Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Ricette | Le bottiglie | Ristoranti | Libri | Indirizzi | Archivio Scempi | I Funghi | Tartufi e funghi |
 Cerca
Psa: L'obiettivo eradicazione sempre più lontanoFace analizza la proposta della Commissione Ue sul lupoMinistro Pichetto Fratin: "valutiamo sterilizzazione degli orsi in Trentino"Legge ripristino natura, reazioni negative dagli agricoltori e dalla destraPSA negli snack asiatici. Il punto del Generale dei NasIdentificati autori minacce a Fugatti per abbattimento orsoA mordere il 73enne morto dopo notte all'addiaccio è stata una volpeColdiretti, specie aliene causano un miliardo di euro di danniDal Senato ok a proroga Commissario PsaOk a prelievo in deroga cormorano fino al 24 marzo a OristanoFiocchi: Solidarietà a Don Gaudenzio Martini denunciato dagli animalistiProrogata ordinanza Peste Suina AfricanaMarche: 1 milione 500 mila euro per progetti in siti Natura 2000Cremona, animalisti distruggono gabbie di cattura per le nutrieBologna, sequestrati snack cinesi contaminati da Peste Suina No degli agricoltori all'obbligo di mantenere una parte di terreni incoltiColdiretti Torino, dopo molte sollecitazioni, ottiene Piano controllo del piccioneIspra partecipa a progetto contro ibridazione del lupoNelle aree Protette della Basilicata prelevati quasi 2000 cinghiali Lipu, uccelli in declino: tutta colpa dell'agricolturaPesticidi, Lollobrigida "Commissione Ue recepisce proposte italiane"Abbattimento orso M90, chiarimenti da IspraAdattamento ungulati al cambio del clima: studio su stambecchi alpiniIl Santuario Cuori Liberi perde il ricorso contro i veterinariTrento, abbattuto l'orso M90. La Provincia: "animale pericoloso"Parco Nazionale Matese, ipotesi restrizione dei confiniA Mi manda Rai3 si è parlato del lupo

News Natura

Contenimento farmacologico cinghiali. In Basilicata un progetto sperimentale


martedì 7 novembre 2023
    
Cinghiali Roma
 
In Basilicata si parla di avviare un progetto pilota nel Parco della Murgia Materana per la sterilizzazione farmacologica, ai fini del contenimento numerico dei cinghiali. Giovedì 9 e venerdì 10 novembre su questo tema è in programma un convegno a Matera. "Il controllo della popolazione di cinghiali: possibili strategie a confronto e proposta di progetto pilota per il Parco della Murgia Materana" è il titolo dell'evento, che si propone come una conferenza programmatica.

La promuove l’Ordine dei Medici Veterinari della Provincia di Matera, che ha riunito istituzioni ed esperti attorno al progetto pilota di contenimento, controllo e conservazione del cinghiale nel Parco della Murgia Materana con l'auspicio che dopo un bilancio sul campo, possa trovare applicazione in altri territori regionali e nazionali.

Il progetto mira a trovare una soluzione al contenimento della specie, che non passi solo per soluzioni cruente. I vaccini immuno contraccettivi, già oggetto di sperimentazione (ancora in corso) finanziata dallo Stato, sarebbero in grado di bloccare la fertilità degli individui per un periodo che può arrivare fino a 6 anni. Il farmaco, secondo quanto sottolinea la
Dott.ssa Giovanna Massei, dell'Università di York che sarà ospitata durante il convegno, potrebbe essere somministrato in qualsiasi momento del ciclo riproduttivo, senza particolari conseguenze. 

L'obbiettivo dell'evento è riunire le diverse istanze per provare a mettere per iscritto - come dichiara una delle organizzatrici, la Dott.ssa Filomena Montemurro - una procedura che possa essere adottata e finanziata dagli organi di Governo Regionale. L’iniziativa ha avuto il sostegno dell’Amministrazione Comunale e della Regione Basilicata, negli Assessorati all’Ambiente e all’Agricoltura, con il Patrocinio del Ministero della Salute, Dipartimento della Sanità Animale, della FNOVI (Federazione Nazionale Medici Veterinari Italiani), ANMVI (Associazione Nazionale Medici Veterinari Italiani), ISPRA (Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale), OMSA (Organizzazione Mondiale della Salute Animale), degli Istituti Zooprofilattici delle Marche/Umbria, della Toscana/Lazio e di Portici, oltre all’Università di Bari, Dipartimento di Medicina Veterinaria e dell’UNIBAS.
 
Tradotto, si tratta di chiedere ulteriori fondi per avviare una nuova sperimentazione del farmaco GonaCon o affini, attualmente, a quanto ci risulta, non disponibili nella forma orale, l'unica che potrebbe teoricamente avere risultati tangibili su grande scala. Il progetto ministeriale affidato agli Istituti Zooprofilattici del centro Italia mira proprio alla ricerca di questo sacro Graal, che come giustamente la Massei e altri mettono per iscritto in un recente studio sul tema (2020), potrebbe, solo se combinato alla caccia (o comunque al controllo faunistico classico) dare risultati efficaci in tempi brevi. Si legge infatti nello studio: "presupponendo che lo sforzo di aggiungere il controllo della fertilità all’abbattimento sia risultato economicamente vantaggioso in termini di riduzione della popolazione, questi due metodi dovrebbero essere utilizzati simultaneamente se è necessaria una rapida diminuzione del numero di cinghiali per una popolazione chiusa".


Leggi tutte le news

4 commenti finora...

Re:Contenimento farmacologico cinghiali. In Basilicata un progetto sperimentale

Invece di pensare ai lupi ai cinghiali e agli orsacchiotti spendete i soldi in prevenzione ,poi succede l'alluvione come in Toscana e in emilia

da Lella 08/11/2023 23.36

Re:Contenimento farmacologico cinghiali. In Basilicata un progetto sperimentale

Deficenti. Il farmaco entra così nella catena alimentare con effetti imprevedibili. Vergognoso che ISPRA avvalli la cosa. Per tale ragione il grande Danilo Mainardi si era dichiarato contrario all'uso di mangimi anticoncezionali per il controllo dei colombi di città a Venezia.

da Voltaire 08/11/2023 18.58

Re:Contenimento farmacologico cinghiali. In Basilicata un progetto sperimentale

Il solito magna magna. Mazzette da spartire e basta. Il gioco preferito degli italiani fannulloni- Creare emergenze è il passatempo preferito per accaparrarsi finanziamenti. Il cinghiale sterilizzato causa comunque danni e incidenti. Sono troppi e di difficile gestione? Si vuole veramente uscire dall’emergenza? Altro che pillole antifecondative, stricnina e piombo costa poco e di rapida e sostanziale efficacia. C’è solo un piccolo problema ma purtroppo insormontabile quello dei papponi incalliti e di quelli, se ne trovano in tutto i settori, purtroppo. Fino e che non ci sarà la soppressione di questi individui, il cinghiale con la sua emergenza godrà di infinita salute.

da serpico 08/11/2023 11.56

Re:Contenimento farmacologico cinghiali. In Basilicata un progetto sperimentale

Il progetto mira ad ottenere FINANZIAMENTI DALLO STATO. L’ iniziativa ha avuto il sostegno di : SEGUE ELENCO . Tradotto si tratta di chiedere ulteriori fondi da dividersi …….. W L’ ITALIA

da Arturo 08/11/2023 8.08