Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Ricette | Le bottiglie | Ristoranti | Libri | Indirizzi | Archivio Scempi | I Funghi | Tartufi e funghi |
 Cerca

News Natura

Nutrie, Lav e Enpa: no alle ordinanze dei comuni


lunedì 24 novembre 2014
    

“Siamo in presenza di ordinanze che non trovano legittimità dalla situazione reale. Il presupposto è infatti che le nutrie abbiano aumentato i rischi, ma ciò è un assunto dato per sicuro, ma non è provato. Invece le ordinanze vanno giustificate con elementi sicuri, certi. Visto che il sindaco agisce d’urgenza”. E' quanto dichiara  Massimo Vitturi, responsabile nazionale settore caccia e fauna selvatica della Lega antivivisezione, secondo cui chi eseguirà le ordinanze varate nei comuni del mantovano, commette reato di bracconaggio. Tesi irrealistica visto che le nutrie da quest'anno non hanno più alcuna tutela, proprio come succede per i topi e le talpe, che possono essere abbattuti da chiunque senza alcuna autorizzazione. Secondo la Lav le ordinanze sono logicamente sbagliate anche perché la piena attesa sul Po è passata e con essa l’eventuale pericolo.

Sullo stesso tenore anche una nota dell'Enpa, che si oppone ad ogni provvedimento urgente che preveda abbattimenti di fauna selvatica, cinghiali, volpi ma anche nutrie. La  presidente nazionale dell'Enpa Carla Rocchi, ha scritto al presidente dell'Anci, Piero Fassino, segnalando gravi e ripetute violazioni alla normativa italiana che disciplina la materia, e chiedendo un autorevole intervento presso le amministrazioni comunali.
 
E' evidente che gli animalisti, deliberatamente, intendno ignorare il nuovo status della nutria, e con esso gli allarmi dell'Europa sui danni biologici delle specie invasive. Senza portare alternative valide, si limitano a considerare illegittimo ogni abbattimento appellandosi ad un generico reato di maltrattamento animale, non più applicabile. La vera priorità oggi, grazie alla modifica della legge 157/92, è la tutela ambientale e sanitaria per sanare una situazione ormai limite che si è venuta a creare negli anni, anche e soprattutto per i continui stop imposti dai capricci animalisti.

Leggi tutte le news

10 commenti finora...

Re:Nutrie, Lav e Enpa: no alle ordinanze dei comuni

Purtroppo per abbattere le nutrie bisogna farlo fuori orario venatorio ,percio' servono autorizzazioni ,sia per le gabbie e da noi dopo il primo gennaio 2015 ,boohh .intanto un operatore dal primo febbraio ha raggiunto l'incredibile numero di 684 catture ,consideriamo l'enorme problema..

da Toni el cacciator 25/11/2014 0.23

Re:Nutrie, Lav e Enpa: no alle ordinanze dei comuni

ma questi ancora insistono con il bracconaggio -possibile che non gli entra in capoccia che le nutrie ora sono equiparate ai topi,ed è ora che le amministrazioni fanno pagare i danni alle associazioni animal-ambientaliste.

da stefano de vita 24/11/2014 18.34

Re:Nutrie, Lav e Enpa: no alle ordinanze dei comuni

fateli pagare cio che danneggiano governo non vede poi cadono argini malattie intanto soldi publici in fumo

da 000 24/11/2014 18.06

Re:Nutrie, Lav e Enpa: no alle ordinanze dei comuni

visto e considerato che c'è bisogno di mano d'opera in africa per l'ebola xchè non gli organizziamo a gratis una gita laggiù nella speranza che la piglino ? ma si può ancora sentire queste elocubrazioni ? Hanno una fortuna sola che sono chiusi i manicomi. Siamo sicuri che le spondedel Po a Brascello non hanno ceduto a causa dei buchi di questi ben amati topoloni? se così fosse vediamo un po' se ci sono gli estremi per fagliele pagà a queste minchie pallide!

da falco 24/11/2014 16.38

Re:Nutrie, Lav e Enpa: no alle ordinanze dei comuni

Ma perché stiamo ancora ad ascoltare questi ipocriti se le nutrie sono equiparate ai topi ecc. ecc. si sopprimono e basta.

da Bepi 24/11/2014 15.54

Re:Nutrie, Lav e Enpa: no alle ordinanze dei comuni

"Secondo la Lav le ordinanze sono logicamente sbagliate anche perché la piena attesa sul Po è passata e con essa l’eventuale pericolo" un modo per farla finita con questi cialtroni potrebbe essere questo:Piero Fassino inviti (in una cerimonia pubblica) gli organi di stampa ed il Presidente della lega di cui sopra a sottoscrivere una bella dichiarazione di responsabilità in base alla quale semmai un argine del Po cedesse per via delle nutrie i danni li pagherebbero LORO.....ma se non firmano mandarli poi pubblicamente a affanculo...per sempre!!!

da Festinalente 24/11/2014 14.29

Re:Nutrie, Lav e Enpa: no alle ordinanze dei comuni

chiunque somministra agli animali sostanze stupefacenti o vietate ovvero li sottopone a trattamenti che procurano un danno alla salute degli stessi. 3. La pena è aumentata della metà se dai fatti cui al primo comma deriva la morte dell'animale.(estratto dal reato di maltrattamento di animali) da quanto esposto devo dedurre che anche le campagne di derattizzazione (nelle quali mi risulta che non vengano somministrati dolci alla crema....)sono MALTRATTAMENTO DI ANIMALE.......però non si ha notizia di di associazioni animalarde che facciano ricorsi ecc. ecc. chissà perchè.....forse sono soci di qualche ditta che si occupa di disinfestazione e simili.......

da cacciaforever 24/11/2014 13.32

Re:Nutrie, Lav e Enpa: no alle ordinanze dei comuni

...che se le portino a casa loro, nutrie sempre più avanti!

da s.g. 24/11/2014 11.58

Re:Nutrie, Lav e Enpa: no alle ordinanze dei comuni

questi si sono fumati il cervello.......in ogni caso forza nutrie......

da cacciaforever 24/11/2014 11.45

Re:Nutrie, Lav e Enpa: no alle ordinanze dei comuni

Si dimostrano sempre ciò che sono:poveri isterici senza ragione.

da pilade 24/11/2014 11.33