non comprare slug italiani che te la piglia ndaugulu.

da Pupu'ì  16/11/2020 14.36

Re: BALISTICA: il calibro 303 British

Buongiorno, Marco. Prendo spunto da alcuni calibri citati di grosso calibro per chiedere un tuo parere. In un articolo di un cacciatore USA ho letto che in Illinois per la caccia al cervo coda bianca sono VIETATI i fucili a canna rigata causa sia la lunga gittata degli stessi sia la piattezza del paese. Sono permessi, dice lui, solo armi liscie slug magari con canna rigata. Lui usa un Savage 20 con cui dice di aver abbattuto un capo (i coda bianca arrivano a 130 kgpeso, cito wikipedia) a 150 mt. Cosa ne pensi? Senti anche tu un vago odore di fake news?

da Filippo60  16/11/2020 13.28

Re: BALISTICA: il calibro 303 British

Io ho un 45-70 carabina marlin 1895 sbl mi ci trovo benissimo

da Emanuele  10/11/2020 6.49

Re: BALISTICA: il calibro 303 British

Ottimo calibro,
Anche se... un pochino anacronistico...
E' ovvio che il giudizio devo dartelo come calibro...storico perché OGGI, chi acquisterebbe una carabina in questa cameratura?
Di Teddy Rooslwelt ce ne sono più pochi che vanno in Africa con una carabina a leva (anche se per le specie più pericolose usava un express Holland e Holland 500!)
Un 450 e un 444 Marlin o meglio un 45/70 sono più adatti e meno specialistici sulla media - grossa selvaggina a pelle tenera...

M

da Marco B x Emanuele  09/11/2020 19.03

405 Winchester q

Ciao Marco cosa ne pensi del poco usato 405 Winchester? Ovviamente su caricamenti moderni di ricarica casalinga?

da Emanuele  09/11/2020 11.43
Cerca nel Blog
Lista dei Blog