Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Ricette | Le bottiglie | Ristoranti | Libri | Indirizzi | Archivio Scempi | I Funghi | Tartufi e funghi |
 Cerca
Toscana occorrono risorse per danni da fauna selvaticaLombardia: altri 200 mila euro per contenere le nutrieAnimalisti: pochi e litigiosiLombardia: convenzione con i Carabinieri per presidio territorioBolzano: lasciate due pecore sbranate davanti all'assessoratoM5S, Roma "problema cinghiali di competenza regionale"Ministro Costa: “non ho inaugurato il bistecca day”Roma: cinghiali tra i rifiuti, a due passi dalle scuolePapa critica coppie senza figli con cani e gattiDue italiani su tre dicono addio alla dieta veganFondazione Una: premiati alunni per il concorso sulla biodiversità"Più risorse per i Cras". Assessore Mai sollecita Ministro CostaMinistero Salute: tumori infantili in aumento nelle zone inquinateIn Campania finanziato progetto per sterilizzare i cinghialiAnche il Veneto chiede l'abbattimento del lupoTrentino, un disegno di legge per poter abbattere i lupiCras: affidato il servizio per la provincia di ParmaBayer e Monsanto si fondonoGrandi carnivori. Face chiede all'Ue di abbassare livelli di protezioneCagliari: uomo ucciso da cinghiale nel suo terrenoTrento: Giunta vara decreto per la gestione di orsi e lupiToscana: 5 milioni di euro dalla Regione per il Padule di FucecchioM5S: con Costa l'ambiente al primo postoAcque reflue: maxi multa per l'Italia Virginia Raggi, le rondini e le zanzareLo Stato deve al mondo agricolo mezzo miliardo di euroToscana, regolamento per limitare l'uso dei pesticidiYellowstone: riapre la caccia al grizzlyRecupero fauna Pisa: firmata convenzione Regione - Legambiente

News Natura

L'America riapre le frontiere ai trofei dallo Zimbabwe


martedì 11 luglio 2017
    

leone Dopo il bando, durato due anni, per l'importazione di trofei dallo Zimbabwe, l'Agenzia americana per la pesca e gli animali selvatici (USFWS) ha eliminato il divieto di importare trofei di caccia dallo stato africano. Il tutto era scaturito dalle pressioni animaliste a seguito dell'uccisione del leone Cecil, del Parco nazionale di Hwange, ad opera del dentista americano Walter Palmer.
 
La pressione mediatica mondiale era stata tale da spingere il governo degli Stati Uniti ad imporre un assurdo divieto sui trofei. Un modo spiccio e populista di rispondere ai tanti che non hanno dimestichezza con i principi della caccia legale africana, che, come dimostrato ampiamente, serve a tutelare gli animali protetti nelle riserve garantendo entroiti consistenti a favore delle azioni di protezione dal bracconaggio. Il fatto che il divieto sia stato rimosso, dimostra che la decisione non aveva in realtà alcun fondamento logico. Tanto più che l'autore del misfatto non è stato penalmente perseguibile, perchè aveva tutti i permessi in regola per cacciare un leone dove ha abbattuto il famoso Cecil.

Il divieto è stato un danno economico per lo Zimbabwe, che ha visto crollare il numero dei cacciatori americani. Le entrate si sono fermate a 70 milioni di dollari, stando ai dati comunicati dal Ministro dell'Ambiente dello Zimbabwe. Il permesso per abbattere un leone, il trofeo più ambito, può arrivare a costare anche 50 mila dollari. 

Leggi tutte le news

0 commenti finora...