Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Archivio
<novembre 2020>
lunmarmergiovensabdom
2627282930311
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30123456
Mensile
novembre 2020
ottobre 2020
settembre 2020
agosto 2020
luglio 2020
giugno 2020
maggio 2020
aprile 2020
marzo 2020
febbraio 2020
gennaio 2020
dicembre 2019
novembre 2019
ottobre 2019
settembre 2019
agosto 2019
luglio 2019
giugno 2019
maggio 2019
aprile 2019
marzo 2019
febbraio 2019
gennaio 2019
dicembre 2018
novembre 2018
ottobre 2018
settembre 2018
agosto 2018
luglio 2018
giugno 2018
maggio 2018
aprile 2018
marzo 2018
febbraio 2018
gennaio 2018
dicembre 2017
novembre 2017
ottobre 2017
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
aprile 2011
marzo 2011
febbraio 2011
gennaio 2011
dicembre 2010
novembre 2010
ottobre 2010
settembre 2010
agosto 2010
luglio 2010
giugno 2010
maggio 2010
aprile 2010
marzo 2010
febbraio 2010
gennaio 2010
dicembre 2009
novembre 2009
ottobre 2009
settembre 2009
agosto 2009
luglio 2009
giugno 2009
maggio 2009
aprile 2009
marzo 2009
febbraio 2009
gennaio 2009
dicembre 2008
novembre 2008
ottobre 2008
settembre 2008
agosto 2008
maggio 2008
aprile 2008
marzo 2008
febbraio 2008
gennaio 2008
dicembre 2007
novembre 2007
ottobre 2007
settembre 2007
agosto 2007
luglio 2007
giugno 2007
dic3


03/12/2019 

/Portals/0/notizie/2018/Imperia_cinghiali.jpg
 
 
Nostalgie di cose vecchie, di cose passate, di tanto tempo fa, di una stagione costretta a cedere il passo ad un’altra forse creduta più bella, più brillante, più gaia, ma che manca di tutto ciò di cui oggi l’uomo ha bisogno: onestà e sincerità.

Mi permetto alcune osservazioni in merito alle recenti discussioni serie (poche) e proposte fantasiose (tante) per un “Parco di Portofino” nazionale e grande. Mi sembra che in molti non ci sia ne onestà ne sincerità.

Perchè questa grande proposta oggi: perché è semplicemente una moda parlare in grande, essere grandi, essere ambientalisti per essere più visibili.

…ma la realtà è ben diversa, e molto spesso, ciò che è sembrato  utile, solo se grande, ha fallito.

Perchè un “parco” grande? Perché si vuole, solo e semplicemente, vietare la caccia in altri 15000 ettari del territorio ligure. Niente più. Infatti nessuno ha spiegato a dovere che l’ UNICO DIVIETO che entra subito in vigore al momento della costituzione di un “Parco Nazionale” è quello del divieto assoluto di caccia.

… e poi si uccidono barbaramente i cinghiali nelle gabbie di cattura, come per anni è stato fatto nell’attuale Parco di Portofino, ma è politicamente meglio non dirlo, ne farlo vedere.

Tutto ciò che oggi viene promesso: ricchezza, turismo nuovo, tutela ambientale, economia green a Km. Zero, ecc. è tutto da elaborarsi, da esaminare, da progettare, da discutere, da approvare, da far entrare in vigore.

Solo e soltanto NO ALLA CACCIA, perché la caccia e i cacciatori sono oggi il maggior male di questa terra, i colpevoli di tutte le nefandezze ambientali; e intanto i veri responsabili del cambiamento negativo ambientale si possono tranquillamente nascondere perché dispensatori e raccoglitori di prebende ed altro.

ENEL ed ENI sono la santità ambientale; Federcaccia, e altre Associazioni Venatorie centrali,organizzazioni sovversive da eliminare.

…e pensare che se oggi siamo ancora in vita lo dobbiamo anche all’uomo cacciatore, che assicurava il mangiare quotidiano.

Ma dove erano gli ambientalisti di oggi quando i cacciatori sono stati “cacciati via” dalla Costa di Leivi ove oggi troneggiano palazzi, ville, casette multicolor, per non parlare della Costa di San Bartolomeo, del Curlo, di Caperana ove esercitavano la loro passione venatoria operai, contadini, impiegati senza aver mai modificato o distrutto nulla, anzi. Per non parlare del Monte Anchetta e della zona di San Lorenzo/Villa Oneto territori oggi antropizzati al massimo.

Si diceva: è il progresso.

Oggi si vuole il Parco Grande per tutelare solo e soltanto (e a favore di pochi) questo ambiente, dove di naturale c’è più poco o nulla;

le zone panoramiche sono tutte abitate, le zone verdi sono rovi e sterpaglie,  e il “contadino della zappa” non esiste più…e nessun parco lo farà rinascere.

Pini, frassini, corbezzoli, castagni malati ovunque e sarà il Parco Grande a curarli?

Parco Grande: tanti Comuni, tanti problemi  … e tante risorse promesse o poche disponibili, da dividere in tante gocce?

Abbiamo già visto quanta ricchezza ha prodotto il Parco dell’Aveto: folle di turisti, agricoltori, artigiani, commercianti ricchissimi, banche locali con tanta liquidità che non sanno più come investirla… o NO?, e la popolazione residente nelle vallate sempre in calo.

Le strade di accesso al Parco dovevano essere modernizzate per far transitare centinaia di pullman turistici che dovevano arrivare da tutta Europa  … oggi buche con asfalto malandato, frane, interruzioni e poi è anche difficile camminare lungo i sentieri per la pericolosissima presenza, di non governati, cani da pastore (molte aggressioni a podisti, ciclisti e escursionisti, tenute ben nascoste però!) Servono pastori, non cani da pastore.

In Liguria storicamente tutto è piccolo: caruggi, case, camere, gabinetti, scale, sentieri perché c’è sempre stato poco spazio, ma il piccolo è stato reso bello e accogliente; la mania del grandioso non è mai stata nel dna del Liguri, ma oggi ne sono rimasti pochi; i nuovi arrivati sanno tutto, comandano, vogliono , esigono e anche il gallo che canta è da eliminare.

Noi pochi rimasti abbiamo perso la voglia di lottare; pensiamo solo a ricordare. Nostalgia di un ambiente passato che non ritornerà più, di un tempo lento, delle carrozze per andare a Portofino, degli idrovolanti nel Golfo, del carbone di legna del “Monte”, della caccia in mare, con i gozzi o a remi, dei parrocchetti (marzaiole), delle sciabiche, della pesca dei bianchetti, degli appostamenti per i colombacci, delle pernici rosse del Monte Telegrafo, delle lepri di Camposasco, della caccia ai tordi nei pressi del bunker delle Grazie.

La terra contava più della casa, coltivare contava più che abitare.

Tutto è cambiato, bisogna penalizzare gli ultimi cacciatori rimasti.

Riflettere sarebbe opportuno, ma oggi non c’è più la politica della riflessione: c’è solo quella dell’apparire per essere semplicemente social.

…e intanto la zappa non lavora più, la falce è scomparsa (anche dai simboli dei partiti), il fucile è quasi sempre chiuso nell’armadio (se non è stato rottamato).

Non resta che il “guardare”, sperando che il sole anche domani sorga e illumini i pochi depositari di onestà  e sincerità, e ustioni (amorevolmente!) tutti gli opportunisti e anticaccia del momento e del futuro.

                                                      


Giuseppe Lanata
(Cacciatore e titolare di Armeria )
 


P.S. ma lo sanno i sostenitori del Parco Grande che, qualora entrasse in vigore,dovranno rinunciare ad almeno 14000 ettari di esistenti  aree protette,dato che in Provincia di Genova (ex)la percentuale di territorio protetto è già superiore a quanto prevede il piano faunistico?

Tags:

Tuo Nome:
Titolo:
Commento:


108.162.219.126
Aggiungi un commento  Annulla 

4 commenti finora...

Re: Parco di Portofino: grande o piccolo, nostalgia o futuro?

Bravo Pino come sempre sei stato chiaro e veritiero, una bella lettera complimenti!

da Marco Raffo  05/01/2020

Re: Parco di Portofino: grande o piccolo, nostalgia o futuro?

Caro Nathan,
Forse non ti è chiaro che se anche il piano faunistico attuale è in scadenza , il nuovo potrà cambiare in ubicazione delle aree protette ma la percentuale di territorio da dedicarvi sarà sempre la stessa per legge.

da Rivas1972  13/12/2019

Re: Parco di Portofino: grande o piccolo, nostalgia o futuro?

Armaiolo, il piano faunistico è quasi scaduto.

da Nathan  08/12/2019

Re: Parco di Portofino: grande o piccolo, nostalgia o futuro?

Tutti o quasi i parchi in Italia sono un fallimento, perchè sono stati istituiti per due ragioni su tutte ed una giustifica l'altra: creare poltronifici e vietare la caccia. I risultati sono evidenti, sperpero di denaro per scopi non ben precisati e comunque con risultati nulli; proliferazione incontrollata di specie problematiche. Inutile cercare di spiegare che non è così che si tutela l'ambiente, come dare caramelle agli asini.

da MarioP  06/12/2019
Cerca nel Blog
Lista dei Blog