Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Archivio
<dicembre 2019>
lunmarmergiovensabdom
2526272829301
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
303112345
Mensile
dicembre 2019
novembre 2019
ottobre 2019
settembre 2019
agosto 2019
luglio 2019
giugno 2019
maggio 2019
aprile 2019
marzo 2019
febbraio 2019
gennaio 2019
dicembre 2018
novembre 2018
ottobre 2018
settembre 2018
agosto 2018
luglio 2018
giugno 2018
maggio 2018
aprile 2018
marzo 2018
febbraio 2018
gennaio 2018
dicembre 2017
novembre 2017
ottobre 2017
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
aprile 2011
marzo 2011
febbraio 2011
gennaio 2011
dicembre 2010
novembre 2010
ottobre 2010
settembre 2010
agosto 2010
luglio 2010
giugno 2010
maggio 2010
aprile 2010
marzo 2010
febbraio 2010
gennaio 2010
dicembre 2009
novembre 2009
ottobre 2009
settembre 2009
agosto 2009
luglio 2009
giugno 2009
maggio 2009
aprile 2009
marzo 2009
febbraio 2009
gennaio 2009
dicembre 2008
novembre 2008
ottobre 2008
settembre 2008
agosto 2008
maggio 2008
aprile 2008
marzo 2008
febbraio 2008
gennaio 2008
dicembre 2007
novembre 2007
ottobre 2007
settembre 2007
agosto 2007
luglio 2007
giugno 2007
nov26


26/11/2019 11.39 

 
 
Quanti di noi non hanno un bel sogno nel cassetto? Io per esempio ne ho più di uno; chissà, forse col tempo qualcuno si avvererà, ma sono sicuro che gli altri rimarranno soltanto delle mere illusioni. Pazienza, così è la vita. Il sogno del mio carissimo amico Paolo (amico con la “A” maiuscola) è sempre stato quello di poter partire per un Safari al grande elefante africano. Paolo ha contratto il “mal d’Africa” da diversi anni, essendo reduce di molti viaggi nel continente nero, dove ha conquistato i trofei di buona parte delle maggiori antilopi, bufalo compreso, ma gli mancava un portatore d’avorio nella sua collezione. Finalmente all’orizzonte gli si aprì un piccolo spiraglio affinché potesse esaudire il suo desiderio. Dopo una serie interminabile di e-mail, fax, telefonate e…bonifici bancari venne scelta la destinazione e la data della partenza: Zimbabwe Tholotho Area, in ottobre. Paolo mi propose di partecipare all’importante Safari, ma purtroppo, a causa d’inderogabili impegni, a malincuore dovetti declinare l’offerta. Mi accollai però l’onere di curare “balisticamente” la spedizione e m’impegnai, in caso di successo, di mettere sulla carta quella che, sicuramente, sarebbe diventata un’indimenticabile avventura.

Paolo, pur essendo un grande appassionato di caccia a palla, per sua scelta non possiede un gran numero di armi. Ha soltanto tre carabine: una Weatherby Vanguard calibro 270 Winchester che usa per le cacce minori, una Browning European calibro 300 Winchester Magnum che adopera per la caccia alle antilopi africane ed infine custodisce con cura una vecchia Winchester modello 70 in calibro 375 Holland & Holland Magnum. Quest’ultima è stata la sua prima carabina e conseguentemente è rimasta anche la sua preferita. Con essa ha abbattuto di tutto: cervi e alci norvegesi, grossi cinghiali e coriacei bufali cafri; sarebbe stata idonea anche per atterrare un grosso elefante?

La Winchester “African”, come viene chiamata la versione in calibro 375 H.& H. M., è un’arma molto robusta, caratterizzata dall’azione cementata di colore grigio scuro, dai traversini di rinforzo sulla calciatura e dall’asola sul castello che è stata praticata per facilitare l’inserimento nel caricatore delle lunghe munizioni di origine inglese. La carabina di Paolo è dotata di una bella e versatile ottica variabile 6 x 42 in acciaio su attacchi a pivot EAW. Nessuno di noi due aveva mai praticato la caccia all’elefante, quindi per quanto riguardava il discorso armi dovevamo, per forza di cose, affidarci ai consigli e alle esperienze di altri. Insieme abbiamo letto molto sul tema, praticamente tutto quello che siamo riusciti a reperire scritto sia da cacciatori sportivi e professionisti contemporanei che da quelli dell’inizio del secolo. Famosi cacciatori d’avorio come: Lake, Blixen, Bell e tanti altri, usavano “per inginocchiare i giganti” anche dei piccoli calibri come il 256, il 303 l’8 x 57 e il 30.06, ma la maggioranza dei professionisti usava e consigliava per la caccia agli elefanti grosse carabine o pregiatissimi Express in calibri superiori al 450. Così, in base a quelle letture, mi permisi di proporre a Paolo di acquistare un’arma in un calibro più sostanzioso, visto che esistono delle buone carabine in 416 Remington Magnum, 416 Rigby o 458 WM, che valgono più di quello che costano.
 

Il caro amico declinò la mia offerta confidandomi che, semmai avesse avuto un magico faccia a faccia con un grande elefante, lo avrebbe fatto imbracciando la sua fedelissima 375 Magnum. A quel punto non insistetti, ma cercai quanto di meglio offriva il mercato per il nostro scopo. Horst Gunser, della Bignami, mi procurò tutto quello di cui avevo bisogno: una scatola di palle Monolitiche Solide dell’americana Barnes da 300 grani che dovevano garantire una buona precisione abbinata ad una fortissima penetrazione, dei bossoli Norma, degli inneschi Federal 215 Magnum e una scatola di polvere Norma 202. Con una dose di 68,4 grani di N 202 preparai cinquanta cartucce particolarmente accurate che, senza far riscontrare segni di pressioni alte, come inneschi spianati, bossoli deformati o anneriti in modo anomalo, difficoltà di apertura dell’otturatore, ecc, al cronografo, fecero registrare l’invidiabile velocità di circa 770 metri al secondo con relativi 5826 joule di energia. Provammo la ricarica prima al poligono per tarare l’ottica, poi in aperta campagna per saggiarne le prestazioni contro grosse pietre, tronchi d’albero e quanto altro avesse suscitato la nostra fantasia, sempre con effetti spettacolari.

All’aeroporto di Fiumicino salutai non uno, ma due amici in partenza: Paolo e la “nostra” 375. Per scaramanzia non gli dissi niente, ma dentro di me gli augurai buona fortuna. Il safari durò quindici giorni e se pur coincidesse con un periodo in cui ero molto impegnato, immancabilmente il mio pensiero era sempre rivolto allo Zimbabwe. Un bel giorno, mentre con i miei tre setters ero intento a dare la caccia agli ultimi fagiani rimasti in zona, squillò il mio telefonino. Nell’aprirlo vidi comparire sul display il nome: “Paolo”. “Come è andata!” Gli chiesi prima ancora che lui potesse aprir bocca. Mi rispose una voce cavernosa: “L’ho padellato”. Per niente impressionato replicai: “Quante libbre pesano le zanne e soprattutto con quanti colpi è venuto giù?” “Cinquantasette la destra, sessantadue la sinistra e di colpi ne è bastato uno solo!!” “Oggi fatti trovare a casa. Porto una bottiglia così mentre brindiamo ti racconto come è andata”.
 

Un racconto di caccia è come un buon sigaro o come un bicchiere di Whisky invecchiato; vanno gustati in ottima compagnia, con calma, in silenzio e con la giusta atmosfera. Riporto fedelmente cosa mi raccontò Paolo. Il fatidico incontro avvenne il sesto giorno di Safari. Paolo, il PH e i tracciatori si erano svegliati all’alba che ancora era notte e dopo una colazione rapida quanto frugale erano partiti sul Pick Up Toyota. La cerca si ripeteva come i giorni precedenti: si costeggiava con il fuoristrada il confine del Hwange Park alla ricerca delle tracce lasciate dagli elefanti se ne erano fuoriusciti. Alle undici del mattino s’imbatterono nelle peste fresche di cinque elefanti. Le impronte di un grosso maschio spiccavano nitide tra tutte le altre. I due trackers partirono veloci su quella traccia visibilissima e ben presto trovarono anche dove gli animali avevano mangiato e defecato. Al tatto i loro escrementi erano ancora caldi. Sempre controllando in un modo maniacale il vento si muovevano veloci per cercare di intercettare il piccolo branco prima che rientrasse nella Riserva. Procedettero nel silenzio più assoluto per circa tre ore sotto un sole feroce, messi a dura prova dall’andatura forzata imposta dai tracciatori. La Winchester di Paolo, con i suoi 4,7 chili di peso non era certo piacevole da portare, ma l’idea di affidarla ad un aiutante non lo sfiorò neanche per un attimo. Dalla strada che percorrevano i fuggitivi era evidente che si stavano avvicinando verso la zona protetta e questo era un male. Willy, il Professional Hunter, armato di carabina Ruger 77 calibro 458 Winchester Magnum, informò Paolo che se fossero riusciti ad intercettare l’elefante a pochi metri dal confine del Parco, avrebbe potuto tentare soltanto il famoso “Brain shot”,  per cercare di fulminarlo sul posto; in caso contrario non era autorizzato al tiro, perché se l’animale, pur colpito mortalmente, fosse andato a spirare all’interno del Parco, sarebbero stati guai seri. Dopo un’altra mezz’ora di marcia finalmente avvistarono il branco. Gli elefanti erano a circa duecento metri e fendevano il bush come immensi fantasmi grigi. Willy, dopo un ennesimo sguardo al vento, decise di avvicinarsi a loro tagliandogli la strada e così sollecitò tutti a seguirlo. Dopo una corsa di pochi minuti affiancarono gli elefanti a non più di trenta metri di distanza.
 
 
 

Paolo prima controllò gli ingrandimenti dell’ottica e poi imbracciò l’arma puntandola contro il primo gigante della fila. Rimase così per alcuni istanti, ma non soddisfatto di quel che vide attraverso le nitide lenti del cannocchiale, decise di rimuoverlo completamente. Era giunto il momento di affidarsi alle sole mire metalliche. Willy, dopo aver verificato l’entità dei trofei, indicò il primo maschio sulla sinistra e prima di mettersi in punteria col suo 458 toccò leggermente un braccio di Paolo. Quello era il segnale pattuito per il via libera. Con un movimento fluido Paolo riportò la Winchester alla spalla, allineò tacca di mira e mirino appena dietro l’attaccatura della possente spalla dell’elefante ed infine strinse il grilletto. Sotto il violentissimo urto della potente palla il grosso animale s’inarcò accusando il colpo, scivolò appena sulle zampe anteriori ma partì ugualmente in una rovinosa fuga tra la fitta vegetazione. Quel che più sorprese il mio amico fu la mancanza del colpo da parte del PH, che invece di sparare si affrettò dietro al fuggitivo. Mentre correva disse a Paolo che secondo lui il tiro era stato buono. Ed aveva ragione perché l’inseguimento fu più breve del previsto. Trovarono infatti l’elefante, riverso sul fianco dove aveva ricevuto la palla, dopo appena un’ottantina di metri. Willy chiese comunque a Paolo di dargli un colpo  per sicurezza e poi, finalmente, potè stringergli la mano.

L’elefante era stato ben valutato. Oltre ad essere un grosso esemplare, vantava anche un trofeo di tutto rispetto. Le zanne avrebbero in seguito fatto salire l’ago della bilancia a 57 libbre la destra e a 62 libbre la sinistra. Paolo sinceramente ammise che non sperava una simile fortuna e che si sarebbe accontento anche di meno. Verificarono gli effetti di quell’unica, micidiale palla. Il colpo aveva raggiunto il cuore trapassando di netto l’intero animale. Ed io devo ammettere che non mi aspettavo una prestazione simile da quel piccolo cilindro di ottone marino. Ne fui particolarmente orgoglioso e ringraziai il Colonnello Arthur B. Alphin per averla progettata. L’Africa ha tradizioni venatorie molto diverse dall’Europa e quindi a Paolo non fu certo chiesto di porgere al nobile animale “l’ultimo pasto”. Come rito propiziatorio, gli fecero tagliare la coda e con gli ispidi peli ci fece fare il caratteristico bracciale che mi regalò. Dopo che furono raggiunti da molti altri aiutanti, gli Skinners si diedero da fare per separare dal corpo la testa e per scuoiare l’intera carcassa. Mentre Paolo osservava meravigliato quelle complesse operazioni, rese possibili grazie al verricello della Toyota e da molte asce a manico lungo, arrivò un’orda di persone, sicuramente proveniente da un vicino villaggio. Ma chi li aveva chiamati? Erano stati allertati dagli spari o da qualche esploratore? Quando Willy diede loro il permesso di avvicinarsi, si avventarono sulla spoglia sanguinolenta e iniziarono a spolparla come se fossero una colonia di formiche rosse. Le zanne arriveranno tra qualche mese, Paolo non vede l’ora ma anch’io sono impaziente di poterle accarezzare. Per ora sono ben custodite a Bulawayo.

Ho voluto scrivere questa storia per ricordare a tutti gli appassionati di caccia a palla che la splendida avventura di Paolo è un’ulteriore dimostrazione che quel che più conta per il buon esito di un abbattimento è l’eccellente qualità delle munizioni ma anche e soprattutto l’accuratezza della mira. Se il mio amico avesse usato un’arma in un calibro maggiore, magari con una palla meno robusta, e non avesse colpito l’elefante con precisione, il risultato sicuramente sarebbe stato diverso.



Marco Benecchi
 
 
 
 
 


Tags:

Tuo Nome:
Titolo:
Commento:


172.68.65.142
Aggiungi un commento  Annulla 

16 commenti finora...

Re: Una calibro 375 per il grande elefante

Posso innanzi tutto risponderti con una frase di Wilbur Smitn il famoso scrittore:
"DESCRIVERE LA PASSIONE PER LA CACCIA AD UNO CHE NE E' PRIVO E' COME DESCRIVERE I COLORI AD UN CIECO!"
La caccia è una cosa mangiare la selvaggina ne è un'altra....

La CACCIA fin dalla notte dei tempi è un istinto primordiale,
Il confronto CONTINUO tra il predatore e la preda..
Anche un LUPO o una VOLPE, quando attaccano un gregge o un pollaio uccidono più capi possibili e poi ne mangiano uno o al massimo due ....

Questo è quanto

Anche abbattere tigri leoni e leopardi può avere un senso...
Una volta si uccidevano "Anche" per contenerli perché essendo bestie feroci in competizione con l'uomo creavano spesso seri problemi

Ci sarebbe da discutere molto, ma abbinare la passione per la caccia col mangiare non mi è mai sembrato molto intelligente, perché si allevano e si abbattono selvatici per altri scopi non solo per la carne...

Saluti
Marco

da Marco B x LB  10/12/2019 6.24

Re: Una calibro 375 per il grande elefante

Ho una domanda che spesso mi faccio a cui non trovo risposta e provo a farla a voi: cosa attira l'uomo cacciatore ad abbattere un elefante, o cumunque un animale come la tigre,il leopardo, il leone etc. che in definitva,credo, non lo posso mangiare o far mangiare?
Saluti

da L.B.  09/12/2019 16.16

Re: Una calibro 375 per il grande elefante

OTTIMO,
L'importante è.. non aver messo le mani su cose che si conoscono poco o addirittura niente.

COMUNQUE e questo lo dico x TUTTI,
Si fa presto a vedere se una Presa Gas ha problemi..
Dal funzionamento in generale (inceppamenti) ma più semplicemente da come espelle i bossoli.
I bossoli dovrebbero essere SEMPRE espulsi in AVANTI,
Accettabile di fianco
MAI indietro...
Comunque l'importante è che ora va bene...
Buona
M

da Marco B x Luca Gualt e Massy  28/11/2019 18.27

Re: Una calibro 375 per il grande elefante

Ciao massy, probabilmente non ricordavo. Volevo condividere comunque la problematica, così nel caso dovesse verificarsi a qualcun’altro sa già dove andare a parare

da Luca Gualt  28/11/2019 17.17

Re: Una calibro 375 per il grande elefante

Luca ..se non ricordo male (e non ricordo male) qualcuno ti aveva suggerito che dipendeva da quello ! @@@@::--)))


cmq ...bene hai fatto a farla regolare alla casa stessa !

da massy  28/11/2019 14.59

Re: Una calibro 375 per il grande elefante

Buongiorno Marco, sono il ragazzo che l’anno scorso ti aveva chiesto informazioni sulla ricarica delle BT in 30-06 con canna da 47 e sempre il ragazzo a cui si inceppava la Browning tracker. Interrompo un attimo il vostro discorso per aggiornarti. Carabina tornata dopo accertamento della Browning... aveva la vite della presa a gas regolata “malamente”: ciò impediva alla giusta quantità di gas ti tornare indietro e di spingere indietro correttamente l’otturatore (mancava la forza per farlo aprire completamente) e questo provocava gli odiosi inceppamenti dello scorso anno. In questa stagione è già stata “testata” su 4 animali e non ci sono stati problemi. Buona continuazione a tutti e buona giornata

da Luca Gualt  28/11/2019 13.56

Re: Una calibro 375 per il grande elefante

Condivido pienamente al 100% quello che hai detto,
Infatti, per passare dal Massimo al Minimo, anche io ho sempre sostenuto che dare la caccia a un calvo di capriolo è uguale che darla ad un maschio Kapital...
Quando il mio amico Paolo partì per la caccia all'elefante sbagliai a non seguirlo,
Perché come già sapevo e come mi confermò lui più tardi, se lo avessi seguito un elefante me lo avrebbero fatto tirare anche a me.
Magari un "Problem" una femmina, etc...
Stessa cosa come quando andai in Kyrghyzstan alla Marco Polo...
Una volta che il Safari è organizzato è c'è tutta l'equipe sul posto qualche occasione si trova sempre...
Saluti
M

Dimenticavo

Ho letto di molti cacciatori SERI, quindi affidabilissimi che hanno fatto gli elefanti con il 30.06, il 303 e l'8 x 57 JS sempre con palla FMJ e non solo il brain shot ma anche con un preciso colpo al cuore!

da Marco B x Mario  28/11/2019 6.39

Re: Una calibro 375 per il grande elefante

bisogna viverla un esperienza raccontata da un altro non è la stessa cosa. La caccia all'elefante è il topo dei big-five ma io preferisco la caccia delle femmine "toothless" animali nervosi, difficili , che vivono in branco è una caccia molto appassionate e sportiva che non mira al trofeo ( ????) ma alla caccia VERA ! è questa lo è sul serio. Un elefante cade con qualsiasi calibro idoneo a questo tipo di caccia ma non scrivo niente a riguardo perché il calibro è una prerogativa del tutto personale. Anzi se vi dico che con 30.378 weatherby ne ho abbattuto uno so già cosa potrebbe succedere!

da Mario  27/11/2019 8.36

Re: Una calibro 375 per il grande elefante

Se ne trovano MOLTE di 375 in armeria (quelle ben fornite!) Piovanelli di Lonato l'ultima volta che ci sono stato aveva addirittura due STEYR MANNLICHER in questo calibro a prezzo onestissimo!

Poi sul mercato dell'usato (vedi armiusate) ce ne sono...

M

da Marco B x Andrea  27/11/2019 6.44

Re: Una calibro 375 per il grande elefante

Le BSA, le Parker Hale, le Zastava, è possibile trovarle solo usate?
Il 375h&H non è un calibro che si trova tanto facilmente usato in armeria.
Volendone acquistare uno, al solo scopo di coltivare il mal d'Africa e la speranza, a parte il nuovo, a chi e dove sarebbe meglio rivolgersi?
Ciao

da Andrea  26/11/2019 18.53

Re: Una calibro 375 per il grande elefante

Il mio amico nell'ultima foto in basso, quello a DX vicino al PH con lo stick per tirare impugna una Parker Hale in 375 HH.

da Marco B x Andrea  26/11/2019 15.52

Re: Una calibro 375 per il grande elefante

Le Winchester 70 e le Brno ZKK 602 sono le Carabine dei professional Hunter,
Ma buonissime sarebbero anche le più moderne CZ, le Remington 700, le Ruger 77, le BSA, le Parker Hale, le Zastava, tutte armi PIU' CHE ONESTE che in cal. 375 HH Mag, non sfigurerebbero in nessuna Rastrelliera!!!
Io una 375 HH l'ho sempre avuta in casa... Per "sognare" nei momenti tristi.....
Poi ho conosciuto anche chi l'ha usata per il cinghiale, non soddisfatto del 9,3 x 62..
E qui ci vorrebbe una serie di faccine gialle che ridono......................

M

da Marco B x Andrea  26/11/2019 15.50

Re: Una calibro 375 per il grande elefante

Purtroppo la REDAZIONE mi censura tutte le Marche di ottiche (davvero non so perché....) comunque il cannocchiale in questione è il RE dei cannocchiali "Giramondo"
Lo Swarovski 1,5 - 6 x 42 in acciaio!!!!!!
Il top sopra una carabina simile.
M

da Marco B x Bansberia  26/11/2019 15.45

Re: Una calibro 375 per il grande elefante

Pensa che consultavo il sito per vedere se avevi qualche resoconto di battuta al cinghiale e invece ho trovato una storia di bestia molto meno nera ma molto più grossa.

Weidmannsheil al tuo amico per l'abbattimento e a te per la storia.

Nella prima parte del testo citi un'ottica 6x42, ma in seguito scrivi che "Paolo controllò gli ingrandimenti". Domanda: che ottica era, fisso o variabile?
In ogni caso un bell'avvicinamento e un bel tiro.
Ancora Weidmannsheil!

da bansberia  26/11/2019 15.33

Re: Una calibro 375 per il grande elefante

Ciao Marco, in 375 h&H preferisci la cz 550 o la winchester?
Esiste qualche altra carabina in tale calibro e fascia di prezzo che possa confrontarsi con questi due mostri sacri?
Un saluto
Andrea

da Andrea  26/11/2019 14.44

Re: Una calibro 375 per il grande elefante

Carissimi,
Se ben ricordate, nel mio ultimo racconto sono stato accusato di essere: Monotema, monotono, a corto di idee e addirittura noioso, come se andassi a bussare alle case degli altri mente stanno mangiando come un .... testimone di.... predicatore qualunque...

Chissà forse sarà anche vero, ma Volevo far notare a quei lettori che mi hanno criticato e ripreso che negli ultimi 5 - 6 articoli ho parlato di..
Caccia all'Orso, Caccia all'Alce, un confronto sulle torrette Balistiche, un nuovo calibro e della caccia di selezione estiva al cinghiale.

Ora anche l'Elefante... di cui si legge davvero poco...

Comunque, anche se ho annoiato qualcuno me ne scuso e spero di "farlo sempre meno" in futuro..

Cordialità
M

da Marco Benecchi x i LETTORI del BLOG  26/11/2019 13.16
Cerca nel Blog
Lista dei Blog