Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Archivio
<settembre 2020>
lunmarmergiovensabdom
31123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
2829301234
567891011
Mensile
settembre 2020
agosto 2020
luglio 2020
giugno 2020
maggio 2020
aprile 2020
marzo 2020
febbraio 2020
gennaio 2020
dicembre 2019
novembre 2019
ottobre 2019
settembre 2019
agosto 2019
luglio 2019
giugno 2019
maggio 2019
aprile 2019
marzo 2019
febbraio 2019
gennaio 2019
dicembre 2018
novembre 2018
ottobre 2018
settembre 2018
agosto 2018
luglio 2018
giugno 2018
maggio 2018
aprile 2018
marzo 2018
febbraio 2018
gennaio 2018
dicembre 2017
novembre 2017
ottobre 2017
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
aprile 2011
marzo 2011
febbraio 2011
gennaio 2011
dicembre 2010
novembre 2010
ottobre 2010
settembre 2010
agosto 2010
luglio 2010
giugno 2010
maggio 2010
aprile 2010
marzo 2010
febbraio 2010
gennaio 2010
dicembre 2009
novembre 2009
ottobre 2009
settembre 2009
agosto 2009
luglio 2009
giugno 2009
maggio 2009
aprile 2009
marzo 2009
febbraio 2009
gennaio 2009
dicembre 2008
novembre 2008
ottobre 2008
settembre 2008
agosto 2008
maggio 2008
aprile 2008
marzo 2008
febbraio 2008
gennaio 2008
dicembre 2007
novembre 2007
ottobre 2007
settembre 2007
agosto 2007
luglio 2007
giugno 2007
nov12


12/11/2019 10.46 

 
 
 
Credevo di aver visto tutto nella caccia al cinghiale in battuta, ma evidentemente mi sbagliavo! Perché, come direbbero nel film Blade Runner: “Ho visto cose che voi umani non potete neanche immaginare!”, come ad esempio cacciatori andar di posta con l’arco, oppure armati con una bella Winchester Commemorativa abbinata ad una minacciosa Colt 45 in fondina ad estrazione rapida, stile Clint Eastwood. Per non parlare poi di quelli (e sono molti di più di quanto non possiate immaginare) che vanno in battuta con due fucili al seguito e magari nello zaino da 60 litri “almeno” un paio di sistemi di puntamento ottici e/o elettronici, da montare con attacchi a sgancio rapido secondo esigenza. Ma mai e poi mai avrei immaginato di vedere quello che invece ho visto durante una battuta di caccia a Capalbio, nel cuore della Maremma Toscana… Tenetevi forte.. il mio vicino di posta aveva il binocolo al collo!! Si, avete capito bene, dopo mezzo secolo di Cacciarelle ho finalmente avuto l’onore di conoscere un anziano e simpaticissimo cacciatore friulano che, sicuramente per abitudine, amava cacciare con il binocolo appeso al collo anche i cinghiali in battuta, dove il tiro raramente supera i 10 – 20 metri! Ma veniamo dall’inizio.
 

In un mio precedente racconto descrissi per filo e per segno l’aiuto che mi diede Gabriele, un amico di San Daniele del Friuli, la patria del famosissimo prosciutto, durante un mio rocambolesco rientro da una cacciata al cervo in Ungheria, ed io mi riproposi, semmai ne avessi avuto l’occasione, di poterlo ricambiare. Sapevo che Gabriele e molti dei suoi amici erano appassionati di caccia al cinghiale, così decisi di organizzare per loro una bella battuta nella prestigiosa Tenuta delle Forane di Capalbio, dal mio amico di sempre Giampiero Bernacchi. Prenotammo la zona di caccia per domenica 16 dicembre, incrociando le dita su come sarebbe stato il tempo, perché quell’anno in Maremma la situazione era stata davvero drammatica per i continui temporali e per le improvvise raffiche di vento che avevano inflitto gravissimi danni sia all’agricoltura locale sia ad animali e cose. Per fortuna invece il nostro primo desiderio fu ampiamente esaudito, perché beccammo una giornata veramente stupenda, fredda si, ma senza né vento né precipitazioni. Al rialto dei Caprai feci conoscenza con quella che, posso giurarlo davanti a un giudice, è stata la più bella e variegata comitiva di cacciatori che mi fosse mai capitato di conoscere in quarant’anni di organizzazioni venatorie! Erano simpaticissimi, educati e molto professionali, in poche parole erano davvero perfetti. In totale erano diciotto cacciatori e l’età dei partecipanti spaziava dai poco più che ventenni agli ottantenni! Poi, per un appassionato esperto d’armi come me, con spiccate tendenze “montagnine”, fu davvero molto bello vedere dei cacciatori di cinghiali vestiti in loden, andare alle poste con ampi zaini sulle spalle, con i mantelli e armati anche con carabine bolt action e armi combinate miste.
 
 
 

La colazione che ci avevano preparato Giampiero, suo figlio Cristiano e Gianni il capo canaio, fu all’altezza di un ristorante a cinque stelle. Oltre al caffè, al the, ai pasticcini dolci e alle crostate preparate con la marmellata fatta in casa, non potevano certo mancare piatti di affettati tipici locali, le salcicce di cinghiale e non so quanti tipi di vino. Dopo un po’ di sana festicciola e soprattutto per cercare di evitare che qualche buontempone si ubriacasse o si appesantisse troppo, li sollecitai a registrare i loro porto d’armi e di procedere con il sorteggio delle poste, cosa questa sempre positivissima quando si caccia in gruppo, per non favorire né penalizzare nessuno. A me toccò la numero 9 mentre ad un simpatico signore di nome Bruno la 10. Il mio vicino di posta mi piacque subito, sia per come sapeva muoversi sia per come si presentava: ordinato, tranquillo e armato di BAR semiautomatica dotata di cannocchiale da battuta  6 x 24. Visto che io uso invece il nuovo punto rosso della stessa linea, sarebbe stato simpatico poterne confrontare le rispettive caratteristiche sul campo contemporaneamente.
 

Dopo aver espletato le formalità burocratiche necessarie, ci avviammo entusiasti per prendere posizione e, ancora una volta, il gruppo dei friulani riuscì piacevolmente a meravigliarmi, perché nessuno volle usufruire del servizio “navetta” offerto dalla riserva. Tutti si rifiutarono di raggiungere le poste a loro assegnate a bordo di un fuoristrada preferendo farlo alla vecchia maniera, anche se molto più dura, di raggiungerle a piedi! Ringraziai il padreterno che ogni tanto riesce a concedermi una compagnia degna di questo nome. Erano tutti allegri! Nessuno si era lamentato della posta sorteggiata, nessuno aveva tentato di fare il furbo addicendo le scuse più fantasiose per camminare poco, insomma, erano davvero un bel gruppo, desideroso soltanto di godersi un meritato finesettimana in Maremma. Non essendo in molti, Giampiero decise di rinunciare al classico schieramento angolare a forma di “7” e d’impostarci tutti su una singola linea, con la speranza che se i cinghiali e i cani avessero fatto il loro “dovere” (che non è proprio la stessa!) ci saremmo davvero divertiti. Infatti, i primi avrebbero dovuto scorrere bene senza fermarsi a bisticciare coi cani, mentre i secondi avrebbero dovuto scovarli velocemente per poi incalzarli fino alle poste.
 
 

Raggiunta la 9, ricontrollai tutte le mie cose. Per primo verificai che il punto rosso fosse a posto, poi cercai di individuare degli ipotetici passi per avere una certa idea da dove sarebbero potuti arrivare i cinghiali ed infine camerai una 30.06 ricaricata con palla Nosler Ballistic Tip da 165 grani nella mia amata BAR Long Trac Composite. Alla mia destra avevo Gabriele mentre alla mia sinistra Bruno, una brava persona dall’età indefinita, ma comunque compresa tra i settanta e gli ottanta. Lo vidi così energico, entusiasta e pieno di vita che anche in seguito non ebbi il coraggio di chiedergli quale fosse davvero la sua età esatta! Vidi con piacere che tutti i cacciatori avevano indossato almeno un capo di abbigliamento ad alta visibilità, poi comunicai per radio che eravamo tutti piazzati e finalmente mi misi in fiduciosa attesa. Se c’è una cosa che non sopporto durante una battuta è lo stare di posta in una zona dove non si sente niente, ma dove eravamo noi stavamo piuttosto bene. Dopo neanche una mezzora la battuta era in pieno svolgimento, tanto che sentimmo anche qualche sparo. Ad un tratto ebbi la quasi certezza che un flebile rumore che sentivo in lontananza fosse una canizza in progressivo avvicinamento. Non passò un minuto che ne ebbi la conferma. Si, erano proprio i cani, e venivano compatti e veloci. Controllai che il punto rosso fosse acceso (trovare il Red Point spento nel momento cruciale è l’incubo di ogni “puntorossista”!), che la sicura fosse disinserita e stetti all’allerta.
 

I segugi maremmani di Giampiero sono famosi non solo per la loro bravura, ma anche per il loro coraggio e per la loro aggressività; spinsero i cinghiali verso di noi come fulmini. Sopra di me tirarono una bella scarica e subito dopo sentii alcuni cani che avevano oltrepassato la linea delle poste. Pensai che il tiratore doveva essere proprio una testa di legno! Che bisogno c’è di fare delle mitragliate? Non ebbi neanche il tempo di raccomandarmi a Diana di mandarne uno anche verso di noi, che nella fittissima macchia riconobbi l’inconfondibile rumore provocato da un cinghiale in movimento. Alzai subito la BAR all’altezza del petto e mi concentrai sui trottoi che avevo precedentemente individuato. Dopo pochissimi secondi in quella posizione, tra il lentisco ed il corbezzolo, ecco che intravidi la sagoma di un bel cinghiale. Dalla sua direzione capii subito che non aveva nessuna intenzione di attraversare la mia posta, anzi ero quasi certo che volesse rompere l’accerchiamento dov’era Giovanni e in un’altra occasione glielo avrei anche lasciato, ma quel giorno volevo verificare ancora una volta l’efficacia del mio nuovo sistema di puntamento elettronico, così lo inquadrai nel Red Point e deciso strinsi il grilletto. Il cinghiale centrato perfettamente fece un capitombolo degno di una lepre, andando a finire proprio sul bordo della macchia. Ottimo, un colpo l’avevo tirato ed anche decisamente bene. Ero davvero soddisfatto di quella fulminea azione di caccia. Anche i miei due vicini di posta mi omaggiarono con un bel sorriso e col caratteristico pugno chiuso con il pollice alzato. Li vidi sinceramente contenti del mio abbattimento e ne fui felice. Alla faccia di tutti quelli che sono invece invidiosi quando un compagno di caccia abbatte un bel selvatico!
 
 
 

Reintegrai la cartuccia sparata e ripresi la paziente attesa, ma con un bel sorriso stampato sulla faccia e con l’occhio sempre rivolto verso quell’ammasso di setole che giaceva ai margini dello stradone. La battuta intanto procedeva come da manuale, con tante canizze, qualche sparo e con la giusta dose di berci e d’imprecazioni. Attraverso l’auricolare m’informarono che erano già stati abbattuti diversi cinghiali, ma la giornata era ancora giovane ed io sperai che ci riservasse qualche altra emozione. Le mute stavano facendo il loro dovere e “purtroppo per loro” anche i cinghiali sembrava che scorressero bene, senza ingaggiare violente zuffe nell’intricatissimo sottobosco. Aguzzai vista e udito e subito sentii nuovamente gli inconfondibili, furtivi passi. Un cinghiale stava arrivando verso le poste e doveva aver preso talmente tanta strada ai cani, che si percepiva appena. Se l’esperienza insegna, ipotizzai che il cinghiale stesse percorrendo la stessa pista che aveva percorso quello già abbattuto, così mi concentrai in quella direzione. In un varco tra la vegetazione vidi apparire il muso di un bel verro. Sarebbe stato un tiro abbastanza facile, ma mi astenni dall’eseguirlo. Lo lasciai passare perché stava andando dritto da Bruno e sperai che lui non si sarebbe fatto sorprendere. Ma la classe non è acqua! Vidi Bruno imbracciare la sua Browning, allineare bene l’occhio all’interno dell’oculare del cannocchiale da battuta e poi sparare! Ne seguì un grugnito, un secondo sparo ed infine nel bosco tornò il silenzio. Quel che seguì fu pura arte venatoria!
 
 

Bruno, con una flemma tutta inglese, si mise la BAR in spalla, impugnò un binocolo che aveva appeso al collo e poi verificò attraverso le lenti del vissuto strumento l’esito dei suoi tiri. Questa è una abitudine molto comune tra i cacciatori di montagna, specialmente quando si eseguono tiri a lunga distanza contro caprioli, cervi e camosci! Solo che il cinghiale che aveva abbattuto il simpaticissimo friulano era a quindici metri di distanza, forse addirittura meno! Mi venne talmente da ridere che per poco non mi cadde la carabina di mano. Che spettacolo! Incurante di tutto, corsi da lui per stringergli la mano. Mi venne spontaneo dirgli “Bruno, sei il migliore!” Lui mi guardò un po’ stupito e credo che avesse frainteso i miei complimenti per il tiro e non per il fatto di aver usato il binocolo da quella distanza! Avete capito che cacciatori esistono ancora al mondo? Così legati alle loro abitudini e alle vecchie tradizioni.
 

Quella fu davvero una battuta memorabile, anzi fu l’intera giornata ad essere fantastica. Spararono praticamente tutti. Qualcuno anche troppo… evidentemente i cinghiali maremmani sono un pochino più veloci di quelli friulani! Alla casa di caccia la festa continuò fino a sera, tra brindisi, risate e sfottò. L’unica nota dolente fu che quel gruppo di amici, capitanati da Gabriele, partì il giorno seguente lasciandomi un meraviglioso ricordo di tutti loro, ma anche un velo di tristezza, perché non li avrei più rivisti per un bel po’ di tempo. Pazienza, cosa ci possiamo fare se abitiamo a diversi chilometri di distanza? Prima di commuovermi vorrei concludere con un calorosissimo Weidmansheil a tutti i miei nuovi, carissimi amici friulani ed il particolare a Gabriele, al quale devo ancora molto!


Marco Benecchi
 
 
 
 
 

Tags:

Tuo Nome:
Titolo:
Commento:


173.245.52.67
Aggiungi un commento  Annulla 

23 commenti finora...

Re: CACCIA AL CINGHIALE: “In battuta col... binocolo!”

Tira un ariaccia, brrrrrrrr.

da Gulliver  22/11/2019 21.21

Re: CACCIA AL CINGHIALE: “In battuta col... binocolo!”

avete ragione -per esempio - il commento di Sante che dovete sapere a quasi 70 anni e fa il giovanotto da dietro al Monitor non sapendo che so benissimo chi sia questo malato mentale. Io intendevo che ci sono dei commenti sensati che vanno contro corrente e QUI non sono accettai! Ma anche voi due siete stati più volte "ripresi" per aver difeso il "gentiluomo" ! Lo stupido qui sotto non fa testo ! adesso vedrete come si scatena con le pernacchie, le corna, ecc. TI CONOSCO SCEMO E DAGLI UN TAGLIO!
saluti a Filippo e Bas

da Fede  22/11/2019 9.34

Re: CACCIA AL CINGHIALE: “In battuta col... binocolo!”

Altre due cartucce e poi si va in ospizio.

da Sante  21/11/2019 13.15

Re: CACCIA AL CINGHIALE: “In battuta col... binocolo!”

Ci siamo fatti vecchi.

da Sante  21/11/2019 13.15

Re: CACCIA AL CINGHIALE: “In battuta col... binocolo!”

Fede,ho in testa un altro concetto del blog, e cioè quello dichiarato qui sopra: "...spazio di assoluta libertà a tutti, per un confronto che sia utile strumento di conoscenza e di interscambio, nel rispetto delle altrui idee ed usando un linguaggio consono e civile".

da bansberia  21/11/2019 11.35

Re: CACCIA AL CINGHIALE: “In battuta col... binocolo!”

Fede, il blog è aperto a tutti, "nel rispetto delle altrui idee ed usando un linguaggio consono e civile" come recita il testo di presentazione.
Per quanto riguarda il blog mi sono messo in testa questo concetto, non altri.

da bansberia  21/11/2019 11.33

Re: CACCIA AL CINGHIALE: “In battuta col... binocolo!”

Salve Fede. E' ovvio che un blog deve essere aperto al confronto, altrimenti a che servirebbe? Ma purtroppo che razza di confronto ci potrà mai essere con chi posta interventi che sono una sequela di insulti, pernacchie, doppi sensi volgari, etc.? Sono sicuro che Bans intendesse riferirsi a questi soggetti, che - francamente - ritengo davvero estranei al NOSTRO ambiente (anche tuo, sia chiaro, ma non di certi elementi). Tanta salute

da Filippo 53  20/11/2019 19.25

Re: CACCIA AL CINGHIALE: “In battuta col... binocolo!”

persone scorrette? che non appartengono al nostro mondo? solo per non pensarla come voi? bas io se fossi in te andrei a leggere certi commenti e le reazioni del "gentiluomo" ! un blog PUBBLICO ficcatelo nella testa è aperto a tutti e si prende il buono e cattivo. Che poi molti siano maleducati HAI RAGIONE ma non tutti !

da Fede  20/11/2019 14.19

Re: CACCIA AL CINGHIALE: “In battuta col... binocolo!”

Concordo con Filippo. La posizione di Marco, che è un gentiluomo, ha intenti lodevoli però lascia spazio a persone scorrette che non appartemgono al nostro mondo e che andrebbero emarginate.

da bansberia  19/11/2019 9.55

Re: CACCIA AL CINGHIALE: “In battuta col... binocolo!”

Il titolare del Blog si è espresso; io di certi commenti farei a meno. Parere personale

da Filippo 53  18/11/2019 9.55

Re: CACCIA AL CINGHIALE: “In battuta col... binocolo!”

se non ci fossero questi interventi "sciocchi" il blog sarebbe frequentato al massino da 5/10 persone ... da questi interventi "sciocchi" invece si deve cogliere il "cuore" e capire che spesso è sola invidia pura del tuo operato ma alimentano la discussione. Io lo leggo sempre ma intervengo solo quando si accende una discussione "sciocca" !

da Fede  18/11/2019 8.15

Re: CACCIA AL CINGHIALE: “In battuta col... binocolo!”

SONO IO CHE NON GLIELI FACCIO TOGLIERE!

Perché voglio che restano, come prova tangibile che nel nostro magico mondo PURTROPPO esistono anche persone simili!
Che zozzano una rubrica, credo ben fatta, seria, educata, costruttiva , simpatica e cordiale con degli interventi da...ritardati ...
Tutto qua,
Non sono mai piaciute le battutine da prima elementare, gli sghignazzamenti, il "lanciare il sasso e poi nascondere la mano"
L'anonimato....

Interventi simili DEVONO essere lasciati dove sono,

Saluti
Marco


e che la pioggia riuscisse a darci tregua....

da Marco B x Banberia  18/11/2019 6.39

Re: CACCIA AL CINGHIALE: “In battuta col... binocolo!”

Concordo sulla tristezza che viene leggendo certi commenti.
La redazione, come risulta dal sito, dovrebbe eliminare commenti offensivi oppure semplicemente sciocchi.
Perché non lo fa? Troppa fatica?

da bansberia x athos  17/11/2019 8.06

Re: CACCIA AL CINGHIALE: “In battuta col... binocolo!”

Commenti da seconda media. Tristezza

da Athos  15/11/2019 21.26

Re: CACCIA AL CINGHIALE: “In battuta con mutande e pannolone!”

Una volta vidi un postaiolo che aveva le mutande e il pannolone, può interessare? E' un buono spunto per il prossimo scritto?

da Tenia salvaslip  15/11/2019 17.00

Re: CACCIA AL CINGHIALE: “In battuta col... binocolo!”

ma smettila con sta palla sei NOIOSOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO

da cambia disco  15/11/2019 15.45

Re: CACCIA AL CINGHIALE: “In battuta col... binocolo!”

Perdonatemi,

Mi sono dimenticato di una cosa....

Se per VOI tre è normale andare a caccia al cinghiale in Battuta col binocolo?

Per me no....

Non ne ho mai letti molti di articoli - racconti che descrivevano episodi simili!

da da Marco B x i PRIMI TRE LETTORI  15/11/2019 13.56

Re: CACCIA AL CINGHIALE: “In battuta col... binocolo!”

Mi spiace che abbiate così poca memoria
E così TANTA pigrizia
Perché basterebbe andare a rivedere gli ultimi Racconti per vedere quanto siano stati infelici i Vostri interventi..
Caccia all'ORSO
Caccia all'ALCE
Caccia al Capriolo
Collaudo di un nuovo calibro
Discussione sulle torrette balistiche
Caccia ESTIVA al cinghiale
CONFRONTO tra cacciatori

E questo VOI TRE (3) Cambia disco Luigi Il satiro....

Lo considerate aver finito gli argomenti (che poi nella caccia non sono poi molti..................) o essere Monoarticolo?????

Mhaaaaaaaaa


Un caro saluto.. agli amici ovviamente

Mentre ai tre "Dell'Ave Maria" mi verrebbe da chiederVi,
Perché visitate il MIO Blog se non vi piace??

Altro
Mistero della Fede!

da Marco B x i PRIMI TRE LETTORI  15/11/2019 13.48

Re: CACCIA AL CINGHIALE: “In battuta col... binocolo!”

Non posso non ricambiare i graditissimi saluti di GCarlo 48. E sono anche costretto a dargli ragione, c'è - purtroppo - gente che non sa fare di meglio che intervenire senza alcun senso. Nella vita di tutti i giorni di che si occuperanno? Mah...

da Filippo 53  15/11/2019 13.30

Re: CACCIA AL CINGHIALE: “In battuta col... binocolo!”

un caro saluto a tutti i cacciatori x bene.
si potrebbe discutere di armi e caccia.
ma purtroppo vedo i soliti post scritti da scemi di guerra in tempo di pace.
un caro saluto a Marco e al carissimo Filippo ciao e salute a tutti

da giancarlo48  15/11/2019 13.12

Re: CACCIA AL CINGHIALE: “In battuta col... binocolo!”

Hihihihihihihihi
Finiti gli argomenti?

da Il satiro  15/11/2019 11.28

Re: CACCIA AL CINGHIALE: “In battuta col... binocolo!”

ok sei bravo ma sei diventato MONOARTICOLO .

da Luigi  15/11/2019 10.31

Re: CACCIA AL CINGHIALE: “In battuta col... binocolo!”

BASTA BATTUTE !! NON SE NE PUO PIU' !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

da CAMBIA DISCO  14/11/2019 8.18
Cerca nel Blog
Lista dei Blog