Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Archivio
<ottobre 2020>
lunmarmergiovensabdom
2829301234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930311
2345678
Mensile
ottobre 2020
settembre 2020
agosto 2020
luglio 2020
giugno 2020
maggio 2020
aprile 2020
marzo 2020
febbraio 2020
gennaio 2020
dicembre 2019
novembre 2019
ottobre 2019
settembre 2019
agosto 2019
luglio 2019
giugno 2019
maggio 2019
aprile 2019
marzo 2019
febbraio 2019
gennaio 2019
dicembre 2018
novembre 2018
ottobre 2018
settembre 2018
agosto 2018
luglio 2018
giugno 2018
maggio 2018
aprile 2018
marzo 2018
febbraio 2018
gennaio 2018
dicembre 2017
novembre 2017
ottobre 2017
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
aprile 2011
marzo 2011
febbraio 2011
gennaio 2011
dicembre 2010
novembre 2010
ottobre 2010
settembre 2010
agosto 2010
luglio 2010
giugno 2010
maggio 2010
aprile 2010
marzo 2010
febbraio 2010
gennaio 2010
dicembre 2009
novembre 2009
ottobre 2009
settembre 2009
agosto 2009
luglio 2009
giugno 2009
maggio 2009
aprile 2009
marzo 2009
febbraio 2009
gennaio 2009
dicembre 2008
novembre 2008
ottobre 2008
settembre 2008
agosto 2008
maggio 2008
aprile 2008
marzo 2008
febbraio 2008
gennaio 2008
dicembre 2007
novembre 2007
ottobre 2007
settembre 2007
agosto 2007
luglio 2007
giugno 2007
ott21


21/10/2018 

Stamani eravamo a caccia, col mio amico Antonio. Una splendida giornata con un bel sole che sembra ancora agosto, una giornata come tante passate insieme come fin da ragazzi. Antonio non era cacciatore, ma gli bastò venire una mattina per rimanere folgorato e correre a dare l’esame della licenza e da quel giorno anche dentro di lui arde quel “fuoco sacro” che è insito nell’uomo dalla notte dei tempi, fin da quando il primo essere umano ha calcato il suolo terrestre.

Passa un gruppo di persone in visita ad un vicino bosco. Ci sono bambini e genitori ed una signora vestita di bianco che sta facendo da Cicerone: si atteggia da guida turistica, e forse lo è davvero, ma non è in divisa. Due bambini si accorgono di me, e con curiosità ma mi è sembrato anche un certo entusiasmo, dicono agli altri del gruppo che lì vicino c’è uno col fucile, e c’è anche un cagnolino (la mia breton) e si azzardano a salutarmi con la manina. Sento chiaramente la “capo comitiva” che consiglia di non avvicinarsi, e di non salutare; e siccome siamo vicini vedo chiaramente un’espressione delusa nei bambini. Mi sento un appestato, una persona da scansare, come se fossi un delinquente. La cosa mi disturba ma mantengo il mio normale atteggiamento e mi avvicino ai bambini sorridendo, prendo la canina che è un po’ timorosa di chi non conosce, mi inginocchio e gliela faccio accarezzare. L’avessi mai fatto! Quella che sembra una guida richiama immediatamente i bambini, nel silenzio degli stessi genitori che non hanno profferito parola e porta tutti via con autorità. La stessa cosa che farei io con i miei figli di fronte ad una manifestazione di Black Block in assetto di guerra contro le forze dell’Ordine, la stessa cosa che farei io con i miei figli trovandomi nel bel mezzo di una grave situazione di pericolo.

Cerco di parlare, chiedo quale è il problema, spiego che sono in perfetta regola, che l’appostamento è regolarmente pagato, così come la mia licenza di caccia ma, con fare perentorio la signora porta via tutti. Torno dal mio amico che sta raccogliendo i pochi bossoli sparati, scherzo sull’accaduto ma mi si rivoltano le viscere dalla rabbia. Avrei voluto fermarli tutti, avrei voluto dire che quell’atteggiamento così marcatamente ostile non aveva senso, avrei voluto sottolineare che il cacciatore munito di regolare porto d’armi uso caccia è per forza una persona specchiata, che è una persona che per forza deve avere tutte le facoltà psicomotorie a posto, che deve avere una fedina penale immacolata. Che non può avere atteggiamenti violenti di nessun tipo, che non può alzare un dito verso nessuno, quasi nemmeno per difendersi: basta una semplice querela e si perde immediatamente il Porto d’Armi. Proprio per questo avrei voluto dire che se fra una moltitudine di persone si vede qualche individuo vestito con gli abiti da caccia si può essere ben sicuri che quelle sono persone per bene. Avrei voluto dire tante cose, soprattutto a quei bambini, ancora non lobotomizzati da un bombardamento mediatico ostile alla caccia senza precedenti nella storia e che, tra l’altro, assolutamente non riscontrabile in altro paese al mondo. “Andiamo via che è meglio, non ti ci confondere, non ci pensare più” dice Antonio, al secolo “Beppone”. E ci avviamo verso casa ma non digerisco quello sguardo di disprezzo della guida turistica. Disprezzo verso di me, che campo la famiglia col sudore della fronte, che pago le tasse, che cerco di vivere nella più totale onestà. Disprezzo verso di me che mi arrabatto a cercare di essere un cittadino modello. Ribollo di rabbia pensando alla sguardo deluso di quei bambini, richiamati ad un assoluto ed insindacabile “dovere” animalista. Sono orgoglioso di non far parte dei lobotomizzati.



Alessandro Fulcheris

Tags:

Tuo Nome:
Titolo:
Commento:


162.158.63.116
Aggiungi un commento  Annulla 

7 commenti finora...

Re: Breve storia di un popolo di lobotomizzati

Anni e anni di campagne anticaccia in te e sui giornali lasciano il segno. Specie se nessuno si impegna e SPENDE per cercare di controinformare i non cacciatori. Da un calcolo veloce risulta che le AAVV incassano ogni anno dai cacciatori circa 15.000.000 di euro al netto del costo della assicurazione. È una cifra importante se si pensa che una pagina di pubblicità su Corriere della Sera o Repubblica costa circa 100.000 euro. Ma i soldi finiscono altrove...

da Luca  26/10/2018

Re: Breve storia di un popolo di lobotomizzati

Bhè, Alessandro, non ti crucciare, anzi, stai sicuro che ci saranno due bambini e futuri adolescenti moooolto curiosi e ansiosi di saperne di più sulla caccia....

da fabry  26/10/2018

Re: Breve storia di un popolo di lobotomizzati

Guardate che ho letto su un social una discussione aperta da un "lobotomizzato" appunto che addirittura chiedeva tra il proprio cane e un uomo in pericolo chi avrebbero salvato.Immaginate le risposte dei lobotomizzati come la dama bianca di cui sopra.Salvo che se gli stessi si fossero trovati sul Titanic a scegliere con un loro figlio,credo,passatemi l'espressione,sarebbero stati caxxi del cane.

da Un cervello,non lexus  25/10/2018

Re: Breve storia di un popolo di lobotomizzati

lexus guardati allo specchio e mentre ti guardi prova a chiederti per quale ragione un essere inutile come te vive ancora .

da fausto  24/10/2018

Re: Breve storia di un popolo di lobotomizzati

Ohhhhhh piccolo orsacchiotto, s'è sentito offeso dall'atteggiamento marcatamente ostile di quei cattivoni...

da Lexus  23/10/2018

Re: Breve storia di un popolo di lobotomizzati

una pidiota con la testa vuota piu di un tamburo cosa volete pretendere??
hanno in testa solo il pallino di abolire la caccia. guida quella?????? hahahahaha una oca con testa di cxxxx che non distingue una spiga di grano da una quercia dovevi reagire. (POVERACCI ANCHE I GENITORI)

da carlo48  23/10/2018

Re: Breve storia di un popolo di lobotomizzati

Forse era meglio che gli dicevo tutto quello che pensavi,molto probabilmente tutti gli altri che ti ascoltavano pensavano diversamente da quella ignorante di guida.

da Iano62  22/10/2018
Cerca nel Blog
Lista dei Blog