Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Archivio
<settembre 2020>
lunmarmergiovensabdom
31123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
2829301234
567891011
Mensile
settembre 2020
agosto 2020
luglio 2020
giugno 2020
maggio 2020
aprile 2020
marzo 2020
febbraio 2020
gennaio 2020
dicembre 2019
novembre 2019
ottobre 2019
settembre 2019
agosto 2019
luglio 2019
giugno 2019
maggio 2019
aprile 2019
marzo 2019
febbraio 2019
gennaio 2019
dicembre 2018
novembre 2018
ottobre 2018
settembre 2018
agosto 2018
luglio 2018
giugno 2018
maggio 2018
aprile 2018
marzo 2018
febbraio 2018
gennaio 2018
dicembre 2017
novembre 2017
ottobre 2017
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
aprile 2011
marzo 2011
febbraio 2011
gennaio 2011
dicembre 2010
novembre 2010
ottobre 2010
settembre 2010
agosto 2010
luglio 2010
giugno 2010
maggio 2010
aprile 2010
marzo 2010
febbraio 2010
gennaio 2010
dicembre 2009
novembre 2009
ottobre 2009
settembre 2009
agosto 2009
luglio 2009
giugno 2009
maggio 2009
aprile 2009
marzo 2009
febbraio 2009
gennaio 2009
dicembre 2008
novembre 2008
ottobre 2008
settembre 2008
agosto 2008
maggio 2008
aprile 2008
marzo 2008
febbraio 2008
gennaio 2008
dicembre 2007
novembre 2007
ottobre 2007
settembre 2007
agosto 2007
luglio 2007
giugno 2007
set1


01/09/2020 10.16 

 
 
Chi non ha mai desiderato di possedere uno splendido Express. Uno di quelli pesanti e “cattivi”, con le canne grosse ed il vivo di volata grintoso con cuneo di regolazione sporgente. A me piacerebbe che avesse due o tre fogliette abbattibili tarate da 25 a 75 metri, le batterie Holland & Holland con i piani di basculla extra lunghi ed i rinforzi a pipa, gli estrattori automatici ed il primo grilletto snodato; vorrei anche la coccia portamirini nel calcio e una leggera incisione con soggetti africani (bufalo ed elefante) sarebbe quasi d’obbligo. Poi dovrebbe sparare bene, con le stesse munizioni con cui l’abile artigiano che l’ha costruito l’ha anche tarato; mi accontenterei di una rosata, prima e seconda canna, di 6–7 cm a cinquanta metri.
 

Con qualche piccolo sacrificio sono riuscito ad ospitare nella mia rastrelliera ben sette express: due a canne sovrapposte e cinque a canne giustapposte, di quali alcuni sono stati costruiti per me completamente su misura, come quelli di una volta che uscivano dai laboratori dei grandi armaioli Inglesi e belgi a cavallo tra il diciannovesimo ed il ventesimo secolo. A quei tempi la massima espressione di velocità e di potenza erano i nuovissimi treni denominati Express Train, perché sulla terra non c’era niente di più grande ed impressionante. Quei prodigi della tecnologia quando erano lanciati in corsa incutevano un timore reverenziale e allo stesso tempo l’esserci seduto sopra gratificava e rassicurava. Ed erano proprio potenza, velocità e sicurezza le caratteristiche che doveva avere un’arma destinata ai colonizzatori ed ai cacciatori che si recavano nei continenti africano ed indiano. Ecco da dove deriva l’appellativo “Express”, usato nel 1856 per la prima volta dall’armaiolo Purdey per indicare quelle pesanti doppiette rigate che erano in grado di sparare quasi simultaneamente due cartucce potentissime spesso necessarie per fermare la carica di un pachiderma infuriato. All’epoca i maestri indiscussi dell’industria armigera mondiale erano gli inglesi. Essi avevano ottime capacità tecniche, una grande esperienza ed una tale pratica acquisita nella armi lisce che quando decisero di cimentarsi nella costruzione dei “Double Rifle” non ebbero nessuna difficoltà. Furono gli anni degli Holland & Holland, dei Westley Richards, dei Purdey, dei Rigby, dei Lang, dei Grant, dei Jeffery, degli Evans, dei Manton, degli Osborne, degli Army & Navy, e di tanti altri meno noti ma non meno bravi. Tutti questi abilissimi costruttori, più artigiani che industriali, costruirono della armi tecnicamente perfette, superbamente finite ma anche spaventosamente costose. Erano destinate principalmente a quei pochi facoltosi cacciatori sportivi che potevano permetterseli come i nobili europei, i Lords, i Governatori, i Marajà ( che quando organizzavano le grandi battute alle tigri davano a tutti gli invitati un fucile Express), e ad alcuni famosi “White Hunter” che avevano fatto fortuna organizzando dispendiosi Safari. Ci fu anche chi vide in quei preziosi oggetti una forma d’investimento che si sarebbe rivalutata nel tempo, ed è grazie a loro che ancora oggi si possono trovare degli splendidi esemplari, quasi centenari, in ottimo stato di conservazione. Le batterie di elezione sono sempre state quelle tipo Holland & Holland montate su cartelle lunghe con molle avanti oppure indietro, ma anche le Anson & Deeley non sfigurano su certi modelli meno costosi.
 
 

Gli Express, visto il compito gravoso che veniva loro assegnato, erano tutti camerati in grossi calibri che partivano dal .400 fino ad arrivare al mostruoso 600 Nitro Express. Tutte queste munizioni erano di progettazione britannica e venivano caricate con polvere Cordite soltanto da pochissimi “custom reloaders” privati e dalla famosa Kynoch IMI (Imperial Metal Industries) di Birmingham, nelle inconfondibili confezioni rosse e giallo zafferano, ma purtroppo, specialmente lontano dalla madre patria, non sempre erano facilmente reperibili. Gli armaioli più famosi e quotati, per ovviare a questa carenza e per aiutare i ricaricatori, usavano stampigliare sotto l’arma il peso di palla e la dose in grani di Cordite con cui erano state tarate le due poderose canne. Munizioni come il 450 3”-1/4, il 450/400, il 475 N° 2, il 500/465, il 470, il 500, il 577 e il 600 Nitro Express si sono fatte onore nelle jungle indiane e nelle savane africane, anche se avevano dei piccoli difetti. Risentivamo parecchio dei climi torridi come di quelli particolarmente umidi, a volte “inchiodavano” le chiusure, generavano un rinculo non alla portata di tutti e oltre una certa distanza erano carenti in penetrazione.
 

Dopo gli anni cinquanta, quando sia il Continente Africano che quello indiano erano stati scorrazzati per lungo e per largo da orde di avventurieri, l’Express, pur rimanendo sinonimo e “status simbol” della caccia ai Big Five, cominciò a risentire parecchio dell’avvento di munizioni più moderne e prestanti come il 458 Winchester M., il 378 e il 460 Weath. Magnum. Il colpo di grazia alla diffusione dei Double Rifle glielo diede poi la Kynoch, interrompendo inspiegabilmente la sua produzione. Seguì un periodo infelice per tutti i possessori di Express; parecchie splendide armi rimasero inutilizzabili per mancanza di munizioni e chi riuscì a reperirne qualche scatola (in confezioni da dieci!) la pagò a caro prezzo. Chi in seguito volle farsi costruire un Express dovette ripiegare sul 458 Winchester Magnum per non incappare in quei problemi, ma ormai di fucili camerati nei vecchi calibri inglesi ce n’erano talmente tanti in circolazione che alcune ditte specializzate come la B.E.L.L. (Brass,Extrusion, Laboratories, Ltd), la A-Square, la Woodleigh, la Federal e la WR si addossarono l’onere di produrre i componenti per la ricarica e fortunatamente anche alcune cartucce finite. Dulcis in fondo, abbastanza recentemente anche la vecchia Casa di Birmingham ha riaperto i battenti per la gioia di molti nostalgici appassionati.
 
 
 

Se contro le specie pericolose l’Express ha dimostrato di essere insostituibile, anche nelle foreste del centroeuropea, sull’Appennino e nella macchia mediterranea si è fatto e si sta facendo ben valere. Esistono delle tecniche di caccia dove il poter disporre di un’arma in grosso calibro in grado di sparare due colpi in rapida successione può tornare molto utile. Se poi è anche ben bilanciata, corta, maneggevole e dotata di mire adeguate forse è proprio indispensabile per la caccia in battuta al cinghiale, all’alce, all’orso ed anche per le monterie spagnole. Anche per la caccia alla cerca al Re della Macchia, al signore delle foreste scandinave ed al cervo al bramito può essere un’ottima scelta. Un Express bigrillo (ma anche monogrillo inerziale o meccanico va molto bene) camerato in un energico calibro Rimmed, dotato di collarino, come l’8 x 57 JRS, il 9,3 x 74 R il 444 Marlin e il 45-70 Government è veramente un ottimo compagno di caccia. C’è chi li gradisce camerati anche in calibri Rimmles da carabina come il 375 H.&H. Magnum, il 308 Winchester ed il 30.06 S (ne ho visto e provato anche uno in calibro 8 x 68 Shuler!!) ma sinceramente sono scelte che non condivido.
 

Oggigiorno oltre ai mitici Express giustapposti se ne producono un’infinità di modelli a canne sovrapposte. Indubbiamente sono fucili dotati di meno fascino ma è anche vero che sono più facili da costruire e oserei dire anche più robusti e più precisi. Inoltre, proprio per sfruttare appieno la loro discreta precisione intrinseca (almeno fino a cento metri a secondo del calibro utilizzato), è sempre più di moda accessoriarli con delle ottiche da battuta variabili, grandangolari e a bassi ingrandimenti.
 

Se cento anni fa i migliori Express si costruivano soltanto in Inghilterra ed in Belgio, oggi modelli meravigliosi li producono veramente tutti: i tedeschi (Merkel, Blaser, Sauer, Heym, Krieghoff), gli austriaci (Franzoj, Sodia e tutta la produzione artigianale di Ferlach), i francesi (Chapuis, Verney & Carron, Mathelon) i finlandesi (Husqvarna, Tikka), i cecoslovacchi (CZ-Brno), i russi (Baikal), gli spagnoli (Sarasqueta) e gli americani (Winchester-Browning). Permettetemi di affermare che se i nostri grandissimi e italianissimi maestri di Gardone, Sarezzo, Ponte Zanano, Nuvolera e Lecco quando decidono di costruire dei superbi Express, anche in versione Royal Super Lusso, non sono secondi a nessuno.


Marco Benecchi
 
 
 
 
 


Tags:

Tuo Nome:
Titolo:
Commento:


162.158.78.38
Aggiungi un commento  Annulla 

5 commenti finora...

Re: Il mitico Express

Non so il nome so solo che di derivazione militare e che emana una luce tipo quella della luna

da Emanuele  16/09/2020 21.21

Re: Il mitico Express

E magari mi faresti un gran favore

da Emanuele  16/09/2020 21.19

Re: Il mitico Express

LEd lenser?

da bansberia x marco e emanuele  16/09/2020 10.55

Re: Il mitico Express

SI, esistono ..
Io ne ho provata una a luce VERDE che puoi accenderla su un branco di cinghiali che mangiano senza recargli nessun disturbo,
Ma non ricordo la marca
Dovrei fare qualche ricerca...
M

da Marco B x Emanuele  15/09/2020 17.42

Re: Torcia

Ciao Marco ti volevo chiedere una cosa che non c’entra nulla co l express sai se esiste una torcia invisibili a selvatici

da Emanuele  12/09/2020 21.12
Cerca nel Blog
Lista dei Blog