Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Archivio
<ottobre 2020>
lunmarmergiovensabdom
2829301234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930311
2345678
Mensile
ottobre 2020
settembre 2020
agosto 2020
luglio 2020
giugno 2020
maggio 2020
aprile 2020
marzo 2020
febbraio 2020
gennaio 2020
dicembre 2019
novembre 2019
ottobre 2019
settembre 2019
agosto 2019
luglio 2019
giugno 2019
maggio 2019
aprile 2019
marzo 2019
febbraio 2019
gennaio 2019
dicembre 2018
novembre 2018
ottobre 2018
settembre 2018
agosto 2018
luglio 2018
giugno 2018
maggio 2018
aprile 2018
marzo 2018
febbraio 2018
gennaio 2018
dicembre 2017
novembre 2017
ottobre 2017
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
aprile 2011
marzo 2011
febbraio 2011
gennaio 2011
dicembre 2010
novembre 2010
ottobre 2010
settembre 2010
agosto 2010
luglio 2010
giugno 2010
maggio 2010
aprile 2010
marzo 2010
febbraio 2010
gennaio 2010
dicembre 2009
novembre 2009
ottobre 2009
settembre 2009
agosto 2009
luglio 2009
giugno 2009
maggio 2009
aprile 2009
marzo 2009
febbraio 2009
gennaio 2009
dicembre 2008
novembre 2008
ottobre 2008
settembre 2008
agosto 2008
maggio 2008
aprile 2008
marzo 2008
febbraio 2008
gennaio 2008
dicembre 2007
novembre 2007
ottobre 2007
settembre 2007
agosto 2007
luglio 2007
giugno 2007
ott16


16/10/2018 

Mantova ricorso al Tar In risposta all'articolo Incidente Apricale, perché la politica permette a un cacciatore di entrare col fucile nel mio terreno pubblicato su Il Fatto Quotidiano, a firma del blogger Fabio Balocco, pubblichiamo la lettera inviata al quotidiano (e inviata anche alla nostra redazione), del cacciatore Loris Berardi.

Spett.le Redazione de Il Fatto Quotidiano,

Egr. Direttore,

Con la presente Vi contatto in merito all’articolo del 01/10/2018 scritto scritto dal Sig.re Fabio Balocco sul proprio blog e pubblicato online sul Vostro sito internet e sul Vostro profilo Facebook.

L’articolo in questione è stato scritto a riguardo del tragico incidente di caccia avvenuto recentemente nei boschi di Apricale (IM).

Premetto che sono un lettore de Il Fatto Quotidiano fin dal primo anno di uscita, lo acquisto con frequenza poiché lo ritengo un giornale valido e che da sempre si impegna a fornire un’informazione di qualità ai propri lettori.

Nonostante la mia personale stima, che rinnovo, nei confronti della Vostra testata, purtroppo non sono d’accordo su ciò che è stato scritto dal Sig.re Balocco.

L’attività venatoria non è sicuramente, in questo momento, un terreno fertile su cui trovare piantati i semi per far nascere un dialogo costruttivo e né da parte di chi la pratica e la sostiene né tantomeno da chi la abolirebbe vengono adottati gli atteggiamenti corretti.

In ogni articolo, opinione, intervento che leggo o che sento inerente alla materia di caccia, non vi è mai un riferimento alla legge che in Italia regolamenta l’attività venatoria.

La legislazione in merito non viene mai menzionata, citata o presa come esempio, e dire che è ben precisa e può fornire numerose indicazioni utili.

Balocco scrive: “Si passa dagli animali da reddito… alla selvaggina, destinata a essere abbattuta dalle doppiette. Dalle mattanze si salvano poche specie. Spesso perché in numeri troppo ridotti per accanircisi contro.”

Questa affermazione è decisamente mendace, innanzitutto un prelievo venatorio che rispetta un piano faunistico venatorio di riferimento non è sicuramente una mattanza ed è sbagliato affermare che siano poche le specie a non essere oggetto di caccia.

Basterebbe leggere la legge n. 157 del 1992 per comprendere che le specie cacciabili durante la stagione venatoria sono in realtà poco numerose.

È vero semmai il contrario, sono la quasi totalità delle specie selvatiche a essere protette o particolarmente protette.

Inoltre è una palese contraddizione sostenere che a salvarsi siano “le specie troppo ridotte per accanircisi contro”, è evidente che se una specie dovesse avere delle difficoltà e dovesse essere ritenuta per un qualsiasi motivo (pressione venatoria, malattie, cambiamenti climatici, ecc.) a rischio e vulnerabile, non verrebbe insidiata, ma non perché casualmente e senza una logica si ritenga moralmente corretto non cacciare specie a rischio, ma perché vengono effettuati controlli e censimenti ben precisi sulla fauna selvatica e in base a quello vengono di volta in volta stabiliti i piani faunistico venatori.

L’ISPRA si occupa di questo e in riferimento alle specie che per legge sono da ritenersi cacciabili, nel caso in cui l’istituto in questione ritenesse necessario sospenderne o ridurne il prelievo venatorio, è ovviamente obbligatorio rispettare tali provvedimenti.

Potrà sembrare paradossale, ma la legge n. 157 del ’92 contiene quasi sempre tutele per la fauna selvatica e al tempo stesso divieti e obblighi per chi pratica l’attività venatoria.

Sempre Balocco: “i nostri governanti non hanno mai voluto mettere mano alla modifica dell’art. 842 C.C., il quale prevede che il cacciatore può impunemente entrare nel mio fondo, a meno che io proprietario non spenda un patrimonio per recintarlo. A dimostrazione che la proprietà privata viene tutelata solo se conviene elettoralmente: uno non può entrare in casa mia con una pistola, ma può entrare col fucile nel mio terreno.”

Altra affermazione particolarmente imprecisa, faziosa e finalizzata non certo al solo discorso intorno alla caccia.

Quando il Sig.re Balocco scrive che un cacciatore può “impunemente” entrare in un fondo, cosa vorrebbe dire di preciso? Quale colpa, per la quale dovrebbe essere addirittura punito, avrebbe un regolare cacciatore in possesso di un regolare porto di fucile e di una regolare licenza di caccia?

Anche l’accesso ai fondi è ben regolamentato e di certo non tutti i terreni sono anche zone di caccia in cui è possibile praticare l’esercizio venatorio.

Sono numerose le zone dove la caccia è rigorosamente e severamente vietata, questo non viene mai specificato e sembra sempre che il cacciatore sia una creatura dalla natura indubbiamente malvagia che, in assenza di un qualsiasi tipo di regolamento, se ne va in giro ovunque egli voglia a mietere vittime selvatiche e a mettere a rischio l’incolumità degli esseri umani.

Se appunto il proprietario o conduttore di un fondo inserito da piano faunistico venatorio in una zona di caccia volesse chiudere il fondo stesso, in modo da impedirne l’attività venatoria, può farlo, nei termini e nei modi previsti dalla legge.

Altro aspetto che forse in pochi conoscono è che il fucile non è l’unico strumento con cui è possibile andare a caccia; sono permessi anche l’arco e il falco.

Certo non sono sicuramente molti a andare a caccia con un rapace diurno, però è anch’esso un mezzo consentito, per legge, nell’esercizio venatorio.

Il Sig.re Balocco considererebbe un criminale meritevole di una qualche punizione anche un cacciatore munito di falco anziché di fucile?

Non sono di certo questo genere di articoli che possono contribuire alla costituzione di un dialogo costruttivo intorno alla caccia, non tanto perché chi lo scrive non sia favorevole all’attività venatoria, piuttosto perché non contengono dei riferimenti concreti su cui, eventualmente, potere in maniera intelligente discutere.

Un altro aspetto che mai viene considerato è che un cacciatore per essere tale frequenta un corso specifico nel quale studia diverse materie sulle quali si prepara per sostenere un esame di Stato (peraltro non semplice) che, se superato, conferisce la licenza al futuro cacciatore.

Quest’ultimo, per ottenerla in senso pratico, dovrà poi essere ritenuto idoneo all’attività venatoria da parte di un medico legale e ritenuto altrettanto idoneo al maneggio delle armi da fuoco da parte di un Tiro a segno nazionale. Sicuramente la prudenza non è mai troppa, e in termini di armi da fuoco non si può certo essere approssimativi o superficiali; entrare in possesso di una licenza di caccia non è così immediato e non è certo segno di arretratezza né sintomatico di una identità poco istruita come si vuole fare credere.

Si può poi assolutamente discutere se non sia necessario approfondire, anche didatticamente, la materia di caccia, se rendere l’esame da sostenere più articolato al fine di avere cacciatori sempre più consapevoli e preparati, si può valutare in maniera differente l’attività venatoria, la quale oltre a contenere importanti tradizioni e una importante cultura, è anche un importante strumento per il controllo e la tutela della fauna selvatica e per il mantenimento delle condizioni ambientali migliori all’interno di un equilibrio sempre più precario, purtroppo.

Ogni azione che viola la legge va giustamente sanzionata, anche per ciò che riguarda la caccia. La fauna selvatica sicuramente trova nell’uomo un incredibile nemico, il quale però non si traduce tanto nel cacciatore, quanto piuttosto si identifica con l’urbanizzazione sconsiderata, con l’agricoltura sempre più meccanizzata e sempre meno attenta al rispetto della fauna presente all’interno dei campi coltivati.

Una mietitrebbia moderna può eliminare decine e decine di animali durante il proprio lavoro senza chiedersi o tenere conto se siano protetti o meno.

Un cacciatore, ad esempio, può prelevare, per un tempo limitato e osservando regole ben precise, una singola lepre durante una giornata di caccia (per un numero massimo di dieci totali nel corso dell’intera stagione venatoria, numero ridotto a sette in alcuni ambiti territoriali di caccia); una mietitrebbia in azione può uccidere diverse decine di esemplari in una sola giornata di lavoro ed è in questo caso che sarebbe più corretto parlare di “mattanza”.

Ovviamente è possibile lavorare i campi coltivati in maniera che la fauna selvatica eventualmente presente abbia la possibilità di spostarsi preventivamente e  evitare di finire sotto alle macchine.
In diversi Stati è obbligatorio adottare tali metodi di lavoro, in Italia invece al momento ancora no.

Anziché alimentare le solite polemiche, sempre basate su pregiudizi e mai sugli elementi precisi che riguardano la legislazione in materia di caccia, sarebbe più utile e anche molto più interessante discutere intorno alla caccia in maniera più intelligente e costruttiva, valutando il cacciatore come un importante collaboratore, non come un nemico, ma come un cittadino che è anche un abitante della natura, animato da un profondo rispetto verso quest’ultima.

Episodi come quello di Apricale non dovrebbero mai accadere, incidenti di questo tipo sono tragedie che non si dovrebbero mai verificare.

Era una tragedia che si poteva evitare? Sì, si poteva evitare. È l’unica risposta possibile.

Nel pieno rispetto della legge e delle norme di sicurezza si possono evitare gli incidenti che coinvolgono chi si dedica alla caccia e si possono evitare proprio le situazioni di pericolo che ne possono scaturire.

Se si desidera fare informazione in materia di caccia, partire dalla legislazione e dalle norme vigenti potrebbe essere un buon inizio, perlomeno per capire di cosa si sta parlando e per creare una buona consapevolezza nei lettori.

Gli incidenti possono essere evitati, mi auguro che chi si prende la responsabilità di essere un cacciatore possa sempre perseguire la propria passione in totale sicurezza, senza commettere imprudenze e rispettando sempre le regole.

Ho ritenuto corretto scriverVi, non tanto per difendere la categoria dei cacciatori (che come tutte le categorie formate da persone non è di certo esente da critiche), piuttosto per fornire la mia opinione in modo civile e rispettoso del Vostro giornale e del Vostro lavoro.

Mi auguro che possiate considerare il mio punto di vista come un tentativo costruttivo di confronto e di riflessione.

Nel rinnovarVi la mia stima Vi porgo i miei più cordiali saluti.


Loris Berardi

Tags:

Tuo Nome:
Titolo:
Commento:


172.69.63.225
Aggiungi un commento  Annulla 

4 commenti finora...

Re: Caccia, disinformazione anche sul FQ

Signor Loris voglio farle i miei più sinceri complimenti per la pacatezza e per il suo desiderio che corrisponde al mio, di riportare il dialogo su binari di correttezza reciproca, per affrontare i problemi ove vi fossero, e il ritorno a una discussione antagonista e costruttiva tra le parti, rivolta ad un bene superiore. Ma siamo purtroppo in un mondo in cui la lettura affidata quasi totalmente al Web con tutte le sue strumentazioni cinicamente tecniche ed appositamente realizzate, se non mette ansia, angoscia, dubbio, paura, insomma se non tende a pescare nel nostro inconscio più animalesco e peggiore, passa via inosservata. E' il tempo non dei minuti, che sarebbe già poca cosa, ma dei secondi di attenzione che si dedicano a tutto quello che ci capita e ci mettiamo gli occhi sopra, naturalmente fino al prossimo bip o alla prossima vibrazione. Allora la famosa informazione che dovrebbe essere strumento di per se obiettivo, diventa il racconto del pensiero personale di chi scrive e fazioso quanto si voglia il nuovo "Lettore Smart Web" che non dedica più alcun tempo alla metabolizzazione di quel pensiero, perde il senso critico e prende per "verità" ciò che legge, non sapendo che la molla che è scattata in lui è una reazione alle ansie provocate. Sostanzialmente stiamo diventando tutti stupidi. I nostri figli non leggono più libri, troppo lunghi, troppo difficili per ricavarne una morale perché per far ciò devono sforzarsi di usare parti del cervello che lentamente-inesorabilmente stanno atrofizzandosi. Le risposte alle domande non le si pensano più, c'è sempre risposta a tutto sul'Web, perché sudarsela allora? E non gli passerà neppure per l'anticamera di questo "nuovo cervello" di dedicare pochi minuti o secondi alla conoscenza della 157-92. E così viviamo perennemente in uno stato di totale "Propaganda" che cerca di annientarci il cervello e farci ragionare con il buco del culo. Ma non a tutti! Un Saluto Cordiale e grazie.

da Max  21/10/2018

Re: Caccia, disinformazione anche sul FQ

Mi piace questo commento , scritto con il cuore e soprattutto rispettando i pareri altrui, gli incidenti possono capitare sia nell'attività venatoria "caccia" sia in mare "pesca" sia per le strade vedi le % di morti in auto che usano il cellulare molte più di quelle causate da droghe e alcool nonostante gli attenti controlli, Il sottoscritto ha sempre rispettato i cacciatori mentre non appovo quello che fanno attività come la Lipu, la Lav ecc che criticano ma mai ne vedi uno a salvaguardare gli habitat degli amici dei boschi, mai che andassero a ripulire sentieri dall'immondizia lasciata dai frequentatori della domenica, questo avviene solo e solamente da parte dei cacciatori che partano in primavera con sacchetti, rastrelli, decespugliatori e motoseghe rendendo un po più vivibile quel poco di verde che rimane, o mai visto manifestazioni da parte di queste associazioni per ridurre la cementificazione, vorrei che prima di dare sentenze si potesse riflettere, anche perchè di queste brave persone ne è rimaste ben poche a causa degli alti costi che lo stato gli impone con tasse statali, regionali e provinciali, rinovi licenze ecc, circa 1000 euro anno, ha mio avviso sai quanta cacciagione ci compro.

da Franco  21/10/2018

Re: Caccia, disinformazione anche sul FQ

basta con l'842!!!

da Albert  18/10/2018

Re: Caccia, disinformazione anche sul FQ

gia il cognome che porta dalle mie parti significa cxxxxxne.
cosa ci dobbiamo aspettare?? dal buco del culo una serenata??? salute a tutti

da carlo48  16/10/2018
Cerca nel Blog
Lista dei Blog