HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Ricette | Le bottiglie | Ristoranti | Libri | Indirizzi | Archivio Scempi | I Funghi | Tartufi e funghi |
  Cerca
Federparchi: ecco come cambia il testo della 394 Agricoltori: siccità, danni già per un miliardo di euro Ispra: il consumo di suolo rallenta ma non si ferma Lo sciacallo in espansione in Italia? Al Senato primo passo verso l'abolizione degli animali nei circhi Ambientalisti: la Camera bocci la riforma sui Parchi No Vegan: è il momento della controinformazione "Le aragoste provano dolore", condannato ristoratore fiorentino Trento chiede la possibilità di rimozione dei lupi dannosi In Australia gli ambientalisti alla guida della più grande eradicazione di gatti e volpi Corte Europea: no alla denominazione "latte" per prodotti vegetali Fruttariano a Cruciani “mangiare pasta è un delitto, si uccidono semi di grano” In Umbria stanziati quasi 7 milioni per interventi in aree naturali Coldiretti lancia la campagna No Vegan: “Il 95% degli italiani mangia carne” E' il Piemonte la Regione con la maggior superficie di boschi Nell'ambra conservato uccello di 100 milioni di anni Romano (M5S) "no agli abbattimenti, le nutrie sono molto amate" Onorificenza per meriti ambientalistici a Franco Zunino Veneto. Eradicazione cinghiali: 200mila euro dalla Regione al Parco Colli Euganei Ispra, l'istituto è in crisi: protestano i dipendenti Presentati dati di Life WolfAlps: in Piemonte vivono 151 lupi Il 5 giugno si festeggia la Giornata mondiale dell'Ambiente I Comuni toscani chiedono la riapertura del Piano lupo Sammuri gela l'ambientalista che vuole salvare i mufloni: "Il Parco non è uno zoo" Anche la caccia tra gli scatti in onore della Madre Terra Progetti LIFE: il 52% dedicato alla lotta contro le specie invasive "Fondazione UNA e Parco della Maremma insieme per valorizzare la biodiversità"

News Natura

Latte. Etichetta d'origine


giovedì 20 aprile 2017
    

Latte. Etichetta d'origine “Con l'entrata in vigore dell'obbligo di indicazione in etichetta dell’origine della materia prima dei prodotti lattiero caseari in Italia, come ad esempio il latte Uht, il burro, lo yogurt, la mozzarella, i formaggi e i latticini, si compie un passo in avanti nell'assicurare ai nostri consumatori un'informazione completa, trasparente e non distorsiva”. E' il commento del primo vice presidente della Commissione Agricoltura del Parlamento europeo Paolo De Castro al decreto voluto dal governo e autorizzato dall'Ue che introduce l'obbligo di indicazione dell'origine in etichetta per il latte. “Gli eurodeputati – prosegue De Castro – hanno adottato negli ultimi anni diverse risoluzioni sull’etichettatura del Paese di origine, ma dobbiamo continuare a lavorare per estendere l'obbligo europeo, al momento limitato a ortofrutta e ad alcune carni, ad altri settori in maniera progressiva”.

L'auspicio è che “la posizione degli altri Paesi europei che come l'Italia hanno mostrato interesse per l'etichettatura di origine o hanno già legiferato a livello nazionale – conclude l’europarlamentare – possa essere uno stimolo per arrivare ad una legislazione unica europea, come chiesto dal Parlamento europeo con il voto in plenaria, che rispetti la volontà dei cittadini di conoscere la provenienza dei prodotti agroalimentari”.

Leggi tutte le news

0 commenti finora...