Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Archivio
<ottobre 2020>
lunmarmergiovensabdom
2829301234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930311
2345678
Mensile
ottobre 2020
settembre 2020
agosto 2020
luglio 2020
giugno 2020
maggio 2020
aprile 2020
marzo 2020
febbraio 2020
gennaio 2020
dicembre 2019
novembre 2019
ottobre 2019
settembre 2019
agosto 2019
luglio 2019
giugno 2019
maggio 2019
aprile 2019
marzo 2019
febbraio 2019
gennaio 2019
dicembre 2018
novembre 2018
ottobre 2018
settembre 2018
agosto 2018
luglio 2018
giugno 2018
maggio 2018
aprile 2018
marzo 2018
febbraio 2018
gennaio 2018
dicembre 2017
novembre 2017
ottobre 2017
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
aprile 2011
marzo 2011
febbraio 2011
gennaio 2011
dicembre 2010
novembre 2010
ottobre 2010
settembre 2010
agosto 2010
luglio 2010
giugno 2010
maggio 2010
aprile 2010
marzo 2010
febbraio 2010
gennaio 2010
dicembre 2009
novembre 2009
ottobre 2009
settembre 2009
agosto 2009
luglio 2009
giugno 2009
maggio 2009
aprile 2009
marzo 2009
febbraio 2009
gennaio 2009
dicembre 2008
novembre 2008
ottobre 2008
settembre 2008
agosto 2008
maggio 2008
aprile 2008
marzo 2008
febbraio 2008
gennaio 2008
dicembre 2007
novembre 2007
ottobre 2007
settembre 2007
agosto 2007
luglio 2007
giugno 2007
ott6


06/10/2020 10.36 

 
 
Verso la fine della seconda guerra mondiale l’esercito tedesco, decimato, stremato e incalzato dall’Armata Rossa, si ritirava dal fronte orientale. Tutti conoscevano l’esito del conflitto e nessuno si faceva illusioni su chi fosse il vincitore o su chi avrebbe preso Berlino ma, nonostante tutto, alcuni reparti scelti della Wehrmacht si sacrificarono fino all’ultimo uomo infliggendo pesantissime perdite all’esercito sovietico. Durante una di quelle terribili battaglie, un soldato russo di nome Mikhail T. Kalashnikov rimase molto impressionato dalle armi dei suoi nemici e di una in particolare: il nuovissimo e quasi sconosciuto fucile automatico Sturm Gehwer 44 calibro 8 x 33 Kurz (evoluzione dell’MKB 42). Quel primo vero esempio di “fucile d’assalto”, distribuito in tutta fretta e in pochissimi lotti, fu il modello dal quale il giovane Mikhail partì per la progettazione della nuova arma individuale destinata ad armare l’esercito sovietico. Nacque così il famosissimo Automat Kalashnikov modello 47, il fucile d’assalto più famoso, affidabile e diffuso al mondo. L’innovazione del geniale progettista russo non riguardò soltanto il nuovo sistema d’arma, che comprende numerose varianti, ma anche il suo munizionamento. Da uno studio condotto da diversi tecnici venne creata una cartuccia futuristica per quei tempi, perché aveva le prestazioni di un calibro da fucile abbinate al rinculo e alle dimensioni di una munizione da pistola. Quel calibro era il 7,62 x 39 M 43.
 


Ufficialmente il 7,62 x 39 Russian, come oggi viene normalmente chiamato, nasce nel 1943 ma la progettazione vera e propria risale ad alcuni anni addietro. Ad oggi si contano oltre 70 milioni di armi prodotte in questo calibro, come: AK 47, AKM, AMD, RPK, SKS, VZ 58, Type 56, Type 63 ecc. In configurazione standard militare l’M 43 spinge una palla da 123 grani ad oltre 725 metri al secondo, erogando un’energia cinetica di 214 chilogrammetri, grazie all’uso di propellenti particolari creati specificatamente per questa cartuccia. Il suo piccolo bossolo, lungo soltanto trentanove millimetri, ha una capacità limitata e quindi è necessario che utilizzi propellenti molto vivaci per poter imprimere alla palla una velocità sufficiente. Studi di laboratorio confermano che l’effetto invalidante di una munizione e relativo shock idrodinamico è maggiore se il proiettile supera i 700 metri al secondo.
 
 
 
 
La diffusione del 7,62 x 39 è tale che non esiste angolo di mondo dove non sia reperibile nelle configurazioni più disparate: le comunissime FMJ, le perforanti, le incendiarie, i traccianti, ecc. Per quanto riguarda il suo impiego pratico in ambito civile, oltre che ad essere una valida munizione per la difesa abitativa (chi risiede in una zona isolata, magari in aperta campagna, si sentirebbe molto più tranquillo con una bella SKS a dieci colpi a portata di mano!), se caricata con buone palle espansive può ritenersi sufficiente anche per la caccia ai selvatici di media mole come caprioli, daini e cinghiali. Ho letto di alcuni cacciatori che, recatisi a caccia in Kairghisia, Kazhakstan, Siberia e Kamchatka, raccontano che le loro guide erano tutte armate con delle carabine calibro 7,62 x 39. Non certo il meglio per fermare la carica di un orso di quattrocento chili o di un alce di una tonnellata!

La caccia a palla in Italia conta oggi numerosissimi seguaci, tanti che soltanto una decina di anni fa erano impensabili. Il fascino della carabina ha colpito un po’ tutti, dalle Isole alle Alpi. In molti hanno abbracciato la filosofia dell’arma rigata, riconoscendogli la dovuta superiorità anche nella caccia in battuta. I cacciatori che per insidiare il “Re della Macchia” abbandonano il calibro dodici a favore della carabina sono sempre in aumento.
 
 
Alcuni di questi, sia per motivi economici sia per il gusto di possedere un’arma ex ordinanza, la praticano con carabine semiautomatiche di derivazione militare, prevalentemente cinesi, sovietiche o jugoslave, che con delle piccole modifiche  possono diventare delle valide armi da battuta. Ed eccoci arrivati all’eterno, solito, dilemma: ma il calibro 7,62 x 39 Russian è idoneo alla caccia al cinghiale? Non so se sia idoneo per i grossi capi dell’Est Europa che superano i tre quintali, ma io ho un’esperienza diretta di grossi solenghi ”italici” (un centinaio di chili) abbattuti senza problemi. E’ chiaro che c’è molta differenza tra il colpire un animale fermo e tranquillo ed uno in corsa che ha in circolazione fiumi di adrenalina e tutti i sensi tesi al massimo. La letalità di una munizione dipende da molti fattori che possono essere meccanici, tecnologici e balistici, ma anche da che cosa il proiettile colpisce.
 
 
Un cinghiale ben centrato da una espansiva da 123–125 grani di solito fa poca strada. In ambito venatorio il 7,62 x 39 può essere usato esclusivamente per la caccia in battuta o in un’arma da recuperatore, camerato in carabine semi auto di derivazione militare oppure nella Ruger Mini Thirty Ranch Rifle. Anche la Sabatti produce una carabina bolt action in 7,62 x 39, ma sinceramente in armi simili preferisco calibri ben più prestanti. Pur “spacciandosi” per un 7,62 (.308”) le pallottole del nostro “Russian” misurate al micrometro hanno evidenziato un diametro di 7,87 – 7,89 millimetri, pari a circa .311 millesimi di pollice, quindi per chi volesse ricaricarlo, è bene che usi delle palle di calibro adeguato. Quelle da .308 vanno comunque bene, al limite potrebbero essere meno precise perché non impegnano correttamente la rigatura, ma per il resto non creerebbero inconvenienti.

Chi ha intenzione di acquistare o già possiede una carabina calibro 7,62 x 39, può facilmente reperire delle munizioni FMJ (blindate), per lo più militari, di produzione ungherese, slava, cinese o russa a circa cinquanta centesimi di euro cadauna, mentre quelle americane o europee con palle espansive costano quanto una cartuccia calibro 30.06! Munizioni da caccia molto accurate, tutte con proiettili SP da 123-125 grani, sono prodotte da: Remington, Federal, Winchester, PMC, Lapua, Sako e Sellier & Bellot. Altrimenti se ne possono preparare di ottime ricorrendo alla ricarica. Come già accennato, la scelta delle palle dovrebbe limitarsi a quelle di diametro .311”. Oltre alle suddette marche di munizioni, che producono anche componenti sfusi per la ricarica, eccellenti palle le hanno in catalogo: la Hornady, la Speer e la Sierra. Devo ammettere che nel caso della ricarica del 7,62 x 39, una munizione originale sviluppa velocità uguali se non addirittura superiori a quella ricaricate. Questo fenomeno è dovuto alle caratteristiche strutturali della cartuccia. La scarsa capienza del suo bossolo e la leggerezza delle palle che utilizza richiederebbero l’uso di propellenti particolari. Conosco alcuni cacciatori che si preparano delle micidiali cartucce da caccia scaricando con il martelletto inerziale quelle militari per poi sostituirgli soltanto la palla con una di ugual peso ma di tipo Soft Point.
 

Per ricaricare il 7,62 Russian occorrono polveri molto vivaci, a partire da quelle idonee per le cartucce magnum da revolver fino ad arrivare ai propellenti più spinti per carabina. Per il nostro piccolo studio ho scelto i seguenti: Winchester 296 e 748 Tubal 2, Vecatan SP3 e SP 10, Norma N 200, IMR 4227 e IMR 4198, Vihtavuori N 120, Hodgdon BLC –2, H 335 e H 4198. I bossoli nuovi sono venduti dalle stesse case che producono cartucce cariche finite, ma i migliori in assoluto sono quelli della Lapua, per l’eccellente resistenza alle ripetute ricariche che hanno dimostrato, grazie alla ricottura (annealing in inglese) del collo e della spalla del bossolo (sono infatti bicolori). Gli inneschi da usare sono i comunissimi Large Rifle standard. Alcuni testi riportano dati di ricarica per il 7,62 x 39 anche per palle inusuali per il calibro, come quelle da 130 o addirittura da 150 grani. Io mi limiterò a consigliare alcune dosi testate esclusivamente per le palle da 123–125 grani, il migliore compromesso per un corretto uso venatorio. Sono da considerarsi come MASSIME e da raggiungere per gradi.
 



Con qualsiasi tipo di palla caricata, è tassativo mantenere la lunghezza massima della munizione finita (OAL) entro i 56 millimetri, per non causare inconvenienti nei caricatori delle carabine semiautomatiche. Le SKS e i Type 56 si caricano con apposite piastrine progettate per munizioni FMJ militari, usando palle Soft Point si deve fare molta attenzione a non danneggiare le punte di piombo esposto.



Marco Benecchi
 




Tags:

Tuo Nome:
Titolo:
Commento:


172.69.63.209
Aggiungi un commento  Annulla 

8 commenti finora...

Re: Munizioni. Il calibro 7,62 X 39 Russian

Vai a caccia in Africa a bufali

da Hunter93  22/10/2020 15.50

Re: Munizioni. Il calibro 7,62 X 39 Russian

il 7x64 oppure quando si pensa di incappare in super pesi 9,3x62

da giancarlo  20/10/2020 14.48

Re: Munizioni. Il calibro 7,62 X 39 Russian

X curiosità che calibri usi in battuta???

da Hunter93 x giancarlo  20/10/2020 13.54

Re: Munizioni. Il calibro 7,62 X 39 Russian

Che tristezza
Torna a fare il salumiere

da Due etti di coppa tagliata fine  20/10/2020 7.27

Re: Munizioni. Il calibro 7,62 X 39 Russian

""""""odio tutti i cal. militaracci e non mi sognerei mai di usarli a caccia""""""

E il 7x57 Mauser (con e senza "R"), il .303 British e il 6,5x55 che fanno ancora stragi di alci in Canada e Scandinavia?

I vecchi "militaracci" sono stati progettati e provati per fermare i cavalli.
I nuovi "militaracci": .30 US Carbine, 7,62x39 e .223 Rem nati solo per fermare "homo sapiens" vanno bene al massimo su capriolo e cinghialetti.
Le eccezioni sono sempre possibili: una tigre è stata uccisa con un .22 LR che l'ha colpita all'occhio ed è arrivata al cervello. Forse la tigre si è sbellicata dal ridere ed è morta per emorragia cerebrale.
IBAL

da bansberia x marco b. e giancarlo  12/10/2020 8.13

Re: Munizioni. Il calibro 7,62 X 39 Russian

""""""odio tutti i cal. militaracci e non mi sognerei mai di usarli a caccia""""""

Quindi non useresti neanche il 308 e il 30.06?
Per non parlare dell'8 x 57 e del 223...??


Saluti
Marco

da Marco B x Gincarlo  10/10/2020 16.00

Re: Munizioni. Il calibro 7,62 X 39 Russian

odio tutti i cal. militaracci e non mi sognerei mai di usarli a caccia . salute a tutti

da giancarlo  07/10/2020 12.49

Re: Munizioni. Il calibro 7,62 X 39 Russian

Ottimo calibro con rinculo nullo, divertente in poligono con munizioni poco costose.
Non amo e non pratico la caccia agli ungulati e quindi non posso esprimere giudizi sulla capacità venatoria di questo calibro.

da Rino  06/10/2020 19.46
Cerca nel Blog
Lista dei Blog