Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Archivio
<ottobre 2018>
lunmarmergiovensabdom
24252627282930
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930311234
Mensile
ottobre 2018
settembre 2018
agosto 2018
luglio 2018
giugno 2018
maggio 2018
aprile 2018
marzo 2018
febbraio 2018
gennaio 2018
dicembre 2017
novembre 2017
ottobre 2017
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
aprile 2011
marzo 2011
febbraio 2011
gennaio 2011
dicembre 2010
novembre 2010
ottobre 2010
settembre 2010
agosto 2010
luglio 2010
giugno 2010
maggio 2010
aprile 2010
marzo 2010
febbraio 2010
gennaio 2010
dicembre 2009
novembre 2009
ottobre 2009
settembre 2009
agosto 2009
luglio 2009
giugno 2009
maggio 2009
aprile 2009
marzo 2009
febbraio 2009
gennaio 2009
dicembre 2008
novembre 2008
ottobre 2008
settembre 2008
agosto 2008
maggio 2008
aprile 2008
marzo 2008
febbraio 2008
gennaio 2008
dicembre 2007
novembre 2007
ottobre 2007
settembre 2007
agosto 2007
luglio 2007
giugno 2007
ott4


04/10/2018 10.00 

 
Per chi appartiene al mondo venatorio e da sempre è abituato a rispettare con scrupolo le regole, in tutto e per tutto, sentirsi dire dalla Questura che ad un certo punto non è più affidabile, può apparire un’enormità.

La cosa, evidentemente, non va proprio giù, non viene compresa e soprattutto può indurre alla reazione e alla presentazione di un ricorso.


Sospensione licenza: la Questura e il Tar

Parliamo di fatti accaduti e pure passati per il giudizio di una Corte.

Il tema è stato trattato e risolto a favore del ricorrente dal Tar Bari, con la sentenza n. 474/2017, non appellata.

Per immaginare una situazione come quella descritta nel preambolo e nella pronuncia che qui si commenta, pensiamo al momento in cui la Questura decreta la sospensione della licenza di porto di fucile ad uso caccia e, per sostenere questa ipotesi, l’amministrazione scrive nel suo provvedimento che la custodia delle armi e munizioni non pare assicurata con diligenza nell’interesse della pubblica sicurezza.

Prendendo spunto dalla sentenza segnalata, il fatto concreto può essere rappresentato da una presunta perdita di affidabilità, ad esempio perché il personale operante ha riscontrato, all’interno del domicilio della persona interessata, un fucile con apposita custodia posizionato a vista in una stanza dell’abitazione, a destra rispetto a chi entra, mentre altro fucile con custodia collocato su una cristalliera all’interno di un soggiorno; inoltre (come è successo nel caso di Bari) uno zaino contenente 197 cartucce da caccia caricate a pallini posto nella stanza di ingresso dell’abitazione.

Fatti questi che, esaminati dal Commissariato di P.S., inducono a deferire la persona all’Autorità Giudiziaria per l’ipotesi di reato ex art. 20 l. 110/75.

 

Sospensione licenza: la fase antecedente il ricorso

Inutile dire che, messa così alle strette, la persona interessata proprio non ci sta ed è ragionevole immaginare il perché si determina ad andare avanti con un ricorso, chiedendo giustizia.
In effetti, da quanto appare l’argomento della Questura sembra non avere fondamento.

Come mai questa persona è così sicura del fatto suo?

E’ presto detto.

Nella fase che precede il ricorso vero e proprio, imbastisce una memoria ben congegnata, dove spiega che:
da 50 anni è titolare della licenza,
ha sempre tenuto una condotta specchiata,
non ha mai abusato del titolo,
non ha mai avuto procedimenti penali,
non ha mai avuto condanne,
vive da solo, in assenza di minori o incapaci,
ha sempre tenuto le armi con diligenza encomiabile,
ha un sistema antifurto collegato con un Istituto di Vigilanza,
ha un sistema di videosorveglianza,
ha una villa circondata da un muro di cinta con rete metallica,
ha numerosi cani in casa,
non ha mai subito furti, tentativi di furto o intrusioni.

Si pone allora in attesa della valutazione amministrativa.


Sospensione licenza: l’Autorità di P.S.

Benché messa davanti ad un corredo argomentativo così ben congegnato ed articolato, l’Autorità non vuole saperne.
Le circostanze sono infatti ritenute insufficienti per giungere ad una valutazione diversa sulla questione dell’affidabilità nella custodia delle armi.


Sospensione licenza: la decisione in primo grado

Come accennato nel preambolo, il Tar da però ragione al ricorrente.
Le conclusioni della magistratura, non appellate avanti il Consiglio di Stato, sono alquanto utili e si possono richiamare per una varietà di casi analoghi.

Vero, dice il giudice: l’amministrazione gode di vasta discrezionalità sul giudizio di affidabilità nell’utilizzo dell’arma.

Su questo non si discute; del resto esiste un filone di sentenze abbastanza corposo sull’argomento.

La questione è un’altra.

Qui abbiamo una situazione dove l’autorità avrebbe dovuto prestare la massima attenzione su quanto dichiarato nella memoria presentata prima della causa.

Quelle circostanze, dice la magistratura, non sono state proprio considerate.

E tanto suona male, non fosse altro per il fatto che una persona in grado di dimostrare la propria impeccabile condizione di soggetto affidabile merita tutela già dalle prime fasi del procedimento amministrativo e non deve certo trovarsi costretta a rivolgersi al magistrato.

Ciò che, in definitiva, viene trascurato dall’amministrazione, è che la Legge attuale non prescrive alcun obbligo specifico (derivante dall’art. 20 l. n. 110/75) a carico del privato cittadino, di adottare particolari sistemi ed efficienti misure di difesa contro furti in abitazione.


Altre informazioni su questo argomento?



Avv. Francesco Pandolfi
avvfrancesco.pandolfi66@gmail.com

Tags:

Tuo Nome:
Titolo:
Commento:


172.68.65.4
Aggiungi un commento  Annulla 

4 commenti finora...

Re: Fucile uso caccia e sospensione della licenza: come tutelarsi

Errata corrige: andrebbero addebitate

da gianbottaccio  05/10/2018 18.49

Re: Fucile uso caccia e sospensione della licenza: come tutelarsi

errata corrige: andrebbero addebitate

da gianbottaccio  05/10/2018 18.49

Re: Fucile uso caccia e sospensione della licenza: come tutelarsi

Tutto giusto tutto chiaro, il problema è che queste situazioni ti costano un botto in spese legali, la magistratura ovvero una legge che obblighi il rimborso di queste spese legali sostenute e non solo quelle di giudizio, andrebbero addebitarle a chi soccombe nella sentenza e principalmente di tasca propria e non casomai dalla ragioneria dell'ufficio di dipendenza, solo così probabilmente avrebbero molta più cura nell'esaminare una pratica simile.

da gianbottaccio  05/10/2018 18.47

Re: Fucile uso caccia e sospensione della licenza: come tutelarsi

Grazie, è importante avere delucidazioni su come comportarsi e su fatti accaduti.

da ARTURO  04/10/2018 15.54
Cerca nel Blog
Lista dei Blog