Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Ricette | Le bottiglie | Ristoranti | Libri | Indirizzi | Archivio Scempi | I Funghi | Tartufi e funghi |
 Cerca
Toscana occorrono risorse per danni da fauna selvaticaLombardia: altri 200 mila euro per contenere le nutrieAnimalisti: pochi e litigiosiLombardia: convenzione con i Carabinieri per presidio territorioBolzano: lasciate due pecore sbranate davanti all'assessoratoM5S, Roma "problema cinghiali di competenza regionale"Ministro Costa: “non ho inaugurato il bistecca day”Roma: cinghiali tra i rifiuti, a due passi dalle scuolePapa critica coppie senza figli con cani e gattiDue italiani su tre dicono addio alla dieta veganFondazione Una: premiati alunni per il concorso sulla biodiversità"Più risorse per i Cras". Assessore Mai sollecita Ministro CostaMinistero Salute: tumori infantili in aumento nelle zone inquinateIn Campania finanziato progetto per sterilizzare i cinghialiAnche il Veneto chiede l'abbattimento del lupoTrentino, un disegno di legge per poter abbattere i lupiCras: affidato il servizio per la provincia di ParmaBayer e Monsanto si fondonoGrandi carnivori. Face chiede all'Ue di abbassare livelli di protezioneCagliari: uomo ucciso da cinghiale nel suo terrenoTrento: Giunta vara decreto per la gestione di orsi e lupiToscana: 5 milioni di euro dalla Regione per il Padule di FucecchioM5S: con Costa l'ambiente al primo postoAcque reflue: maxi multa per l'Italia Virginia Raggi, le rondini e le zanzareLo Stato deve al mondo agricolo mezzo miliardo di euroToscana, regolamento per limitare l'uso dei pesticidiYellowstone: riapre la caccia al grizzlyRecupero fauna Pisa: firmata convenzione Regione - Legambiente

News Natura

Stambecchi colpiti dalla rogna. La strategia del Parco? Non intervenire


venerdì 1 settembre 2017
    

Sono una decina, per il momento, gli stambecchi trovati morti all'interno del Parco nazionale delle Dolomiti bellunesi. La colpa è della rogna sarcoptica, malattia causata da un acaro che si trasmette di capo in capo, e che porta ad una morte lenta e atroce l'animale.
 
All'interno del Parco, dice su Repubblica.it Enrico Vettorazzo, un funzionario dell'area protetta, la rogna è comparsa una decina di anni fa. All'inizio circoscritta nella zona intorno al monte Schiara, si è diffusa gradualmente in tutto il Parco. Si propaga abbastanza velocemente (circa 7 km all’anno) e il suo impatto sulle popolazioni di animali selvatici soprattutto camosci appunto e stambecchi, è all’inizio devastante. Poi - dicono dal Parco - a lungo andare gli animali sviluppano una certa resistenza a questo acaro e quindi sopravvivono”.
 
La strategia dunque, come spiega Enrico Vettorazzo, funzionario tecnico dell'area protetta, è quella di non intervenire. “Visto che è una malattia endemica abbiamo avviato negli anni una collaborazione con l’università di Ferrara per capire quale sia il gene che determina la resistenza a questo acaro nei camosci che sopravvivono. Negli ultimi 10 anni abbiamo inviato 113 campioni di tessuto muscolare di esemplari di ungulati all’università. Lo scopo è quello di capire quali animali hanno un carattere genetico resistente e quali no”.

I funzionari sono costretti anche ad ammettere che ad oggi "non è arrivato alcun risultato dall’Emilia, ma i prelievi (di campioni) continuano, sia dove ci sono casi di rogna, sia dove non ci sono e sia dove l’acaro è già passato, lasciando una popolazione immunizzata". La gestione venatoria, a questo punto è d'obbligo farlo presente, con la caccia di selezione, evita anzitutto le inutili sofferenze di questi animali ma soprattutto permette di fermare all'origine il propagarsi di una simile inutile infezione e di tutte le conseguenze che possono insorgere.

Leggi tutte le news

4 commenti finora...

Re:Stambecchi colpiti dalla rogna. La strategia del Parco? Non intervenire

Non intervenire è la strategia migliore che si possa adottare. In fin dei conti può solo portare a migliorare la specie! I deboli soccombono ed i capi più restistentie si riproducono! Uno dei concetti base che insegnano ai corsi di caccia di selezione e rilevatore biometrico. Se non è vera selezione questa!!!

da Edoardo 04/09/2017 18.37

Re:Stambecchi colpiti dalla rogna. La strategia del Parco? Non intervenire

Cavolo e pensare che noi ferraresi ci teniamo tanto a far bella ....figura.

da Giulio 04/09/2017 13.46

Re:Stambecchi colpiti dalla rogna. La strategia del Parco? Non intervenire

E' la classica strategia della ns. classe dirigente! Di fronte ai problemi, non intervenire.

da Frank 44 01/09/2017 16.59

Re:Stambecchi colpiti dalla rogna. La strategia del Parco? Non intervenire

En' beh!?? Tutto nella norma ! I parchi devono portare soldi.....non problemi!

da Pupone romano 01/09/2017 16.44