Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Archivio
<settembre 2019>
lunmarmergiovensabdom
2627282930311
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30123456
Mensile
settembre 2019
agosto 2019
luglio 2019
giugno 2019
maggio 2019
aprile 2019
marzo 2019
febbraio 2019
gennaio 2019
dicembre 2018
novembre 2018
ottobre 2018
settembre 2018
agosto 2018
luglio 2018
giugno 2018
maggio 2018
aprile 2018
marzo 2018
febbraio 2018
gennaio 2018
dicembre 2017
novembre 2017
ottobre 2017
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
aprile 2011
marzo 2011
febbraio 2011
gennaio 2011
dicembre 2010
novembre 2010
ottobre 2010
settembre 2010
agosto 2010
luglio 2010
giugno 2010
maggio 2010
aprile 2010
marzo 2010
febbraio 2010
gennaio 2010
dicembre 2009
novembre 2009
ottobre 2009
settembre 2009
agosto 2009
luglio 2009
giugno 2009
maggio 2009
aprile 2009
marzo 2009
febbraio 2009
gennaio 2009
dicembre 2008
novembre 2008
ottobre 2008
settembre 2008
agosto 2008
maggio 2008
aprile 2008
marzo 2008
febbraio 2008
gennaio 2008
dicembre 2007
novembre 2007
ottobre 2007
settembre 2007
agosto 2007
luglio 2007
giugno 2007
ago30


30/08/2019 

1. Brucia l'Amazzonia e tutti si preoccupano del conseguente consumo di ossigeno a causa della distruzione delle foreste e dei loro alberi. C'è qualcuno che si chieda come mai la stessa perdita non viene denunciato per il taglio degli alberi nelle Nazioni ricche?

C'è qualcuno che si chieda come mai da noi si possono abbattere alberi secolari se in cambio si propone di piantare poi pianticelle di pochi anni di vita? C'è qualcuno che si chieda se non sarebbe più facile ed utile preservare i nostri alberi adulti dei boschi appartenenti allo Stato e alle Regioni, che invece vengono regolarmente veduti per fare cassa?

E che dire della possibilità di offrire contributi ai Comuni in cambio di loro rinunce al taglio dei boschi comunali d'alto fusto? O la produzione di ossigeno è inversamente proporzionale se le foreste appartengo ai popoli poveri della Terra (produttori di ossigeno) o ai popoli ricchi (che evidentemente non è allora importante se producono o meno ossigeno: l'importante è che rendano soldi!)? A quando un ONU per finanziare l'acquisto dell'Amazzonia per farne un Parco Internazionale, offrendo al Brasile quella rendita a cui il suo popolo dovrà rinunciare per soddisfare le richieste delle altre Nazioni, specie quelle ricche che a casa loro tagliano e vendono legname fregandosene della CO2 e della produzione di ossigeno che si pretende dal povero Brasile (Colombia, Venezuela, ecc.)?

2. E si scioglie la Groenlandia (?). Ecco, a proposito che ne ha scritto il Prof. Francesco Battaglia dell'Università di Modena su il Giornale del 25 agosto: "Lo scorso 3 agosto i TG di ogni ordine e grado, comunicano la seguente allarmante notizia: il giorno prima s'erano sciolti in Groenlandia 11 miliardi di metri cubi di ghiaccio. Ma la superficie della Groenlandia coperta di ghiacci ammonta a 1.700 miliardi di metri quadrati, e dividendo volume per superficie di base si scopre che l'allarmante notizia era che quel 2 agosto la superficie di ghiacci della Groenlandia s'era erosa di 6 millimetri. Siccome, poi, i ghiacci in Groenlandia sono profondi in media 2 chilometri, se ne deduce che l'erosione di 6 mm su 2 Km non è alla fine una notizia allarmante (un erosione che si riformerà il prossimo inverno). Se l'aritmetica da terza elementare sembra essere fuori della portata anche dei direttori dei Tg nazionali, figurarsi elementi di chimica. Che però gli avrebbero fatto concludere che l'allarmante notizia non solo non era allarmante, ma non era neanche una notizia: l'insolazione sulla Groenlandia in un giorno di piena estate è perfettamente compatibile col calore latente di fusione di 11 miliardi di tonnellate di ghiaccio. Insomma, è come se al Tg di mezzogiorno avessero diramato la seguente allarmante notizia: fra meno di 10 ore il Paese piomberà nel buio."

3. E sulla centrale nucleare di ultima generazione della Russia (quella galleggiante, che si sposterà per 5 mila chilometri dell'Artico siberiano? Essa quando giungerà a destinazione fornirà energia per una città di 100 mila abitanti: abitazioni, impianti industriali e minerari. Ora chiediamoci, prima di strillare al rischio nucleare: quante torri eoliche servirebbero per fornire la stessa energia? O, quanti pannelli solari, su quanta estensione di territorio? E il loro danno all'ambiente, fauna, flora e paesaggi non sarà un rischio, ma una certezza. Saranno lo stesso ritenute più ecologiche del rischio (che non significa che debba poi succedere) di una centrale nucleare? Ecco, riflettere sui dati a volte dovrebbe essere un dovere, anziché strillare al lupo al lupo alla prima ombra che ci compaia davanti nottetempo, e riflettere se è il caso di accettare un danno certo per timore di un danno solo ipotetico.

 

Tags:

Tuo Nome:
Titolo:
Commento:


162.158.78.80
Aggiungi un commento  Annulla 

1 commenti finora...

Re: Aiw: allarmismo ambientale

Sempre più convinto che AIW sia l’unica vera associazione ambientalista, la sola dotata di raziocinio in Italia

da Fabe  30/08/2019
Cerca nel Blog
Lista dei Blog