Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Archivio
<agosto 2020>
lunmarmergiovensabdom
272829303112
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31123456
Mensile
luglio 2020
giugno 2020
maggio 2020
aprile 2020
marzo 2020
febbraio 2020
gennaio 2020
dicembre 2019
novembre 2019
ottobre 2019
settembre 2019
agosto 2019
luglio 2019
giugno 2019
maggio 2019
aprile 2019
marzo 2019
febbraio 2019
gennaio 2019
dicembre 2018
novembre 2018
ottobre 2018
settembre 2018
agosto 2018
luglio 2018
giugno 2018
maggio 2018
aprile 2018
marzo 2018
febbraio 2018
gennaio 2018
dicembre 2017
novembre 2017
ottobre 2017
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
aprile 2011
marzo 2011
febbraio 2011
gennaio 2011
dicembre 2010
novembre 2010
ottobre 2010
settembre 2010
agosto 2010
luglio 2010
giugno 2010
maggio 2010
aprile 2010
marzo 2010
febbraio 2010
gennaio 2010
dicembre 2009
novembre 2009
ottobre 2009
settembre 2009
agosto 2009
luglio 2009
giugno 2009
maggio 2009
aprile 2009
marzo 2009
febbraio 2009
gennaio 2009
dicembre 2008
novembre 2008
ottobre 2008
settembre 2008
agosto 2008
maggio 2008
aprile 2008
marzo 2008
febbraio 2008
gennaio 2008
dicembre 2007
novembre 2007
ottobre 2007
settembre 2007
agosto 2007
luglio 2007
giugno 2007
lug27


27/07/2020 15.20 

 
 
Molti dei vecchi cacciatori che ho conosciuto nel corso della mia lunghissima carriera venatoria, sono stati tutti concordi nel ritenere la classica doppietta il vero, l’unico fucile da caccia. Due canne, due grilletti, due strozzature. Punto! Nient’altro. In questo modo il cacciatore poteva (e può tutt’ora!) decidere cosa sparare e soprattutto a “cosa” sparare, scegliendo in un attimo il tipo di munizione e la canna da utilizzare. E’ ovvio che il discorso si riferisce ai fucili a canna liscia, ma i tedeschi, che in fatto di caccia pratica e di tradizioni venatorie hanno fatto scuola al mondo intero per secoli, hanno voluto abbinare il principio della polivalenza offerta da due canne autonome anche alle armi destinate alla caccia grossa europea.

Oggigiorno, col prezzo contenuto di molte carabine e di alcune ottiche, sarebbe possibile acquistare più armi e poi adattarle di volta in volta per caccia a palla ad ogni singolo selvatico, dal piccolo gallo forcello in parata al grande alce al richiamo, ma le vecchie tradizioni sono difficili da dimenticare, quasi da..tradire. Così, perché non voler continuare a far tutto con una singola arma? Ecco perché è nato il Bergstutzen a doppie canne rigate sovrapposte camerate in calibri diversi, con il calibro maggiore posto nella canna inferiore, quella più vicina alla chiusura principale sul perno basculante, in modo da gravare meno come sollecitazioni sull’'arma.
 
 

Di Bergstutzen ne sono stati prodotti pochissimi e in giro per i boschi se ne vedono ancora meno, ma chi ha la fortuna di possederne uno, credetemi, se lo tiene stretto e ben caro. I due calibri d’elezione sono sempre stati il 5,6 x 50 R Magnum e il 9,3 x 75 R, ma dato che abbiamo definito il Berg un’arma tuttofare, ne esistono (e se ne potrebbero ordinare!) in una moltitudine di combinazioni di calibri. Infatti, a chi piace alternare la caccia ai grandi selvatici in ambiente folto con tiri a corta distanza con quella a caprioli, camosci e stambecchi in alta montagna, potrebbe prendere in considerazione anche un buon 6,5 - 7 mm.

Un Bergstutzen non è né un express né un combinato, perché la sua costruzione è molto più complicata e raffinata, specialmente per quanto riguarda la saldatura dei tubi delle canne e la loro convergenza. Con due canne rigate in calibri differenti, che magari hanno anche delle enormi differenze pressorie, è praticamente inutile studiare a tavolino la convergenza delle canne e/o usare delle dime pre-costruite. Le canne di un Bergstutzen sono a tutti gli effetti due armi distinte, ma che per praticità utilizzano la stessa piattaforma di base e soprattutto gli stessi organi di mira. E qui iniziano i problemi! Montare un’ottica su quest’arma è pressoché d’obbligo ed è anche abbastanza facile, sia con i vecchi attacchi ad incastro, i cosiddetti a “piede di porco” saldati, sia con altri modelli, sempre amovibili, ma di concezione più moderna come i Contessa, i MAK i Ragnagel etc, ma poi come dobbiamo tararla? Con quale canna?
 
 

Intendiamoci bene, abbiamo tutti una grandissima stima degli artigiani tedeschi ed austriaci, in particolare di quelli che operano nella splendida cittadina di Ferlach, ma pretendere di saldare due canne che a 100 mt sparino entrambe in un diametro di 2 cm mi sembra davvero pretendere troppo. Esistono i Bergstutzen modelli BS 95 e 97 della Blaser che, avendo una delle due canne completamente regolabile, si potrebbero davvero collimare entrambe al millimetro, ma dobbiamo considerare anche i modelli “classici” e vedere come erano costruiti. Una volta scelta l’ottica, possibilmente di buona potenza e variabile, di solito si procedeva tarando accuratamente la canna prediletta, quella che il possessore dell’arma aveva scelto di utilizzare maggiormente, poi si verificava dove andava a sparare anche l’altra. Se il lavoro di “pre montaggio” era stato corretto, anche il colpo della seconda canna doveva impattare in “zona” ed essere ritenuto persino sufficiente. Altri invece preferivano la“Point Blank Range”, la cosiddetta taratura media, non proprio precisissima per nessuna delle due canne, ma accettabile a seconda delle distanze di tiro e della mole del selvatico cacciato. Per spiegarmi meglio: in un Berg in calibro 7 x 65 R - 9,3 x 74 R poteva capitare che a 100 mt di distanza la canna 7 mm facesse centro perfetto mentre quella in 9,3 colpisse invece più in basso di 10 - 12 centimetri. In quel caso si poteva correggere la taratura della canna 7 mm facendola collimare 5–6 cm più in alto del punto mirato, in modo che quella in 9,3 impattasse più o meno gli stessi centimetri ma in basso.
 
 

E’ sottinteso che durante la caccia il cacciatore doveva tener bene in mente le dovute correzioni che si saranno fare. Nel caso di un uso specifico, diciamo “stagionale” il problema non sussisteva, perché si tarava il 5,6 x 50 R perfettamente per forcello e cedrone e poi qualche mese dopo si ritarava accuratamente l’ottica sulla canna, magari in calibro 8 x 57 JRS, per cacciare cervi e cinghiali.

Detto ciò, mi sembra evidente che i Bergstutzen è un’arma di straordinario prestigio, ma adatta ad una ristretta schiera di cacciatori particolarmente legati alle tradizioni mitteleuropee. Nella costruzione di un Bergstutzen non si ammettono compromessi, sia nella scelta dei materiali, sia nei procedimenti costruttivi come trattamenti termici, saldatura e convergenza delle canne; il tutto deve essere molto accurato.Le canne sono spesso ricavate da preziose barre d’acciaio Boheler Rasant, Antinit, Delcuor, Lothar Walther ed è estremamente raro, se non impossibile, che i legni non siano ricavati da tavole di pregiata noce europea.
 
 

Come già detto il Berg è un fucile decisamente affascinante, ben fatto, superbamente rifinito ed anche dall’elevato valore collezionistico, ma che si presta molto bene per tutte le forme di caccia, da quella minuta tipica dei tetraonidi a quella a grandi selvatici come l’alce, l’orso, il cinghiale e il cervo al bramito. Purtroppo non è certo il massimo per cacciare i camosci in alta montagna, dove spesso può capitare di tirare anche a lunghissima distanza, ma entro i duecento metri un buon Bergstutzen sa sicuramente farsi ben volere.

Costruire un basculante rigato sovrapposto non è facile, specialmente se la bascula è stata progettata ex novo e non partendo da manufatti destinati ad altri fucili, magari lisci. Le bascule di molti Berstutzen sono ricavate interamente partendo da un massello pieno di acciaio trilegato opportunamente lavorato e successivamente trattato termicamente. Spesso sono presenti le classiche “Pipe di Rinforzo” laterali, tanto belle quanto comuni anche negli express e nei combinati di un certo lignaggio. E visto che anche l’occhio vuole la sua parte, la bascula è sempre impreziosita da un semplice ornato floreale oppure da vere e proprie incisioni con soggetti animali e/o scene di caccia. Il tipo di chiusura più utilizzata è sempre stata la collaudata Box lock tipo Kestner a doppio tassello, che lavora dentro degli inserti ciechi. Nella parte superiore della bascula, due orecchie di generose dimensioni si protendono all’indietro per accogliere i due chiavistelli trasversali di chiusura, comandati dalla chiavetta d’apertura. Il Bergstutzen ha una bella linea, molto filante, come tutte le armi simili costruite Oltralpe secondo i dettami dell’alta scuola teutonica, dove le armi rientrano in sole due categorie: prettamente da caccia oppure per un uso doppio: venatorio-collezionistico, con incisioni magari a rilievo con riporti in oro e materiali rari e preziosi. Il Berg è sempre un’arma da caccia, e quindi deve essere bigrillo con lo stecher sul calibro più preciso o, meglio ancora, su entrambi i grilletti. Non ne ho mai visti con gli estrattori automatici, sempre manuali, forse anche per agevolare il recupero dei bossoli sparati. Per mantenere l’arma entro dei limiti di peso accettabili, non potendo risparmiare sulla qualità dei materiali (l’acciaio ha un peso specifico superiore alle leghe leggere!) si è cercato di eliminare il superfluo. Infatti tutto nello Bergstutzen è snello e filante, come si addice ad una superba arma da caccia che mira all’essenziale come: il bilanciamento, la maneggevolezza, il peso e le dimensioni contenute. Purtroppo di armi simili se ne costruiscono molto meno, perché cominciano a scarseggiare sia gli abili artigiani in grado di farle sia i facoltosi appassionati in grado di comperarle. Oggigiorno s’investe molto di più sulle armi per tirare a distanze impossibili, dimenticando che la caccia non è e mai lo sarà una forma di tiro sportivo alle sagome viventi da lunghissima distanza!



Marco Benecchi
 
 
 


Tags:

Tuo Nome:
Titolo:
Commento:


172.69.63.197
Aggiungi un commento  Annulla 

13 commenti finora...

Re: Il BERGSTUTZEN sovrapposto a doppie canne rigate in calibri differenti

Ciao Carlo, io ho acquistato un'ottica come le tue un annetto fa e posso dirti di essere molto soddisfatto ; certo la non da le stesse prestazioni di uno Swarovsky (comparazione fatta in contemporanea)o pari livello ma permette comunque di vedere veramente fino a tardi e la definizione è veramente ottima....come già detto da Marco ritengo che il rapporto qualità prezzo sia più che ottimo

da Iacopo x Carlo48  07/08/2020 18.01

Re: Il BERGSTUTZEN sovrapposto a doppie canne rigate in calibri differenti

Nulla da dire sui tuoi gusti difficili e raffinati. Ben difficili e molto raffinati. Io a tuo confronto x i calibri non sarei andato oltre il 222 r e il 7x65R, o, x darmi un tono se ancora disponibili sul mercato, un 8x65R o 6,5x68R. Ma probabilmente da "prosaico" quale sono sarei scaduto sul 7 RM o 257 wm o peggio sui sempiterni 30-06 o 270 w. Ottica.... che dire....PERFETTA come sempre.

da Filippo  07/08/2020 15.14

Re: Il BERGSTUTZEN sovrapposto a doppie canne rigate in calibri differenti

Dimenticavo..
Su un arma simile non monterei mai un ottica di grandissima potenza, credo che un 2.5 - 10 x 50 con reticolo illuminato sia l'ideale....
M

da Marco B x Filippo  07/08/2020 5.46

Re: Il BERGSTUTZEN sovrapposto a doppie canne rigate in calibri differenti

NO!
Purtroppo NON possiedo un Berg...
Anche perché, avendo i gusti."Difficili e raffinati",
A me piacciono quelli della vecchia scuola di Ferlach quindi abbastanza...Carucci!
Che calibri consiglierei?
Per cacciare in ITALIA credo il 222 Rem o meglio il 5,6 x 50 R Magnum e il 30 R Blaser..
Con le due canne potresti davvero fare di tutto..
Dal forcello al cervo
Mentre per la caccia in EUROPA potrei mantenere il piccolo calibro ma salirei fino al 9.3 x 74 R per il calibro maggiore,
Anche se un buon 30 R o un 8 x 75 R sono comunque in grado di abbattere pulitamente anche orsi ed alci!

Buona giornata
Marco

da Marco B x Filippo  07/08/2020 5.44

Re: Il BERGSTUTZEN sovrapposto a doppie canne rigate in calibri differenti

Buongiorno Marco. Tu possiedi un bergstutzen? Quali caratteristiche ha (brand, calibri, palle, ottica si/no, ecc)? Eventualmente x il panorama italiano e per le tue usuali prede cosa consiglieresti?

da Filippo  06/08/2020 19.10

Re: Il BERGSTUTZEN sovrapposto a doppie canne rigate in calibri differenti

Come non potevi riconoscere il grandissimo Paolo?...
Certo che è lui...
Solo che eravamo un pochino più giovani!
Un caro abbraccio
Marco

da Marco B x Bansberia  06/08/2020 6.37

Re: Il BERGSTUTZEN sovrapposto a doppie canne rigate in calibri differenti

che arma ............ stupenda!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

da Mirco  05/08/2020 15.54

Re: Il BERGSTUTZEN sovrapposto a doppie canne rigate in calibri differenti

ciao bansberia hai ragione quoto in pieno quanto da te scritto. un saluto e un grazie a maco
sempre disponibile salute a tutti

da carlo48x bansberia  05/08/2020 12.38

Re: Il BERGSTUTZEN sovrapposto a doppie canne rigate in calibri differenti

Ciao Marco,
E' un'impressione o quello con te nella foto è un comune amico?

Continua a scrivere e fregatene dei villanzoni.

IBAL

da bansberia x marco  04/08/2020 7.21

Re: Il BERGSTUTZEN sovrapposto a doppie canne rigate in calibri differenti

grazie MARCO. li ho presi diciamo x sfizio. se ti ricordi da profano avevo chiesto lumi anche sui kahles
ne ho 2 sai quando uno come me è ignorante in materia chiede lumi a chi ne sa moltooooooooo
di piu di un inesperto come me . il 2.5..15..x56 lo monto su saphire cosi un kalhes 3..12..56 1*p.foc.
tareto con 170g il kite 150g ciao e salute a tutti

da carlo48  03/08/2020 12.45

Re: Il BERGSTUTZEN sovrapposto a doppie canne rigate in calibri differenti

Caro Carlo,
SECONDO ME (perché occorre SEMPRE specificare bene!)
Hai fatto la scelta migliore che tu potessi fare...

Chiamatemi come vi pare..
Cacciatore, "esperto" influencer, critico, pubblicista etc,
Ma se IO ti dico che un prodotto è VALIDO puoi metterci la mano sul fuoco..
Oggi SECONDO me il KITE 2,5 - 15 x 56 è farse il miglior cannocchiale DA CACCIA con il miglior rapporto qualità prezzo...
Provato e straprovato SUL CAMPO!

Fattelo montare da un armaiolo COMPETENTE, taralo bene e poi mi saprai dire..
Vai tranquillo..
Buona
Marco

da Marco B x carlo  03/08/2020 8.33

Re: Il BERGSTUTZEN sovrapposto a doppie canne rigate in calibri differenti

al punto in cui siamo arrivati in ITALIA, io sto con Salvini se vogliamo un futuro x i ns figli e nipoti.
scusa se esco dal seminato ho preso 2 ottiche dall'armiere che conosco da piu di 40 anni piu amico
che armiere. le ottiche sono KITE OPTICS 2.5..15X56 stessa marca punto rosso 2 moa
chiedo lumi a TE su dette ottiche che hai gia scritto qualcosa su detta marca.
ringrazio ciao e salute a tutti.

da carlo 48 x marco  02/08/2020 8.31

Re: Il BERGSTUTZEN sovrapposto a doppie canne rigate in calibri differenti

Perdonatemi Amici, ma io non avendo un profilo sui social, devo sfruttare i miei "spazi" per poter esprimere le mie opinioni...
Non lo faccio quasi mai, ma questa mattina mi sento in dovere di dire soltanto poche parole:

IO STO CON MATTEO SALVINI

Al quale va tutta la mia solidarietà..
Buona giornata a TUTTI
Marco

da MARCO BENECCHI X TUTTI GLI AMICI DEL BLOG  31/07/2020 5.56
Cerca nel Blog
Lista dei Blog