Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Archivio
<settembre 2019>
lunmarmergiovensabdom
2627282930311
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30123456
Mensile
settembre 2019
agosto 2019
luglio 2019
giugno 2019
maggio 2019
aprile 2019
marzo 2019
febbraio 2019
gennaio 2019
dicembre 2018
novembre 2018
ottobre 2018
settembre 2018
agosto 2018
luglio 2018
giugno 2018
maggio 2018
aprile 2018
marzo 2018
febbraio 2018
gennaio 2018
dicembre 2017
novembre 2017
ottobre 2017
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
aprile 2011
marzo 2011
febbraio 2011
gennaio 2011
dicembre 2010
novembre 2010
ottobre 2010
settembre 2010
agosto 2010
luglio 2010
giugno 2010
maggio 2010
aprile 2010
marzo 2010
febbraio 2010
gennaio 2010
dicembre 2009
novembre 2009
ottobre 2009
settembre 2009
agosto 2009
luglio 2009
giugno 2009
maggio 2009
aprile 2009
marzo 2009
febbraio 2009
gennaio 2009
dicembre 2008
novembre 2008
ottobre 2008
settembre 2008
agosto 2008
maggio 2008
aprile 2008
marzo 2008
febbraio 2008
gennaio 2008
dicembre 2007
novembre 2007
ottobre 2007
settembre 2007
agosto 2007
luglio 2007
giugno 2007
set3


03/09/2019 15.05 

 
 
Credo sia doveroso specificare che, se in passato mi sono permesso di trattare e “consigliare” i calibri più indicati per la caccia al cinghiale, al capriolo, al daino e al muflone, l’ho fatto grazie alla mia esperienza personale e ai numerosi abbattimenti che ho vissuto, a volte come protagonista altre come spettatore. Ho provato “sul campo” un notevole e variegato campionario di carabine e di munizioni, testandone a fondo le loro caratteristiche. Ho deciso di avventurarmi in un piccolo studio su quali possano essere le armi ed i calibri che ritengo migliori per la caccia all’orso bruno, dopo averlo cacciato in prima persona in mezza Europa ed anche avvalendomi delle esperienze vissute di altri cacciatori.

Tanti anni fa, quando la caccia all’orso era per me soltanto un sogno, avevo già condotto delle approfondite ricerche sia sulle sue caratteristiche morfologiche (ogni cacciatore dovrebbe sempre conoscere alla perfezione le caratteristiche e le abitudini dei selvatici che intende insidiare), sia sulle armi che sui calibri da impiegare per la caccia al grande signore della foresta. Lessi tutto quel che riuscii a trovare e contattai alcuni cacciatori che avevano già ottenuto il prestigioso trofeo per conoscere le loro impressioni e far tesoro dei loro consigli. Tempestai di domande chiunque avesse avuto la ben che minima esperienza sia diretta che indiretta in materia o anche per solo sentito dire. Ho così catalogato molti pareri, a volte contrastanti, che mi hanno portato alle conclusioni che cercheremo di analizzare.

L’orso bruno ( Ursus arctos L.) oltre ad essere il più grande carnivoro europeo, è un selvatico forte e robusto che facilmente può raggiungere e superare i 350 chilogrammi di peso, ma la media dei capi varia dai 150 ai 250 Kg. La sua vista non è particolarmente acuta, in compenso l’udito e l’olfatto sono eccellenti, è un buon nuotatore, un agile arrampicatore e un veloce corridore. Se osservato attentamente mentre si muove nel suo habitat naturale ti sorprende per la fluidità dei suoi movimenti, specialmente se confrontati con la sua mole.
 
 
E’ dotato di zanne ed artigli formidabili che in caso di necessità gli permettono di abbattere qualsiasi animale selvatico o domestico che possa incontrare sulla sua strada. Se provocato può tenere testa a tutti gli altri predatori ai quali contende la supremazia dei boschi. Questa breve descrizione è necessaria per renderci conto con che tipo di simpaticone abbiamo a che fare! L’orso bruno è un selvatico sottoposto ad un attento monitoraggio e la specie è soggetta a stretto controllo Cites.  
 
 
Nonostante tutto in alcuni stati europei viene tuttora regolarmente cacciato e la popolazione è addirittura in costante aumento. In alcune zone impervie del centro Europa e dei Balcani si cerca di contenerlo con abbattimenti selettivi finalizzati ad impedirgli di creare problemi alla magra agricoltura locale, alla pastorizia o all’ecosistema in generale. Queste catture servono anche a fornire valuta pregiata da utilizzare per la salvaguardia della specie stessa. La tassa necessaria per l’abbattimento di un orso è alta ma proporzionata all’importanza del trofeo, e principalmente viene destinata ad aiutare i limitati budget delle “Famiglie” o dei distretti di caccia statali o autogestiti di quei Paesi che ne permettono il prelievo. Quelli che vantano le maggiori concentrazioni sono: alcune ex Repubbliche Sovietiche, l’ex Cecoslovacchia, la Bulgaria, la Croazia e la Romania.

 Affidandoci a delle competenti agenzie che nel novanta per cento dei casi sono statali, si hanno delle ottime probabilità di abbattere anche grossi capi da “medaglia” (a partire da 250 punti CIC è già bronzo). Le tecniche di caccia sono sostanzialmente tre: alla tana, in battuta e all’aspetto. In alcune nazioni si pratica anche la caccia con i cani. Quest’ultima tecnica consiste nell’utilizzare una piccola muta di ausiliari molto coraggiosi e ben addestrati, che dopo aver scovato l’orso lo bloccano fino al sopraggiungere del cacciatore che lo abbatte da brevissima distanza. E’ un metodo di caccia molto emozionante ma poco diffuso. Viene praticato soltanto in Svezia, in Russia e in Bulgaria.
 
 
 
Delle altre forme di caccia, viste le abitudini prevalentemente notturne dell’orso, quella che garantisce la più alta percentuale di successo e che allo stesso tempo permette di valutare con precisione il capo da abbattere (cosa fondamentale nella caccia selettiva), è l’aspetto al carnaio da un’altana chiusa. Si pratica durante il periodo di luna piena in inverno, prima che l’orso vada in letargo, e a primavera, subito dopo il risveglio. L’appostamento si pratica in prossimità di esche, collocate in punti strategici, alimentate tutto l’anno con carcasse di animali domestici (equini o bovini), granturco, biada, pane duro e con mangimi derivati dal pesce. L’orso è onnivoro e le sue abitudini alimentari risentono molto delle stagioni, del clima, delle sue condizioni fisiche e di molto altro ancora. Diverse guide e guardacaccia raccontano che mentre trascorrevano le nottate sulle “Ceke” (come vengono chiamare le altane nel Centroeuropa) in attesa dell’orso al carnaio, molte coltivazioni vicine venivano puntualmente depredate dal golosone “carnivoro” e c’è chi giura di averlo visto mangiare l’erba dei prati mentre praticava l’aspetto serale ai caprioli. 
 

Le altane per la caccia all’orso sono per tradizione un piccolo capolavoro di architettura. In meno di tre metri per tre trovi: un letto, due comode poltrone, un piccolo pensile con l’occorrente per rifocillarsi durante la notte, (frutta fresca, creckers, bibite, liquori, ecc) un sistema di batterie ricaricabili per alimentare uno o più fari alogeni, una stufa a gas, coperte e indumenti di ricambio. Per chi ha problemi di “incontinenza” sono disponibili persino delle bottiglie di plastica!! Come sistemazione potrebbe sembrare di una comodità esagerata ma, credetemi, non è così. Dove si pratica la caccia all’orso fa molto freddo, specialmente di notte, e la regola impone di salire sulla Ceka prima dell’imbrunire per poi ridiscenderne soltanto alle prime luci dell’alba, a volte dopo 9–10 ore di attesa. La posta si trova vicinissima al carnaio, spesso a meno di cinquanta metri, per questo motivo niente deve essere lasciato al caso perché gli acutissimi sensi dell’orso gli permettono di percepire facilmente la presenza dell’uomo.
Dopo questa doverosa prefazione eccoci arrivati all’argomento che più ci interessa: le armi e i calibri.
 
 
 
I cacciatori che si sono fatti scoprire nell’interno della Ceka, e che conseguentemente hanno causato l’immediata fuga dell’orso, nel novanta per cento dei casi sono stati traditi dal rumore provocato dalla loro carabina mentre prendevano la mira. Magari gli si era impigliata a qualcosa oppure la canna aveva urtato il soffitto della ceka, il telaio della finestra o addirittura la sedia. Questo fatto non è tanto dovuto a movimenti maldestri, quanto alle dimensioni delle loro armi. Ho sperimentato di persona che differenza c’è tra il maneggiare all’interno di una Ceka una carabina Weatherby (canna da 26”) e un’Express a canne corte (550 millimetri). Tutti i guardiacaccia e i “colleghi” che ho interpellato sono concordi con me nel ritenere che un’arma per praticare la caccia all’aspetto (anche ad altri selvatici come cinghiali e cervi e nocivi) da un’altana chiusa deve essere corta, compatta e maneggevole. Questa condizione escluderebbe subito a priori l’uso di calibri magnum che necessitano di canne lunghe da 610 a 660 millimetri e viste le distanze di tiro non se ne vede sinceramente la necessità. Durante una battuta in Croazia, mentre io ed un mio amico ci apprestavamo a provare le nostre armi: un’Express Bettinsoli calibro 9,3 x 74 R e una carabina Weatherby calibro 300 Magnum, i nostri guardacaccia ridendo sotto i baffi ci dissero: “Non ci sono elefanti da queste parti!!” Quei simpaticoni, affermarono tranquillamente che buoni calibri per l’orso erano il 7 x 57 e il 7 x 64 (anche in versione Rimmed), mentre per “grossi” calibri intendevano l’8 x 57 e il 30.06!

Cacciando tutta la grossa selvaggina europea (alce compreso) ho visto che i calibri “medi” (dai sette agli 8 millimetri) sono sempre stati all’altezza della situazione anche a distanze elevate, non dimentichiamo che un 7 Remington Magnum è in grado di abbattere un cervo pannonico anche oltre i trecento metri e una grossa alce entro i duecento. Riassumendo, per la caccia al plantigrado, che come precedentemente ho detto può superare i 350 chilogrammi, i calibri che molti cacciatori sia sportivi che professionisti apprezzano e consigliano sono nell’ordine: il 7 x 64 Brenneke, il 7 x 65 R, il 308 Winchester, il 30.06 Springfield, il .30 Blaser, l’8 x 57 JS – JRS, il 9,3 x 62 Mauser, il 9,3 x 74 R e nei calibri americani anche il 338 Winchester Magnum e il 35 Whelen. Poi ci sono i quattro grandissimi, come il 7 mm Remington Magnum, i 300 Winchester e Weatherby Magnum e l’intramontabile 8 x 68 Shuler (il mio preferito), che però non sono molto indicati per la caccia all’orso al carnaio, perchè si spara da molto vicino, a volte anche meno di cinquanta metri e da appostamenti chiusi. L’altissima velocità delle palle di quei calibri è sprecata se non addirittura dannosa. Ho visto un orso di centottanta chili con ambedue le spalle trapassate da una Nosler Partition da 180 grani sparata da un 300 Weath. (1000 m/sec), rientrare nel bosco senza accusare minimamente il colpo. Soltanto il sordo suono dell’impatto della palla ci ha tranquillizzato sull’esito del tiro. L’animale anche con la “cassa” completamente devastata aveva percorso alcune decine di metri, pochi si, ma intanto non essendo rimasto sul posto ci ha costretti a recuperarlo il mattino dopo.
 
 

Tutti i suddetti calibri devono montare delle palle abbastanza dure e pesanti, non è il caso di scendere sotto i 160 grani per i sette millimetri e i 180 per i sette e sessantadue e gli otto. Oggigiorno esistono delle munizioni tecnicamente perfette che sembrano create appositamente per questo tipo di caccia. Ottime come sempre sono: le Swift A–Frame, le Woodleigh, le Nosler Partition, le RWS Tug, KS e DK, Le Norma Oryx, Vulcan e Txp, le Blaser Cdp e tutte le monolitiche d’ultima generazione come Hasler e Fox Bullet. L’orso non è un grande incassatore e se ben colpito fa poca strada, ma ha una possente muscolatura e un’ossatura molto robusta. La palla adatta non deve essere eccessivamente veloce, ma deve avere una certa consistenza per garantire una giusta penetrazione.
 
 

Per l’arma lascio ad ognuno libera scelta in base ai propri gusti personali. Io ritengo insuperabile l’Express, sia giustapposto sia sovrapposto, per gli ovvi motivi di maneggevolezza e velocità di replica, ottime sono tutte le carabine bolt action compatte o ad azione corta come le Mauser 66, le Blaser 850/88 - R 93 – R8 e le mitiche Stutzen. Ancora buoni sono i combinati e i drilling, molto apprezzati dai cacciatori del posto che, chissà perché, in caso di necessità si affidano molto alla pesante palla calibro 12 o 16 delle canne lisce.

Due parole devo spenderle per l’ottica. La caccia all’orso si svolge prevalentemente di notte con la luna piena in condizioni di luce precarie a volte davvero proibitive. Un orso di duecento chili a trenta metri di distanza offre un’area vitale di quasi un metro quadrato (35 x 35 cm), un bersaglio più o meno alla portata di qualsiasi tiratore e le moderne ottiche di gran marca hanno tutte una ottima luminosità e una buona definizione, m quello che è davvero determinate è il RETICOLO. Adesso capisco perché i cacciatori del centro Europa che praticavano assiduamente in passato le cacce notturne all’orso, al cinghiale alla lince e alla volpe, usavano spesso il reticolo N° 1, quello con le tre barre ben marcate per intenderci. Oggi ci sono i reticoli illuminati e… i mirini digitali e termici…. A chi piace vincere facile. Io preferisco sempre cacciare in modo tradizionale, alla vecchia maniera, con un cannocchiale classico, ma confesso di portare nello zaino anche uno cannocchiale a visione notturna per ogni evenienza...purtroppo nessuno è perfetto. La taratura andrà verificata a 50 metri e prima d’intraprendere questa emozionantissima caccia è bene (senza disturbare i vicini!) allenarsi a mirare di notte e verso il basso, visto che le altane sono sempre poste da quattro a dieci metri di altezza.


Marco Benecchi
 
 
 
 

Tags:

Tuo Nome:
Titolo:
Commento:


162.158.78.80
Aggiungi un commento  Annulla 

25 commenti finora...

Re: L'orso bruno europeo: tecniche di caccia, armi e calibri

95% ah ah ah ma cosa ti sei fumato?????? ah ah ah

da ah ah ah  11/09/2019 15.01

Re: L'orso bruno europeo: tecniche di caccia, armi e calibri

Mangiate aglio a volonta' cicoria e vino genuino .Il 90 per cento dei mali sparira'.

da Kijiurt4  11/09/2019 11.53

Re: L'orso bruno europeo: tecniche di caccia, armi e calibri

un GRAZIE e un caro saluto a BANSBERIA persona squisita ciao.
Filippo, x i farmaci ho una tabella da seguire x non sbagliare sia farmaci e sopratutto dosi.
che vuoi farci?.......come diceva il mio povero nonno, a diventare
vecchi calano le palle e crescono i difetti.
Marco è ancora un giovanotto noi purtroppo.........
ciao FILIPPO e tanti auguri..PS volevo chiederti è più dura la accubond o la scirocco2 ???
caricata da SAKO grazie.. salute a tutti giancarlo

da carlo48  09/09/2019 12.33

Re: L'orso bruno europeo: tecniche di caccia, armi e calibri

Un forte"Iin bocca al lupo!".

da bansberia x carlo48  09/09/2019 9.29

Re: L'orso bruno europeo: tecniche di caccia, armi e calibri

Carissimo Carlo, non sai che piacere leggerti. Ovviamente un enorme in bocca al lupo per le tue cure. Io ieri ho fatto un check up, e per fortuna sembra che sia tutto a posto, ma il fatto è che durante il giorno devo prendere diversi farmaci, e così non posso mai dimenticarmi che sono anziano (per non dire vecchio). Accontentiamoci... tanta salute
Tornando all'orso, la macelleria croata dove ho comprato i salami non me li mica regalati... si tratta di carne pregiata!

da Filippo 53  08/09/2019 17.31

Re: L'orso bruno europeo: tecniche di caccia, armi e calibri

un caro saluto a Marco e sopratutto al caro vecchio amico Filippo.
non avrò mai la soddisfazione di cacciare l'orso ma tu chikicazzo, o come ti chiami,
portami la carne e poi vedrai mangerai i salami e ti leccherai le dita PAROLA......
chiedo scusa a tutti ma sto cikicaci potrebbe mettere il nome come tutte le persone serie?????
e per bene?? ciao a tutti Filippo. domani comincia altro ciclo di radio al centro alte energie spedali civili bs
salute a tutti giancarlo

da carlo48 x kikijikicazzo li o quel che è  08/09/2019 12.59

Re: L'orso bruno europeo: tecniche di caccia, armi e calibri

No come non detto ,era per dare piu' sostanza al discorso ,beccacce finte non ce ne sono . Non son mia polli colorati.

da kiprfy4  07/09/2019 21.09

Re: L'orso bruno europeo: tecniche di caccia, armi e calibri

salami di orso buoni? Croati ?

da Cheff  07/09/2019 16.19

Re: L'orso bruno europeo: tecniche di caccia, armi e calibri

Kkgyhy solo per curiosità, cosa intendi con "prendi una beccaccia vera"???? Io di finte non ne ho mai trovate!!!!

da Iacopo  06/09/2019 20.02

Re: L'orso bruno europeo: tecniche di caccia, armi e calibri

Sugli chef stellati sono perfettamente d'accordo. Invece confermo che i salami di orso che ho offerto ai miei commensali hanno riscosso un gran successo; e anche la carne vera e propria che ho mangiato in Croazia non era male. Certo, l'agnello scottadito mi piace di più, ma se si parla di gusti...

da Filippo 53  06/09/2019 16.28

Re: L'orso bruno europeo: tecniche di caccia, armi e calibri

Ricordate i nostri nonni?? i beccafichi pispole pettirossi prispoloni e strillozzi quando si potevano cacciare? Per fortuna ancora non esistevano gli chef altrimenti sarebbero riusciti a rovinare anche quelle prelibatezze .Andavano solamente spiumati e infilati allo spiedo al massimo una untatina di strutto di maiale vero casereccio e non lo schifo in scatoletta odierno che troviamo nei supermercato

da kikgyu  06/09/2019 16.04

Re: L'orso bruno europeo: tecniche di caccia, armi e calibri

Faccio un esempio prendi una beccaccia vera o una pernice di montagna ma secondo voi ha bisogno di panna o di aggiunta di brodo col glutammato?? ma andiamo!! gli cheff li piglierei tutti a calci nel clo assieme a tutti gli s tonzi che roteano calici annusando vino da 500 euro a bottiglia con dentro 40 additivi ammessi dallo stato e nemmeno lo sanno!!!!!Il vino vero a 2 euro a litro glielo farei assaggiare io a questi gran collioni!

da Kkigyhy  06/09/2019 15.45

Re: L'orso bruno europeo: tecniche di caccia, armi e calibri

Si ma sono gli cheff italiani che non capiscono piu' un cxxo!!!!Quando la carne e' carne, il pesce e' pesce e l'agnello e' agnello brado, gli chef sono anche di troppo . Questi collioni di chef stellati si sono montati la testa e come quel grandissimo collione che secondo me non sa fare neanche due spaghetti al pomodoro si mette a mischiare gamberi con la trippa e carne in umido nel the. chi vuol capire capisca. Quando un alimento e' buono sano e naturale non ha bisogno neanche del sale e' buono e basta.

da Kkigyhy  06/09/2019 15.41

Re: L'orso bruno europeo: tecniche di caccia, armi e calibri

La carne dell'orso fa schifo . sarà buona per chi non ha mai mangiato della carne buona. però la mangiano e sono contenti.. LORO... NOI ITALIANI ( i migliori al Mondo) abbiamo il palato fine non possiamo gradire certi alimenti. La nostra cucina è la PRIMA al Mondo abbiamo incredibili specialità nella nostra amata penisola dal nord al sud dall'est all 'ovest!! Solo gli stupidi vegani non possono comprendere certe cose...

da Cheff  06/09/2019 12.58

Re: L'orso bruno europeo: tecniche di caccia, armi e calibri

ALLORA OK l'importante e' non andare solo per ammazzare ma anche per mangiare.

da kkiur4iu  05/09/2019 14.53

Re: L'orso bruno europeo: tecniche di caccia, armi e calibri

La carne dell'orso "deve" essere (perché io non lo mangio, come non MANGIO Nessun tipo di selvaggina, specialmente quella che ho preso e macellato io) MOLTO buona
Perché TUTTE LE VOLTE che mi è capitato di abbattere orsi o di accompagnare cacciatori a caccia di orsi,
PUNTUALISSIMO arrivava il camion frigo per caricare la carcassa per portarla nella capitale: Lubiana, Zagabria, Stoccolma, ertc etc..per venderla a carissimo prezzo

Io purtroppo (sicuramente perché ho le mani "in pasta!" TUTTI I GIORNI 365 gg l'anno, sempre sporche di sangue
) non amo mangiare la selvaggina,
Preferisco un petto di pollo o una bistecchetta di maiale,
o meglio una pizza
Ma se a te piace anche l'alligatore o lo squalo, non vedo dov'è il problema.

Oppure dobbiamo rendere conto a te so come, quando e cosa mangiare?
MB

DIMENTICAVOI,
Ho capito (ma lo capirebbe anche un bambino di due mesi!) che di CACCIA A PALLA, in particolare di quella cosiddetta "Grossa" ne capisci davvero pochino, o forse meno...
Perché altrimenti DOVRESTI SAPERE che TUTTA LA CARNE
Orsi, alci, ELEFANTI, coccodrilli etc etc etc viene SEMPRE recuperata e in moltissimi CASI utilizzata per sfamare tribù intere,
Specialmente elefanti e bufali!

da Marco Benecchi x Kirji  05/09/2019 12.12

Re: L'orso bruno europeo: tecniche di caccia, armi e calibri

Non so come devo essere definito: confesso di avere cacciato orsi e di averne mangiato la carne... Ho in frigorifero ancora un paio di salami di orso! E non sono affatto male. E' grave????

da Filippo 53  05/09/2019 11.33

Re: L'orso bruno europeo: tecniche di caccia, armi e calibri

E ve lo sta dicendo un cacciatore.. figuriamoci cosa ne pensano i nostri nemici. Ammazzare leoni ammazzare elefanti ?? ma andiamo!!!!

da kirji  05/09/2019 9.21

Re: L'orso bruno europeo: tecniche di caccia, armi e calibri

Non vi e' alcun dubbio.. chi caccia in questo modo prova piacere ad ammazzare .Non si ammazzano animali per farsi fotografare assieme e senza nemmeno assaggiarne una bistecca alla brace. Questa e' demenza pura.

da kirji  05/09/2019 9.20

Re: L'orso bruno europeo: tecniche di caccia, armi e calibri

ORAMAI SIAMO ALLA FOLLIA TOTALE. Ma chiedo, avete almeno mangiato la carne di questo orso facilmente Abbattuto?

da kirji  05/09/2019 9.18

Re: L'orso bruno europeo: tecniche di caccia, armi e calibri

caccia a orso maria guerrini

da kih  05/09/2019 5.40

Re: L'orso bruno europeo: tecniche di caccia, armi e calibri

Di nulla,
Comunque tutto quello che si dice e/o è stato detto per il 45/70 va bene anche per il 450 Marlin, anche se quest'ultimo è più moderno e prestante!
M

da Marco B x Arrabbiato 67  04/09/2019 15.13

Re: L'orso bruno europeo: tecniche di caccia, armi e calibri

Grazie Marco. Ci tenevo ad avere un Tuo parere!Cordialità

da Arrabbiato 67  04/09/2019 13.28

Re: L'orso bruno europeo: tecniche di caccia, armi e calibri

potrebbe essere perfetto,
Anche se un pochino esuberante.
Comunque la combinazione 450 Marlin carabina a leva per la caccia all'orso è MOLTO praticata in Nord America..
Calibro risolutore in arma corta e maneggevole!
M

da Marco B x Arrabbiato 67  04/09/2019 11.28

Re: L'orso bruno europeo: tecniche di caccia, armi e calibri

E il poco conosciuto 450 Marlin?

da Arrabbiato 67  04/09/2019 7.10
Cerca nel Blog
Lista dei Blog