Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Gli eletti: ecco chi va in ParlamentoElezioni 4 marzo. Scegliamo i candidatiPRIMA LICENZA DI CACCIA, Alice Bianchini "da allora la stessa intensa emozione"Catia e la prima esperienzaBenedetta Butini: "Quando si va a caccia la sveglia non serve"PRIMA LICENZA DI CACCIA, Stella Faure: battesimo con la leprePRIMA LICENZA DI CACCIA Lara Leporatti: "Padella! E nemmeno solo una!"PRIMA LICENZA, Giovanni Bana “A capanno nel padule di Massaciuccoli”PRIMA LICENZA DI CACCIA: Paolo Banti "un'apertura sofferta"PRIMA LICENZA: Alessandra Bicego "ecco come sono diventata cacciatrice"FEDERICA PASQUALINI: LA MIA PRIMA LICENZA DI CACCIA ORSI E DINTORNI: MODUGNO DICE LA SUAPRIMA LICENZA DI CACCIA Giuliano Incerpi "Viva la nostalgia"PRIMA LICENZA DI CACCIA: Lamberto Cardia "a tu per tu con la volpe"PRIMA LICENZA DI CACCIA: Federico Cusimano "quelli dello zig"PRIMA LICENZA CACCIA: Emilio Petricci "il primo dei miei primi 40 anni" PRIMA LICENZA CACCIA, Marco Castellani "Cesene e pavoncelle"PRIMA LICENZA DI CACCIA, Marco Ciarafoni: "La mia salvezza dalle derive fondamentaliste"PRIMA LICENZA DI CACCIA, Massimo Zaratin "la mia prima volta"PRIMA LICENZA DI CACCIA: Massimo Marracci "apertura sul Sesia"PRIMA LICENZA DI CACCIA: Marco Benecchi "sono nato cacciatore!"PRIMA LICENZA DI CACCIA: Giacomo Cretti "Battesimo col Maresciallo"LA PRIMA LICENZA DI CACCIA: BRUNO MODUGNO "DA MACCARESE AL TIROLO"GLI INCIDENTI DI CACCIA CALANO DEL 40%Daniele Stival, intervista su BigHunter.it "i cacciatori meritano certezze"“I cacciatori gestori insostituibili” BigHunter intervista l'Ass. alla caccia Mauro FebboIntervista a Rabboni su BigHunter.it: "Riorganizzare Ispra coinvolgendo le regioni""Su caccia ridotto lo spazio della politica". Intervista all'Ass. lombardo Gianni FavaL'Assessore Fernanda Cecchini su BigHunter.it "La 157 va cambiata profondamente"BigHunter.it intervista l'Ass. Claudio Sacchetto: "I cacciatori meritano rispetto"Gli italiani e la caccia, il 56% favorevoleSafety Days: appuntamento il 7 e l'8 settembre in tutta ItaliaANTI E PRO CACCIA, CHI ANDRA' IN PARLAMENTOSPECIALE ELEZIONI 2013: scopriamo gli anticacciaPER UNA CACCIA RESPONSABILE E SICURACALENDARI VENATORI: LE PROPOSTE DI FACE ITALIA A REGIONI E MINISTERIL'ANPAM PRESENTA LA PRIMA RICERCA ECONOMICA SULLA PRODUZIONE ITALIANA DI ARMIIl patron della Fiera di Vicenza, Roberto Ditri: "L'Hunting Show continua a crescere" SOLDI E AMBIENTE. LE DIECI DOMANDETavolo sui calendari. FACE Italia chiarifica la propria posizioneI CACCIATORI ITALIANI E LA CACCIA. PRESENTATI ALL'EXA I DATI DI ASTRA RICERCHEIl respiro delle cose. Federico Cusimano intervista Bruno ModugnoBigHunter.it intervista l'Assessore regionale Dario Stèfano: CAMBIAMO LA 157. LA CACCIA GESTITA DALLE REGIONIBigHunter.it intervista l'Assessore lombardo Giulio De Capitani: Caccia più europea nel rispetto delle tradizioniBigHunter.it intervista l'Assessore veneto Daniele Stival: Spazio alla scienza, meno conflittiBigHunter intervista l'Assessore regionale Vito Amendolara: “Cacciatori sempre più parte attiva nella gestione”"Risultati importanti entro il 2011 per i cacciatori piemontesi" BigHunter.it Intervista l'Assessore Claudio SacchettoBigHunter.it Intervista Luis Durnwalder: “Nella mia regione cacciatori preparati e rispettosi della natura”BIGHUNTER.IT INTERVISTA L'ASSESSORE REGIONALE RABBONI. "LA CACCIA E' UN VANTAGGIO PER TUTTI"GLI SCIACALLI DEL DOLORE"DOBBIAMO COMBATTERE UNA BATTAGLIA CULTURALE". BigHunter intervista l'ex Assessore alla Caccia Elena DonazzanLA CACCIA: SE LA CONOSCI LA RISPETTI. CAMPAGNA STAMPA DI CNCN E FACE ITALIAFilippo Ongaro, esperto di medicina rigenerativa, su BigHunter spiega l'importanza alimentare della selvagginaADESIONI FASULLE AL MANIFESTO DELLA BRAMBILLA. INDAGINE VIDEO DI CNCN E FACE ITALIACOLPO DI SCENA: GLI ITALIANI PROMUOVONO LA CACCIALe Controdeduzioni di Federcaccia alla Guida Ispra per i Calendari Venatori regionaliIntervista esclusiva al Senatore Valerio Carrara. "Rilancio delle riforme, concretezza e unità"BigHunter intervista in esclusiva il conduttore di Linea Verde Massimiliano Ossini: la caccia, un mondo straordinarioBigHunter Giovani. Marco Bigozzi: il coraggio di cambiareOrsi: prima della 157 ci sono altri provvedimentiCartolina contro la BrambillaBana: largo ai giovaniLa Face guarda avanti: stilate le priorità della caccia italianaCNCN: CON L’ARTICOLO 43 CACCIA EUROPEA E NON CACCIA NO LIMITSA Porta a Porta le verità della caccia Riforma della caccia: come la pensano gli agricoltoriBigHunter Giovani: Emanuele Castelli “è grazie ai cacciatori più anziani che siamo così forti e preparati”Il calendario delle Cacciatrici Trentine: "semplicità, un pizzico di ironia e un amore profondo per la natura"Storno tra le specie cacciabili? La Commissione UE ha per il momento rigettato la richiestaAtc del Brunello: non solo cinghiale. Parla il presidente Francesco PianigianiSerres, caccia pratica. L'Italia sul tetto del mondo. Conti e PianigianiIl Mondiale di caccia pratica in Grecia raccontato dai protagonisti: Pardini e BalociLa squadra italiana conquista 4 titoli mondiali in GreciaRiforma della 157 e nuova stagione: BigHunter intervista il presidente della Federcaccia Gianluca Dall'OlioCaccia nella storia: Una Lodolata del '41 (Corrispondenza fra noti personaggi dell'epoca)Nasce il Gruppo Cacciatrici del Trentino. Denise Marzi intervista per BigHunter la presidentessa Eddi TittaIntervista al presidente di Federcaccia Toscana Moreno Periccioli: "E' ora di cambiare"BigHunter intervista Paolo Banti, responsabile dell'Ufficio caccia in Toscana: ecco come procede la riformaIN ESCLUSIVA SU BIGHUNTER "MEMORIE DI UN PADULANO" DI GIOVANNI FRANCESCHIIl Presidente di Federcaccia Gian Luca Dall'Olio intervistato in esclusiva da BigHunter sul programma di mandatoLA CACCIA E' DONNA: Intervista di Sabine Middelhaufe per BigHunter a tre cacciatrici italiane Sammuri nuovo Presidente di Federparchi intervistato da BigHunter: "I miei amici cacciatori"La sintesi Orsi comincia l'iter in Commissione157 Caccia: La sintesi Orsi presentata in anteprima su Big HunterLE INCHIESTE DI BIGHUNTER: Incidenti di caccia, si muore molto di più tra le mura domesticheSindaco chiude la caccia in un fondo privato - Il parere dell'Avv. Innocenzo GorlaniNuova legge sulla caccia: il botta e risposta Cocchi - CarettaOpinioni a confronto - Caccia con i segugi: quale futuro all’orizzonte?Intervista a Lamberto Cardia, Enalcaccia, sulle modifiche alla 157: 2009 anno della svoltaMassimo Cocchi, Consigliere Nazionale della Fidc, intervistato da BigHunter sulle modifiche alla 157. La Federcaccia finalmente batte un colpoIl presidente di Libera Caccia Paolo Sparvoli sulla riforma della 157: Per una caccia rinnovata, dialoghiamo con tutti, anche con gli ambientalisti seriIl Dott. Osvaldo Veneziano (presidente Arcicaccia) interpellato sulla Riforma della 157: "Ancora non mi pare a portata di mano"Sergio Berlato, parlamentare UE, intervistato da BigHunter: UNA SCOSSA SALUTAREStefano Masini (Responsabile Ambiente e Territorio di Coldiretti): Evitiamo lo scontro ideologicoL'Avvocato Giovanni Bana, Presidente di Anuu Migratoristi, intervistato da BigHunter sul futuro della caccia legato alle modifiche della 157L'Onorevole Luciano Rossi intervistato da BigHunter sull'iter di modifica alla 157
 

Solo su Big Hunter

 

BigHunter.it intervista l'Assessore veneto Daniele Stival: Spazio alla scienza, meno conflitti


mercoledì 16 marzo 2011
    
Daniele Stival Daniele Stival, Assessore regionale all'Agricoltura e alla Caccia in Veneto, archivia soddisfatto la passata stagione venatoria. Ha assicurato il proseguo di una tradizione molto sentita dai cacciatori veneti, quella della caccia alla piccola migratoria in deroga alle Direttive UE e predisposto in tempo un calendario venatorio a prova di ricorsi al Tar.
 
Convinto della sostenibilità della caccia e della necessità di intensificare il ruolo della gestione faunistica, Stival ha dato dato spessore alla presenza istituzionale della Regione alla più grande fiera di settore del triveneto: l'Hunting Show, aprendo la strada alla discussione allargata sulle problematiche faunistiche regionali. Un passato lavorativo come agente di commercio, l'impegno politico nella Liga Veneta e l'incarico di segretario provinciale della Lega Nord Veneto Orientale precedono il suo ingresso in Regione (anno 2000), dove oltre che consigliere è stato Presidente della Commissione Cultura, Turismo, Formazione Professionale, Università Sport, Sanità, Sociale prima della nomina ad assessore. Lo abbiamo intervistato per scoprire cosa ha in serbo per la caccia veneta.


Assessore Stival, come vede la caccia oggi?

Come ho avuto modo di evidenziare fin dai primi incontri avuti con gli addetti ai lavori e con i vari soggetti comunque interessati alla gestione faunistico-venatoria del territorio ritengo che la caccia possa oggi essere ricompresa tra le forme di fruizione compatibile con l’ambiente a condizione che la caccia stessa si realizzi secondo regole precise sulla base di una forte condivisione del mondo venatorio rispetto ai principi ai principi di sostenibilità.

Cosa pensa dei cacciatori della sua regione?

Come noto il Veneto risulta tra le Regioni maggiormente interessate da una radicata tradizione venatoria che si qualifica, soprattutto nel nostro Veneto, par una straordinaria ricchezza di forme specialistiche strettamente correlata all’ampio ventaglio di ambienti naturali e di risorse faunistiche (ambienti alpini, collinari, lacustri, pianura, aree vallivo-lagunari, ecc.). ogni forma di caccia porta con sé esperienze e cultura materiali meritevoli di attenzione e di riconoscimento, posto che ogni forma di caccia presuppone, ai fini del proprio mantenimento, di un atteggiamento di responsabilità del mondo venatorio. Ho potuto in questi pochi mesi apprezzare la disponibilità  ad accettare  molte associazioni di cacciatori del Veneto un confronto costruttivo con la pubblica amministrazione per ricercare soluzioni condivise rispetto non solo ai problemi contingenti ma anche rispetto agli sviluppi strategici del settore. Emblematico, a riguardo, è risultata la positiva partecipazione del mondo venatorio e dei propri rappresentanti, agli incontri tematici nell’ambito della manifestazione Hunting Show 2011 tenutasi a Vicenza dal 19 al 21 febbraio, ove è emerso un atteggiamento alquanto responsabile nei confronti della sostenibilità ambientale che incoraggia l’amministrazione ad avviare i lavori di riscrittura del Piano faunistico-venatorio regionale potendo contare su un mondo venatorio disposto a mettere da parte le pur presenti contrapposizioni di veduta e ricercare intese basate sui riscontri delle conoscenze tecnico-scientifiche che sono tanto più necessarie per affrontare in maniera pragmatica le tematiche faunistico-venatorie.

Come pensa vada articolato il rapporto fra cacciatori, agricoltori, ambientalisti e società in genere?

Questo è un aspetto importante che tocca uno dei pilastri che stanno alla base di ogni strategia volta a modernizzare il settore. Il buon rapporto tra cacciatori, agricoltori e ambientalisti è il principale presupposto che sta alla base della stessa legge quadro nazionale 157/92, la quale affida la gestione faunistica-venatoria del territorio ad organismi associativi (Ambiti Territoriali di Caccia) governati da rappresentanti delle suddette tre fondamentali componenti. Queste ultime debbono collaborare e condividere strategie gestionali non solo conformi all’ordinamento ma anche in grado di rapportare la gestione faunistica-venatoria alle specificità degli ambienti. Particolare attenzione deve essere posta al mondo agricolo, tenendo nella massima considerazione le esigenze poste dalle attività agro-silvo-pastorali, sulle quali non debbono essere esercitati impatti negativi da parte dell’esercizio venatorio. Al contrario, un buon rapporto tra cacciatori ed agricoltori può rappresentare l’elemento su cui costruire progetti di gestione faunistico-ambientale condivisi in grado di rappresentare un’interessante fonte reddituale integrativa per il mondo agricolo. È nostro intendimento procedere ad una attenta e puntuale valutazione dei risultati conseguiti con la pianificazione 2007-2012 per poter affrontare l’impegnativa riscrittura degli strumenti di piano implementando in essi tutte le sensibilità e tutte le soluzioni gestionali atte a migliorare ulteriormente il rapporto tra chi mette a disposizione i terreni e chi pratica in essi l’esercizio venatorio.

La società contemporanea, sempre più distratta, affronta spesso l'argomento caccia da un punto di vista più emotivo che razionale. Lei pensa che sia possibile dare una giusta informazione di cosa è la caccia oggi e dei suoi aspetti benefici per il territorio e la società? Come?

Per quanto concerne l’intera società civile i richiamati incontri tematici tenutisi recentemente a Vicenza in occasione di Hunting Show 2011 ( “Gli Italiani e la Caccia”, “Gestione del cinghiale nel Veneto”, La beccaccia: conoscere per gestire”, “Il cervo nel comprensorio del Cansiglio – da problema a risorsa da gestire”) hanno evidenziato come risulti carente la conoscenza presso la collettivitdei meccanismi di regolazione e svolgimento dell’esercizio venatorio e come questa carenza conoscitiva si traduca in un pericoloso appiattimento del confronto su base emozionale. C’è quindi tutto lo spazio per migliorare il rapporto tra collettività regionale e caccia, dando di quest’ultima un’informazione a trecentosessanta gradi che ne evidenzi i profili di sostenibilità se non addirittura le connotazioni di attività in grado di realizzare un costante presidio degli ambienti naturali.

D'altro canto, i cacciatori non di rado sono incapaci di rappresentare i loro valori al di fuori della cerchia degli appassionati. Cosa si sente di suggerire loro, affinchè riescano a raccogliere maggiore attenzione e consensi?

Anche questa domanda stimola una riflessione serena. Innanzitutto suggerirei ai cacciatori e al modo venatorio di dissipare meno energie nelle contrapposizioni interne che spesso, anche nel recente passato, hanno contribuito a dare un’immagine del cacciatore quale persona poco incline al confronto, alla condivisione di strategie e quindi di persona più chiusa nel cerchio ristretto di appassionati che persona aperta a confrontarsi con i principi della condivisione, del confronto di idee e dell’accettazione di posizioni diverse. Suggerirei poi di non avere timori  a remore nell’utilizzare tutti i moderni strumenti di comunicazione, anche con il supporto della Regione, per diffondere una conoscenza non superficiale di quello che è il mondo venatorio, che è fatto non solo di carnieri e fucili da caccia ma anche di una presenza quotidiana nell’ambiente e di una conoscenza approfondita dei meccanismi biologici che regolano gli ecosistemi naturali. Spesso chi è in grado di raccontare ai nostri giovani come si gestisce e si difende l’ambiente dall’inquinamento, dagli impatti dell’urbanizzazione, dal disturbo delle attività antropiche e di come si può mantenere l’ambiente integro e in grado di dare rifugio e alimentazione alla fauna presente in essi è proprio il cacciatore. Questa non è retorica ma è una costatazione che mi sento di proporre all’attenzione di tutti con senso di responsabilità.

Da tempo in Parlamento si prova con scarso successo ad aggiornare la 157/92. Lei cosa si sente di raccomandare? Quali sono secondo lei i punti della legge che andrebbero comunque modificati?

 La vicenda dell’aggiornamento della Legge 157/92 risulta emblematica: il formarsi di due “schieramenti” all’interno del mondo venatorio ha fatto sì che non si sia raggiunto alcun risultato nel tentativo di aggiornare e ammodernare la legge quadro di riferimento. I nemici dichiarati del mondo venatorio hanno così buon gioco nel frapporre ogni possibile ostacolo ad ogni tentativo di aggiornamento legislativo. Questa situazione è assolutamente ingiustificata. Nei tavoli che contano il mondo venatorio deve presentarsi unito e proporre soluzioni percorribili, credibili e, perché no, ambiziose. Per quanto concerne i punti della legge da modificare ritengo in prima analisi si debba por mano ad un intervento di decisa semplificazione e razionalizzazione gestionale sulla base di una ripartizione di competenze che, così come più volte auspicato dalla giurisprudenza costituzionale, affidi alla competenza statale il presidio del nucleo centrale di protezione e relativi istituti giuridici contenenti della richiamata legge quadro lasciando alla competenza regionale l’individuazione e la regolamentazione degli istituti giuridici volti al conseguimento dei principi informativi dettati dallo Stato in applicazione dei principi comunitari. Solo attraverso una rivisitazione della legge 157/92 che persegua contestualmente il rispetto dei principi di sostenibilità, un generale ammodernamento del sistema ispirandosi a vicini modelli europei e l’eliminazione di ogni inutile appesantimento amministrativo in termini di superflui vincoli e complessità amministrativo-gestionali può conseguire la condivisione di tutto il mondo venatorio e della stessa società stessa.

In Italia, la ricerca scientifica applicata è da molti ritenuta inadeguata rispetto alle esigenze, soprattutto per quanto riguarda il tempestivo ed esauriente aggiornamento dei dati sulla fauna migratoria. Lei cosa ne pensa?

L’inadeguatezza della ricerca scientifica applicata la stiamo purtroppo sperimentando da anni. Non è un mistero che la Regione del Veneto così come altre numerose regioni italiane ritengono insoddisfacente il supporto fornito dall’Istituto nazionale di riferimento. Non è questo il luogo per affrontare e risolvere questo delicato problema. La mia idea personale è che si debba puntare ad un istituto forte in grado di produrre pareri tecnico-scientifici attendibili che aiutino il settore a crescere. Non si dà sostegno emanando pareri che mettono in difficoltà ingiustamente Amministrazioni regionali e provinciali e che fanno sistematicamente dell’inversione dell’onere della prova lo scudo con il quale difendere posizioni preconcette che si intende non rivisitare se non per appesantire vincoli e restrizioni. Non chiediamo di avere un istituto accondiscendente ad ogni richiesta del mondo venatorio. Chiediamo, questo sì, un istituto in grado di assumere una posizione “neutra”, soprattutto nell’ambito delle interlocuzioni che hanno per oggetto la fauna migratoria la cui corretta gestione certamente impone i necessari sforzi ed investimenti con approccio aperto ai contributi di tutti i centri di ricerca europea.

Si fa un gran parlare dell'applicazione o meno delle deroghe, previste dalla Direttiva comunitaria 79/409. In particolare il Veneto è preso a riferimento per la sua puntuale applicazione in risposta alle sollecitazioni di parte agricola e venatoria. Lei cosa ne pensa?

Questo tema ci vede coinvolti in modo importante tenuto conto del fatto che la Regione del Veneto ha pure subito una sentenza di condanna conseguente all’applicazione della “vecchia” Legge regionale 13/2005. la buona gestione della materia conseguita nella passata stagione non deve essere interpretata come il superamento di tutti i problemi bensì come il punto di partenza da cui far partire un tentativo di definitiva regolamentazione di concerto, è questo il nodo centrale, con i competenti uffici comunitari. Faremmo un cattivo servizio ai nostri cacciatori se, dormendo sugli allori, non affrontassimo con la massima attenzione i risvolti giuridico-amministrativi che discendono dal pronunciamento della Corte di Giustizia e non avessimo il coraggio di confrontarci con una riprogettazione del regime venatorio che consegue, su base giuridica, il mantenimento di una tradizione venatoria.
Leggi altre interviste

0 commenti finora...