Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Archivio
<marzo 2019>
lunmarmergiovensabdom
25262728123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031
1234567
Mensile
marzo 2019
febbraio 2019
gennaio 2019
dicembre 2018
novembre 2018
ottobre 2018
settembre 2018
agosto 2018
luglio 2018
giugno 2018
maggio 2018
aprile 2018
marzo 2018
febbraio 2018
gennaio 2018
dicembre 2017
novembre 2017
ottobre 2017
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
aprile 2011
marzo 2011
febbraio 2011
gennaio 2011
dicembre 2010
novembre 2010
ottobre 2010
settembre 2010
agosto 2010
luglio 2010
giugno 2010
maggio 2010
aprile 2010
marzo 2010
febbraio 2010
gennaio 2010
dicembre 2009
novembre 2009
ottobre 2009
settembre 2009
agosto 2009
luglio 2009
giugno 2009
maggio 2009
aprile 2009
marzo 2009
febbraio 2009
gennaio 2009
dicembre 2008
novembre 2008
ottobre 2008
settembre 2008
agosto 2008
maggio 2008
aprile 2008
marzo 2008
febbraio 2008
gennaio 2008
dicembre 2007
novembre 2007
ottobre 2007
settembre 2007
agosto 2007
luglio 2007
giugno 2007
mar1


01/03/2019 9.42 

 

La Antonio Zoli Spa, anche se non ha assolutamente bisogno di presentazioni, è doveroso annoverarla come una tra le più grandi ed antiche aziende italiane produttrici di armi lisce sportive da caccia e da tiro, famosa ed apprezzata in tutto il mondo.

E’ una fonte d’orgoglio del “made in Italy” per la superba produzione di doppiette e di sovrapposti, di meravigliosi express, sia sovrapposti sia giustapposti, di versatili combinati e drilling misti, ma anche di precisissime carabine ad otturatore scorrevole-girevole. La Antonio Zoli, nella sua lunga storia di costruttrice d’armi sportive, è divenuta sinonimo di tradizione ed innovazione, sopratutto per la ricerca costante e per la passione mai spenta. Queste caratteristiche hanno garantito ai suoi prodotti un’evoluzione ricca di soluzioni tecniche all’avanguardia, sempre in linea con la vecchia tradizione. Oggi la nota ditta gardonese è orgogliosa di presentare una nuova generazione di prodotti come risultato di un progetto ambizioso, che pone al proprio centro un concetto di qualità privo di compromessi. L’esito è rappresentato da una gamma d’armi da caccia e da tiro caratterizzata dalla rivoluzione tecnica, dal design classico, ma rispettosa dei canoni stilistici della grande tradizione armigera.

 

 



Agli inizi degli anni ’80 pochi costruttori al mondo potevano vantare una produzione di sovrapposti, di doppiette da caccia, di express e dei tanto amati combinati. Ma Giuseppe Zoli, indomito pioniere dell’archibugeria italiana, sempre alla ricerca di nuovi orizzonti e di nuove sfide, decise che era finalmente pronto a cimentarsi anche nella realizzazione di carabine ad otturatore da caccia. E’ così che nacque la prima AZ 1900, l’arma tuttora fiore all’occhiello della produzione Zoli, che ha dato e che sta dando molte soddisfazioni all’azienda. La bella, precisa ed affidabile carabina Bolt Action gardonese, originariamente ispirata alla svedese Husqvarna, dal modello Varmint alla Alpen Special viene prodotta in numerosi calibri e con diversi gradi di finitura. Sotto la guida di Paolo Zoli, il dinamicissimo figlio di Giuseppe (nipote di Antonio!) prende forma il progetto. Nel corso dei suoi sessant’anni di storia le modalità di produzione sono cambiate notevolmente per adeguarsi ai tempi. Gradualmente si è passato dalle macchine di tipo tradizionale, alimentate a cinghia e dal grande impiego manuale, alle macchine a controllo numerico d’ultimissima generazione, ma il tocco finale viene sempre dalle sapienti mani degli operai altamente qualificati.

Tornando a noi, quando “Mastro Giuseppe” decise di costruire una buona carabina da caccia, precisa, robusta ed affidabile, senza farne mistero copiò radicalmente il progetto supercollaudato della carabina svedese Husqvarna modello 1900. Quel che colpì Zoli della H 1900, fu soprattutto la grande semplicità e l’efficienza del progetto ideato originariamente da Gunnar Larsonn. La ditta Zoli già da diverso tempo godeva di un’ottima fama nei paesi scandinavi, tanta che, quando decise di avviare la produzione della AZ 1900, furono i dirigenti stessi della Husqvarna a proporgli di collaborare insieme, mettendogli a disposizione il loro Know How, per garantire che il livello qualitativo delle loro armi rimanesse inalterato. D’allora sono passati quasi trent’anni e di carabine modello AZ 1900, da via Zanardelli a Gardone VT ne sono uscite decine e decine di migliaia, in molteplici calibri e con infiniti gradi di finitura.

 



Come ben sappiamo, la carabina Bolt Action Zoli 1900 riprende la classica e collaudata architettura delle svedesi Husqvarna, le cui caratteristiche fondamentali sono rimaste pressoché inalterate, e noi cercheremo di descriverle meglio nel dettaglio. L’otturatore reca in testa due alette di chiusura contrapposte; a differenza della classica meccanica Mauser K98, in cui l’aletta di chiusura sinistra è tagliata a metà per consentire il passaggio dell’espulsore, entrambi i tenoni sono “pieni”. L’aletta superiore reca un’appendice simile a una costolatura che funge da guida di scorrimento. L’espulsore è del tipo a pistoncino ed è collocato, a otturatore chiuso, sotto il foro del percussore, mentre l’estrattore, che è del tipo a gancio ed è incassato nel corpo dell’otturatore, è posizionato alle ore una; la scelta della tipologia di questi due componenti della meccanica garantisce sia la precisione di tiro sia l’affidabilità di funzionamento dell’arma. Il lungo percussore lanciato è avvolto dalla molla elicoidale che gli fornisce la spinta cinetica ed è coassiale al corpo dell’otturatore. La sicurezza manuale è costituita da una leva collocata sul lato destro dell’arma, dietro al manubrio dell’otturatore; è inseribile solo a percussore armato. La carabina è anche fornita di un pulsante di sblocco, posizionato davanti al manubrio stesso che deve essere premuto per consentire l’apertura dell’otturatore quando è inserita la sicurezza manuale; ciò costituisce un ulteriore elemento di sicurezza nell’uso dell’arma. Per sfilare l’otturatore dalla culatta occorre premere completamente il grilletto, operazione che deve essere effettuata anche quando si intende riposizionare l’otturatore nella sua sede. La culatta reca le sedi delle alette di chiusura dell’otturatore nonché la sede filettata per il fissaggio della canna; è inoltre presente un’aletta di rinculo (recoil lug) di generose dimensioni sotto l’anello di culatta, che garantisce un accoppiamento molto solido dell’azione con il calcio; il foro della seconda vite di fissaggio dell’azione al legno è ricavato sull’estremità della coda della culatta. Compongono il serbatoio una scatola in lamiera entro cui scorre l’elevatore in acciaio ricavato dal pieno spinto dalla classica molla a lamina; il fondello è incernierato anteriormente e può essere aperto agendo sulla leva presente all’interno del ponticello del grilletto. La canna è in acciaio trilegato al Ni-Cr-Mo ed è ricavata per rotomartellatura a freddo. Presenta un profilo esterno conico e nel caso di un calibro .30.06 il passo di rigatura, twist, è di 254 millimetri, un giro in 10”.




MATERIALI E FINITURE

Per la realizzazione delle carabine Zoli AZ 1900 si fa ricorso alle tecniche di lavorazione tradizionali per asportazione di materiale dal pieno, certo più onerose rispetto alla microfusione, ma che forniscono un miglior risultato finale sia in termini di bontà dell’esecuzione dell’arma sia in termini di prestazioni balistiche. E’ bene precisare che il termine “tradizionali” può indurre in errore, perché anche la tecnica della lavorazione dei pezzi dal pieno per asportazione di truciolo, vecchia quanto le armi da fuoco, può essere eseguita, come è il caso della Zoli, con i moderni macchinari a controllo numerico computerizzato. Il corpo e la testa dell’otturatore sono in un solo pezzo, ricavati per tornitura e fresatura da una barra di acciaio al carbonio. Anche la culatta è ottenuta da una barra di acciaio forgiata di notevoli dimensioni quanto da essa deve essere ricavata anche l’aletta di rinculo; questa barra viene macchinata e brocciata per essere poi sottoposta a trattamenti termici d’indurimento. La carabina Zoli AZ1900 viene offerta in molteplici allestimenti: Standard, Lux (che presenta l’incisione a motivi floreali dell’azione, la finitura a bastoncino del corpo dell’otturatore e il calcio in noce scelto), Super Lux (incisione a mano sia dell’azione che del fondello del serbatoio, medaglione in argento incassato nella coccia del calcio a pistola che presenta pure il puntale e la coccia in palissandro e lo zigrino “scozzese”, scatto rettificato, messa a punto della meccanica e a richiesta glass bedding integrale), Stutzen (canna da 53 centimetri con calciatura che si estende fino alla volata); la Alpen (una via di mezzo tra la Lux e la SL). C’è anche la AZ 1900 LH mancina, la Bavarian in molteplici versioni, la Black Magic e Silver Magic in sintetico, la Pro S, da Battuta. Insomma, la Zoli ha veramente costruito modelli per tutti i gusti e per tutte le tasche.
 



IL CALCIO

Il calcio del tipo a pistola reca un vistoso poggiaguancia; la sua conformazione risulta confortevole e fisiologica. Le zone in corrispondenza dell’astina e dell’impugnatura sono zigrinate e tale finitura è stata apprezzata per la sua funzionalità per niente fastidiosa. Il calciolo in materiale sintetico rigido è sottilissimo e contribuisce poco ad ammortizzare il rinculo, specialmente quando si utilizzano calibri magnum. Il noce utilizzato per la realizzazione della calciatura è di origine centroeuropeo di buona qualità; viene sottoposto a evaporazione ed essiccazione finale in un forno controllato elettronicamente e poi lavorato con macchine a CNC. Anche le operazioni di rifinitura (levigatura, lucidatura, ecc.) sono ovviamente eseguite a mano. La calciatura delle AZ 1900 le vedo un po’ lunghe per i “fisici” italiani, ma come dice Mastro Giuseppe: “Un calcio lungo può essere tagliato, uno corto no!”. Possiamo dargli torto?

LE MIRE

L’arma è fornita dell’usuale alzo a foglietta, regolabile in altezza e derivazione, collocato sulla canna e di un mirino a perla protetto da tunnel forato. In questo particolare allestimento la coppia di mire metalliche funge da back up ed ha utilizzo soltanto in casi limitati (per esempio la ricerca di un capo ferito all’interno del bosco fitto). Ovviamente destano maggiore interesse gli attacchi che potrebbero esserci montati sopra. Personalmente sceglierei i nuovissimi CA a Sgancio Rapido ideati dai Fratelli Contessa, Alessandro e Andrea. Si tratta di un kit di montaggio eccezionale e veramente rivoluzionario, perché permette di poter montare, smontare e rimontare in tutta sicurezza molteplici strumenti ottici, dal Punto Rosso elettronico, al cannocchiale convenzionale, al visore notturno ad intensificazione di luminescenza. Questa carabina rappresenta un’alternativa molto valida sia alle Bolt Action di produzione statunitense sia a quelle di produzione tedesca, austriaca e cecoslovacca. Ogni carabina Zoli, proprio perché fabbricata industrialmente, può essere personalizzata in tantissimi modi, dal terminale dell’otturatore, all’inserto della zona della pistola del calcio con il logo aziendale, con diversi gradi di incisione sia sulla carcassa sia sullo sportellino del caricatore, dal freno di bocca al Glass Bedding, agli inserti di palissandro per finire agli zigrini manuali; in questa maniera ogni cacciatore può scegliere la propria arma secondo le proprie necessità e/o secondo il proprio portafoglio, rendendola unica nel suo genere.




Marco Benecchi

 
 
 
 

Tags:

Tuo Nome:
Titolo:
Commento:


162.158.79.171
Aggiungi un commento  Annulla 

3 commenti finora...

Re: Le Carabine ZOLI AZ 1900 “Orgogliose di essere italiane, ma di origini svedesi”

felice possessore di una AZ da 5 annin da zero a 400 metri non ha mai sbagliato un colpo che non fosse per causa mia... mannaggia alla buck fever...

da Christian  12/03/2019 19.22

Re: Le Carabine ZOLI AZ 1900 “Orgogliose di essere italiane, ma di origini svedesi”

Queste Zoli sono MOLTO oneste se non fosse per un....
Diciamo "piccolo difetto"...
Hanno TUTTE i calci estremamente lunghi...
Ne ho parlato proprio con il sig. Giuseppe Zoli e Lui, innocentemente mi ha detto:
"I calci lunghi si possono accorciare quelli corti non si possono allungare!"
Ora vai un po' a dargli torto??
Sicuramente l'impressione del rinculo maggiore te la può dare anche una imbracciatura non proprio perfetta....

Guarda che bestia di pala ha l'arma in oggetto e che cosa mi sono dovuto inventare per poter portare l'oculare del cannocchiale ad una distanza ragionevole dall'occhio del tiratore...

Un caro saluto
M

da Marco B x Massi  04/03/2019 15.47

Re: Le Carabine ZOLI AZ 1900 “Orgogliose di essere italiane, ma di origini svedesi”

Ciao Marco...come sai ne ho una in calibro 270 w presa "bene" un paio di anni or sono..Bell'arma la Zoli AZ 1900.niente da dire...
Ho notato solo un particolare non di poco conto rispetto la Voere Kufstein 2165 sempre in calibro 270 w,presente anche'essa nella mia rastrelliera : uguale munizione sparata nella medesima condizione climatica,secondo me la Zoli scalcia molto ma molto di più della "concorrente" austriaca.
Ma può essere solo una mia impressione.... (?)

Un caro saluto al maestro.....

da Massi  04/03/2019 14.39
Cerca nel Blog
Lista dei Blog